User Tag List

Visualizza Risultati Sondaggio: Chi voteresti in queste elezioni ?

Partecipanti
35. Non puoi votare in questo sondaggio
  • Partito Democratico

    4 11.43%
  • Futuro e Valori - Lista Fini-Di Pietro

    1 2.86%
  • Unione di Centro (+candidati dell'Api)

    1 2.86%
  • Movimento per l'Autonomia

    1 2.86%
  • Azione Riformista

    3 8.57%
  • Solidarietà e Progresso

    0 0%
  • Sinistra Ecologia e Libertà (+candidati del Psi)

    7 20.00%
  • Federazione della Sinistra

    3 8.57%
  • Popolo della Libertà

    3 8.57%
  • Area Nazionale

    0 0%
  • La Destra (+candidati Fiamma Tricolore)

    1 2.86%
  • Nuova Democrazia Cristiana per le Riforme

    0 0%
  • Forza del Sud

    0 0%
  • Nord e Libertà

    0 0%
  • Movimento di Responsabilità Nazionale

    0 0%
  • Movimento 5 Stelle

    0 0%
  • Lega Nord

    3 8.57%
  • Ambientalisti e Liberali

    1 2.86%
  • Forza Nuova-Razza del Nord

    3 8.57%
  • Fronte Popolare per il Comunismo

    4 11.43%
Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 44
  1. #1
    Anti-liberista
    Data Registrazione
    12 Apr 2010
    Località
    Abruzzo
    Messaggi
    22,800
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito 2011, ad un passo dal default si scombina il quadro politico

    Differentemente dalla nostra Time-Line dove Tremonti sta di fatto lasciando tutti i tagli veri da fare al prossimo governo, in questo scenario 30 miliardi di lacrime e sangue vengono imposti proprio negli anni del fine legislatura, concentrandone ben 20 solo nell'arco del 2012.

    Le reazioni al piano Tremonti rovesciano il sistema politico, le opposizioni parlamentari ad eccezione di un gruppo di democratici dissidenti (Pd, Idv, Udc, Api e Fli) appoggiano il piano perchè inevitabile e necessario "per non finire come la Grecia", reazioni positive anche dall'UE che approva il piano del ministro dell'Economia.
    Al contrario nel governo, tutte le correnti del Popolo della Libertà si compattano nell'invettiva contro Tremonti, ad eccezione di Sacconi e Pisanu che meditano un nuovo gruppo parlamentare guidato proprio dal super-ministro.

    Frattura nel campo delle opposizioni, la Cgil, Sel e la Federazione della Sinistra attaccano l'appoggio del Partito democratico alla manovra, si proclama uno sciopero generale per i primi di ottobre, dopo la pausa estiva.

    Ma il governo alla pausa estiva non ci arriva, è Berlusconi a prendere l'iniziativa chiedendo a Tremonti le dimissioni, dando un colpo quasi mortale alla credibilità dell'Italia nel mondo, le agenzie di rating ci declassano in maniera brutale.

    Tremonti assieme a Pisanu fonda due gruppi parlamentari autonomi, il ministro dell'Economia assieme a Sacconi e Cazzola crea Solidarietà e Progresso, Pisanu e Martino Azione Riformista.

    Entrambi i gruppi annunciano di uscire dalla maggioranza, è una corsa contro il tempo per evitare l'inizio della pausa estiva.
    Tutte le opposizioni preparano in blocco una mozione di sfiducia, stavolta i Responsabili non bastano e il governo va sotto alla Camera (ma non al Senato).

    Dinanzi al nuovo scenario il Pd decide di accellerare la svolta liberale (concordata con Di Pietro mesi prima, segno che le intemperanze dell'Idv non erano casuali), annuncia di non volersi alleare con Sinistra ecologia e libertà ma di puntare ad una coalizione con le forze parlamentari che hanno sfiduciato Berlusconi, Vendola va su tutte le furie, incassando la solidarietà della Cgil che giudica inaccettabili le prese di posizione del Governo, la Camusso ritira l'appoggio alla riforma contrattuale e della rappresentanza che aveva concordato con Confindustria, Cisl e Uil, sia lei che Epifani riconsegnano la tessera del Partito democratico aderendo a Sel, lo stesso fanno un gruppo di democratici guidati da Cofferati e Damiano.

