User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    03 Aug 2009
    Messaggi
    1,659
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il signoraggio e il cammino della verità

    Originale



    Si dice che una verità repressa, prima di diventare patrimonio comune, debba attraversare tre fasi.
    La prima, quella della derisione. La seconda, un violento rifiuto. La terza, infine, l'accettazione della sua evidenza.
    Questo difficile percorso è proprio lo stesso su cui si è incamminata l'informazione sul signoraggio bancario, e per la precisione si è arrivati al punto più difficile, il secondo, quello del rifiuto.

    Sino a qualche mese addietro l'informazione e la ricerca sul signoraggio era derubricata a pura materia complottistica a livello di rapimenti alieni e Sacro Graal e i simpatizzanti delle banche centrali si limitavano alle battute e alla derisione.
    Ora l'aria è cambiata e si è fatta più pesante. Ho notato un crescente numero di siti internet e blog dedicati esclusivamente a un vero e proprio negazionismo sul tema e parecchi utenti di forum scatenati nel dedicarsi a quest'opera (1, 2 e 3, per esempio), senza contare le già presenti falangi di Indymedia.
    Tutto questo indica che si è passati alla seconda fase della diffusione della verità e significa che chi sta combattendo questa lotta di informazione sta procedendo nella direzione giusta.

    Sino ad oggi hanno dati ai "signoraggisti", o meglio, ci hanno dato dei buffoni e dei pagliacci. Ora iniziano a dipingerci come delinquenti.
    Ci hanno sbeffeggiato, adesso partiranno con le bordate.
    Mi interessa in particolare sottolienare due caratteristiche di questo fenomeno negazionista che sta alzando i toni.
    Prima di tutto l'informazione al contrario. Non appare quanto meno strano che si diffonda contro una tesi, contro una qualisiasi tesi, una corrente che mira a negarla senza che questa costituisca verità risaputa? Cosa si penserebbe se si diffondessero le tesi negazioiste sull'Olocausto senza che ne fosse nota e condivisa la versione ufficiale? Molto strano.
    Secondo, l'informazione asimmetrica. Una delle accuse che i negazionisti rivolgono a chi parla di signoraggio è quella che non ci sarebbero economisti ufficiali a sostenere questa frode. Abbiamo già visto che si tratta di accusa infondata. Ma soprattutto di un'accusa asimmetrica perché se anche fosse vero che non ci fossero economisti a smascherare il signoraggio, è altrettanto vero che non ve ne sono nemmeno tra coloro che lo negano e che nonostante questo sostengono di avere la competenza tecnica per farlo.
    Ad oggi solo un economista accademico si è esposto a negare la frode del signoraggio ma vi invito a sentire direttamente dalla sua voce lo spessore intellettuale del personaggio.

    Se la premessa sul cammino che la verità deve compiere per essere accettata è valida, allora la diffusione e la condivisione del problema del signoraggio è sulla strada giusta e ora è alla tappa più difficile, quella in cui più facilmente verrà la tentazione di mollare ma meno che mai bisognerà farlo.
    Sono gli ultimi metri della scalata e tra poco inzierà la discesa!
    Questo è il mio caposaldo. Da qui non mi schiodo.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,635
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il signoraggio e il cammino della verità

    Tanto per iniziare, bisognerebbe promuovere le monete complementari e alternative, emesse senza interessi.

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    03 Aug 2009
    Messaggi
    1,659
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il signoraggio e il cammino della verità

    Citazione Originariamente Scritto da Avanguardia Visualizza Messaggio
    Tanto per iniziare, bisognerebbe promuovere le monete complementari e alternative, emesse senza interessi.
    Concordo sulle monete alterantiche hanno rimesso in piedi intere filiere in Argentina.
    Dissento sulle monete complementari che, in quanto sconti che camminano, non escludono la moneta-debito al contrario rischiano di diventarne il terzo polmone. Il loro unico beneficio è quello di dare un immediato sollievo ai consumatori.
    Questo è il mio caposaldo. Da qui non mi schiodo.

