User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 20

Discussione: Analisi sulla Lega

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Arrow Analisi sulla Lega

    Il partito Lega Nord Padania-Bossi (nata dai movimenti etnonazionalisti denomitati £iga Veneta, Lega Autnonomista Lombarda, Piemont Autonomista) ha contribuito a far eleggere molti degl avversari etnici di un tempo (i terroni) ma anche il primo sindaco negro delle comunità alpino-padane ed altri allogeni.
    La Lega Nord è , a vostro avviso, ancora il movimento identitario di una volta? Ossia: l'attuale Lega può essere paragonata alla Lega Autonomista Lombarda o alla £iga Veneta?
    Devo fare una osservazione: mentre la Lega in Veneto, e nelle aree nord-orientali padano-alpine e pedemontane in generale, conserva ancora le sue caratteristiche di movimento identitario, nelle zone nord-occidentali (Insbubria, Liguria e Piemonte soprattutto) tali caratteristiche sono andate via via svanendo. E' solo una mia impressione?
    Vi invito a partecipare senza logicamente scadere in risse od offese personali.
    Grazie
    DW
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Lombard [--+--] Mod
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Soul Padania
    Messaggi
    1,402
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Analisi sulla Lega

    Caro Der,
    come abbiamo avuto avuto l'occasione di ripeterlo cento e cento e cento volte ... la Lega ex Nord non riserva più alcuna attenzione alla componente etno-identitaria ancora presente al suo interno per incomprensibili motivi (anestesia totale, cretinismo, dabbenaggine, sporco interesse personale, questo però rientrebbe tra i motivi 'comprensibili' ... mah ...) tuttavia la cosa più indecente è che non ritiene di mettere al corrente di ciò chi in buona fede ancora dona quotidiane energie e risorse personali ma preferisce giocare sull'equivoco.

    Verrà il giorno, spero, della resa dei conti per il traditùr.
    STOP IMMIGRATION - START REPATRIATION
    - Standing Up For Great Lombardy -

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    10,854
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Analisi sulla Lega

    La Lega Nord è ancora l'unico partito politico che porta avanti prima di tutto le istanze della Padania o per capirci meglio è l'unico che si permette di sollevare senza timore la questione settentrionale quando tutti parlano solo di Mezzogiorno. E' anche una realtà identitaria e antiglobalista che è riuscita a distinguersi dall'estrema destra neofascista ma che per via delle sue posizioni anti-immigrazioniste e populiste-identitarie (la solita accusa di 'xenofobia') è stata anche stigmatizzata da altri indipendentisti europei.

    Questo ha reso la Lega Nord l'omologa in Italia di quei partiti politici euroidentitari considerati comunque l'avanguardia dell''estrema destra' in Europa: FPÖ, BZÖ, Vlaams Belang, Schweizerische Volkspartei, Dansk FolkeParti, etc. Borghezio sta coltivando i rapporti con queste realtà, è stato applaudito al congresso annuale del think thank identitario francese Club de l'Horloge vicino a Le Pen, la Lega al governo in Italia è stata definita "un modello per le destre populiste in tutta Europa", Borghezio ha anche stretto un'alleanza con gli indentitari di Nissa Rebela e altri ora gemellati con i Giovani Padani.
    Insomma quelle forze/partiti/movimenti/gruppi che vogliono salvare la civiltà europea da una fine pluri-comunitarista multietnica e multiculturale che cancellerebbe l'Europa trasformandola in una provincia dell'islam e del Terzo mondo.

    La Lega, di matrice fortemente identitaria e antimondialista, si è fatta conoscere ai tempi della secessione ed è cresciuta grazie a federalismo e populismo, ed ora è una grande realtà, terza forza politica in Italia.

    Sicuramente, su certi temi, rischia di scadere, proprio per questo, gli identitari alpino-padani, i conservatori populisti, gli etnonazionalisti, i 'white nationalis', i paleo-libertari, etc. dovrebbero rimanere saldi nell'orbita leghista e non disperdere energie in altre micro-realtà senza alcuna possibilità di decidere la politica reale o ancor peggio in realtà create appositamente per indebolire la Lega - come la lista dell'ex di Alleanza Nazionale Francesco Storace abbindolatore di qualche neofascista italiota e purtroppo non solo...

