User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Utente cancellato
    Data Registrazione
    13 Jul 2009
    Messaggi
    5,455
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Storia della Terza Repubblica Spagnola

    1931: Proclamazione della Seconda Repubblica Spagnola, dopo che il Re Alfonso XIII a seguito dei risultati delle elezioni municipali ha preso la strada dell'esilio.

    1936: Le elezioni in Spagna sono vinte dal Fronte Popolare, il generale Francisco Franco Bahamonde, governatore delle Canarie sbarca in Marocco e poi in Andalusia dando inizio alla Guerra Civile contro il governo repubblicano finanziato ufficialmente solo dall'URSS e dal Messico e da volontari antifranchisti da tutto il mondo, mentre Franco è finanziato dall'Italia fascista e dalla Germania nazista con armi, munizioni e soldati.

    1939: Entrata del Caudillo a Madrid, il governo repubblicano fugge in esilio in Francia, Franco restaura nominalmente la monarchia con un trono vacante e si autonomina Luogotenente del Regno governando da autocrate. Entrata della Spagna franchista nel Patto d'Acciaio formato da Italia, Germania e Giappone.

    1940: Il complotto di Umberto II di Savoia con Maria Josè, Italo Balbo, Galeazzo Ciano (divenuto antinazista) e molti esponenti del Gran Consiglio del Fascismo riesce, Mussolini privato di ogni potere esce di scena venendo incarcerato al Gran Sasso per poi morire nel tentativo di ufficiali SS di trasportarlo a Berlino ma non avendo abbastanza carburante e per il troppo peso l'aereo si schianta contro una montagna.
    E' proclamato nuovo Duce d'Italia, Italo Balbo, mentre il Re Vittorio Emanuele III sotto incessanti richieste anche popolari, abdica e lascia il trono al nuovo Re Umberto II.
    L'Italia fascista dichiara la neutralità alla Seconda guerra mondiale.

    10 giugno: Francisco Franco Bahamonde decide di scendere in guerra contro Francia e Regno Unito, allo scopo di "punire" Parigi per l'appoggio dato sottobanco ai repubblicani, e per ricostruire la Spagna con i bottini di guerra, ora che Hitler sembra vicino alla vittoria. Subito le truppe spagnole avanzano in territorio francese ed occupano Perpignano e il Rossiglione; la stampa francese parla di "pugnalata alle spalle".

    1940, 14 giugno - 24 settembre: Gibilterra è assediata dagli spagnoli.

    1940, 22 giugno: La Francia è costretta ad arrendersi, Philippe Pétain forma un governo collaborazionista a Vichy, ma da Londra il generale Charles De Gaulle lancia un appello ai francesi affinché inizino la guerriglia contro gli invasori nazisti. È la data d'inizio ufficiale della Resistenza.

    1940, 19 luglio: Hitler propone la pace al Regno Unito in vista di una futura coalizione antisovietica, se Londra riconoscerà le conquiste tedesche e restituirà alla Germania le ex colonie. Winston Churchill rifiuta sdegnato.

    1940, 3 agosto: Attacco di Francisco Franco contro le basi francesi schieratesi con De Gaulle in Mauritania e Marocco, a partire dalle basi spagnole in Marocco e nel Rio de Oro.

    1940, 13 settembre: Le truppe spagnole occupano Casablanca.

    1940, 24 settembre: Francisco Franco entra trionfalmente a Gibilterra.

    1940, 27 settembre: La Germania nazista, la Spagna franchista e l'Impero Giapponese firmano il Patto Tripartito.

    1940, 27 ottobre: Franco decide di dare vita a una "guerra parallela" di conquista e, senza consultare l'alleato tedesco, presenta un ultimatum al Portogallo, intimandogli di consentire alle forze spagnole di occupare i principali porti del paese in funzione antibritannica. Il primo ministro portoghese António de Oliveira Salazar, che pure ha aiutato Franco durante la Guerra Civile, respinge l'ultimatum dichiarando che il suo paese resisterà con tutte le forze. Di conseguenza Franco invade il Portogallo.

