User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 17
  1. #1
    Navigare necesse est
    Data Registrazione
    10 Nov 2009
    Località
    All the world
    Messaggi
    12,573
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs up Le stronzate sul referendum sull'acqua privatizzata

    Finalmente un po' di chiarimenti sulle stronzate referendarie che vorrebbero gli allocconi che si vada a mettere la X sulla scheda che cita leggi ad capocchiam , ed ovviamente i farlocchi sinistri tutti a far la fila alle urne senza neanche sapere cosa votano .

    Un esempio per tutte ... "L'Acea " di Roma , ente privato che da sempre gestisce l'acqua di Roma .. la migliore acqua potabile che esiste in Italia , che da rilievi effettuati tempo fa risulta essere migliore di tutte le acque minerali messe sul mercato ed è forse tra quelle più economiche d'Italia .Si era paventata addirittura l'idea di imbottigliare l'acqua di Roma per metterla sul mercato .
    Riguardante l'acqua ho un aggravio condominiale annuo (comprese le letture di ente "privato) di circa 150 - 180 euro l'anno . Figurarsi se immaginassi di far gestire l'acqua dal Comune di Roma , sarebbe da pazzi .


    Come più volte ho scritto , meglio andare al mare .... per prendere una piacevole e sana abbronzatura poi nel rientrare a casa la sera fare sonore pernacchie ai deficienti ancora a far la fila nei seggi proprio perchè inculcati da altri imbecilli come loro repapelle:


    'La legge non prevede privatizzazione': acqua, ecco la verità sul referendum

    Mercoledí 18.05.2011 10:21


    I promotori del quesito referendario hanno lanciato la loro 'crociata' contro la privatizzazione dell’acqua. In realtà, la proprietà della risorsa idrica non viene messa in discussione dalla legge così come la natura pubblica del servizio. E non è l'ingresso dei privati nella gestione dei servizi idrici a far salire i prezzi. Ecco tutte le risposte alle domande sull'acqua che, a giugno, sarà oggetto di referendum.



    IL DOSSIER

    Il quesito referendario n. 1 - modalità di affidamento e gestione dei servizi pubblici di rilevanza economica - così recita: Volete Voi che sia abrogato l’art. 23-bis (Servizi pubblici locali di rilevanza economica) del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 “Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e finanza la perequazione tributaria”, convertito, con modificazioni, in legge 6 agosto 2008, n. 133, come modificato dall’art. 30, comma 26, della legge 23 luglio 2009, n. 99, recante “Disposizioni per lo sviluppo e l’internazionalizzazione delle imprese, nonché in materia di energia”, e dall’art. 15 del decreto-legge 25 settembre 2009, n. 135, recante “Disposizioni urgenti per l’attuazione di obblighi comunitari e per l’esecuzione di sentenze della corte di giustizia della Comunità europea”, convertito, con modificazioni, in legge 20 novembre 2009, n. 166, nel testo risultante a seguito della sentenza n. 325 del 2010 della Corte costituzionale?

    PRIVATIZZAZIONE DELL’ACQUA?

    I promotori del quesito hanno giustificato la richiesta di abrogazione sostenendo che l’articolo 23-bis prevede la privatizzazione dell’acqua. In realtà, la proprietà della risorsa idrica non viene messa in discussione dalla legge, ma questo è addirittura banale. Ciò che conta davvero è che la legge non mette in discussione neppure la natura pubblica del servizio, l’universalità dell’accesso, il diritto soggettivo dei cittadini a riceverlo a condizioni accessibili: la responsabilità della fornitura continua a essere pubblica e sono i piani di gestione approvati da soggetti pubblici a decidere quali servizi offrire, quanti investimenti fare, quali obiettivi di miglioramento perseguire. L’eventuale coinvolgimento del privato è una scelta che si può descrivere così: il “condominio cittadino” ha bisogno di un idraulico per far funzionare il sistema di servizio, e deve decidere se assumerne direttamente uno alle sue dipendenze (affidamento “in house”) oppure affidare il compito a un professionista esterno. La legge non richiede che il professionista esterno sia un privato, ma richiede che la scelta venga effettuata tramite una gara pubblica. L’idraulico, chiunque esso sia (azienda pubblica o azienda privata), non è e non sarà mai il “padrone dell’acqua”: l’acqua appartiene ai cittadini, le infrastrutture appartengono ai cittadini, le modalità di accesso alle infrastrutture per approvvigionarsi del bene essenziale sono decise dal soggetto pubblico, le tariffe sono approvate dal soggetto pubblico. L’idraulico ha solo il compito di recapitarci l’acqua a casa, con le caratteristiche qualitative richieste affinché la possiamo usare e poi riprenderla per restituirla all’ambiente. Però, l’idraulico costa: il vincolo per il comune, qualunque modello scelga, è che le tariffe pagate dai cittadini coprano questi costi.

