User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9
  1. #1
    Una sola Patria
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Catania
    Messaggi
    12,978
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Modificare la bandiera siciliana!

    "Il simbolo della Trinacria (il triscele) è utilizzato ancora oggi per rappresentare altri Paesi e soggetti, tra cui l'isola di Man, nel Mare del Nord ma soprattutto ha origini ricollegabili alla mitologia con chiari riferimenti a varie divinità, in lampante antitesi con la cultura e l'essenza del Cristianesimo e dunque va rimosso dal gonfalone della Regione Siciliana".

    Il partito del governatore Lombardo chiede di cancellare il triscele dal simbolo della Trinacria e ha già avviato una raccolta di firme. Il vicepresidente del Consiglio comunale di Palermo Sandro Oliveri, dell'Mpa, ha illustrato l'iniziativa: "Vogliamo sensibilizzare i siciliani che credono profondamente nei valori cristiani ad unirsi in questa prima proposta. Naturalmente, seguiranno numerosi altri appuntamenti, utili a ripristinare e a mettere al centro della vita sociale i principi del cristianesimo, in un'epoca dove la secolarizzazione sta determinando un degrado morale sempre più marcato ed evidente, con un decadimento della vita sociale, politica ed economica. Nelle prossime settimane - conclude Oliveri - partirà la raccolta delle firme, che ha come obiettivo minimo il raggiungimento di 10 mila sottoscrittori, così come previsto dalla legge". Martedì prossimo i promotori manifesteranno davanti alla Presidenza della Regione, per chiedere al governatore Raffaele Lombardo di aderire.

    Via il triscele dal logo della Sicilia L'Mpa lancia la raccolta delle firme - Palermo - Repubblica.it


    A questo punto distruggiamo i monumenti arabi, i castelli normanni e tutto ciò che non è identificabile con la Sicilia!
    Ma che assurdità!! Pensassero a lavorare...
    La Vita è troppo breve per non essere Italiani!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Una sola Patria
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Catania
    Messaggi
    12,978
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Modificare la bandiera siciliana!

