User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    23 Sep 2009
    Messaggi
    1,077
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito benedizione delle coppie gay "al di fuori della Scrittura"

    Interessante intervento di uno dei più importanti teologi valdesi su Scrittura, Interpretazione, adulterio e coppie gay..


    E' vero o no che siamo «il popolo della Bibbia»?

    di
    Paolo Ricca
    Paolo Ricca - Facoltà Valdese di Teologia di Roma

    ...«tutta la vita e la sostanza della Chiesa sta nella parola di Dio», e questa Parola risuona viva e potente nella Bibbia, ecco che non c’è Chiesa, né fede né cristianesimo fuori o lontano dalla Bibbia.

    In una lettera a «Riforma» (n. 11 del 18 marzo), riferendosi a un articolo della past. Daniela Di Carlo di commento a Esodo 20, 14 («Non commettere adulterio»), Graziella Tron lamentava una certa fragilità teologica. In particolare, di fronte alla affermazione della past. Di Carlo: «Ho le idee confuse sull’adulterio», Tron rivendicava la necessità di «trovare su un tema tanto attuale e tanto scottante, un commento al passo biblico che mi aiuti a farmi un’idea su come, in questo momento storico, lo posso interpretare». E aggiungeva: «Dev’essere successo qualcosa nella Facoltà valdese di Teologia se gran parte dei pastori e pastore tra i 45 e i 60 anni sono condizionati in molte loro manifestazioni dal non voler sembrare quelli che si mettono in cattedra pretendendo di possedere la verità». Personalmente mi sono trovata in perfetto accordo con Graziella Tron, se non che, discutendone con un amico, mi sono sentita rispondere: «Certo, tu sei la solita fondamentalista». Allora ho pensato: ecco, ci risiamo con le solite contrapposizioni! Da un lato chi, davanti al testo biblico, privilegia la soggettività, e dall’altro chi lo inchioda, per così dire, a una interpretazione letterale; da un lato chi lo relativizza a partire dalla sua soggettività, dall’altro chi lo assolutizza imprigionandolo nella lettera. Potremmo dire: relativisti e fondamentalisti, se non fosse che si tratta di due parole che possono significare tante cose diverse. Il fatto è che io non mi riconosco in questa contrapposizione perché entrambi gli approcci mi sembrano la brutta faccia della stessa medaglia. Entrambi infatti non mettono in giusta luce il testo biblico, che invece dovrebbe rimanere al centro del discorso, con cui dialogare con attenzione e umiltà. Allora mi chiedo: non dovremmo metterci un po’ da parte e lasciar parlare il testo? Ecco che, forse, abbandonando facili forzature, il testo parlerebbe anche al nostro presente, meglio di quanto possano fare, talvolta, i nostri sprovveduti tentativi di attualizzarlo.
    Sabina Baral – Villar Perosa

    Questa lettera ha due grandi meriti: il primo è di sollevare un problema cruciale per la fede e per la Chiesa, e cioè il rapporto con la Bibbia e la sua autorità; il secondo è indicare con chiarezza qual è, secondo la nostra lettrice, il giusto rapporto con la Bibbia. Difatti ce ne sono anche di sbagliati.

    1. Il primo merito è sostenere che siccome, come diceva Lutero, «tutta la vita e la sostanza della Chiesa sta nella parola di Dio», e questa Parola risuona viva e potente nella Bibbia, ecco che non c’è Chiesa, né fede né cristianesimo fuori o lontano dalla Bibbia. Essa è il libro della rivelazione divina, dal quale attingiamo la verità su Dio, sul mondo e su noi stessi; è la fonte della conoscenza e della sapienza, la sorgente della dottrina cristiana e di ogni buon insegnamento; è il cibo dell’anima e la guida sicura nel labirinto dell’esistenza; è la norma superiore che governa la Chiesa, la bussola che orienta il suo cammino nella storia, l’autorità prima e ultima alla quale la Chiesa liberamente si è sottomessa fin dai giorni lontani in cui l’ha costituita come suo «canone», cioè come regola sovrana della sua fede e della sua vita. Questo dovrebbe essere vero per tutte le Chiese che si definiscono «cristiane», ma tanto per quelle che, come la nostra, si definiscono «riformate», cioè figlie della Riforma, il cui cardine teologico fu, come è noto, il sola Scriptura, che tutte le chiese evangeliche, senza eccezioni, hanno poi adottato, a differenza del cattolicesimo romano che, come si sa, affianca all’autorità della Scrittura, quella della Tradizione e, più ancora, quella del Magistero, soprattutto quello papale.