    'Abbandonare' la Lega al primo passo falso significa solo lasciare che eventualmente 'peggiori' l'unica realtà 'forte' su cui invece bisognerebbe 'lavorare' anche al fine di 'migliorarla', per capirci.

    La Lega è ancora, anzi è più di prima, una forza politica che lavora e che allo stesso tempo è guidata da ideali identitari e antiglobalisti, che fa il possibile in base ai rapporti di forza con gli alleati di governo - cioè un PDL che sotto la guida di Berlusconi è diventato sempre più 'interessante' tra populismo nazional-liberale e politica estera filo-russa - per contrastare l'immigrazione e per favorire la decentralizzazione del sistema italiano, ovviamente in vantaggio dell'autonomismo. Non si contano le numerose lodevoli iniziative pro-identitarie sul piano amministrativo della Lega.

    L'Italia di Berlusconi-Lega, ricordiamolo, è stata criticata e demonizzata in tutta Europa e perfino dall'ONU per la questione dell'immigrazione, dell'islam e dei rom, ancora, la politica estera basata sull'amicizia Berlusconi-Putin è vista come fumo negli occhi dai poteri globali e dai loro servi - si pensi alle dimissioni di Guzzanti "nauseato" dall'amicizia con Putin e all'opposizione obamita e antiputinista di De Benedetti dietro cui si cela George Soros la quale altro non fa che demonizzare il premier, Berlusconi è stato l'unico leader europeo assieme a Václav Klaus a difendere Putin durante la guerra russo-georgiana definendo l'azione russa 'la risposta ad un aggressione provenuente dalla Georgia', a definire "provocazioni anti-russe" lo scudo missilistico in Polonia e l'indipendenza del Kosovo. Non sono cose da poco. Il governo Berlusconi è quindi una pedina decisiva del riassetto continentale filo-russo. La Russia è l'unica speranza di salvezza d'Europa contro la globalizzazione ed il melting pot americano da un lato e l'espansionismo islamico e afro-asiatico dall'altro. Giorgetti alla scuola MGP l'ha spiegato bene, facendo un intervento perfetto.

    Quindi se si vuole essere un pò 'realisti' si deve ringraziare Iddio per la già piuttosto rosea situazione che abbiamo con un Berlusconi che mira ad essere il primo partner della Federazione Russa nell'Unione Europea e una Lega al governo che si occupa di identità e immigrazione e pone il veto sulla Turchia (ma non sulla Russia, basti ricordare gli interventi dello scorso agosto di Borghezio, di Calderoli e di Cota).

    La vicenda del sindaco metà padano metà afroamericano di Viggiù sicuramente è dura da digerire per un'etnonazionalista, però guardiamo un attimo cosa fanno Le Pen o il Vlaams Blok, lo stesso! Anzi va detto che almeno la Sandra Maria Cane non è stata candidata per allineamento all'"etnicamente corretto" ma per pure circostanze e contingenze locali.


    carlomartello

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Jun 2009
    Messaggi
    594
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Analisi sulla Lega

    Per quel che mi riguarda, smisi di votare Lega alle comunali/provinciali successive alla vittoria del 2001, smisi di votarla perché dopo anni di battaglie volte a promuovere (a ragione) il federalismo, di federalismo non vi fu traccia alcuna nelle leggi varate da quel governo; né si cominciò un serio lavoro sul federalismo fiscale, federalismo fiscale che ritengo ancora più importante del federalismo costituzionale.

    Il federalismo è stato svenduto dalla lega per avere in cambio le poltrone, tanto che oggi, per accontentare gli strascichi italianisti degli ex-aennini e la voglia di "solidarietà" tout-court dei comunisti e dei terroni, si sono gettati su un improbabile "federalismo solidale"... Federalismo solidale?!?!? Ma se il federalismo è la negazione della solidarietà, il federalismo è chiaro nella sua semplicità: "Svegliatevi e sbrigatevela da soli!!!" questo è il senso del federalismo. Federalismo significa assumersi le proprie responsabilità senza delegare ad altri, significa mettere la propria faccia sulle decisioni prese, significa lavorare (politicamente ed economicamente) per la propria terra senza chiedere agli altri o dare agli altri, significa migliorare la propria condizione mettendo a frutto ciò di cui si ha a disposizione, significa selezionare e premiare chi lavora meglio e non chi si vende meglio in tv o sui giornali. Questo per me è il vero federalismo, tutto il resto è propaganda, atta a captare il voto di chi non ha capito cosa sia il Federalismo.

