User Tag List

Pagina 1 di 8 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 75
  1. #1
    puttuio!
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    2,991
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Estremismo ultralaicista [varie]

    Come i “nuovi atei” stanno dimostrando la verità del cristianesimo



    Rendiamo noto un interessante articolo pubblicato sul Guardian a firma di Nick Spencer, il quale prende in esame alcune delle affermazioni del movimento estremista dei sedicenti “New Atheist” (dichiarando così, dal loro nome, il fallimento dei tentativi dell’ateismo precedente) per ribaltarle e spiegarne la falsità.
    ATEISMO E’ IL PRIMO ALLEATO DEL CRISTIANESIMO. Ne “L’illusione di Dio”, Richard Dawkins -leader nel movimento irreligioso internazionale- rileva che pochi scienziati “d’elite” credono in Dio. L’articolista inglese osserva però -giustamente- che uno studio sociologico edito dalla prestigiosa Oxford University Press nell’aprile 2010, dimostra che in realtà quasi il 50% degli scienziati d’elitè [negli U.S.] è religioso nel senso tradizionale e solo il 20% evita pensieri religiosi ma indica se stesso come “vicino alla spiritualità” (cfr. Ultimissima 2/7/10). Quindi in realtà gli scienziati veramente e coerentemente atei sono una netta minoranza, e ciò rispecchia perfettamente la situazione sociale. Il ragionamento che questi gruppi non religiosi fanno, mentre divulgano queste informazioni sbagliate sugli scienziati, è il seguente: 1) gli scienziati d’elitè conoscono più del resto della popolazione come funziona il mondo. 2) Un numero sproporzionato di scienziati d’elite non crede (anche se ciò è falso, come dimostrato) 3) Quindi (probabilmente) Dio non esiste. Il ragionamento non fa una piega e anche se l’assioma iniziale fosse corretto (cioè che veramente la maggioranza degli scienziati sia atea) ogni persona di buon senso dovrebbe sottoscriverla. Noi per primi. Infatti in questo modo non solo si dimostra che soltanto il cristianesimo tradizionale sia l’unica religione possibile (escludendo quindi i fondamentalisti creazionisti), dato che è l’unica che respinge il fatto che Dio possa essere uno dei fattori della realtà e che intervenga direttamente nei processi naturali che guidano lo svolgimento del percorso naturale. Il cristianesimo insegna che Dio è creatore e sostenitore ultimo della realtà e non certo Colui che guida l’evoluzione naturale. Questo dimostra anche che i “New Atheist“, scagliandosi contro tutte le religioni che parlano di un Dio diverso da quello cristiano e specialmente quello cattolico, o il cosiddetto “Dio delle lacune scientifiche“, collaborano sicuramente all’emergere della verità. I loro diretti avversari sono ad esempio i fedeli dell’Islam, per i quali “tutto dipende da Dio”.
    LE CONVINZIONI DEGLI ATEI CONFERMANO PAROLE DI GESU’. L’articolo si concentra poi sull’altro cavallo di battaglia dei pazzi fondamentalisti atei, cioè quella che vuole convincere che i cristiani siano meno intelligenti degli ateisti. E’ ovviamente un’assurdità, che tuttavia -ancora una volta- se fosse vera aiuta soltanto a dimostrare la verità della teologia cristiana derivante dalle parole del più grande rivoluzionario della storia: Gesù Cristo. Egli ha spesso osservato nei suoi tre anni di vita pubblica una certa delusione verso l’opposizione che l’élite colta del suo tempo aveva nei suoi confronti. In alcune sue parole si può anche distinguere una sfumatura anti-elitaria nel suo insegnamento, ad esempio quando dice: «Io ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai tenuto nascoste queste cose ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli». O ancora: «In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli» (Mt 18, 3-4). E infine: «Lasciate che i bambini vengano a me e non glielo impedite, perché a chi è come loro appartiene il regno di Dio» (Mc 10, 14-15). E San Paolo osserva: «Dio ha scelto ciò che nel mondo è stolto per confondere i sapienti, Dio ha scelto ciò che nel mondo è debole per confondere i forti, Dio ha scelto ciò che nel mondo è ignobile e disprezzato e ciò che è nulla per ridurre a nulla le cose che sono» (1Cor 1,27-28). Non solo, la la storia cristiana è interamente fondata sui poveri, gli ignoranti e i bambini. Pensiamo ai veggenti di Fatima, Lourdes e Medjugorie, pensiamo ai Santi più pregati (che non sono certo i dotti san Tommaso e sant’Agostino), alle figure del Nuovo Testamento ecc…(possibile che i presunti “inventori” del cristianesimo abbiano sempre deciso di metterlo sulle spalle a persone completamente non attendibili?). La semplicità, che è diversa dall’intelligenza anche se molti possono confondere volontariamente i piani, è una condizione fondamentale per accogliere la verità del cristianesimo.


