User Tag List

Pagina 1 di 12 1211 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 117
Like Tree16Likes

Discussione: NOI VOGLIAMO L'INDIPENDENZA DELLA PADANIA

  1. #1
    roma kaputt!
    Data Registrazione
    13 Jun 2010
    Località
    Milàn
    Messaggi
    1,205
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Arrow NOI VOGLIAMO L'INDIPENDENZA DELLA PADANIA

    Se tutti gli altri sono d'accordo..........io metterei questa discussione in rilievo per chiarire definitivamente a tutti i visitatori (nel caso il regolamento non basti) quale fine e quale spirito animano questo Forum...............cioè l'INDIPENDENZA della PADANIA dall'Italia, (Art.1 dello Statuto della Lega Nord)..............

    Nonostante il federalismo condiviso che ha spinto il nostro partito a partecipare al bipolarismo romano (per innescare finalmente gli attesi cambiamenti), credo sia giusto ricordare (soprattutto a certi ospiti ed a certi "indipendentisti da tastiera") come e per cosa è nata la LEGA NORD = LEGA degli indipendentisti/autonomisti del Nord che ha permesso all'indipendentismo padano-alpino di contare politicamente.

    Bossi Venezia 15.9.1996



    Ultima modifica di carlomartello; 30-03-11 alle 15:41

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    roma kaputt!
    Data Registrazione
    13 Jun 2010
    Località
    Milàn
    Messaggi
    1,205
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: NOI VOGLIAMO L'INDIPENDENZA DELLA PADANIA

    Le 50 ragioni della Padania
    di Gilberto Oneto e Giancarlo Pagliarini (marzo 1998)


    Movimento Giovani Padani

    1 - Perché l'Italia è una imposizione artificiosa
    Perché l'Italia è stata fatta senza e contro la volontà popolare, con una azione militare organizzata e voluta da una sparuta minoranza di persone per demagogia, per interessi economici e per spirito di sopraffazione. L'Italia non è mai esistita nella storia. Essa è stata unita prima del 1860 solo sotto l'oppressione di Roma antica che aveva però anche conquistato e tenuto sotto il proprio dominio tutti i paesi mediterranei e gran parte dell'Europa occidentale: quella lontana esperienza non può costituire in ogni caso un precedente storico né una giustificazione per l'unità politica. Anche in quei giorni lontani i nostri antenati avevano combattuto una guerra e una guerriglia di resistenza che è durata 4 secoli contro l'aggressione di Roma. L'unità risorgimentale è stata fatta militarmente ai danni di stati antichissimi basati su autonomie e libertà che risalivano a molti secoli addietro. Essa è stata formalmente legittimata con i Plebisciti di annessione al Regno di Sardegna: a questi però ha partecipato una percentuale irrisoria della popolazione e sono stati una tragica farsa per mancanza di libertà e di segretezza. Per completare e per cementare la così detta unità si è poi combattuta una guerra che ha procurato quasi 650.000 morti innocenti. Guai a quel paese che per giustificare o formare una coscienza unitaria deve ricorrere a guerre, sangue e sofferenze per il suo popolo.

    2 - Perché la Padania esiste
    Perché esiste da sempre una comunità padana dalle forti connotazioni storiche, culturali ed etno-linguistiche. Perché essa ha avuto lunghi periodi di unità, con i Longobardi, all'interno dell'Impero Rornano-Germanico, con la Repubblica Cisalpina, e poi con il napoleonico Regno d'Italia che comprendeva solo la parte settentrionale della penisola. Essa ha vissuto importanti momenti di forte aspirazione unitaria con i Visconti e con la Serenissima Repubblica di Venezia, che sono andati vicinissimi al conseguimento dell'unificazione padana, e con il Piemonte che aveva strutturato tutta la sua politica per raggiungere tale fine. Il Risorgimento e le prime due guerre cosiddette di indipendenza erano state intraprese dal Regno di Sardegna per l'annessione delle regioni padane: gli accordi di Plombières con Napoleone 111 erano a questo proposito chiarissimi e prevedevano la creazione di un Regno dell'Italia Superiore sotto la casa di Savoia. L'utilità della Padania si è poi mostrata in numerose altre occasioni storiche quando sono state messe in gioco le libertà delle sue comunità autonome. La prima Lega Lombarda era sorta contro il Barbarossa e la seconda contro Federico Il che volevano affermare un potere centralista a scapito delle antiche libertà dei Comuni padani. Le stesse insorgenze antigiacobine hanno avuto una forte valenza unitaria contro un potere assolutista e negatore di ogni autonomia. Si può dire che la vera forza di unificazione della Padania sia la forte volontà dei suoi popoli di difendere le loro differenze, autonomie e libertà contro ogni prepotenza e centralismo. La Padania esiste, forte e coesa, in questa comune e antichissima aspirazione alle libertà e alle autonomie che risale ai suoi primi abitanti Liguri, Celti e Veneti e che attraversa tutta la sua storia fino agli attuali movimenti di liberazione.

    3 - Perché abbiamo gli stessi antenati
    Tutti i popoli della Padania discendono dagli stessi progenitori e dagli stessi popoli originari. Questi possono essere identificati in tre gruppi principali. Il primo e più antico è formato dai Garalditani, dai Liguri, dai ProtoCelti Golasecchiani e da tutte le altre popolazioni a essi assimilabili (Camuni, Salassi, Leponzi, Carni, Reti, Histri eccetera) che costituiscono il più profondo substrato etnico di tutte le comunità padane e che ancora oggi contribuiscono in maniera determinante alla formazione del nostro patrimonio genetico: molta parte dell'aspetto fisico dei Padani deriva da questi antichi progenitori. Il secondo gruppo è formato dai Celti e dai Veneti che, pur provenendo da diverse aree geografiche, avevano caratteri somatici, costumi e culture così simili da non poter essere distinti se non per la lingua. A queste due popolazioni i Padani devono buona parte dei loro caratteri culturali, del loro amore per l'arte, per le autonomie, per l'avventura e per la forte vita comunitaria. L'ultimo gruppo è costituito dai Goti, dai Longobardi e da tutte le altre popolazioni germaniche che con loro si sono stanziate su queste terre. Questi hanno condizionato i caratteri fisici degli abitanti di alcune zone e hanno lasciato come eredità comune l'attaccamento per le autonomie locali e la forte aspirazione alla libertà. Le attuali differenze fra le varie comunità padane sono date dal diverso dosaggio di queste tre componenti principali che sono assieme presenti solo qui e che ci distinguono decisamente da ogni altra comunità di popoli, in particolare da quelli che vivono nella penisola italiana al di sotto dell'Appennino tosco-emiliano. Gli Italiani sono infatti gli eredi degli Etruschi, dei Greci e delle popolazioni italiche che si erano stanziate nel Meridione. Questa divisione è oggi puntualmente confermata dalle più moderne e attendibili indagini scientifiche che mostrano una penisola divisa in tre grandi aree dove dominano rispettivamente il residuo genetico dei Liguri, degli Etruschi e dei Greci.

    4 - Perché parliamo lingue nostre
    Le lingue sono un vero DNA culturale che sopravvive nel tempo e che testimonia di avvenimenti storici e di legami etnici anche molto lontani. Gli studiosi dividono le lingue neo-latine in due grandi ceppi diversi, quelle gallo-romanze e quelle romanze meridionali. Il primo ceppo comprende gli idiomi derivati dalla sovrapposizione del latino su lingue celtiche e sono il Portoghese, il Gallego, il Francese, il Vallone, l'Arpitano (o Franco-Provenzale), il Ladino, il Romancio, il Veneto (e l'Istro-Veneto), il Friulano, le parlate Occitane e quelle Padane (o Gallo-Italiche), suddivise in Piemontese, Lombardo occidentale, Lombardo orientale, Ligure, Emiliano e Romagnolo. Il secondo ceppo comprende le parlate derivate dalla sovrapposizione del latino su lingue di tipo mediterraneo e sono il Toscano, il Sardo, il Corso, il Castigliano, il Rumeno e l'Italiano (Mediano, Meridionale intermedio e Meridionale estremo o Siciliano). 1 due grandi ceppi sono divisi dalla cosiddetta Linea Gotica, che corre sullo spartiacque dell'Appennino tosco-emiliano fra Massa e Senigallia. Le lingue parlate in Padania sono fra di loro "sorelle" e lo sono con le altre lingue gallo-romanze dell'Europa occidentale mentre hanno un rapporto di sola "cuginanza" con quelle parlate in Italia. t perciò senz'altro falso sostenere che le lingue padane siano dialetti dell'Italiano e non deve neppure trarre in inganno l'attuale diffusione del Toscano italianizzato: prima dell'unità nessuno in Padania parlava abitualmente l'Italiano che è stato imposto attraverso l'opera delle scuole, delle caserme e con la radio e la televisione. Oggi l'Italiano è da intendersi quale "lingua franca" ma le vere lingue naturali dei nostri popoli sono altre, che servono da marcatori precisi di parentele e di aspirazioni oggettive a comunanze e divisioni. Se la lingua costituisce un fattore di scelta politica, siamo certo più affini agli Occitani, ai Provenzali e ai Catalani che agli abitanti della penisola italiana.

    5 - Per il nostro atteggiamento verso la religione
    Nel mondo civile, la religione non può costituire elemento determinante finalizzato all'unione di popoli diversi e non può surrogare, quale elemento di coesione, l'inesistenza di validi motivi di unità fra comunità diverse. La diversa fede conserva invece in taluni casi la capacità di aumentare le differenze fra gruppi umani già diversi per cultura, caratteri etno-linguistici e percorso storico. In nessun caso il Cattolicesimo può essere chiamato a costituire una giustificazione per l'unità italiana, mentre i diversi comportamenti nei confronti degli atteggiamenti religiosi possono essere un ulteriore elemento di divisione fra i popoli diversi che abitano la penisola. Sotto una apparentemente comune religione si nascondono infatti due atteggiamenti molto diversi. A sud l'influenza musulmana (la Sicilia è stata sunnita fino al X secolo e gran parte delle coste meridionali è stata esposta a quella cultura) e quella ortodossa (larga parte del Meridione è passata dalla Chiesa Greco-Ortodossa a quella Cattolica solo fra il XII e il XV secolo) sono ancora forti e hanno lasciato molti segni sia nei comportamenti esteriori che nell'atteggiamento religioso più profondo. In Padania invece non è mai stato del tutto cancellato l'antico substrato celtico che ha fortemente influenzato la formazione della Chiesa medievale, anche attraverso l'opera di ricristianizzazione intrapresa dai monaci irlandesi della Chiesa celtica. Oltre a questo, è da secoli molto forte l'influenza protestante che si manifesta sia attraverso i continui contatti sociali con paesi protestanti che con la presenza di antiche comunità protestanti all'interno della Padania. Tutto questo ha determinato modi molto diversi di intendere e di vivere l'esperienza religiosa: la Padania è da sempre terra di eresie (nate dall'insofferenza verso ogni strumentalizzazione della fede) e di cattolicesimo partecipato, realmente solidale e sentito, e mai legato a manifestazioni solo esteriori o eccessive. Qui c'è da sempre un atteggiamento serio e meditato nei confronti della religione che ne ha fatto un paese di grandi Santi e Missionari, ma anche di grandi Eretici e di Atei onesti. Recidendo legami impropri, l'indipendenza non potrà che portare vantaggi alla spiritualità del Cattolicesimo.

