User Tag List

Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 41
  1. #1
    Mistica Fascista
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    117,314
    Mentioned
    494 Post(s)
    Tagged
    22 Thread(s)

    Predefinito Ezra Pound non era fascista: polemica a distanza fra Casa Pound e Carancini

    martedì 8 marzo 2011

    Ezra Pound: fascista o revisionista?

    Il mio intervento di domenica sull’(indebita) appropriazione del nome di Ezra Pound da parte dei fasci di “CasaPound”[1] ha suscitato le risposte di due gentili lettori (fascisti) del mio blog, risposte che mi spingono ad un’ulteriore precisazione, stante l’indubbio interesse dell’argomento. La domanda è: Ezra Pound era fascista?


    Non proprio, a mio avviso, e provo a spiegare perché. Innanzitutto, non si può dire che Pound fosse antidemocratico e ostile alla democrazia in quanto tale. Non rimproverò a Roosevelt di essere fedele alla Costituzione americana, ma di averla violata. Cito a tal proposito un brano tratto dall’interessante libro di Piero Sanavio LA GABBIA DI POUND[2], relativo al soggiorno coatto al Gallinger Hospital (1945):


    “Sosteneva che aveva sempre voluto «salvare la Costituzione» e a ciò i medici: perché salvare la Costituzione? Da chi? E…l’aveva poi salvata? Ancora (i medici): capiva in che situazione si era ficcato? Si rendeva conto dei pericoli ai quali si era esposto? Sapeva cosa significasse…? A queste nuove domande Pound, invariabilmente esplodeva. Lo aveva scritto nei suoi libri, lo aveva detto da Radio Roma, cosa significasse «salvare la Costituzione»: governo del popolo, rappresentatività nel Congresso, lotta contro l’usura e le speculazioni sull’oro”.


    Un programma mi sembra, più da sincero democratico che da “fascista”.


    Secondo punto, dimenticato dai più (non solo dai fascisti): la grandiosa polemica di Pound contro l’usura, i banchieri (ebrei e non ebrei) e il bellicismo delle democrazie anglosassoni non riguarda solo la seconda guerra mondiale ma anche la prima. Prende infatti le mosse proprio dalle cause (e dagli esiti) di quest’ultima:


    “However, this optimism was brought to a premature end by the First World War which shattered Pound's belief in Western civilisation. His disillusionment is immediately apparent in the satire of Hugh Selwyn Mauberley. Most significantly though, the fall-out from the War prompted Pound to begin work on The Cantos, the epic sequence that was to occupy him for the rest of his life”[3].


    Traduzione: “Tuttavia, questo ottimismo finì prematuramente a causa della prima guerra mondiale, che distrusse la fede di Pound nella civiltà occidentale. La sua disillusione è immediatamente evidente nella satira di Hugh Selwyn Mauberley. Il dato più significativo è però che la ricaduta negativa della guerra spinse Pound a iniziare a lavorare sui Cantos, l’epica sequela che lo occupò per il resto della sua vita”.


    Alla luce di tutto ciò, ribadisco che chi, in nome di Ezra Pound, va a fare piazzate per un monumento come quello “alla Vittoria” di Bolzano mistifica e tradisce il retaggio del poeta.


    Ripeto: il fatto che a suo tempo Pound ammirasse Mussolini non è un motivo sufficiente per definirlo fascista. Fornirò un ulteriore motivo di riflessione, desunto dall’attualità. Prendiamo le rivolte in corso nei paesi africani. Confrontate al riguardo le posizioni di due noti giornalisti di quell’area genericamente definibile di “contro-informazione”. Intendo riferirmi a Maurizio Blondet e a Alberto Mariantoni.


    Confrontate, da un lato, gli articoli di Blondet “E se fosse una rivolta contro il capitalismo globale?”[4] e “La vera bomba atomica”[5] e, dall’altro, gli articoli di Mariantoni “Crisi libica o attacco all’Italia”[6] e “Tunisia e Egitto: Tutti contenti e coglionati”[7].


