User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito chi comanda in Lega ? (art. di L. Facco)

    DOPO L’ARRESTO DI PAPA, CHI COMANDA LA LEGA?Politica
    Primo Piano
    Varie — 21 luglio 2011 — 474 visite A A A


    DI LEONARDO FACCO

    Quella di ieri, in Parlamento, non è stata una giornata qualsiasi. L’ok all’arresto di Alfonso Papa (PDL) alla Camera e il salvataggio di Alberto Tedesco (PD) al Senato rappresentano un segnale forte, che lascerà un segno nel teatrino della politica a partire da oggi. In particolare per via del comportamento dei leghisti.

    Prima di tutto, vorrei proporvi una serie di fatti sui quali provare dare una personalissima interpretazione finale.

    1- La Lega Nord ha votato, a stragrande maggioranza, il sì all’arresto di Papa alla Camera;

    2- La Lega Nord, seppur non compatta, ha votato la salvezza di Tedesco al Senato, come dimostrano i numeri e le stesse dichiarazione del senatore pugliese. Già ai tempi di Craxi votò contro l’autorizzazione a procedere del segretario socialista (come testimoniato e mai smentito nel mio libro “Umberto Magno”);

    3- Berlusconi è arrabbiatissimo con Bossi e sostiene che “non controlla più i suoi”. A ciò si aggiunga che Maroni e Tremonti – durante il voto – si sono seduti sui banchi dei deputati anziché al tavolo del governo;

    4- Il presidente del Consiglio, iratissimo, ha affermato: “Qualcuno dovrebbe chiedere le dimissioni di Maroni”;

    5- Umberto Bossi, ieri, è rimasto a Milano e non ha fatto dichiarazioni per tutta la giornata;

    6- Marco Reguzzoni – ad oggi presidente del Carroccio alla Camera e affiliato della prima ora alla ristretta compagnia del “Cerchio Magico” – ha fotografato la sua mano mentre votava;

    7- La base leghista, all’oscuro degli accordi fra il loro capo e Berlusconi, da tempo scalpita e chiede di allontanarsi dal governo;

    Questi gli ingredienti principali da cui partire per ragionare su quale sarà il futuro del governo, perché è di questo che parlano tutti. E secondo me non cadrà se non lo deciderà il Cavaliere. Ciononostante c’è da domandarsi che ne sarà del rapporto fra Bossi e Berlusconi, dove il primo funge da unico, vero sostenitore della compagine retta da tycoon di Arcore. Così, almeno, è stato sino a ieri pomeriggio prima del voto che ha aperto le porte della galera al signor Papa.

    Quindi, ci sono solo due domande da porsi, che sono le stesse che si stanno facendo molti “politologi”: chi comanda la Lega? Che ne sarà dell’accordo fra Lega e PDL?

    Ho sempre sostenuto, a ragione, che le correnti in Lega sono sempre esistite, ma se un tempo si scontravano fra loro per accreditarsi come “fedelissime” del capo e per far fuori quelli acquisivano troppa visibilità, oggi lo scontro fra “maroniani” e “cerchio magico” apre un capitolo diverso. Per la prima volta, assistiamo al tentativo di fare le scarpe al segretario federale. Maroni (ma più che lui, che è notoriamente riconosciuto come un “senzapalle”, alcuni dei colonnelli che gli gravitano intorno, peraltro molto presenti sul territorio a differenza delle Rosi Mauro) si è convinto che la base sta con lui (ricordate lo striscione di Pontida? Avete mai letto i sondaggi in rete su alcuni siti padanisti non ortodossi?) e, dunque, ora che il capo è un uomo malato e senza più quell’autorità di un tempo che gli permetteva di espellere chiunque in qualsiasi momento, è arrivato il momento di metterlo da parte.

    Un altro segnale dell’affronto al “senatur” arriva dal modo in cui i leghisti del Varesotto stanno trattando il “Trota”, Renzo Bossi: “Renzo questa volta è finito nel mirino dei franchi tiratori per aver presentato solo ora (dopo oltre un anno dalla sua elezione in consiglio regionale) la domanda per ottenere la tessera di militante della Lega Nord. Lo ha fatto in questi giorni nella sezione di Gemonio (Varese), a confermarlo sono gli stessi responsabili locali del partito. “Si, è vero, si è appena iscritto come militante – ha confermato Andrea Tessarolo, responsabile della sezione di Gemonio (paese di residenza del capo, ndr) – ma ha sempre partecipato. Che poi sia socio sostenitore o militante poco importa, probabilmente si è sempre dimenticato”. Così ha scritto Alessandro Madron su “ilfattoquotidiano”.

