User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Conservatore
    Data Registrazione
    30 Apr 2004
    Località
    Sponda bresciana benacense
    Messaggi
    20,197
    Inserzioni Blog
    4
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rapporto Cloyne. La risposta della Santa Sede al governo irlandese

    Rapporto Cloyne. La risposta della Santa Sede al governo irlandese: massima solidarietà e collaborazione, ma accuse al Vaticano infondate

    2011-09-03 Radio Vaticana
    La Santa Sede riconosce la gravità degli abusi sessuali contro minori ad opera del clero, avvenuti nella Diocesi irlandese di Cloyne, e ribadisce la massima solidarietà alle vittime e alle loro famiglie, oltre alla piena collaborazione con le autorità irlandesi nella lotta con questo gravissimo crimine. Ma, allo stesso tempo, respinge recisamente come infondate le accuse, del presente e del passato, secondo le quali le autorità vaticane avrebbero cercato di ostacolare le inchieste su tali abusi. Si articola sostanzialmente attorno a questi punti il lungo documento con il quale la Santa Sede risponde oggi al governo d’Irlanda, in seguito alla pubblicazione, nel luglio scorso, del Rapporto Cloyne, accompagnato dalle forti critiche levate dall’esecutivo irlandese. Il direttore della Sala Stampa vaticana, padre Federico Lombardi, sintetizza i contenuti della “Risposta” della Santa Sede in questa nota:

    A seguito della pubblicazione del Rapporto della Commissione di inchiesta sulle vicende degli abusi sessuali su minori da parte di membri del clero e sul modo in cui essi sono stati affrontati nella Diocesi di Cloyne, il Vice Primo Ministro e Ministro degli Esteri irlandese, Sig. Eamon Gilmore, lo scorso 14 luglio aveva convocato il Nunzio in Irlanda, consegnandogli copia del Rapporto e illustrandogli il punto di vista del Governo, e chiedendo una risposta della Santa Sede circa il Rapporto stesso e quanto riguardava più specificamente la Santa Sede. Come si ricorderà, pochi giorni dopo, il 20 luglio, il Primo Ministro, Sig. Enda Kenny, era tornato sull’argomento con un discorso in Parlamento e il Parlamento stesso aveva votato una mozione a riguardo. Il Nunzio era stato richiamato a Roma il 25 luglio per consultazioni.

    L’attesa risposta è stata consegnata questa mattina alla Signora Helena Keleher, incaricata d’affari ad interim dell’Irlanda presso la Santa Sede ed è stata quindi resa pubblica dalla Sala Stampa della Santa Sede.

    Si tratta di un documento in inglese, della lunghezza di oltre venti pagine, strutturato con chiarezza, in modo da affrontare tutte le questioni sollevate, e dare ad esse risposte argomentate e documentate, inserendole in una prospettiva di ampiezza adeguata.

    Il documento si apre con il doveroso riconoscimento della gravità degli abusi avvenuti e delle serie mancanze messe in luce dal Rapporto sul modo di trattare le accuse a loro riguardo. Continua con la forte dichiarazione della condanna e dell’orrore per i crimini di abuso sessuale compiuti nella Diocesi, il profondo rincrescimento per le terribili sofferenze delle vittime e delle loro famiglie, la speranza di un cammino di guarigione. Ancora, si dichiara comprensione per i sentimenti di collera, confusione e amarezza diffusi anche fra la popolazione e i membri innocenti del clero della diocesi, che sono la maggioranza. Si manifesta viva preoccupazione per il fatto che il governo della Diocesi si sia manifestato manchevole nell’applicare - nella materia gravissima della protezione dei minori - sia le direttive proposte dalla Chiesa in Irlanda, sia le norme impartite dalla Santa Sede per tutti i Vescovi del mondo.

    La precisa affermazione che tutto ciò non avrebbe mai dovuto avvenire è quindi il punto di partenza inequivoco della risposta della Santa Sede. L’introduzione conclude tuttavia con una nota positiva, invitando a riconoscere i passi compiuti dalla Chiesa in Irlanda nel comprendere la situazione e le esigenze di una adeguata salvaguardia dell’infanzia, tanto che lo stesso Cloyne Report riconosce che le linee adottate dalla Chiesa sono appropriate. Occorre quindi metterle efficacemente in pratica.

    Il documento passa poi ad esaminare le questioni critiche sollevate nei confronti della Santa Sede.

