User Tag List

Risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: Aumentano i delusi?

  1. #1
    Forumista
    Data Registrazione
    07 Dec 2010
    Messaggi
    174
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Lettera di addio di un militante storico Bergamasco!


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    35,324
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Lettera di addio di un militante storico Bergamasco!

    Lettera che rispecchia al 100% lo spirito di tutti noi.
    I nostri sogni, le nostre aspirazioni e, per ora, per colpa della Lega, le nostre illusioni.
    Ho tuttavia estrapolato una frase che riporto.
    "la dirigenza della Lega ormai Berlusconizzata non si è accorta della voglia che la gente comune come me ha di seccessione e libertà dalla politica romana."
    Questa frase mi fa riflettere.
    Possibile mai che una persona che ritengo di poter stimare, imprenditore, se eletto dal suo popolo degno di rappresentarlo nelle massime istituzioni, uno quindi che ha vissuto la Lega fino in fondo, uno così dico, sia ancora a pensare che "la dirigenza della Lega non si è accorta?".
    Se ne accorta eccome! Sin dal suo arrivo in politica, avvenuto proprio per soffocare questa voglia!
    Sono esterefatto!
    Con tutta la simpatia possibile, mi viene da dire: "Pur Gioanin!".
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  3. #3
    Forumista
    Data Registrazione
    11 Jan 2011
    Località
    PADOVA
    Messaggi
    238
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Aumentano i delusi?

    Ongaro: lascio la Lega del "magna magna" Via un pezzo di storia del Carroccio



    Pubblichiamo una lunga lettera di Giovanni Ongaro, leghista della prima ora, tra i fondatori del Carroccio in terra orobica e tra i primi quattro deputati leghisti eletti in provincia di Bergamo, tra i fondatori del Carroccio in terra orobica.