    1940, 4 novembre: Dopo una prima fase favorevole alla Spagna, i portoghesi passano al contrattacco e respingono gli invasori, costringendoli alla ritirata.

    1940, 11 novembre: La Royal Navy inglese lancia il primo attacco aereo della storia a patire da una portaerei, distruggendo la flotta spagnola ancorata a Valencia.

    1940, 27 novembre: La Royal Navy e la Marina Spagnola si scontrano nella Battaglia di Capo Finisterre.

    1940, 9 dicembre: Le forze inglesi e della Francia libera comandate dal generale Archibald Percival WaveIl sfondano le linee spagnole e invadono il Rio de Oro, dove però gli spagnoli si riorganizzano per difendere e contrattaccare.
    Il governo britannico foraggia ampiamente il governo portoghese.

    1941, 7 marzo: Primi sbarchi in Portogallo del corpo di spedizione britannico.

    1941, 18 marzo: Gli spagnoli riescono a bombardare Porto e Lisbona e sconfiggere i portoghesi, ma la resistenza nazionale verrà schiacciata solo con l'aiuto tedesco chiesto a Berlino.

    1941, 24 marzo: Contrattacco da parte delle truppe del generale Rommel, che riconquista El Aaiùn.

    1941, 29 marzo: Battaglia di La Coruña tra la Royal Navy e la Marina Spagnola, che perde cinque navi.

    1941, 1 aprile: La Germania invia rinforzi navali alla Spagna, i quali capovolgono rapidamente la situazione sul fronte portoghese: Lisbona è conquistata e Salazar fugge in Inghilterra, dove forma un governo in esilio. Francisco Franco annette il Portogallo. Intanto le truppe dell'Asse guidate da Rommel riconquistano il Rio de Oro, puntando verso sud.

    1941, 6 aprile: Le truppe britanniche conquistano le Canarie, ma non riescono a sfondare Villa Cisneros nel Rio Oro, dove l'Afrikakorps insieme all'esercito spagnolo hanno costruito imponenti difese militari.

    1941, 21 giugno: Operazione Barbarossa: a sorpresa la Germania dichiara guerra all'URSS, portando un attacco di proporzioni gigantesche con 145 divisioni contro le 170 russe. Le truppe spagnole della División Azul (Divisione Blu, dal nome del colore del partito della Falange) si uniscono a Hitler in quella che sembra una marcia trionfale in territorio russo.

    1941, 13 luglio: A Porto, in Portogallo, si registra la prima rivolta popolare in Europa contro l'occupazione nazifascista, repressa nel sangue.

    1941, 7 dicembre: Le forze aeronavali nipponiche infliggono un durissimo colpo agli Stati Uniti bombardando a tappeto Pearl Harbour e le Hawaii distruggendo più della metà dei navigli americani del Pacifico, gli Stati Uniti dichiarano guerra al Giappone, Spagna e Germania dichiarano guerra agli Stati Uniti.

    1942, 21 giugno: Massima avanzata delle forze di Rommel in Marocco, con l'occupazione di Marrakesh e annientamento di tribù locali e la resistenza francese che era rimasta finora eroica, Rabat, difesa da contingenti anglofrancesi e dai soldati del sultano marocchino cade.
    Primi contrattacchi ispano-tedeschi alle Canarie e addirittura bombardamento di Madeira e Capo Verde.

