User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Bevar Christiania
    Data Registrazione
    08 Apr 2009
    Località
    Ελευσίνα
    Messaggi
    17,342
    Mentioned
    29 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito ma cosa fanno / hanno in programma di fare i radicali?

    salve sono un toscano che ha votato radicale alle ultime elezioni... io credo che i radicali debbano tornare in piazza a raccogliere firme, come fecero a suo tempo x aborto, divorzio e depenalizzazione del consumo di droghe... oggi più che mai x sollevare l'italia dalla condizione di bigottismo, ignoranza, clericalismo, passatismo, proibizionismo, è tempo di organizzare raccolte di firme x indire referendum su temi quali matrimoni omosessuali, adozioni gay, legalizzazione di tutte le sostanze psicoattive o almeno non criminalizzazione per l'uso personale, eutanasia ecc... con la sinistra non si va da nessuna parte, essendo la sinistra italiana proibizionista come la destra... un partito radicale degno di nome deve avere al primo posto nella propria agenda la lotta per l'affermazione delle libertà individuali senza se e senza ma... ora io mi chiedo, i radicali sono più interessati alla politica di palazzo e alle poltrone, o si può auspicare un ritorno all'attivismo dal basso?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    100% Radicale
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    3,866
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: ma cosa fanno / hanno in programma di fare i radicali?

    si vedrà a chianciano
    personalmente sono d'accordissimo con te e sono convinto rilanceremo presto il movimentismo
    mentre i temi che citi non li abbiamo mai abbandonati e non lo faremo mai
    le firme per strada le stiamo raccogliendo
    nel lazio
    http://forum.politicainrete.net/radi...to-nathan.html

  3. #3
    Forumista
    Data Registrazione
    21 May 2009
    Messaggi
    167
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: ma cosa fanno / hanno in programma di fare i radicali?

    Home » blog » Blog di Marco Cappato
    Welfare, Europa, Ambiente: la stagione degli obiettivi, da Chianciano per un partito aperto e democratico
    16 Giugno, 2009 - 08:26
    La crisi economica ha messo a nudo l’incapacità dei socialisti europei di riformare due strumenti fondamentali: il welfare e l’integrazione europea. La rendita di posizione dei socialisti come difensori dello Stato sociale e della UE si è consumata nella difesa conservatrice di un modello di welfare iniquo e inadeguato e di una Europa dove una fragile burocrazia accompagna l’involuzione del sogno di Patria europea nella realizzazione di un’Europa delle Patrie.

    Per rispondere alla crisi fuori da tentazioni neo-stataliste e neo-nazionaliste è necessario creare un welfare davvero “universale”, contro la povertà e per il lavoro: reddito di cittadinanza, sussidio di disoccupazione, aumento delle pensioni minime e di vecchiaia, potenziamento dell’assistenza a malati e disabili anche in forme autogestite. Le risorse necessarie non si trovano soltanto con la pur doverosa lotta all’evasione, né vanno cercate in controproducenti inasprimenti fiscali nei confronti di chi le tasse le paga già. L’innalzamento dell’età pensionabile nonché l’equiparazione dell’età donne-uomini sono passaggi ineludibili. Altrettanto lo è l’abbandono di meccanismi assistenzialistici come la cassa integrazione straordinaria e i finanziamenti a pioggia, in modo da liberare risorse per investimenti sulla formazione professionale e riqualificazione al lavoro.
    Sul lato del sistema produttivo, urge una conversione al servizio della qualità –ambientale, sociale, di appagamento individuale- di un sistema economico-produttivo troppo basato sull’accaparramento di beni comuni e sull’imperativo della crescita produttivista e consumista. In Italia servono investimenti per recuperare i ritardi del nostro Paese sul versante delle fonti energetiche rinnovabili, invece di fare l’ultima ruota del carro nucleare, per una transizione accelerata verso il trasporto pubblico con investimenti in particolare sulle tratte brevi, sulla rotaia e sul mezzi di trasporto condivisi, per un sistema che incentivi i consumi di prossimità. Un grande “piano –casa” sarebbe funzionale a questo progetto se fosse centrato non sull’aggravamento della cementificazione selvaggia in atto, ma, come propone Aldo Loris Rossi, sulla rottamazione dell’edilizia post-bellica non di qualità e non antisismica, per la creazione di eco-città sviluppate con nuove tecnologie e nuovi materiali, autonome sul piano energetico e dello smaltimento rifiuti.