    Per quanto riguarda il Rapporto Cloyne il problema riguarda essenzialmente una Lettera indirizzata nel gennaio 1997 dall’allora Nunzio in Irlanda ai Vescovi del Paese sulle osservazioni della Congregazione del Clero a un Documento sulla questione degli abusi sessuali sui minori preparato da un Comitato costituito dai vescovi irlandesi, noto come Framework Document.
    La Lettera del Nunzio è stata infatti considerata dimostrazione di una posizione romana contraria a una linea di risposta rigorosa e decisa al problema, incoraggiando così atteggiamenti ambigui e di non collaborazione con le autorità civili.La “risposta” tratta estesamente della corretta interpretazione della Lettera del Nunzio e della natura del Framework Document, mettendo in luce alcuni punti fondamentali.
    Il Framework Document non era stato presentato a Roma come un documento ufficiale della Conferenza episcopale, che non chiese mai alle competenti autorità vaticane di dare ad esso valore di legge vincolante tramite la procedura della “Recognitio”, che quindi non fu mai rifiutata. La preoccupazione della Congregazione del Clero, riflessa dalla lettera del Nunzio, era che il Framework Document venisse esaminato attentamente in modo che non contenesse in alcun modo indicazioni che potessero essere considerate non in accordo con le norme della Chiesa universale. Ma non vi fu alcuna indicazione della Congregazione contraria alla cooperazione con le autorità civili, né alcuna indicazione per scoraggiare i vescovi dall’impegnarsi a metter in pratica nelle loro Diocesi le misure che ritenessero adeguate per affrontare il problema degli abusi. Del resto, l’adesione chiara dei vescovi irlandesi al Framework Document è sempre stata rispettata dalla Santa Sede e non vi è stato da parte sua alcun intervento in senso contrario.

    Sul punto del “mandatory reporting” (obbligo di denuncia) la Lettera avanzava delle riserve, ma è giusto ricordare che anche nella società e nell’ambito del Governo irlandese la questione era stata già oggetto di complesse discussioni e non vi era allora alcuna norma di legge civile in tal senso. In ogni caso la Santa Sede insiste di non essere mai intervenuta e aver mai interferito sulle direttive del Governo in materia di salvaguardia dei minori.

    Quanto al discorso del Primo Ministro del 20 luglio, in occasione del dibattito in Parlamento sul Rapporto Cloyne, il Documento manifesta comprensione per il fatto che esprimesse con forza la collera e la frustrazione del popolo irlandese, ma avanza due riserve precise. La prima sull’accusa che tre anni fa la Santa Sede abbia cercato “di ostacolare una pubblica inchiesta di una repubblica democratica”. Tale accusa, non provata, viene respinta come priva di fondamento. La seconda su una citazione attribuita al card. Ratzinger, e tratta in realtà da un documento della Congregazione della Fede, che viene dimostrata non pertinente al contesto, in quanto si riferiva al servizio del teologo nella Chiesa e non al rapporto fra la Chiesa e la società democratica né alle questioni della protezione dei fanciulli dagli abusi.

    Infine, la “Risposta” contesta ancora due affermazioni, contenute rispettivamente nelle osservazioni del Ministro degli Esteri e nella mozione del Parlamento, relative alla valutazione del Framework Document da parte del Vaticano e a un suo presunto intervento che avrebbe contribuito a mettere in questione le direttive di protezione dei bambini volute dallo Stato e dai Vescovi.

    Ma il Documento offre ancora ampie ed esaurienti spiegazioni su diversi argomenti, affinché la problematica possa venire compresa correttamente.

    Anzitutto si mette in luce la natura della Chiesa come comunità di Chiese particolari (in particolare di Diocesi) e la conseguente responsabilità ordinaria dei Vescovi, che non è loro delegata dal Papa.

    Poi si spiega la distinzione fra legge civile e legge canonica e la rispettiva autonomia dei due ordinamenti, riaffermando il principio della cooperazione delle autorità ecclesiastiche con quelle civili per la protezione dei giovani e la realizzazione della giustizia.

    Infine si dà un’esauriente presentazione della legislazione della Chiesa sulla protezione dei minori nel suo sviluppo, fino alla recente circolare della Congregazione della Dottrina della Fede. Si ricorda doverosamente anche la fondamentale Lettera di Benedetto XVI ai cattolici dell’Irlanda, dimostrazione evidente dell’attenzione e della preoccupazione del Papa per la grave crisi che ha colpito la Chiesa e la società del Paese in seguito alle vicende di abuso e al loro manchevole trattamento.

    Le considerazioni conclusive ritornano sulla gravità di ciò che è accaduto, ma insistono sulla volontà della Chiesa di impegnarsi in ogni modo perché ciò non avvenga mai più, sulla sua disponibilità ad accogliere consigli e giuste critiche od osservazioni, sulla volontà di continuare a cooperare con le autorità irlandesi per il bene del Paese e in particolare per la salvaguardia della gioventù. Si può anzi notare che il punto della collaborazione con le autorità civili è richiamato più volte e con insistenza nel corso della “Risposta”: oltre 20 volte.

