User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 22
  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    05 Oct 2010
    Messaggi
    2,365
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito TERRONI CONTRO TUNISINI A LAMPEDUSA

    Cronache



    Immigrati/ Lampedusa, è guerriglia urbana. Scontri con i cittadini. Cariche della polizia


    Immigrati/ Lampedusa, è guerriglia urbana. Scontri con i cittadini. Cariche della polizia - Affaritaliani.it


    Mercoledì, 21 settembre 2011 - 13:10:00



    Foto LaPresse

    Guerriglia urbana a colpi di pietre tra isolani e maghrebini. e cariche della polizia contro gli immigrati, che si sarebbero impossessati di alcune bombole di gas minacciando di farle esplodere. La tensione sfociata ieri pomeriggio nell'incendio che ha semidistrutto il centro di accoglienza non accenna a diminuire e questa mattina decine di abitanti dell'isola, trovatisi faccia a faccia con i tunisini autori dell'incendio che ha devastato il centro, hanno sfogato la loro rabbia tirando pietre all'indirizzo degli extracomunitari che, dopo aver passato la notte all'addiaccio in parte nello stadio e in parte sul molo Favarolo, girano liberi per l'isola. Anche un giornalista e un cameramen di Sky sono stati aggrediti dalla gente di Lampedusa che accusa i mezzi di informazione di diffondere una immagine distorta dell'isola. Dal canto loro, circa 300 tunisini hanno manifestato per le strade di Lampedusa al grido di "Libertà, libertà".

    CACCIA ALL'UOMO- Disordini si registrano ancora in diverse parti dell'isola, in un clima da "caccia all'uomo" che sta coinvolgendo gli abitanti. Altri scontri tra tunisini e forze dell'ordine sono avvenuti all'interno del Centro di prima accoglienza dove si trova ancora un centinaio di immigrati. Gli extracomunitari avrebbero lanciato sassi e altro materiale contro gli agenti che presidiano la struttura. Nel poliambulatorio dell'isola stanno intanto affluendo i primi feriti, appartenenti alle forze dell'ordine. Il responsabile sanitario, Pietro Bartolo, ha chiesto l'invio di altre ambulanze dal centro di accoglien

    APPELLO A NAPOLITANO- Gli animi sono molto esasperati. Ronde di cittadini presidiano il municipio e il sindaco Bernardino De Rubeis si appella al presidente della Repubblica Napolitano: " "Ho cercato di parlare con il presidente Berlusconi e il ministro Maroni ma non è mai stato possibile. Non è più il tempo delle chiacchiere e dei ragionamenti buonisti. Il Viminale porti via tutti i tunisini. Ci aiuti il presidente Napolitano che si è sempre dimostrato sensibile nei nostri confronti.Venga da noi. La situazione è ad alto rischio, occorre fare presto qualcosa".


    Guarda la gallery



    IL SINDACATO DI POLIZIA: SE CI SCAPPA IL MORTO...- Tensione anche tra le forze dell'ordine che non sanno più come tenere a bada i migranti. Il segretario generale del sindacato di polizia Coisp dice: "Quello che succede a Lampedusa è la prova dell'incapacità del governo. Se ci scapperà il morto sappiano quei politici che oggi dormono o stanno a guardare, che non accetteremo lacrime istituzionali o inutile solidarietà".

    Sono circa un migliaio (per l'esattezza 1040) i tunisini che si trovano ancora a Lampedusa. Durante la notte due voli militari, effettuati con un C130 dell'Aeronautica, hanno trasferito circa cento immigrati verso la base di Sigonella. Il ponte aereo predisposto dal Viminale per accelerare le procedure di rimpatrio proseguirà anche oggi, con altri due voli.

    TUNISINI MINACCIATI DI LINCIAGGIO- La Guardia di finanza ha caricato su un furgone i sei tunisini rimasti bloccati nel distributore di benzina dove avevano minacciato di fare esplodere delle bombole di gas e dove è avvenuto lo scontro a lanci di pietre con alcuni abitanti dell'isola. I lampedusani hanno anche tentato di linciare gli immigrati. Nella pompa di benzina la tensione rimane alta, la gente inveisce contro i giornalisti costringendoli ad allontanarsi.