    Il Federalismo reale è un sistema insieme meritocratico e "anarchico", meritocratico in quanto tramite i risultati si selezionano i dirigenti migliori e "anarchico" in quanto le singole regioni o comunità si autosostentano senza vivere di parassitismo alle spalle di una comunità più vasta e sopratutto senza dover fare riferimento ad una entità centralista lontana e terribilmente burocratica.

    Questa era la battaglia della lega ai primordi, battaglia che ha smesso di combattere per scendere a più miti consigli (poltrone). Hanno approvato quel finto "federalismo" qualche mese fa, cosicché possano captare i voti di chi non ha capito nulla, e intanto le cose procedono sempre identiche a prima.

    Non è solo una tua impressione Der, ma è la trasformazione della lega da partito antitetico a quelli centralisti (tutti) a vero e proprio partito di governo nazionale, la sua trasformazione cominciò 10 anni fa con la coalizione nelle regionali del 2000, nel 2001 era già pronta a mutare da partito a base prettamente regionale a partito di governo; oggi è a pieno titolo un partito governativo anche se mantiene fortissimi rapporti con la base. In un certo senso si potrebbe dire che la lega è come il vecchio PCI, fortissimi legami con la base e un piede nel governo, ma per diventare governativo ha dovuto accettare al suo interno chiunque, tralasciando l'identità etnica regionale che la costituiva in precedenza.

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Analisi sulla Lega

    Citazione Originariamente Scritto da carlomartello Visualizza Messaggio
    La Lega Nord è ancora l'unico partito politico che porta avanti prima di tutto le istanze della Padania o per capirci meglio è l'unico che si permette di sollevare senza timore la questione settentrionale quando tutti parlano solo di Mezzogiorno. E' anche una realtà identitaria e antiglobalista che è riuscita a distinguersi dall'estrema destra neofascista ma che per via delle sue posizioni anti-immigrazioniste e populiste-identitarie (la solita accusa di 'xenofobia') è stata anche stigmatizzata da altri indipendentisti europei.

    Questo ha reso la Lega Nord l'omologa in Italia di quei partiti politici euroidentitari considerati comunque l'avanguardia dell''estrema destra' in Europa: FPÖ, BZÖ, Vlaams Belang, Schweizerische Volkspartei, Dansk FolkeParti, etc. Borghezio sta coltivando i rapporti con queste realtà, è stato applaudito al congresso annuale del think thank identitario francese Club de l'Horloge vicino a Le Pen, la Lega al governo in Italia è stata definita "un modello per le destre populiste in tutta Europa", Borghezio ha anche stretto un'alleanza con gli indentitari di Nissa Rebela e altri ora gemellati con i Giovani Padani.
    Insomma quelle forze/partiti/movimenti/gruppi che vogliono salvare la civiltà europea da una fine pluri-comunitarista multietnica e multiculturale che cancellerebbe l'Europa trasformandola in una provincia dell'islam e del Terzo mondo.

    La Lega, di matrice fortemente identitaria e antimondialista, si è fatta conoscere ai tempi della secessione ed è cresciuta grazie a federalismo e populismo, ed ora è una grande realtà, terza forza politica in Italia.

    Sicuramente, su certi temi, rischia di scadere, proprio per questo, gli identitari alpino-padani, i conservatori populisti, gli etnonazionalisti, i 'white nationalis', i paleo-libertari, etc. dovrebbero rimanere saldi nell'orbita leghista e non disperdere energie in altre micro-realtà senza alcuna possibilità di decidere la politica reale o ancor peggio in realtà create appositamente per indebolire la Lega - come la lista dell'ex di Alleanza Nazionale Francesco Storace abbindolatore di qualche neofascista italiota e purtroppo non solo...

    'Abbandonare' la Lega al primo passo falso significa solo lasciare che eventualmente 'peggiori' l'unica realtà 'forte' su cui invece bisognerebbe 'lavorare' anche al fine di 'migliorarla', per capirci.