    Due leggine in sei mesi. Centonovantasette giorni in cui Sala d'Ercole non ha fatto onore all'eroe greco cui è intitolata. Anzi. Le fatiche dei parlamentari regionali sono al minimo storico. Dal cinque agosto - data in cui l'Ars diede il via libera alle norme sulla cremazione, sullo smaltimento delle carcasse animali e sugli sportelli multifunzionali - il viaggio è stato lento e neppure tanto esaltante: c'è stato spazio, a fine dicembre, giusto per un atto tecnico (la legge sull'esercizio provvisorio sino al termine di marzo) e per le disposizioni sulla stabilizzazione del precariato, parzialmente impugnate dal commissario dello Stato. Eccoli, i numeri di una paralisi che ha ragioni politiche e conseguenze pratiche. Ha, soprattutto i suoi costi: se si tiene conto solo delle indennità percepite nell'ultimo semestre dai non attivissimi deputati, si giunge alla conclusione che per ciascuna delle due leggi la collettività ha speso sei milioni di euro. Calcolo virtuale, certo. Però l'attuale fase di immobilismo ha pochi precedenti: l'unico, nella legislatura in corso, risale al 2009, quando in un arco di tempo inferiore (168 giorni, dal primo maggio al 13 ottobre) l'Ars approvò una sola legge.
    L'Assemblea ricade, insomma, in uno stato di malattia ciclico. Che nel passato ha prodotto a volte manifestazioni di protesta eclatanti: come quella di Sebastiano Gurrieri, un deputato della Margherita che nel 2002 acquistò alcuni spazi pubblicitari sui giornali per denunciare che veniva pagato per non lavorare. O come quella di Elio Galvagno, oggi parlamentare del Pd, che nel 2007 annunciò di volersi incatenare per attirare l'attenzione dei media sulla paralisi del parlamento. Il torpore dei legislatori è aumentato nell'attuale legislatura, caratterizzata da un violento scontro fra il governatore Lombardo e l'asse fra Udc (oggi Pid) e Pdl. Baldo Gucciardi, deputato del Pd che in passato parlò di "colleghi in crisi depressiva" per l'impotenza legislativa, che neppure stipendi da 11 mila euro netti al mesi riuscivano a curare, oggi dice che il problema "è tutto politico": "Le commissioni lavorano, ci sono leggi pronte per l'esame dell'aula che non vengono discusse", afferma Gucciardi. E il nodo principale, in questo momento, è la legge elettorale per gli enti locali che introdurrebbe il doppio voto, separato e distinto, per sindaco e consigliere comunale. Il Pd chiede che venga messo in cima all'ordine del giorno, l'opposizione resiste. Gli altri provvedimenti - in primis la legge sulla trasparenza e la semplificazione amministrativa - restano in coda.
    Antonello Cracolici, capogruppo dei democratici, accusa il presidente dell'Ars Francesco Cascio di non essere imparziale e fare invece il gioco del suo partito, il Pdl. Ieri sono volate parole grosse fra i due. Cascio ha detto che l'altro "è in preda a un delirio di onnipotenza e ha perso un'occasione per tacere". L'altro, Cracolici, ha risposto che "non si fa imbavagliare da nessuno". Un siparietto che non rallegra il clima pesante che da settimane si respira a Palazzo dei Normanni: "Toni così esasperati non si erano mai registrati, nel dibattito politico siciliano", dice proprio Cascio. "E i lavori d'aula - prosegue - inevitabilmente ne risentono". A sentire Gucciardi la paralisi è figlia anche "di una cattiva predisposizione dell'aula nei confronti di un governo tecnico". Prossimo appuntamento martedì: una nuova conferenza dei capigruppo tenterà di dare un'accelerazione ai lavori. Quasi una defibrillazione per un malato che non risponde. Alla fine l'unico sussulto di questa stagione rischia di rimanere il voto sulla riduzione del numero dei parlamentari, in nessun'altra regione folto come in Sicilia. Ma l'Ars ha detto no alla dieta. Non proprio il migliore spot, per l'Assemblea delle belle statuine.

    Sicilia, record dell'Ars solo due leggi in sei mesi - Palermo - Repubblica.it



    E certo! La priorità è cambiare la bandiera regionale!! Una necessità assoluta! :gluglu:
    La Vita è troppo breve per non essere Italiani!

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    30 Sep 2010
    Località
    Ovunque
    Messaggi
    9,402
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Modificare la bandiera siciliana!

    Citazione Originariamente Scritto da Italianista Visualizza Messaggio
    E certo! La priorità è cambiare la bandiera regionale!! Una necessità assoluta! :gluglu:

    L'ora delle decisioni irrevocabili! Un'ora segnata dal destino, batte sui cieli della nostra Patria!

    Cambiamo sta cazzo de bandiera e nun pensamoce ppiù.....

    iaociao:
    "Sarebbe anche simpatico, se non fosse nazista!" (Malandrina) :gluglu:


    "Al di là dell'approvazione o disapprovazione altrui!" :gluglu:

  4. #4
    Una sola Patria
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Catania
    Messaggi
    12,978
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Modificare la bandiera siciliana!

    Citazione Originariamente Scritto da Ottobre Nero Visualizza Messaggio
    L'ora delle decisioni irrevocabili! Un'ora segnata dal destino, batte sui cieli della nostra Patria!

    Cambiamo sta cazzo de bandiera e nun pensamoce ppiù.....

    iaociao:
    Ma anche no
    La Vita è troppo breve per non essere Italiani!

  5. #5
    Forumista senior
    Data Registrazione
    25 Jul 2009
    Località
    Campidano
    Messaggi
    3,215
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Modificare la bandiera siciliana!

