User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Tradizional-Socialista
    Data Registrazione
    15 Dec 2010
    Messaggi
    571
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Ora si tratta con il Mullah Omar?

    Ora si tratta con il Mullah Omar?
    di Massimo Fini - 10/05/2011


    Fonte: Massimo Fini [scheda fonte]

    Il Washington Post avanza l’ipotesi che la morte di Osama bin Laden possa favorire le trattative con i talebani afghani guidati dal Mullah Omar. Sarebbe finalmente una cosa di buon senso dopo dieci anni di inutile guerra all’Afghanistan che ha causato 60 mila morti fra i civili, 35 mila fra i guerriglieri talebani e 2441 caduti fra i soldati della Coalizione. È un’ipotesi plausibile e fattibile, anche se per motivi diversi da quelli avanzati dal giornale americano secondo il quale la morte del Califfo saudita potrebbe indurre i talebani afghani a rompere definitivamente con al Qaeda e il terrorismo internazionale.

    Omar e Osama erano ai ferri corti già nel 1998 dopo gli attentati alle ambasciate americane in Kenya e Tanzania, attribuiti a Bin Laden, che provocarono 223 morti e 4000 feriti. Poco dopo 75 missili Cruise si abbatterono sulle montagne di Khost, dove gli americani ritenevano che si trovasse Bin Laden con i suoi campi di addestramento. Non centrarono il bersaglio, ma fecero un bel po’ di morti. I bombardamenti proseguirono per qualche mese. Bin Laden era quindi diventato un problema per il governo talebano. Così quando il presidente Clinton propose al Mullah Omar di eliminare fisicamente Bin Laden, il leader dei talebani, attraverso il suo ministro degli Esteri, Wakil Muttawakil, inviato a Washington alla fine di quell’anno, si dichiarò d’accordo. Ma quando la cosa sembrava ormai fatta, Clinton si tirò inspiegabilmente indietro.

    E venne l’11 settembre. Mentre le folle di tutti i Paesi del mondo arabo scendevano in piazza per manifestare la loro gioia, fra i tanti attestati di solidarietà e di cordoglio che arrivarono agli Stati Uniti ce n’era anche uno del governo talebano. Un comunicato ufficiale che diceva: “Bismullah ar-Rabman ar Rabim (nel nome di Allah, della grazia e della compassione). Noi condanniamo fortemente i fatti che sono avvenuti negli Stati Uniti al World Trade Center e al Pentagono. Condividiamo il dolore di tutti coloro che hanno perso i loro familiari e i loro cari in questi incidenti. Tutti i responsabili devono essere assicurati alla giustizia. Noi vogliamo che siano puniti e ci auguriamo che l’America sia paziente e prudente nelle sue azioni”.

    E allora perché il Mullah Omar si rifiutò di estradare Bin Laden come volevano gli Stati Uniti? Perché Omar, che a suo modo, anche se ciò può suonar strano ad orecchie occidentali, è un legalista, chiedeva che ci fosse una seria inchiesta sugli attentati dell’11 settembre e delle prove che alle spalle ci fosse davvero Osama bin Laden. Gli americani, che avevano già ammassato bombardieri e truppe in Pakistan, risposero arrogantemente: “Le prove le abbiamo date ai nostri alleati”. A questa risposta il governo dei talebani replicò come avrebbe fatto qualsiasi altro governo del mondo: che a quelle condizioni, senza un’inchiesta, senza prove non poteva consegnare una persona, che non aveva la nazionalità americane né quella afghana, che era comunque un ospite del loro Paese e sotto la loro tutela, così, al buio, alla giustizia degli Stati Uniti. Il Mullah Omar si è giocato un Paese e la sua vita stessa non per difendere Bin Laden, di cui poco o nulla gli importava, che anzi si sarebbe tolto volentieri dai piedi, ma per una questione di principio e dignità.

    Comunque sia, sono anni che al Qaeda non è più in Afghanistan. La Cia ha calcolato che su circa 50 mila guerriglieri che combattono gli occupanti occidentali solo 359 sono stranieri. Ma sono ceceni, uzbechi, turchi, non arabi wahabiti che hanno in testa il jihad universale contro l’Occidente. Gli insurgents, gli insorti come li definiscono la stessa Cia e il Pentagono (solo La Russa e Frattini li chiamano ancora “terroristi”), sono solo gente che, con l’appoggio della stragrande maggioranza della popolazione, vogliono che le truppe straniere se ne vadano dall’Afghanistan. La morte di Bin Laden non serve a rompere i legami fra i talebani e i terroristi internazionali che non ci sono più da tempo, serve all’America per quella exit strategy dignitosa che sta cercando da almeno un paio d’anni.