    Come i “nuovi atei” stanno dimostrando la verità del cristianesimo | UCCR
    L'imitazione è la più sincera forma di adulazione.(Charles Caleb Colton)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    puttuio!
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    2,991
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    L'imitazione è la più sincera forma di adulazione.(Charles Caleb Colton)

  3. #3
    puttuio!
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    2,991
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Estremismo ateista [varie]

    Uzbekistan: il governo ateo e l’oppressione dei cristiani

    Oltre ai governi con l’ateismo governativo di Cina e Corea del Nord, anche il regime ateo in Uzbekistan sta fortemente violando i diritti umani e la libertà religiosa.
    Questo avviene nonostante le ripetute denunce delle organizzazioni internazionali, da “Amnesty International” a “Human Rights Watch”, il cui staff, che operava nella capitale Tashkent, è stato espulso dal Paese proprio nei giorni scorsi…(continua a leggere)
    L'imitazione è la più sincera forma di adulazione.(Charles Caleb Colton)

  4. #4
    From beyond
    Data Registrazione
    13 Oct 2006
    Messaggi
    59,228
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    528 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Rif: Estremismo ateista [varie]

    Citazione Originariamente Scritto da :Esther: Visualizza Messaggio
    Uzbekistan: il governo ateo e l’oppressione dei cristiani

    Oltre ai governi con l’ateismo governativo di Cina e Corea del Nord, anche il regime ateo in Uzbekistan sta fortemente violando i diritti umani e la libertà religiosa.
    Questo avviene nonostante le ripetute denunce delle organizzazioni internazionali, da “Amnesty International” a “Human Rights Watch”, il cui staff, che operava nella capitale Tashkent, è stato espulso dal Paese proprio nei giorni scorsi…(continua a leggere)
    leggo che:

    In Uzbekistan, soprattutto nella valle del Fergana, sono molto attivi i guerriglieri islamici armati, organizzati in gruppi come il Movimento Islamico dell’Uzbekistan (MIU) . Anche i musulmani soffrono molto il fatto che il governo vuole controllare gli animi imponendo una ‘religione’ ufficiale filogovernativa. Anche il Turkmenistan, governato fino al 2006 dal terribile Niyazov (PeaceReporter - Il duce turkmeno , PeaceReporter - Alla corte del divino Saparmurat , PeaceReporter - Niyazov, il dittatore più pazzo del mondo , ) , limita fortemente la possibilità d’esprimere la propria fede.
    Un’ultima cosa: dopo la seconda guerra mondiale musulmani ( i basmacchi ) e cristiani ( i russi bianchi ) combatterono insieme contro l’avanzata dei comunisti in tutta l’Asia Centrale. Insieme, uniti contro l’ateismo. hefico:

    --------------------------


    Il controllo del governo è ancora più severo verso gli islamici, che sono la maggioranza, dei quali è controllata ogni attività. L’imam Obidkhon Qori Nazarov parla di numerose “persone cacciate dal lavoro o espulse dall’università solo per essersi fatta crescere la barba o aver indossato un velo sul capo”. Qualcuno è anche finito in prigione e c’è paura ad osservare anche i comandi musulmani più importanti”. Il governo controlla ogni attività e persino nomina gli imam, “come in epoca sovietica”, quando “tutto era sotto lo stretto controllo del governo”.