    In conclusione, l’intero sviluppo del Documento dimostra come la Santa Sede abbia preso in considerazione con grande serietà e rispetto le domande e le critiche ricevute e si sia impegnata a dare una risposta approfondita e serena, priva di inutili toni polemici anche là dove dà risposte chiare alle accuse che le sono state mosse. Ci si augura quindi che esso raggiunga lo scopo fondamentale e di comune interesse che si propone: contribuire a ricostruire quel clima di fiducia e di cooperazione con le autorità irlandesi che è essenziale per un impegno efficace della Chiesa come dell’intera società per garantire efficacemente il bene primario della salvaguardia della gioventù.

    Rapporto Cloyne. La risposta della Santa Sede al governo irlandese: massima solidarietà e collaborazione, ma accuse al Vaticano infondate


    Povera Irlanda...
    “Pray as thougheverything depended on God. Work as though everything depended on you.”

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Super Troll
    Data Registrazione
    13 Oct 2010
    Località
    cagliari
    Messaggi
    52,951
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    60 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Rif: Rapporto Cloyne. La risposta della Santa Sede al governo irlandese

    già,,,, la lettera con l'ordine d mettere tutto a tacere ce la siamo inventata noi,,,,:sofico:
    se l'europa non cambia sistema conviene andarsene...altrimenti ci ridurrà come e peggio della grecia.

  3. #3
    Conservatore
    Data Registrazione
    30 Apr 2004
    Località
    Sponda bresciana benacense
    Messaggi
    20,197
    Inserzioni Blog
    4
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Rapporto Cloyne. La risposta della Santa Sede al governo irlandese

    L'Irlanda accetta l'offerta del Vaticano

    Il Ministro degli Affari Esteri irlandese risponde positivamente alla Santa Sede per avviare un dialogo costruttivo sui temi della tutela dei minori

    Gerard O'Connell
    Roma


    Il governo irlandese ha accolto per lo più in maniera positiva, anche se con cautela, la risposta del Vaticano alla relazione ufficiale sugli abusi compiuti su 40 minori da parte di 19 sacerdoti della diocesi di Cloyne.




    Nel suo primo commento ufficiale, il Ministro degli Affari Esteri, Eamon Gilmore, ha detto di accogliere l'offerta del Vaticano di impegnarsi in un dialogo costruttivo e cooperare su temi quali la promozione del benessere dei minori e la lotta contro l'abominevole flagello degli abusi perpetrati da alcuni uomini di Chieda nella Repubblica irlandese.




    Si riferiva alle dichiarazioni contenute nella risposta del Vaticano, in cui la Santa Sede ha ribadito il proprio "impegno per il dialogo costruttivo e la cooperazione con il governo irlandese, naturalmente sulla base del rispetto reciproco, in modo che tutte le istituzioni, sia pubbliche che private, religiose o laiche, possano lavorare insieme per assicurare che la Chiesa e, anzi, la società tutta rimangano dei luoghi sicuri per i bambini e i giovani ".




    In un'intervista alla RTE, nel programma Six One News della rete nazionale, alcune ore dopo la pubblicazione della risposta della Santa Sede, Gilmore ha osservato che il Vaticano aveva espresso il desiderio di impegnarsi in un dialogo costruttivo con il governo irlandese in materia di tutela e benessere dei bambini, e ha dichiarato: "Queste sono basi su cui possiamo costruire".
    "É qualcosa che certamente sono disposto ad abbracciare come Ministro degli Affari Esteri, e possiamo impegnarci ufficialmente", ha dichiarato Gilmore.
    "Penso inoltre che si tratti di una discussione che deve avvenire in pubblico perché, com'è emerso, molte delle preoccupazioni dei cittadini riguardo alla necessità di proteggere i minori e al modo in cui i temi sono stati trattati, devono essere, io credo, discusse in pubblico ", ha aggiunto.




    Il Ministro degli Esteri era in Polonia per un incontro dell'Unione Europea quando il sottosegretario per i Rapporti con gli Stati, monsignor Ettore Balestrero, ha consegnato la risposta alla Incaricato per gli Affari Esteri dell'Ambasciata irlandese presso la Santa Sede, Helena Keleher, durante un incontro in Vaticano, la mattina di sabato 3 settembre.