    1942, 1-31 luglio - Le forze di Rommel si scontrano con quelle Alleate presso Tarfaya. Nonostante le speranze di Francisco Franco, la Volpe del Deserto non riesce a sfondare le linee nemiche.
    Poco prima di poter riconquistare le Canarie perdute, l'esercito americano insieme ai britannici e i soldati della Francia libera (Mauritania e Mali ed Algeria meridionale) iniziano una imponente controffensiva che distruggerà le difese nazifranchiste nel Rio Oro, ritirata massiccia verso Agadir mentre gli Alleati penetrano nel deserto e nel Marocco come fuoco sulla benzina.
    Nuovo sbarco angloamericano in agosto a Rabat, città mai caduta alle mire franchiste, le forze ispano-tedesche si trovano circondate, inizia la seconda battaglia di Ouahat Sidi Brahim: Rommel, sconfitto, ordina il ripiegamento delle truppe superstiti verso il confine del Rio de Oro. Si combattono contemporaneamente le tre battaglie che rovesciano definitivamente le sorti del conflitto: Ouahat Sidi Brahim, Guadalcanal e Stalingrado.

    1942, 20 novembre: El Aaiùn cade in mani britanniche.

    1943, 23 gennaio: Gli anglofrancoamericani occupano tutto il Rio de Oro, ponendo fine all'avventura coloniale spagnola in Africa (eccetto il Marocco ormai in fase di liberazione). Quasi tutti i soldati spagnoli e dell'Afrikakorps tedesco sono fatti prigionieri, Rommel ripara in aereo in Germania dove Hitler lo nomina feldmaresciallo.

    1943, 1 marzo: Un'ondata di scioperi investe la Spagna, sotto la direzione di militanti antifranchisti reduci della Guerra Civile: la crisi economica dovuta alla guerra che si trascina praticamente dal 1936 ha messo in crisi il sistema produttivo nazionale. Il regime reprime le proteste nel sangue.

    1943, 15 marzo: Il Marocco spagnolo si arrende al generale francese Philippe Leclerc de Hauteclocque, che conquista Tangeri, Ceuta e Melilla, ultima disperata e vana difesa dell'esercito ispano-tedesco.

    1943, 12 maggio: Scatta l'Operazione Corkscrew: le forze angloamericane conquistano l'isola di Minorca, nelle Baleari. Inizia l'invasione del continente europeo.

    1943, 8 luglio: L'armata del generale Patton conquista Palma de Maiorca.

    1943, 10 luglio:L'armata comandata dal generale Montgomery, sbarca ad Algeciras, mettendo piede per la prima volta sul territorio metropolitano spagnolo.

    1943, 19 luglio: Madrid viene bombardata dagli Alleati per la prima volta.

    1943, 24 luglio: Golpe militare promosso da José Enrique Varela, generale dell'esercito franchista, contro Francisco Franco, accusato di incapacità nella gestione della guerra. Il Caudillo è arrestato e rinchiuso nella piazzaforte di Jaca, sui Pirenei, ritenuta imprendibile. Varela, che è sempre stato stato contrario all'ingresso della Spagna nella Seconda Guerra Mondiale, rassicura Hitler circa la continuazione della guerra al suo fianco, ma attraverso l'ambasciatore italiano in Spagna comincia a prendere segretamente accordi con gli Alleati in vista di una pace separata. Scettico circa le rassicurazioni italiane, Hitler inizia a spostare truppe verso la Spagna.

    1943, 17 agosto: Gli Alleati raggiungono Malaga e Siviglia, avanzando verso il cuore dell'Andalusia. La popolazione li accoglie come dei liberatori.

    1943, 3 settembre: Il governo Varela firma segretamente con gli Alleati l'armistizio di Huelva. Gli accordi prevedono che esso resti segreto finché gli angloamericani non saranno in grado di occupare tutti i porti del paese, ma non sarà così.

    1943, 8 settembre: Gli Alleati annunciano l'armistizio con la Spagna. Varela fugge da Madrid e ripara a Siviglia, sotto protezione alleata; l'esercito spagnolo, privo di ordini, si sbanda, e il paese piomba nell'anarchia. La flotta spagnola si consegna agli Alleati sull'isola di Maiorca. Il generale tedesco Albert Kesselring occupa immediatamente Madrid e si proclama Governatore Militare della città. Il socialista Francisco Largo Caballero rientra dall'esilio ed organizza il Comité de Liberación Nacional, allo scopo di scacciare gli occupanti nazisti: ha inizio ufficialmente la Resistenza Partigiana in Spagna.



