User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 32
  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    18 Apr 2009
    Località
    Milan
    Messaggi
    10,522
    Inserzioni Blog
    10
    Mentioned
    44 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs down Mondadori, ecco come Berlusconi potrebbe evitare il risarcimento

    Mondadori, ecco come Berlusconi potrebbe evitare il risarcimento





    L’unica strada per Fininvest è chiedere al tribunale di congelare il pagamento di 560 milioni per scongiurare un "danno irreparabile". Come è avvenuto dopo la sentenza di primo grado. Il caso Lodo Mondadori scoraggia gli investitori stranieri. Il gruppo dell'Ingegnere pronto al balzo in Borsa




    Chi pensa che la pallina della roulette della giustizia italiana nel caso del Lodo Mondadori si sia fermata l’altro ieri si sbaglia: vent’anni non bastano ancora, la parola finale dovrà essere pronunciata dalla Cassazione.


    Nel frattempo la «speranza» di Fininvest per evitare un clamoroso via vai di assegni per cifre iperboliche, risiede nello stesso tribunale che ha appena emesso la condanna e che può, a sua discrezione, concedere la sospensione dell’esecutività della sentenza dietro concessione di adeguata cauzione, esattamente come accaduto in primo grado.


    Logica vorrebbe che gli stessi motivi che hanno condotto il tribunale a congelare il pagamento dopo la prima sentenza debbano essere alla base di un nuovo rinvio, infatti un esborso in contanti di tale entità, anche se la cifra fosse nelle disponibilità del «provvisoriamente condannato», potrebbe produrre danni irreparabili.


    Tuttavia, spesso, la logica non basta.

    Astraendosi dalla politica e provando a ignorare i nomi dei protagonisti di questa vicenda, possiamo però capire perché moltissime imprese internazionali non si sognino neppure di investire nello Stivale.


    Freddamente considerando le cose, abbiamo un’azienda Alfa, costretta a pagare un risarcimento a Beta per una questione avvenuta vent’anni fa (primo paradosso: la prescrizione esiste anche nel civile, se da domani dovessimo scoprire che la nostra azienda è a rischio citazione per fatti del novanta staremmo freschi), presumendo una colpevolezza penale mai dimostrata in tribunale (secondo paradosso: né la società Alfa né il suo proprietario Tizio sono mai stati nemmeno processati con dibattimento per i fatti in questione), prevedendo un danno superiore al valore totale dell’azienda «incriminata» (terzo paradosso: i titoli degli «editoriali» sono crollati negli anni, un risarcimento di questo tipo è come stabilire, per non aver avuto la possibilità in passato di comprare a prezzo pieno una villetta sul mare a Fukushima, un prezzo maggiore di quello dell’intera casa).

    Il bello (o il brutto), però, è che non finisce qui: capita, infatti, che la sentenza di primo grado sia stata decisa per un ammontare di oltre settecento milioni di euro, una cifra che non lascerebbe indifferente nemmeno la Microsoft, «ad occhio» da un magistrato privo di alcuna specifica competenza in complesse questioni economiche e che, anche agli occhi benevoli della Corte di Appello, scopriamo che ha «sbagliato» di circa duecento milioni. Un’enormità.

    Capita anche una sentenza che, in pratica, afferma che in un collegio di tre, due sono burattini (e sarebbe interessante a questo punto sapere se la cosa vale sempre e anche in quest’ultima decisione abbiamo un protagonista e due cloni).


    Altre sono le stranezze, ma è probabile che il nostro investitore estero abbia già a questo punto chiuso il faldone Italia e abbia iniziato ad aprirne un altro scuotendo la testa. Fin qui le criticità «oggettive».


    Inutile, comunque, ora entrare nel merito della questione Fininvest-Cir, tuttavia questi paradossi possono ispirare correttivi da inserirsi nella riforma della Giustizia colpevolmente sempre rimandata dal centrodestra.