    In una dichiarazione ufficiale rilasciata qualche ora più tardi, Gilmore ha detto che il Governo aveva chiesto una risposta e ora aveva in mano un rapporto "dettagliato" di 25 pagine, che avrebbe studiato attentamente. Parlando alle emittenti irlandesi, ha aggiunto che il Governo avrebbe "inoltrato una risposta dettagliata".


    Ha preso atto, con soddisfazione, che il Vaticano si è dichiarato "dispiaciuto e colmo di vergogna" per le terribili sofferenze delle vittime di abusi sui minori irlandesi e delle loro famiglie. Ha anche sottolineato "la serietà con cui la Santa Sede esamina le terribili prove degli abusi perpetrati nella diocesi di Cloyne e altrove."


    Ha inoltre dichiarato alle televisioni irlandesi che sperava che queste affermazioni "appagheranno in qualche modo il profondo sentimento di rabbia condiviso dai cittadini irlandesi e dal Governo".


    Il Ministro degli Esteri, nella sua dichiarazione, ha osservato che "alcune delle argomentazioni avanzate dalla Santa Sede nella sua risposta sono molto tecniche e concentrate sulle tematiche giuridiche", mentre "la preoccupazione del governo non è mai stata rivolta allo status giuridico della documentazione, ma piuttosto al benessere dei bambini".




    Ha dichiarato che l'abuso sessuale sui minori "è un crimine odioso e riprovevole, e che non è possibile che le operazioni relative alla verifica dello status dei documenti impedisca, a chi riveste posizioni di responsabilità, di occuparsi tempestivamente di tali abusi e di segnalarli alle autorità competenti."
    Il Ministro Gilmore ha aggiunto che "il senso di tradimento che è stato avvertito dal popolo irlandese su questo argomento, e che è stato chiaramente espresso dal Taoiseach, nasce non solo dalla natura stessa degli abusi sui minori, ma anche dalla particolare posizione di cui gode la Chiesa cattolica in questo paese, che si è manifestata in molteplici modi nel corso degli anni."




    Ha poi continuato a parlare dell'intervento del Vaticano sulle linee guida del documento quadro adottato dai vescovi irlandesi nel 1996 per affrontare i casi di abuso, che ha assunto caratteri molto controversi in Irlanda, ed è stato un elemento chiave nell'attacco da parte delle autorità irlandesi al Vaticano.



    La Congregazione per il Clero aveva espresso riserve sul documento quadro, e lo aveva fatto presente ai vescovi irlandesi in una lettera del Nunzio Apostolico, Monsignor Storero, del gennaio 1997. Il Ministro degli Esteri ha accusato il Vaticano di avere in questo modo "fornito un pretesto ad alcune persone per evitare una piena cooperazione con le autorità civili irlandesi."



    Nella sua dichiarazione ufficiale, ha ribadito di essere ancora della stessa opinione. Più tardi sulle reti irlandesi, è entrato maggiormente in dettaglio, dichiarando: "Non ho alcun dubbio che la lettera pubblicata nel 1997 ha portato alcuni sacerdoti a non sentirsi obbligati a cooperare con le autorità civili come avrebbero dovuto. Io sono di questa opinione. Ma, ovviamente, leggerò la risposta dettagliata presentata dal Vaticano."


    L'Irlanda accetta l'offerta del Vaticano - Vatican Insider
    “Pray as thougheverything depended on God. Work as though everything depended on you.”

  4. #4
    STATI UNITI D'EUROPA!
    Data Registrazione
    02 Feb 2011
    Località
    Stati Uniti d'Europa
    Messaggi
    21,396
    Mentioned
    17 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Rif: Rapporto Cloyne. La risposta della Santa Sede al governo irlandese

    Citazione Originariamente Scritto da anton Visualizza Messaggio
    già,,,, la lettera con l'ordine d mettere tutto a tacere ce la siamo inventata noi,,,,:sofico:
    Sono contento che finalmente lo ammettete. Meglio tardi che mai. :sofico:
    Ultima modifica di TEBELARUS; 05-09-11 alle 20:48
    PROPOSTE POLITICHE
    ► STATI UNITI D'EUROPA, SUBITO! Tutti gli Stati a Ovest della Russia!
    ♫ Top 25 Vocal Trance Spring 2015 l Amazing Vocal Trance Mix ♫

 

 

Discussioni Simili

  1. Sito della Santa Sede sotto attacco
    Di UgoDePayens nel forum Cattolici
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 10-03-12, 10:20
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 24-01-09, 14:08
  3. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 11-07-06, 18:18
  4. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-06-06, 20:29
  5. Parole Chiare Della Santa Sede
    Di Mariano 68 nel forum Cattolici
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 02-03-06, 16:58

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226