    6 - Per difendere la libertà religiosa
    L'antica tradizione di diversità anche religiose delle comunità della Padania, manifestatasi con le eresie, la riforma e la controriforma e con la presenza di minoranze religiose ha creato una tradizione di grande tolleranza e di aspirazione alla laicità della politica. Il più forte e duraturo degli stati padani, la Serenissima Repubblica di Venezia, aveva costruito il suo potere anche sulla scrupolosa separazione del potere politico da quello religioso e sulla attenta difesa della libertà dello stato da interferenze ecclesiastiche. Nel corso della sua lunga storia, la Padania ha solo subito danni dalla pericolosa commistione della sfera religiosa con quella politica. Esse erano tenute scrupolosamente separate nell'antico mondo celta ed erano invece pericolosamente sovrapposte in quello romano. Lo stesso atteggiamento di ingerenza ha portato alla distruzione dello stato longobardo e ha impedito la formazione di una duratura confederazione di popoli padani e la decisiva espansione veneziana in terraferma. E stata l'ingerenza della Curia romana a turbare lo spirito di libertà che ha da sempre fatto della Padania la culla delle eresie ma anche il paese della tolleranza: erano sgherri di un vescovone quelli che hanno massacrato Frà Dolcino ed erano ispirate da Roma le persecuzioni contro i Valdesi. Lo stesso Risorgimento ha avuto una forte spinta laicista la cui parte migliore auspicava di arrivare finalmente a una 1ibera Chiesa in libero Stato". Invece l'Italia unita ha finito per ricadere ancora una volta sotto l'influenza curiale che costituisce una presenza assillante nella sua vita politica: nata per eliminare il potere temporale dei Papi, l'Italia è diventata essa stessa un grande Stato della Chiesa. Oggi, con la diabolica alleanza fra certe gerarchie ecclesiastiche e il comunismo si è creato un regime nemico di ogni libertà e differenza, ivi comprese quelle religiose. Solo con l'indipendenza, la Padania può tornare a garantire ai suoi popoli la più completa libertà religiosa, la sua antica tradizione di tolleranza e un migliore rapporto fra la gente e la tradizione cattolica.

    7 - Per difendere le minoranze storiche
    L'ltalia unitaria è sempre stata nemica delle differenze. Per tentare di giustificare la propria ingiustificabile unità ha sempre cercato di imporre una coesione interna che esclude ogni differenza e che nega l'esistenza di comunità dotate di specifici caratteri etno-linguistici, culturali, religiosi e storici. In questo ignobile e anti-libertario processo di omologazione e di negazione sono state infatti coinvolte non soltanto le comunità che parlano lingue celto-romanze diverse da quelle capziosamente considerate derivanti dall'Italiano (Occitani, Arpitani, Brigaschi, Ladini), o di ceppo germanico (Walser, Cimbri, Mocheni, Tirolesi, Carínziani) e slavo ( Sloveni, Croati), ma anche le comunità religiose storiche (Valdesi, Armeni, Israeliti). Per sopravvivere l'Italia deve negare ogni differenza organica favorendo magari contrapposizioni fasulle e banalizzanti (di tipo sindacale, di classe sociale ma anche calcistico) e inventandosi nuove minoranze importate per distruggere quelle antiche. Al contrario, la Padania costruisce la propria forza sul riconoscimento delle differenze e delle libertà di tutte le comunità storiche che costituiscono la sua vera e più grande ricchezza. Solo con l'indipendenza della Padania possono essere garantite alle minoranze etno-linguistiche, culturali, storiche e religiose uno status di assoluta uguaglianza, la difesa delle peculiarità e l'esercizio di ogni diritto e di ogni forma di autonomia, ivi compreso quello di secessione o di annessione ad altre libere comunità.

    8 - Per conservare la nostra cultura
    Tutte le variegate e variopinte espressioni della cultura dei popoli padano-alpini sono oggi soggette a un processo di omologazione e di italianizzazione forzata. Si tratta di una sistematica operazione di devastazione e di snaturamento che riguarda tutti gli aspetti delle nostre antichissime culture, dalle lingue (denominate con disprezzo "dialetti" o "patois"), alle tradizioni, ai costumi, ai modi di vita, alle istituzioni, fino alle abitudini alimentari. Questo processo viene attuato mediante leggi che sono uguali per tutto il territorio della repubblica, che non tengono in alcuna considerazione le differenze locali e che privilegiano sempre usi e atteggiamenti "italiani" quando non sono addirittura punitive per le culture padane. L'operazione viene rafforzata con l'utilizzo di personale meridionale nell'amministrazione e nelle scuole e con l'uso mirato degli strumenti di comunicazione di massa. Soprattutto, alle radio e nelle televisioni si parlano lingue meridionali, si storpiano le parlate con accenti mediterranei e si raccontano vicende e situazioni sempre e solo molto "italiane" con tutto un corollario di perversioni, violenze, abitudini a delinquere e comportamenti mafiosi che sono estranei alla cultura dei popoli padano-alpini. Si agisce soprattutto sui soggetti più giovani e indifesi trasmettendo loro una cultura foresta e cercando di farli sentire parte di un mondo e di una società che sono invece estranei e lontani. Solo con l'indipendenza, le comunità della Padania possono valorizzare e vivere in piena libertà le proprie culture e tradizioni che devono tornare a essere l'elemento portante della vita sociale e del normale comportamento delle nostre genti.

    9 - Per ristabilire antichi legami
    Fin dai primi giorni del mondo, i popoli padano-alpini hanno sempre avuto stretti legami con i loro vicini e fratelli che vivono sulle Alpi e al di là delle Alpi. Le Alpi non sono mai state una barriera se non nella retorica patriottarda italianista che ha cercato di creare connessioni privilegiate con le popolazioni meridionali a scapito dei più antichi legami organici. 1 popoli provenzali, savoiani, svizzeri, tirolesi e sloveni sono sempre stati collegati a quelli padani, ne hanno condiviso la storia, spesso parlano lingue simili, hanno le stesse usanze e gli stessi problemi. Un proverbio occitano dice che 1e montagne dividono le acque ma uniscono gli uomini". In particolare, le Alpi non sono mai state nella storia europea un elemento di confine politico costante: solo l'Italia unita si è inventata l'idea di confine geografico (coincidente con lo spartiacque alpino) e di "sacralità" di confini disegnati a tavolino. La storia padana è invece caratterizzata dalla presenza sull'arco alpino di moltissimi Paßstaat ("Stato di valico") come il regno di Sisualdo, la Savoia-Piemonte, la Svizzera e il Tirolo. Se esiste un confine fisico sensibile, questo è semmai costituito dall'Appennino tosco-emiliano che è sempre stato una barriera fisica di difficile attraversamento, un confine politico molto persistente e un forte limite fra aree culturali profondamente diverse fra di loro.

    10 - Per conservare meglio il nostro patrimonio artistico
    La Padania è da sempre un potente centro di produzione culturale e artistica. Fin dalla più lontana antichità è culla di abili artigiani e di capaci imprenditori, ma anche di artisti, poeti, scienziati e letterati, Molti degli artefici dello sviluppo culturale romano e medievale erano padani. Il Rinascimento è una invenzione padana e toscana. La Padania è una delle poche aree del mondo che sia stata interessata, senza rilevanti interruzioni temporali, dalla presenza di culture avanzate e attive per tutta la sua storia. Questo ha depositato sul nostro territorio una stratificazione di opere architettoniche e artistiche prodotte con costante copiosità per quasi tremila anni. Oggi questo incredibile patrimonio è in grave stato di degrado a causa della rapina economica cui sono soggette le nostre terre e in seguito a una politica culturale colonialista perpetrata dal potere centralista romano. Le nostre comunità locali, dissanguate da tassazioni esose, non sono più in grado di fare fronte alla gestione puntuale di tutto il patrimonio culturale presente sul territorio. Gli stanziamenti statali vengono poi distribuiti con criteri centralisti e colonialisti e finiscono inevitabilmente per favorire le regioni meridionali da cui provengono anche quasi tutti i funzionari preposti. L'atteggiamento colonialista romano ha però anche un brutale risvolto di razzismo culturale che privilegia tutto ciò che è stato prodotto da Roma, dal classicismo e nelle plaghe mediterranee a scapito del patrimonio padano: i reperti archeologici celti, liguri, veneti e longobardi spariscono nel fondo dei magazzini delle Soprintendenze e nei musei vengono esposti quasi solo cocci romani o greci. Lo stesso Rinascimento lombardo (e quindi padano) è considerato espressione provinciale e minore rispetto alla produzione toscana o papalina. In alcuni casi, il razzismo culturale assume le forme di un chiaro accanimento (e avvertimento) politico: è il caso - ad esempio - di Venezia che viene lasciata crollare anche a causa del suo valore simbolico storico e attuale.

    11 - Per preservare le nostre forme di espressione artistica e architettonica
    L'antico retaggio culturale celtico, veneto e longobardo ha generato. arricchendosi nel tempo di apporti esterni, un linguaggio originale di produzione artistica che trova i suoi punti di forza nell'amore per la decorazione, nel racconto fantastico, nelle figurazioni luminose e nel gioioso impiego del colore. Si tratta di una serie di costanti espressive che hanno attraversato tutta la storia dell'arte padana con leggere variazioni nel tempo e nelle diverse aree geografiche del paese. Lo stesso grado di sostanziale omogeneità si riscontra nelle espressioni dell'architettura popolare, le cui svariatissime espressioni locali mostrano - assieme a forti peculiarità formali e a dialetti stilistici derivati dalla cultura del posto - alcuni elementi di forte comunanza: le coperture in pietra o ceppi e, soprattutto, le facciate in intonaco dipinte a colori pastello e riccamente decorate con figurazioni o con finte architetture. E' proprio l'immagine delle facciate dipinte a costituire il più forte elemento di coesione formale e culturale dell'architettura padana, di città e di campagna, di montagna e di pianura: dalla Genua picta alla grande pinacoteca che erano i canali veneziani, dal "Milano dipinto"" alle più sperdute frazioni di collina. Il centralismo italiano si è abbattuto su questi caratteri padani con furia iconoclasta con l'introduzione di stili modernisti e apolidi che hanno volutamente cancellato ogni decorazione, con architetture "di regime" (fascista o post-fascista) derivate da immagini mediterranee e con la deliberata cancellazione di ogni forma di conoscenza del1 *architettura e dell'arte popolare dalle scuole e dalle università. Anche in architettura (e in urbanistica) la penisola è stata forzatamente unificata nel brutto e nell'anonimo.