    Primo: responsabilità civile dei magistrati. Solo il costo della fidejussione a garanzia dei duecento milioni di «errore» del giudice di primo grado (ipotizzata in un conveniente 1% all’anno) vale circa quattro milioni.

    Dato che se non è negligenza grave stabilire cifre del genere senza perizia niente lo è (equivale ad operare a cuore aperto senza esami precedenti), senza la certezza dell’impunità forse si vedrebbero meno sentenze «ad occhio», stante il rischio di dover sborsare di tasca propria qualche milione.


    Secondo: stabilire l’inappellabilità delle sentenze di assoluzione come accade nella maggior parte del mondo civile.

    Il giudice Vittorio Metta era stato in precedenza assolto da un tribunale; come si possano derivare certezze postume da vicende, con prove tanto evanescenti da meritarsi assoluzioni piene in diversi gradi del procedimento, non è dato sapere.


    Negli Stati Uniti questa telenovela non sarebbe neppure nata proprio per questo motivo. Negli Usa, dove gli investimenti fioccano, però la pallina gira solo nelle roulette di Las Vegas.


    Qui da noi, invece, la ruota del caso gira anche nei tribunali, magari per vent’anni.


    ....



    ncav:ncav:
    ________________________________


    Impossibilia nemo tenetur

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    13,321
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Mondadori, ecco come Berlusconi potrebbe evitare il risarcimento

    e come dicono a Roma:

    e nun ce vonno stà!!
    e nun ce vonno stà!!
    e nun ce vonno stà!!
    e nun ce vonno stà!!
    I "sud tirolesi":"Noi non ci sentiamo padani perché abbiamo un patrimonio genetico basato sulla legalità, sulla convivenza, sul rispetto delle diverse tradizioni culturali purché non lesive della libertà altrui..."

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    13,321
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Mondadori, ecco come Berlusconi potrebbe evitare il risarcimento

    PAGARE!!
    I "sud tirolesi":"Noi non ci sentiamo padani perché abbiamo un patrimonio genetico basato sulla legalità, sulla convivenza, sul rispetto delle diverse tradizioni culturali purché non lesive della libertà altrui..."

  4. #4
    Indipendente di Destra
    Data Registrazione
    24 Feb 2011
    Località
    Veneto
    Messaggi
    6,618
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Mondadori, ecco come Berlusconi potrebbe evitare il risarcimento

    Non l'hanno ancora capita: se ne torneranno a casa.
    «La verità è che, se Berlusconi non fosse entrato in politica, se non avesse fondato Forza Italia, noi oggi saremo sotto un ponte o in galera con l'accusa di mafia. Col cavolo che portavamo a casa il proscioglimento nel Lodo Mondadori»

  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    18 Apr 2009
    Località
    Milan
    Messaggi
    10,522
    Inserzioni Blog
    10
    Mentioned
    44 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Cool Rif: Mondadori, ecco come Berlusconi potrebbe evitare il risarcimento

    COMPAGNUCCI TRINARICIUTI!!!








    iaociao:
    Ultima modifica di salvo.gerli; 11-07-11 alle 13:55
    ________________________________


    Impossibilia nemo tenetur

  6. #6
    Clandestino
    Data Registrazione
    07 Jan 2010
    Messaggi
    10,035
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Mondadori, ecco come Berlusconi potrebbe evitare il risarcimento




  7. #7
    Missiroli Presidente
    Data Registrazione
    01 May 2009
    Località
    Lost Island
    Messaggi
    36,026
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Mondadori, ecco come Berlusconi potrebbe evitare il risarcimento

    La scappatoia non regge.
    Mano alla tela... :sofico:
    Figliolo, lei è un asino...
    (D.Pastorelli, cit.)


