User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 36
  1. #1
    Morte al pensiero servile
    Data Registrazione
    23 Mar 2011
    Località
    Calabria subalpina
    Messaggi
    649
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Federalisti e intelligencija (интеллигенция) di sinistra

    di Giacomo Consalez
    [email protected]



    Il nostro dettato costituzionale è intoccabile. L'articolo 138 ne impedisce la riforma da parte dei Cittadini. Il 75 ci priva del voto referendario su argomenti cruciali. La petizione (Art. 50) è carta straccia perché lascia ai politici il diritto di ignorarla. L'iniziativa popolare (Art. 71) idem, nonostante sia corredata da 50000 o più firme. In questo paese la degenerazione oligarchica del potere ha assunto contorni grotteschi. Non c'è settore in cui i partiti politici non svolgano un ruolo deleterio, interferendo nella promozione accademica, in quella professionale, nella gestione della salute pubblica, in quella dell'ambiente e della pianificazione urbanistica, negli appalti, nelle nomine di ogni tipo su una base di affiliazione, di cordata, di clientela, ma mai su una base di merito né tanto meno di interesse generale. Con costi e sprechi di portata incalcolabile.

    Questo avviene a fronte del fatto che la costituzione nomini una sola volta i partiti (art. 49), statuendo soltanto che i Cittadini HANNO DIRITTO a costituirsi in partiti politici. Non vi pare che i partiti abbiano un tantino travalicato il ruolo loro assegnato dai "padri costituenti"? Eppure dai ranghi dell'intelligencija di sinistra si sente dire che il contrattualismo (federalismo) strizza l'occhio "ai capricci della maggioranza" e che il popolo è una "mera espressione giuridica". Nessuna menzione del fatto palese che viviamo ostaggi di una dittatura incontrastata e spietata delle minoranze, cioè in una patetica e vuota pantomima di democrazia. Ecco un terreno su cui sinistra e destra viaggiano di comune accordo.

    Si spergiura che il dettato costituzionale, rigido e immutabile, è garanzia di diritto e pari opportunità, in spregio all'evidenza di 60 anni di abusi ininterrotti, dilaganti e inarrestabili come un cancro. All'evidenza del dominio incontrastato delle caste partitiche e dei loro committenti finanziari, industriali, di loggia e di cosca, e del conseguente impoverimento crescente della popolazione. Anche chi fatica a tirare avanti, chi è vittima evidente di un sistema indifendibile, parteggia per l'intoccabilità, la ieraticità dello stato (lowercase intended) tiranno, padrone sbracato, che vede e provvede per tutti noi cittadini, delegatori in bianco di una sovranità illimitata alle istituzioni. E vede le istituzioni stesse come creature reificate, dotate di un giudizio e di un senno superiore a quello della cittadinanza da cui promanano. È lo stato sovrano, con le sue emanazioni ammantate di sacralità, eppure spesso composte da uomini che cinicamente agiscono per proprio tornaconto, personale o di scuderia, tradendo la fede cieca della gente.

    La democrazia diretta (che pure è uno strumento, non un ordinamento, e che serve a bilanciare la democrazia rappresentativa in nome del principio inderogabile di sovranità popolare) non viene usata con straordinario successo solo in Svizzera, un paese piccolo, ma anche in California, coi suoi 37 milioni di abitanti, nell'Oregon, nel Massachussetts, nel resto del New England, in Australia (Perth), In Baviera, ad Amburgo, in Canada (Québec), in Brasile (Porto Alegre, bilancio partecipativo), in Catalonia (nonostante il boicottaggio del potere centrale) e lo sarà presto in Scozia. E trascuro di portare altri esempi importanti. La democrazia diretta è il solo strumento attraverso cui i cittadini possono spostare a proprio favore l'equilibrio tra il loro potere, oggi ridotto al lumicino, e quello dei governanti, che oggi viaggiano a briglie sciolte, commettendo gli abusi più inguardabili e passandola sistematicamente liscia.

    È vero che i cittadini hanno strumenti critici limitati, come è vero che lo stato non si premura minimamente di fornirgliene. Anzi lo stato padrone fa un uso metodico degli strumenti di rimbecillimento di massa, come degli strumenti di compravendita del consenso. Ma è anche vero che l'esercizio trasparente della discussione e della deliberazione su fatti precisi e limitati, non su dispute astratte, educa i cittadini a sostenere i propri legittimi interessi rispettando quelli altrui, tramite gli strumenti della democrazia diretta, e ad accettare il volere della maggioranza, nel rispetto sacro, questo sì, dei diritti naturali degli individui e delle minoranze.