    12 - Per riportare colore e allegria nei nostri paesi
    Uno dei più beceri luoghi comuni del razzismo italiano consiste nel descrivere la Padania come una terra triste, uggiosa, nebbiosa e fredda, abitata da gente ingrigita, mutrignosa, chiusa e triste. Per contro, ci sarebbe un Meridione allegro, solare, aperto, pieno di gioia e canzoni. Si tratta di una colossale falsità che confonde l'allegria con la rumorosità e si dimentica della profonda truculenza di certi atteggiamenti, della continua presenza della sofferenza e della morte in una cultura meridionale piena di tragedie, sangue, prefiche, occhiaie, costumi neri, funerali e cantilene lamentose. E' una cultura cupa e piena di sensi di colpa che deriva dai loro antenati Greci e Fenici, dall'influenza musulmana e da una lettura molto mediterranea e mediorientale del Cattolicesimo. Il nostro patrimonio genetico è ancora colino dì caratteri celti e veneti, di popoli che avevano colmato la loro vita di colori, di fantasia, di canti polifonici, di ganasseria spavalda, di grandi bevute, di una visione serena e "normale" della morte e di una notevole allegria di fondo. La chiassosità di quegli antenati è stata mitigata dal carattere chiuso e silenzioso di Liguri e Garalditani e da un modo più europeo di intendere i rapporti sociali nel quale le esplosioni di allegria devono essere incanalate in una ritualità comunitaria e non devono mai ledere i diritti altrui. L'attuale e solo apparente mestizia dei popoli padani deriva dalla loro condizione di assoggettamento culturale, economico e politico e somiglia molto alla tristezza che popoli vivacissimi, come quello Ungherese, mostravano sotto il giogo comunista. Con la ritrovata libertà, questa terra tornerà a essere il paese dei gioiosi convivi, dei cori e delle bande, del carnevale e delle altre feste più antiche, il paese dei bardi, dei menestrelli e dei mille colori nel quale torneranno a convivere serietà e allegria.

    13 - Per ripristinare la qualità dell'ambiente
    Da sempre le aspirazioni all'indipendenza politica sono strettamente legate all'amore per la propria terra e al desiderio di vederne preservate le risorse e le qualità ambientali. Ogni cultura ambientalista seria non può che essere anche autonomista giacché le due cose sono inscindibili perché solo chi è libero e padrone della propria terra la può gestire nella maniera più oculata e amorevole. Costituisce anzi uno dei caratteri più odiosi di ogni potere coloniale quello di sfruttare i territori altrui degradandone ogni valenza e qualità ambientale. Oggi il territorio padano si trova proprio in queste condizioni di devastazione e di degrado a causa di un regime oppressivo e foresto che vive sul lavoro della Padania e che non si preoccupa di lenire nessuna delle devastazioni che sono conseguenti alla concentrazione di produzione. Oggi il territorio dei popoli padano-alpini viene devastato da un eccesso di presenza umana e da una concentrazione enorme di attività produttive. Talune aree hanno densità abitative e strutture da terzo mondo ma su queste aree il regime italiano continua a indirizzare un flusso di immigrazione più o meno clandestina che aggrava le già precarie condizioni ambientali complessive. Le grandi ricchezze qui prodotte vengono poi investite in larghissima parte altrove e non impiegate, come avviene in tutti gli altri paesi fortemente industrializzati, a mitigare gli impatti sull'ambiente che inevitabilmente derivano da una forte attività di produzione, specialmente se svolta in condizioni infrastrutturali inadeguate. In altre parole, qui si deve produrre tanto e a basso costo per soddisfare l'esoso fisco italiano che non reinveste quasi nulla sul posto e che dilapida altrove le nostre ricchezze. Solo con l'indipendenza, la Padania potrà riacquistare il completo controllo delle sue ricchezze e impiegarle nella misura necessaria a rimediare alle devastazioni ambientali. La Padania libera dovrà addirittura porsi all'avanguardia della cultura ambientalista con il riutilizzo produttivo delle aree di collina e di montagna, con il decongestionamento delle aree urbane, con grandi investimenti per la qualità dell'ambiente e per il sistematico rimboschimento del suo territorio: essa tornerà veramente a essere una grande valle verde.

    14 - Per liberarci dalla criminalità organizzata
    La mafia, la camorra e tutte le altre strutture di criminalità organizzata sono fenomeni tipicamente italiani del tutto estranei alla cultura della Padania che non ha mai generato niente del genere neppure nei momenti economicamente e socialmente più difficili della sua lunghissima storia. Fenomeni come il racket e i rapimenti sono del tutto sconosciuti alla nostra mentalità. La criminalità organizzata è penetrata nei nostri paesi solo dopo l'unità d'Italia e grazie alla connivenza e alla complicità del potere politico romano. Essa sta oggi soffocando le nostre comunità distruggendone le capacità economiche e imponendo con la violenza metodi di oppressione contro cui la nostra società non può difendersi perché è stata privata di ogni strumento: la magistratura, la polizia e il potere politico sono infatti in mano a gente foresta che proviene dalle stesse aree geografiche che hanno generato e tollerato i fenomeni malavitosi e che deve la sua posizione (e i suoi privilegi) all'esistenza stessa dello stato italiano di cui sono anche nel caso degli uomini più onesti - costretti ad accettare ogni inefficienza e compromissione. Solo l'indipendenza della Padania potrà liberare la nostra gente dall'abbraccio mortale dei tentacoli della malavita attraverso l'opera di magistrati e gendarmi padani, di cultura padana e impermeabili a ogni infiltrazione mafiosa e tendenza alla collusione. Le stesse organizzazioni mafiose se non si troveranno più a operare all'interno della stessa struttura statale cui sono legate da un patto di mutua sopravvivenza ma saranno lontane dai loro covi di origine, separate da una barriera ancora prima culturale che giuridica e dovranno muoversi in un ambiente ostile, fra gente nemica dei loro metodi e lontana dalla mentalità che le ha generate e fatte crescere.

    15 - Per l'ordine e la sicurezza
    La malavita (grande o spicciola, organizzata o non) che opera in Padania è quasi completamente di importazione italiana o extracomunitaria. La percentuale dei condannati e dei galeotti nati in Padania è largamente minoritaria e riguarda nella grande maggioranza dei casi i reati meno violenti e più tipici delle società post-moderne. Si può affermare che la gestione della giustizia in Padania sia un fatto reso del tutto estraneo alla nostra gente: poliziotti, magistrati, funzionari di Tribunale, avvocati e guardie carcerarie sono in larghissima parte meridionali e i reati sono commessi in ampia misura da foresti e da stranieri extracomunitari. Oltre che dalla grande criminalità organizzata, la Padania è oggi impestata da uno stillicidio di reati commessi da un esercito di balordi, sbandati, drogati, piccoli delinquenti e mascalzoni abituali che rendono insicure le nostre strade ma anche le nostre stesse case. Si tratta di misfatti che sono particolarmente odiosi perché sono commessi contro la gente comune, contro i più deboli, contro tutti i cittadini che non sono difesi e a cui è impedito di difendersi da uno Stato inefficiente, spesso corrotto e a volte in aperta combutta con la criminalità. A volte il lassismo italiano è frutto di precise scelte politiche, come nel caso della accettazione degli immigrati clandestini e degli zingari cui vengono concessi la più totale immunità e addirittura congrui sussidi economici. Solo la presenza di una magistratura e di una polizia padane, con leggi fatte da una Padania indipendente potranno ridare sicurezza e serenità a popoli tornati padroni a casa loro e liberi di vivere secondo le proprie usanze costruite sull'abitudine al lavoro, sull'onestà e sul rispetto scrupoloso della legalità.

    16 - Per una giustizia migliore
    Il termine di "giustizia" ha perso in Italia il suo più vero significato. Oggi ottenere giustizia è difficile ed è quasi impossibile farlo entro limiti di tempo civili. Le cause normali arrivano a durare decenni e solo quelle dei potenti hanno qualche possibilità di concludersi in tempi ragionevoli. Le sentenze hanno l'aspetto di declamazioni iniziatiche, di trucchi procedurali e non c'è fiducia nella giustizia pubblica. La nostra gente si sente (ed è) vittima di cavilli, di legulei verbosi e inconcludenti, di formule ermetiche che non capisce e che sicuramente non rispondono alle sue esigenze e alle necessità di ogni società civile. Il diritto romano che aveva già il vizio di origine di favorire non già la ricerca della verità ma l'abilità dialettica e procedurale si è ulteriormente degradato in una visione bizantina e borbonica della giustizia che ha perso di vista da tempo il suo vero scopo primario che è quello di scandire sulla base della "amministrazione della giustizia" i ritmi della vita comunitaria. La nostra gente si sente avviluppata da un sistema truffaldino di parole e inganni che è forse adatto all'italica assuefazione all'imbroglio o alla mediterranea tolleranza per le pulsioni a delinquere ma che si scontra con la mentalità europea dei Padani cui meglio si adatterebbero le consuetudini giuridiche longobarde o sassoni fatte di pragmatismo, chiarezza e certezza delle sentenze. Con l'indipendenza, la Padania ha l'occasione di darsi delle leggi semplici e chiare, di cancellare il macchinoso apparato legislativo italiano (fatto di 200-300mila leggi e leggine) e di ridare alle proprie genti una giustizia efficiente e credibile.

    17 - Per risolvere il problema degli extracomunitari
    L'Italia non ha nessun interesse a risolvere il problema dell'immigrazione clandestina le cui nefaste conseguenze sono in larga parte scaricate sui popoli padano-alpini. Il regime catto-mafio-comunista che la governa vede nell'invasione extracomunitaria l'occasione di loschi affari economici, di rivalse elettorali anti-padane (il voto degli stranieri), di perturbazioni sociali da cui ha sempre sperato di trarre vantaggi politici; in particolare gli stranieri (meglio se irregolari) sono la scusa per il mantenimento in vita di organizzazioni di assistenza sovvenzionate con denaro pubblico, sono fonte di reclutamento di manovalanza per la criminalità organizzata e sono l'occasione per saldare vecchi debiti politici (contratti con i vecchi regimi comunisti o con i paesi islamici) nati da poco chiare transazioni e mediazioni economiche o da appoggi di vario genere. Nell'invasione straniera, le forze politiche anti-padane e unitariste vedono una forma di edulcoramento delle identità popolari e la distruzione di tessuti sociali antichi e vitali. La società multirazziale che caldeggiano non è che la naturale continuazione della criminale politica di annullamento delle culture locali a vantaggio di una identità italiana artificiale e innaturale. La Padania indipendente si baserà sul fondamentale riconoscimento delle identità locali che dovranno essere difese da ogni tentativo di disgregazione. Saranno da noi benvenuti e tutelati tutti gli stranieri che metteranno a disposizione della comunità la loro voglia di lavorare. In Padania entrerà però solo chi sarà in regola con le disposizioni di legge e se ce ne sarà effettivo bisogno. Infatti finchè ci sarà un solo padano senza lavoro non dovrà entrare nessuno straniero.

    18 - Per disporre di un sistema di infrastrutture moderno ed efficiente
    Pur disponendo del prodotto interno lordo (PIL) procapite tra i più elevati dell'Unione Europea, la Padania vive in una situazione fisica da terzo mondo con un patrimonio infrastrutturale vecchio e cadente, che costituisce un aggravio aggiuntivo ai costi di produzione. L'Italia investe da decenni i soldi drenati in Padania in infrastrutture inutili e faraoniche nel Meridione e non provvede alla costruzione di opere essenziali alla vita delle nostre comunità. Così, si costruiscono strade e autostrade nel sud dove non ce n'è alcuna necessità, si progetta un megalomane ponte sullo Stretto di Messina e nelle regioni padane si viaggia su strade strette, antiquate, intasate fino all'inverosimile e si richiedono pedaggi esosi per tratte autostradali dove ci si muove a passo d'uomo. Lo stesso vale per le ferrovie e per gli aeroporti, ma anche per la rete telefonica, per i sistemi di cablaggi, per le comunicazioni via etere e - peggio del peggio - per i servizi postali. Nella Padania indipendente il sistema stradale e autostradale sarà razionalizzato e potenziato per permettere spostamenti di uomini e merci con rapidità, i pedaggi saranno aboliti o concentrati in un unico pagamento su modello svizzero, e saranno raddoppiate e modernizzate le principali linee ferroviarie. Questo è sempre stato un paese all'avanguardia nelle ricerche e nelle applicazioni tecnologiche e l'indipendenza gli permetterà di tornare al passo con i paesi stranieri più avanzati.