    Fonte


    ...interessante questa posizione contro la religione islamica... sembrerebbe la fotocopia di come certi leghisti vorrebbero ci si comportasse in Italia con chi appartiene alla relgione islamica...
    Ultima modifica di Giordi; 05-04-11 alle 11:05

    “In amore non essere un mendicante, sii un imperatore. Dà e resta semplicemente a vedere che cosa accade...”

  5. #5
    Apologia cattolica
    Data Registrazione
    23 Aug 2010
    Località
    Latina
    Messaggi
    31,953
    Mentioned
    119 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Rif: Estremismo ateista [varie]

    Citazione Originariamente Scritto da Polemiko Visualizza Messaggio
    leggo che:

    In Uzbekistan, soprattutto nella valle del Fergana, sono molto attivi i guerriglieri islamici armati, organizzati in gruppi come il Movimento Islamico dell’Uzbekistan (MIU) . Anche i musulmani soffrono molto il fatto che il governo vuole controllare gli animi imponendo una ‘religione’ ufficiale filogovernativa. Anche il Turkmenistan, governato fino al 2006 dal terribile Niyazov (PeaceReporter - Il duce turkmeno , PeaceReporter - Alla corte del divino Saparmurat , PeaceReporter - Niyazov, il dittatore più pazzo del mondo , ) , limita fortemente la possibilità d’esprimere la propria fede.
    Un’ultima cosa: dopo la seconda guerra mondiale musulmani ( i basmacchi ) e cristiani ( i russi bianchi ) combatterono insieme contro l’avanzata dei comunisti in tutta l’Asia Centrale. Insieme, uniti contro l’ateismo. hefico:

    --------------------------
    se c'è un ateismo di Stato, dove le altre religioni vogliono emanciparsi è normale

    Il controllo del governo è ancora più severo verso gli islamici, che sono la maggioranza, dei quali è controllata ogni attività. L’imam Obidkhon Qori Nazarov parla di numerose “persone cacciate dal lavoro o espulse dall’università solo per essersi fatta crescere la barba o aver indossato un velo sul capo”. Qualcuno è anche finito in prigione e c’è paura ad osservare anche i comandi musulmani più importanti”. Il governo controlla ogni attività e persino nomina gli imam, “come in epoca sovietica”, quando “tutto era sotto lo stretto controllo del governo”.

    Fonte


    ...interessante questa posizione contro la religione islamica... sembrerebbe la fotocopia di come certi leghisti vorrebbero ci si comportasse in Italia con chi appartiene alla relgione islamica...
    fatto sta che lo stà facendo l'ateocrazia,mentre qui nonostante tutto c'è una libertà di religione, quindi tutto questo dimostra che anche l'ateismo non è esente da una sorta di fanatismo
    (Gv 3, 20-21)
    Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio

  6. #6
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    A casa mia
    Messaggi
    8,389
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Estremismo ateista [varie]

    pace e bene!
    Antifascista, cattolico-democratico, contrario al principio "destro" di "limite e conservazione" e sostenitore del principio di "non appagamento", dunque, di centrosinistra!

  7. #7
    .
    Data Registrazione
    13 Apr 2009
    Messaggi
    7,905
    Mentioned
    36 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Estremismo ateista [varie]

    Citazione Originariamente Scritto da :Esther: Visualizza Messaggio
    Uzbekistan: il governo ateo e l’oppressione dei cristiani

    Oltre ai governi con l’ateismo governativo di Cina e Corea del Nord, anche il regime ateo in Uzbekistan sta fortemente violando i diritti umani e la libertà religiosa.
    Questo avviene nonostante le ripetute denunce delle organizzazioni internazionali, da “Amnesty International” a “Human Rights Watch”, il cui staff, che operava nella capitale Tashkent, è stato espulso dal Paese proprio nei giorni scorsi…(continua a leggere)
    Perché, i cristianissimi Stati Uniti non hanno mai violato i "diritti umani", ad esempio?
    Segni particolari: "macchina da espansione razziale euro-siberiana" (Giò91)

  8. #8
    Dev
    Dev è offline
    Patria...
    Data Registrazione
    14 Aug 2010
    Località
    ...Lavoro...
    Messaggi
    1,214
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Estremismo ateista [varie]

    Citazione Originariamente Scritto da :Esther: Visualizza Messaggio
    Uzbekistan: il governo ateo e l’oppressione dei cristiani