    Ma qual è il problema? È che la Bibbia è un testo scritto, e come ogni testo scritto ha bisogno di essere interpretato, e questa interpretazione è affidata a noi uomini. È vero che la Riforma ha detto che «la Scrittura è interprete di se stessa», cioè che bisogna spiegare la Scrittura con la Scrittura (e non con pensieri che le sono estranei); ed è anche vero che lo Spirito Santo è dato per guidarci nell’opera non sempre facile dell’interpretazione; resta però il fatto che alla fine siamo sempre noi, con la nostra umanità variamente condizionata, che interpretiamo la Bibbia, assumendocene la responsabilità. Quindi: per essere insegnata e predicata la Bibbia deve essere interpretata, e a noi, come comunità di fede e come singoli credenti, spetta il compito di interpretarla. A questo punto emerge il secondo merito della lettera.

    2. Il secondo merito è questo: «Davanti al testo biblico - si chiede la nostra lettrice – non dovremmo metterci un po’ da parte, accantonare le nostre interpretazioni personali, e lasciar parlare il testo», ascoltandolo «con attenzione e umiltà»? Sì, dovremmo proprio fare così. Ma che cosa vuol dire, concretamente, «lasciar parlare il testo», dato che poi, alla fine, siamo sempre noi che parliamo? Vuol dire una cosa molto semplice, ma molto difficile da praticare: davanti al testo biblico, restare discepoli (discepolo vuol dire «colui che impara», cioè che ascolta), e non voler essere subito maestri. Ricordiamo Plutarco (vissuto dal 50 circa al 127 d. C.) che nel suo L’arte di ascoltare scrive: «Nel tessere gli elogi di Epaminonda, Spintaro diceva che non era facile incontrare uno che sapesse di più e che parlasse di meno. E la natura, si dice, ha dato a ciascuno di noi due orecchie, ma una lingua sola, perché siamo tenuti ad ascoltare più che a parlare». Soprattutto davanti al testo biblico, maestro muto, ma straordinariamente eloquente. «Lasciarlo parlare» vuol dire fare silenzio dentro di noi, perché solo se si tace si può ascoltare: chi parla non ascolta. Davanti al testo biblico, non avere fretta di parlare, di spiegare e commentare, di togliere la parola al testo e prenderla noi, con il rischio ovvio di sovrapporre la nostra parola a quella della Bibbia e di far dire alla Bibbia quello che vorremmo che dicesse e che invece non dice. Il testo biblico – non dimentichiamolo – è totalmente indifeso, possiamo farne quello che vogliamo, è in balia delle nostre interpretazioni, con le quali possiamo servirlo oppure tradirlo. Le nostre interpretazioni o spiegazioni possono essere al servizio del testo biblico, per «lasciarlo parlare», dischiudendone il significato per noi oggi; oppure possono essere al nostro servizio, per prevaricare sul testo, non lasciargli dire quello che dice, ma fargli dire quello che vogliamo che dica. Insomma: il testo come pretesto per parlare noi, anziché per ascoltare Dio.