    Le contrapposizioni in una democrazia contrattuale (federale) non si basano sull'appartenenza a fazioni precostituite, ma sulla libera adesione (o contrapposizione) da parte dei Cittadini sovrani ad una proposta formulata da altri Cittadini sovrani. Questa visione porta il Cittadino a concepire la propria relazione con la classe dirigente come stipula di un contratto commutativo, bilaterale, non aleatorio, ma vincolante per i governanti, a cui il Cittadino delega la parte minore della propria sovranità, mantenendo salda la prerogativa di modificare unilateralmente i termini della delega, o di revocarla, a maggiornza semplice dei votanti.

    Cari apologeti dello stato sovrano, faro che indica la rotta delle nostre esistenze plebee, sperate pure che questo regime di oligarchi autoreferenziali si riformi da solo. Invecchierete in miseria. A meno che lo stato padrone non vi abbia reclutati, garantendovi un congruo vitalizio in cambio dei vostri servizi. A spese della povera gente.




    P.S. in questo breve scritto il termine "federalismo" è usato nella sua accezione più antica e nobile. Qualunque assonanza con le esternazioni di una setta sciamanica varesotta in cravatta verde è del tutto involontaria, e fonte di profonda frustrazione per l'autore.
    Ultima modifica di Elazar; 03-06-11 alle 12:18
    L'occasione fa l'uomo italiano.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Estinto
    Data Registrazione
    28 Mar 2010
    Località
    Eurasia
    Messaggi
    9,390
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Federalisti e intelligencija (интеллигенция) di sinistra

    Se per ipotesi in Italia venisse introdotta la democrazia diretta, resterebbe il problema della casta giudiziaria, onnipotente perche' indipendente sia dal popolo che dai suoi rappresentanti e che potrebbe disapplicare o distorcere impunemente le leggi volute dal popolo.

    La costituzione italiana deve essere completamente modificata, rendendo i magistrati eleggibili localmente dal popolo e eliminando la presenza di una corte costituzionale che conferisce il diritto a pochi giudici supremi di porre il veto al volere della maggioranza.
    Bisogna adattarsi al presente, anche se ci pare meglio il passato.

  3. #3
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    35,339
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Federalisti e intelligencija (интеллигенция) di sinistra

    La costituzione italiana deve essere completamente modificata
    Sono d'accordo, ma chi spera in questo sogna.
    Mi ricorda chi voleva cambiare la Democrazia Cristiana o la CGIL dall'interno.
    Poveri illusi.
    L'itaglia va distrutta e basta!
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  4. #4
    Estinto
    Data Registrazione
    28 Mar 2010
    Località
    Eurasia
    Messaggi
    9,390
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Federalisti e intelligencija (интеллигенция) di sinistra

    Citazione Originariamente Scritto da ventunsettembre Visualizza Messaggio
    Sono d'accordo, ma chi spera in questo sogna.
    Mi ricorda chi voleva cambiare la Democrazia Cristiana o la CGIL dall'interno.
    Poveri illusi.
    L'itaglia va distrutta e basta!
    Di sicuro si sta distruggendo da sola.
    Bisogna adattarsi al presente, anche se ci pare meglio il passato.

  5. #5
    Forumista
    Data Registrazione
    13 Aug 2010
    Messaggi
    514
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Federalisti e intelligencija (интеллигенция) di sinistra

    Citazione Originariamente Scritto da Elazar Visualizza Messaggio
    di Giacomo Consalez
    [email protected]



    Il nostro dettato costituzionale è intoccabile. L'articolo 138 ne impedisce la riforma da parte dei Cittadini. Il 75 ci priva del voto referendario su argomenti cruciali. La petizione (Art. 50) è carta straccia perché lascia ai politici il diritto di ignorarla. L'iniziativa popolare (Art. 71) idem, nonostante sia corredata da 50000 o più firme. In questo paese la degenerazione oligarchica del potere ha assunto contorni grotteschi. Non c'è settore in cui i partiti politici non svolgano un ruolo deleterio, interferendo nella promozione accademica, in quella professionale, nella gestione della salute pubblica, in quella dell'ambiente e della pianificazione urbanistica, negli appalti, nelle nomine di ogni tipo su una base di affiliazione, di cordata, di clientela, ma mai su una base di merito né tanto meno di interesse generale. Con costi e sprechi di portata incalcolabile.