    1943, 12 settembre: Operazione Quercia: un commando di paracadutisti tedeschi libera Francisco Franco, detenuto sui Pirenei, e lo porta a Berlino.

    1943, 23 settembre: Hitler impone a Francisco Franco di tornare in Spagna e di mettersi a capo di un governo fantoccio e collaborazionista, in contrapposizione a quello di Varela. Siccome quest'ultimo si è insediato a Siviglia sotto protezione alleata e Madrid è occupata dai nazisti, Franco pone la sede del suo governo a Ferrol, sua città natale, posta in uno dei fiordi della Galizia. Anche se il suo nome ufficiale è Regno Nazionalista di Spagna, tutti la ricorderanno come il Regno di Ferrol.



    1943, 13 ottobre: Il governo spagnolo di Varela è riconosciuto dagli Alleati, ed in cambio dichiara guerra alla Germania nazista, ottenendo lo status di "cobelligerante" a fianco degli Alleati.

    1943, 16 ottobre: Kesselring ordina la deportazione degli ebrei spagnoli, cui Franco si era sempre opposto.

    1943, 2 novembre: Le truppe alleate in Spagna raggiungono Cartagena, mentre nel sud del Portogallo liberano la città di Faro.

    1944, 17 gennaio: Le forze britanniche in Spagna raggiungono Valencia, ma non riescono a superare la Sierra Morena perchè i tedeschi hanno fortificato la Linea Gustav che passa su di essa a difesa della capitale.

    1944, 22 gennaio: Gli Alleati lanciano l'Operazione Shingle, uno sbarco a Tarragona che però è respinto dai tedeschi.

    1944, 12 marzo: Viene costituito il Comitato Nazionale per la Liberazione del Portogallo.

    1944, 24 marzo: A Madrid 33 soldati tedeschi sono uccisi in un attentato in Calle de Juanelo. Come rappresaglia Kesserling ordina di eliminare dieci spagnoli per ogni tedesco ucciso. Per errore ne vengono uccisi cinque in più; alla fine vengono trucidati in 335.

    1944, 27 marzo: Svolta di Cadice: Dolores Ibárruri detta "La Pasionaria", segretaria del Partito Comunista Spagnolo, propone alle forze antifranchiste di cooperare con il governo Varela, dando vita ad un esecutivo di unità nazionale allo scopo di fronteggiare l'occupazione tedesca; lo status istituzionale della Spagna sarà deciso dopo la Liberazione.

    1944, 10 aprile: Le truppe tedesche edificano la Linea Gotica, che intende proteggere Galizia, Castiglia del Nord, Asturie, Paesi Baschi, Navarra e Pirenei dall'assalto anglosudafricano. Questa sarà l'ultima trincea dei nazifranchisti in Spagna.

    1944, 18 maggio: Battaglia di Albacete, i tedeschi evacuano le proprie posizioni e arretrano verso Madrid.

    1944, 4 giugno: Madrid viene liberata dagli Alleati.



    1944, 12 giugno: Anche Lisbona è liberata.

    1944, 12 agosto: Le truppe angloamericane liberano Barcellona.

    1944, 25 agosto: Porto e Braga cadono in mani alleate, tutto il Portogallo è liberato. Nelle aree sgomberate dai nazifranchisti inizia una violenta guerra civile tra i comunisti e i partigiani di Salazar.

    1944, 28 agosto: Il "Manifesto Separatista" chiede agli Alleati di riconoscere la Catalogna come Stato sovrano indipendente dalla Spagna.

    1944, 31 agosto: Battaglia di Saragozza, il secondo maggior scontro terrestre in Europa dopo la Battaglia di Stalingrado. Le forze alleate riescono a sfondare la Linea Gotica ma sono fermate presso Barbastro dalle forze franchiste.
    Il Caudillo richiama dall'esilio i Borbone, ma la famiglia reale spagnola si dissocia dalla sua guerra, dalla sua alleanza con la Germania e al disastro che ha portato nella propria madrepatria.

