User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    18 Apr 2009
    Località
    Milan
    Messaggi
    10,522
    Mentioned
    40 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    10

    Cool Tv di regime/Rewind. Da Annozero al Raggio Verde e Sciuscià.

    Tv di regime/Rewind. Da Annozero al Raggio Verde e Sciuscià.





    I recenti avvenimenti di crisi militare in Libia hanno costretto Santoro a ricorrere a un parterre di ospiti degno dei suoi talk show Rai d'annata, quelli dell'11 settembre 2001 e della guerra in Afghanistan.

    All'epoca, ok, Vauro veniva precettato unicamente come opinionista invece che pagato per far vignette (alcune delle quali anche vagamente divertenti, almeno ieri sera) come oggi. Però la differenza è stata davvero poca.

    Un discorsetto a parte merita però il prologo: una lenzuolata senza sapore, con un Santoro intento a regolare i suoi conti privati con Giuliano Ferrara, reo di avergli dedicato qualche punzecchiatura.


    Già che c'è, il Michele da Salerno butta lì anche qualche battutina sul direttore generale Masi, giusto per "sistemare" i suoi presunti nemici tutti assieme.



    Domanda corale del pubblico: tutto ciò interessa davvero?


    Sospendiamo il giudizio, e buttiamoci nella trasmissione.

    C'è un'inviata che va a esplorare una riunione romana di Gino superpacifista Strada, che assieme al solito Vauro e ad altri lancia proclami di ferro contro la guerra.


    Sempre così: quando va tutto bene, le tv e i giornalisti lasciano Strada a far (benissimo) il suo mestiere di chirurgo. Come se non esistesse.



    Il bene non fa audience, evidentemente: fa più rumore l'albero che cade della foresta che cresce.



    Appena si profila una guerra, zac, trasformano Strada in un iperpresenzialista dichiaratore, dandone un'immagine un po' distorta, in cui peraltro lui non sguazza male.


    Così si trova benissimo a pontificare, a sfottere Massimo D'Alema chiamandolo "semi leader della sinistra italiana", perché è andato coi soldati in Kosovo.



    Fine del servizio.


    Lo spettatore ignaro si trova di fronte a uno sdoppiamento: Strada è presente anche in studio.



    A interloquire, Ignazio La Russa, Walter Veltroni (forse chiamato per la sua propensione al buonismo) e, in collegamento dall'America, Edward Luttwak.



    La Russa, più composto di altre volte, ha fatto un bella figura televisiva, ridendo anche ad alcune frasi oggettivamente divertentissime di un editoriale di Marco Travaglio insolitamente leggero e ben poco avvelenato.


    Il ministro però ha cominciato parlando delle intenzioni dell'Italia, e provando a fare un'analisi: "Se non fossimo intervenuti, il numero di morti sarebbe stato infinitamente più grande".


    Interviene poi Veltroni, che inizia dedicando alle rivolte nordafricane un peana che ormai pochi osano intonare: "Sono cose straordinarie", oltretutto iniziate dai mitici "giovani". Sulla Libia, rinfaccia colpe a Berlusconi, ma anche alla Comunità internazionale.



    Inizia poi a parlare Strada, tirando in ballo gli ordigni atomici presenti in Italia, e dicendosi sicuro che qui da noi sarebbero capaci di non opporvisi solo persone "fuori di testa" (testualmente) come Luttwak (che non ha ancora parlato, per inciso).


    Una delle poche sparate di un Ginone nazionale stranamente moderato, che però va avanti come nella famosa canzone dei Giganti:

    "Noi non abbiamo paura della bomba" (non l'ha detto lui, è il titolo, ma il senso è quello).



    Luttwak avrà modo di vendicarsi: oltre a ricordare che a sostenere posizioni anti-guerra ci sono governi poco raccomandabili come quello turco, fa presente che ai tempi di Hitler i pacifisti andavano molto di moda, e che all'epoca, quasi sicuramente, avrebbe visto Gino Strada seduto in un bar a bere un caffè, invece che a combattere il nazismo.



    Strada vorrebbe replicare, ma Santoro dà la parola a La Russa, e poi a Veltroni, che ci delizia con un inatteso scoop:

    "Sento una grande nostalgia di Andreotti nel dibattito che c'è".