    Egr. Direttore,

    la ringrazio per l’ospitalità che mi concede nel pubblicare la lettera di commiato ad una militanza durata 23 anni, quella mia, nella Lega Nord.
    Sulla base di quello che sta succedendo al partito, con varie lotte di potere interne e per la politica ormai "romana" che la Lega sta attuando, in questo ultimo anno è maturata in me la volontà di abbandonare la militanza.
    Tale decisione si è concretizzata con gli eventi di questi ultimi mesi, infatti ho deciso di non rinnovare per l’anno 2011 la tessera di socio militante ordinario, una delle prime tessere rilasciate nel 1988 dopo l’elezione a consigliere comunale di Gandino.
    Era il lontano 1987, quando mi capitò tra le mani un volantino della Lega Lombarda con titolo “Padroni a casa nostra”e nello scorrere il programma capii che quanto scritto era ciò che io e molta gente del Nord, pensavamo; da quel giorno non persi tempo a contattare la segreteria di Bergamo e ad organizzare a fine 1987 un’assemblea pubblica a Gandino.
    Da quel momento fu un susseguirsi di incontri per la costituzione dei vari gruppi di sostenitori in tutta la Val Seriana e da lì a poco iniziarono ad arrivare i successi elettorali.
    Il primo fu nel 1988 quando decidemmo di presentare la lista alle comunali di Gandino, il risultato fu quello di ottenere un consenso del 25%, mandando per la prima volta la D.C. al compromesso storico con il P.C.I.
    L’anno dopo fu eletto il primo sindaco della Lega nel comune di Cene, nel 1992 venni eletto alla Camera dei Deputati, con 4800 preferenze, in veste di Onorevole.
    Ricordo la visita turistica guidata, alla Camera dei Deputati, organizzata da Bossi: eravamo 55 parlamentari accompagnati dai Commessi, per prenderne visione; feci una domanda al capo dei Commessi, un certo Rosi: “Cosa ne pensa dei titoli dei quotidiani sulla calata dei nuovi Barbari a Roma?” La risposta fu secca e lapidaria “Veda Onoree, qui ce so passate pure le Brigate Rosse, e non è successo niente, anche voi ce passate, noi ce restemo”.
    Con il passare dei quattro anni romani (legislatura 92 - 93 e 94 - 96, ndr) e in quelli successivi nel mio natural ruolo di imprenditore, capii che le parole di Rosi erano la realtà, quella millenaria del potere romano.
    La Lega di lotta in cui tutti noi credevamo e che culminò con la presenza di un milione di persone sulle rive del Po nel lontano 1996, con l’accordo fatto con Berlusconi per le politiche del 2001, è diventata la “Lega Romana”, del magna-magna, in entrambi i sensi, vedesi da ultima l’abbuffata di coda alla vaccinara con polenta avvenuta sul sagrato di Montecitorio, del resto sempre più persone pensano che ora la Lega sia una delle tante società del gruppo Fininvest, dove l’amministratore Umberto ogni lunedì sera va a prendere ordini ad Arcore, notizia della stampa degli ultimi giorni, che radio Padania ha venduto proprie frequenze al gruppo Mondadori.
    La delusione nei vecchi militanti è tantissima, tanto che ad uno ad uno abbandonano la militanza; dopo 25 anni di Lega non è cambiato niente, non si è ottenuto nemmeno un punto di quelli predicati, tanto meno adesso che si è al Governo, si è solo stati in grado di ratificare Roma capitale, inviare centinaia di milioni di Euro per ripianare buchi di bilancio dei comuni di Roma, Catania, Napoli, regolarizzare migliaia di precari al Sud e come ultima Maroni che mette a disposizione il residens dell’accoglienza a 5 stelle per i nuovi clandestini, ma non aveva detto che li avrebbe rispediti a casa loro?
    Ormai è evidente a tutti la corsa del Senatur (dopo la disfatta della Credinord) ad accaparrarsi posti di potere economico: fondazioni bancarie, enti regionali, statali, expo 2015 dove ci saranno da gestire 15 miliardi di euro, a cosa deve servire la legge sulle intercettazioni? serve forse a coprire l’eventuale spartizione??
    E poi guarda caso i mercenari del potere leghista non si accontentano di un posto, si fanno assegnare doppi, tripli e a volte quadrupli incarichi tutti ben remunerati, sconcertante inoltre è stato il dictat di imporre la candidatura del “Trota” alle elezioni regionali, nella lista elettorale di Brescia anziché in quella di casa sua a Varese, come a dire che per 12.000 Euro netti al mese non era disponibile nessuno del 1.000.000 di bresciani.
