Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    09 Jun 2010
    Messaggi
    4,990

    Arrow Tutte le ragioni contro l'aborto. Manifesto

    Innanzitutto posto quanto affermato dalla dottrina cattolica.

    Dal catechismo cattolico (anno 1997):
    Art. n.2270: La vita umana deve essere rispettata e protetta in modo assoluto fin dal momento del concepimento. Dal primo istante della sua esistenza, l'essere umano deve vedersi riconosciuti i diritti della persona, tra i quali il diritto inviolabile di ogni essere innocente alla vita.
    «Prima di formarti nel grembo materno, ti conoscevo, prima che tu uscissi alla luce, ti avevo consacrato» (Ger 1,5).
    «Non ti erano nascoste le mie ossa quando venivo formato nel segreto, intessuto nelle profondità della terra» (Sal 139,15).
    Art. n.2271: Fin dal primo secolo la Chiesa ha dichiarato la malizia morale di ogni aborto provocato. Questo insegnamento non è mutato. Rimane invariabile. L'aborto diretto, cioè voluto come un fine o come un mezzo, è gravemente contrario alla legge morale:
    «Non uccidere il bimbo con l'aborto, e non sopprimerlo dopo la nascita».
    «Dio, padrone della vita, ha affidato agli uomini l'altissima missione di proteggere la vita, missione che deve essere adempiuta in modo degno dell'uomo. Perciò la vita, una volta concepita, deve essere protetta con la massima cura; e l'aborto come pure l'infanticidio sono abominevoli delitti».
    Art. n.2272: La cooperazione formale a un aborto costituisce una colpa grave. La Chiesa sanziona con una pena canonica di scomunica questo delitto contro la vita umana. «Chi procura l'aborto, se ne consegue l'effetto, incorre nella scomunica latae sententiae», «per il fatto stesso d'aver commesso il delitto» e alle condizioni previste dal diritto. La Chiesa non intende in tal modo restringere il campo della misericordia. Essa mette in evidenza la gravità del crimine commesso, il danno irreparabile causato all'innocente ucciso, ai suoi genitori e a tutta la società.
    (...)
    (FONTE: Catechismo della Chiesa Cattolica - Il quinto comandamento)

    Dall'Enciclica Evangelium vitae di Papa Giovanni Paolo II, anno 1995:
    (...) “È vero che molte volte la scelta abortiva riveste per la madre carattere drammatico e doloroso, in quanto la decisione di disfarsi del frutto del concepimento non viene presa per ragioni puramente egoistiche e di comodo, ma perché si vorrebbero salvaguardare alcuni importanti beni, quali la propria salute o un livello dignitoso di vita per gli altri membri della famiglia. Talvolta si temono per il nascituro condizioni di esistenza tali da far pensare che per lui sarebbe meglio non nascere. Tuttavia, queste e altre simili ragioni, per quanto gravi e drammatiche, non possono mai giustificare la soppressione deliberata di un essere umano innocente”. (...)
    (FONTE: Evangelium vitae: testo - IntraText SC)

    Pio XII, Discorso al “Fronte della Famiglia” e all'Associazione Famiglie Numerose, 1951:
    (...) “Se, per esempio, la salvezza della vita della futura madre, indipendentemente dal suo stato di gravidanza, richiedesse urgentemente un atto chirurgico, o altra applicazione terapeutica, che avrebbe come conseguenza accessoria, in nessun modo voluta né intesa, ma inevitabile, la morte del feto, un tale atto non potrebbe più dirsi un diretto attentato alla vita innocente. In queste condizioni l'operazione può essere considerata lecita, come altri simili interventi medici, sempre che si tratti di un bene di alto valore, qual è la vita, e non sia possibile di rimandarla dopo la nascita del bambino, né di ricorrere ad altro efficace rimedio”. (...)
    (FONTE: Chiarificazione sull'aborto procurato, 11 luglio 2009)

    Congregazione per la dottrina della Fede, Istruzione Dignitas Personae, settembre 2008:
    (...) Giova qui richiamare il criterio etico fondamentale espresso nell’Istruzione Donum vitae per valutare tutte le questioni morali che si pongono in relazione agli interventi sull’embrione umano: «Il frutto della generazione umana dal primo momento della sua esistenza, e cioè a partire dal costituirsi dello zigote, esige il rispetto incondizionato che è moralmente dovuto all’essere umano nella sua totalità corporale e spirituale. L’essere umano va rispettato e trattato come una persona fin dal suo concepimento e, pertanto, da quello stesso momento gli si devono riconoscere i diritti della persona, tra i quali anzitutto il diritto inviolabile di ogni essere umano innocente alla vita» (...)
    (FONTE: Dignitas Personae - Istruzione della Congregazione per la Dottrina della Fede)


