User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Forumista
    Data Registrazione
    08 Aug 2009
    Messaggi
    427
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito attenzione al belgio verso la secessione: situazione simile all'italia

    Belgio, i “leghisti” delle Fiandre
    puntano alla secessione


    Belgio, i “leghisti” delle Fiandrepuntano alla secessione | Alessio Pisanò | Il Fatto Quotidiano

    Dopo sei mesi di trattative, il partito separatista fiammingo N-VA e il partito socialista vallone PS non hanno trovato un accordo per formare il governo. Così il Paese è senza esecutivo da 223 giorni e rischia di dividersi in due Stati diversi. Intanto la crisi economica è sempre più grave e gli studenti scendono in piazza

    Quando il federalismo non basta. Il Belgio sta attraversando la crisi politica più lunga del vecchio continente e ora rischia la secessione: ben 223 giorni senza governo dalle elezioni dello scorso giugno. Battuto il precedente record europeo dell’Olanda (208 giorni nel 1977), adesso si guarda all’Iraq (289 giorni). In fondo alla classifica, l’outsider Costa d’Avorio con 55 giorni senza esecutivo.

    All’origine di tutto, la divisione tra il partito separatista fiammingo N-VA e il partito socialista vallone PS, incapaci di trovare un accordo dopo sei mesi di trattative. Sul piatto della bilancia questioni linguistiche, fiscali e di riforma dello Stato federale tra fiamminghi e valloni, una querelle mai risolta che ha raggiunto il suo culmine in questi giorni. Tanto che lo spauracchio della separazione del Paese non è più un’utopia. D’altronde proprio la secessione era un punto del programma elettorale del partito fiammingo N-VA, vincitore morale delle ultime elezioni grazie alla valanga di voti raccolti nelle Fiandre.

    Il Belgio è ufficialmente una monarchia costituzionale diventata stato federale nel 1993 a colpi di riforme volute dalla parte fiamminga, l’anima economicamente trainante del Paese dove vive la maggioranza della popolazione belga, si produce quasi il 60% del Pil e il tasso di disoccupazione è quasi un terzo di quello del sud. Sì perché anche se unito sulla cartina, il Belgio è fortemente diviso al suo interno: con ben tre comunità linguistiche (francofona, fiamminga e germanofona), il Paese è formato da tre regioni: le Fiandre a nord, la Vallonia a sud e la regione di Bruxelles-Capitale al centro. Proprio Bruxelles, e le sue ricchezze, sembrano rimasta l’unico collante di due comunità che farebbero volentieri a meno l’una dell’altra. Un paradosso, se si pensa che proprio il Belgio ospita la maggior parte delle sedi istituzionali di quell’Unione europea che cerca di unire sotto la stessa bandiera 27 Stati diversi.

    Sta di fatto che il fiammingo socialista Johan Vande Lanotte, incaricato da re Albert II di facilitare l’accordo tra i due partiti di maggioranza, ha gettato la spugna dopo il rifiuto di compromesso dei due maggiori partiti fiamminghi, l’N-VA e i cristiano-democratici del CD&V. “Si può portare il cavallo al fiume, ma non si può obbligarlo a bere”, ha dichiarato sconsolato Vande Lanotte. Nel dubbio di chi sia il cavallo, a pagare le spese dell’impasse politica è l’intero Paese: il debito pubblico belga ammonta a 340 miliardi di euro, il 100% del Pil, e con il Fondo monetario internazionale che ha già mostrato la sua preoccupazione e l´agenzia di rating Standard & Poor´s che ha minacciato di declassare il Belgio, il rischio di fare la fine della Grecia e dell’Irlanda si concretizza.

    Duro Elio Di Rupo, a capo del partito socialista vallone e di origini italiane: “Cominciamo a chiederci se l’obiettivo dell’N-VA sia portare di proposito il Paese dentro un vicolo cieco politico e a nuove elezioni creando un clima di accesa tensione tra le sue comunità”. Bart de Wever, il cosiddetto “leone delle Fiandre” e leader del partito separatista, si era detto “umiliato” dal rifiuto dei partiti francofoni alla sua proposta di compromesso, presentata lo scorso ottobre, che prevedeva una maggior autonomia regionale. Nonostante tutta la stampa belga (francofona e fiamminga) chiami i partiti alla responsabilità nazionale, Di Rupo resta pessimista: “De Wever cerca una scusa per distruggere lo stato federale e creare una Repubblica delle Fiandre”. Insomma, dopo il federalismo, la secessione.

    Intanto il popolo belga si prepara a scendere in piazza. Gli studenti universitari di Bruxelles hanno organizzato una grande manifestazione per domenica chiamata “Shame” (vergogna) per chiedere a gran voce la formazione di un governo, non importa di che colore. Ma le divisioni non mancano nemmeno qui, con il collettivo “La Belgique de Fiston” (Il Belgio del figliolo), che spinge per la non partecipazione al grido di “No Governement, Great Country” (Niente Governo, Grande Paese). E meno male che il motto del Belgio è “L’Unione fa la forza”.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    esterno alla massa
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    RDS
    Messaggi
    4,971
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Rif: attenzione al belgio verso la secessione: situazione simile all'italia

    ricordiamoci sempre di quel documento stilato dall'ente di studi strategici della CIA e che girò tra il 2002 e 2003 nei nostri vecchi forum e che ora è totalmente sparito da ogni motore di ricerca sul web - ma noi ce lo ricordiamo pefettamente: entro il 2012 molti stati europei cesseranno di esistere, il primo è il belgio e poi a seguire gli altri hefico:

  3. #3
    Redskin
    Data Registrazione
    05 Oct 2009
    Località
    Puteolano a Roma
    Messaggi
    2,041
    Mentioned
    18 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: attenzione al belgio verso la secessione: situazione simile all'italia

    Citazione Originariamente Scritto da uqbar Visualizza Messaggio
    ricordiamoci sempre di quel documento stilato dall'ente di studi strategici della CIA e che girò tra il 2002 e 2003 nei nostri vecchi forum e che ora è totalmente sparito da ogni motore di ricerca sul web - ma noi ce lo ricordiamo pefettamente: entro il 2012 molti stati europei cesseranno di esistere, il primo è il belgio e poi a seguire gli altri hefico:
    Speriamo che anche lo Stato italico cessi di esistere.
    Ormai sono arrivato al punto che se i settentrionali vogliono formalizzare la secessione (che nei fatti è già avvenuta), facciano pure.

    Ogni giorno che passa, sono più separatista.

 

 

Discussioni Simili

  1. Il Belgio verso la secessione
    Di Erlembaldo nel forum Lega
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 17-09-11, 09:06
  2. Reagireste male in una situazione simile?
    Di Oli nel forum Fondoscala
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 16-06-09, 22:44
  3. Belgio:Le Fiandre sempre + verso la secessione
    Di Dragonball (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 08-05-08, 11:34
  4. Belgio:Le Fiandre sempre + verso la secessione
    Di Dragonball (POL) nel forum Politica Estera
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-05-08, 22:53
  5. Scudo, Putin: Situazione Simile A Crisi Con Cuba
    Di il pescatore nel forum Politica Estera
    Risposte: 82
    Ultimo Messaggio: 02-11-07, 12:58

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226