User Tag List

Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 51
  1. #1
    Conservatore
    Data Registrazione
    30 Apr 2004
    Località
    Sponda bresciana benacense
    Messaggi
    20,197
    Inserzioni Blog
    4
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Giappone, i suicidi peggio del terremoto

    Giappone, i suicidi peggio del terremoto

    di Fabio Spina02-05-2011


    Un mese fa un terremoto violentissimo ha colpito il Giappone causando circa 27mila morti, un’immane tragedia che tutto il mondo ha vissuto emotivamente ora per ora attraverso i mass media. Un'altra tragedia colpisce la stessa nazione pur essendo questa una delle più ricche e tecnologiche potenze mondiali: nel 2009 il numero dei suicidi ha superato per il dodicesimo anno consecutivo la soglia dei 30mila, ogni anno ci sono stati più morti di quelli dovuti al terremoto ed allo tsnumani. Tutto però è avvenuto senza dirette TV e senza che il grande pubblico sia stato coinvolto ed informato: la somma di 30mila apocalissi individuali fa molto meno clamore di una apocalisse collettiva.



    Proprio in questi giorni la rivista Le Scienze ci informa che “il paradosso dei suicidi nei paesi felici” vale tra le nazioni ed anche all’interno della singola nazione. Tale fenomeno è stato rilevato da una ricerca condotta da studiosi dell'Università di Warwick, in Gran Bretagna, dello Hamilton College di New York e dalla Federal Reserve Bank of San Francisco, che lo illustrano in un articolo (Dark Contrasts: The Paradox of High Rates of Suicide in Happy Places) in via di pubblicazione sulla rivista Journal of Economic Behavior & Organization.

    Le nazioni e gli stati degli Stati Uniti più "felici" hanno il tasso di suicidi più elevato, intendendo spesso come felicità il benessere. In passato l’osservazione era stata fatta in Danimarca. La nuova ricerca ha potuto rilevare che uno schema analogo si riscontra anche in altre nazioni, fra cui Canada, Stati Uniti, Islanda, Irlanda e Svizzera. Negli USA i dati grezzi indicano che lo Utah, che ha il massimo livello di soddisfazione, è il nono Stato per tasso di suicidi, mentre New York che si colloca al 45° posto per soddisfazione della vita ha il tasso di suicidi più basso del paese. Le Hawaii, al secondo posto per soddisfazione della vita, hanno il quinto più elevato tasso di suicidi, mentre il New Jersey, al 47° posto per soddisfazione della vita, è anche al 47° posto per tasso di suicidi.



    A livello mondiale, i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sono significativi: ogni anno circa un milione di persone muore per suicidio. Sotto i 15 anni, pur essendo rari e pari a circa il 2% del numero totale, il suicidio è la prima causa di morte in alcuni paesi: Cina, Svezia, Irlanda, Australia e Nuova Zelanda. Il suicidio è praticamente la prima causa di morte, particolarmente per i maschi, in quasi tutti i paesi al Mondo fra i 25 e 55 anni, il valore assoluto supera il totale dei morti in questa fascia di età per guerre ed omicidi. In generale gli uomini si tolgono la vita più delle donne, i tentati suicidi sono da 10 a 20 volte di più dei suicidi commessi. Ogni suicidio colpisce in modo devastante in media altre sei persone. I più alti tassi di suicidio (dati OMS 2000 ) si riscontrano nell’Europa dell’Est, come in Estonia, Lettonia, Lituania, Finlandia, Ungheria, Russia, e nei paesi asiatici come Cina e Giappone. Quelli più bassi in America Latina e Paesi Arabi. I paesi africani non forniscono dati sufficienti.




    Negli ultimi anni, specie sui mass media, si sta affermando la visione che tende a far apparire ogni singolo omicidio come “scelta di libertà”, viene propinato che il progresso sarebbe dare l’opportunità ad ogni singolo individuo di poter scegliere in solitudine se interrompere definitivamente la sofferenza che inevitabilmente, prima o poi, la vita causa. Insomma, quando vedete qualcuno che tenta di suicidarsi lanciandosi da un ponte, dovete sapere che tentare di salvarlo potrebbe essere interpretata da alcuni come un atto di coercizione che limita la libertà altrui. In un mondo dove la libertà non comincia e finisce per tutti dagli stessi limiti, l’indifferenza, se non l’ammirazione, diviene l’atteggiamento "giusto" verso chi decide di farla finita. Illiberale diviene invece chi ritiene la vita un dono e cerca di far sentire sempre amato ed accolto chi decide di mettere fine “all’inconveniente di essere nati”.

    Per questi fautori del suicidio come dimostrazione d’indipendenza e “potenza”, i dati dei suicidi a livello mondiale saranno probabilmente corrispettivo di libertà e non di poca attenzione al valore della persona; i paesi con alto tasso saranno i paesi da emulare e non dove la solitudine e la disgregazione hanno preso il sopravvento. I 30mila suicidi annuali giapponesi per alcuni non sono da piangere come i 27mila morti per terremoto, in quanto i primi hanno “scelto” mentre per ai secondi non è stata data la stessa possibilità.