    Ora posto punto per punto le ragioni contro l'aborto.
    L'aborto è un fatto di estrema gravità etica perché è l'uccisione di una persona innocente, persona nel suo stadio iniziale di vita. La persona é, come definiscono anche i dizionari, “ogni essere umano in quanto tale, senza distinzione di sesso, età e condizione”. La persona viene ad esistere con l'unione tra lo spermatozoo e l'ovulo e attraversa le seguenti fasi: zigote => embrione => feto => neonato => bambino => adolescente => giovane => adulto => anziano. Non si può fare finta che la vita della persona inizia in una fase intermedia come se prima non esistesse. Inoltre non c'è modo di stabilire con precisione inizio e fine di ogni fase, è un processo continuo che inizia con il costruirsi dello zigote proprio come afferma la Congregazione per la Dottrina della Fede. E' una questione di coerenza riconoscere che la vita della persona umana inizia col concepimento e finisce con la morte: se si difende la sacralità della persona umana lo si deve fare sempre, indipendentemente dall'età di questa persona, indipendentemente dal fatto che sia una persona allo stadio di zigote o di embrione, indipendentemente che sia dentro l'utero, fuori dall'utero, che sia una persona di 5 anni, di 20, 50 o 100 anni, indipendentemente dal fatto che sia una persona sana o disabile. Cosi come è considerato altamente immorale uccidere una vita umana innocente uscita dall'utero allo stesso modo la situazione non può cambiare qualitativamente se la vita umana innocente è ancora nell'utero. L'aborto non può diventare un diritto perché sarebbe un diritto di sopraffazione dei genitori (o di terze persone) sui propri figli non ancora nati ovvero non ancora usciti dall'utero ma gia vivi ed esistenti; perché sarebbe incoerente proibire l'uccisione della persona innocente fuori dall'utero e allo stesso tempo consentire l'uccisione delle persone innocenti ancora nell'utero materno.
    Anche nel caso estremo e delicato di malformazioni del nascituro la coerenza impone di proibirne l'uccisione: se la vita umana è sacra allora lo è anche in caso di persona malformata, disabile, malata o anziana. Terze persone non possono decidere di uccidere una vita umana altrui solo perché esse hanno la convinzione che tali vite menomate fisicamente non potranno essere felici o che tali vite non possano avere senso. Spetta al diretto interessato trovare la propria felicità e il proprio senso della vita, non a terze persone. La società e le persone che stanno attorno a persone menomate fisicamente hanno solo il dovere di tutelare la vita e aiutare coloro che sono in difficoltà, non possono decidere di ucciderle.
    Anche in altri casi limite, molto delicati, come per esempio le gravidanze a seguito di stupro non possono seguire un'altra logica: dal momento del concepimento c'è un'altra vita di una persona innocente e coerentemente se la vita delle persone innocenti è sacra allora non si può procedere con una uccisione tramite l'aborto.
    Occorre praticare estrema attenzione riguardo le gravidanze non desiderate ed occorre una educazione morale sociale che garantisca la percezione sociale del dramma etico dell'aborto. La donna che rimane incinta e non può svolgere la sua funzione di madre deve portare a termine la gravidanza e dare il bambino ai centri che si occupano di crescere i bambini abbandonati e darli in adozione. Dare in adozione un bambino è comunque meno grave che ucciderlo con l'aborto.
    La dottrina cattolica indica il giusto modello a cui bisogna tendere, indica anche come lecito il caso in cui l'aborto sia indirettamente necessario per salvare la vita della madre. L'aborto è una forma particolare di omicidio e pertanto la legge la deve proibire sebbene trattandolo in maniera diversa dagli altri casi di omicidio.
    Alcuni sostengono la folle idea che rendere lecito l'aborto contribuisce a farlo diminuire. Se è vietato dalla legge, se per abortire occorre ricorrere a macabri riti dalle mammane evidentemente questo scoraggia ulteriormente dal farlo: dove non arriva la propria morale almeno arriva la sofferenza pratica a ostacolare simili comportamenti. Come si può sostenere che gli aborti diminuiscono se si fornisce la possibilità di abortire in sane condizioni igieniche, gratuitamente e senza pericoli? E' assolutamente illogico e folle ma in alcuni Stati una certa massiccia falsa propaganda addirittura è riuscita a far credere al popolo questa falsità. Ci sono decine di crimini come l'omicidio, lo stupro, la rapina, la pedofilia, che continuano a esistere nonostante siano reati ma nessuno potrebbe mai pensare che legalizzandoli diminuirebbero. Questa è una deduzione logica che non ha bisogno di alcun dato statistico di conferma. I dati possono essere falsati in vari modi. L'aumento o la diminuizione del numero di aborti dipende da tanti fattori sociali, non solo al fatto che l'aborto è legale o illegale. Ad esempio il calo della povertà può essere un fattore che contribuisce a ridurre l'aborto. Anche una cultura che dà maggiore attenzione al significato dell'aborto può portare ad una certa diminuizione. E gli esempi simili sono decine. I pro-legalizzazione sfruttano questa complessità del problema, cercano falsamente di dimostrare che l'aborto diminuisce se legale, proprio perché fanno finta che il numero degli aborti non è influenzato da numerosi fattori. Sono dati falsi perché contraddicono la logica elementare.
    Ultima modifica di QUINTO; 14-11-10 alle 16:08

  2. #2
    ...
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    21,035
    Inserzioni Blog
    5

    Predefinito Rif: Tutte le ragioni contro l'aborto. Manifesto

    L’ecografia 4D mostra il feto per quello che è: ecco l’ultima arma dei pro-life.

    La 4D sta diventando un'arma potente nella lotta contro l'aborto. Sembra che il 90% delle donne che hanno in mente di abortire, cambino idea appena vedono cosa stanno sopprimendo.

    L’ecografia 4D mostra il feto per quello che è: ecco l’ultima arma dei pro-life.
    "Per tutto il pensiero occidentale, ignorare il suo Medioevo significa ignorare se stesso" - Étienne Gilson


    "Se commettiamo ingiustizia, Dio ci lascerà senza musica" - Cassiodoro.

 

 

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Services Managed By NextoDigital.com
Nextodigital




1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211