    Non essendoci una maggioranza in Senato, Napolitano è costretto a far votare a Novembre 2011, l'Italia è prossima alla Grecia.

    Si presenta come homo novus e capace di legare crescità e sviluppo l'ex-presidente di Confindustria Luca Cordero di Montezemolo, che viene riconosciuto come un papabile leader dagli stessi Bersani, Di Pietro, Fini, Casini e Tremonti.
    Ovviamente nessuno parla di Primarie.
    Sul territorio le alleanza tra il Pd e la sinistra reggono ma a Napoli De Magistris annuncia l'iscrizione a Sel rompendo con la svolta dipietrista.

    Delineandosi un campo larghissimo che da Tremonti a Di Pietro e un altra coalizione retta da Sel e dalla Fds con l'appoggio di buona parte della Cgil, i partiti piccoli del centro-sinistra come Psi, Verdi e Radicali devono decidere il da farsi.
    Nel Psi clamorosamente Nencini viene messo in minoranza dalla corrente di sinistra che vuole alleare il Psi alla coalizione di sinistra, passa lesto dentro Solidarietà e Progresso, Verdi e Radicali non concordi con la piattaforma economica del duo Sel-Fds si presentano assieme in una lista laica-ambientalista-liberale che non riesce a trovare punti di incontro con nessuna coalizione o partito, nemmeno con il Movimento 5 Stelle.

    Nella maggioranza Berlusconi si fa da parte per tentare di dare nuovo smalto al centro-destra, ma le rotture si moltiplicano e le scissioni fioccano.
    Alemanno, la Polverini e la Mussolini, stufi degli attacchi di Maroni (che tuona contro il Sud colpevole di aver portato l'Italia ai livelli della Grecia) escono e assieme alla Fiamma e a la Destra inizialmente intendono presentarsi in un polo autonomo.
    Anche i democristiani della maggioranza, interni (Rotondi e Giovanardi) ed esterni (Pionati) al Pdl, si raggruppano nella Nuova democrazia Cristiana per le Riforme.

    Bossi non concorde con la linea dura di Maroni intende mediare ma viene sfiduciato dalla segreteria federale della Lega, ed è costretto assiema a Reguzzoni e al Trota alla scissione di Nord e Libertà, fedele al centro-destra.
    I colonnelli Castelli e Calderoli si schierano con Maroni, la Lega torna isolazionista nei confronti delle altre forze e si da un impianto economico di tipo laburista, tra i primi provvedimenti Maroni caccia Borghezio tacciandolo di nazi-fascismo, quest'ultimo crea Razza del Nord e si avvicina a Forza Nuova.

    Il Popolo della Libertà (ridotto praticamente all'ex-stato maggiore Forzista) elegge Alfano Presidente che si dimostra, al pari di Berlusconi, un buon federatore, raccoglie attorno a se una vasta alleanza, riuscendo a riconquistare anche il polo di destra, Forza del Sud, i democristiani, i bossiani e i Responsabili che, guidati da Scilipoti si costituiscono come partito.

    Prima delle Elezioni si riesce (con il contributo dei Responsabili) a far passare sia alla Camera che al Senato una semplice modifica del Porcellum abbassando all'1% la soglia di sbarramento alla Camera per i partiti coalizzati (per il Senato rimane la soglia del 3% regionale per i partiti coalizzati).