    DIECI FERITI- Finora ci sono almeno una decina di feriti negli scontri di Lampedusa. Tra loro finanzieri, poliziotti e soprattutto tunisini, come spiega il responsabile sanitario Pietro Bartolo: "Sono in tutto una decina. Nessuno è in gravi condizioni, tranne un tunisino che ha riportato un trauma facciale a altri in diverse parti del corpo. E' lucido e con le cure adeguate si riprenderà". L'uomo è stato trasferito in elicottero in un ospedale di Palermo.


    GLI SCONTRI- Scontro fra le forze dell'ordine in assetto antisommossa e gli immigrati che erano ospiti del centro di prima accoglienza dell'isola, dove ieri è scoppiato un incendio. Dalla struttura in muratura vicino alla pompa di benzina dell'isola si vedono gli immigrati che vengono presi a manganellate dagli agenti e che cadono da circa 3 metri di altezza.


    AGGREDITO UN TUNISINO- Due giovani hanno avvicinato un tunisino e lo hanno picchiato. Immediatamente sono intervenuti i poliziotti e i finanzieri che si trovavano nei pressi e hanno fatto da scudo all'immigrato. "Ve ne dovete andare, bastardi - gridano i lampedusani ai tunisini - avete rovinato un'isola. Non vi vogliamo piu'". Intanto il gruppo di tunisini che aveva rubato le bombole di gas è ancora sorvegliato a vista preso il distributore di benzina per evitare che i lampedusani li possano aggredire. Alcuni di loro hanno delle ferite al volto.

    CHIUSE LE SCUOLE- Il dirigente della scuola di Lampedusa, dopo avere consultato il sindaco, ha chiuso il portone e chiesto agli insegnanti di vigilare sugli alunni e al personale di controllare gli accessi. La decisione è stata presa in seguito agli scontri tra tunisini, forze dell'ordine e lampedusani avvenuti stamani in paese. Tra le gente c'è paura e timore che i migranti che vagano per l'isola possano aggredire bambini e ragazzi.


    SINDACO BARRICATO IN CASA- E' asserragliato nella sua stanza il sindaco di Lampedusa Dino De Rubeis che viene scortato da tre agenti di polizia, dopo che stamattina tre lampedusani hanno tentato di aggredirlo, contestandogli di avere tenuto una linea morbida sull'immigrazione. In un cassetto dell'ufficio, De Rubeis tiene una mazza da baseball. "Mi devo difendere, e sono pronto a usarla, scrivetelo pure", dice. "Siamo in presenza di uno scenario da guerra, - aggiunge - lo Stato mandi subito elicotteri, navi per trasferire i tunisini che vagano per l'isola dopo avere incendiato ieri il centro di accoglienza". Davanti al municipio ci sono decine di persone, alcune contestano il sindaco, altre urlano contro gli immigrati.




    ALLA FINE COME C'ERA DA aspettarsi i figghi del sole hanno reagito contro gli invasori.

    Sassi contro sassi, violenza contro violenza. Insomma una battaglia tra simili. Pero' c'è da dire che hanno reagito anche se dietro molto probabilmente c'è la mafia che ha tutto l'interesse a fomentare tali disordini.

    Dato che la rivolta degli autoctoni è capitata in terra figlia del politicamente corretto non vi sono le solite critiche di indignati come se il fatto fosse capitato a nord.

    Allora le cose sarebbero diverse, e verrebbero tacciati di ignoranza e di potenziale fascismo. Adesso non è possibile, e diranno battaglie tra emarginati.