    Oltre ai governi con l’ateismo governativo di Cina e Corea del Nord, anche il regime ateo in Uzbekistan sta fortemente violando i diritti umani e la libertà religiosa.
    Questo avviene nonostante le ripetute denunce delle organizzazioni internazionali, da “Amnesty International” a “Human Rights Watch”, il cui staff, che operava nella capitale Tashkent, è stato espulso dal Paese proprio nei giorni scorsi…(continua a leggere)
    ncav: (aralide)
    ...Parafilia

  9. #9
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    15 Dec 2010
    Messaggi
    17,875
    Mentioned
    202 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Rif: Estremismo ateista [varie]

    Citazione Originariamente Scritto da :Esther: Visualizza Messaggio
    Come i “nuovi atei” stanno dimostrando la verità del cristianesimo



    Rendiamo noto un interessante articolo pubblicato sul Guardian a firma di Nick Spencer, il quale prende in esame alcune delle affermazioni del movimento estremista dei sedicenti “New Atheist” (dichiarando così, dal loro nome, il fallimento dei tentativi dell’ateismo precedente) per ribaltarle e spiegarne la falsità.
    ATEISMO E’ IL PRIMO ALLEATO DEL CRISTIANESIMO. Ne “L’illusione di Dio”, Richard Dawkins -leader nel movimento irreligioso internazionale- rileva che pochi scienziati “d’elite” credono in Dio. L’articolista inglese osserva però -giustamente- che uno studio sociologico edito dalla prestigiosa Oxford University Press nell’aprile 2010, dimostra che in realtà quasi il 50% degli scienziati d’elitè [negli U.S.] è religioso nel senso tradizionale e solo il 20% evita pensieri religiosi ma indica se stesso come “vicino alla spiritualità” (cfr. Ultimissima 2/7/10). Quindi in realtà gli scienziati veramente e coerentemente atei sono una netta minoranza, e ciò rispecchia perfettamente la situazione sociale. Il ragionamento che questi gruppi non religiosi fanno, mentre divulgano queste informazioni sbagliate sugli scienziati, è il seguente: 1) gli scienziati d’elitè conoscono più del resto della popolazione come funziona il mondo. 2) Un numero sproporzionato di scienziati d’elite non crede (anche se ciò è falso, come dimostrato) 3) Quindi (probabilmente) Dio non esiste. Il ragionamento non fa una piega e anche se l’assioma iniziale fosse corretto (cioè che veramente la maggioranza degli scienziati sia atea) ogni persona di buon senso dovrebbe sottoscriverla. Noi per primi. Infatti in questo modo non solo si dimostra che soltanto il cristianesimo tradizionale sia l’unica religione possibile (escludendo quindi i fondamentalisti creazionisti), dato che è l’unica che respinge il fatto che Dio possa essere uno dei fattori della realtà e che intervenga direttamente nei processi naturali che guidano lo svolgimento del percorso naturale. Il cristianesimo insegna che Dio è creatore e sostenitore ultimo della realtà e non certo Colui che guida l’evoluzione naturale. Questo dimostra anche che i “New Atheist“, scagliandosi contro tutte le religioni che parlano di un Dio diverso da quello cristiano e specialmente quello cattolico, o il cosiddetto “Dio delle lacune scientifiche“, collaborano sicuramente all’emergere della verità. I loro diretti avversari sono ad esempio i fedeli dell’Islam, per i quali “tutto dipende da Dio”.
    LE CONVINZIONI DEGLI ATEI CONFERMANO PAROLE DI GESU’. L’articolo si concentra poi sull’altro cavallo di battaglia dei pazzi fondamentalisti atei, cioè quella che vuole convincere che i cristiani siano meno intelligenti degli ateisti. E’ ovviamente un’assurdità, che tuttavia -ancora una volta- se fosse vera aiuta soltanto a dimostrare la verità della teologia cristiana derivante dalle parole del più grande rivoluzionario della storia: Gesù Cristo. Egli ha spesso osservato nei suoi tre anni di vita pubblica una certa delusione verso l’opposizione che l’élite colta del suo tempo aveva nei suoi confronti. In alcune sue parole si può anche distinguere una sfumatura anti-elitaria nel suo insegnamento, ad esempio quando dice: «Io ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai tenuto nascoste queste cose ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli». O ancora: «In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli» (Mt 18, 3-4). E infine: «Lasciate che i bambini vengano a me e non glielo impedite, perché a chi è come loro appartiene il regno di Dio» (Mc 10, 14-15). E San Paolo osserva: «Dio ha scelto ciò che nel mondo è stolto per confondere i sapienti, Dio ha scelto ciò che nel mondo è debole per confondere i forti, Dio ha scelto ciò che nel mondo è ignobile e disprezzato e ciò che è nulla per ridurre a nulla le cose che sono» (1Cor 1,27-28). Non solo, la la storia cristiana è interamente fondata sui poveri, gli ignoranti e i bambini. Pensiamo ai veggenti di Fatima, Lourdes e Medjugorie, pensiamo ai Santi più pregati (che non sono certo i dotti san Tommaso e sant’Agostino), alle figure del Nuovo Testamento ecc…(possibile che i presunti “inventori” del cristianesimo abbiano sempre deciso di metterlo sulle spalle a persone completamente non attendibili?). La semplicità, che è diversa dall’intelligenza anche se molti possono confondere volontariamente i piani, è una condizione fondamentale per accogliere la verità del cristianesimo.