    Il volano europeo delle riforme economiche avrebbe bisogno di un coordinamento della fiscalità, come proposto da Monti, almeno tanto quanto basta per evitare l’erosione fiscale e il dumping sociale, senza compromettere le conquiste del mercato interno e rafforzando il rigoroso rispetto della concorrenza contro monopoli e aiuti di Stato. Una Patria europea non burocratica, capace di dare risposte di governo sull’economia, la politica estera e di difesa, può nascere se si supera l’illusione della sovranità assoluta degli Stati nazionali. Ciò significa anche un’Europa proiettata sul Mediterraneo, che apre le porte alla Turchia, a Israele, al Marocco, e che sostiene i processi di democratizzazione, in particolare in Africa; un’Europa pronta a portare lì investimenti e aiuti allo sviluppo, rendendo finalmente governabile la questione immigrazione in altro modo rispetto alla alleanza, da D’Alema definita “strategica”, con dittatori alla Gheddafi.

    Ragionare degli obiettivi della politica italiana ed europea nel lungo periodo non esime dal confrontarsi con le manovre nella partitocrazia italiana. Noi della “galassia Radicale” siamo attenti a quello che accade, ma con due punti fermi: il primo, è l’obiettivo di creare l’alternativa a un regime non-democratico, del quale l’opposizione ha finora fatto parte a pieno titolo; il secondo, è la necessità di muoverci attraverso soggetti politici davvero “aperti” e democratici.
    In particolare, se anche il risultato elettorale europeo della Lista Bonino-Pannella esprime un dato di “resistenza” rispetto a un gioco elettorale che abbiamo da subito denunciato come truccato, rimane l’urgenza di aggregare altri sull’obiettivo di una riforma “americana” delle istituzioni come passaggio fondamentale per la liberazione dal Sessantennio di questo regime. Proprio per questo, abbiamo impiegato i primi quindici giorni di campagna elettorale per documentare la cancellazione della Costituzione e dello Stato di diritto in Italia, ad opera dei protagonisti della Prima repubblica, dei quali Berlusconi è erede e continuatore.
    Per quanto riguarda i rapporti con altri partiti, l’obiettivo di dare vita a forze politiche “a vocazione maggioritaria” era nostro già ai tempi della Lista Pannella “per il Partito democratico” (inizio anni ’90) e della Rosa nel Pugno, laica, socialista, liberale e radicale. Il progetto non è cambiato. Ma la questione delle regole è dirimente. Non solo quelle esterne (sistema maggioritario, uninominale a turno unico, sul modello anglosassone), ma anche interne: negli Statuti radicali non esistono espulsioni e probiviri. Per questo non abbiamo prodotto scissioni, ma lotte politiche e riforme. Abbiamo pubblicato i bilanci e ogni momento della nostra vita interna e democratica. Per questo non abbiamo prodotto corruzione e finanziamenti illeciti. A Chianciano, dal 26 al 28 giugno, ripartiamo da qui. Dalla proposta che avevamo fatto a tutti i partecipanti di un anno fa: abolire dai loro statuti il divieto alla “libertà di associazione”, alla doppia tessera. Solo così il confronto politico può lasciarsi alle spalle la stagione delle scissioni e delle annessioni e aprire la stagione degli obiettivi e degli strumenti necessari per raggiungerli.

    (pubblicato dal quotidiano Europa)

    Penso sia molto interessante...

  4. #4
    ********** ***** Radicali
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    http://www.radicali.it/
    Messaggi
    5,427
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: ma cosa fanno / hanno in programma di fare i radicali?

    Citazione Originariamente Scritto da angelo Visualizza Messaggio
    Home » blog » Blog di Marco Cappato
    Welfare, Europa, Ambiente: la stagione degli obiettivi, da Chianciano per un partito aperto e democratico
    16 Giugno, 2009 - 08:26
    La crisi economica ha messo a nudo l’incapacità dei socialisti europei di riformare due strumenti fondamentali: il welfare e l’integrazione europea. La rendita di posizione dei socialisti come difensori dello Stato sociale e della UE si è consumata nella difesa conservatrice di un modello di welfare iniquo e inadeguato e di una Europa dove una fragile burocrazia accompagna l’involuzione del sogno di Patria europea nella realizzazione di un’Europa delle Patrie.

    Per rispondere alla crisi fuori da tentazioni neo-stataliste e neo-nazionaliste è necessario creare un welfare davvero “universale”, contro la povertà e per il lavoro: reddito di cittadinanza, sussidio di disoccupazione, aumento delle pensioni minime e di vecchiaia, potenziamento dell’assistenza a malati e disabili anche in forme autogestite. Le risorse necessarie non si trovano soltanto con la pur doverosa lotta all’evasione, né vanno cercate in controproducenti inasprimenti fiscali nei confronti di chi le tasse le paga già. L’innalzamento dell’età pensionabile nonché l’equiparazione dell’età donne-uomini sono passaggi ineludibili. Altrettanto lo è l’abbandono di meccanismi assistenzialistici come la cassa integrazione straordinaria e i finanziamenti a pioggia, in modo da liberare risorse per investimenti sulla formazione professionale e riqualificazione al lavoro.
    Sul lato del sistema produttivo, urge una conversione al servizio della qualità –ambientale, sociale, di appagamento individuale- di un sistema economico-produttivo troppo basato sull’accaparramento di beni comuni e sull’imperativo della crescita produttivista e consumista. In Italia servono investimenti per recuperare i ritardi del nostro Paese sul versante delle fonti energetiche rinnovabili, invece di fare l’ultima ruota del carro nucleare, per una transizione accelerata verso il trasporto pubblico con investimenti in particolare sulle tratte brevi, sulla rotaia e sul mezzi di trasporto condivisi, per un sistema che incentivi i consumi di prossimità. Un grande “piano –casa” sarebbe funzionale a questo progetto se fosse centrato non sull’aggravamento della cementificazione selvaggia in atto, ma, come propone Aldo Loris Rossi, sulla rottamazione dell’edilizia post-bellica non di qualità e non antisismica, per la creazione di eco-città sviluppate con nuove tecnologie e nuovi materiali, autonome sul piano energetico e dello smaltimento rifiuti.