    RIPORTO:

    AGGREDITO UN TUNISINO- Due giovani hanno avvicinato un tunisino e lo hanno picchiato. Immediatamente sono intervenuti i poliziotti e i finanzieri che si trovavano nei pressi e hanno fatto da scudo all'immigrato. "Ve ne dovete andare, bastardi - gridano i lampedusani ai tunisini - avete rovinato un'isola. Non vi vogliamo piu'". Intanto il gruppo di tunisini che aveva rubato le bombole di gas è ancora sorvegliato a vista preso il distributore di benzina per evitare che i lampedusani li possano aggredire. Alcuni di loro hanno delle ferite al volto.

    I TUNISINI MAGREBINI HANNO ROVINATO l'isola non la mafia, infatti loro preferiscono gli autoctoni anche delinquenti piuttosto che stranieri criminali.

    Il problema che i tunisini verrannno recapitati tutti a nodde dal governo, e i padioti che non reagiranno se li assorbiranno senza fiatare.

    Anche stavolta i figghi del sole hanno vinto e i padioti stolti sono stati sconfitti come sempre.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: TERRONI CONTRO TUNISINI A LAMPEDUSA

    Vista la situazione a Lampedusa sarebbe indispensabile che Maroni desse le dimissioni per incapacità.

    Perché sarebbe oltremodo inimmaginabile che la situazione sia stata fatta incancrenire appositamente per avere la giustificazione per regolarizzare i tunisini ( causa ordine pubblico), essendo in questo periodo diminuita la media degli ingressi, venendo meno agli impegni numerici presi con la globalizzazione.

    Oppure è solamente che il ministro dell'interno, che fa parte di coloro che hanno il compito di lanciare la moda del fazzoletto al taschino, è semplicemente un incapace.

    Purtroppo risulta evidente che non è sufficiente avere un cognome da eletto per essere abile a risolvere i problemi.
    Ultima modifica di jotsecondo; 22-09-11 alle 09:23
    O si taglia o il caos

  3. #3
    Valsesiano-Padano-Europeo
    Data Registrazione
    07 Jan 2010
    Località
    Valsesia
    Messaggi
    1,677
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: TERRONI CONTRO TUNISINI A LAMPEDUSA

    Citazione Originariamente Scritto da psico Visualizza Messaggio
    Questa mattina decine di abitanti dell'isola, trovatisi faccia a faccia con i tunisini autori dell'incendio che ha devastato il centro, hanno sfogato la loro rabbia tirando pietre all'indirizzo degli extracomunitari che, dopo aver passato la notte all'addiaccio in parte nello stadio e in parte sul molo Favarolo, girano liberi per l'isola.

    Disordini si registrano ancora in diverse parti dell'isola, in un clima da "caccia all'uomo" che sta coinvolgendo gli abitanti.

    La Guardia di finanza ha caricato su un furgone i sei tunisini rimasti bloccati nel distributore di benzina dove avevano minacciato di fare esplodere delle bombole di gas e dove è avvenuto lo scontro a lanci di pietre con alcuni abitanti dell'isola. I lampedusani hanno anche tentato di linciare gli immigrati.

    Finora ci sono almeno una decina di feriti negli scontri di Lampedusa. Tra loro finanzieri, poliziotti e soprattutto tunisini, come spiega il responsabile sanitario Pietro Bartolo: "Sono in tutto una decina. Nessuno è in gravi condizioni, tranne un tunisino che ha riportato un trauma facciale a altri in diverse parti del corpo. E' lucido e con le cure adeguate si riprenderà".

    Due giovani hanno avvicinato un tunisino e lo hanno picchiato. "Ve ne dovete andare, bastardi - gridano i lampedusani ai tunisini - avete rovinato un'isola. Non vi vogliamo piu'". Intanto il gruppo di tunisini che aveva rubato le bombole di gas è ancora sorvegliato a vista preso il distributore di benzina per evitare che i lampedusani li possano aggredire. Alcuni di loro hanno delle ferite al volto.