    Per fortuna noi della Lega che ce l’abbiamo duro, dovevamo essere quelli “Diversi”, nient’affatto, mi sarei aspettato una reazione da parte dei vertici lega, di rottura con Berlusconi in questi ultimi mesi, soprattutto un distacco per l’invasione africana che ci troveremo a pagare di nuovo noi gente del Nord sia in materia di sicurezza, che economica, ma purtroppo da parte di Bossi e della famiglia Marrone c’è il silenzio, la lega e il suo spirito ideale sono congelati perché come menzionato sul libro “Umberto Magno” scritto da Leonardo Facco, il simbolo dello spadone è di Berlusconi.
    Con il passare di questi ultimi anni mi sono spesso chiesto il perché fossero stati espulsi dal movimento personaggi come Miglio, Gnutti, Pagliarini, la risposta è univoca, al padrone unico non piace che altri prendano applausi e bagni di folla pertanto vanno eliminati prima che crescano troppo.
    Inoltre dove è finita la Lega del cappio sventolato in aula a Montecitorio durante l’intervento di Craxi nel 1993 sulla corruzione dei partiti?? Possibile in questi ultimi anni che ogni qualvolta arrivi in aula da parte della magistratura la richiesta di autorizzazione a procedere al processo di un parlamentare in odore di mafia la Lega non insorga per farla passare?
    Un partito politico o movimento non può andare lontano con un segretario che vede la sua successione politica solo nei propri figli, del resto sono passati parecchi anni, dall’ultimo congresso, forse è per la paura di contestazione da parte della militanza che non se ne fanno più? Inoltre adesso le candidature prima di qualsiasi elezione, anziché essere scelte dalla base, come fino al 1996, sono decise in una cucina di famiglia da un pugno di colonnelli, annullando di fatto la democrazia e libertà di scelta che il popolo padano-alpino si aspetta da tanti anni.
    Mi dispiace parecchio per quel folto gruppo di militanti, di sindaci, assessori, consiglieri comunali che stanno cercando con tutte le loro forze di operare al meglio sul territorio, ma purtroppo per certe decisioni prese al vertice, vedono vanificati i loro sforzi e la loro buona volontà, soprattutto ora che sarà varato il “nuovo federalismo fiscale” , li vedremo costretti ad aumentare l’irpef e ad applicarci le tasse sulle nuove opere, tutto questo grazie al piano di rientro sui conti pubblici di 45 miliardi di euro impostoci dall’ Europa, e di conseguenza Roma deve effettuare tagli ai trasferimenti destinati ai comuni, e agli enti locali, ma non sarebbe stato meglio, tagliare la spesa pubblica, come sempre sventolato da via Bellerio prima di ogni campagna elettorale? (i cittadini non capiscono dove dovranno pagare meno tasse).
    Nel frattempo le nostre aziende chiudono, i servizi pubblici per cui paghiamo esose tasse si sfasciano, la nostra sicurezza viene continuamente minacciata e l’assalto alle nostre case sono all’ordine del giorno, ben lontani sono quei tempi nei quali noi ragazzi giocavamo liberi per strada e le porte di casa erano sempre aperte, la dirigenza della Lega ormai Berlusconizzata non si è accorta della voglia che la gente comune come me ha di seccessione e libertà dalla politica romana.
    Sono certo che la libertà e l’autodeterminazione delle regioni del nord si otterrà quando tutte le persone si convinceranno che per cambiare veramente la nostra condizione di eterni pagatori, ci dobbiamo dimenticare totalmente di “Roma” e quando si tratterà di essere chiamati a votare per la rielezione di Camera e Senato si rifiuterà di andare a sostenere un partito, attuando una sorta di disobbedienza, poiché sono tutti uguali e cioè romani. IL NORD NON DEVE VOTARE ROMA.
    Anticipo che io farò parte di quel folto gruppo di cittadini che per le elezioni romane non andrà a votare, dopo 25 anni di Lega non è cambiata una virgola, anzi è solo peggiorata la situazione, è stata una grande illusione crederci; mandando i propri candidati a Roma si diventa come loro o si passa; ribadendo che, aveva ragione Rosi, il capo Commessi di Montecitorio.
    Sò già che questa mia lettera avrà un seguito e verrà strumentalizzata anche dicendo “ Però to ga se stacc anche tö a Roma” la risposta è che io solo, ho deciso di non ricandidarmi nel 1996 e di continuare nel mio lavoro, del resto qualsiasi persona maggiorenne può liberamente decidere di presentare proprio candidature e mettersi in gioco, è pur vero anche però che con la nuova legge elettorale “Porcellum” voluta fortemente dalla Lega i listini sono bloccati e la gente non ha più la facolta di scegliere il candidato a lei più congruo.
    Concludendo, voglio informare che comunque il mio impegno politico sicuramente continuerà, con la stessa energia dei primi anni novanta e sarà solo e sicuramente in quei movimenti locali e regionali finalizzati alla gestione e controllo della libertà del nostro territorio padano-alpino.