    Comunicato del Progetto Nazionale
    Circoli Fiamma Futura Sicilia

    http://www.fiammafutura.net/2011/02/...=1298203503307

    Giu’ le mani dalla Trinacria!!!
    Pubblicato sabato, febbraio 12, 2011

    E’ tristemente nota in questi giorni la proposta del vicepresidente del Consiglio Comunale di Palermo, Sandro Oliveri, di rimuovere il simbolo della Trinacria dalle bandiere della Regione Sicilia.
    Il Circolo Fiamma Futura Sicilia per il Progetto Nazionale intende informare il vicepresidente Oliveri che quella del Triscele non è solo una simbologia pagana, ma ha dietro la storia della Sicilia, la nostra storia. Durante l'VIII secolo a.C., i Greci fondavano lungo le sponde del Mar Mediterraneo nuove città. Quando arrivarono in Sicilia, rimasero affascinati dalla prosperità dell’isola. Circumnavigandola, scoprirono che aveva una forma triangolare con tre punte, che oggi sono note come Capo Passero a sud, Capo Peloro a est e Capo Lilibeo a ovest. Il Triscele, a dire il vero, apparve sulla scena già prima della colonizzazione greca dell'isola. Ma furono i Greci per primi a chiamare l’isola Trinakìa (mutato nel tempo in Trinacrìa), dalla parola greca: trinacrios, a sua volto composto di treis (tre) e àkra (promontori). Da cui anche il vocabolo latino trìquetra (a tre vertici). La Triscele, in seguito, fu adottata dai greci come simbolo della Trinacria, termine che è rimasto come sinonimo di Sicilia.
    Esortiamo pertanto il vicepresidente e le istituzioni della Regione Sicilia tutte, prima di proporre delle assurdità che non hanno nessun fondamento, di informarsi da dove derivano certi simboli e tenere a mente che i loro incarichi dovrebbero essere volti alla risoluzione di ben più prosaiche – ma vitali - questioni, come ad esempio fornire servizi UTILI alla cittadinanza siciliana, continuamente svilita da un Governo che ci ha tolto tutto …
    VOLETE ANCHE PRIVARCI DELLA NOSTRA STORIA?
    NOI VIGILEREMO!

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Apr 2010
    Messaggi
    4,027
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Modificare la bandiera siciliana!

    Non sarà mai così, non ci toglieranno il nostro simbolo!


    Situazione assurda e grottesca :sofico:

  7. #7
    Forumista senior
    Data Registrazione
    25 Jul 2009
    Località
    Campidano
    Messaggi
    3,215
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Modificare la bandiera siciliana!

    Citazione Originariamente Scritto da Bisentium Visualizza Messaggio
    Comunicato del Progetto Nazionale
    Circoli Fiamma Futura Sicilia

    http://www.fiammafutura.net/2011/02/...=1298203503307


    Giu’ le mani dalla Trinacria!!!
    Pubblicato sabato, febbraio 12, 2011

    E’ tristemente nota in questi giorni la proposta del vicepresidente del Consiglio Comunale di Palermo, Sandro Oliveri, di rimuovere il simbolo della Trinacria dalle bandiere della Regione Sicilia.
    Il Circolo Fiamma Futura Sicilia per il Progetto Nazionale intende informare il vicepresidente Oliveri che quella del Triscele non è solo una simbologia pagana, ma ha dietro la storia della Sicilia, la nostra storia. Durante l'VIII secolo a.C., i Greci fondavano lungo le sponde del Mar Mediterraneo nuove città. Quando arrivarono in Sicilia, rimasero affascinati dalla prosperità dell’isola. Circumnavigandola, scoprirono che aveva una forma triangolare con tre punte, che oggi sono note come Capo Passero a sud, Capo Peloro a est e Capo Lilibeo a ovest. Il Triscele, a dire il vero, apparve sulla scena già prima della colonizzazione greca dell'isola. Ma furono i Greci per primi a chiamare l’isola Trinakìa (mutato nel tempo in Trinacrìa), dalla parola greca: trinacrios, a sua volto composto di treis (tre) e àkra (promontori). Da cui anche il vocabolo latino trìquetra (a tre vertici). La Triscele, in seguito, fu adottata dai greci come simbolo della Trinacria, termine che è rimasto come sinonimo di Sicilia.
    Esortiamo pertanto il vicepresidente e le istituzioni della Regione Sicilia tutte, prima di proporre delle assurdità che non hanno nessun fondamento, di informarsi da dove derivano certi simboli e tenere a mente che i loro incarichi dovrebbero essere volti alla risoluzione di ben più prosaiche – ma vitali - questioni, come ad esempio fornire servizi UTILI alla cittadinanza siciliana, continuamente svilita da un Governo che ci ha tolto tutto …
    VOLETE ANCHE PRIVARCI DELLA NOSTRA STORIA?
    NOI VIGILEREMO!
    http://www.siciliainformazioni.com/g...le-sicilia.htm