    E' asserragliato nella sua stanza il sindaco di Lampedusa Dino De Rubeis che viene scortato da tre agenti di polizia, dopo che stamattina tre lampedusani hanno tentato di aggredirlo, contestandogli di avere tenuto una linea morbida sull'immigrazione. In un cassetto dell'ufficio, De Rubeis tiene una mazza da baseball. "Mi devo difendere, e sono pronto a usarla, scrivetelo pure", dice.

    Alla fine come c'era da aspettarsi i figghi del sole hanno reagito contro gli invasori.
    Sassi contro sassi, violenza contro violenza. Insomma una battaglia tra simili. Dato che la rivolta degli autoctoni è capitata in terra figlia del politicamente corretto non vi sono le solite critiche di indignati come se il fatto fosse capitato a nord.
    Allora le cose sarebbero diverse, e verrebbero tacciati di ignoranza e di potenziale fascismo. Adesso non è possibile, e diranno battaglie tra emarginati.
    Ho messo in grassetto alcuni passi... toni abbastanza pacati ma è evidente che c'è stata una gioranta di vera guerriglia, altro che la Val di Susa!
    Però in quel caso sceneggiate sui telegiornali, mentre ieri sera notiziola e morta li...
    Davvero hai ragione, se per caso fosse successo a Belluno o Cuneo, ci saremmo dovuti sorbire settimane di processo mediatico! Tu tti i vari terrons (e ascari di sinistra) a dirci quanto siamo cattivi, brutti, razzisti, al contrario di loro che sono tanto BBUOOONI... Invece hanno scatenato una caccia all'uomo e tutto va bene...
    Intendiamoci, non gliene faccio una colpa, non li si possono certo criticare per aver reagito.
    Quello che voglio far notare, ancora una volta, è il doppio pesismo di questo merdoso paese: loro hanno reagito al loro modo (da terrons) e tutto va bene, se noi diamo uno schiaffetto ad un extra siamo tacciati di razzismo a vita.

    ITAGLIA DI MERDA!!!!!
    Abbiamo lasciato sparire tanti sentieri, abbiamo lasciato incolti prati e boschi: siamo perduti in un esodo senza terre promesse. Ma la nostra terra promessa è qui, tra questi monti e questi sassi, qui per stillare latte e miele da questa dura terra

  4. #4
    Estinto
    Data Registrazione
    28 Mar 2010
    Località
    Eurasia
    Messaggi
    9,390
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: TERRONI CONTRO TUNISINI A LAMPEDUSA

    Citazione Originariamente Scritto da cgs71 Visualizza Messaggio
    Ho messo in grassetto alcuni passi... toni abbastanza pacati ma è evidente che c'è stata una gioranta di vera guerriglia, altro che la Val di Susa!
    Però in quel caso sceneggiate sui telegiornali, mentre ieri sera notiziola e morta li...
    Davvero hai ragione, se per caso fosse successo a Belluno o Cuneo, ci saremmo dovuti sorbire settimane di processo mediatico! Tu tti i vari terrons (e ascari di sinistra) a dirci quanto siamo cattivi, brutti, razzisti, al contrario di loro che sono tanto BBUOOONI... Invece hanno scatenato una caccia all'uomo e tutto va bene...
    Intendiamoci, non gliene faccio una colpa, non li si possono certo criticare per aver reagito.
    Quello che voglio far notare, ancora una volta, è il doppio pesismo di questo merdoso paese: loro hanno reagito al loro modo (da terrons) e tutto va bene, se noi diamo uno schiaffetto ad un extra siamo tacciati di razzismo a vita.

    ITAGLIA DI MERDA!!!!!
    Quando i meridionali hanno reagito a Rosarno, il processo mediatico lo hanno subito eccome: credo che la differenza con Lampedusa stia nel fatto che i ''migranti'' in Calabria o Italia del Nord vengono visti come ''oppressi'' dai sinistrati perche' impiegati in lavori manuali mentre gli autoctoni (anche se non sono datori di lavoro) vengono visti come gli ''oppressori'' e si attivano gli automatismi sulla ''lotta di classe'' e ''giustizia sociale'' presenti nel cervello bacato del giornalistume italico (ed occidentale) che e' prevalentemente di sinistra (comunista o liberal).
    A Lampedusa invece non vi e' un presunto rapporto oppressi/oppressori tra immigrati e lampedusani, in quanto i primi non sono lavoratori e i secondi vengono visti come martiri assediati sulla loro isoletta: i sinistrati non riescono a colpevolizzarli anche se vorrebbero.