  8. #8
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    18 Apr 2009
    Località
    Milan
    Messaggi
    10,522
    Inserzioni Blog
    10
    Mentioned
    44 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs down Rif: Mondadori, ecco come Berlusconi potrebbe evitare il risarcimento

    Il vero De Benedetti: storia di un cannibale che divora le aziende


    Nella sua carriera di imprenditore c’è solo la distruzione di società e posti di lavoro, a cominciare dall’Olivetti




    Suo padre produceva tubi, lui non ha mai prodotto un tubo. La storia del «capitalismo cannibale» di Carlo De Debenedetti, come l’ha definito Marina Berlusconi, è tutta qui:

    un’esistenza passata a fare soldi per fare soldi per fare soldi per non fare nulla. Nulla di costruttivo, s’intende. Aziende costruite: nessuna. Aziende rilanciate: poche. Aziende distrutte: tante.

    Dicono che gli imprenditori sono la spina dorsale di un Paese. Per fortuna, allora, che gli imprenditori non sono tutti come l’Ingegnere: altrimenti diventeremmo in un amen paralitici.

    Il suo capolavoro resta naturalmente l’Olivetti. Fra il 1985 e il 1996 l’Ingegnere ha bruciato a Ivrea 15.664 miliardi delle vecchie lire. Le azioni crollarono da 21mila all’abisso delle 600, furono persi decine di migliaia di posti di lavoro, l’intero distretto produttivo del Canavese venne raso al suolo, seppellita per sempre una storia industriale d’eccellenza. Alla fine dell’impresa De Benedetti commentò piuttosto compiaciuto: «Missione compiuta». Missione compiuta, ma sicuro. Gli operai lo salutarono con una pièce teatrale. Tema: come si fa a pezzi una fabbrica. In scena l’avevano ribattezzato l’Ingegner De Maledetti.

    Eppure all’Ingegner De Maledetti, nonostante i fallimenti, è sempre piaciuto dare lezioni sul senso etico dell’impresa e sulla lotta alla disoccupazione.

    Che è un po’ come se un macellaio volesse dare lezioni sull’importanza di non uccidere i vitelli.

    Di disoccupati, infatti, De Benedetti, ne ha sempre creati tanti, di lotta alla disoccupazione poca: nato da una famiglia di piccoli imprenditori, ha fin dalla tenera età preferito il coté finanziario a quello produttivo. Mai amato stare fra le macchine, al massimo fra le macchinazioni: scalate, opa, ardite operazioni di Borsa, alchimie da Piazza Affari.

    Risultato: ha fatto girare molti denari, s’è arricchito, ha fagocitato tanto. Ma che cosa ha costruito?

    Gli unici mattoni che lascia alle sue spalle sono gli editoriali di Scalfari.

    Anche il suo rapporto con le società è sempre stato da cannibale. Quattro morsi e via. Dalla Fiat se ne andò dopo 4 mesi, dal Banco Ambrosiano dopo 40 giorni.


    In entrambi i casi se ne uscì con tanti soldi e qualche ombra.


    Della Olivetti s’è detto. La sua irruzione a Ivrea fu raccontata così: «Un esempio di mancanza di stile che rimarrà memorabile, con l’ondata di terrore aziendale che ne seguì, dissipando repentinamente il patrimonio di lealtà organizzativa costruito in decenni. E ciò avvenne con una rapidità impressionante dopo il licenziamento di decine di dirigenti».

    Del resto s’è mai visto un raider che si preoccupa della lealtà organizzativa e del futuro dei suoi dirigenti?

    Fateci caso: si sa cosa produce la Fiat, si sa cosa produce la Barilla.

    Che cosa ha prodotto nella sua storia imprenditoriale De Benedetti?

    Tonnellate di carta (finanziaria). E tonnellate di carta (editoriale) per coprire le carte finanziarie.

    Ricorderete il 28 marzo ’94: l’ultimo atto del presidente del Consiglio Ciampi, prima di passare la mano a Berlusconi, fu la decisione per il secondo operatore di telefonia mobile italiano. In gara c’erano Fiat-Fininvest e De Benedetti. Naturalmente vinse De Benedetti.