    Origini e simbolismo della Triscele di Sicilia

    Riceviamo e pubblichiamo un commento anonimo all'articolo "Proposta di legge per eliminare la Trinacria dalla bandiera regionale. La Sicilia rinnega le sue origini?".

    * * *

    Le origini della Trinacria (o Triscele) si perdono nella notte dei tempi. Questo simbolo antichissimo è già presente su alcune medaglie rinvenute in Cilicia, in Tracia, in Macedonia, in Francia, in fenicia, nell’isola di Creta, su molte monete di città greche (Eginia, Milo, Filunte), su alcuni vasi etruschi, ma soprattutto su alcune monete delle città siciliane di origine corinzia (Siracusa, Akre, Kasmene, Kamarina): e’ PROPRIO SU QUESTE MONETE CHE APPARE PER LA PRIMA VOLTA LA TESTA DELLA Medusa nel punto di congiunzione delle tre gambe (vedi ad esempio le monete fatte coniare da Agatocle di Siracusa).
    La Trinacria è la variante siciliana della Trischele (Trischelis in greco e Triqueta in latino), figura simbolica formata da tre gambe che si diramano da un centro comune e hanno i piedi rivolti nello stesso verso (da destra verso sinistra perché, come vedremo più avanti, rappresenta il movimento rotatorio del sole). La Triscelle, a sua volta, è analoga al " Triskell" di origine vikinga, simbolo formato da tre S a base triangolare, che è una varietà della doppia spirale celtica. La triscelle, inoltre, rappresenta simbolicamente il Triangolo che, dalla tradizione esoterica viene raffigurato con tre punti, corrispondenti ai tre angoli.
    Alla stessa famiglia della Trinacria appartiene la Swastika, con le sue molteplici varianti, simbolo risalente ad almeno 5.000 anni prima di Cristo e diffuso in aree vastissime (Europa, Africa, India, Cina, Giappone, Indonesia, America settentrionale, centrale e meridionale): La Swastika deriva dalla stilizzazione della ruota raggiata ed è un simbolo con molti significati, tutti riferentesi alla simbologia solare ed a quella del Principio divino. Lo stesso termine di Swastika deriva dal sanscritto "svasti", che vuol dire "salute e felicità".
    Secondo la tradizione la Swastika è dotata di poteri apotropaici (dal greco apotropaios, "che allontana" il male) e rappresenta la vittoria del Sole, donatore di vita e di luce, sulle tenebre e la mala sorte. Rappresenta altresì la ruota della vita, il movimento rotatorio della sfera celeste ed il continuo divenire delle vicende umane. In Occidente fu, per alcuni secoli, uno degli emblemi del Gesù Cristo (1).
    Quello che abbiamo detto a proposito della Swastika vale anche per la Trinacria, simbolo che appartiene alla stessa famiglia. Ma la Trinacria ha qualcosa di più e precisamente il simbolo del triangolo, del numero tre e quello della Medusa. Secondo la mitologia greca la Madusa è una delle tre Gorgoni (le altre due si chiamavamo Steno e Euriale) che dalla iconografia ufficiale viene generalemnte raffigurata con le seguenti caratteristiche: volto circolare, occhi spalancati, fronte bassa aggrondata, naso schiacciato, bocca aperta con denti sviluppati e ligua pendula. Inoltre la chioma è costituita da numerosissimi serpenti aggrovigliati. Nell'effige posta al centro della Trinacria, invece, non vi è nulla di tutto questo. Infatti il volto umano raffigura un volto femminile regolare, i serpenti sono soltanto quattro, avvolti a due a due in direzione apposta e, particolare interessante, ai lati del volto vi sono due ali di aquila.