    Il tutto per dire che secondo lui all'Italia fa comodo Gheddafi perché controllerebbe meglio il territorio.


    Ghiotto il momento successivo: dopo il minuzioso resoconto di un giornalista in diretta dalla Libia, le telecamere vanno a Lampedusa, e una della redazione di Santoro va alla scoperta di latrine luride e baracche diroccate dove vanno i rifugiati, intervistandone alcuni.


    Un tale, particolarmente esagitato, vanta un "master in psicologia", ma conclude che "gli italiani sono tutti fascisti e razzisti".

    Analisi ponderata e fine, battuta soltanto da quella di un omone siculo: "Dobbiamo fare la guerra a Berlusconi, lui è peggio di Gheddafi".


    Subito dopo, quando Veltroni e La Russa commentano le immagini (La Russa osa dire che questi personaggi non sono profughi libici ma immigrati clandestini dalla Tunisia, subendo rimbrotti veltroniani e stradiani), si profila Sandro Ruotolo, che dà la parola a un lampedusano, certo Totò Martello, che sbraita divertenti ingiurie contro La Russa e sembra in stato confusionale.



    Ecco, questo è l'Annozero che ci piace, quello che dà agli aspiranti Piero Ricca di mezz'Italia il loro minutino di notorietà.



    Strategia a cui ha contribuito Giulia Innocenzi, che ha arruolato dapprima un arrabbiatissimo venticinquenne di origini arabe, poi Francesco Vignarca, coordinatore della Rete Italiana per il disarmo, nientemeno.


    Potete immaginare i contenuti.

    Seguono altre stoccate di Luttwak al pacifismo un tanto al chilo, ma per fortuna il tempo è finito.


    Deo gratias.


    ________________________________


    Impossibilia nemo tenetur

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    18 Apr 2009
    Località
    Milan
    Messaggi
    10,522
    Mentioned
    40 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    10

    Thumbs down Rif: Tv di regime/Rewind. Da Annozero al Raggio Verde e Sciuscià.

    E Santoro ora arruola i clandestini radical chic




    Le telecamere di Annozero tra i tunisini accampati dopo gli sbarchi: "Gli italiani? Fascisti e razzisti". Ma ha il cappellino firmato




    Indossa un giubbotto scuro. Forse nero. E va dritto al punto, senza incespicare nelle parole: «Voi italiani siete tutti fascisti e razzisti». Al suo fianco, un altro tunisino, con il cappellino firmato Adidas annuisce.


    Le telecamere di Annozero inquadrano un paio di scarpe che potrebbero essere Nike , certo poggiate su un pavimento di palta che fa torcere le budella.


    Michele Santoro sdogana una nuova figura: l’immigrato griffato.


    È un profugo? È un clandestino, ma che cosa è? Per ora sappiamo che è, o dovrebbe essere, una persona di buona cultura, istruita, che ce l’ha a morte con l’Italia.


    È il tunisino, il tunisino appena sceso dal barcone, a vibrare un grande pugno in faccia al governo e alla sua inefficienza:


    «Qua ci sono persone perbene - prosegue avvolto nel suo giubbotto - qua ci sono intellettuali, io ho un master in psicologia».


    Come stridono questi curricula importanti, da classe dirigente e non da sottoproletariato del Terzo mondo, con il fondale dantesco che i cameraman di Annozero mostrano impietosi.


    «Qui c’è un odore nauseabondo, basta vedere le toilette», spiega l’inviata del programma aggirandosi fra specchi rotti, cessi alla turca intasati, camerate riempite come alveari.


    «Siamo nella m. siamo nella m... siamo nella m...», scandisce un altro tunisino accoccolato in un anfratto.


    Pure lui ha appena vinto la sua scommessa con la sorte, ha attraversato il mare, è arrivato a destinazione, ma già è impegnato in una predica contro l’Italia. Come molti dei connazionali che si muovono fra gli scogli e la sabbia contesa alle tartarughe della riserva.


    Bivacchi. Fuochi. Grida di rabbia.