    Questo avviene a fronte del fatto che la costituzione nomini una sola volta i partiti (art. 49), statuendo soltanto che i Cittadini HANNO DIRITTO a costituirsi in partiti politici. Non vi pare che i partiti abbiano un tantino travalicato il ruolo loro assegnato dai "padri costituenti"? Eppure dai ranghi dell'intelligencija di sinistra si sente dire che il contrattualismo (federalismo) strizza l'occhio "ai capricci della maggioranza" e che il popolo è una "mera espressione giuridica". Si spergiurNessuna menzione del fatto palese che viviamo ostaggi di una dittatura incontrastata e spietata delle minoranze, cioè in una patetica e vuota pantomima di democrazia. Ecco un terreno su cui sinistra e destra viaggiano di comune accordo.
    Beh, tutte le costituzioni sono dichiarazioni scritte di principi, che poi si concretizzano in leggi approvate da persone delegate allo scopo. Quella
    italiana ha il grosso difetto di essere rigida, ma non è una cattiva costituzione, probabilmente perché veniva dopo la guerra (tutto era in macerie, momentaneamente anche le mafie e la mentalità connessa, e la ricostruzione faceva premio su tutto) e rifletteva l'incontro delle principali culture politiche antifasciste. Poi ha il grosso pregio di stabilire una netta delimitazione reciproca dei poteri. Apriva anche, se non al federalismo, al decentramento e al regionalismo, ma i decreti delegati di attuazione delle Regioni furono promulgati nel 1977 (!!). Quindi non è nata male, il problema è che è stata applicata dalla classe politica itagliona, che oltre a tutto il resto ha fatto il possibile per depotenziare quei pochi punti costituzionali che aprono all'espressione diretta della volontà popolare. I grimaldelli comunque ci sono, l'art. 138 prevede iter pesanti e complicati, ma c'è.

    L'intellighenzia di sinistra sarà quello che sarà, ma perlomeno permette una dialettica, quella di destra (c'è?) no, anche perché come detto svariate migliaia di volte di liberale in Italia non c'è rimasto più nulla, ammesso che ci fosse prima.

  6. #6
    Morte al pensiero servile
    Data Registrazione
    23 Mar 2011
    Località
    Calabria subalpina
    Messaggi
    649
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Federalisti e intelligencija (интеллигенция) di sinistra

    l'italia distruggerà tutti noi prima di inabissarsi. Si inabisserà come un panfilo con le luci accese e l'orchestra che suona. Assisteremo a eventi spaventosi. Catartici finché volete, ma spaventosi. Vi auguro che i vostri amati figli siano lontani quando questi eventi accadranno.

    La democrazia diretta può portare progressivamente all'autodeterminazione. L'esempio catalano parla chiaro. Quello scozzese anche. L'avremmo di già anche noi se avessimo intorno meno disfattisti e massimalisti.
    Ultima modifica di Elazar; 03-06-11 alle 14:49
    L'occasione fa l'uomo italiano.

  7. #7
    Morte al pensiero servile
    Data Registrazione
    23 Mar 2011
    Località
    Calabria subalpina
    Messaggi
    649
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Federalisti e intelligencija (интеллигенция) di sinistra

    Citazione Originariamente Scritto da ZOLTAN Visualizza Messaggio
    Beh, tutte le costituzioni sono dichiarazioni scritte di principi, che poi si concretizzano in leggi approvate da persone delegate allo scopo. Quella
    italiana ha il grosso difetto di essere rigida, ma non è una cattiva costituzione, probabilmente perché veniva dopo la guerra (tutto era in macerie, momentaneamente anche le mafie e la mentalità connessa, e la ricostruzione faceva premio su tutto) e rifletteva l'incontro delle principali culture politiche antifasciste. Poi ha il grosso pregio di stabilire una netta delimitazione reciproca dei poteri. Apriva anche, se non al federalismo, al decentramento e al regionalismo, ma i decreti delegati di attuazione delle Regioni furono promulgati nel 1977 (!!). Quindi non è nata male, il problema è che è stata applicata dalla classe politica itagliona, che oltre a tutto il resto ha fatto il possibile per depotenziare quei pochi punti costituzionali che aprono all'espressione diretta della volontà popolare. I grimaldelli comunque ci sono, l'art. 138 prevede iter pesanti e complicati, ma c'è.
    L'articolo 138 non contempla in alcun modo che a dare inizio ad una riforma della costituzione siano i Cittadini.


