Risultati da 1 a 8 di 8
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Roma
    Messaggi
    39,267
    Inserzioni Blog
    5

    Thumbs up Uruguay, La Rinascita Sudamericana nel segno della Sinistra!

    Uruguay, è l’ora dell’allegria: l'inimmaginabile governa
    di Fabrizio Casari
    28 Feb 2005

    Montevideo, 28 Febbraio 2005. L’Uruguay volta pagina ed entra nell’era dell’impensabile. Per la prima volta, in decenni di storia caratterizzati da un bipartitismo obbligato, figlio minore di una obbedienza dovuta al gigante del nord, l’antica “Svizzera dell’America latina” cambia volto. Tabarez Vasquez, Presidente del nuovo Uruguay, eletto alla testa di una coalizione di sinistra è da oggi alla guida del Paese. A felicitarlo in tanti, tantissimi, praticamente tutta la sinistra del continente, che vede l’Uruguay aggiungersi ad Argentina, Brasile, Venezuela, Panama, nel blocco democratico latinoamericano.

    Fidel Castro e Chavez, Lula e Kirchner, Torrijos, nessuno dei capi di Stato latinoamericani ha voluto disertare la festa del rinascimento uruguayo. Vicini a loro Daniel Ortega e Schafick Handal, Comandanti delle rivoluzioni compiute e di quelle mai vincitrici, amici solidali nei momenti difficili ed amici oggi, nel momento dell’allegria.

    Le strade di Montevideo sono attraversate da un’allegria euforica. Si respira aria di nuovo, il grande freddo e’ alle spalle. Tabarez Vasquez ha stravinto le elezioni perché era l’unico tra i candidati alla Presidenza lontano da qualsivoglia sospetto di corruzione.

    Medico, grande comunicatore, moderato ma dai tratti inequivocabilmente progressisti, ha portato l’Encuentro Progresista-Frente Amplio-Nueva Mayoria, sigla che riunisce più di quindici organizzazioni e partiti, alla vittoria al primo turno con una maggioranza schiacciante. Per la prima volta nella sua storia, dopo aver conquistato negli anni scorsi per due volte la capitale e numerose altre città, ora la sinistra governa il Paese. Non sarà un’impresa facile. L’Uruguay è allo stremo.

    Vittima designata delle politiche neoliberiste che avevano trasformato uno dei principali esportatori di carne in uno di primi importatori di fame. L’indice proteico della popolazione sfiorava i livelli di denutrizione, ma l’indice di gradimento del Fondo Monetario e di Washington nei confronti dell’osceno Battle non conosceva flessioni. I dati parlano chiaro: infatuato dal neoliberismo più sfrenato, il governo ha ridotto le capacità produttive del Paese al minimo e ha portato il debito estero a superare il Pil, peraltro ridotto al 50% rispetto al passato.

    Solo due i dati (amaramente coerenti tra loro) in crescita: disoccupazione a livelli storici e il triste ruolo di terzo paese al mondo (e primo in America latina) per numero di suicidi. Del resto, quando il 30% della popolazione, che comprende il 60% dei bambini, si colloca sotto la soglia di povertà, le strade non sono molte. O si sceglie di rovesciare il tavolo, o si resta a guardarlo senza aspettare più neanche le briciole che da quel tavolo cadono. Il governo uscente aveva proposto continuità: un tunnel chiamato modello.

    Tabarez Vasquez ha indicato la fine di quel modello per l’uscita dal tunnel. E ha vinto. Con un programma chiaro e netto: si cambia per davvero. Qui le cose e la politica si chiamano con il loro nome. Nessun neologismo, tanto meno in inglese. Confronto aspro, duro, senza esclusione di colpi. Le maschere vengono fuori a carnevale, il resto dell’anno le facce richiamano la storia e la storia racconta le facce. E tra quelle dei lavoratori e quelle dei banchieri la differenza risulta evidente, come i sogni che esprimono e le aspettative che contengono. Socialista qui vuol dire socialista, conservatore vuol dire conservatore, comunista vuol dire comunista.