    Cosa significa tutto questo ? Secondo il nostro punto di vista e tenendo presente il fatto che la Trinacria è un simbolo di origine greca e che la mitologia greca in buona parte da quella egizia, riteniamo più esatto interpretare il significato simbolico riferendoci all'esoterismo delle predette civiltà.
    Per quel che si riferisce al simbolismo del serpente, per esempio, è noto che, sia nella mitologia greca che in quella egizia, questo rettile rappresentava la capacità di rinascita e di ringiovanire, la continua metamorfosi della Natura, la vera palingenesi. In particolare i serpenti avvolti in direzione opposta rappresentavano il principio dualistico dell'Assoluto, la continua lotta fra il bene ed il male, l'alternarsi della luce e delle tenebre, il simbolo dell'eternità. Questo è quindi il significato del serpente che solo molto più taridi nel mondo ebraico-cristiano assumerà il valore di simbolo del diabolico.
    Resta adesso da chiarire il significato delle due ali di aquila poste ai due lati del volto femminile. Cosa rappresentano ? Ancora una volta dobbiamo ricorrere all'esoretismo greco-egizio per avere l'esatta intelligenza dei simboli. In questa chiave le ali di aquila rapresentano la forza vitale, il sentimento inteso come passione, la forza dello spirito che prevale sulla materia. Ma questo è solo uno dei significati esoterici della Gorgone. Essa in effetti, a causa di una trasposizione simbolica, assume un ulteriore significato esoterico rappresentando la trasfigurazione di Atene.
    Questo nostra interpretazione trova conferma nel volume "Mitologia Greca" di L.A. Stella (2) la quale a proposito della Gorgone così si esprime: "... Con la sua belluina faccia, spaventosa maschera ghignante dal satanico sguardo e dalla lingua sporgente, la testa recisa da Perseo: Gorgo, dallo sguardo malefico che impetra, è una concezione mitica vetustissima: Prima che la sua atroce maschera sogghigni con smorfia satanica, fra un selvaggio contorcersi di serpenti, dalle antefisse, dalle terrecotte e dai bronzi votivi di Siracusa, di Camarina, di Olimpia, nello VIII secolo a.C. il Gorgoneion del tempio geometrico di Dreros continua una tradizione mitico-figurativa che risale all'età del bronzo, ed ha i suoi precedenti nella Gorgone "minoica" di Mallia e Creta. Figura non solo del mito, ma del mondo religioso greco, da tempi preistorici, a metà del VI secolo campeggia ancora al centro del frontone di Paleopoli a Corfù...
    ...Sul finire dell'età arcaica, il Corgoneion per i Greci non è più se non il simbolo di Atena; cinge di invunerabile corazza il petto e le spalle della Parthenos ".
    Il simbolo di Atena. Ecco finalmente svelato il mistero. L'immagine posta al centro della Triscelle aveva dunque. come abbiamo già detto, questo preciso significato esoterico. Atena, divinità antichissima, apportatirice di civiltà, già venerata fin dall'età del bronzo. Nel mito ellenico Atena è la Parthenos, la Vergine, la "dea" per eccellenza. Nel corso dei secoli l'antico mito è venuto ad assumere il valore di un simbolo. Simbolo ed auspicio di pace, Atena rappresentava per i Greci dell'età classica, la vittoria della coraggiosa intelligenza sulla forza bruta, della civilità sulla barbarie. Insieme alla sua fedele compagna Nike, l'alata dea della Vittoria. Atena è sempre presente ovunque una giusta causa è in pericolo, dovunque vi siano da difendere popoli oppressi, sacrosanti diritti minacciati. Per questo la sua figura, solenne ed austera, nonostante il trascorso lento dei secoli, ha conservato fino ai nostri giorni un fascino innegabile.