    Quindi gli schieramenti in campo sono :

    PER LE RIFORME E LO SVILUPPO


    Coalizione amplissima di centro, favorita dai sondaggi, che candida per Palazzo Chigi Montezemolo, il suo programma è centrato su questi punti :
    - Forte riduzione della spesa pubblica e del personale nella Pubblica amministrazione
    - Smantellamento del Contratto nazionale e via libera ai contratti aziendali
    - Abolizione dell'Articolo 18
    - Mantenimento e consolidamento delle Missioni all'Estero, favorevoli all'invio di truppe di terra in Libia
    - Privatizzazioni e Liberalizzazioni dei servizi e delle aziende di stato
    - Riduzione della pressione fiscale in seguito ai drastici tagli sulla spesa
    - Timidissime apertura ai Dico, netto no al Testamento biologico (diktat fermo dell'Udc, con più di un mugugno da parte di Fli)

    Appoggiano questo programma :

    - Partito Democratico : il partito di Bersani ha compiuto la svolta liberaldemocratica, Francesco Boccia ha sostituito Stefano Fassina come responsabile economia e lavoro, ha perso molti consensi a Sinistra, ciononostante con il 19% è dato dai sondaggi come prima formazione del paese.E' uscito dal gruppo Socialista al Parlamento europeo con la contrarietà di D'Alema che ha lasciato la politica attiva.
    - Futuro e Valori - Lista Fini-Di Pietro : con la fuoriuscita del sindaco di Napoli, Di Pietro è tornato al controllo ferreo sulla sua lista, ha cambiato parere sulle missioni all'estero ovviamente e ha deciso di fare lista assieme a Fini e Bocchino, dentro Fli malumori di Ronchi ed Urso che però rimangono nel partito
    - Unione di Centro : infine Casini è riuscito a convincere Bersani ad allontanarsi da Vendola e dalla Cgil e se ne compiace, è d'accordo con le posizioni ultra-liberiste dell'alleanze, pone diktat ovviamente sulle questioni etiche, ha ceduto però sui Dico (ovviamente molto molto deboli)
    Presenta nelle liste, l'Api (anche alla Camera, non solo al Senato)
    - Movimento per l'Autonomia : il partito di Lombardo, regista del laboratorio Sicilia è uno dei più attivi e punta a rappresentare le istanze del Sud nella nuova coalizione
    - Azione Riformista : soggetto liberale guidato da Martino e Pisanu
    - Solidarietà e Progresso : fondato da Sacconi, Tremonti, Cazzola e con la partecipazione di Angeletti, si definisce nello statuto un movimento "liberalsocialista" ma la natura della manovra e del programma di Montezemolo esprimono una visione chiaramente liberista (Tremonti perde qualsiasi volontà para-statalista), aderisce anche Nencini del Psi (mentre Boselli è nell'Api)

    Strategie elettorali al Senato

    Al Senato Azione Riformista e Solidarietà e Progresso sono ospitati nelle liste del Pd, mentre l'Api e l'Mpa in quelle dell'Udc, Fli e Idv assieme anche al Senato.

    Politici e personalità che fanno campagna elettorale per la coalizione

    Luca Cordero di Montezemolo
    Diego della Valle
    Emma Marcegaglia
    Sergio Marchionne
    Raffaele Bonanni
    Luigi Angeletti
    Pier Luigi Bersani
    Walter Veltroni
    Enrico Letta
    PierFerdinando Casini
    Antonio Di Pietro
    Pietro Ichino
    Matteo Renzi
    Sergio Chiamparino
    Piero Fassino
    Giulio Tremonti
    Giuliano Cazzola
    Riccardo Nencini
    Antonio Martino
    Giuseppe Pisanu
    Francesco Rutelli
    Bruno Tabacci
    Enrico Boselli
    Raffaele Lombardo
    Gianfranco Fini
    Italo Bocchino

    ALLEANZA DELLA SINISTRA DEMOCRATICA


    Coalizione di sinistra che candida Nichi Vendola alla Presidenza del Consiglio, il suo programma è centrato su questi punti :
    - Rafforzamento del Contratto Nazionale di Lavoro
    - Investimenti pubblici e ripubblicizzazione di molte aziende del para-stato in precedenza privatizzate
    - Incentivi a tappeto per le Rinnovabili
    - Imposta patrimoniale
    - Tassazione delle rendite finanziarie
    - Legge sulle 35 ore di lavoro
    - Abolizione della Legge 30
    - Reddito minimo di cittadinanza
    - Ritiro dall'Afghanistan e dalla Libia

    Appoggiano questo programma :
    - Sinistra ecologia e libertà : Ha aderito al Pse e all'Internazionale Socialista, ha accolto molti ex-Pd, guidato saldamente da Vendola, partito di riferimento della Cgil, tra i candidati alla Camera si ritrovano due ex-rivali, Epifani e Rinaldini.
    - Partito Socialista Italiano : guidato dalla corrente di sinistra e dal Network per il socialismo europeo guidato da Lanfranco Turci.
    - Federazione della Sinistra : la federazione tra Rifondazione, Comunisti Italiani e Socialismo 2000 si dimostra, al contrario delle aspettative alleato fedele di Sel.