    CON I PRIVATI ACQUA PIÙ CARA?

    Uno dei leit-motiv dei referendari è che, con l’ingresso dei privati nella gestione dei servizi idrici, il prezzo dell’acqua non potrebbe che salire. Ma il prezzo dell’acqua sale non perché la gestione sia privata, ma semmai perché è stata, per così dire, “defiscalizzata” a partire dal 1994, quando venne approvata la Legge Galli (legge 36/1994, forse la legge ad attuazione più ritardata della storia nazionale). In passato, e in parte ancora oggi, è stata la finanza pubblica a farsi carico (poco) degli investimenti, mentre la tariffa a stento copriva i costi operativi. Se il contributo della fiscalità generale viene meno, il gestore (chiunque esso sia, pubblico o privato) deve ottenere le risorse finanziarie dal mercato, o sotto forma di prestiti (capitale di terzi) o di equity (capitale proprio). Le regole tariffarie sono uguali per tutti e prevedono che la tariffa copra i costi di gestione, gli ammortamenti e il costo del capitale investito: questo vale sia per le gestioni pubbliche che per quelle dove c’è una qualsiasi forma di coinvolgimento privato.

    CON I PRIVATI ACQUA PEGGIORE?

    Un altro tema su cui insistono i referendari è che, con l’ingresso dei privati, non potremmo più essere sicuri della qualità dell’acqua che beviamo e che, quindi, le gestioni private metterebbero in pericolo la nostra salute. Ma la qualità dell’acqua – in tutti i sensi, compreso quello relativo agli scarichi depurati – è decisa dal regolatore pubblico. Non solo l’eventuale ingresso dei privati non farà peggiorare la qualità, ma potrà farla sensibilmente migliorare, anche tenendo conto del maggiore antagonismo tra regolatore e regolato. Con le gestioni pubbliche, il regolatore pubblico chiude più facilmente un occhio e anche l’opinione pubblica è spesso disposta a tollerare dal pubblico disfunzioni che mai tollererebbe da un privato. Basti citare la vicenda dell’arsenico: le gestioni coinvolte si dividono esattamente a metà tra pubbliche e private, ma quando capita ad Acea la si sbatte in prima pagina, quando invece capita alla gestione pubblica di Viterbo stranamente non ne parla nessuno. L’acqua del sindaco, chissà perché, è sempre ottima e abbondante, anche quando fa schifo. Va anche considerato che le tariffe sono congegnate in modo da premiare chi fa investimenti: il privato, se vuole guadagnare, deve investire. E infatti, i dati dimostrano che le gestioni privatizzate investono di più di quelle pubbliche, che invece sono più vincolate dall’obiettivo politico di tenere basse le tariffe.

    EFFETTI COLLATERALI?

    I referendari pensano all’acqua, però l’abrogazione della legge riporterebbe in vigore le normative pre-vigenti non solo per i servizi idrici, ma anche per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti, i trasporti locali, eccetera. Secondo quelle normative, la possibilità di affidamento dei servizi “in house”, al di fuori di un chiaro quadro di regolazione, era assai più ampia. L’articolo 23-bis, infatti limita l’affidamento “in house” a “situazioni che, a causa di peculiari caratteristiche economiche, sociali, ambientali e geomorfologiche del contesto territoriale di riferimento, non permettono un efficace e utile ricorso al mercato”. In ogni caso, la legge che col referendum si potrebbe abrogare richiede che la scelta dell’affidamento “in house” vada motivata e trasmessa con una relazione all’Antitrust e all’autorità di settore (se esiste) che devono esprimere un parere (purtroppo non vincolante). Qualcuno, facendo spallucce, dice che, per i settori diversi dall’acqua, si potrebbe intervenire nuovamente ad abrogazione eventualmente avvenuta. Ma il quesito referendario riguarda un intero articolo di legge, che si occupa di tutti i servizi pubblici locali. Dovessero vincere i sì, la manifesta volontà degli elettori riguarderebbe tutti i servizi e non solo l’acqua. Perché il legislatore dovrebbe rispettare l’esito del referendum per l’acqua e tradirlo per altri settori?

