User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La Lega Ladr salva gli amministratori delle società pubbliche

    Chi va con lo zoppo impara a zoppicare:

    GLI INTOCCABILI - UN EMENDAMENTO DELLA LEGA VIETA ALLA CORTE DEI CONTI DI AVERE RISARCIMENTI DAGLI AMMINISTRATORI DELLE SOCIETà PARTECIPATE DALLO STATO PER OLTRE IL 50 PER CENTO – MAGHEGGIO AD HOC PER GLI EX AMMINISTRATORI PDL DEL CDA RAI (STADERINI, MALGERI, URBANI, PETRONI E BIANCHI CLERICI) CHIAMATI A RISARCIRE IL TESORO PER 11,5 MLN € PER LA NOMINA, INCOMPATIBILE, DI ALFREDO MEOCCI A DG DELLA RAI - RINGRAZIANO ANCHE I VERTICI DI FINMECCANICA: O’ GUARGUAGLIONE E MOGLIE, INFATTI, SONO INDAGATI PER CORRUZIONE…

    Colpo di spugna. A sorpresa, in commissione Unione europea della Camera, il relatore leghista, Gianluca Pini, crea il caos. Passa un suo emendamento alla legge comunitaria 2010 che salva gli amministratori delle società partecipate dallo Stato per oltre il 50 per cento da responsabilità civile legate a danno erariale comminato attraverso ammende o sanzioni dalla Corte dei conti.

    Un emendamento che sembra scritto apposta per gli ex amministratori di centrodestra del Cda Rai (Marco Staderini, Gennaro Malgeri, Giuliano Urbani, Angelo Maria Petroni e Giovanna Bianchi Clerici) chiamati a risarcire il Tesoro per circa 11,5 milioni di euro per la nomina incompatibile di Alfredo Meocci alla direzione generale della tv pubblica. Ma non solo.

    Il medesimo emendamento calza anche a pennello per gli attuali vertici di Finmeccanica, a partire da Pierfrancesco Guarguaglini, attualmente indagato, con la moglie Marina Grossi, per corruzione. L'emendamento leghista sarebbe stato scritto anche con l'intenzione di rendere gli attuali vertici delle società pubbliche così impermeabili al lavoro ispettivo e sanzionatorio della Corte dei conti da menomare la magistratura contabile della sua principale prerogativa costituzionale.

    L'emendamento, infatti, prevede due fattispecie di violazioni in cui può incorrere l'amministratore pubblico. La prima riguarda un danno erariale conseguente a un'azione che un certo consiglio d'amministrazione ha fatto in violazione di norme vigenti. É il caso che calza a pennello al cda Rai. Nel 2005, in virtù delle pressioni di Silvio Berlusconi, Meocci fu nominato direttore generale della Rai. Ma non poteva ricoprire quell'incarico perché proveniva da un incarico di "controllore" (all'Agcom) della Rai.

    La stessa Agcom inflisse una multa alla Rai da 11,5 milioni e subito dopo la Corte dei Conti chiese a ciascuno dei consiglieri che votarono a favore della nomina 1,8 milioni di euro a testa. Una cifra che questo emendamento cancella con un colpo di spugna; non solo è retroattivo, ma dispone la necessità della dimostrare il danno reale subito dall'azienda per via della nomina sbagliata.

    Diversa la conseguenza che l'emendamento Pini avrà sulla questione Finmeccanica. Ai vertici dell'azienda controllata dal Tesoro la magistratura ha contestato la creazione di fondi neri attraverso delle "sopraffatturazioni" compiute nell'ambito di una serie di appalti affidati all'Enav. "In questo caso - spiega il vice presidente del gruppo Idv in commissione, Antonio Borghesi - la norma stabilisce che se si è pagata una tangente pari a cento euro, ma grazie a questa si è ottenuta una commessa pari a cinquecento euro, non si può parlare di danno erariale perché la commessa supera di gran lunga l'esborso della tangente. Dunque agli amministratori non può essere contestato in alcun modo il danno erariale: è una norma vergognosa che danneggia lo Stato e i cittadini".

    E a peggiorare le cose anche in questo caso l'effetto sarà retroattivo, anche per le sentenze già emesse e si applicherà anche alle società di servizio pubblico locale (che sono circa 7 mila). L'unica cosa che viene fatta salva è la responsabilità personale "per colpa grave o dolo", ma cambiare anche il codice penale sarebbe stato forse un po' troppo. Che possibilità ci sono che la norma venga approvata definitivamente sia dalla Camera [dove arriva lunedì] che dal Senato? Molte. "La maggioranza su questo fronte è granitica - spiega Borghesi - quindi passerà senz'altro". Poi, però, il capo dello Stato Giorgio Napolitano potrà sempre alzare la penna e respingere la legge per vizi di costituzionalità. Forse lo farà. Forse.

    http://www.dagospia.com/rubrica-2/me...colo-23984.htm

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: La Lega Ladr salva gli amministratori delle società pubbliche

    I socialisti erano in gamba , però allora avessero avuto come maestri dei leghisti non avrebbero sofferto così.
    O si taglia o il caos

 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226