    La Lega è ancora, anzi è più di prima, una forza politica che lavora e che allo stesso tempo è guidata da ideali identitari e antiglobalisti, che fa il possibile in base ai rapporti di forza con gli alleati di governo - cioè un PDL che sotto la guida di Berlusconi è diventato sempre più 'interessante' tra populismo nazional-liberale e politica estera filo-russa - per contrastare l'immigrazione e per favorire la decentralizzazione del sistema italiano, ovviamente in vantaggio dell'autonomismo. Non si contano le numerose lodevoli iniziative pro-identitarie sul piano amministrativo della Lega.

    L'Italia di Berlusconi-Lega, ricordiamolo, è stata criticata e demonizzata in tutta Europa e perfino dall'ONU per la questione dell'immigrazione, dell'islam e dei rom, ancora, la politica estera basata sull'amicizia Berlusconi-Putin è vista come fumo negli occhi dai poteri globali e dai loro servi - si pensi alle dimissioni di Guzzanti "nauseato" dall'amicizia con Putin e all'opposizione obamita e antiputinista di De Benedetti dietro cui si cela George Soros la quale altro non fa che demonizzare il premier, Berlusconi è stato l'unico leader europeo assieme a Václav Klaus a difendere Putin durante la guerra russo-georgiana definendo l'azione russa 'la risposta ad un aggressione provenuente dalla Georgia', a definire "provocazioni anti-russe" lo scudo missilistico in Polonia e l'indipendenza del Kosovo. Non sono cose da poco. Il governo Berlusconi è quindi una pedina decisiva del riassetto continentale filo-russo. La Russia è l'unica speranza di salvezza d'Europa contro la globalizzazione ed il melting pot americano da un lato e l'espansionismo islamico e afro-asiatico dall'altro. Giorgetti alla scuola MGP l'ha spiegato bene, facendo un intervento perfetto.

    Quindi se si vuole essere un pò 'realisti' si deve ringraziare Iddio per la già piuttosto rosea situazione che abbiamo con un Berlusconi che mira ad essere il primo partner della Federazione Russa nell'Unione Europea e una Lega al governo che si occupa di identità e immigrazione e pone il veto sulla Turchia (ma non sulla Russia, basti ricordare gli interventi dello scorso agosto di Borghezio, di Calderoli e di Cota).

    La vicenda del sindaco metà padano metà afroamericano di Viggiù sicuramente è dura da digerire per un'etnonazionalista, però guardiamo un attimo cosa fanno Le Pen o il Vlaams Blok, lo stesso! Anzi va detto che almeno la Sandra Maria Cane non è stata candidata per allineamento all'"etnicamente corretto" ma per pure circostanze e contingenze locali.


    carlomartello

    Sicuramente, su certi temi, rischia di scadere, proprio per questo, gli identitari alpino-padani, i conservatori populisti, gli etnonazionalisti, i 'white nationalis', i paleo-libertari, etc. dovrebbero rimanere saldi nell'orbita leghista e non disperdere energie in altre micro-realtà senza alcuna possibilità di decidere la politica reale o ancor peggio in realtà create appositamente per indebolire la Lega - come la lista dell'ex di Alleanza Nazionale Francesco Storace abbindolatore di qualche neofascista italiota e purtroppo non solo...


    Ma non ti sembra che su certi temi sia già, come affermi tu, scaduta? Candidati meridionali e meridionali nei posti di comando della Lega ve ne sono troppi ormai, ora imbarchiamo anche i negri? E poi perchè la Lega attacca l'Iran (non mi sembra che vi siano molti immigrati iraniani in giro per le nostre terre), tace sul colonialismo dell'etnità sionista (che certe volte appoggia apertamente). Non noti una marcata differenza tra l'attuale Lega su questi temi e la Lega che si schierò a favore della Serbia?
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

  6. #6
    the dark knight's return
    Data Registrazione
    06 Jul 2006
    Località
    Gotham City
    Messaggi
    26,970
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Analisi sulla Lega