    «Così come i generali nazisti, con gli americani alle porte, fuggivano bruciando le ultime carte», ha scritto Geronimo, «quella sera il moribondo governo Ciampi fece nascere Omnitel»


    Fra l’altro, la documentazione per la gara d’appalto era un malloppo da 1.200 chili, esaminato con insolita e straordinaria rapidità.

    «Ora l’Ingegnere mostri quello che sa fare», scrissero i giornali.

    E l’Ingegnere lo dimostrò: infatti poco dopo rivendette Omnitel ai tedeschi della Mannesmann.


    Ancora una volta un’operazione perfetta per sé, un po’ meno per il «sistema Paese» di cui si riempie la bocca nei convegni ufficiali. Il prezzo concordato fra Ciampi e De Benedetti per Omnitel fu di 750 miliardi di lire e il pagamento fu rateizzato in 14 anni con rate annuali di 76 miliardi. Ai tedeschi la medesima Omnitel fu venduta invece per 14mila miliardi. Naturalmente senza rateizzazione. Da 750 a 14mila miliardi: il guadagno val bene la svendita all’estero di un patrimonio italiano.


    Del resto non si può mica chiedere a De Benedetti di amare l’Italia.

    Al massimo, lui ama la Svizzera, dove infatti ha preso cittadinanza. Dopo tutti i buchi che ha fatto, evidentemente, si è trovato a suo agio con l’emmenthal.

    Per finire, anche una delle sue ultime imprese, la M&C Management e Capitali, non ha tradito tutta la storia del capitalismo cannibale di De Benedetti.

    Fondata nel 2006, aveva il compito di risanare le imprese in difficoltà.

    La prima impresa in difficoltà che rilevò fu la Domopak: infatti, appena rilevata, l’Ingegnere annunciò il taglio di 190 operai. Scioperi, proteste, blocchi dell’autostrada.

    Poi di M&C non si seppe più nulla sul piano industriale.

    Nessuna impresa salvata.

    In compenso se ne è parlato moltissimo sul piano finanziario: un susseguirsi di operazioni in Borsa, scalate, opa, accordi, annunci di vendita, riacquisti, rilanci a Piazza Affari. Un tourbillon che, come al solito, nulla ha creato, al massimo ha distrutto. O incartato tutti, come con la Domopak.

    Ma in fondo che importa?

    È noto che il capitalista cannibale non si preoccupa di lasciare nulla dietro di sé. A parte la scia della propria barca, s’intende.


    ...


    iango:iango:

    ncav:
    ________________________________


    Impossibilia nemo tenetur

  9. #9
    17N
    17N è offline
    M, ti va?
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Località
    Κυψέλη-Αθήνα99-Ελλάς
    Messaggi
    9,406
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Mondadori, ecco come Berlusconi potrebbe evitare il risarcimento

    PAGARE E SORRIDERE

    ostridicolo:ostridicolo:ostridicolo:
    Ultima modifica di 17N; 11-07-11 alle 14:18
    "Non ho dubbi che anche questo forum sia pieno di poliziotti infiltrati costretti da qualche magistrato comunista a prendere nota di tutti quelli che parlano bene di Silvio." by noto forumista 100% certificato :sofico:

  10. #10
    Forumista senior
    Data Registrazione
    16 Jun 2011
    Messaggi
    1,375
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Mondadori, ecco come Berlusconi potrebbe evitare il risarcimento

    interessante adesso usi anche il verde,mmmm di speranze però c'è ne sono poche,pagare e tacere

 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Norvegia, Breivik infermo di mente, potrebbe evitare carcere
    Di Lawrence d'Arabia nel forum Politica Estera
    Risposte: 49
    Ultimo Messaggio: 02-12-11, 06:22
  2. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 25-09-10, 01:23
  3. Lodo Mondadori. Il risarcimento alla Cir [3d uniti]
    Di King Z. nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1178
    Ultimo Messaggio: 16-03-10, 20:03
  4. Lodo Mondadori: risarcimento sospeso!
    Di mustang nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 01-12-09, 21:08
  5. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 01-12-09, 15:35

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226