User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    03 Aug 2009
    Messaggi
    1,659
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La democrazia orwelliana

    Originale



    L'abbiamo detto e ripetuto, scritto e ripreso. La politica che si svolge all'interno della democrazia rappresentativa equivale a una partita di calcio in cui le squadre si sono già accordate sul risultato.
    Formalmente tutto è in regola e i tifosi, presi dalle scalmane della passione calcistica, non si accorgono che qualcosa non va nel comportamento dei giocatori.
    Nella nostra democrazia vale lo stesso concetto.
    Esistono partiti che assolvono la funzione di rappresentare l'archetipo di una certa famiglia politica (destra, sinistra, liberali, giustizialisti, populisti, cattolici, ecc.).
    Ci sono istituzioni in cui i rappresentanti di questi partiti confluiscono mediante un voto a suffragio universale regolare.
    Gli elettori sono davvero liberi di scegliere chi vogliono per farsi rappresentare e credono che le istituzioni soggette a democrazia siano quelle che realmente determinano il corso delle cose.
    Quando qualcosa va male, contro i desideri del popolo, l'episodio viene derubricato a semplice "stortura" imputabile a qualche mela marcia e non a una deformazione patologica della democrazia stessa.
    E invece è proprio su quest ultimo particoalre che bisogna soffermarsi.
    Il graduale e crescente scollamento tra eletti ed elettori, la cessione di quote di potere sempre più ampie dalle istituzioni elette a quelle centralizzate, non elette e magari sovranazionali, non sono eccezioni a un sistema nel complesso buono ma rappresentano al contrario la natura ineludibile della democrazia stessa.

    Da che mondo è mondo, dall'Atene di Clistene, agli Stati Uniti di Obama passando per l'Olanda dei diritti civili e la Svizzera dei referendum, il sistema rappresentativo ha sempre funzionato in questo modo: permettere alla gente di votare per eleggere chi, comunque, non governerà.
    E se in una prima fase la cosa può essere mascherata, il tempo renderà tutto palese.
    Infatti se è vero che il popolo è libero di eleggere questo o quel candidato è anche vero che più a monte la rosa dei candidati è già selezionata all'interno dei partiti da sostenitori economici dei partiti stessi, in modo che gli elettori potranno sì scegliere, ma tra persone senza sensibili distinzioni reciproche.
    E così in Italia è impossibile avere un candidato del PD che non sia gradito a Intesa-San Paolo o Unicredit, negli USA non si avrà mai un congressista ostile alle lobbies, in Russia un parlamentare della Duma sgradito alle nomenklature.
    Enti e potentati economici estranei all'agone democratico decidono alla base chi ne farà parte. Gli eletti dovranno così rendere conto del proprio operato non tanto ai propri elettori ma alle persone che per prime hanno loro aperto le porte della politica.

    Il passare del tempo ha determinato anche un salto di qualità (verso il basso) di questo tipo di democrazia, che è, in fondo, l'unica democrazia possibile, vale a dire l'esasperazione della lontananza tra i cittadini e i loro rappresentanti, allorché questi ultimi, in barba a ogni promessa elettorale, procedono senza riserve in base all'agenda dei propri veri padroni.
    E questo modo di far politica, in cui si viene democraticamente eletti per poi ignorare scientificamente la volontà del demos, esige il controllo su quest ultimo affinché non si sollevi.
    Da qui il recente stillicidio di provvedimenti liberticidi da parte dei governi democratici di tutto il pianeta, provvedimenti che se avessero la firma di Adolph Hitler o di Joseph Stalin avrebbero il biasimo generale e che invece, dosati goccia a goccia da governi eletti, vengono facilmente spacciati come atti a garantire la sicurezza dei cittadini: documenti e transazioni di denaro elettronici, vaccinazioni obbligatorie, telecamere di sorveglianza, controllo sulla libertà di opinione e informazione, restrizioni sulla libertà personale e controlli dei movimenti bancari ai fini dell'antiterrorismo, ecc.

    Ci sarà nei prossimi anni un allargamento della forbice in cui il politico farà sempre più esplicitamente la volontà dei suoi veri rappresentati, aprendo centrali nucleari che il cittadino non vuole, facendo guerre che il cittadino non vuole, privatizzando l'acqua quando il cittadino non lo vuole, liberalizzando settori sociali anche se il cittadino non vuole, realizzando opere inutili ed ecocide pure se il cittadino non vuole.
    Ma la gente sarà di fatto impossibilitata ad agire nel modo che le aggrada, ossia democraticamente, per il semplice motivo che la democrazia si sarà rivelata nel frattempo per quella farsa che è e tutto ciò che potrà fare sarà opporsi ad essa nelle piazze e subire la conseguente repressione.

    Sarà allora, o meglio, è già una democrazia autoritaria e di controllo, in cui ogni voce ribelle è monitorata e repressa per tempo con gli strumenti che i governi hanno già disposto per tutelare la sicurezza, come abbiamo detto. La loro sicurezza.

    Una democrazia orwelliana, in cui le persone continueranno a votare per poter continuare ad avere un rapporto con le istituzioni.
    Ma le figure istituzionali con cui dovranno abituarsi ad avere un dialogo saranno solo due: il poliziotto in tenuta antisommossa e il secondino.

    George Orwell diceva: se volete un'immagine futura dell'umanità, immaginate uno scarpone che schiaccia a terra il volto di una persona per sempre.
    Questo è il mio caposaldo. Da qui non mi schiodo.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,635
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Rif: La democrazia orwelliana

    Ha buon gioco Ahmadinejad a dire che le repressione avvengono anche in America e che i reati di opinione (che in paesi come Germania ed Austria li paghi più cari dello stupro) ci sono nelle "democrazie".
    L' aspetto più preoccupante di questa facenda è il progresso tecnologico, perchè fornisce alle autorità potentissimi strumenti di controllo e di identificazione che nessun potere ebbe mai nella storia a noi conosciuta dell' uomo, e perchè rende il confronto fisico tra sudditi e Stato il più impari che ci sia mai stato: sassi e bastoni contro armi soniche, onde elettromagnetiche, mitragliatrici, aerei etc.
    Ne consegue che l' ordine costituito crollerà nel momento in cui alle masse non frega niente di morire e di conseguenza disobbediranno alla maniera Ghandiana non facendo funzionare le cose.
    Ultima modifica di Avanguardia; 14-04-11 alle 11:25

 

 

Discussioni Simili

  1. A dir poco: orwelliana.
    Di Gioann Bagoss nel forum Fondoscala
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 23-01-12, 09:44
  2. La democrazia orwelliana
    Di Simone.org nel forum MoVimento 5 Stelle
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-04-11, 11:02
  3. Geopolitica orwelliana
    Di ulver81 (POL) nel forum Politica Estera
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 23-07-07, 18:48
  4. Neolingua totalitaria di orwelliana memoria
    Di argyle_83 nel forum Cattolici
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 13-03-06, 20:01
  5. Un'Europa sempre più orwelliana
    Di Stonewall nel forum Padania!
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 25-06-03, 09:27

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226