    Le forze politiche non si nascondono: le battaglie sono in nome di diverse idealità, diversi progetti e programmi, diversi uomini e donne che li rappresentano. Non ci sono pentiti del passato per aspiranti cariche future. Non esistono “liberal”, la polarizzazione è chiara e netta. Monetarismo da un lato, economia sociale di mercato dall’altra. Più mercato da un lato, più Stato dell’altra. Chi vuole privatizzare si schiera a destra, chi vuole nazionalizzare per ridistribuire a sinistra.

    Chi crede nella costruzione dell’unità politica latinoamericana e nella sua integrazione economica si schiera a sinistra, chi ritiene che si debba procedere con l’obbedienza a Washington si schiera a destra. Non ci sono trattini tra democratici e progressisti, tra socialisti e comunisti. Il centro è un luogo delle idee, non una calamita di voti. Non ci sono case che ospitano sotto lo stesso tetto apparenti socialisti e ripuliti fascisti e a sinistra non ci sono egemonie esercitate sugli alleati a fronte di educati e rispettosi dialoghi con gli avversari. Ognuno sta con i suoi, con le sue idee, nel suo campo.

    E si può proporre l’indipendenza dagli Stati Uniti senza sentirsi definire antiamericani, si possono proporre ricette economiche antiliberiste senza sentirsi dare degli statalisti. Si puo’ proporre che il fisco sia progressivo, che i ricchi paghino e gli evasori siano perseguiti. Si puo’ affermare che i diritti sono un investimento in democrazia e che la fiscalita’ generale debba essere il principale strumento per l’ampliamento delle tutele senza essere definiti dinosauri dell’economia. Addirittura, sembrerà poco moderno, qui la sinistra fa la sinistra.

    Non tollera che in un Paese dove ci sono due vacche per ogni abitante il 60% dei bambini non abbiano latte e il consumo proteico degli animali sia superiore a quello delle persone. Chiede un altro modello economico, un'altra collocazione internazionale, propone priorità sociali e pensa al Pil guardando in faccia uomini e donne privi di tutto. Cerca di tenere insieme il giusto e il possibile. Pensa alla rinascita del suo Paese attraverso l’unità degli ultimi con i penultimi. Ricolloca le terre di mezzo che a volte dividono le persone e gli affari, non confonde diritti con privilegi e non pensa di ridurre i primi e perdonare i secondi. Chi crede alla libertà assoluta negli affari quale termometro esclusivo della libertà di una nazione, lo dice senza infingimenti. E si schiera a destra.

    Chi pensa che la libertà riguardi gli amici e per gli altri ci sia solo la tolleranza zero, non nasconde nemmeno il suo passato, figuriamoci il presente. Succede anche che la sinistra di oggi sia diversa da quella passata quando, ospite controvoglia di galere ed esilio, imparò l’arte di resistere e cambiarsi per vincere e cambiare. Alcuni dei suoi capi Tupamaros, presiedono da qualche giorno Camera e Senato. Il più votato tra i votati, Pepe Mujica, antico capo guerrigliero, non ha partecipato a nessuna abiura pubblica, non mette sullo stesso piano torturatori e torturati degli anni della dittatura e non rilascia interviste per ritmare a tempo di strappi l’addio alle idee che tanto sangue costarono. Finita la dittatura, contro la quale si misurò in armi, venne la democrazia, con la quale si è misurato in voti. E ha vinto.

    L’inimmaginabile governa.

    L’ambasciata degli Stati Uniti, alla vigilia dell’insediamento di Tabarez, ha dato un ricevimento in onore dei congressmen statunitensi giunti a Montevideo per le celebrazioni. Pepe Mujica, neo Presidente del Senato, non figurava tra gli invitati. Devono aver considerato imbarazzante avere un ex-Tupamaro in mezzo a tante figure distinte in quella residenza che per decenni è stata la vera casa di governo. Pepe ha cenato bene lo stesso.

    Il cibo amaro stavolta era servito in ambasciata. Fuori si è cenato ad allegria...