    19 - Per mettere fine a ogni forma di razzismo contro i Padani
    Oggi i popoli padano-alpini sono l'oggetto di continui attacchi e discriminazioni di stampo razzista. Questo avviene sotto forma di calunnie sistematiche che tendono a mostrare i popoli meridionali come intelligenti e colti e quelli padani come un'accozzaglia di ignoranti e sottosviluppati buoni solo a lavorare e a pagare le tasse. Il Sud, si dice, è un paese dalla civiltà millenaria e dalla profonda cultura, mentre la Padania è una plaga poco più che barbara, appena rischiarata dal faro della civiltà mediterranea. Sui giornali e nelle televisioni, frotte di presentatori grassocci, di giornalisti saputa e di filosofi arroganti non perdono occasione per insultare i popoli padani e per esaltare l'intelligenza e la furbizia mediterranea. Questo atteggiamento razzista ha un suo corollario pratico nei risultati dei concorsi pubblici e nell'assegnazione di posti di lavoro e di privilegio: i laureati nelle università meridionali hanno inevitabilmente voti più alti, nei ministeri, nei posti di comando, nelle redazioni dei giornali e dei telegiornali vengono spediti quasi solo meridionali più furbi (e raccomandati) dei Padani. Lo stesso vale anche per tutti i posti che non richiedono necessariamente particolari doti intellettuali o speciale erudizione: ma anche lì, fra carabinieri, postini e tranvieri, continuano a prevalere membri della razza ritenuta superiore. Solo l'indipendenza della Padania può porre fine a questa situazione discriminatoria: utilizzeremo al meglio innanzi tutto la nostra gente e le graduatorie dei concorsi saranno finalmente compilate sulla base di meriti effettivi e non in funzione del luogo di nascita o dell'etnia di appartenenza.

    20 - Perché non ci piace essere chiamati mafiosi
    Ogni volta che si ha a che fare con degli stranieri che non ci conoscono personalmente, c'è il concreto pericolo, in quanto cittadini italiani, di venire scambiati per mafiosi. U idea che in giro per il mondo si ha degli Italiani è infatti quella di un popolo di camorristi, mandolinisti, traditori, ladruncoli e mangiatori di spaghetti: ovunque si raccontano barzellette sulle doti di "eroismo" dell'esercito italiano, sull'abilità di maneggiare coltelli e grimaldelli e sull'agilità di "cambiare alleanze" degli abitanti della penisola. Questo è il frutto di poco edificanti episodi storici dell'ultimo secolo, del comportamento di tanti emigrati mediterranei e della pessima stampa che gli Italiani stessi si sono costruita. Nei paesi dove c'è stata una forte emigrazione di genti padane è sempre sufficiente specificare la propria regione di provenienza per vedere radicalmente cambiati giudizi e atteggiamenti ma in tutti gli altri posti occorre ogni volta cimentarsi in laboriose disquisizioni per spiegare la differenza fra i vari tipi di popoli che sono conosciuti in giro come "italiani". Sono inconvenienti che non capitano di certo a Ticinesi, Monegaschi o a cittadini di San Marino. Sono guai che non capiteranno neppure più ai cittadini della Padania quando questa sarà indipendente: essi saranno accolti come gli abitanti di un paese civile e rispettabile, come uno dei paesi più colti e prosperi del mondo.

    21 - Per salvaguardare la nostra agricoltura e i nostri prodotti
    Oggi l'agricoltura padana è attiva e produttiva ma è continuamente penalizzata dallo stato italiano che favorisce in ogni occasione quella mediterranea. Nei rapporti con la Comunità Europea, il governo di Roma difende solo i prodotti meridionali (magari non competitivi) e sacrifica quelli padani che sono invece di ottima qualità e che avrebbero immense possibilità di conquistare mercati anche difficili. Roma difende le produzioni di olio di oliva e di agrumi ma sacrifica criminalmente i produttori di riso, latte e carne. 1 nostri vini, che potrebbero conquistare ogni mercato, vengono penalizzati dall'obbligo della distillazione, favorendo i prodotti scadenti meridionali. Si è addirittura arrivati a inventare una parossistica mitologia attorno alla così detta "dieta mediterranea" per favorire certi prodotti e certi comportamenti. La Padania ha una gamma di prodotti agro-alimentari vasta per varietà e ineguagliabile per qualità che viene sistematicamente umiliata dal colonialismo romano. Charles De Gaulle diceva che la civiltà di un paese si misura anche dal numero e dalla qualità dei formaggi che produce: anche in questo la Padania libera riacquisterà il suo ruolo di uno dei paesi più civili del mondo.

    22 - Per interrompere la "marcia verso la morte" della nostra gente
    Negli anni successivi alla seconda guerra mondiale il tasso di natalità della popolazione tirolese della Provincia di Bolzano era pericolosamente precipitato a fronte di una crescita demografica di quella "italiana" e di un continuo flusso immigratorio. In quella occasione si era parlato di "marcia verso la morte" della antica comunità sud-tirolese. Il fenomeno si è interrotto e ribaltato con l'ottenimento di ampie forme di autonomia: oggi quella comunità è vitale e mostra la propria forza richiedendo fette sempre più grandi di libertà. L'intera Padania sta' oggi vivendo una esperienza simile: è il paese con il più basso tasso di natalità del mondo intero e vede la propria terra riempirsi di immigrati prolifici. Le cause di questa situazione vanno cercate nella precarietà di tante situazioni economiche, nell'incertezza del futuro ma anche nella caduta di libertà, nella perdita di fiducia nelle risorse comunitarie e nella crisi di identità. Molti Padani hanno oggi paura di affidare i loro figli a una società "spadanizzata" e impoverita di quei valori che hanno sempre fatto di questa terra un focolaio di vita e di vitalità. La pericolosa tendenza può essere invertita solo ridando alla nostra gente fiducia e speranza: è certo che l'indipendenza della Padania (con la conseguente prospettiva di ricostruire una società piena di antiche certezze e di forti identità) porterà la nostra società a trovare condizioni anche demografiche più equilibrate. Popoli liberi mettono al mondo figli desiderati e liberi.

    23 - Per tornare ad essere europei
    La Padania è da sempre il cuore dell'Europa. Qui sono sorte le prime comunità organizzate dell'Europa continentale, qui hanno abitato popoli che provenivano dal centro e dal nord dell'Europa. La Padania ha sempre avuto contatti strettissimi con i paesi d'oltre Alpi, ha fatto parte delle stesse entità politiche e degli stessi processi culturali. Essa fa parte di quella Europa Lotaringia che unisce i Paesi Bassi alla Toscana e che è da sempre la patria delle autonomie locali, della tolleranza e della strenua difesa delle libertà individuali e comunitarie. Per millenni i suoi legami più stretti sono stati con la Gallia, la Catalogna, la Toscana, la Svizzera, la Baviera, l'Austria, l'Ungheria e anche con l'Irlanda. A questi si aggiungevano stretti rapporti culturali e commerciali con l'Oriente mediterraneo che facevano della Padania un formidabile crocevia di idee, uomini e merci. Con l'unità d'Italia, questi contatti e rapporti si sono rovesciati: tutti i legami storici della Padania sono stati tranciati per creare un sodalizio artificioso e innaturale con Roma, il Meridione e con il mondo mediterraneo. L'Italia romana si colloca oggi ai margini della vera Europa, dove si costruisce la storia e l'economia contemporanea, è un paese provinciale e marginale, quasi balcanico. La Padania si è così trovata a dover intrattenere relazioni con paesi esotici e lontani e a rinunciare ad antichissimi legami organici che solo con l'indipendenza potrà riallacciare ridiventando così un paese europeo a tutti gli effetti.

    24 - Per rispetto di tutti quelli che sono morti per la libertà
    La storia padana è una continua lotta per le libertà e le autonomie dei nostri popoli. Per questo, nel corso dei millenni della loro storia, i Padani hanno sacrificato ricchezze e vite umane: dai combattenti celti e longobardi, ai cavalieri della Lega, dagli Insorgenti fino a tutti gli uomini che sono morti nelle guerre del Risorgimento, sulle barricate milanesi del 1848 per l'autonomia e a San Martino per creare il Regno dell'Italia Superiore. Tutti i nostri morti meritano rispetto, anche quelli che erano "contro" o che sono morti senza la precisa consapevolezza delle loro azioni. L'Italia ha sempre creato discriminazioni anche fra i morti: quelli "buoni" cui dedicare monumenti e onori e quelli "cattivi" da disprezzare e dimenticare. La Padania libera mostrerà grande rispetto per tutti: per i soldati lombardo-veneti di Radetzky che volevano conservare le autonomie locali all'interno dell'Impero e per le migliaia di Padani massacrati nella Prima Guerra Mondiale per disciplina, per senso del dovere e per ubbidienza nei confronti di chi ha abusato di loro "per costruire il sentimento nazionale" e per perseguire fini economici e politici d'altro genere. Tutti i nostri morti saranno rispettati: quelli vittime del colonialismo italiano a fianco di quelli che si sono coscientemente battuti per difendere le proprie case, i propri beni e le proprie antiche libertà contro prepotenti e oppressori.

    25 - Perché lo permettono e sollecitano le norme internazionali
    Esiste tutta una ormai consolidata traccia giuridica internazionale, che va dai 14 punti del presidente Wilson alla Carta di Helsinki e che garantisce il diritto di autodeterminazione di ogni popolo. Secondo tali documenti, che non fanno che ribadire un inalienabile diritto naturale, ciascuna comunità umana deve godere della assoluta libertà di disporre dei propri destini decidendo la propria forma istituzionale, con chi stare e con chi non stare. Tali diritti trovano un elemento di rafforzamento e di quasi-obbligatorietà quando le comunità sono oggetto di deprivazione economica e culturale. La Comunità dei popoli padani è soggetta a ripugnanti forme di oppressione culturale e a un sistematico sfruttamento economico che sottolineano e rendono ancora più legittima la sua richiesta di autodeterminazione. Naturalmente la Padania indipendente dovrà garantire il rispetto di uguali diritti a tutte le sue componenti.

    Ultima modifica di Leghista; 15-03-11 alle 02:36
    Maria Vittoria likes this.