  4. #4
    Moderatore
    Data Registrazione
    04 Jun 2009
    Località
    Mein Reich ist in der Luft
    Messaggi
    11,094
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il signoraggio e il cammino della verità

    Citazione Originariamente Scritto da Simone.org Visualizza Messaggio
    Concordo sulle monete alterantiche hanno rimesso in piedi intere filiere in Argentina.
    Dissento sulle monete complementari che, in quanto sconti che camminano, non escludono la moneta-debito al contrario rischiano di diventarne il terzo polmone. Il loro unico beneficio è quello di dare un immediato sollievo ai consumatori.


    Personalmente ho ideato una forma di moneta complementare collegata ad un sistema di solidarietà sociale che ho chiamato Progetto Auriti. Lo scopo principale di tale progetto è quello di dare sollievo alle famiglie in difficoltà per farle comprendere l'estrema utilità di un sistema monetario statale di proprietà del cittadino pubblicizzando, in tal modo, il nome di Auriti e creando, quindi, interesse verso la figura del compianto maestro ed il suo ideale di sovranità monetaria. Tutto ciò è un primo passo per far rifiatare il popolo e fargli comprendere il problema del signoraggio e della proprietà della moneta.
    ████████

    ████████

    Gli umori corrodono il marmo

  5. #5
    Forumista senior
    Data Registrazione
    03 Aug 2009
    Messaggi
    1,659
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il signoraggio e il cammino della verità

    Citazione Originariamente Scritto da Majorana Visualizza Messaggio
    Personalmente ho ideato una forma di moneta complementare collegata ad un sistema di solidarietà sociale che ho chiamato Progetto Auriti. Lo scopo principale di tale progetto è quello di dare sollievo alle famiglie in difficoltà per farle comprendere l'estrema utilità di un sistema monetario statale di proprietà del cittadino pubblicizzando, in tal modo, il nome di Auriti e creando, quindi, interesse verso la figura del compianto maestro ed il suo ideale di sovranità monetaria. Tutto ciò è un primo passo per far rifiatare il popolo e fargli comprendere il problema del signoraggio e della proprietà della moneta.
    Potresti inviarmi del materiale o linkarmi qualocosa?
    Noi di Anticapitalismo.it ci ispiriamo in gran parte ad Auriti nella proposta e questa affianchiamo nostre ideel originali (vedi sito).
    Di certo è stato un colosso Auriti!
    Questo è il mio caposaldo. Da qui non mi schiodo.

  6. #6
    Moderatore
    Data Registrazione
    04 Jun 2009
    Località
    Mein Reich ist in der Luft
    Messaggi
    11,094
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il signoraggio e il cammino della verità

    Citazione Originariamente Scritto da Simone.org Visualizza Messaggio
    Potresti inviarmi del materiale o linkarmi qualocosa?
    Noi di Anticapitalismo.it ci ispiriamo in gran parte ad Auriti nella proposta e questa affianchiamo nostre ideel originali (vedi sito).
    Di certo è stato un colosso Auriti!


    Questo è l'articolo che ho scritto sotto lo pseudonimo di Ettore De Pretto per il progetto da me creato:

    La card del popolo sovrano
    di Ettore de Pretto

    Era una calda giornata di agosto, quella che coincideva con il quarto anniversario della scomparsa del (mai troppo) compianto prof. Giacinto Auriti.
    Mi ritrovai, forse per uno scopo o semplicemente spinto dalla noia, a percorrere una lunga strada soleggiata della mia città, soffermandomi fugacemente, con lo sguardo, sui passanti e sui loro sfuggenti particolari, quasi volessi studiarli.
    Davanti ai miei occhi scorrevano, man mano che i miei passi mi conducevano lungo quella via, ad oltrepassare una serie di negozi vuoti con i commessi annoiati ed intristiti per i mancati incassi, quei guadagni che gli avrebbero consentito di tirare avanti e far fronte a debiti e tasse.
    Una volta terminato il credito a consumo, erogato con l’interesse da oscure società presta soldi e dalle banche (forse ancora più oscure delle prime), la gente si è ritrovata di colpo proiettata verso la dura realtà che non ha mai voluto accettare, il denaro non è di loro proprietà, ma dei banchieri privati che glielo prestano dietro il pagamento di un forte interesse. Per questo, il denaro, non essendo stampato (quello cartaceo) dallo Stato, si comporta come l’anello di Sauron, che tenta in tutti i modi di tornare dal proprio padrone, in questo caso il grasso banchiere, che li stampa e ce li presta, fuggendo dalle tasche dei cittadini per poter tornare a “casa”.
    Quella di cui sto scrivendo, è la più grande delle truffe perpetuate ai danni dell’umanità, ovvero l’usurpazione della sovranità monetaria che dovrebbe appartenere unicamente al popolo, assieme a quella politica che ne è una diretta conseguenza. Il denaro che noi tutti usiamo per vivere, frutto del nostro lavoro e del sudore che ne consegue, non è stampato dagli Stati che se ne servono, ma da banche private che lo stampano e lo prestano agli stati, privandoli, in questo modo, del diritto di battere moneta e tutto ciò con la totale compiacenza dei nostri politici.
    Quante volte, in televisione, sentiamo i politici che blaterano di debito pubblico, grazie al quale non possono essere realizzate le scuole e gli ospedali? Ma vi siete mai chiesti da dove provenga questo debito?
    Se tutti gli italiani sono indebitati, ci deve pur essere qualcuno con cui abbiamo contratto tale debito, allora, da dove nasce? Ovvio, dalle banche che stampano il denaro creandolo dal nulla. Il meccanismo è semplice, lo Stato emette delle Obbligazioni e la banca effettua un prestito allo Stato tramite l’acquisto di titoli di Stato per il corrispettivo valore dell’obbligazione, con il pagamento di un interesse ( il c.d. tasso di sconto, oggi tasso di riferimento, sul denaro). Il debito che sta alla base di questa truffa è inestinguibile, per via del fatto che può essere ripagato solo con il denaro che ci prestano le banche, sembra difficile da capire, ma, tale meccanismo, può essere compreso tramite un chiaro esempio: In un paese c’è un solo panettiere che vende il pane, per acquistarlo egli chiede in cambio dell’altro pane, cioè, per ogni pezzo di pane venduto, ne chiede un pezzo e mezzo.
    Chi lo compra, dovrà pagare con lo stesso pezzo di pane acquistato, dato che non vi sono altri panettieri in quel paese, in più dovrà dargliene un altro mezzo pezzo (che non può essere acquistato da nessun altro fornaio, dato che quello è l’unico che lo produce), in questo modo, per pagare quel mezzo pezzo di pane, dovrà chiedere un altro pezzo di pane che dovrà ripagare con un altro pezzo e mezzo di pane, questo lugubre gioco continuerà all’infinito e, nel nostro caso, ci ha portato ad avere un debito pubblico che supera il 115% del PIL.
    E le scuole e gli ospedali cui mi riferivo prima? Per quelli serve il denaro per poterli costruire, vero? Nulla di più sbagliato, affermare ciò significherebbe dire che non possono essere costruite autostrade per mancanza di km. Il denaro non è una fonte di ricchezza, ma è solo un “vettore” di ricchezza, esso funziona perché la gente lo accetta, accetta di scambiare dei beni reali e di prima necessità (cibo, abiti, ecc...), con della carta (con valore intrinseco nullo), il denaro, quindi, è solo una convenzione. Capisco che risulti difficile da credere, ma immaginate di possedere cento milioni di euro e di andarvene in un’isola deserta, i vostri soldi, in tale luogo, non serviranno a nulla, perché non c’è nessuna persona che li accetta per scambiarli con dei beni, risulterete, in questo caso, poveri, pur possedendo una fortuna.