    Il quesito referendario n. 2 - determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in base all’adeguata remunerazione del capitale investito – chiede: Volete voi che sia abrogato il comma 1, dell’art. 154 (Tariffa del servizio idrico integrato) del Decreto Legislativo n. 152 del 3 aprile 2006 “Norme in materia ambientale”, limitatamente alla seguente parte: “dell’adeguatezza della remunerazione del capitale investito”?

    SE IL PROFITTO VENISSE ABOLITO, L’ACQUA COSTEREBBE DI MENO?

    Il quesito sembra motivato dall’idea una “adeguata remunerazione del capitale investito” comporti inevitabilmente prezzi dei servizi idrici maggiori. Se fosse vero che il prezzo aumenta per colpa del profitto, sarebbe vero anche per qualsiasi altra attività economica: anche le case, le automobili, il pane e gli abiti costerebbero di meno se fossero prodotti da un soggetto pubblico che non remunera il capitale investito. Ma la storia dell’Unione Sovietica smentisce questa credenza. Dobbiamo intenderci sul significato di “profitto”. In un mercato concorrenziale, rappresenta il costo-opportunità del capitale e il premio per l’imprenditore che riesce a produrre lo stesso valore degli altri con costi più bassi (o un valore più alto agli stessi costi). In un mercato monopolistico non regolato, il profitto è gonfiato dalla rendita di monopolio. Nel settore idrico le possibilità di sfruttare la concorrenza sono limitate alla fase di affidamento del servizio (da quattro a dieci volte in un secolo, diciamo), ma una buona regolazione può aiutare non poco. Del resto, non basta non fare profitti per costare poco: un’impresa che non remunera il capitale, ma ha personale in eccesso o affida consulenze d’oro agli amici dell’assessore, alla fine, potrebbe costare di più. Se la regolazione è costruita in modo che il profitto rappresenti l’eventuale premio per l’impresa che si dà da fare per ridurre i costi, il cittadino ne può trarre beneficio.

    Attualmente il “metodo normalizzato” per il calcolo della tariffa idrica prevede che il costo del capitale da imputare alla tariffa sia calcolato in modo forfetario al 7 per cento del valore del capitale investito: questa scelta è arbitraria e discutibile. Quel 7 per cento non è “profitto”, ma ingloba in sé gli interessi passivi sui finanziamenti che l’azienda riceve dal mercato, e copre in parte il rischio di impresa. Viene riconosciuto a tutte le gestioni e non solo a quelle private. È vero che il valore del 7 per cento, fissato arbitrariamente nel 1996, quando ancora c’era la lira, rappresenta un valore ormai privo di qualsiasi riferimento con il “vero” costo del capitale che le gestioni sostengono. Ad ogni modo, il quesito referendario abolirebbe l’inciso relativo alla “adeguatezza della remunerazione del capitale investito”, ma non il principio, stabilito dallo stesso articolo 154 comma 1 una riga dopo, in base al quale la tariffa deve garantire la copertura dei costi, comprensivi degli investimenti. Dire che la tariffa deve coprire gli investimenti significa che, in ogni caso, il costo del capitale dovrà essere coperto: con cosa si ripagherebbero i debiti contratti con le banche, altrimenti? E se questo capitale fosse capitale di rischio (equity), il suo costo è rappresentato dall’utile netto aziendale. Quello che dovrebbe invece essere evitato (ma non serviva certo il referendum per ribadirlo) è che la tariffa contenga “extraprofitti”, ossia remunerazioni eccessive rispetto al costo-opportunità del capitale e al premio per il rischio.

    L’ACQUA DIVENTERÀ UN BENE DI LUSSO?

