User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 Sep 2006
    Messaggi
    17,551
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Camorra, sotto inchiesta il presidente della Provincia di Napoli Cesaro

    Camorra, sotto inchiesta il presidente
    della Provincia di Napoli Cesaro
    L'esponente Pdl: chiarirò tutto. Indagini su affare immobiliare
    da 50 milioni e su presunti rapporti con il clan Bidognetti
    vota su OKNotizie Aggiungi a Linkedin Delicious

    [Aumenta la dimensione del testo] [Diminuisci la dimensione del testo] [Commenti] RSS
    Luigi Cesaro
    di Rosaria Capacchione

    NAPOLI - Il dettaglio è contenuto in un verbale d’interrogatorio, in una ventina delle oltre trecento pagine nelle quali Michele Santonastaso - penalista accusato di associazione camorristica e detenuto da dieci mesi - difende se stesso e rilancia. Parla della sua carriera di avvocato borderline, di colleghi già indagati e di altri estranei a qualsiasi inchiesta giudiziaria.

    Soprattutto, ricostruisce l’antefatto del primo, timido e subito abortito, avvio di pentimento di Luigi Guida, camorrista della Sanità che Francesco Bidognetti da Casal di Principe aveva cooptato nel suo clan fino a farlo diventare reggente. Antefatto che porta la data dell’autunno del 2006 ma che proietta un’ombra lunga su indagini ancora in corso e su una prevedibile bufera giudiziaria che potrebbe toccare amministratori comunali (dell’agro aversano) e il presidente della Provincia di Napoli, sul quale già pesa il coinvolgimento, sia pure indiretto, nelle vicende politiche e criminali di Quarto collegate alle attività del clan Polverino.

    Luigi Cesaro, infatti, insieme agli altri, è coinvolto in un’inchiesta della Dda di Napoli ed è iscritto nel registro degli indagati per reati di camorra. Inchiesta che, a giudicare dalla pubblica discovery di alcuni atti, sarebbe la sintesi di quanto raccolto dagli investigatori che indagano sui Casalesi, sui Polverino e sui clan di Sant’Antimo e Aversa e che sarebbe ormai arrivata alle battute finali. Il verbale dell’interrogatorio dell’avvocato Santonastaso porta la data del 25 marzo 2011.

    È stato depositato in forma integrale nel processo a carico di Carmine D’Aniello, penalista arrestato nella primavera dello scorso anno per associazione camorristica, con l’accusa di aver abusato del suo mandato per favorire il boss casalese Francesco Bidognetti. Questa mattina Michele Santonastaso comparirà in aula (I sezione penale, presidente Raffaello Magi), a Santa Maria Capua Vetere, nella veste di testimone citato dalla difesa del collega. Se risponderà, sarà certamente chiamato a rendere conto di quell’antefatto raccontato ai pm Antonello Ardituro, Francesco Curcio e Alessandro Milita.

    Cioè, della retromarcia di Guida, intenzionato a collaborare già nel 2006 e poi ”convinto” a fare retromarcia, salvo poi tornare sui suoi passi a settembre del 2009, quando ha formalizzato l’ingresso nel programma di protezione. Le dichiarazioni di Luigi Guida, in merito a Cesaro, sono ancora parzialmente segrete. Quelle depositate in altri procedimenti risultano ancora coperte da omissis.

    Non lo sono, invece, quelle del penalista casertano, che ha difeso anche il boss della Sanità. Racconta, Santonastaso, che fuori verbale Guida parlò della vicenda del Pip di Lusciano, degli interessi della famiglia Cesaro nell’affare immobiliare da 50 milioni di euro e delle manovre dei Casalesi (del gruppo Schiavone) ma che si rifiutò di fare i nomi dei politici coinvolti. Nomi che fece successivamente, nei colloqui con il difensore (cioè Santonastaso) e in una lettera che gli aveva inviato dal carcere.

    «Lui aveva coinvolto - ha detto Michele Santonastaso - il Ferraro in questa situazione, Cesaro un altro politico, mi sembra un onorevole ed aveva coinvolto l’amministrazione comunale credo di Lusciano».

    Gli chiedono i pm: chiama in causa Ferraro? Chiama in causa Cesaro? In che senso? E Santonastaso ha spiegato che l’imprenditore Emini (che sarebbe stato il ”naturale” esecutore dei progetti sponsorizzati da Bidognetti) aveva chiamato Guida perché a lui era stata fatta la proposta di realizzare i progetti del Pip e quindi il boss avrebbe dovuto interessarsi per far passare il piano industriale; invece era successo che «erano intervenuti i casalesi, i casalesi nelle persone di altri camorristi, ed avevano fatto una proposta... avevano detto a Guida che questi signori avrebbero aumentato la percentuale rispetto a quella che gli avrebbe dato Emini. I politici avrebbero dato una percentuale maggiore, per cui lui non poteva dire di no a questi signori».

    Mercoledì 13 Luglio 2011 - 13:12 Ultimo aggiornamento: 131

    Camorra, sotto inchiesta il presidente della Provincia di Napoli Cesaro - Il Messaggero

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    26,812
    Mentioned
    31 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Rif: Camorra, sotto inchiesta il presidente della Provincia di Napoli Cesaro

    Ma qualcuno l'ha visto in faccia o l'ha sentito parlare? Come può uno così rappresentare un'istituzione?
    Perché l'unico tipo di rapporto che riusciva a concepire era di tipo feudale. Non aveva la minima idea di cosa fosse il cameratismo al quale anelava l'anima. (E. M. Forster)



  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    26,812
    Mentioned
    31 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Rif: Camorra, sotto inchiesta il presidente della Provincia di Napoli Cesaro

    Perché l'unico tipo di rapporto che riusciva a concepire era di tipo feudale. Non aveva la minima idea di cosa fosse il cameratismo al quale anelava l'anima. (E. M. Forster)



  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 Sep 2006
    Messaggi
    17,551
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Camorra, sotto inchiesta il presidente della Provincia di Napoli Cesaro

    Citazione Originariamente Scritto da Monsieur Visualizza Messaggio
    Ma qualcuno l'ha visto in faccia o l'ha sentito parlare? Come può uno così rappresentare un'istituzione?
    Può farlo perché è il braccio destro di Cosentino, su cui pende una richiesta di arresto per camorra, per contati coi Casalesi.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 01-02-12, 20:19
  2. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 13-07-11, 14:03
  3. Il braccio destro di Tremonti sotto inchiesta a Napoli
    Di destradipopolo nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 05-01-11, 06:14
  4. Luigi Cesaro, nuovo pres. provincia di Napoli
    Di diocleziano nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 78
    Ultimo Messaggio: 14-06-09, 16:59
  5. Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 01-12-06, 11:22

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226