    Strategie elettorali per il Senato

    Listone unitario tra le tre formazioni, per poter superare lo sbarramento dell'8% in più regioni.

    Politici e personalità che fanno campagna elettorale per la coalizione

    Nichi Vendola
    Fausto Bertinotti
    Fabio Mussi
    Claudio Fava
    Guglielmo Epifani
    Lanfranco Turci
    Susanna Camusso
    Maurizio Landini
    Gianni Rinaldini
    Giorgio Cremaschi
    Paolo Ferrero
    Oliviero Diliberto
    Paolo Cento
    Cesare Salvi
    Sergio Cofferati
    Vincenzo Vita
    Cesare Damiano

    VERSO LA LIBERTA'


    Giga-coalizione di centro-destra (che ricalca molto la ex-Casa delle Libertà del 2006), candida Alfano (manovrato da Berlusconi che, da alcune indiscrezioni, punta al Ministero della Giustizia in caso di vittoria o in alternativa ad essere eletto Senatore a vita con il consenso della coalizione di Montezemolo) e presenta questo programma :
    - Riduzione della pressione fiscale
    - Sviluppo e incremento dei fondi per il Sud
    - Lotta dura all'Immigrazione clandestina
    - Stato minimo e de-burocratizzazione
    - Politica estera delle convenienze, filo-Russa, riduzione dei militari in Afghanistan e in Libano, no all'invio di truppe di terra in Libia (ma si al mantenimento dell'impegno aereo)
    - Chiede politiche di favore all'Ue per il caso Italia, minacciandone l'uscita (ma rimane una ipotesi e non un obiettivo chiaro, il programma su quel punto è vago)
    - Revisione del Federalismo Fiscale (un netto passo indietro)

    I partiti che appoggiano questo programma :

    - Popolo della Libertà : si è ridotto al circolo dei berlusconiani forzisti doc, è guidato da Alfano e ovviamente ha in Berlusconi il gran burattinaio.
    - Area Nazionale : scissione di Alemanno, Polverini e Mussolini dal Pdl, meridionalista, lotta dura all'immigrazione, no al testamento biologico e ai matrimoni gay, no alle privatizzazioni.
    - La Destra-Fiamma Tricolore : la formazione di Storace, gemella ad Area Nazionale, in + è contraria anche alle liberalizzazioni, ha inglobato la Fiamma
    - Nord e Libertà : minuscolo partito di Bossi e Reguzzoni, nonostante l'impronta tutta sudista e centralista della coalizione sta qui per sopravvivenza politica
    - Forza del Sud : potente partito di Miccichè, vuole fondi a gogo per Sicilia, Campania e Calabria, no ai piani di austerity sui bilanci delle regioni del Sud
    - Nuova Democrazia Cristiana per le Riforme : i democristiani del centro-destra guidati da Rotondi, Giovanardi, Saverio Romano e Pionati, statalisti, meridionalisti, anti-abortisti.
    - Movimento di Responsabilità Nazionale : il partito di Scilipoti, un vero circo

    Strategie elettorali al Senato

    La Destra,Area Nazionale e la Fiamma si presentano coalizzate in una lista unica, fanno altrettanto Forza del Sud, la nuova Dc per le Riforme e i Responsabili, Nord e Libertà si presenta nelle liste del Pdl.