  3. #3
    roma kaputt!
    Data Registrazione
    13 Jun 2010
    Località
    Milàn
    Messaggi
    1,205
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: NOI VOGLIAMO L'INDIPENDENZA DELLA PADANIA

    26 - Per solidarietà nei confronti della nostra gente
    Dietro grandi e ipocrite enunciazioni di solidarietà, il regime italiano nasconde solo la sua continua rapina nei confronti della Padania che accusa di egoismo quando cerca di ribellarsi. I beneficiari della solidarietà forzosa che ci viene imposta sono sempre più lontani o evanescenti (i popoli del terzo mondo, i diseredati della terra) ma in realtà sono i burocrati, i politici e i funzionari dello stato centralista che ingrassano e si arricchiscono alle spalle dei contribuenti padani e un esercito di parassiti (finti invalidi, disoccupati cronici, pensionati baby) che dal Meridione assistito fornisce la forza elettorale che serve per tenere in piedi la struttura di rapina. La solidarietà individuale deve essere frutto di una libera scelta e non può essere imposta per legge. La solidarietà comunitaria è invece il risultato di un patto liberamente sottoscritto fra i membri di una comunità organica e va esercitata innanzi tutto nei confronti dei sottoscrittori del patto, a partire dai più vicini. Oggi sono proprio i nostri bisognosi veri quelli che ricevono meno solidarietà pubblica o che non ne ricevono affatto: gli ospedali padani sono pieni di foresti e di extracomunitari che non hanno mai pagato un soldo di tasse, il nostro sistema sanitario è una greppia su cui si affannano gli sgherri dei partiti romani, e le nostre comunità locali non dispongono più delle risorse per assistere i nostri anziani, bisognosi e ammalati. Nella Padania indipendente ogni comunità dovrà provvedere con le proprie risorse ai propri bisognosi secondo il principio di sussidiarietà: solo quando avremo risolto tutti i nostri problemi, quando avremo organizzato cure adeguate per tutti i nostri malati e anziani, quando ci saremo presi cura di tutti i nostri bisognosi potremo aiutare concretamente anche i (veri) bisognosi altrui.

    27 - Per assicurare la giusta pensione a chi ha lavorato
    Il sistema pensionistico italiano è completamente disastrato e schiacciato da una tremenda mole di debiti derivata anche dall'avere concesso pensioni a milioni di cittadini che non ne hanno diritto, che non hanno mai versato contributi o lo hanno fatto in misura irrisoria e per l'erogazione di lussuose prebende a una schiera di alti burocrati e funzionari, politici, sindacalisti e parassiti di regime. L'istituto della pensione è diventato uno strumento di assistenza e di acquisto di consensi elettorali. Oggi una larga fetta dei contributi viene raccolta nelle regioni padane e una notevole percentuale di pensioni di assistenza (erogate con varie giustificazioni) viene elargita nel Meridione. Lo scandalo delle false pensioni soprattutto di invalidità) continua: hanno avuto esito risi le tanto strombazzate campagne di controllo e di moralizzazione e non esiste alternativa perché il regime sopravvive grazie al voto di scambio che deriva da questa situazione. Lo stato italiano presto non sarà più in grado di pagare pensioni se non con forti aumenti del prelievo fiscale questo penalizzerà i lavoratori che hanno versato regolarmente i contributi e non certo le bande di fannulloni truffatori che non hanno mai pagato una lira. Solo l'indipendenza della Padania, i pensionati padani (v possono vedere assicurata la propria pensione. Non dissanguate dalla rapina continua perpetrata dallo s italiano, le comunità padane saranno infatti perfettamente in grado di fare fronte ai propri impegni sociali fino definizione di una radicale riforma dell'intero settore faccia percepire pensioni maturate dalla capitalizzazione dei contributi.

    28 - Per avere scuole più efficienti
    Il sistema scolastico pubblico italiano è oggi considerato una sorta di area parcheggio per giovani che andranno a intasare il mercato della disoccupazione e una forma di assistenza diffusa per molte migliaia di insegnanti che non avrebbero altro lavoro. Il posto di insegnamento viene usato dal potere politico come merce di scambio elettorale per una grande massa di persone, principalmente di origine meridionale. Distribuendo stipendi a questa gente, il regime si assicura anche un altro servizio fondamentale che consiste nello snaturamento culturale delle regioni padane dove tali insegnanti vengono inviati: essi diventano lo strumento di penetrazione di idee politiche unitariste, di scardinamento di antiche abitudini linguistiche e di massificazione e banalizzazione delle formazioni culturali dei giovani. In una società moderna, il ruolo degli insegnanti deve essere invece fondamentale per la conservazione e il rafforzamento di culture e identità locali: essi devono integrare il lavoro di formazione e di arricchimento identitario delle famiglie. Per questo è fondamentale che gli insegnanti siano locali e che l'insegnamento riguardi anche tutte le forme di cultura e di identità locale. Con l'indipendenza della Padania, il sistema scolastico disporrà di maggiori risorse economiche e sarà organizzato in base al principio di sussidiarietà sui vari livelli di autonomia comunitaria. Analoghe riflessioni vanno fatte per l'istruzione universitaria (nel solco di una tradizione antica, cresciuta proprio in Padania), per la ricerca scientifica e per il valore legale dei titoli di studio.

    29 - Perché lo richiede la globalizzazione dei mercati
    Uno dei motivi che hanno portato alla formazione dei grandi stati nazionali era la necessità di disporre di un mercato interno (spesso protetto) sufficientemente ampio da sorreggere la costruzione di una struttura produttiva industriale. Molti dei più aspri scontri militari sono avvenuti per allargare o difendere tali mercati nazionali e le loro zone di influenza. Oggi i mercati si sono dilatati a dimensione globale e non hanno più senso (né sarebbero possibili) politiche protezionistiche o la conservazione di sistemi di mercato chiusi. Nella competizione economica mondiale (dove tutti devono giocare a tutto campo) sono avvantaggiati i sistemi più agili, moderni ed efficienti in grado di competere sulla base della qualità dei prodotti, dei prezzi e della rapidità di adeguamento ai cambiamenti di esigenze. In questa situazione perdono di significato i mercati nazionali e si trovano fortemente penalizzati i sistemi come quello italiano che hanno altissimi costi di produzione (a causa di una fiscalità esosa), scarsa flessibilità (alta sindacalizzazione e normative farraginose) e un intreccio infrastrutturale antiquato e inefficiente. Oggi la cosiddetta Impresa Italia si trova in enormi difficoltà a causa dell'oppressione statalista, dell'eccessiva (e corrotta) burocrazia che la governa, della situazione da socialismo reale in cui l'ha cacciata la sua classe politica e dell'inefficienza parassitaria di una larga fetta del paese. La Padania indipendente costituirebbe invece una unità produttiva ideale per dimensioni, per caratteri e per propensione all'efficienza: liberata dalla struttura parassita ria dello stato italiano, essa diventerà un soggetto agile e capace di assumere una posizione vincente sul mercato mondiale.

    30 - Per consentire alle nostre Comunità di gestire le proprie risorse
    Oggi gli enti locali padani (Comuni, Provincie e Regioni) ricevono dallo stato centralista romano una piccolissima frazione di quanto le nostre genti versano sotto forma di tasse e di balzelli. 1 nostri enti locali sono in continua lotta con bilanci striminziti che non consentono gli interventi e gli investimenti di cui le nostre comunità avrebbero bisogno per garantirsi qualità di vita di livello europeo. Oggi i Padani hanno un PIL procapite tra i più elevati dell'Unione Europea, soffrono di livelli di prelievo fiscale fra i più alti del pianeta ma vivono in condizioni ambientali e hanno servizi e infrastrutture da terzo o quarto mondo. Lo stato italiano distribuisce le risorse drenate in Padania in funzione clientelare favorendo le regioni meridionali da cui attinge il suo potere elettorale: così i comuni e le regioni del Mezzogiorno ricevono contributi altissimi e le nostre comunità elargizioni che somigliano a elemosine. 1 contributi dello stato ai comuni vanno dalle 220.000 lire pro capite del Friuli alle 544.000 della Campania. Il grado di copertura delle spese programmate va dal 67,1% della Lombardia al 26,4% della Calabria: la differenza viene elargita dallo stato attingendo alle tasse riscosse in gran parte in Padania. Con l'indipendenza si portano i rapporti del dare-avere a valori più onesti e - anche a fronte di una generalizzata diminuzione della pressione fiscale - si avrà un enorme aumento delle risorse a disposizione degli enti locali e delle comunità padane. Non ci sarà più una struttura centrale parassitaria da mantenere e saranno eliminati tutti gli sprechi derivanti dalla gestione clientelare e assistenzialistica del potere.

    31 - Per salvare i nostri risparmi e i nostri investimenti
    Oggi i risparmi dei Padani sono messi a repentaglio dall'esosità dello stato, dall'inflazione e dai vizi del sistema bancario italiano. Lo stato da anni ormai va raccontando di essere riuscito ad abbattere l'inflazione e mente: i suoi dati sono il frutto combinato di manipolazioni statistiche e degli effetti della recessione e contrazione dei consumi. A questo si aggiungono le vessazioni che il potere centrale impone al sistema bancario. Gli istituti di credito padani non sono di fatto liberi di organizzare una propria politica, tutto è regolato per legge ed esistono forti e ingiuste imposizioni sull'indirizzo degli investimenti. Oltre a tutto ciò le banche padane sono continuamente chiamate a fare fronte ai disastri finanziari di quelle meridionali (Banco di Napoli, Sicilcassa, e non è finita ... ) che sprecano risorse, alimentano l'assistenzialismo parassitario e arricchiscono le organizzazioni criminali a spese dei contribuenti. L'Italia è di fatto divisa in due economie che necessitano di due sistemi economici istituzionalizzati e di due monete. Per salvaguardare i risparmiatori e gli investitori padani serve l'indipendenza del nostro paese.

    32 - Per garantire ogni forma di libertà
    L'Italia unita ha sempre avuto una forte propensione per i regimi antilibertari. La sua storia è una continua ricerca dei poteri forti e delle soluzioni autoritarie; è stata una pressoché continua espressione di sopraffazione delle libertà politiche, religiose, economiche, culturali e civili. Questa predisposizione nasce da due fattori principali. Il primo è rappresentato dalla insicurezza identitaria: l'Italia non è mai esistita nella coscienza popolare e si è formata solo con un atto di violenza militare e di sopraffazione politica e per questo necessita di imporsi con la forza. Ogni concessione alle libertà porta inevitabilmente a una esplosione di domanda di autonomia e, quindi, alla disgregazione dello stato nazionale tenuto assieme da prefetti e sbirri. Il secondo fattore deriva dal tipo di cultura dell'etnia predominante e dalla storia di larga parte della penisola che ha conosciuto solo poteri forti, accentratori e assolutisti che non ammettevano alcuna forma di autonomia politica e amministrativa e nessuna forma di dissenso culturale. Questa antica propensione mediterranea e mediorientale per l'illiberalità è stata trasmessa all'Italia unita e fatta propria con facilità da fascisti, comunisti e prepotenti di ogni sorta. Oggi si è creata una nuova forma di regime che nasce dalla saldatura di tutti i poteri forti e occulti di questo paese, dal comunismo al Vaticano, dalle logge industrial-massoniche alla Mafia. t un regime che tende a sopprimere ogni diversità, ogni dissenso e, ogni aspirazione a libertà politiche, religiose e culturali. E anche un regime che è fortemente nemico di ogni aspirazione autonomistica. Solo l'indipendenza della Padania può distruggere alla base ogni tendenza autoritaria di matrice unitarista e meridionale. La storia padana è infatti una continua ricerca di pluralità, di autonomie, e di libertà a tutto campo.