    Fabrizio Casari
    redazione@reeporterassociati.org

  2. #2
    Per l'unità dei comunisti.
    Data Registrazione
    13 Jun 2004
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,842

    Predefinito

    L'america latina è unita nel contrastare il neoliberismo. Si sveglierà in questo la sinistra italiana?
    Emanuele

  3. #3
    Bestia in via d'estinzione...
    Data Registrazione
    21 Apr 2004
    Località
    "Molti canti ho sentito nella mia terra natìa, canti di gioia e di dolor. Ma uno mi s' è inciso a fondo nella memoria ed è il canto del comune lavorator"...spettrale residuo di quegli estatici giorni rivoluzionari!
    Messaggi
    6,997

    Predefinito

    In origine postato da LeleRm
    L'america latina è unita nel contrastare il neoliberismo. Si sveglierà in questo la sinistra italiana?
    E' vero, nell' america latina si è diffusa la voglia di cambiare, ma seriamente! Da noi, caro lelerm, ho paura che finchè ci saranno persone favorevoli a blair e liberismo, credo proprio di no!

  4. #4
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    26 Aug 2013
    Messaggi
    14,308

    Predefinito

    In origine postato da Eegol
    E' vero, nell' america latina si è diffusa la voglia di cambiare, ma seriamente! Da noi, caro lelerm, ho paura che finchè ci saranno persone favorevoli a blair e liberismo, credo proprio di no!:(
    Penso che il sistema politico italiano si stia sempre piu' avvicinando a quello statunitense con i repubblicani espressione del " capitale soddisfatto " ( vedi CdL ) mentre il CsX rappresenta sempre meglio una edizione italiana dei " democratici " e cioe' il " capitale insoddisfatto " .

    Lo vedete in una zona politicamente importante come Milano con il candidato anti Formigoni Riccardo Sarfatti imprenditore di successo.Gia' accadde a Trieste con Illy quello del caffe'.

    Ma ci sono anche altri esempi.Cambiare tutto perche' tutto resti come prima ! Prodi al posto del Principe di Salina !

    Rifondazione e Cossutta dovranno recitare la parte per dare una lustratina rossa al loro schieramento cosi' tanto per esigenze di............copione !

    Chi rompera' loro le uova nel paniere FORSE ?

  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    06 Jun 2009
    Messaggi
    15,872

    Predefinito Re: Uruguay, La Rinascita Sudamericana nel segno della Sinistra!

    In origine postato da danny78
    Uruguay, è l’ora dell’allegria: l'inimmaginabile governa
    di Fabrizio Casari
    28 Feb 2005

    Montevideo, 28 Febbraio 2005. L’Uruguay volta pagina ed entra nell’era dell’impensabile. Per la prima volta, in decenni di storia caratterizzati da un bipartitismo obbligato, figlio minore di una obbedienza dovuta al gigante del nord, l’antica “Svizzera dell’America latina” cambia volto. Tabarez Vasquez, Presidente del nuovo Uruguay, eletto alla testa di una coalizione di sinistra è da oggi alla guida del Paese. A felicitarlo in tanti, tantissimi, praticamente tutta la sinistra del continente, che vede l’Uruguay aggiungersi ad Argentina, Brasile, Venezuela, Panama, nel blocco democratico latinoamericano.

    Fidel Castro e Chavez, Lula e Kirchner, Torrijos, nessuno dei capi di Stato latinoamericani ha voluto disertare la festa del rinascimento uruguayo. Vicini a loro Daniel Ortega e Schafick Handal, Comandanti delle rivoluzioni compiute e di quelle mai vincitrici, amici solidali nei momenti difficili ed amici oggi, nel momento dell’allegria.

    Le strade di Montevideo sono attraversate da un’allegria euforica. Si respira aria di nuovo, il grande freddo e’ alle spalle. Tabarez Vasquez ha stravinto le elezioni perché era l’unico tra i candidati alla Presidenza lontano da qualsivoglia sospetto di corruzione.