    Il paragone è ostacolato dal motivo squisitamente pratico che Blondet scrive su un sito a pagamento. Gli incipit dei due articoli sono però sufficienti a capire la diversità di impostazione. Per Blondet, l’attuale rivolgimento è, tendenzialmente, non solo globale – e, quindi, non riducibile alle sole popolazioni arabe – contro il capitalismo (anch’esso globale) ma anche, potenzialmente, anti-israeliano. Per Mariantoni, le rivolte in Egitto e Tunisia sono “taroccate”, e sono taroccate perché, evidentemente, chi si ribella non solo per il pane ma anche per i propri diritti non va preso sul serio. Nel migliore dei casi è un fesso e nel peggiore un provocatore.


    Blondet viene spesso definito dagli antifa e dai comunisti quale “fascista” o “clerico-fascista”. In realtà, Blondet è un cattolico sicuramente (molto) di destra ma non è “fascista”: è, appunto, “poundiano”. Un analista che può, incidentalmente (come fece Pound) elogiare certi aspetti sociali del fascismo ma che ad esso non è ascrivibile e questo per un motivo, tra quelli individuabili, molto semplice: perché non ne condivide il tipico disprezzo per le masse (“Governare gli italiani non è difficile, è inutile”, Benito Mussolini) quel disprezzo che invece nutre l’analisi pletoricamente erudita ma in fondo miope di quel vecchio fascistone neopagano di Mariantoni.


    Tornando a Pound: se proprio vogliamo trovargli una definizione, più che fascista io lo definirei proprio, guarda caso, revisionista. Revisionista nel senso originario del termine, quello a suo tempo ricordato da Serge Thion nella sua BREVE STORIA DEL REVISIONISMO[8]: “Coloro che ritenevano che il Trattato di Versailles fosse profondamente cattivo e ingiusto e che avrebbe dato luogo a catastrofi di ogni sorta…”Revisionista” voleva dunque dire critico della formula politica che poneva fine alla Grande Guerra e ai suoi orrori. Questa critica era contagiosa. Inevitabilmente essa conduceva alla messa in discussione delle ragioni dello scoppio della guerra”.


    Altro che monumento alla “Vittoria”!


    --------------------------------------------------------------------------------

    [1] Andrea Carancini: Ai fasci di "CasaPound": giù le mani da Ezra Pound!
    [2] Fazi Editore, 2005, pp. 39-40.
    [3] Canto 49 by Ezra Pound - Poetry Archive
    [4] Subscription Plans
    [5] Subscription Plans
    [6] Civium Libertas: Alberto B. Mariantoni: «Crisi libica o attacco all’Italia?»
    [7] Civium Libertas: Alberto B. Mariantoni: «Tunisia e Egitto: Tutti contenti e coglionati!»
    [8] http://www.vho.org/aaargh/fran/livre...revestoria.pdf

    fonte:
    Andrea Carancini: Ezra Pound: fascista o revisionista?
    Ultima modifica di Giò; 08-03-11 alle 13:17

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Mistica Fascista
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    117,314
    Mentioned
    494 Post(s)
    Tagged
    22 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ezra Pound non era fascista: facciamoci qualche risata....

    L'articolo che aveva scatenato la polemica:

    domenica 6 marzo 2011

    Ai fasci di "CasaPound": giù le mani da Ezra Pound!

    Leggo, sempre sul blog di Ugo Tassinari, che "CasaPound" si è mobilitata in difesa dell'"italianità" dell'Alto Adige (FascinAzione: Obiettivo Bolzano: continua la mobilitazione di CasaPound contro Bondi), presuntamente "umiliata" dalla decisione del ministro Bondi di ridimensionare il "Monumento alla Vittoria" e di rimuovere il monumento di "Mussolini a cavallo" (Bolzano. Accordo Svp-Bondi, i consiglieri comunali del Pdl si autosospendono - Il Gazzettino).