    La situazione sul campo della Nato è divenuta insostenibile. Secondo le stime più recenti, i talebani occupano l’80% del Paese e con una strategia avvolgente stanno bloccando, a est, a sud, a ovest, tutte le vie di rifornimento alle truppe occidentali (l’unica sicura rimane quella da nord, dalla Russia via Turkmenistan e dipende dalla benevolenza di Putin). D’altro canto i talebani non sono in grado di dare la spallata decisiva nelle grandi città – Kabul, Mazar i-Sharif, Herat – perché troppa è la sproporzione con gli armamenti della Nato. La situazione è di stallo. Più volte gli americani hanno cercato di avviare trattative, nemmeno tanto segrete, con i talebani così detti moderati per uscirne. Nell’ottobre del 2010 hanno istituito un Alto consiglio di pace in cui sostenevano di aver coinvolto anche alcuni importanti esponenti talebani. In realtà erano solo delle scartine raccattate per le strade di Kabul. Si sono sempre rifiutati di trattare con il Mullah Omar ritenendolo inadeguato per una pacificazione nazionale. Omar è invece l’unico interlocutore possibile perché è lui che guida, con mano di ferro, la guerriglia. Bin Laden è morto, gli Stati Uniti potrebbero dire: ora che la caccia è finita, il sangue delle Twin Towers vendicato, si può trattare anche con il Mullah Omar ponendo come condizione, tanto per salvare la faccia, che il leader dei talebani dichiari di rinunciare ai legami con al Qaeda. Omar accetterebbe?

    Se la condizione è questa, certamente, così come accetterebbe, credo, ispezioni Onu che accertino che su suolo afghano non ci sono campi di addestramento per qaedisti. Se costoro dovessero rifarsi vivi, sarebbe lui il primo a cacciarli visto che è a causa loro che ha perso il Paese che governava. Se invece le condizioni di Obama o di chi per lui fossero: dopo Karzai un altro Quisling in salsa americana, come Naiisbullah lo era stato per i sovietici, basi Nato nel Paese e truppe Yankee, sia pur ridotte, su suolo afghano, direbbe di no. Non ha combattuto 30 dei suoi 49 anni di vita per la libertà del suo Paese, sacrificandogli l’intera esistenza, per vedersi imporre alla fine una “pax americana”.
    Ora si tratta con il Mullah Omar?, Massimo Fini
    Chiunque stia dalla parte di una giusta causa non può essere definito un terrorista.
    Yasser Arafat

    Una religione senza guerra è zoppa.
    Ruhollāh Mosavi Khomeyni

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Cancellato
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    34,331
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ora si tratta con il Mullah Omar?

    Televideo - Rai

    " Dopo le indiscrezioni diffuse dal pre-
    sidente afghano Karzai, il Segretario
    alla Difesa Usa, Gates, ha confermato
    che sono in atto discussioni prelimina-
    ri tra il Dipartimento di Stato, auto-
    rità di altri Paesi e i talebani.

    L'annuncio è stato fatto dallo stesso
    Gates alla Cnn.

    Per arrivare ad un accordo di pace, ha
    aggiunto il Segretario alla Difesa, po-
    trebbero trascorrere diversi mesi. "

    AH!AH!AH!
    Che figurone per gli USA,dopo ben 10 anni di
    guerra non sono riusciti a sconfiggere i talebani.

    Non potete ovviamente immaginare il mio dispiacere....
    e ora,le truppe a casa!

  3. #3
    Cancellato
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    34,331
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  4. #4
    Cancellato
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    34,331
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Ora si tratta con il Mullah Omar?

    Ultima modifica di Nazionalistaeuropeo; 23-06-11 alle 15:16

 

 

Discussioni Simili

  1. Perchè il Mullah Omar.
    Di amerigodumini nel forum Destra Radicale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 16-04-11, 21:15
  2. Il Mullah Omar
    Di Majorana nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 24-02-11, 18:13
  3. Catturato il Mullah Omar?
    Di Malaparte nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 06-07-10, 15:14
  4. Afghanistan: il mullah Omar
    Di anarchico_dissacratore nel forum Politica Estera
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-10-09, 19:27
  5. Lettera Del Mullah Omar
    Di daca. nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 03-06-07, 11:23

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226