    33 - Per andare e restare in Europa, senza soccombere
    Nonostante tutte le sparate propagandistiche dei regime, la repubblica italiana non è in grado di soddisfare i così detti parametri di Maastricht. Barando sui numeri e moltiplicando i suoi ignobili trucchi contabili, il regime potrà forse riuscire a stare dentro ai limiti richiesti per il PIL e per l'inflazione ma non riuscirà mai a gestire il suo enorme debito pubblico, che è oltre a tutto assai più grande di quanto ammesso. Quando anche, per una operazione di salvataggio politico truffaldino per ragioni politiche degli altri governi, l'Italia dovesse essere ammessa alla prima fase dell'Unione Monetaria, essa non sarà comunque in grado di tenere il passo con le altre economie se non con sacrifici di portata tale da schiacciare definitivamente la nostra economia. In queste condizioni l'Europa non potrà che essere una presenza disastrosa per l'Italia. Molto diverso è il discorso per la Padania indipendente che potrebbe non solo accedere alla Comunità con una certa facilità ma che vi potrebbe anche rimanere in condizioni di grande vantaggio per la sua alta competitività. Per questo occorre subito creare un sistema di doppia moneta che permetta alla Padania di accedere da subito a Maastricht e all'Italia meridionale di potere svalutare liberamente la propria valuta e tentare di tornare concorrenziale sui mercati mondiali. L'indipendenza della Padania è un vantaggio anche per l'Italia.

    34 - Per essere ricchi
    Oggi la Padania ha un Prodotto interno lordo per abitante tra i più alti dell'Unione Europea: in particolare la Valle d'Aosta, la Lombardia e l'Emilia hanno un PIL che è più alto del 125% del valore medio comunitario e le altre regioni padane un PIL che va dal 100 al 125% della stesso valore. Questo significa che, anche nelle sue attuali condizioni di sottomissione coloniale, la Padania è tra le comunità più ricche dell'Unione Europea. Nel caso di indipendenza e di liberazione dai balzelli, dallo sfruttamento economico e dalle imposizioni romane, il nostro paese potrebbe ulteriormente accrescere la propria ricchezza diventando uno dei paesi più prosperi del mondo intero. 1 popoli padani hanno faticosamente conquistato le loro attuali condizioni con l'intelligenza, con il lavoro, la costanza e lo spirito di sacrificio di generazioni. Oggi la Padania è però sottoposta a uno sfruttamento economico che non ha uguali al mondo intero: ogni padano "regala" all'Italia parecchi milioni l'anno e l'unità è costata alla Padania una cifra enorme che qualcuno ha detto essere addirittura superiore al drenaggio di ricchezze effettuato dall'Impero Spagnolo in tutta l'America latina nel corso di parecchi secoli. Se guadagnata onestamente e correttamente, la ricchezza è un vantaggio ma anche una ragione di orgoglio di un popolo che ha il diritto di conservarla e di difenderla da ogni interferenza esterna e da ogni tentativo di rapina. La migliore difesa della giusta prosperità dei padani è l'indipendenza della nostra terra.

    35 - Per una busta paga più giusta
    Oggi la busta paga dei lavoratori dipendenti è più che dimezzata da tasse e balzelli ma è anche gravata da prelievi finalizzati a mantenere una struttura sindacale parassitaria e asservita al regime. 1 lavoratori dipendenti sono costretti a pagare contributi che servono al mantenimento di falsi invalidi, di baby pensionati e di gente che non ha mai lavorato ma che riceve pensioni in cambio del sostegno elettorale ai partiti di regime. 1 lavoratori dipendenti sono anche costretti a pagare contributi per l'assistenza sanitaria a malati per vocazione, a fannulloni e a extracomunitari che non hanno mai pagato una lira di tasse. L'alto livello di tassazione serve a mantenere un apparato burocratico elefantiaco e una massa di assistiti che nulla produce per la comunità: questo incide però sul costo del lavoro il cui peso rende le nostre aziende meno competitive, frena la nostra economia e aumenta la disoccupazione. Poco diverso è il discorso sui redditi dei lavoratori autonomi che sono vittime dello stesso esoso regime fiscale ma che non godono neppure degli scarni vantaggi assistenziali e pensionistici dei lavoratori dipendenti. Tutte queste tasse diminuiranno inevitabilmente nella Padania indipendente che avrà una struttura statale più leggera e che ridurrà l'intervento pubblico al minimo indispensabile.

    36 - Per dare un avvenire sicuro ai nostri giovani
    Oggi in Italia ci sono tassi di disoccupazione piuttosto elevati che atrofizzano il mercato del lavoro, frustrano ogni sorta di mobilità e di fatto, impedendo di scegliere il lavoro più gradito, abbassano i livelli di efficienza e di produttività complessivi. Nella ricerca di un impiego i nostri giovani devono subire la massiccia concorrenza di masse di meridionali con appoggi politici e corredati di titoli di studio conseguiti in allegria in generosi istituti scolastici del Sud. Essi devono anche affrontare la concorrenza di extracomunitari pronti a qualsiasi lavoro, in qualsiasi condizione e a qualsiasi prezzo. Come se tutto ciò non bastasse, lo stato italiano investe somme ingenti per l'occupazione giovanile solo nelle regioni meridionali elargendo lauti "prestiti d'onore" e finanziamenti che sono in realtà delle regalie a fondo perduto e nega ai giovani padani sovvenzioni e aiuti che creerebbero reale occupazione e genererebbero concorrenzialità con l'estero e nuove ricchezze. Con l'indipendenza si aprirebbero grandi spazi per i nostri giovani che avrebbero a disposizione gli impieghi pubblici e il mercato del lavoro privato (dipendente o autonomo) fra cui scegliere in libertà, senza assilli di concorrenti "sleali" e prepotenti, in coerenza con le loro vocazioni e aspirazioni e con grandi vantaggi per l'efficienza produttiva complessiva.

    37 - Per disporre di forze armate efficienti
    Le forze armate italiane sono sempre state intese come una occasione di lavoro assistenziale, come uno strumento di unificazione forzata dei popoli della penisola e come un mezzo di repressione e di aggressione. Dall'unità si è rinunciato alla leva regionale per paura di ingovernabilità dei reparti (per aspirazioni autonomiste, diversità etno-linguistiche o per più semplici propensioni al ribellismo e all'indisciplina di talune genti) e si sono usate le forze armate come uno strumento per amalgamare giovani di varia provenienza e di costruire con la forza un sentimento di unità inesistente: in alcuni casi questo obiettivo è stato addirittura perseguito con guerre sanguinose e disastrose. Questo utilizzo dei giovani lontano dalle proprie comunità di origine ha anche permesso nel passato l'impiego delle unità militari in funzione repressiva di moti popolari o di aggressione colonialista nei confronti di etnie minoritarie. Negli ultimi decenni le forze armate sono anche state viste come una occasione per dare uno stipendio a masse di meridionali disoccupati e privi di specifiche qualità professionali. Tutti questi elementi combinati hanno procurato alle forze armate italiane una fama di inefficienza meritata in una lunga sequela di insuccessi, sconfitte, catastrofi militari e cedimenti psicologici. La Padania libera costruirà le sue forze armate sulla base del reclutamento locale (in sintonia con la gloriosa tradizione dei reparti alpini, che oggi vengono invece soppressi) e ne farà un elemento di efficienza e di difesa di autonomie, identità e libertà.

    38 - Per avere una informazione più libera
    Oggi l'informazione è nelle mani di pochi potentati economici e di gruppi politici. La televisione di stato è uno strumento di propaganda del regime catto-comunista e le televisioni private appartengono a cricche economiche compromesse col potere politico e sospettate di collusioni mafiose. Lo stesso vale per i grandi quotidiani che sono asserviti a lobbies industriali o partitiche. Lo stato italiano non ha mai saputo rinunciare a voler creare un regime anche e soprattutto mediante il controllo degli strumenti di comunicazione e non ha mai saputo darsi delle regole chiare e funzionanti per impedire la formazione di pericolosi monopoli. La Padania indipendente sarà uno stato confederale, non avrà la necessità di costruire un consenso forzoso attorno a un progetto impopolare (come è oggi l'unità), non avrà poteri politici forti e centralizzati e - soprattutto - sarà in grado di esprimere il vero liberismo attraverso la difesa della pluralità dell'informazione, garantita da adeguate leggi anti-trust.

    39 - Per ridurre l'evasione fiscale
    Fa parte del bagaglio delle menzogne del regime italiano sostenere che l'evasione fiscale sia un fenomeno padano e che i padani abbiano la vocazione degli evasori. Si danno poi cifre assolutamente inattendibili per cercare di dimostrare che la lotta all'evasione potrebbe consentire di risanare le disastrate finanze dello stato. Il fenomeno dell'evasione è invece assai più rimarchevole nel Mezzogiorno dove il lavoro in nero è diffuso, dove molti statali hanno un doppio impiego, dove circolano enormi quantità di denaro frutto di azioni malavitose, dove alcuni balzelli (come il canone TV o il bollo auto) vengono allegramente e sistematicamente ignorati e dove una larga fetta delle costruzioni sono abusive. 1 dati disponibili descrivono una evasione meridionale assai diffusa: si ritiene ad esempio che la percentuale di potenziale evasione ICI vada dall'1,43% della Lombardia al 17,64% della Calabria. A tutto questo si deve aggiungere che i controlli vengono effettuati quasi esclusivamente in Padania (dove spesso assumono carattere persecutorio e punitivo) e che gran parte degli 007 del Ministero delle Finanze se ne sta scrupolosamente lontana da certe aree meridionali. L'evasione è in ogni caso legata al livello di tassazione e tende a crescere in situazioni di oppressione fiscale esercitata anche attraverso la moltiplicazione dei balzelli e la complicatezza degli adempimenti. Nella Padania indipendente la pressione fiscale sarà molto più bassa, semplificata e la sua gestione sarà affidata a enti molto più vicini ai cittadini (Comuni, Province) e sulla base delle reali esigenze delle comunità e in virtù di scelte democratiche. Ogni comunità deciderà infatti, sulla base del principio di sussidiarietà, quali spese saranno necessarie e in quale modo reperire le relative risorse finanziarie.

    40 - Per liberarci da tutte le pantegane di regime
    Dietro all'unità e ai suoi simboli retorici, ma anche dietro alle leggi liberticide e fasciste che vengono applicate contro chi propugna le autonomie si nascondono tutti gli intrallazzi e gli affari più loschi imbastiti da una classe politica fatta di vecchie pantegane. Sarnuel Johnson diceva che "il patriottismo è l'ultima difesa dei mascalzoni" e tale definizione si attaglia perfettamente all'attuale situazione italiana che vede gruppi di potere ambigui, sodalizi mafiosi, maneggioni curiali e parassiti di partito e di sindacato, tutti uniti nel difendere la sacralità dell'unità d'Italia e per sventolare il tricolore. L'indipendenza della Padania dovrà anche significare un radicale rinnovo della classe dirigente e una drastica contrazione dei poteri affidati a politici e burocrati. La Padania avrà una struttura federale basata su comunità organiche che controlleranno le poche attribuzioni rimaste ai poteri pubblici ai livelli più bassi possibili, dove il controllo democratico del popolo sarà più facile e immediato e dove sarà più difficile ripristinare il sistema corrotto e costoso che è diventato la norma nella repubblica italiana.