    1944, 19 ottobre: Strage del Pane: soldati di Varela sparano sulla folla a Jérez de la Frontera.

    1945, 6 gennaio: Le forze comuniste evacuano Lisbona dopo aspri scontri con i britannici.

    1945, 24 aprile: Gli Alleati in Spagna sfondano la Linea Gotica e raggiungono il Golfo di Biscaglia. Il Comité de Liberación Nacional proclama l'insurrezione generale nel Regno Fantoccio di Ferrol.

    1945, 25 aprile: Fine della guerra in Spagna con la completa liberazione del paese. A Madrid Francisco Largo Caballero con Juan Negrin proclamano la nascita della Terza Repubblica Spagnola, la gente scende nelle strade e nelle piazze a festeggiare, così in tante altre città iberiche.



    1945, 28 aprile: Il vescovo di Mondoñedo-Ferrol Monsignor Fernando Quiroga y Palacios tenta di salvare la vita a Francisco Franco, invitandolo nel vescovado affinché tratti la resa con i Capi delle Milizie Partigiane. Siccome però questi ultimi insistono per farlo processare da un tribunale di guerra spagnolo, anziché da una corte di giustizia internazionale, Franco se ne va sbattendo la porta e si aggrega, travestito da tedesco, a un convoglio nazista in ritirata. A Langreo però è riconosciuto dai partigiani, arrestato e passato per le armi. Il suo corpo e quelli di quindici suoi gerarchi vengono trasportati a Madrid e appesi a testa in giù in Plaza de Colón, dove i franchisti avevano fatto giustiziare quindici partigiani.

    1945, 1° maggio: Per la prima volta dopo anni la Festa del Lavoro può essere celebrata liberamente in tutta la Spagna. Dietro iniziativa degli Alleati, il Presidente ad Interim Francisco Largo Caballero incontra l'Arcivescovo di Madrid Monsignor Leopoldo Eijo y Garay, e gli chiede scusa per le persecuzioni subite dalla Chiesa durante la Guerra Civile; a sua volta Monsignor Eijo y Garay chiede scusa perchè la Chiesa ha troppo spesso appoggiato incondizionatamente il franchismo. Ciò apre la strada alla riconciliazione nazionale.

    1946, 2 giugno: Elezioni Generali in Spagna, vinte dalla coalizione tra Partito Socialista e Partito Repubblicano; Francisco Largo Caballero viene eletto primo Presidente della Terza Repubblica, mentre Santiago Casares Quiroga è nominato Capo del Governo. La Terza Repubblica è vicina agli Alleati Occidentali; sconfitta dei Comunisti e degli Anarchici, soprattutto i primi che volevano l'instaurazione di una Repubblica Popolare come nell'Est Europeo e l'alleanza con l'URSS. All'opposizione di destra resta il Partito Popolare, erede del franchismo, in cui sono confluiti anche i monarchici spagnoli.

    Come proseguirebbe la storia della Spagna repubblicana fino ai giorni nostri?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Utente cancellato
    Data Registrazione
    13 Jul 2009
    Messaggi
    5,455
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Elezioni politiche del 1968