    E’ un dovere invece piangere tutti i morti allo stesso modo, sforzarsi affinché tutti le persone si sentano amate e percepiscano che altri hanno bisogno del loro amore. Forse è questo il segreto di molti paesi dove il tasso di suicidi è basso.



    In un incontro ad Auronzo di Cadore del 24 luglio 2007 un sacerdote chiese al papa Benedetto XVI: “Santo Padre, i giovani sono il nostro futuro e la nostra speranza: ma alle volte vedono nella vita non un’opportunità, ma una difficoltà; non un dono per sé e per gli altri, ma un qualcosa da consumare subito; non un progetto da costruire, ma un vagare senza meta. La mentalità di oggi impone ai giovani di essere sempre felici e perfetti, con la conseguenza che ogni piccolo fallimento ed ogni minima difficoltà non sono più visti come motivo di crescita, ma come una sconfitta. Tutto questo li porta spesso a gesti irrimediabili come il suicidio, che provocano una lacerazione nel cuore di coloro che li amano e dell’intera società. Cosa può dire a noi educatori che, spesso, ci sentiamo con le mani legate e senza risposte?”

    Una parte dell’’illuminante risposta di Papa Benedetto XVI fu:”[…] Siamo pensati e voluti e, quindi, c’è una idea che mi precede, un senso che mi precede e che devo scoprire, seguire e che dà finalmente significato alla mia vita. Mi sembra questo il primo punto: scoprire che realmente il mio essere è ragionevole, è pensato, ha un senso e la mia grande missione è scoprire questo senso, viverlo e dare così un nuovo elemento alla grande armonia cosmica pensata dal Creatore. Se è così, allora anche gli elementi di difficoltà diventano momenti di maturità, di processo e di progresso del mio stesso essere, che ha senso dal suo concepimento fino all’ultimo momento di vita. Possiamo conoscere questa realtà del senso precedente a tutti noi, possiamo anche riscoprire il senso della sofferenza e del dolore; certamente c’è un dolore che dobbiamo evitare e che dobbiamo allontanare dal mondo: tanti dolori inutili provocati dalle dittature, dai sistemi sbagliati, dall’odio e dalla violenza. Ma c’è anche nel dolore un senso profondo e solo se possiamo dare senso al dolore e alla sofferenza può maturare la nostra vita. Direi soprattutto che non è possibile l’amore senza il dolore, perché l’amore implica sempre una rinuncia a me, un lasciare me, un accettare l’altro nella sua alterità, implica un dono di me e, quindi, un uscire da me stesso. Tutto questo è dolore, sofferenza, ma proprio in questa sofferenza del perdermi per l’altro, per l’amato e quindi per Dio, divento grande e la mia vita trova l’amore e nell’amore il suo senso. Anche l’inscindibilità di amore e dolore, di amore e Dio sono elementi che devono entrare nella coscienza moderna per aiutarci a vivere. In questo senso direi che è importante far scoprire ai giovani Dio, far scoprire loro l’amore vero che proprio nella rinuncia diventa grande e così far scoprire loro anche la bontà interiore della sofferenza, che mi rende più libero e più grande.[…]”.

    Prima di pensare alle risorse naturali, il modo più importante di pensare alle future generazioni è proprio quello educarli a cercare il significato della vita

    La Bussola Quotidiana notiziario cattolico di opinione online: Giappone i suicidi peggio del terremoto
    “Pray as thougheverything depended on God. Work as though everything depended on you.”

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Logiké Latreía
    Data Registrazione
    28 Mar 2009
    Località
    Italia
    Messaggi
    9,440
    Inserzioni Blog
    24
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Giappone, i suicidi peggio del terremoto

    Secondo me è colpa della tecnologia che dà l'impressione di essere potenti, ma in realtà è fredda e vuota.
    gene normanno

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Messaggi
    4,937
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Giappone, i suicidi peggio del terremoto

    in Giappone bisogna considerare anche l'influenza culturale su questa "usanza "
    riguardo al resto del mondo ... tempo fa lessi una statistica dove dicevano che il suicidio nei paesi a maggioranza cattolica era inferiore rispetto ai paesi non cattolici ..... bisogna quindi giungere alla conclusione che il cattolicesimo rende infelici le persone ? :mmm:
    (l'articolo parla di paradosso del suicidio nei paesi felici )
    Ultima modifica di Gauss; 04-05-11 alle 16:54

  4. #4
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    26 Feb 2010
    Località
    lille
    Messaggi
    8,332
    Mentioned
    35 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Rif: Giappone, i suicidi peggio del terremoto

    Citazione Originariamente Scritto da Gauss Visualizza Messaggio
    in Giappone bisogna considerare anche l'influenza culturale su questa "usanza "
    riguardo al resto del mondo ... tempo fa lessi una statistica dove dicevano che il suicidio nei paesi a maggioranza cattolica era inferiore rispetto ai paesi non cattolici ..... bisogna quindi giungere alla conclusione che il cattolicesimo rende infelici le persone ? :mmm:
    (l'articolo parla di paradosso del suicidio nei paesi felici )
    mah io avevo studiato che il suicidio è influenzato da fattori culturali e quindi religiosi! weber in una ricerca dimostrava cm nei paesi protestanti il suicidio fosse enormemente piu alto rispetto ai cattolici!!
    poi in giappone il suicidio non e mal visto cm da noi xcio e socialmente piu accettato... e vero che ce una strana correlazione tra suicidi e ricchezza, ma secondo la correlazione nn e legata alla ricchezza in se ma al secolarismo dei paesi presi in analisi