    Sandro Ruotolo, piazzato sulla prima linea della spiaggia, arringa i telespettatori già arringati dai nordafricani: «Qua ci sono una quarantina di lampedusani e un centinaio di africani».


    Accampati come possono, immersi nella sporcizia e nell’abbandono, ma aggrappati con le unghie a quel lembo di Europa che sporge dal mare.


    Il popolo delle felpe e dei cappucci si aggira per le strade dell’isola che sta per scoppiare. Mescolati con loro s’intravedono sagome disperate, magari buttate per terra e ricoperte da un lenzuolo lercio. Un uomo mostra addirittura il buco nella gamba, provocato da una pallottola che nessuno gli ha estratto.


    Spaventoso.


    È impossibile verificare. È impossibile controllare. È impossibile distinguere. Quelli più stremati e indifesi, quelli che tremano, tacciono. Nemmeno vedono il microfono.


    Altri sì: «Pensavamo che l’Italia fosse la culla della democrazia e invece ci lasciate in questo schifo».


    Un operatore, forse un volontario della Protezione civile, prova a censire l’esodo: «Quarantadue, quarantatrè, quarantaquattro. Questi sono centoquarantaquattro ».


    Ma i conti e le facce della grande fuga non tornano: non ci sono donne, non ci sono vecchi, non ci sono bambini.


    Il flusso è selezionato, come già aveva notato in un’intervista al Giornale il governatore del Veneto Luca Zaia:



    «Oggi sbarcano soltanto ragazzi di 25-35 anni senza famiglia che appaiono in carne, ben messi e non così sprovveduti ».


    Sarà così? Certo, a vederli vagare come animali randagi per quelle contrade selvagge, si stringe il cuore.


    Ma le facce, alcune, intercettate da Annozero completano l’identikit tracciato dal governatore: «Di sicuro, quelli che arrivano con le scarpe da ginnastica firmate, il giubbottino all’occidentale e il telefonino in mano non è gente che chiede asilo politico».

    Intanto il comizio interetnico prosegue.


    E Ruotolo, dal bagnasciuga, lo mette in cornice:

    «Da Lampedusa è partito un aereo che aveva a bordo solo 29 immigrati. Ventinove. Il piano di evacuazione è fallito».



    Sono tutti d’accordo: i clandestini, alias profughi, e i pescatori. Tutti insieme. E tutti contro il governo.




    iango:iango:


    Ultima modifica di salvo.gerli; 29-03-11 alle 13:09
    ________________________________


    Impossibilia nemo tenetur

  3. #3
    Better to reign in Hell
    Data Registrazione
    02 Sep 2009
    Località
    Biella
    Messaggi
    10,710
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Tv di regime/Rewind. Da Annozero al Raggio Verde e Sciuscià.

    Mi è venuta l'epilessia solo per scrollare in basso e scrivere questo post con la risposta rapida.

    Ho detto.
    SARAI PAGATO ANCHE SENZA DOVERE FINGERE DI CONTARE TOMBINI

  4. #4
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    18 Apr 2009
    Località
    Milan
    Messaggi
    10,522
    Mentioned
    40 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    10

    Cool Rif: Tv di regime/Rewind. Da Annozero al Raggio Verde e Sciuscià.

    Citazione Originariamente Scritto da Hieronimous Bosch Visualizza Messaggio
    Mi è venuta l'epilessia solo per scrollare in basso e scrivere questo post con la risposta rapida.

    Ho detto.


    Estiqaatsi?






    :sofico::sofico:
    ________________________________


    Impossibilia nemo tenetur

 

 

Discussioni Simili

  1. Tv di regime/Annozero d'antan
    Di salvo.gerli nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 52
    Ultimo Messaggio: 04-12-10, 14:27
  2. Annozero Padania al verde
    Di Furlan nel forum Padania!
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 11-06-10, 20:52
  3. REWIND
    Di brunik nel forum Fondoscala
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 09-03-10, 17:45
  4. Il regime chiude Annozero??????????????
    Di salerno69 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 180
    Ultimo Messaggio: 30-11-08, 21:00
  5. REWIND di Vasco Rossi
    Di padus996 (POL) nel forum Musica
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 29-04-03, 00:35

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226