    Prima considerazione: dopo la guerra non ortodossa scatenata nei primi anni '60 in Sud Tirolo dai carabinieri e dai missini legati al generale De Lorenzo (di cui qui: LA RETE PARALLELA DIETRO GLI ATTENTATI IN ALTO ADIGE? - Repubblica.it » Ricerca e qui: EVA KLOTZ, IL GIORNO DELLA RIVINCITA - Repubblica.it » Ricerca, sono riscontrabili inquietanti indizi, ma la cui storia completa è stata raccontata nel libro, da me più volte citato, di Antonio e Gianni Cipriani), ci sarebbe solo da vergognarsi, di essere "italiani". Il fatto che non solo i fasci di "CasaPound" ma anche i consiglieri PDL di Bolzano siano così disperatamente attaccati a due monumenti alla violenza colonialista come quelli suddetti (Bolzano. Accordo Svp-Bondi, i consiglieri comunali del Pdl si autosospendono - Il Gazzettino), dimostra quanto ancora facciano danno i miti velenosi del Risorgimento (e quanto opportuna sia stata la decisione del ministro).


    Seconda considerazione: la volontà da parte dei detti fasci di intitolare la propria associazione a Ezra Pound è doppiamente abusiva. E' abusiva alla luce sia della contrarietà della legittima erede (Giù le mani da mio padre Ezra Pound - Corriere della Sera ) sia della figura stessa del poeta, ostile certo - senza se e senza ma - al mondialismo, ma che non fu mai fascista, anche se ammirò Mussolini (che da parte sua, senz'altro lo snobbò, e anche questo va ricordato: Dante e Pound: analogie biografiche e ideologiche), e che era comunque lontanissimo dal provincialismo dell'Italietta risorgimentale che, passando per il fascismo, è sopravvissuto purtroppo fino a noi. Su tale provincialismo, intrinseco all'idea stessa di "Italia" come ci è stata insegnata, come di quell'Alto Adige che ne è stato per decenni la propaggine avvelenata, vale ancora il giudizio di Dostoevskij: "un piccolo regno di second'ordine" (Dostoevskij sul Risorgimento ).


    La cosa più grave però è stata quella di aver strumentalizzato il nome di Pound proprio a Bolzano, a poca distanza dal castello di Brunnenburg, dove il poeta visse dal 1958 al 1961: POUND Un cantore tra le sacre vette del Tirolo).

    A profanare non solo l'eredità spirituale dell'"Omero americano", ma anche dei veri eroi di quelle contrade: gli Andreas Hofer, i Sepp Kerschbaumer [foto] (Io non sto con Oriana: Sepp Kerschbaumer, combattente cattolico) ecc. Ovvero, dei patrioti cattolici sudtirolesi martirizzati da Napoleone prima e dallo Stato "italiano" poi.

    Pensiamo un attimo all'abisso che separa queste due idee di patria: il patriottismo sostanzialmente incruento (ed eroico) dei genuini irredentisti sudtirolesi e il terrorismo sanguinario e fellone degli atlantisti che, degni eredi dei "conquistatori" savoiardi, nella prima metà degli anni '60 fecero in questa zona le prove generali della strategia della tensione.

    Con ciò è detto tutto: i ragazzotti che sono andati a Bolzano a far cagnara, si saranno sentiti certo un po' anche loro dei "conquistatori". Forse sarà anche vero: hanno conquistato un pezzetto di Alto Adige, ma hanno perduto il Sud Tirolo. E anche, almeno un po', Ezra Pound.

    Andrea Carancini: Ai fasci di "CasaPound": giù le mani da Ezra Pound!

  3. #3
    Cancellato
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    33,716
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ezra Pound non era fascista: polemica a distanza fra Casa Pound e Carancini

    beh è la verità. È l'antifascismo di carancini che disturba più che altro.