    Per molto, molto meno l’Umberto Bossi “pre-coccolone” avrebbe commissariato sezioni, cacciato a pedate i militanti, mandato a quel paese deputati del posto e molto altro ancora. E tutti si sarebbero rimessi a cuccia. I tempi, però, son cambiati e benché non avrete sentito una sola dichiarazione dei “maroniani” contro il loro leader (sanno bene che ciò significherebbe soffocare nella culla ogni ambizione), la guerra sottotraccia nei confronti del clan che fa capo alla moglie di Bossi è aperta da un bel po’. E un conto è accettare che Rosi Mauro vada a commissariare regioni marginali come la Toscana o l’Emilia-Romagna, altra cosa è vedersi imporre con la forza come capogruppo alla Camera Reguzzoni, come accaduto un paio di settimane fa (per inciso, quest’ultimo per rimanere in sella sarebbe pronto a cambiare casacca subito, non si spiega diversamente il suo autoscatto durante la votazione di ieri).

    E qui sta il punto, torniamo dunque alla domanda iniziale: chi comanda la Lega?

    La Lega la comanda Umberto Bossi, ma il suo carisma – sino ad oggi utilizzato da quelli del “cerchio magico” per zittire i mugugni ed imporre scelte “familistiche” – è legato a doppio filo con le sue condizioni di salute. Non escludo, nei prossimi giorni, una sua dura presa di posizione nei confronti di taluni galletti padani.

    La salute di Bossi è, paradossalmente, anche la salute della Lega e del governo. Dopo di lui, come ho sostenuto ad ogni incontro pubblico, ci saranno giorni da “lunghi coltelli”. E se i colonnelli han cominciato a darsele ora, provate ad immaginare cosa accadrà quando Bossi se ne sarà andato. Senza dimenticare un particolare non di poco conto: se Berlusconi aprisse il cassetto, ne vedremmo delle belle!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    1,163
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: chi comanda in Lega ? (art. di L. Facco)

    Un articolo riguardante la Lega l'ha scritto pure
    Gilberto Oneto a pag. 8 del quotidiano Libero
    di oggi Sabato 23 luglui 2011, titolo:
    "La Lega ha tre scenari davanti
    ma aspetterà il passo falso del Pdl."

  3. #3
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    51,111
    Mentioned
    55 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: chi comanda in Lega ? (art. di L. Facco)

    Citazione Originariamente Scritto da dime can Visualizza Messaggio

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione
    DOPO L’ARRESTO DI PAPA, CHI COMANDA LA LEGA?Politica
    Primo Piano
    Varie — 21 luglio 2011 — 474 visite A A A


    DI LEONARDO FACCO

    Quella di ieri, in Parlamento, non è stata una giornata qualsiasi. L’ok all’arresto di Alfonso Papa (PDL) alla Camera e il salvataggio di Alberto Tedesco (PD) al Senato rappresentano un segnale forte, che lascerà un segno nel teatrino della politica a partire da oggi. In particolare per via del comportamento dei leghisti.

    Prima di tutto, vorrei proporvi una serie di fatti sui quali provare dare una personalissima interpretazione finale.

    1- La Lega Nord ha votato, a stragrande maggioranza, il sì all’arresto di Papa alla Camera;

    2- La Lega Nord, seppur non compatta, ha votato la salvezza di Tedesco al Senato, come dimostrano i numeri e le stesse dichiarazione del senatore pugliese. Già ai tempi di Craxi votò contro l’autorizzazione a procedere del segretario socialista (come testimoniato e mai smentito nel mio libro “Umberto Magno”);

    3- Berlusconi è arrabbiatissimo con Bossi e sostiene che “non controlla più i suoi”. A ciò si aggiunga che Maroni e Tremonti – durante il voto – si sono seduti sui banchi dei deputati anziché al tavolo del governo;

    4- Il presidente del Consiglio, iratissimo, ha affermato: “Qualcuno dovrebbe chiedere le dimissioni di Maroni”;

    5- Umberto Bossi, ieri, è rimasto a Milano e non ha fatto dichiarazioni per tutta la giornata;

    6- Marco Reguzzoni – ad oggi presidente del Carroccio alla Camera e affiliato della prima ora alla ristretta compagnia del “Cerchio Magico” – ha fotografato la sua mano mentre votava;

    7- La base leghista, all’oscuro degli accordi fra il loro capo e Berlusconi, da tempo scalpita e chiede di allontanarsi dal governo;

    Questi gli ingredienti principali da cui partire per ragionare su quale sarà il futuro del governo, perché è di questo che parlano tutti. E secondo me non cadrà se non lo deciderà il Cavaliere. Ciononostante c’è da domandarsi che ne sarà del rapporto fra Bossi e Berlusconi, dove il primo funge da unico, vero sostenitore della compagine retta da tycoon di Arcore. Così, almeno, è stato sino a ieri pomeriggio prima del voto che ha aperto le porte della galera al signor Papa.

    Quindi, ci sono solo due domande da porsi, che sono le stesse che si stanno facendo molti “politologi”: chi comanda la Lega? Che ne sarà dell’accordo fra Lega e PDL?