    41 - Per ricostruire una società più civile
    Oggi anche le regioni padane vengono impestate da comportamenti e da manifestazioni di immoralità che non appartengono alla cultura dei nostri popoli ma, quel che è peggio, certi comportamenti deviati vengono ormai quasi tranquillamente accettati quando non addirittura contrabbandati come normali. Atti che in passato avrebbero suscitato la reazione sdegnata delle nostre genti vengono ora subiti con rassegnazione. Rapimenti, estorsioni, scippi, violenze sui minori, rapporti incestuosi, lo sfruttamento della prostituzione di famigliari e violenze sanguinarie e gratuite non hanno mai avuto nessuna ospitalità o indulgenza nella vita sociale delle nostre comunità neppure nei momenti più tristi della loro lunga storia. Lo stesso vale anche per comportamenti assai meno gravi ma non meno fastidiosi che sono invece diventati normale quotidianità: ci sono atteggiamenti incivili nei confronti del prossimo che sono stati importati da altre latitudini che un tempo erano da noi appannaggio solo di pochi maleducati. Il chiasso per strada e nelle case, la sporcizia, l'incuria, il disordine, il gettare tutto per strada, i botti a Capodanno, le piccole e grandi prepotenze, le raccomandazioni, la pretesa di accedere col denaro a qualsiasi cosa, gli sberleffi per gli anziani sono tanti piccoli segni di un disegno che viene perseguito con l'utilizzo di certi flussi migratori ma anche attraverso gli spettacoli televisivi. Si tratta di una melassa di inciviltà che ci allontana sempre più dal normale comportamento degli altri popoli europei e che può esser efficacemente curata con l'indipendenza e con il ripristino di consuetudini padane di vita civile.

    42 - Per rivitalizzare il senso di appartenenza alle nostre comunità
    La pretesa propagandistica di inventare una identità italiana ha avuto come inevitabile e triste corollario il tentativo di soffocare e marginalizzare ogni autentico senso di appartenenza alle comunità organiche o alle 'Piccole Patrie" padane. Si è cercato di creare un senso di italianità (sempre impregnato di meridionalismo e di retorica), si è addirittura arrivati alla follia di voler definire una "pura razza italiana", si è combattuto l'uso delle lingue locali anche con leggi liberticide, si è riscritta la storia e si sono cercati di cancellare i mille smaglianti colori delle diversità padane sotto una uniforme mano di grigio. Ogni manifestazione di localismo è stata bollata come "campanilismo" e si è cercato di ridurre le culture locali a fenomeni di folklore. Il senso di appartenenza alle comunità organiche è però stato più forte di ogni prepotente imposizione di italianità e oggi riaffiora con energia e vitalità. L'indipendenza della Padania si basa anche su questi sensi di identità che verranno riconosciuti, istituzionalizzati e assunti quali principi di fondazione delle ritrovate libertà. La Padania sarà la libera unione fraterna delle Comunità storiche ed etno-nazionalistiche che la compongono, la fanno ricca e la distinguono dal grigiore degli stati centralisti.

    43 - Per favorire le attività artigianali e commerciali
    Da sempre la Padania è terra di commercianti e di mercanti abili e coraggiosi; le navi veneziane e genovesi hanno costruito il commercio moderno assieme ai banchieri e ai mercanti lombardi e toscani. Le nostre terre hanno anche sempre prodotto artigiani e imprenditori capaci di produzioni bellissime e altamente competitive; lo stesso spirito di amore per il lavoro sposato a inventiva e intelligenza ha creato un ricco tessuto di piccole e medie imprese che proseguono l'antica tradizione delle botteghe. Nel mercato globale contemporaneo, gli artigiani, gli imprenditori e i commercianti padani costituiscono una ineguagliabile opportunità di ricchezza. U Italia unita da sempre penalizza queste categorie preferendo favorire la grande impresa assistita e politicizzata e la grande distribuzione gestita dai maggiori gruppi di potere e anche da sodalizi malavitosi. Nella Padania indipendente queste categorie avranno una funzione economica e sociale portante e non dovranno più subire l'aggressione sistematica di una burocrazia maliziosa e della malavita, né la concorrenza di un abusivismo petulante e protetto dalle autorità italiane che disprezzano ogni libera attività imprenditoriale e che (giustamente) la ritengono fonte di aspirazioni autonomiste e liberiste.

    44 - Per eliminare ogni violenza di Stato
    Per proteggere la precaria costruzione unitaria, lo stato italiano ricorre da sempre a mezzi coercitivi e a violenza istituzionalizzata che ha assunto i caratteri formalmente legalitari del Codice Rocco, dell'impiego di questurini e di giudici ma anche quelli ancor meno presentabili dei Tribunali Speciali, dei servizi segreti e delle oscure trame stragiste. C'è un diretto filo rosso che lega i cannoni di Bava Beccaris con le cariche di polizia contro gli allevatori e i produttori di latte, che unisce l'impiego di manganellatori fascisti contro le minoranze etno-linguistiche e le aggressioni degli autonomi ai gazebi, c'è una precisa continuità fra le manifestazioni interventiste e patriottiche dannunziane e fasciste e quelle organizzate con denaro pubblico per portare i galeotti, i falsi pensionati e i sindacalisti a sfilare contro gli indipendentisti padani. Le finte bombe sudtirolesi e l'atteggiamento tenuto nei confronti dell'azione dei Serenissimi hanno molte somiglianze sospette con cento altri episodi poco chiari della storia unitaria anche recente. La rivoluzione indipendentista è pacifica e del tutto pacifica sarà l'istituzione a cui darà vita. Nella Padania libera non ci saranno processi politici, reati di opinione, giudici persecutori di idee politiche e la polizia sarà al servizio della sicurezza e della tranquillità dei cittadini

    45 - Per avere una sanità degna di un paese civile
    Il servizio sanitario italiano è oggi una macchina costosissima, inefficiente e ingiusta. Essa assorbe una quantità incredibile di risorse economiche e non assicura, se non episodicamente, servizi degni di un paese civile. Esso è un altro strumento di lottizzazione e di assistenzialismo partitocratico dove la professionalità viene quasi sistematicamente sacrificata a vantaggio di trame baronali, potentati corporativi e raccomandazioni politiche. A fronte di sprechi ingenti si hanno incredibili inefficienze che si risolvono a danno della qualità del servizio con esiti molto spesso drammatici. Ci sono ricoveri inutili e costosi, malati immaginari e demagogici slanci di assistenza gratuita nei confronti di stranieri che non hanno mai versato una lira di contributi e che magari ricorrono al servizio per le conseguenze di atti malavitosi. 1 cittadini padani, cui vengono estorte somme considerevoli sotto la voce di "tassa della salute" devono utilizzare strutture fatiscenti, intasate di foresti, sporche e a volte frequentate da personale scortese e incapace. Nella Padania indipendente i cittadini potranno liberamente scegliere fra il servizio privato e quello pubblico cui sarà affidato un ruolo prevalentemente solidaristico. La nostra gente merita un servizio sanitario degno di un paese avanzato.

    46 - Per diminuire le tasse
    Il sistema fiscale italiano è odioso, iniquo, vessatorio e demenziale. I cittadini onesti sono bombardati di richieste con scadenze sempre più ravvicinate da soddisfare con modalità complicatissime e da pagare in troppi modi diversi: bolli, versamenti postali, esattorie, mandati bancari, il tutto sempre accompagnato da formulari, dichiarazioni e documenti redatti con linguaggi incomprensibili e pieni di trabocchetti. Lo stato spia i cittadini, ne calcola i redditi e il tenore di vita con formule astruse, li costringe a faticose maratone per effettuare pagamenti strampalati e li sottopone a inquisitorie ispezioni corredate da prepotenze, ingiunzioni di ulteriori pagamenti quando non da richieste di mazzette. Oltre che rapinato, il cittadino viene tartassato con sadismo mediterraneo che lo vuole spremere e umiliare: i Padani vivono in una sorta di sequestro permanente nel quale devono pagare periodiche rate di un riscatto che verrà solo con l'indipendenza della loro terra. Il livello di tassazione è uno dei più alti del mondo e non è neppure giustificato dalla qualità dei servizi che lo stato eroga ai cittadini, come avviene negli altri paesi a elevata fiscalità. Si tratta di un sistema di rapina che sottrae risorse agli investimenti e provoca recessione economica, che innesca fenomeni di evasione, genera sistematiche occasioni di malversazione e corruzione, scatena conflittualità e - sopra tutto - vessa i popoli padano-alpini trasferendo allo stato centrale e al meridione le ricchezze da loro prodotte. 1 valori del residuo fiscale vanno dai 2.385.000 lire che ogni cittadino lombardo versa in più rispetto a quanto riceva in servizi (teorici) dallo stato, ai 7.458.000 che ogni residente in Basilicata riceve in più di quanto paghi allo stato, secondo i dati ufficiali. Con l'indipendenza della Padania diminuiranno i costi della macchina pubblica e gli sprechi e quindi potrà essere notevolmente ridotto il prelievo fiscale che verrà oltre a tutto gestito a livello locale con grandi vantaggi di efficienza e di trasparenza.

    47 - Per dare la precedenza ai padani
    Oggi i Padani si vedono sistematicamente sorpassati da gente foresta in tutte le assegnazioni di case popolari, nelle assunzioni e in ogni altra attribuzione di privilegi o di atti dovuti. La residenza, l'appartenenza a una terra la consuetudine di generazioni con un paese hanno maturato una serie di diritti che nessuna legge può negare: costruire punteggi su altri parametri fittizi costituisce una grande ingiustizia nei confronti dei Padani. Ci sarà sempre al mondo qualcuno più povero, più prolifico o più prepotente di un Padano anziano e bisognoso per portargli via qualcosa che è suo per diritto di nascita, di cultura e di fatica millenaria. Nella Padania libera, cittadinanza e residenza non saranno benefici che potranno essere concessi a tutti senza qualche titolo di merito; potrà anche essere introdotto il concetto di "attinenza" (di legame antico con una comunità locale) che costituirà l'elemento determinante per tutte le priorità, nell'assegnazione di lavoro, nelle concessioni di autorizzazioni a svolgere attività economiche, nell'assegnazione di case e di permessi di costruire. Solo quando saranno soddisfatti i bisogni degli appartenenti alla comunità si potrà pensare di aiutare o concedere spazio a gente foresta.

    48 - Per diminuire il peso dello stato
    In assenza di una identità nazionale comune, l'unità d'Italia è tenuta assieme da una rigida struttura statale che aumenta il suo peso e la sua presenza man mano che emerge con evidenza la mancanza di giustificazioni morali e culturali per la sua stessa esistenza. Oggi l'Italia è rimasta uno dei pochi paesi di socialismo reale dove lo stato controlla ogni attività, si ingerisce nella vita dei singoli, delle famiglie e delle comunità organiche e si attribuisce il potere di gestire ogni aspetto della vita economica, culturale e sociale. Esso esercita questo suo opprimente controllo attraverso le sue tentacolari strutture burocratiche stipate di milioni di funzionari, in larga parte arroganti, neghittosi e inefficienti, spesso corrotti e quasi sempre meridionali. Tutto viene controllato e nulla funziona, ogni operazione richiede tempi da ere geologiche e tonnellate di carta. La giustizia si perde fra verbali, corridoi e giudici litigiosi che si scambiano accuse deflagranti. Tutto si aggroviglia in una melassa mediterranea di certificati, bolle di accompagnamento, carte bollate, autentiche di firme, timbri e sigilli dove i cittadini "normali" restano impantanati e al di sopra della quale volteggiano con grande spigliatezza "gli amici degli amici" per cui tutto è facile e semplice e per cui si trovano sempre i cavilli e le interpretazioni procedurali giuste. à una macchina odiosa e costosa che permette però, assieme alle strutture parallele rappresentate dai partiti e dai sindacati istituzionali, la sopravvivenza del regime italiano con i milioni di voti assicurati dagli assistiti, dai clientes, dai burocrati e dalle loro famiglie. Nella Padania indipendente la macchina pubblica sarà ridotta al minimo indispensabile per fare funzionare quelle pochissime funzioni che resteranno allo stato federale: la giustizia, la difesa, la moneta, la politica estera e qualche compito di coordinamento. Tutto il resto sarà gestito localmente o privatamente.

