User Tag List

Visualizza Risultati Sondaggio: Chi voteresti ?

Partecipanti
28. Non puoi votare in questo sondaggio
  • Alleanza del Lavoro - Per il Socialismo

    9 32.14%
  • Partito Cattolico Liberale Italiano

    3 10.71%
  • Blocco Liberale e Democratico per l'Italia

    5 17.86%
  • Partito Nazionale Fascista

    4 14.29%
  • Fascismo Sociale e Repubblicano

    3 10.71%
  • Movimento Libertà - Cittadini Indipendenti

    4 14.29%
  • Non voto /Scheda Bianca

    0 0%
Pagina 1 di 10 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 97
  1. #1
    Anti-liberista
    Data Registrazione
    12 Apr 2010
    Località
    Abruzzo
    Messaggi
    22,800
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito L'Italia non entra in Guerra nel 1940

    1940 - Il fronte francese per i Tedeschi si rivela un fallimento, l'Italia decide quindi di non avventurarsi nella Guerra limitandosi a fornire mezzi, basi e risorse ad Hitler.

    Questo appoggio comporta comunque l'invasione della Sicilia da parte di inglesi e francesi che nel giro di pochi mesi hanno il pieno controllo di tutto il Mediterraneo.

    Mussolini a poche ore dall'occupazione completa dell'isola è costretto ad annunciare la fine di qualsiasi rapporto con la Germania, l'Italia viene governata da un Direttorio composto principalmente da notabili vicini alla Corona, dagli occupanti Inglesi e Francesi e da un ala particolarmente collaborazionista del Partito Nazionale Fascista guidata da Grandi, Mussolini viene emarginato e rimosso dall'incarico di Presidente del Consigio.

    Anche l'Operazione Barbarossa è un disastro, la Guerra termina già nel 1942 senza l'entrata in guerra degli Stati Uniti, l'Unione Sovietica che aveva condotto la sua battaglia in maniera autonoma rispetto a Francia ed Inghilterra ha occupato quasi tutta la Germania e tutto l'Est Europa, questi territori vengono automaticamente annessi all'URSS come repubbliche socialiste dotate di deboli autonomie in più.

    Hitler ottiene l'esilio in Spagna, ultimo baluardo fascista in Europa assieme al Portogallo.

    Quando nel 1945 viene sciolto il Direttorio di Governo Nazionale e le truppe anglo-francesi lasciano l'Italia, il PNF, ricostruendo un rapporto solido con i Savoia che vedono ovviamente come il fumo negli occhi il ritorno degli anti-fascisti e della democrazia che avrebbe potuto significare "repubblica" torna in breve tempo al potere, inizialmente con lo stesso Mussolini che però tiene le redini del governo solo fino alla fine del 1946, poi con la grave crisi economica e con la necessità di un governo forte dal pugno di ferro per la ricostruzione delle città, si opta per l'ex-segretario del PNF, il 57enne Starace che con una forte stretta di regime tenta di risollevare le sorti economiche e sociali del Paese.

    1968 - L'Italia è un paese scarsamente industrializzato con un regime autarchico in forte stagnazione con una economia a pezzi, isolato sul piano internazionale e abbandonato anche dagli "alleati" spagnoli e portoghesi che da un paio di anni hanno iniziato la via delle riforme in senso democratico-pluralistico, il Presidente del Consiglio è Giorgio Almirante.

    Nella germania sovietica inizia un movimento di protesta di giovani, studenti, universitari ed operai che chiede libertà democratiche e riforme di sistema, lo stesso accade in Spagna e Portogallo dove le timide riforme sono insoddisfacenti.
    Il PCUS e i governi di Madrid e Lisbona accusano Francia ed Inghilterra di fomentare queste proteste.
    Sebbene in ritardo rispetto ai colleghi tedeschi, spagnoli e portoghesi anche in Italia iniziano le prime manifestazioni spontanee, inizialmente represse nel sangue.

    Mentre in Germania l'Armata Rossa fa cessare qualsiasi forma di dissenso, i regimi Spagnolo, Portoghese ed Italiano capitolano nel 1969.

    I Savoia che nel frattempo avevano, per opportunismo e voglia di sopravvivenza, manifestato vicinanza ai dimostranti, d'accordo con i dirigenti del PNF e con Almirante stesso, aprono la strada a nuove elezioni democratiche per il 1970 con un proporzionale di collegi plurinominali per eleggere una Assemblea Costituente e quindi decidere l'assetto istituzionale del Paese e dare l'appoggio ad un governo per risollevare le sorti economiche del Paese.

    Le formazioni che si presentano sono poche.