    Lo Stato dovrebbe battere moneta da se, trattenerne una parte per pagare stipendi, opere e infrastrutture ed il resto farlo circolare per poter permettere ai suoi cittadini di vivere. Le tasse, che strozzano il popolo ed opprimono le piccole e medie imprese, non sono altro che una estorsione, questo perché non vi è alcun bisogno di mettere le mani nelle tasche dei cittadini per portare avanti una nazione, basterebbe, semplicemente, avere una piena sovranità economica. Per poter ripristinare tale sovranità popolare, dobbiamo, per l’appunto, rivolgerci al popolo con delle idee che possano aiutarlo a far fronte a questo momento storico difficile e permettere alle famiglie di arrivare a fine mese senza contrarre debiti.
    A tale scopo è nato il “Progetto Auriti”, in memoria del professore che si batté fino alla morte contro l’usura delle banche.
    Non potendo contare sull’aiuto delle aziende e dello Stato per portare a livelli economici più bassi i prodotti di consumo primario e la tassazione su di essi, abbiamo pensato di creare un sistema di sconti che si basi sulle attività umane e sulla solidarietà della gente.
    Tale sistema è costituito da una card (abbiamo scelto una card perché è molto più comoda e facile da usare, rispetto ai biglietti sconto che creerebbero una maggiore confusione), che dà diritto ad uno sconto del 20% sulle attività dei liberi professionisti ed i lavoratori autonomi (avvocati, medici, idraulici, falegnami, professori che fanno lezioni private, ecc…) creando, in tal modo, una rete di sconti che favoriscano un considerevole risparmio per i cittadini e gli permetta di poter acquistare, con il denaro risparmiato, i beni di prima necessità.
    In questo modo, potremmo ridurre le uscite di una famiglia di 1/5 (20%), permettendo ai nuclei familiari di poter arrivare dignitosamente a fine mese e di riuscire anche a mettere da parte del denaro per ogni evenienza
    Questo progetto è aperto anche agli esercizi commerciali di piccola, media e grossa entità e a tutti coloro che vorranno dare il loro contributo per migliorare il livello socio/economico del popolo (eccetto le banche, le assicurazioni e tutti quelli che praticano “l’usura” dell’interesse).
    La solidarietà non termina con il semplice sconto e, di fatto, il nostro progetto è associato ad un sistema di onlus in cui ogni città e paese potrà creare una propria onlus per una determinata causa oppure associarsi a quella di un altro paese o città di cui se ne condivide lo scopo cui andranno le libere offerte dei cittadini che avranno avuto dei benefici dalla nostra idea.
    Il progetto non termina qui, ma si rivolge anche ai comuni. Ogni comune emetterà anch’esso uno sconto sulle aziende, centri commerciali, negozi, ecc... che rispetteranno alcune regole imposte da questo progetto.
    I centri commerciali ed esercizi alimentari che devolveranno il cibo in scadenza invece di distruggerlo, le aziende che limiteranno l’inquinamento, coloro che assumeranno a tempo indeterminato con paga ed orario sindacale versando i contributi e l’assicurazione sanitaria, riceveranno degli sgravi fiscali da parte del comune ed un maggior aiuto per il proprio sviluppo. Il comune, in più, si impegnerà ad accettare anch’esso la card apportando uno sconto sui propri beni artistico-culturali (musei, mostre, progetti sociali, ecc...) e si impegnerà a divulgare il progetto a tutti i suoi cittadini, questo per il bene di tutti.
    Il Progetto Auriti è un primo passo verso quella che dovrà essere la rivoluzione del ventunesimo secolo, cioè il ripristino della sovranità economica con l’emissione di moneta di proprietà del popolo.



    La card del popolo sovrano, Ettore de Pretto
    Ultima modifica di Majorana; 18-05-11 alle 00:46
    ████████

    ████████

    Gli umori corrodono il marmo

 

 

Discussioni Simili

  1. Signoraggio: bufala o verità?
    Di Spetaktor nel forum Destra Radicale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 29-02-12, 14:18
  2. Nel cammino della sovversione
    Di buran nel forum Destra Radicale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 22-02-10, 13:18
  3. Signoraggio: verità o bufala ?
    Di oggettivista nel forum Economia e Finanza
    Risposte: 45
    Ultimo Messaggio: 14-01-09, 20:17
  4. Il cammino della nostra Lazio fin qui!!!
    Di geppo nel forum SS Lazio
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 16-12-07, 15:01
  5. Il cammino della libertà
    Di Silvioleo nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 22-06-05, 11:24

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226