    49 - Per avere finalmente riforme vere e radicali
    Il regime italiano si è cristallizzato in una serie di equilibri precari che gli permettono di sopravvivere solo se nulla cambia. Ogni movimento brusco, ogni cambiamento può provocare il crollo di tutta una costruzione pasticciata, priva di basi morali e storiche e puntellata solo dall'applicazione di leggi liberticide e repressive e da una massa di parassiti mantenuti dal sistema. E una situazione molto simile a quella degli ultimi anni dell'Unione Sovietica che in più rispetto alla repubblica italiana aveva anche una notevole forza militare, un passato storico e residue pulsioni ideali. La storia ci insegna che per effettuare cambiamenti di qualche portata si devono sfruttare (o provocare) avvenimenti traumatici e rivoluzionari. Questi non significano necessariamente esplosioni di violenza o azioni sanguinarie: si possono effettuare radicali cambiamenti anche in forma pacifica e democratica. La già citata dissoluzione dell'Impero Sovietico, la rivoluzione gandhiana, le cadute dei regimi dittatoriali della penisola iberica, la fine dell'apartheid in Sudafrica e la riunificazione tedesca sono altrettanti esempi di come grandi sconvolgimenti politici, sociali e culturali possano avvenire in forma sostanzialmente non-violenta. Oggi i nostri popoli vivono in una condizione di grande costrizione economica, di repressione politica e di colonialismo etno-culturale all'interno di strutture politiche obsolete, antiquate e corrotte. Non servono più false promesse o ridicoli palliativi: tutto questo può essere mutato solo con un cambiamento risolutivo come quello dell'indipendenza della Padania e della creazione di una nuova e moderna Comunità di popoli federati.

    50 - PERCHE' LO VUOLE LA GENTE !!!
    La nostra gente, i nostri popoli e le nostre comunità organiche sono i soli depositari del proprio destino. La loro volontà è più forte di qualsiasi Costituzione, di ogni regime, di tutti gli articoli del Codice Rocco, di magistrati, poliziotti, vescovoni, politici e pantegane di regime. Anche tutte le motivazioni che sono state fino a qui descritte perdono di valore se non sono suffragate e fecondate dalla volontà popolare. Solo i nostri popoli hanno l'autorità per decidere del loro futuro, del destino dei loro figli e dei loro paesi, delle leggi che si devono dare e delle forme istituzionali nelle quali vogliono vivere. E' una autorità che gli viene dal diritto acquisito in migliaia di anni di lotte, di fatica e di intima comunanza con questa terra che è stata fecondata dal loro sangue e dal loro lavoro, e che hanno difeso contro ogni straniero prepotente. Solo i Padani possono decidere il destino della Padania, possono decidere con chi stare e con chi non vogliono stare, nel rispetto di un inalienabile diritto naturale. Se i popoli padani decideranno che la Padania deve essere libera e indipendente, allora la Padania sarà libera e indipendente.


    Ultima modifica di carlomartello; 30-03-11 alle 15:40
    Maria Vittoria likes this.

  4. #4
    Juv
    Juv è offline
    Moderatore
    Data Registrazione
    03 Jun 2006
    Località
    Quel Posto Davanti al Mare
    Messaggi
    32,725
    Mentioned
    52 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Rif: NOI VOGLIAMO L'INDIPENDENZA DELLA PADANIA

    Fatelo sapere anche a Via Bellerio.
    GILANICO likes this.
    "Insomma se è in gamba, ti porta l'aereo così basso.. ehehehe...
    Lei dovrebbe vederlo, è uno spettacolo: un gigante come il B-52.... BHOOAAAMMM!!!!.. con i gas di scarico t'arrostisce le oche vive!!"

  5. #5
    come killer
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    MILANO CAPITALE
    Messaggi
    3,108
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: NOI VOGLIAMO L'INDIPENDENZA DELLA PADANIA

    I militanti esistono per questo, a dare la sveglia ai dirigenti, smarriti nei meandri dei palazzi romani!!!
    In ogni caso questo paese è irriformabile, di riffà o di raffà si spaccherà!! E' solo questione di tempo...
    Scorpione Nero likes this.

  6. #6
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,543
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: NOI VOGLIAMO L'INDIPENDENZA DELLA PADANIA

    Citazione Originariamente Scritto da kappa Visualizza Messaggio
    I militanti esistono per questo, a dare la sveglia ai dirigenti, smarriti nei meandri dei palazzi romani!!!
    In ogni caso questo paese è irriformabile, di riffà o di raffà si spaccherà!! E' solo questione di tempo...

    sperèm

  7. #7
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: NOI VOGLIAMO L'INDIPENDENZA DELLA PADANIA

    ma la lega aiuta questo processo di disgregazione ?

  8. #8
    roma kaputt!
    Data Registrazione
    13 Jun 2010
    Località
    Milàn
    Messaggi
    1,205
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: NOI VOGLIAMO L'INDIPENDENZA DELLA PADANIA

    Citazione Originariamente Scritto da dime can Visualizza Messaggio
    ma la lega aiuta questo processo di disgregazione ?
    La Lega pensa (sul serio) alla secessione?

    Il Blog di Marcello Foa

    Nel giorno del 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia, a far titolo è stata ancora una volta la Lega. In pochi giorni abbiamo visto:

    - centinaia di consiglieri regionali abbandondare l’aula quando è stato suonato l’Inno nazionale,
    - consiglieri comunali a Milano spostare provocatoriamente in piazza le scrivanie per dimostrare che non lavoravano e non festeggiavano,
    - il presidente del Consiglio regionale, Boni, dichiarare che l’Alzabandiera è fascista,
    - Borghezio insultare l’Inno e pronosticare a breve un’Italia divisa in due “come il Belgio”.

    Poi Bossi ci ha messo una pezza: è andato in Parlamento a seguire le celebrazioni con i tre ministri leghisti. Ma solo un parlamentare leghista era presente, tutti gli altri sono rimasti a casa. E i ministri leghisti non si sono mai uniti agli applausi in aula a Napolitano e alle altre cariche dello Stato.

    Da un lato la Lega dà fiato e soddisfazione alla sua base elettorale più estrema, evitando però di rompere con il governo e dunque di mettere in imbarazzo Berlusconi. A breve, non si annunciano scossoni politici. Ma nel lungo…

    Beh, nel lungo periodo il discorso potrebbe essere diverso. La mia impressione è che queste manifestazioni di dissenso non siano meramente tattiche, ma strategiche ovvero che la Lega non creda più all’Unità d’Italia e forse nemmeno, senza dichiararlo apertamente, al federalismo, perlomeno nell’attuale versione. E dunque che ritenga la secessione l’unica soluzione ai mali del Paese e al disagio delle regioni del Nord.

    Se si fosse accontentata del federalismo, infatti,il suo atteggiamento sarebbe stato diverso. L’America è federalista ma molto patriottica, la Confederazione elvetica unita, pur nella diversità, da un forte senso di appartenenza, la Germania fiera di essere tedesca.

    La Lega di oggi, invece, dimostra di non riconoscersi più nei valori nazionali; vuole strappare, avendo percepito nei suoi territori un’insofferenza marcata nei confronti dello Stato italiano o forse ritenendo questa l’unica salvezza al tracollo che l’Europa e la globalizzazione potrebbero imporre all’Italia.

    A meno che le provocazioni di oggi non servano a strappare nuove concessioni a un federalismo più volte annunciato, insoddisfacente e ancora lontano…

    In ogni caso Bossi, sorprende ancora dimostrando di essere un politico abile e imprevedibile. Mi chiedo: vuole più federalismo o andare via, sul serio, dall’Italia?







    “Il tempo passa anche per me. Sul Monviso l’altro giorno mi mancava il fiato, si sa che lì manca l’ossigeno. Per fortuna che c’erano mio figlio e mia moglie Manuela. Andrò in pensione solo quando la Padania sarà realizzata. Ma noi andremo avanti fino alla fine per portare avanti la battaglia di libertà della Padania, a cui abbiamo dato i nostri figli”.
    Ultima modifica di Leghista; 17-03-11 alle 19:45
    Scorpione Nero likes this.

  9. #9
    Apologia cattolica
    Data Registrazione
    23 Aug 2010
    Località
    Latina
    Messaggi
    31,951
    Mentioned
    116 Post(s)
    Tagged
    41 Thread(s)

    Predefinito Rif: NOI VOGLIAMO L'INDIPENDENZA DELLA PADANIA

    ahem, quelle 50 soluzioni, si possono realizzare anche senza staccarsi
    e poi mi pare che la stessa Lega è stata esplicita
    "festeggieremo l'Unità solo con il federalismo" hefico:
    (Gv 3, 20-21)
    Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio

  10. #10
    roma kaputt!
    Data Registrazione
    13 Jun 2010
    Località
    Milàn
    Messaggi
    1,205
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: NOI VOGLIAMO L'INDIPENDENZA DELLA PADANIA

    Citazione Originariamente Scritto da Haxel Visualizza Messaggio
    ahem, quelle 50 soluzioni, si possono realizzare anche senza staccarsi
    e poi mi pare che la stessa Lega è stata esplicita
    "festeggieremo l'Unità solo con il federalismo" hefico:
    La lega può dire quello che vuoi ma in realtà è chiaro che nessuno è soddisfatto delle briciole che gli italiani ci hanno (forse) concesso...............se veramente ci staccassimo invece avremmo risolto non dico TUTTI i nostri problemi (sarei tentato però.....) ma BUONA PARTE sì.............:giagia:
    Il Nord da questa unione continua ad essere penalizzato........per cosa?Per far contenti i fraddelli d'iddalia meridionali. Eh no!! Meglio la separazione. Il nostro sogno resta una Padania come la Svizzera, federalista, libera e sovrana. E come non potrebbe.....?!....:giagia: L'italia con tutta la sua zavorra mutila e offusca le nostre potenzialità in ogni campo e virtù civili!!!
    Ultima modifica di carlomartello; 30-03-11 alle 15:47
    Scorpione Nero likes this.

 

 
Pagina 1 di 12 1211 ... UltimaUltima
Correlati:

Discussioni Simili

  1. Come ottenere l'indipendenza della Padania.
    Di rafrad6164 nel forum Padania!
    Risposte: 45
    Ultimo Messaggio: 11-01-09, 06:51
  2. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 11-09-08, 21:24
  3. Lega Nord Per L'indipendenza Della Padania
    Di padus996 (POL) nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 22-09-05, 19:26
  4. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 17-06-04, 20:46
  5. Vogliamo direttore della Padania un vero leghista!!
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-09-02, 06:16

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Single Sign On provided by vBSSO

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225