    Alleanza del Lavoro - Per il Socialismo

    E' il partito più strutturato dopo il PNF, grazie ad una rete di cellule clandestine ramificate nelle campagne e nelle rare zone industriali, poco presente nelle Università, raccoglie tutta la vecchia classe dirigente socialista e comunista che aveva trovato rifugio per lo più in Francia e Urss.
    Il punto forte del programma è la Riforma Agraria per redistribuire le terre ai contadini e l'istituzione di una legge sull'orario minimo di lavoro, sotto il punto di vista istituzionale all'Assemblea Costituente proporre un impianto vicino agli statuti delle Repubbliche popolari dell'URSS, è quindi di matrice Repubblicana.
    Fortissimo nei ricostituiti Sindacati, le correnti riformiste sono state epurate durante il lungo esilio direttamente dal PCUS.

    Partito Cattolico Liberale Italiano

    Piccola formazione cattolica e liberale, anch'essa cresciuta in clandestinità, specialmente nelle Università, ha una discreta presenza tra gli studenti, gode dell'appoggio del Vaticano e ha come riferimenti politico-economici i Democratici americani e l'economia sociale di mercato, propone un disegno istituzionale su modello della Monarchia Parlamentare inglese.
    Ha una corrente di sinistra interna, forte nelle campagne che strizza più di un occhio all'Alleanza del Lavoro.

    Blocco Liberale e Democratico per l'Italia

    Principale formazione liberaldemocratica, si divide tra repubblicani e monarchici, intende rivitalizzare l'economia anticipando di gran lunga i principi neo-liberisti della nostra Time-Line, propone uno Stato minimo, una completa de-burocratizzazione delle istituzioni e la privatizzazione dell'enorme Para-Stato fascista.
    Ha il consenso della piccola proprietà terriera, degli artigiani e dei pochi grandi gruppi industriali privati.

    Partito Nazionale Fascista

    E' il partito di governo, con strutture capillare in ogni quartiere, accetta il cambiamento in senso democratico ma vuole continuare a guidare l'Italia, ha modificato la sua Politica Estera, vuole un asse saldo con la Francia e l'Inghilterra in funzione anti-sovietica, sul piano economico apre alle privatizzazioni degli Enti pubblici ma in maniera moderata, appoggiato di fatto dalla Corona poichè è fortemente monarchico.

    Fascismo Sociale e Repubblicano

    Piccolo movimento che si definisce di "sinistra fascista", si rifà alle origini sociali del Fascismo, anti-clericale, fortemente repubblicano, contrario a qualsiasi rapporto con Usa, Francia/Inghilterra ed URSS definite tutte "feccia imperialista".

    Movimento Libertà - Cittadini Indipendenti

    Un partito di medie dimensioni, di natura populista, liberale in economia, filo-inglese in politica estera, anti-clericale e repubblicano composto principalmente da giovani universitari, tra quelli più radicati nei sessantottini delle città.
    VOTA NO AL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE
    UN NO COSTITUENTE PER LA DEMOCRAZIA CONTRO L'AUSTERITA'
    http://www.sinistraitaliana.si/ - http://www.noidiciamono.it/

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Francpolitik
    Data Registrazione
    05 Jul 2010
    Località
    Pescara
    Messaggi
    6,171
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'Italia non entra in Guerra nel 1940

    Alleanza del Lavoro, mi piace particolarmente l'idea della riforma agraria che risolverebbe anche tanti problemi del Mezzogiorno. Anche se probabilmente in questa ipotesi l'intero paese sarebbe arretrato, senza tante differenze Nord-Sud, giusto?
    L'uomo è nato libero ma ovunque è in catene

  3. #3
    .
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Località
    Parma
    Messaggi
    2,995
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'Italia non entra in Guerra nel 1940

    Blocco liberaldemocratico,per quanto il Movimento Libertà non mi dispiaccia...non so proprio se sarei monarchico o repubblicano,il Re è sempre Umberto?
    Senatore Imperiale,Patrizio dell’Impero,Duca Duce di Parmula,Placentula et Guastallula,Sovrintendente agli ‘Mperial vitigni di Sangiovese,Vicecomandante del FICA.

  4. #4
    Populista
    Data Registrazione
    24 Sep 2010
    Messaggi
    5,649
    Mentioned
    136 Post(s)
    Tagged
    41 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'Italia non entra in Guerra nel 1940

    Quale sarà la politica estera di Alleanza del Lavoro?