    Ho sempre sostenuto, a ragione, che le correnti in Lega sono sempre esistite, ma se un tempo si scontravano fra loro per accreditarsi come “fedelissime” del capo e per far fuori quelli acquisivano troppa visibilità, oggi lo scontro fra “maroniani” e “cerchio magico” apre un capitolo diverso. Per la prima volta, assistiamo al tentativo di fare le scarpe al segretario federale. Maroni (ma più che lui, che è notoriamente riconosciuto come un “senzapalle”, alcuni dei colonnelli che gli gravitano intorno, peraltro molto presenti sul territorio a differenza delle Rosi Mauro) si è convinto che la base sta con lui (ricordate lo striscione di Pontida? Avete mai letto i sondaggi in rete su alcuni siti padanisti non ortodossi?) e, dunque, ora che il capo è un uomo malato e senza più quell’autorità di un tempo che gli permetteva di espellere chiunque in qualsiasi momento, è arrivato il momento di metterlo da parte.

    Un altro segnale dell’affronto al “senatur” arriva dal modo in cui i leghisti del Varesotto stanno trattando il “Trota”, Renzo Bossi: “Renzo questa volta è finito nel mirino dei franchi tiratori per aver presentato solo ora (dopo oltre un anno dalla sua elezione in consiglio regionale) la domanda per ottenere la tessera di militante della Lega Nord. Lo ha fatto in questi giorni nella sezione di Gemonio (Varese), a confermarlo sono gli stessi responsabili locali del partito. “Si, è vero, si è appena iscritto come militante – ha confermato Andrea Tessarolo, responsabile della sezione di Gemonio (paese di residenza del capo, ndr) – ma ha sempre partecipato. Che poi sia socio sostenitore o militante poco importa, probabilmente si è sempre dimenticato”. Così ha scritto Alessandro Madron su “ilfattoquotidiano”.

    Per molto, molto meno l’Umberto Bossi “pre-coccolone” avrebbe commissariato sezioni, cacciato a pedate i militanti, mandato a quel paese deputati del posto e molto altro ancora. E tutti si sarebbero rimessi a cuccia. I tempi, però, son cambiati e benché non avrete sentito una sola dichiarazione dei “maroniani” contro il loro leader (sanno bene che ciò significherebbe soffocare nella culla ogni ambizione), la guerra sottotraccia nei confronti del clan che fa capo alla moglie di Bossi è aperta da un bel po’. E un conto è accettare che Rosi Mauro vada a commissariare regioni marginali come la Toscana o l’Emilia-Romagna, altra cosa è vedersi imporre con la forza come capogruppo alla Camera Reguzzoni, come accaduto un paio di settimane fa (per inciso, quest’ultimo per rimanere in sella sarebbe pronto a cambiare casacca subito, non si spiega diversamente il suo autoscatto durante la votazione di ieri).

    E qui sta il punto, torniamo dunque alla domanda iniziale: chi comanda la Lega?

    La Lega la comanda Umberto Bossi, ma il suo carisma – sino ad oggi utilizzato da quelli del “cerchio magico” per zittire i mugugni ed imporre scelte “familistiche” – è legato a doppio filo con le sue condizioni di salute. Non escludo, nei prossimi giorni, una sua dura presa di posizione nei confronti di taluni galletti padani.

    La salute di Bossi è, paradossalmente, anche la salute della Lega e del governo. Dopo di lui, come ho sostenuto ad ogni incontro pubblico, ci saranno giorni da “lunghi coltelli”. E se i colonnelli han cominciato a darsele ora, provate ad immaginare cosa accadrà quando Bossi se ne sarà andato. Senza dimenticare un particolare non di poco conto: se Berlusconi aprisse il cassetto, ne vedremmo delle belle!
    Aggiungi il link.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: chi comanda in Lega ? (art. di L. Facco)

    In lega come ultimo apice comana chi per primo depositò millenni fa il simbolo a 6 punte.

    Gira e rigira poi sempre tutto si chiarisce.
    O si taglia o il caos

  5. #5
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    51,111
    Mentioned
    55 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: chi comanda in Lega ? (art. di L. Facco)

    Citazione Originariamente Scritto da jotsecondo Visualizza Messaggio

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione
    In lega come ultimo apice comana chi per primo depositò millenni fa il simbolo a 6 punte.

    Gira e rigira poi sempre tutto si chiarisce.
    Qui ti sbagli; il simbolo a sei punte - e due triangoli equilateri interconnessi . non ha nulla a che vedere con il Sole delle Alpi, simbolo solare e portatore del numero 7.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: chi comanda in Lega ? (art. di L. Facco)


  7. #7
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    51,111
    Mentioned
    55 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: chi comanda in Lega ? (art. di L. Facco)

    Citazione Originariamente Scritto da dime can Visualizza Messaggio

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione
    Danke.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226