    Medico, grande comunicatore, moderato ma dai tratti inequivocabilmente progressisti, ha portato l’Encuentro Progresista-Frente Amplio-Nueva Mayoria, sigla che riunisce più di quindici organizzazioni e partiti, alla vittoria al primo turno con una maggioranza schiacciante. Per la prima volta nella sua storia, dopo aver conquistato negli anni scorsi per due volte la capitale e numerose altre città, ora la sinistra governa il Paese. Non sarà un’impresa facile. L’Uruguay è allo stremo.

    Vittima designata delle politiche neoliberiste che avevano trasformato uno dei principali esportatori di carne in uno di primi importatori di fame. L’indice proteico della popolazione sfiorava i livelli di denutrizione, ma l’indice di gradimento del Fondo Monetario e di Washington nei confronti dell’osceno Battle non conosceva flessioni. I dati parlano chiaro: infatuato dal neoliberismo più sfrenato, il governo ha ridotto le capacità produttive del Paese al minimo e ha portato il debito estero a superare il Pil, peraltro ridotto al 50% rispetto al passato.

    Solo due i dati (amaramente coerenti tra loro) in crescita: disoccupazione a livelli storici e il triste ruolo di terzo paese al mondo (e primo in America latina) per numero di suicidi. Del resto, quando il 30% della popolazione, che comprende il 60% dei bambini, si colloca sotto la soglia di povertà, le strade non sono molte. O si sceglie di rovesciare il tavolo, o si resta a guardarlo senza aspettare più neanche le briciole che da quel tavolo cadono. Il governo uscente aveva proposto continuità: un tunnel chiamato modello.

    Tabarez Vasquez ha indicato la fine di quel modello per l’uscita dal tunnel. E ha vinto. Con un programma chiaro e netto: si cambia per davvero. Qui le cose e la politica si chiamano con il loro nome. Nessun neologismo, tanto meno in inglese. Confronto aspro, duro, senza esclusione di colpi. Le maschere vengono fuori a carnevale, il resto dell’anno le facce richiamano la storia e la storia racconta le facce. E tra quelle dei lavoratori e quelle dei banchieri la differenza risulta evidente, come i sogni che esprimono e le aspettative che contengono. Socialista qui vuol dire socialista, conservatore vuol dire conservatore, comunista vuol dire comunista.

    Le forze politiche non si nascondono: le battaglie sono in nome di diverse idealità, diversi progetti e programmi, diversi uomini e donne che li rappresentano. Non ci sono pentiti del passato per aspiranti cariche future. Non esistono “liberal”, la polarizzazione è chiara e netta. Monetarismo da un lato, economia sociale di mercato dall’altra. Più mercato da un lato, più Stato dell’altra. Chi vuole privatizzare si schiera a destra, chi vuole nazionalizzare per ridistribuire a sinistra.

    Chi crede nella costruzione dell’unità politica latinoamericana e nella sua integrazione economica si schiera a sinistra, chi ritiene che si debba procedere con l’obbedienza a Washington si schiera a destra. Non ci sono trattini tra democratici e progressisti, tra socialisti e comunisti. Il centro è un luogo delle idee, non una calamita di voti. Non ci sono case che ospitano sotto lo stesso tetto apparenti socialisti e ripuliti fascisti e a sinistra non ci sono egemonie esercitate sugli alleati a fronte di educati e rispettosi dialoghi con gli avversari. Ognuno sta con i suoi, con le sue idee, nel suo campo.

    E si può proporre l’indipendenza dagli Stati Uniti senza sentirsi definire antiamericani, si possono proporre ricette economiche antiliberiste senza sentirsi dare degli statalisti. Si puo’ proporre che il fisco sia progressivo, che i ricchi paghino e gli evasori siano perseguiti. Si puo’ affermare che i diritti sono un investimento in democrazia e che la fiscalita’ generale debba essere il principale strumento per l’ampliamento delle tutele senza essere definiti dinosauri dell’economia. Addirittura, sembrerà poco moderno, qui la sinistra fa la sinistra.