  4. #4
    Mistica Fascista
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    117,314
    Mentioned
    494 Post(s)
    Tagged
    22 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ezra Pound non era fascista: polemica a distanza fra Casa Pound e Carancini

    Citazione Originariamente Scritto da Eraclio Visualizza Messaggio
    beh è la verità. È l'antifascismo di carancini che disturba più che altro.
    Al di là della polemica con Casa Pound su Bolzano, ridicola francamente, che Pound fosse fascista mi sembra piuttosto palese.
    L'obiezione "era democratico" non regge.
    Ultima modifica di Giò; 08-03-11 alle 13:34

  5. #5
    Forumista senior
    Data Registrazione
    15 May 2010
    Messaggi
    1,047
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ezra Pound non era fascista: polemica a distanza fra Casa Pound e Carancini

    Infatti Hitler e Mussolini non erano assolutamente revisionisti rispetto a Versailles...
    Ultima modifica di Marco d'Antiochia; 08-03-11 alle 13:38

  6. #6
    Cancellato
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    33,716
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ezra Pound non era fascista: polemica a distanza fra Casa Pound e Carancini

    Citazione Originariamente Scritto da Giò91 Visualizza Messaggio
    Al di là della polemica con Casa Pound su Bolzano, ridicola francamente, che Pound fosse fascista mi sembra piuttosto palese.
    L'obiezione "era democratico" non regge.
    Sicuramente simpatizzava Mussolini e il fascismo. Ma di qui a definirlo "fascista" non saprei.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2011
    Messaggi
    5
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ezra Pound non era fascista: polemica a distanza fra Casa Pound e Carancini

    Citazione Originariamente Scritto da Eraclio Visualizza Messaggio
    Sicuramente simpatizzava Mussolini e il fascismo. Ma di qui a definirlo "fascista" non saprei.
    Pound simpatizzava Mussolini, ora però scendimi il cane

  8. #8
    Cancellato
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    33,716
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ezra Pound non era fascista: polemica a distanza fra Casa Pound e Carancini

    Citazione Originariamente Scritto da northern Visualizza Messaggio
    Pound simpatizzava Mussolini, ora però scendimi il cane
    chi è sto clone del cazzo?

  9. #9
    You had me at hello
    Data Registrazione
    11 Nov 2010
    Località
    Da hielt ich sie, die stille bleiche Liebe
    Messaggi
    407
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ezra Pound non era fascista: polemica a distanza fra Casa Pound e Carancini

    sinceramente la questione mi sembra malposta...

    innanzitutto Casa Pound si ispira ad Ezra Pound perchè condivide il discorso della lotta all'usura, applicato essenzialmente alla casa ed alla proprietà della stessa (ed alla lotta all'affitto visto come usura). Dunque prende il nome da Pound per UNA SUA SINGOLA battaglia (la più rappresentativa e conosciuta del poeta americano) che condivide.

    Poi dire che Pound non fu fascista mi sembra come dire che Evola non fu fascista, ad esempio... nel senso che non furono ESATTAMENTE ed al 100% fascisti (ma chi lo fu?) ma mi sembra un voler trovare il pelo nell'uovo.

    Inoltre l'attaccamente alla "Costituzione" negli U$A - al contrario che da noi - è tipico della destra e della destra estrema, visto che la Costituzione è vista come garante delle libertà individuali e come difesa dall'intromissione dello stato federale che negli U$A ha sempre svolto un ruolo di "sinistra" (a partire dalla guerra di secessione e relative tematiche in poi) e quasi "rivoluzionario" (nella sostanza, ovviamente, non nella forma).

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2011
    Messaggi
    5
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ezra Pound non era fascista: polemica a distanza fra Casa Pound e Carancini

    Citazione Originariamente Scritto da Eraclio Visualizza Messaggio
    chi è sto clone del cazzo?
    Ti simpatizzo

 

 
Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. - Ezra Pound + Ezra Sound
    Di Defender nel forum Destra Radicale
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 06-02-13, 16:23
  2. “Ezra Pound”
    Di Pirzio nel forum Padania!
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 18-12-11, 20:03
  3. Il Dio di Ezra Pound
    Di Hagakure nel forum Destra Radicale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 31-08-11, 19:49
  4. Ezra Pound
    Di Malaparte nel forum Destra Radicale
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 17-04-10, 02:22
  5. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 08-01-09, 23:52

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226