    In Liguria la situazione non è così...tra un anno con il Congresso cambieranno molte cose, siamo il bersaglio preferito delle zecche e siamo sempre in prima linea contro le porcate multietniche
    "Cecchi ...Paone ha dichiarato che ci sono due gay in squadra. Prandelli mi ha detto che mi facevate questa domanda. Se ci sono dei froci i problemi sono loro, io spero non ce ne siano".
    Antonio Cassano 99

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    10,854
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Analisi sulla Lega

    Citazione Originariamente Scritto da Der Wehrwolf Visualizza Messaggio
    Ma non ti sembra che su certi temi sia già, come affermi tu, scaduta? Candidati meridionali e meridionali nei posti di comando della Lega ve ne sono troppi ormai, ora imbarchiamo anche i negri? E poi perchè la Lega attacca l'Iran (non mi sembra che vi siano molti immigrati iraniani in giro per le nostre terre), tace sul colonialismo dell'etnità sionista (che certe volte appoggia apertamente). Non noti una marcata differenza tra l'attuale Lega su questi temi e la Lega che si schierò a favore della Serbia?
    Sinceramente no. Anzi, diciamo che c'è stata una certa maturazione politica, la Lega è ancora filo-serba, a Pontida i Volontari Verdi portano alta la bandiera serba, che è anche appesa al Centro Identitario Bassano di Milano, Borghezio, Boso, Giorgetti, sono filo-serbi, Calderoli intervenne ad agosto in favore dei popoli di Abkhazia e Ossezia meridionale in lotta per la libertà, Cota sottolineò come la Federazione Russa è un bastione che si confronta con l'area islamica e cinese importante per tutta l'Europa. Dopo l'11 settembre c'è stata un'apertura tattica agli Stati Uniti è vero, ma in funzione panoccidentale e anti-islamista - islamismo che hanno foraggiato proprio gli americani in realtà come dimostra il geopolitologo Alexandre del Valle, che fra l'altro ha regolari rapporti con i leghisti - apertura che ha attirato nella Lega molti che stavano capendo il pericolo islamico a 20 anni dalle denunce di Le Pen in Francia cadute nel vuoto, in ogni caso a Pontida non se ne sono viste tante di bandiere amerikane, se escludiamo quella Confederata.
    Quanto all'Iran, Khomeyni è stato portato al potere da Brzezinski per realizzare la famosa dorsale verde e negli anni '90 l'Iran armava e riforniva la Bosnia di Izetbegovic contro la Serbia di Milosevic, in realtà l'Iran in quanto focolaio rivoluzionario islamista e terzomondista non va affatto visto con favore, su Israele invece la Lega ha semplicemente scelto l'appoccio migliore, inutile farsi nemici gli israeliani quando l'Europa è assediata demograficamente dagli islamisti. Poi Israele ad onor del vero va detto che fu uno tra i pochi stati che si opposero all'intervento NATO contro la Serbia e che tutt'ora non riconosce il Kosovo ma ha aperto a Gerusalemme un ufficio della Repubblica Srpska simile a quelli presenti a Belgrado, Stoccarda e Mosca, ora sta anche rivalutando i suoi rapporti con la Russia dopo l'apertura filo-islamica di Obama, per cui bisognerebbe capire che il vero problema non sono Netanyahu o Lieberman, non è il sionismo nazionalista, ma piuttosto l'ebraismo apolide dell'alta finanza, di Bruxelles che al contempo finanzia gli stipendi dei terroristi palestinesi, dei 'non-sionisti' come George Soros e Zbigniew Brzezinski che considerano Israele una palla al piede. Ed anche su Israele le stesse critiche che si possono rivolgere alla Lega si potrebbero rivolgere al British National Party, al Vlaams Belang, al Dansk FolkeParti, etc.
    Anche i nazisti per un certo periodo appoggiarono tatticamente i sionisti con cui condividevano l'idealismo del Sangue e del Suolo (si legga pure Ebrei collaborazionisti del III Reich, in I Guerrieri d'Israele, edizioni Sodalitium, oppure Il sionismo e il Terzo Reich di Mark Weber), senza contare che i boeri in Sud Africa, i francesi in Algeria e i maroniti in Libano al loro tempo trovarono in Israele un importante alleato contro l'islam e i suoi alleati nel Terzo mondo, soprattutto l'Africa nera.
    Sui meridionali, bisogna distinguere tra quelli che fanno una politica leghista a casa loro, nel quadro dell'allargamento tattico della Lega a forza identitaria federalista in tutta la penisola (che è pur sempre parte di quella famosa "Europa dei Popoli"), e quelli che sono stati presi al Nord, che sono una minoranza non cospicua.
    Poi tu è chiaro che puoi fare lo schizzinoso quanto vuoi sulla Lega Nord ma dovrai pur apprezzare che ci sia qualcuno a mettere dei freni all'alluvione allogena se hai veramente a cuore l'integrità etnica della Gallia-Cisalpina.
    Maroni e la Lega in questo governo hanno fatto tutto il possibile per arrestare l'immigrazione clandestina, espellere i clandestini, ridurre l'immigrazione regolare e rendere impossibile la vita degli immigrati regolari attraverso vari ddl che proponevano anche la tassa sul soggiorno, la moratoria anti-crisi di Maroni proponeva addirittura il blocco incondizionato delle frontiere per almeno due anni, proposta che poi è stata ridimensionata in base ai rapporti di forza con gli alleati di governo, per questo se vogliamo almeno permettere alla Lega di fare il minimo indispensabile perché si possa anche solo parlare di Völk dovremmo tutti ricordarci di andarla a rafforzare alle elezioni per renderla più decisiva nella politica del governo dello stato italiano.