    Il volano europeo delle riforme economiche avrebbe bisogno di un coordinamento della fiscalità, come proposto da Monti, almeno tanto quanto basta per evitare l’erosione fiscale e il dumping sociale, senza compromettere le conquiste del mercato interno e rafforzando il rigoroso rispetto della concorrenza contro monopoli e aiuti di Stato. Una Patria europea non burocratica, capace di dare risposte di governo sull’economia, la politica estera e di difesa, può nascere se si supera l’illusione della sovranità assoluta degli Stati nazionali. Ciò significa anche un’Europa proiettata sul Mediterraneo, che apre le porte alla Turchia, a Israele, al Marocco, e che sostiene i processi di democratizzazione, in particolare in Africa; un’Europa pronta a portare lì investimenti e aiuti allo sviluppo, rendendo finalmente governabile la questione immigrazione in altro modo rispetto alla alleanza, da D’Alema definita “strategica”, con dittatori alla Gheddafi.

    Ragionare degli obiettivi della politica italiana ed europea nel lungo periodo non esime dal confrontarsi con le manovre nella partitocrazia italiana. Noi della “galassia Radicale” siamo attenti a quello che accade, ma con due punti fermi: il primo, è l’obiettivo di creare l’alternativa a un regime non-democratico, del quale l’opposizione ha finora fatto parte a pieno titolo; il secondo, è la necessità di muoverci attraverso soggetti politici davvero “aperti” e democratici.
    In particolare, se anche il risultato elettorale europeo della Lista Bonino-Pannella esprime un dato di “resistenza” rispetto a un gioco elettorale che abbiamo da subito denunciato come truccato, rimane l’urgenza di aggregare altri sull’obiettivo di una riforma “americana” delle istituzioni come passaggio fondamentale per la liberazione dal Sessantennio di questo regime. Proprio per questo, abbiamo impiegato i primi quindici giorni di campagna elettorale per documentare la cancellazione della Costituzione e dello Stato di diritto in Italia, ad opera dei protagonisti della Prima repubblica, dei quali Berlusconi è erede e continuatore.
    Per quanto riguarda i rapporti con altri partiti, l’obiettivo di dare vita a forze politiche “a vocazione maggioritaria” era nostro già ai tempi della Lista Pannella “per il Partito democratico” (inizio anni ’90) e della Rosa nel Pugno, laica, socialista, liberale e radicale. Il progetto non è cambiato. Ma la questione delle regole è dirimente. Non solo quelle esterne (sistema maggioritario, uninominale a turno unico, sul modello anglosassone), ma anche interne: negli Statuti radicali non esistono espulsioni e probiviri. Per questo non abbiamo prodotto scissioni, ma lotte politiche e riforme. Abbiamo pubblicato i bilanci e ogni momento della nostra vita interna e democratica. Per questo non abbiamo prodotto corruzione e finanziamenti illeciti. A Chianciano, dal 26 al 28 giugno, ripartiamo da qui. Dalla proposta che avevamo fatto a tutti i partecipanti di un anno fa: abolire dai loro statuti il divieto alla “libertà di associazione”, alla doppia tessera. Solo così il confronto politico può lasciarsi alle spalle la stagione delle scissioni e delle annessioni e aprire la stagione degli obiettivi e degli strumenti necessari per raggiungerli.

    (pubblicato dal quotidiano Europa)

    Penso sia molto interessante...
    Certo Angelo e benvenuto sul forum. hefico: Cappato anticipa alcuni importanti temi del congresso di Chianciano e conferma col suo articolo che i Radicali sono oggi la forza politica più attenta ai veri problemi dell'economia.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 28-01-14, 12:01
  2. ... e IDV e radicali fanno fare un'altra figuraccia a Veltroni
    Di italoconservatore nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 15-04-08, 19:53
  3. Scusate ma i Radicali??? Che fanno??
    Di lokimjup nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 17-02-08, 18:32
  4. Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 27-11-07, 09:17
  5. Cosa dovrebbero fare i Radicali?
    Di Enrico1987 nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 11-02-05, 22:39

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226