User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: La notte della civetta

  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    03 Aug 2009
    Messaggi
    1,659
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La notte della civetta

    Originale



    Articolo scritto come contributo a Funigiglio e pubblicato qui.

    Un film che nessun italiano dovrebbe perdersi è senz'altro Il giorno della civetta (1968, regia di Damiano Damiani) tratto dall'omonimo romanzo di Leonardo Sciascia.
    La pellicola narra di una vicenda mafiosa in cui il coraggioso comandante dei carabinieri Bellodi si scontra con la cupola locale di un paese della Sicilia. Nonostante la sua determinazione e la consapevolezza di avere il colpevole tra le mani, gli sforzi di Bellodi vengono continuamente frustrati dall'omertà diffusa e dai giochi di potere che legano il boss don Mariano Arena a poteri politici che lo proteggono.

    Il giorno della civetta è una storia mafiosa di tipo classico, coppola e doppietta, fatta di intimidazioni, silenzi, confidenze ufficiose, pizzini. Insomma un ritratto perfetto di quella piaga che è la malavita meridionale.
    Eppure, poiché tutti i mali hanno in fondo una radice comune, nei tratti che Damiani ci restituisce di quella mafia siciliana sono ravvisabili già i primi esperimenti di "evoluzione" del fenomeno criminoso che avrebbe portato, quarant'anni dopo, vere e proprie menti raffinatissime alla testa della criminalità organizzata, sempre più coinvolta non solo nella politica ma anche nelle logge massoniche e nei club "bene" del potere.
    La mafia che combatte Bellodi non è più quella del Regno delle Due Sicilie e nemmeno quella sfidata dal prefetto Cesare Mori negli anni '30. E' una mafia che inizia a farsi intelligente e intreccia primordiali legami con quello Stato al quale prima si contrapponeva armi alla mano.
    Col passare degli si sarebbe passati per una tappa ambigua in cui la mafia avrebbe cercato appoggi in alcuni settori dello Stato, delegando propri favoriti in parlamento, e combattendone altri che ancora le si opponevano.
    Oggi la commistione ha raggiunto il suo stadio finale, la "perfezione" dell'assetto criminale malavitoso in cui mafia e Stato non sono in contrasto ne in combutta, semplicemente sono una cosa unica, le due declinazioni di un'unica sorgente di potere.
    Ma questa evoluzione è stata possibile solo con un passaggio geografico dal sud dell'Italia, ancora arretrato economicamente, al nord industriale e finanziarizzato.
    Il tessuto socio economico del settentrione ha permesso lo sbocciare della mafia dei colletti bianchi, una malavita borghese e bene che alla coppola e doppietta ha preferito cravatta e palmare, ai pizzini la carta intestata e ai covi nascosti della latitanza i prestigiosi uffici ai piani alti di aziende, amministrazioni locali, consorzi, tribunali, questure, sindacati.
    Questa salto di qualità, ripeto, preannunciato dal film di Damiani nel momento in cui traccia il triangolo boss-politica-appalti, non avrebbe mai potuto verificarsi completamente nel meridione, mentre nel ricco nord ha trovato un perfetto brodo di coltura., una società dinamica che ha permesso a un'organizzazione capillare di infiltrarsi ad ogni livello così da poter controllare un'intera filiera economico-giudiziaria-mediatica.
    Si badi che non si sta parlando di mafia meridionale trapiantata al nord – un fenomeno che pure esiste – ma di una malavita autoctona del nord Italia composta da professionisti nati non propriamente mafiosi, ma collegatisi reciprocamente, a seguito di un'individuale acquisizione di potere, in una catena che garantisce loro reciproci affari.

    Un elemento comune la mafia tradizionale e quella dei colletti bianchi ce l'hanno ed è la produzione di omertà. Ne al sud intimidito nel al nord frenetico la gente tende a esprimersi o collaborare quando c'è da abbattere il fenomeno.
    Con l'aggravante che oggi, al nord, la nuova malavita borghese si è fatta quasi impercettibile, invisibile. Mentre la vecchia mafia aveva un proprio boss, propri sicari e sgherri fisicamente riconoscibili, oggi la mafia è ovunque, non semplicemente infiltrata nelle istituzione e nell'economia, ma generata da esse.
    Ecco perché Il giorno della civetta, che col suo chiarore permetteva ancora di distinguere il nemico, si è fatto notte della civetta e confonde ancora di più tutti quanti nell'oscurità.
    Questo è il mio caposaldo. Da qui non mi schiodo.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Cancellato
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    34,331
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: La notte della civetta

    Lo ho visto.
    Bel film.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 43
    Ultimo Messaggio: 15-01-13, 21:06
  2. La notte della civetta
    Di Simone.org nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 18-05-11, 11:46
  3. Pensiero civetta con un Ministro della Repubblica
    Di Sant'Eusebio nel forum Fondoscala
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 03-07-07, 10:47
  4. Liste civetta , di DX e di SX
    Di Delaware nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 16-04-06, 18:22
  5. Liste civetta
    Di gatto76 nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 09-02-06, 15:28

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226