    carlomartello

  8. #8
    Cancellato
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    34,331
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Analisi sulla Lega

    Ancora con queste balle dell'entità sionista
    alleata dell'Europa contro l'islam "invasore"?
    La guerra in Serbia poi!Sappiamo tutti che a
    volere quella guerra fu il giudaismo SIONISTA
    americano rappresentato allora dall'orrendo
    segretario di stato Madeleine Albright.
    Ridicolo considerare i sionisti come alleati
    quando pompano con la scusa dei risarcimenti
    sull'olocausto milioni di euro alla Germania
    ogni anno " ha permesso una gigantesca truffa politica e finanziaria di cui il ... sono il popolo tedesco ma non i suoi dirigenti e il popolo palestinese" disse Faurisson.
    Per non parlare poi delle altre guerre volute da
    sion come quella in Irak e Afghanistan che ci sono
    costate spese militari enormi e soldati morti per
    gli interessi sionisti,e tralascio poi le leggi antirevisioniste
    che vedono marcire persone in galere "colpevoli"
    di aver negato o solo messo in dubbio il c.d olocausto.
    E questi sarebbero amici?
    Per il resto la Lega nord è soltanto un partitello,tante chiacchiere
    e 0 sostanza,sulla libertà dei popoli vi dico solo che Borghezio
    ha dichiarato sulla questione kossovara che È STATA L'APPLICAZIONE
    DELL'AUTODETERMINAZIONE DEI POPOLI e non invece uno stato
    fittizio e illegale creato dagli Usa e dall'occidente.
    E che dire poi del voto sul trattato di Schengen della Lega?

  9. #9
    Cancellato
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    34,331
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Analisi sulla Lega

    Kosovo, Borghezio getta benzina "Un precedente per la Padania" - esteri - Repubblica.it

    " "E' una concreta applicazione in Europa del principio di autodeterminazione dei popoli, sancito dalla Carta dell'Onu", ha commentato l'esponente del Carroccio, aggiungendo che desta però "seria preoccupazione la creazione del primo Stato islamico in Europa, salutato già da tutta la stampa jihadista e la sorte della minoranza cristiana ortodossa serba". "

    In poche parole per Borghezio l'unico problema dell'entità kossovara
    sarebbe quello che "è islamico" saltando tutto il resto.

  10. #10
    Cancellato
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    34,331
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Analisi sulla Lega

    Guerra in Serbia,ecco una delle carnefici.
    È forse islamica?
    Rinascita Balcanica

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Analisi sulla Lega
    Di Der Wehrwolf nel forum Lega
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 20-06-09, 17:48
  2. Analisi sulla Lega
    Di Der Wehrwolf nel forum Padania!
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-06-09, 15:21
  3. Analisi ragionata sulla tv italiana
    Di italiano 99 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 09-12-08, 21:15
  4. La lega analisi del fenomeno
    Di ZaR4ThUsTrA nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 06-07-05, 13:52

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226