    Politici e personalità che fanno campagna elettorale per la coalizione

    Silvio Berlusconi
    Angelino Alfano
    Gianni Letta
    Fabrizio Cicchitto
    Daniele Capezzone
    Marcello dell'Utri
    Gianni Alemanno
    Renata Polverini
    Alessandra Mussolini
    Umberto Bossi
    Saverio Romano
    Gianfranco Rotondi
    Carlo Giovanardi
    Domenico Scilipoti
    Francesco Storace
    Gianfranco Miccichè

    MOVIMENTO 5 STELLE


    Contrariamente a quanto aveva in precedenza affermato, Beppe Grillo, si candida come leader del Movimento affermando "nessuno c'è meglio di me".
    Il programma della Lista è :
    - Abolizione di tutti gli stipendi parlamentari,regionali, comunali e provinciali
    - Digitalizzazione di tutta la Pubblica amministrazione
    - Legge elettorale ristrettiva, può votare solo chi ha almeno il Diploma
    - Uscita dall'Unione Europea e autarchia
    - Ritiro da tutti gli scenari internazionali e scioglimento dell'Esercito

    LEGA NORD


    Formazione indipendentista e di impronta socialdemocratica su ispirazione del Partito nazionale scozzese, candida Roberto Maroni.
    Il programma della Lega Nord è :
    - Indipendenza della Padania come nazione autonoma e libera
    - Blocco dell'immigrazione clandestina
    - Ritiro dai fronti di guerra
    - Tassazione delle rendite e delle grandi ricchezze
    - Reintroduzione dell'ICI
    - Riforma dei contratti in senso territoriale e provinciale

    AMBIENTALISTI E LIBERALI


    Cartello elettorale tra i Radicali della Bonino e i Verdi di Bonelli, candidano la Bonino.
    Il programma della Lista è :
    - Legalizzazione di tutte le droghe
    - Energie rinnovabili a tutto spiano
    - Contratti aziendali
    - Privatizzazione della Rai
    - Liberalizzazione delle professioni
    - Ritiro dall'Afghanistan ma non dalla Libia
    - Matrimonio Omosessuale e Testamento biologico

    FORZA NUOVA-RAZZA DEL NORD


    Cartello elettorale tra Forza Nuova di Fiore e Razza del Nord di Borghezio che rinuncia alla secessione, il candidato è Fiore :
    - Mutuo Sociale
    - Blocco delle frontiere
    - Uscita dall'Unione Europea
    - Nazionalizzazione di tutte le banche
    - Abbattimento delle Moschee e dei quartieri islamici con conseguente rimpatrio delle comunità musulmane

    FRONTE POPOLARE PER IL COMUNISMO


    Rizzo uscito dal Pdci riesce nell'impresa di coagulare tutti i partiti a sinistra di Rifondazione (Comunisti-Sinistra Popolare, Rete dei Comunisti, Partito di Alternativa Comunista,Sinistra critica,Partito comunista dei lavoratori) in un cartello elettorale unitario, il programma della lista è :
    -Nazionalizzazione delle banche
    -Nazionalizzazione della Fiat
    -Ritiro da tutti i fronti di guerra
    -Abolizione della legge 30 e posto fisso per legge
    -Scioglimento forzato di Confindustria
    Ultima modifica di SteCompagno; 29-06-11 alle 15:37
    VOTA NO AL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE
    UN NO COSTITUENTE PER LA DEMOCRAZIA CONTRO L'AUSTERITA'
    http://www.sinistraitaliana.si/ - http://www.noidiciamono.it/

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    .
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Località
    Parma
    Messaggi
    2,995
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: 2011, ad un passo dal default si scombina il quadro politico

    Indeciso fra Futuro e Valori,Azione Riformista e Solidarietà e Progresso...ma una bella lista unica no eh? :sofico:
    Senatore Imperiale,Patrizio dell’Impero,Duca Duce di Parmula,Placentula et Guastallula,Sovrintendente agli ‘Mperial vitigni di Sangiovese,Vicecomandante del FICA.