    1959 - 1973: Esplosiva crescita dell'economia spagnola, favorita dalla ricostruzione del paese, uscito letteralmente distrutto dalla Guerra Civile e dalla Seconda Guerra Mondiale. Nei quattro anni 1959, 1960, 1961 e 1962, i tassi di incremento del reddito raggiungono valori da primato, rispettivamente del 6,4, del 5,8, del 6,8 e del 6,1%. Milioni di persone si spostano dalle aree più povere e depresse verso i grandi centri industriali: Barcellona, Siviglia, Valencia, Cadice e ovviamente la capitale Madrid, nella nostra Timeline italiana si parlò di emigrazione dal Sud al Nord e dalle campagne alle città, qui si parlerà di emigrazione dalle campagne alle città e specialmente quelle sulla costa. Giocano un ruolo decisivo la crescita dell'industria pesante (siderurgica e meccanica), con la fondazione della fabbrica di automobili SEAT, l'aumento delle esportazioni e l'ingresso nel Mercato Comune Europeo: questo periodo sarà ricordato come « El Milagro Económico ». Il boom provoca la diffusione del benessere e la conseguente secolarizzazione della società; la Chiesa perde parte della secolare influenza sulle masse a vantaggio dei modelli di vita statunitensi, a partire dal consumismo e dalla rivoluzione sessuale che proprio nel biennio 1967-68 raggiungono il loro apice.

  3. #3
    Super Troll
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    cancellato
    Messaggi
    50,315
    Mentioned
    1012 Post(s)
    Tagged
    40 Thread(s)

    Predefinito Rif: Storia della Terza Repubblica Spagnola

    bella ucronia e anche realistica, ma Franco non era Mussolini da buon prudente in guerra non ci entro' manco per scherzo, soprattutto per una pietra a picco sul mare come Gibilterra, che se la tensessero gli inglesi...
    non piu' interessato a questo forum

  4. #4
    Disilluso cronico
    Data Registrazione
    25 Nov 2009
    Località
    All your base are belong to us
    Messaggi
    13,717
    Mentioned
    104 Post(s)
    Tagged
    14 Thread(s)

    Predefinito Rif: Storia della Terza Repubblica Spagnola

    Citazione Originariamente Scritto da Candido Visualizza Messaggio
    bella ucronia e anche realistica, ma Franco non era Mussolini da buon prudente in guerra non ci entro' manco per scherzo, soprattutto per una pietra a picco sul mare come Gibilterra, che se la tensessero gli inglesi...
    Lo penso anch'io.
    Oltretutto mentre i rapporti personali di Hitler con Mussolini, nel quale vide la figura ispiratrice del suo movimento, erano ottimi, Franco era malsopportato a Berlino, sia per come approfittò dell'aiuto fascista e nazista guardandosi bene dal ritornare il favore, sia per questioni personali varie (una ad esempio: Hitler era un animalista convinto, e Franco rifiutò la sua richiesta di abolire le corride); dal canto suo Franco diffidava di Hitler e della Germania e si sarebbe guardato bene dal farsi coinvolgere.
    .
    L'ultimo uomo ad essere entrato in Parlamento con intenzioni oneste.

    Non basta negare le idee degli altri per avere il diritto di dire "Io ho un'idea". (G. Guareschi)

  5. #5
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    27 Aug 2010
    Messaggi
    15,123
    Mentioned
    577 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Rif: Storia della Terza Repubblica Spagnola

    Franco era cattolico intransigente e monarchico.
    quindi, l'hidalgo don Francisco Franco y Bahamonte Duca di Franco, difficilmente avrebbe potuto accettare di allearsi con un regime guidato dal figlio di un fabbro (Mussolini) per giunta con venature socialisteggianti, o con un Hitler che se anche miglior erede dell'arroganza guglielmina e della repressione asburgica restava un semplice imbianchino.
    A parte questo, gli interessi del suo ceto sociale, dei preti e dei nobili lui lo aveva ristabilito e non gli interessavano avventure che potevano destabilizzare.

 

 

Discussioni Simili

  1. Due rassicuranti certezze della Terza Repubblica
    Di POL nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 14-02-14, 15:55
  2. La Terza Repubblica Spagnola
    Di Cattivo nel forum FantaTermometro
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 27-07-13, 17:41
  3. La nascita della Terza Repubblica Francese
    Di Cattivo nel forum Repubblicani
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 26-02-13, 23:39
  4. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 27-11-11, 02:05
  5. Elezioni nella Terza Repubblica Spagnola:anno 1994
    Di Cattivo nel forum FantaTermometro
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 08-11-08, 07:23

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226