    LIBERI E PADRONI A CASA NOSTRA

    Gandino, 21 Marzo 2011

    Cordiali saluti

    Ongaro Giovanni

  4. #4
    Forumista
    Data Registrazione
    11 Jan 2011
    Località
    PADOVA
    Messaggi
    238
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Aumentano i delusi?

    Pardon Stobla, ho appena visto che hai pubblicato la stessa cosa! eliminate pure il mio Post.

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Aumentano i delusi?

    anche Ongaro accenna allo spadone.

  6. #6
    sübre ò söpèi? No, Zølfø.
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Località
    Canton Basgovia, Bagossonia Prealpina
    Messaggi
    1,082
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Lettera di addio di un militante storico Bergamasco!

    Citazione Originariamente Scritto da ventunsettembre Visualizza Messaggio
    ...Possibile mai che una persona che ritengo di poter stimare, imprenditore, se eletto dal suo popolo degno di rappresentarlo nelle massime istituzioni, uno quindi che ha vissuto la Lega fino in fondo, uno così dico, sia ancora a pensare che "la dirigenza della Lega non si è accorta?"...
    Ohibò, possibile che non se ne sia accorto prima anche il prode Ongaro?
    Tra le righe si percepisce lo sgomento dell'amante tradita, qualcuno gli ha
    soffiato il posticino. Attendo con ansia la prossima lettera, magari proprio
    da Donna Rosi (quella sì che potrebbe vantare i galloni da amante tradita)
    per trastullarmi a leggere un'altra trafila di cazzate in perfetto stile Ongaro
    (ma potrei citare Formentini, Pagliarini, Tabladini e Arrighini -per comodità
    ho scelto quelli che finiscono in ini-). Tutti sordi a richieste di maggior
    partecipazione della base, tutti intenti a coltivare il proprio orticello per
    soddisfare il proprio ego natiforme e sprofondare il deretano sugli
    scranni del potere. Tutti trombati dal nuovo "amico del capo" di turno.
    Ultima modifica di Gioann Bagoss; 22-03-11 alle 19:19
    råsegà, zügà, strücà: pøtå.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    07 Apr 2009
    Località
    Brèsa
    Messaggi
    2,808
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Aumentano i delusi?

    Dopo l'elezione del Trota penso che la misura sia colma.

  8. #8
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,712
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Aumentano i delusi?

    se non servisse a mascherare qualche cambio di "casacca" o a "vendicarsi" per una cadrega mancata, beh ... allora ... benvenuto, meglio tardi che mai ... se tutti avessero il coraggio di fare come lui, la lega si dissolverebbe in due giorni e si potrebbe partire con un'alternativa credibile

  9. #9
    Anticapitalista!
    Data Registrazione
    21 Jun 2010
    Messaggi
    31,219
    Mentioned
    194 Post(s)
    Tagged
    15 Thread(s)

    Predefinito Rif: Lettera di addio di un militante storico Bergamasco!

    Citazione Originariamente Scritto da Gioann Bagoss Visualizza Messaggio
    Tutti sordi a richieste di maggior
    partecipazione della base, tutti intenti a coltivare il proprio orticello per
    soddisfare il proprio ego natiforme e sprofondare il deretano sugli
    scranni del potere. Tutti trombati dal nuovo "amico del capo" di turno.
    e, quando sulla cresta dell'onda e nelle grazie della cerchia al comando, naturalmente proni a tutte le stramberie e porcate degli stessi!

  10. #10
    Morte al pensiero servile
    Data Registrazione
    23 Mar 2011
    Località
    Calabria subalpina
    Messaggi
    649
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Lettera di addio di un militante storico Bergamasco!

    Citazione Originariamente Scritto da Gioann Bagoss Visualizza Messaggio
    Ohibò, possibile che non se ne sia accorto prima anche il prode Ongaro?
    Tra le righe si percepisce lo sgomento dell'amante tradita, qualcuno gli ha
    soffiato il posticino. Attendo con ansia la prossima lettera, magari proprio
    da Donna Rosi (quella sì che potrebbe vantare i galloni da amante tradita)
    per trastullarmi a leggere un'altra trafila di cazzate in perfetto stile Ongaro
    (ma potrei citare Formentini, Pagliarini, Tabladini e Arrighini -per comodità
    ho scelto quelli che finiscono in ini-). Tutti sordi a richieste di maggior
    partecipazione della base, tutti intenti a coltivare il proprio orticello per
    soddisfare il proprio ego natiforme e sprofondare il deretano sugli
    scranni del potere. Tutti trombati dal nuovo "amico del capo" di turno.
    Caro Diego, Ongaro si sveglia ora perché ha subito un intervento di rettoplastica molto complicato ed era in anestesia totale dal 1999. Cerca di capire quanto sia stato amaro il suo risveglio...

 

 

Discussioni Simili

  1. Il Partito dei Delusi
    Di carlomartello nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 11-01-11, 02:52
  2. Bielorussi delusi?
    Di ulver81 (POL) nel forum Politica Estera
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 11-12-07, 13:40
  3. Il PD (Partito dei Delusi del PD)
    Di Danny nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 134
    Ultimo Messaggio: 15-01-07, 19:19
  4. aumentano i votanti e aumentano i comunisti
    Di anton nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 12-04-06, 10:22
  5. Ai delusi dal centrodestra...
    Di Gi.bu nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 11-05-05, 19:30

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226