    Come i “nuovi atei” stanno dimostrando la verità del cristianesimo | UCCR
    Intanto bisognerebbe capire la differenza fra scienziati di elite a cui fa riferimento Dawkins riassumibili con queste statistiche

    Nature, "Leading scientists still reject God"* July 23, 1998

    e tutti gli scienziati(compresi quelli sociali) delle università di elite a cui
    fa riferimento il giornalista del Guardian , relativamente allo studio della
    Howard Ecklund.

    E questo fa già capire la capacità di comprensione (forse di mistificazione non so) dei postanti.

    Per giunta su questo studio ci sono alcune note interessanti di chi l'ha letto in dettaglio e che sono in contrasto con il commento riportato qui sopra dai signori dell' UCCR (la R finale mi sembra sicuramente non meritata sarebbe meglio la M di mistificazione)

    Scientists and Religion : EvolutionBlog

    I have now had a chance to read Elaine Howard Ecklund's new book Science vs. Relgion: What Scientists Really Think. It is worth reading, despite her annoying decision to include social scientists, but not mathematicians, in her definition of “scienitst.” I also did not care for her obvious preference for those scientists willing to talk sweetly about religion, but what can you do?

    Most interesting to me were the statistics she gathered regarding the religious beliefs of scientists at major American research universities. The picture I had prior to reading this book was that scientists were vastly more likely than the public generally to be nonreligious, and that where you did find religion it would be mostly of the theologically liberal sort. That picture is overwhelmingly confirmed by Ecklund's data.

    Asked about their beliefs in God, 34% chose “I don't believe in God,” while 30% chose, “I do not know if there is a God, and there is no way to find out.” That's 64% who are atheist or agnostic, as compared to just 6% of the general public.

    An additional 8% opted for, “I believe in a higher power, but it is not God.” That makes 72% of scientists who are explicitly non-theistic in their religious views (compared to 16% of the public generally.) Pretty stark.

    From the other side, it is just 9% of scientists (compared to 63% of the public), who chose, “I have no doubts about God's existence.” An additional 14% of scientists chose, “I have some doubts, but I believe in God.” Thus, it is just 25% of scientists who will confidently assert their belief in God (80% of the general public.)

    For completeness, the final option was “I believe in God sometimes.” That was chosen by 5% of scientists and 4% of the public. Make of it what you will.

    Now explain to me, please, how anyone can look at that data and write this:

    As we journey from the personal to the public religious lives of scientists, we will meet the nearly 50 percent of elite scientists like Margaret who are religious in a traditional sense.... (p. 6)

    This claim, that fifty percent of scientists are traditionally religious, is repeated in the jacket copy. The expression, “religious in a traditional sense” is never precisely defined, but I would have thought that a belief in God is a minimal requirement. With 72% of scientists explicitly nontheistic, and an additional five percent professing to believe in God only sometimes, it looks to me like 23% would be the most generous figure for the fraction of scientists who are traditionally religious.