  5. #5
    Forumista senior
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Messaggi
    4,937
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Giappone, i suicidi peggio del terremoto

    ah ecco.... una statistica elaborata ai tempi di weber
    forse un pochino vecchiotta , servirebbero dati più recenti .


    però l'articolo non prende in considerazione anche la diffusione delle patologie mentali gravi , come la depressione , fra i paesi più sviluppati .... patologie che portano al suicidio e in questi casi l'influenza culturale o religiosa non influenza molto l'esito finale .

  6. #6
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    26 Feb 2010
    Località
    lille
    Messaggi
    8,332
    Mentioned
    35 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Rif: Giappone, i suicidi peggio del terremoto

    Citazione Originariamente Scritto da Gauss Visualizza Messaggio
    ah ecco.... una statistica elaborata ai tempi di weber
    forse un pochino vecchiotta , servirebbero dati più recenti .


    però l'articolo non prende in considerazione anche la diffusione delle patologie mentali gravi , come la depressione , fra i paesi più sviluppati .... patologie che portano al suicidio e in questi casi l'influenza culturale o religiosa non influenza molto l'esito finale .
    vedi nella statistica non si conta il caso singolo quindi cercare il malato non ha senso(il malato ce in italia cm in francia o in svezia)
    cmq il mio professore diceva che il trend e lo stesso anche se appunto il secolarismo tende a far diminuire le distanze...
    cmq era per far capire che le cause del suicidio sn culturali!
    p.s a ricerca era di Durkheim non di weber sorry

    http://wwwpiccolamarty.blogspot.com/...-durkheim.html

    questa e una veloce e breve(anche un po incompleta a dir la verità) spiegazione del suo pensiero
    Ultima modifica di ziomaio; 04-05-11 alle 17:15

  7. #7
    puttuio!
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    2,991
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Giappone, i suicidi peggio del terremoto

    E' diffusa una carenza di amore, di sensibilità, di caritá, di attenzione, di speranza, di approfondimento filosofico, di guida... e tutto quello che viene stimolato dal cattolicesimo. Ovviamente meno cattolicesimo é radicato nella cultura generale, più possibità ci sono che le persone, nonostante abbiano tutto il materiale necessario, siano infelici a tal punto da arrivare uccidersi per colpa dell'infelicità.

    Ciò non toglie che anche un cattolico, a causa della societa in cui vive, abbia alte possiblità di desiderare - sbagliando - una cosa simile.
    Ultima modifica di :Esther:; 04-05-11 alle 19:58
    L'imitazione è la più sincera forma di adulazione.(Charles Caleb Colton)

  8. #8
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    venezia
    Messaggi
    6,296
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Rif: Giappone, i suicidi peggio del terremoto

    c'è da dire che il suicidio nella cultura giapponese è visto diversamente che da noi

  9. #9
    puttuio!
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    2,991
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Giappone, i suicidi peggio del terremoto

    Citazione Originariamente Scritto da benfy Visualizza Messaggio
    c'è da dire che il suicidio nella cultura giapponese è visto diversamente che da noi
    Ah, allora cambia tutto. :sofico:
    Ultima modifica di :Esther:; 04-05-11 alle 20:05
    L'imitazione è la più sincera forma di adulazione.(Charles Caleb Colton)

  10. #10
    Conservatore
    Data Registrazione
    30 Apr 2004
    Località
    Sponda bresciana benacense
    Messaggi
    20,197
    Inserzioni Blog
    4
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Giappone, i suicidi peggio del terremoto

    Citazione Originariamente Scritto da benfy Visualizza Messaggio
    c'è da dire che il suicidio nella cultura giapponese è visto diversamente che da noi
    L'articolo non parla solo di Giappone. L'OMS dice che in tutto il mondo in un anno muoiono circa UN MILIONE di persone per suicidio.
    Peggio dell'AIDS...
    Fa spavento pensare quato poco basterebbe a salvare tante vite dall'autodistruzione.
    “Pray as thougheverything depended on God. Work as though everything depended on you.”

 

 
Pagina 1 di 6 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Terremoto magnitudo 7.3 al largo del Giappone
    Di von Dekken nel forum Cronaca
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 25-10-13, 21:38
  2. Terremoto devastante in Giappone, reggono le centrali nucleari
    Di maeda nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 91
    Ultimo Messaggio: 27-04-11, 14:51
  3. Terremoto in giappone: ecco i nostri grande scienziati
    Di Morfeo nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 32
    Ultimo Messaggio: 04-04-11, 01:06
  4. Risposte: 104
    Ultimo Messaggio: 15-06-08, 16:44
  5. Giappone, allarme dopo il terremoto
    Di Metapapero nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 263
    Ultimo Messaggio: 10-09-07, 14:40

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226