    L'intellighenzia di sinistra sarà quello che sarà, ma perlomeno permette una dialettica, quella di destra (c'è?) no, anche perché come detto svariate migliaia di volte di liberale in Italia non c'è rimasto più nulla, ammesso che ci fosse prima.
    Quella di sinistra permette una dialettica ma non prevede né l'autocritica né l'autoriforma, se non di facciata. Quella di destra è costituita da pochissimi individui che spesso sono veri liberali e che sono stati traditi dai propri partiti di riferimento.
    Ultima modifica di Elazar; 03-06-11 alle 15:04
    L'occasione fa l'uomo italiano.

  8. #8
    Forumista
    Data Registrazione
    13 Aug 2010
    Messaggi
    514
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Federalisti e intelligencija (интеллигенция) di sinistra

    Infatti. In questo forum si sta diffondendo la strana idea che sarà l'economia a far nascere quanto desiderato, basterà fare i cinesi accovacciati sulla riva del fiume, prima o poi qualche cadavere passerà. Tanto, si sa, le altre strade sono impraticabili, Barcellona fu espugnata dalle truppe spagnole nel 1714, purtroppo la Gallia cisalpina sconfitta da Roma non è la stessa cosa e non fa lo stesso effetto, comunque la si rigiri. Senza pensare che quando arriva la piena devastatrice e risanatrice (collasso dell'Euro?) di norma travolge anche tutti i cinesi sulla riva.

  9. #9
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    35,339
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Federalisti e intelligencija (интеллигенция) di sinistra

    Citazione Originariamente Scritto da Elazar Visualizza Messaggio
    l'italia distruggerà tutti noi prima di inabissarsi. Si inabisserà come un panfilo con le luci accese e l'orchestra che suona. Assisteremo a eventi spaventosi. Catartici finché volete, ma spaventosi. Vi auguro che i vostri amati figli siano lontani quando questi eventi accadranno.

    La democrazia diretta può portare progressivamente all'autodeterminazione. L'esempio catalano parla chiaro. Quello scozzese anche. L'avremmo di già anche noi se avessimo intorno meno disfattisti e massimalisti.
    Da piegarsi dal ridere.
    Qui è pieno di nervosi, frustrati dai prefissi telefonici.
    Questo è il consenso a certe idee.
    Ultima modifica di ventunsettembre; 03-06-11 alle 15:43
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  10. #10
    Lombard
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Località
    Milan
    Messaggi
    609
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Federalisti e intelligencija (интеллигенция) di sinistra

    Citazione Originariamente Scritto da Elazar Visualizza Messaggio
    l'italia distruggerà tutti noi prima di inabissarsi. Si inabisserà come un panfilo con le luci accese e l'orchestra che suona. Assisteremo a eventi spaventosi. Catartici finché volete, ma spaventosi. Vi auguro che i vostri amati figli siano lontani quando questi eventi accadranno.

    La democrazia diretta può portare progressivamente all'autodeterminazione. L'esempio catalano parla chiaro. Quello scozzese anche. L'avremmo di già anche noi se avessimo intorno meno disfattisti e massimalisti.
    concordo e quoto. Il problema però non è solo dato dagli intellettuali di sinistra, questo è un paese ingessato, dominato dalle corporazioni e dalle oligarchie. Ognuno vuole conservare i propri privilegi e il resto non importa.
    La sinistra italiana è nazionalista (ed è incredibile poiché in altri stati europei abbiamo mirabili esempi di movimenti di sinistra indipendentisti o fortemente autonomisti), la preferivo quando bruciava i tricolori.
    Prendere esempio da Catalani e Scozzesi? certo, la strada è quella ma i Lombardi, ad esempio, finora si sono limitati a chiedere in modo scomposto (senza ottenere niente) le briciole.
    Ci vuole un progetto serio, chiaro, pragmatico e presentabile.
    a quel punto anche settori della sinistra potrebbero aderire (non quelli che vivono di italia ovviamente).
    indipendentista

 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Украина имеет талант - Коллектив "КГБ"
    Di il diavoletto di Choruǧ nel forum Fondoscala
    Risposte: 37
    Ultimo Messaggio: 02-12-13, 21:57
  2. Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 16-02-12, 10:52
  3. Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 13-12-09, 12:29
  4. Српски националисти!
    Di Arkantiger96 nel forum Destra Radicale
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 29-12-08, 20:16
  5. День рождения Путина!
    Di cariddeo nel forum Destra Radicale
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 12-10-06, 21:46

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226