    Also stark is the data on religious affiliations. Here we find that 53% of scientists claim no religious affiliation at all. I was very surprised by that number, since religious affiliation is as much about cultural identity as it is about specific beliefs. For example, when asked for my religious affiliation I always say that I am Jewish even though I am also an atheist. (Apparently I have this attitude in common with a lot of Jewish scientists, fully 75% of whom are atheists according to Ecklund's data.) This tells me that for more than half of scienitsts none of the traditional religions play any role at all in their identity. It was only 16% of the public that claims no religious affiliation.

    From the other side, Evangelical Protestantism is the religion of 28% of the public, but only 2% of scientists.

    Here's another interesting finding:

    On the whole, scientists tend to view themselves as religiously liberal. For example, when asked to compare themselves to other Americans along a continuum of religion from liberal to conservative, a seven-point scale on which 1 represents extremely liberal religious beliefs and 7 represents extremely conservative, most of the scientists I interviewed saw themselves as measuring around 2. This means that when they are religious, scientists tend to see themselves as religious liberals. (p. 35)

    Again, pretty stark. Religion is poorly represented among scientists, and where it appears it is of a vastly more liberal sort than among of the public generally. It is beyond me how anyone can look at all of these numbers and persist in denying that there is a conflict between science and religion. Of course there is a conflict.

    As I have written here before, I am all in favor of religious scientists speaking out about their beliefs. I do not like religion in any form, but if I am stuck with it then it is far better that it be Ken Miller's sort of religion than Ken Ham's. If they can have some success moving people to more moderate forms of religion then I am all for letting them try.

    But don't be surprised when so many people reject what they are selling, and don't blame Richard Dawkins for their lack of success. Evolution poses problems for religion that go well beyond conflicts with the Bible. A thorough appreciation of the scientific method makes it very hard to accept faith and revelation as reliable routes to knowledge. A simplistic notion like NOMA, in which we are expected to segregate our best understanding of nature from our religious beliefs, is not workable for most people. These are just a few issues. Very clever people constrained only by their imaginations can concoct ways around such objections. But there is a big difference between showing that science does not rule out religion, and claiming that there is no conflict between them.

    Another one of Ecklund's findings is that 22% of atheists describe themselves as spiritual. In his jacket endorsement for the book, Ron Numbers cites this as the book's most surprising finding. Personally I find this neither surprising nor interesting. “Spiritual” is not at all the same thing as “religious.” The term is often used as a way of describing awe and wonder at the mysteries of nature, and does not necessarily connote any supernatural belief at all. Atheists are as capable of such strong emotions as anyone else. Typically, using a term like spiritual is specifically a way to distance oneself from traditional religion.

    There is much more to Ecklund's book than just these numbers, and I recommend it even though I think her attempts to minimize the extent of the conflict between science and religion fall flat. The data alone is very valuable, and I enjoyed reading her accounts of what different scientists had to say about this topic.

  10. #10
    ...
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    24,338
    Inserzioni Blog
    6
    Mentioned
    107 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Rif: Estremismo ateista [varie]

    Citazione Originariamente Scritto da donerdarko Visualizza Messaggio
    Perché, i cristianissimi Stati Uniti non hanno mai violato i "diritti umani", ad esempio?
    Sì, ma che c'entra?
    "Per tutto il pensiero occidentale, ignorare il suo Medioevo significa ignorare se stesso" - Étienne Gilson


    "Se commettiamo ingiustizia, Dio ci lascerà senza musica" - Cassiodoro.

 

 
Pagina 1 di 8 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Estremismo ultrabigotto....
    Di Giordi nel forum Laici e Laicità
    Risposte: 54
    Ultimo Messaggio: 08-11-11, 22:45
  2. Estremismo liberale
    Di salvo.gerli nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 18-07-11, 11:57
  3. Estremismo di sinistra.Estremismo islamico
    Di King Z. nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 47
    Ultimo Messaggio: 13-05-06, 15:25
  4. Tv E Estremismo
    Di Affus nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 05-05-04, 16:35
  5. Estremismo
    Di GEORGE (POL) nel forum Fondoscala
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 08-06-02, 01:24

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226