    Non tollera che in un Paese dove ci sono due vacche per ogni abitante il 60% dei bambini non abbiano latte e il consumo proteico degli animali sia superiore a quello delle persone. Chiede un altro modello economico, un'altra collocazione internazionale, propone priorità sociali e pensa al Pil guardando in faccia uomini e donne privi di tutto. Cerca di tenere insieme il giusto e il possibile. Pensa alla rinascita del suo Paese attraverso l’unità degli ultimi con i penultimi. Ricolloca le terre di mezzo che a volte dividono le persone e gli affari, non confonde diritti con privilegi e non pensa di ridurre i primi e perdonare i secondi. Chi crede alla libertà assoluta negli affari quale termometro esclusivo della libertà di una nazione, lo dice senza infingimenti. E si schiera a destra.

    Chi pensa che la libertà riguardi gli amici e per gli altri ci sia solo la tolleranza zero, non nasconde nemmeno il suo passato, figuriamoci il presente. Succede anche che la sinistra di oggi sia diversa da quella passata quando, ospite controvoglia di galere ed esilio, imparò l’arte di resistere e cambiarsi per vincere e cambiare. Alcuni dei suoi capi Tupamaros, presiedono da qualche giorno Camera e Senato. Il più votato tra i votati, Pepe Mujica, antico capo guerrigliero, non ha partecipato a nessuna abiura pubblica, non mette sullo stesso piano torturatori e torturati degli anni della dittatura e non rilascia interviste per ritmare a tempo di strappi l’addio alle idee che tanto sangue costarono. Finita la dittatura, contro la quale si misurò in armi, venne la democrazia, con la quale si è misurato in voti. E ha vinto.

    L’inimmaginabile governa.

    L’ambasciata degli Stati Uniti, alla vigilia dell’insediamento di Tabarez, ha dato un ricevimento in onore dei congressmen statunitensi giunti a Montevideo per le celebrazioni. Pepe Mujica, neo Presidente del Senato, non figurava tra gli invitati. Devono aver considerato imbarazzante avere un ex-Tupamaro in mezzo a tante figure distinte in quella residenza che per decenni è stata la vera casa di governo. Pepe ha cenato bene lo stesso.

    Il cibo amaro stavolta era servito in ambasciata. Fuori si è cenato ad allegria...

    Fabrizio Casari
    redazione@reeporterassociati.org
    Se riusciranno a contrastare sullo stesso campo gli Usa (e getta) che comandano il mondo seppure abbiano perso,in quanto il mondo e' una catastrofe, ovvero il capitalismo e il liberismo, e cioe' se riusciranno a fare cio' che ha in testa Lula e non solo lui, ovvero una congregazione economica dell'America Latina sganciandosi cosi' dai nazisti sfruttatori per gli Usa sara' un secondo tassello che verra' a mancare (ricordo che gli usa l'euro non lo volevano).
    Se poi ci mettiamo che la CIna superera' presto tutto, vedo per gli usa un futuro dimiseria, e per il sud america una rinascita, ricordo che all'inizio del secolo solo l'Argentina era la 5° potenza industriale mondiale.
    L'America latina decaduta sotto i diktat e le forcaiole porcherie degli usa si sta svegliando e sono certo che gli usa sappiano che non possono piu' fare come solo fino a poco tempo fa, perke hanno in giro un po troppi nemici e un po troppa guerra.

  6. #6
    eh?
    Data Registrazione
    21 Mar 2004
    Località
    quando non hai più niente, ti resta il futuro
    Messaggi
    4,515

    Predefinito

    Fabrizio Casari è il responsabile per l'America Latina del Partito Dei Comunisti Italiani.

  7. #7
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    06 Jun 2009
    Messaggi
    15,872

    Predefinito

    In origine postato da unitario
    Fabrizio Casari è il responsabile per l'America Latina del Partito Dei Comunisti Italiani.
    Ecco perke m'era piaciuto l'articolo!Bravo danny bella scelta...grazie gagno unitario per averlo riferito

  8. #8
    eh?
    Data Registrazione
    21 Mar 2004
    Località
    quando non hai più niente, ti resta il futuro
    Messaggi
    4,515

    Predefinito

    In origine postato da asti_sinistra
    ...grazie gagno unitario per averlo riferito

 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Services Managed By NextoDigital.com
Nextodigital




1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211