  3. #3
    Seguace di Eraclito
    Data Registrazione
    29 Sep 2006
    Località
    Portici (NA)
    Messaggi
    6,395
    Mentioned
    21 Post(s)
    Tagged
    12 Thread(s)

    Predefinito Rif: 2011, ad un passo dal default si scombina il quadro politico

    Sarei fortemente indeciso tra PD ed Azione Riformista.
    "Ma questo lungo termine è una guida fallace per gli affari correnti: nel lungo termine siamo tutti morti" (J.M. Keynes)
    "Qualcuno vivo che se lo prende nel culo però c'è sempre!" (Cabra)

  4. #4
    Visitors Addicted
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Località
    We are everywhere
    Messaggi
    30,396
    Mentioned
    56 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Rif: 2011, ad un passo dal default si scombina il quadro politico

    Certo Ste che lo fai apposta...

    ho votato fronte popolare per il comunismo

  5. #5
    Anti-liberista
    Data Registrazione
    12 Apr 2010
    Località
    Abruzzo
    Messaggi
    22,800
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: 2011, ad un passo dal default si scombina il quadro politico

    Cosa ? ncav: dovevi votare il mitico schieramento Sel+Fds+Psi !!!
    VOTA NO AL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE
    UN NO COSTITUENTE PER LA DEMOCRAZIA CONTRO L'AUSTERITA'
    http://www.sinistraitaliana.si/ - http://www.noidiciamono.it/

  6. #6
    Francpolitik
    Data Registrazione
    05 Jul 2010
    Località
    Pescara
    Messaggi
    6,171
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Rif: 2011, ad un passo dal default si scombina il quadro politico

    Roba da pazzi, Bersani è impazzito Voto SEL, naturalmente
    L'uomo è nato libero ma ovunque è in catene

  7. #7
    Missiroli Presidente
    Data Registrazione
    01 May 2009
    Località
    Lost Island
    Messaggi
    36,026
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: 2011, ad un passo dal default si scombina il quadro politico

    Azione Riformista
    Figliolo, lei è un asino...
    (D.Pastorelli, cit.)


  8. #8
    Pasdar
    Data Registrazione
    25 Sep 2004
    Località
    Padova
    Messaggi
    46,770
    Mentioned
    106 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Rif: 2011, ad un passo dal default si scombina il quadro politico

    Cavolo, una vera apocalisse politica :sofico:
    Che peccato che Area Nazionale e La Destra-Fiamma si accodino al resto di Verso la Libertà.
    Cavolo, mai una volta che l'Area si presenti unita! :sofico:
    Forza Nuova - Razza del Nord, almeno fino a quando è legale :sofico:

    P.S. Riforme&Sviluppo è il MALE.
    Ultima modifica di Defender; 29-06-11 alle 21:23
    «Non ti fidar di me se il cuor ti manca».

    Identità; Comunità; Partecipazione.

  9. #9
    Missiroli Presidente
    Data Registrazione
    01 May 2009
    Località
    Lost Island
    Messaggi
    36,026
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: 2011, ad un passo dal default si scombina il quadro politico

    Citazione Originariamente Scritto da Defender Visualizza Messaggio

    P.S. Riforme&Sviluppo è il MALE.
    Figliolo, vieni con noi, scegli il lato oscuro... hefico:
    Figliolo, lei è un asino...
    (D.Pastorelli, cit.)


  10. #10
    .
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Località
    Parma
    Messaggi
    2,995
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: 2011, ad un passo dal default si scombina il quadro politico

    Ste,mi puoi dare maggiori informazioni su Futuro e Valori,Azione Riformista e Solidarietà e Progresso? Diciamo posizioni etiche,sfumature varie ecc.
    Senatore Imperiale,Patrizio dell’Impero,Duca Duce di Parmula,Placentula et Guastallula,Sovrintendente agli ‘Mperial vitigni di Sangiovese,Vicecomandante del FICA.

 

 
Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 13-03-12, 12:52
  2. Grecia a un passo dal default
    Di Enri nel forum Politica Europea
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 15-01-12, 16:09
  3. Gli USA a un passo dal Default
    Di Italiano nel forum Economia e Finanza
    Risposte: 174
    Ultimo Messaggio: 01-08-11, 16:03
  4. Il Quadro Politico Di PIR
    Di occidentale nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 89
    Ultimo Messaggio: 18-10-10, 13:47
  5. Quadro Politico Polliano
    Di Monsieur nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 33
    Ultimo Messaggio: 19-10-07, 13:43

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226