    Restano adesso solo due aspetti per chiarire il complesso simbolismo contenuto nella Trinacria: sono relativi al trinagolo ed al numero tre.
    Secondo Jean de Pavilly (3) , illustre cultore di scienze esoteriche, i tre punti simboleggiano il triangolo. Nella tradizione mistico-religiosa esso è la rappresentazione della Trinità, concetto-base presente in quasi tutte le religioni (4). La Trinità, come è noto, simboleggia il perenne ciclo di energia cosmica che dall'Infinito ca al Finito e viceversa. In altre parole il tringolo è l'emblema dellEssere Supremo. Il Triangolo con il vertice in alto rappresenta il fuoco, la potenza celeste ed è simbolo della perfezione spirituale. A sua vola nella tradizione esoterica il Triangolo è la rappresentazione del "3 ", numero filosofico e sacro, numero di massima saggezza e della perfetta armonia, dell'abbondanza e della fertilità.
    Abbiamo visto fin qui, anche se sommariamente, come sia complesso ed interessante il siginificato simbolico della Trinacria e, concludendo queste note, desideriamo sottolineare il suo valore totemico, caratteristica questa di tutti gli elementi mitici silari.
    Il totemismo della Trinacria (5) affonda le sue radici nell'insieme dei concetti tradizionali tipiche del popolo siciliano, come ad esempio il culto degli antenati ed i miti delle origini. Come tale è al tempo stesso un simbolo mistico-religioso che si riallaccia direttamente alla religione originaria delle antiche tradizioni ed in particoare al significato delle divinità generatrici (6).
    ra queste ci riferiamo in primo luogo ai culti dionisiaci, diffusi in tutto il mondo panellenico e nell'Asia Minore. Ecco cosa scrive su Dionysos il Ramorino (7): "... Era il Dio del vino e della viticultura, ma in senso più generale rappresentava quell'energia della natura la quale, per effetto del calore e dell'umido, porta a maturità i fruti delle piante; era quindi una deità benefica per gli uomini e a lei si riferivano tutti i benefici dell'agiatezza, della cultura, dell'ordine morale e civile".
    Ancora una volata, quindi, si manifesta l'ultimo rapporto esistente tra il Mito e la Religione, essendo il Mito il nucleo originario di ogni credenza rligiosa e la Trinacria, sotto questo profilo, rivela un significato ben preciso: è un simbolo che evoca l'iddea di un'esperienza spirituale che si protrae nel tempo e che, a distanza di secoli, riesce a far rivivere, a far sentire nella più intima interiorità dell'individuo il rapporto che esiste fra l'uomo e l'essenza suprema della realtà che lo circonda.
    Proprio per questo e pur risalendo ad un'unica, lontanissima, misteriosa origine, i simboli hanno incalcolabile valore pratico anche nel tempo attuale, perchè riescono ad esprimere una sintesi di concetti ci valore assoluto, generale ed eterno.
    E' solo con lo studio approfondito dei simboli che potremo comprendere l'essenza delle cose.