    Ci sono molti modi di tradire il testo biblico. Uno – il più frequente – è ignorarlo, metterlo a tacere facendo finta che non ci sia. Un altro è quello or ora accennato: manomettere il testo, con una spiegazione che gli fare dire cose diverse o addirittura opposte a quelle che dice. Un altro è contraddire apertamente il testo, dichiarandolo superato. Un altro ancora è imprigionarlo nella sua formulazione letterale, identificando Lettera e Parola e facendo della Lettera la tomba, anziché la culla, dello Spirito. Ora è chiaro – e tutti lo sanno – che nella Bibbia ci sono molte cose che, per un cristiano, non hanno più valore, come a esempio tutta la legislazione cerimoniale dell’Antico Testamento legata al tempio di Gerusalemme, ma anche molte norme morali che non hanno più posto nella nuova «economia» inaugurata da Gesù. È quindi essenziale saper distinguere «le cose vecchie» che sono passate da quelle «nuove» dell’Evangelo cristiano. Ma è altrettanto essenziale saper discernere, nell’insieme della rivelazione biblica, le parole e gli insegnamenti che «non passano», mentre il cielo e la terra «passeranno» (Marco 13, 31). A esempio, i Dieci Comandamenti non passeranno, e nessuna interpretazione potrà far dire loro qualcosa di diverso da quello che dicono. Ce ne ha dato l’esempio Gesù stesso, che nel Sermone sul Monte ne ha citati un paio («Non uccidere» e «Non commettere adulterio»), non però per accantonarli, ma, al contrario, per riproporli in una versione più radicale ancora, dicendo che si può uccidere anche con la parola (oltre che con la spada), e che si può commettere adulterio anche «con il cuore», senza andare a letto con nessuno. Questo adulterio, tutto e solo interiore, segreto e invisibile, è, secondo Gesù, altrettanto grave quanto quello materialmente praticato, perché è altrettanto pericoloso per il vincolo coniugale, che Gesù intende proteggere.

    Oggi, lo sappiamo, la nostra società non ha solo depenalizzato l’adulterio (che quindi, per lo Stato, non è più reato), confinandolo nell’ambito privato dei rapporti di coppia, ma ne ha anche, nell’opinione corrente, molto minimizzato la gravità, giungendo persino, da parte di qualcuno, a proporlo come terapia «estrema» di salvare un rapporto coniugale in crisi. In questo contesto, dovremmo anche noi, come comunità cristiana, relativizzare questo comandamento dicendo che, in fondo, ha fatto il suo tempo e non vediamo più quale rilevanza possa avere per la nostra generazione e, presumibilmente, quelle future? Ribadire il valore di questo comandamento significa essere «fondamentalisti»? O non dobbiamo piuttosto pensare che allontanarsi dai Dieci Comandamenti significa allontanarsi dalla volontà di Dio e imboccare un vicolo cieco? Vale la pena meditare questa affermazione del filosofo e teologo ebreo Filone di Alessandria, contemporaneo di Gesù, che nel suo Decalogo scrive: «Dobbiamo esaminare con cura ciascuno dei comandamenti e non trattare nessuno di essi come secondario. L’origine trascendente di tutto ciò che esiste è Dio, come la pietà lo è della virtù».

    Si fa presto a dire «fondamentalista»! La nostra lettrice è stata classificata tale solo perché chiedeva che il testo biblico venisse ascoltato «con attenzione e umiltà», cioè venisse preso sul serio. Ma allora anche Valdo di Lione, quando prese alla lettera la parola di Gesù al giovane ricco («Va’, vendi ciò che hai, e dallo ai poveri…» – Matteo 19,21), fu fondamentalista». Altrettanto lo fu – e come! – Francesco d’Assisi, quando rivelò che Cristo in persona gli aveva detto che la sua Regola, cioè l’Evangelo, doveva essere osservata «alla lettera, alla lettera, alla lettera! Senza commenti, senza commenti, senza commenti!» (Fonti Francescane, n. 1672). E certamente saranno etichettati come «fondamentalisti» coloro che, come il sottoscritto, ritengono che quando il nostro Sinodo, lo scorso anno, ha dato «fuoco verde» alla benedizione delle coppie omosessuali, ha deciso, come dicevano gli antichi, praeter Scripturam ( = al di fuori della Scrittura). Ci sono – penso – altri modi, migliori, per manifestare anche pubblicamente e liturgicamente l’accoglienza e il riconoscimento dovuti alle coppie omosessuali da parte della comunità cristiana. L’appello francescano «alla lettera!» ripetuto tre volte non è, malgrado le apparenze, un invito a essere fondamentalisti (la Lettera può essere, come ho detto, la tomba dello Spirito), è invece un modo per farci capire l’importanza decisiva del testo, che certo va interpretato, ma lasciandolo parlare, e non parlando noi al posto suo.