    Gli effetti distributivi non vanno mai trascurati: è giusto preoccuparsene, ma senza allarmismi e senza confusioni. Oggi spendiamo circa 90 euro/anno pro capite e a regime potrebbero diventare il 20 per cento in più, con l’attuazione dei piani di gestione esistenti. Volendo proiettare a lungo termine le tariffe davvero necessarie per un equilibrio di lungo periodo si potrebbe arrivare a 140-150 euro pro-capite. Non sono cifre irrisorie, sebbene si tratti pur sempre di 50 centesimi al giorno. Oltre tutto, questi valori medi oscillano da una realtà all’altra e l’incidenza sui redditi può essere molto diversa, considerando che poiché l’acqua è un bene essenziale, i ricchi ne consumano quanta i poveri. Il tema dell’incidenza tariffaria non va certamente banalizzato, ma può essere affrontato in modo adeguato, costruendo strutture tariffarie diverse da quella attuale. Un conto è dire che i ricavi da tariffa (complessiva) devono coprire i costi totali, un altro conto è discutere di come costruirla. Ad esempio, si potrebbero introdurre quote fisse significative parametrate ai valori catastali in modo da ridurre l’incidenza sulle fasce sociali più deboli. Si può anche pensare a forme integrative di intervento della finanza pubblica, finalizzate a garantire che l’accesso al mercato dei capitali avvenga a condizioni più vantaggiose, e quindi con un minore impatto sulla tariffa.

    di Andrea Boitani e Antonio Massarutto (da Lavoce.info)


    'La legge non prevede privatizzazione': acqua, ecco la verità sul referendum - Affaritaliani.it
    Ultima modifica di orpheus; 18-05-11 alle 16:03
    la giustizia dei Robespierre ancora una volta ha collocato il nostro Paese tra il Ruanda ed il Burundi

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Certificato ISO 9001
    Data Registrazione
    29 Jan 2010
    Messaggi
    8,784
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Le stronzate sul referendum sull'acqua privatizzata

    I Comunisti stanno impaurendo la gente con il nucleare e la storia che l'acqua privatizzata costerà tantissimo per portare mandrie di boccaloni al voto contro il legittimo impedimento, che è l'unico referendum a cui interessa, mossi come al solito dall'odio contro Silvio.

    In realtà, sono loro i primi a volere privatizzata l'acqua, A PARTIRE DA VENDOLA!

    (che il pagliaccio genovese accusa sempre sul suo blog di avergli promesso la ripubblicizzazione dell'acquedotto salentino e poi di essersene fregato)

    VADANO PIUTTOSTO A VEDERE NELLE REGIONI ROSSE COME SONO AMMINISTRATE LE AZIENDE IDRICHE... PUBBLICHE MA GESTITE DALLA MAFIA ROSSA PER CREARE CLIENTELE E DARE LAVORO ALLE COOP!
    "Non possiamo accettare gli insulti di quei clandestini. Non tolleriamo atteggiamenti prepotenti e arroganti da parte di ospiti che come tali dovrebbero comportarsi. Vogliono stare sulla gru? Ci restino, ma senza acqua nè cibo" - LEGA NORD BRESCIA

  3. #3
    Si legge NUAR!!
    Data Registrazione
    04 Jun 2009
    Messaggi
    24,219
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Le stronzate sul referendum sull'acqua privatizzata

    paura di prendere un'altra batosta?repapelle:
    l'italiano ha un tale culto per la furbizia che arriva persino all'ammirazione di chi se ne serve a suo danno.

    jesus died for somebody's sins but not mine

  4. #4
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    11,609
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Le stronzate sul referendum sull'acqua privatizzata

    Citazione Originariamente Scritto da 100% Antikomunista Visualizza Messaggio
    In realtà, sono loro i primi a volere privatizzata l'acqua, A PARTIRE DA VENDOLA!
    La privatizzazione dell'acqua mi pare sia nata proprio dalla sinistra. Solo che hanno avuto il cervello di dirsi contrari nelle ultime campagne elettorali.

  5. #5
    Libertarian
    Data Registrazione
    13 Apr 2009
    Località
    Non oltre il 30° N
    Messaggi
    28,444
    Mentioned
    60 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Rif: Le stronzate sul referendum sull'acqua privatizzata

    Sto referendum è inutile, come è inutile la legge che vuole abolire. Non si privatizza un bel niente in ogni caso e continueremo ad avere acquedotti colabrodo e postifici garantiti a tariffe ovviamente a buon mercato indipendentemente da controlli, consumi ed elusori totali, tanto paga pantalone.

    W il pubblico!
    I vincenti hanno sempre una soluzione ad ogni problema, i no(n)euro hanno sempre una scusa.

  6. #6
    STELLA D'ACCIAIO
    Data Registrazione
    29 Jan 2011
    Messaggi
    39,681
    Mentioned
    70 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Rif: Le stronzate sul referendum sull'acqua privatizzata

    POPOLO SOVRANO.