    -------------------------------------------------------------------------------------
    Note:

    1) Cfr. René Guénon, Simboli della Scienza Sacra, Milano, Adelchi, 1975, oag.70 "...Lo swastika è lungi dall'essere un simbolo esclusivamente orientale come si crede talora; in realtà, è uno di quelli più generalmente diffusi, e lo si incontra qquasi dappertutto, dall'Estremo Oriente all'Estremo Occidente, poichè esiste persino tra certi popoli indigeni dell'America del Nord. Al giorno d'oggi, è conservato soprattutto nell'India e nell'Asia centrale e orientale , e probabilmente è solo in quelle regioni che se ne conosce il vero significato; tuttavia anche in Europa non è interamente scomparso; In Lituania e in Curlandia i contadini tracciano ancora questo segno e vi scorgono solo una specie di talismano protettore; ma la cosa forse più curiosa è che essi gli danno il suo nome sacro di swastika. Nell'antichità troviamo questo segno in particolare tra i Celti e nella Grecia pre-ellenica; e, sempre in Occidente, come ha detto Charbonneau-Lassay, esso fu anticamente uno delgi emblemi di Cristo, e restò in uso come tale fin verso la fine del Medio Evo. Come il punto al centro del cerchio e come la ruota, questo segno risale incontestabilmente alle ere preistoriche; e da parte nostra non esitiamo a scorgervi un vestigio della tradizione primordiale".

    2) Cfr. Luigia Achellea Stella, Mitologia Greca, Torino, U.T.E.T., 1956, pagg.502,503,504.

    3) Cfr.Jules Boucher, La Simbologia Massonica, Roma, Atanòr, 1975, pag.61.

    4) La Trinità non è una concezione propria alla sola religione cristiana. Ne citiamo qui di seguito alcuni esempi:
    Nell'induismo: la Trimurti, formata da Bruma (Creatore), Visnù (conservatorr), Siva (distruttore)
    Nella religione di Zoroastro: Ahura Mazda (il saggio Signore), Vohu Manah (il buon pensiero), Asha Vahishta (la perfetta giustizia).
    Nelle religioni dell'antico Egitto: la triade menfitica: (Phtah (padre), Schmet (madre), Nefertum (figlio).
    La triade osiridea: Osiride, Iside, Oro.
    La triade tebana: Ammone, Mut, Chonsu.

    5) Cfr. Natale Turco, Storia della Nazione Siciliana, Catania, C.S.S.S.S.., 1971, pag.1: "L'Isola trinagolare ha per vertici Capo Faro ad est, Capo Passero a sud e Capo Granitola ad ovest, donde il nome arcaico di Trinakìe e l'embrema totematico anario del viso alato al centro delle tre cosce falliche". E pag. 2: "La Triquetra, la testa mitica con tre gambe, è il simbolo della Sicilia fin dalla preistoria; all'origine fallicadi esso si sarebbe attribuito lo stesso significato religioso dato dalhi indigeni alla divinità generatrice".

    6) Oltre ai culti dionisiaci sono di grande rilievo i culti della dea Gereàtide e della dea.madre Kourotrhophos.

    7) Cfr. Felice Romarino, Mitologia classica, Milano, Hoepli, 1979, pag.194.
    Ultima modifica di Bisentium; 22-02-11 alle 08:26

  8. #8
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    29 Mar 2010
    Località
    Non Rompere il Cazzo :D
    Messaggi
    17,396
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Modificare la bandiera siciliana!

    Un simbolo ormai vecchio 3000 anni buttiamolo e mettiamoci la mela masticata, simbolo della apple, e' moderno e si collega con Adamo ed Eva
    Ultima modifica di Segesto II; 23-04-11 alle 00:48

  9. #9
    Forumista senior
    Data Registrazione
    04 Mar 2011
    Messaggi
    1,885
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Modificare la bandiera siciliana!

    Non sono siciliano, ma dovete assolutamente impedirglielo, non si può cancellare un simbolo così antico.....

 

 

Discussioni Simili

  1. Modificare messaggi
    Di Princ.Citeriore nel forum Fondoscala
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 14-10-10, 07:49
  2. Help: come modificare le immagini
    Di Jaki nel forum Supporto tecnico e news dall'Amministrazione
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 22-08-07, 13:39
  3. Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 29-05-06, 14:22

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226