    Tratto dalla rubrica Dialoghi con Paolo Ricca del settimanale Riforma del 3 giugno 2011

    Chiesa Evangelica Valdese - Unione delle chiese Metodiste e Valdesi

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    23 Sep 2009
    Messaggi
    6,420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: benedizione delle coppie gay "al di fuori della Scrittura"

    su !!!

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    23 Sep 2009
    Messaggi
    1,077
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: benedizione delle coppie gay "al di fuori della Scrittura"

    ritengo opportuno riportare la risposta che una pastora valdese ha dato all'intervento di Ricca:

    Benedizione: Perché non è «al di fuori della Scrittura»
    di Dorothee Mack

    riporto questo passaggio:
    "Faccio la pastora alla chiesa valdese di Milano da sei anni, ma provengo da una Chiesa evangelica unita (quella regionale del Baden/Germania) dove era mio compito celebrare dei culti di benedizione, non soltanto in occasione di matrimoni, ma anche di altre «soglie» della vita: la formula trinitaria del battesimo è sempre seguita da un atto di benedizione del battezzato (questo viene proposto anche in alcune liturgie battesimali della Chiesa evangelica valdese) e talvolta anche dei genitori; la chiesa locale invita tutti i bambini che iniziano il ciclo della scuola elementare a un culto di benedizione prima del primo giorno di scuola; in occasione della loro confermazione, i ragazzi vengono benedetti (l’ho fatto anche qui in Italia); quando si celebrano le nozze d’argento o d’oro di una coppia della comunità in chiesa, la benedizione della coppia fa parte del culto. Inoltre: anche durante le mie visite pastorali ad ammalati e morenti qui a Milano uso spesso una formula di benedizione (in alcuni casi anche con imposizione della mano sulla fronte della persona), come segno della promessa della presenza amorevole di Dio proprio nel momento della sofferenza e del passaggio.

    Si dirà: inflazione di benedizioni? «Luteranizzazione » della confessione riformata? Io non penso proprio. Dove si annuncia con convinzione che la situazione di una persona, una relazione d’amore o una fase della vita sia sostenuta dalla promessa di Dio, mi sembra giusto e importante invocare la benedizione del Signore."
    Chiesa Evangelica Valdese - Unione delle chiese Metodiste e Valdesi

    Bene,
    quindi apprendiamo che per questa pastora benedire una coppia di omosessuali ha lo stesso valore della benedizione per i bambini che iniziano la scuola...

  4. #4
    Forumista
    Data Registrazione
    17 Nov 2010
    Messaggi
    659
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: benedizione delle coppie gay "al di fuori della Scrittura"

    Dobbiamo fare un elenco di tutti i capisaldi della fede cattolica di cui non c'è traccia nella scrittura?

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    23 Sep 2009
    Messaggi
    1,077
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: benedizione delle coppie gay "al di fuori della Scrittura"

    Citazione Originariamente Scritto da Eyes Only Visualizza Messaggio
    Dobbiamo fare un elenco di tutti i capisaldi della fede cattolica di cui non c'è traccia nella scrittura?
    'sola scriptura'....
    indovina quali confessioni religiose si basano su questo principio?

  6. #6
    From beyond
    Data Registrazione
    13 Oct 2006
    Messaggi
    59,228
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    528 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Rif: benedizione delle coppie gay "al di fuori della Scrittura"

    Citazione Originariamente Scritto da domics Visualizza Messaggio
    ritengo opportuno riportare la risposta che una pastora valdese ha dato all'intervento di Ricca:

    Benedizione: Perché non è «al di fuori della Scrittura»
    di Dorothee Mack

    riporto questo passaggio:
    "Faccio la pastora alla chiesa valdese di Milano da sei anni, ma provengo da una Chiesa evangelica unita (quella regionale del Baden/Germania) dove era mio compito celebrare dei culti di benedizione, non soltanto in occasione di matrimoni, ma anche di altre «soglie» della vita: la formula trinitaria del battesimo è sempre seguita da un atto di benedizione del battezzato (questo viene proposto anche in alcune liturgie battesimali della Chiesa evangelica valdese) e talvolta anche dei genitori; la chiesa locale invita tutti i bambini che iniziano il ciclo della scuola elementare a un culto di benedizione prima del primo giorno di scuola; in occasione della loro confermazione, i ragazzi vengono benedetti (l’ho fatto anche qui in Italia); quando si celebrano le nozze d’argento o d’oro di una coppia della comunità in chiesa, la benedizione della coppia fa parte del culto. Inoltre: anche durante le mie visite pastorali ad ammalati e morenti qui a Milano uso spesso una formula di benedizione (in alcuni casi anche con imposizione della mano sulla fronte della persona), come segno della promessa della presenza amorevole di Dio proprio nel momento della sofferenza e del passaggio.

    Si dirà: inflazione di benedizioni? «Luteranizzazione » della confessione riformata? Io non penso proprio. Dove si annuncia con convinzione che la situazione di una persona, una relazione d’amore o una fase della vita sia sostenuta dalla promessa di Dio, mi sembra giusto e importante invocare la benedizione del Signore."
    Chiesa Evangelica Valdese - Unione delle chiese Metodiste e Valdesi

    Bene,
    quindi apprendiamo che per questa pastora benedire una coppia di omosessuali ha lo stesso valore della benedizione per i bambini che iniziano la scuola...
    Ma se un Sinodo, già tre anni fa, dopo lunghi anni di studio dei testi biblici concernenti l’omosessualità, ha dichiarato che anche la relazione d’amore di una coppia dello stesso sesso è sostenuta dalla promessa di Dio, faccio fatica a capire perché la benedizione di una tale coppia dovrebbe essere una decisione «al di fuori della Scrittura». Solo perché nella Bibbia si trova un versetto come Gen. 1, 28 («Dio li – maschio e femmina – benedisse; e Dio disse loro: “Siate fecondi e moltiplicatevi; riempite la terra”...»)? A questo proposito cito ancora una volta il documento della Chiesa della Renania che afferma: «Ma la benedizione nuziale non ha il suo fondamento in questo versetto, perché non parla di matrimonio e non descrive neanche un atto di benedizione, ma racconta semplicemente che Dio benedice gli esseri umani. Inoltre il versetto 28 è una ripetizione del versetto 22 dove viene raccontato che anche i pesci e gli uccelli siano fecondi. La benedizione nella forma della fecondità viene, dunque, condivisa dagli animali. Chi cerca di vedere nel versetto 28 un accenno all’atto liturgico di benedizione nuziale non potrebbe rifiutare una benedizione di animali»
    hefico:

    “In amore non essere un mendicante, sii un imperatore. Dà e resta semplicemente a vedere che cosa accade...”

  7. #7
    Forumista senior
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    4,635
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: benedizione delle coppie gay "al di fuori della Scrittura"

    :specchi:
    Se vuoi farti buono, pratica queste tre cose e tutto andrà bene: allegria, studio, pietà. (San Giovanni Bosco)

  8. #8
    From beyond
    Data Registrazione
    13 Oct 2006
    Messaggi
    59,228
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    528 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Rif: benedizione delle coppie gay "al di fuori della Scrittura"

    Citazione Originariamente Scritto da Imperium Visualizza Messaggio
    :specchi:
    Dipende dai punti di vista.
    A mio avviso sono altri gli "scalatori di specchi"...hefico:

    “In amore non essere un mendicante, sii un imperatore. Dà e resta semplicemente a vedere che cosa accade...”

 

 

Discussioni Simili

  1. Il Pdl "bacchetta" la Polverini "Coppie di fatto non in programma"
    Di Ortodossia nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 01-02-10, 20:33
  2. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 13-09-08, 01:19
  3. Fuori la politica dal forum "Regno delle Due Sicilie"
    Di Gonzalo nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 26-05-08, 07:13
  4. Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 02-12-06, 16:58
  5. bluff dei registri comunali delle "coppie di fatto"
    Di Caterina63 nel forum Cattolici
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 21-10-05, 23:16

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226