  5. #5
    Arrabbiato
    Data Registrazione
    28 Jun 2011
    Messaggi
    2,099
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'Italia non entra in Guerra nel 1940

    Citazione Originariamente Scritto da SteDiessino Visualizza Messaggio
    1940 - Il fronte francese per i Tedeschi si rivela un fallimento, l'Italia decide quindi di non avventurarsi nella Guerra limitandosi a fornire mezzi, basi e risorse ad Hitler.
    Movimento Libertà - Cittadini Indipendenti

  6. #6
    Anti-liberista
    Data Registrazione
    12 Apr 2010
    Località
    Abruzzo
    Messaggi
    22,800
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'Italia non entra in Guerra nel 1940

    Citazione Originariamente Scritto da Alepk Visualizza Messaggio
    Quale sarà la politica estera di Alleanza del Lavoro?
    ovviamente filo-URSS
    VOTA NO AL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE
    UN NO COSTITUENTE PER LA DEMOCRAZIA CONTRO L'AUSTERITA'
    http://www.sinistraitaliana.si/ - http://www.noidiciamono.it/

  7. #7
    Anti-liberista
    Data Registrazione
    12 Apr 2010
    Località
    Abruzzo
    Messaggi
    22,800
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'Italia non entra in Guerra nel 1940

    Citazione Originariamente Scritto da Francpolitik Visualizza Messaggio
    Alleanza del Lavoro, mi piace particolarmente l'idea della riforma agraria che risolverebbe anche tanti problemi del Mezzogiorno. Anche se probabilmente in questa ipotesi l'intero paese sarebbe arretrato, senza tante differenze Nord-Sud, giusto?
    non più di tanto, la guerra ha livellato abbastanza e quel poco di sviluppo industriale che c'è è equamente distribuito sul territorio, il 70-75% del Pil è agricoltura comunque.
    VOTA NO AL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE
    UN NO COSTITUENTE PER LA DEMOCRAZIA CONTRO L'AUSTERITA'
    http://www.sinistraitaliana.si/ - http://www.noidiciamono.it/

  8. #8
    Francpolitik
    Data Registrazione
    05 Jul 2010
    Località
    Pescara
    Messaggi
    6,171
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'Italia non entra in Guerra nel 1940

    Citazione Originariamente Scritto da SteDiessino Visualizza Messaggio
    non più di tanto, la guerra ha livellato abbastanza e quel poco di sviluppo industriale che c'è è equamente distribuito sul territorio, il 70-75% del Pil è agricoltura comunque.
    che brutta cosa, vorrebbe dire che vivremmo un'epoca di liberalizzazione forzata a ipervelocità e senza controllo come accaduto nei paesi dell'Est Europa...
    L'uomo è nato libero ma ovunque è in catene

  9. #9
    Anti-liberista
    Data Registrazione
    12 Apr 2010
    Località
    Abruzzo
    Messaggi
    22,800
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'Italia non entra in Guerra nel 1940

    Citazione Originariamente Scritto da Francpolitik Visualizza Messaggio
    che brutta cosa, vorrebbe dire che vivremmo un'epoca di liberalizzazione forzata a ipervelocità e senza controllo come accaduto nei paesi dell'Est Europa...
    vedremo, se solo votasse più gente si potrebbe fare un seguito.
    VOTA NO AL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE
    UN NO COSTITUENTE PER LA DEMOCRAZIA CONTRO L'AUSTERITA'
    http://www.sinistraitaliana.si/ - http://www.noidiciamono.it/

  10. #10
    Populista
    Data Registrazione
    24 Sep 2010
    Messaggi
    5,649
    Mentioned
    136 Post(s)
    Tagged
    41 Thread(s)

    Predefinito Rif: L'Italia non entra in Guerra nel 1940

    Citazione Originariamente Scritto da Francpolitik Visualizza Messaggio
    che brutta cosa, vorrebbe dire che vivremmo un'epoca di liberalizzazione forzata a ipervelocità e senza controllo come accaduto nei paesi dell'Est Europa...
    Temo proprio di si. E' fondamentale che i liberaldemocratici siano relegati all'opposizione.

    Via su, Alleanza del Lavoro, spingendo per un'intesa con i Cattolici.

 

 
Pagina 1 di 10 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. 10/06/1940 - La dichiarazione di Guerra
    Di Antonio Banderas nel forum Destra Radicale
    Risposte: 97
    Ultimo Messaggio: 13-06-10, 23:07
  2. Fantapolitica:Italia entra in guerra con sion...
    Di Nazionalistaeuropeo nel forum Destra Radicale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 02-02-10, 17:49
  3. Risposte: 163
    Ultimo Messaggio: 30-09-04, 15:00
  4. la guerra - rapporti segreti 1940
    Di Felix (POL) nel forum Storia
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-06-03, 05:15
  5. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 13-03-02, 08:58

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226