    DO YOU REMEBER? :sofico:

    hefico:


    Muti e basta, RISPETTARE IL VOLERE DEL POPOLO SOVRANO.
    I'm not a robot without emotions, I'm not what you see
    I've come to help you with your problems, so we can be free
    I'm not a hero, I'm not a savior, forget what you know
    I'm just a man whose circumstances went beyond his control
    Beyond my control

  7. #7
    Libertarian
    Data Registrazione
    13 Apr 2009
    Località
    Non oltre il 30° N
    Messaggi
    28,444
    Mentioned
    60 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Rif: Le stronzate sul referendum sull'acqua privatizzata

    Citazione Originariamente Scritto da Aldo Raine Visualizza Messaggio
    POPOLO SOVRANO.

    DO YOU REMEBER? :sofico:

    hefico:


    Muti e basta, RISPETTARE IL VOLERE DEL POPOLO SOVRANO.
    Allora se fallisce, come fallirà, si può privatizzare davvero, giusto? :sofico:
    I vincenti hanno sempre una soluzione ad ogni problema, i no(n)euro hanno sempre una scusa.

  8. #8
    STELLA D'ACCIAIO
    Data Registrazione
    29 Jan 2011
    Messaggi
    39,681
    Mentioned
    70 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Rif: Le stronzate sul referendum sull'acqua privatizzata

    Citazione Originariamente Scritto da Immanuel Visualizza Messaggio
    Allora se fallisce, come fallirà, si può privatizzare davvero, giusto? :sofico:
    Ovvio, se però non sarà sostenibile, si vanno a prendere a calci in culo i proprietari e si torna come prima...

    Prima però dovete vincere il referendum...

    Se fallisce come? che non raggiunge il quorum o vincono i no, o il nano s' inventa un trucco criminale dei suoi?
    Ultima modifica di Aldino; 18-05-11 alle 16:42
    I'm not a robot without emotions, I'm not what you see
    I've come to help you with your problems, so we can be free
    I'm not a hero, I'm not a savior, forget what you know
    I'm just a man whose circumstances went beyond his control
    Beyond my control

  9. #9
    Libertarian
    Data Registrazione
    13 Apr 2009
    Località
    Non oltre il 30° N
    Messaggi
    28,444
    Mentioned
    60 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Rif: Le stronzate sul referendum sull'acqua privatizzata

    Citazione Originariamente Scritto da Aldo Raine Visualizza Messaggio
    Ovvio, se però non sarà sostenibile, si vanno a prendere a calci in culo i proprietari e si torna come prima...

    Prima però dovete vincere il referendum...
    Al massimo lo dovete vincere voi... :sofico: Anche se la norma è inutile, visto che lo scontro è stato portato direttamente su pubblico vs privato, può essere considerato buono per quello indipendentemente dal referendum che dice altro.
    Ultima modifica di Immanuel; 18-05-11 alle 16:43
    I vincenti hanno sempre una soluzione ad ogni problema, i no(n)euro hanno sempre una scusa.

  10. #10
    STELLA D'ACCIAIO
    Data Registrazione
    29 Jan 2011
    Messaggi
    39,681
    Mentioned
    70 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Rif: Le stronzate sul referendum sull'acqua privatizzata

    Citazione Originariamente Scritto da Immanuel Visualizza Messaggio
    Al massimo lo dovete vincere voi... :sofico: Anche se la norma è inutile, visto che lo scontro è stato portato direttamente su pubblico vs privato, può essere considerato buono per quello indipendentemente dal referendum che dice altro.
    sI VEDRà..
    I'm not a robot without emotions, I'm not what you see
    I've come to help you with your problems, so we can be free
    I'm not a hero, I'm not a savior, forget what you know
    I'm just a man whose circumstances went beyond his control
    Beyond my control

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Perché no al referendum sull'acqua
    Di Qassim nel forum Elezioni amministrative 2011 e Referendum 2011
    Risposte: 70
    Ultimo Messaggio: 12-06-11, 20:09
  2. Referendum sull'acqua
    Di mama nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 11-06-11, 10:19
  3. Referendum sull'acqua
    Di Iannis nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 32
    Ultimo Messaggio: 08-06-11, 19:43
  4. In bilico referendum sull'acqua.
    Di ilgiardiniere nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 82
    Ultimo Messaggio: 22-04-11, 17:36
  5. Referendum sull'Acqua
    Di Canaglia nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 11-03-11, 00:02

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226