    E' anche possibile che i media si focalizzano a caso sulle vicende per farne casi mediatici e riempire le pagine se non vi sono notizie piu' importanti mentre le ignorano in caso contrario (come La Crisi); ad esempio dieci anni fa' un intera cittadina spagnola si rivolto' contro gli immigrati nordafricani per vendicare una donna spagnola uccisa, devastandone il quartiere e cacciandoli sulle montagne: tuttavia qui in Italia se ne parlo poco.

    P.S. Bisogna fregarsene di essere chiamati razzisti: tanto a meno che non ti travesti da zerbino e ti dipingi ''welcome'' sulla schiena, ti chiameranno comunque in quel modo.
    Bisogna adattarsi al presente, anche se ci pare meglio il passato.

  5. #5
    Valsesiano-Padano-Europeo
    Data Registrazione
    07 Jan 2010
    Località
    Valsesia
    Messaggi
    1,677
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: TERRONI CONTRO TUNISINI A LAMPEDUSA

    Citazione Originariamente Scritto da Italiano Visualizza Messaggio
    Quando i meridionali hanno reagito a Rosarno, il processo mediatico lo hanno subito eccome: credo che la differenza con Lampedusa stia nel fatto che i ''migranti'' in Calabria o Italia del Nord vengono visti come ''oppressi'' dai sinistrati perche' impiegati in lavori manuali mentre gli autoctoni (anche se non sono datori di lavoro) vengono visti come gli ''oppressori'' e si attivano gli automatismi sulla ''lotta di classe'' e ''giustizia sociale'' presenti nel cervello bacato del giornalistume italico (ed occidentale) che e' prevalentemente di sinistra (comunista o liberal). A Lampedusa invece non vi e' un presunto rapporto oppressi/oppressori tra immigrati e lampedusani, in quanto i primi non sono lavoratori e i secondi vengono visti come martiri assediati sulla loro isoletta: i sinistrati non riescono a colpevolizzarli anche se vorrebbero.
    Guarda sono d'accordo con te quando parli degli automatismi dei gornalisti sinistrorsi, però in aggiunta la tuo discorso devi aggiungere oltra a questi automatismi, anche quelli di difesa della propria etnia, in quanto volenti o nolenti i girnalistucoli di questo paese, o perlomeno chi tira le file dei media è notoriamente terrons ed è palese che usi due metri di giudizio a seconda delle latitudini in cui accadono i fatti o delle latitudini di provenienza delle persone che li commettono. E' a dir poco palese il pregiudizio dei media ed il disgustoso collegamento automatico che fanno tra nord itaglia e razzismo. In quanto a Rosarno, si è vero se ne è parlato ma sicuramente non è stato nulla in confronto agli "stracciamenti di vesti" mediatici che ci sarebbero stati, se fosse avvenuto in Padania!

    Citazione Originariamente Scritto da Italiano Visualizza Messaggio
    P.S. Bisogna fregarsene di essere chiamati razzisti: tanto a meno che non ti travesti da zerbino e ti dipingi ''welcome'' sulla schiena, ti chiameranno comunque in quel modo.
    Condivido, sopratutto perchè gli talos fanno dell'accusa di razzismo nei nostri confronti, un'arma usandola per creare sensi di colpa, ogni qual volta cerchiamo di reclamare ciò che in altri paesi sarebbero chiamati nostri diritti...
    Abbiamo lasciato sparire tanti sentieri, abbiamo lasciato incolti prati e boschi: siamo perduti in un esodo senza terre promesse. Ma la nostra terra promessa è qui, tra questi monti e questi sassi, qui per stillare latte e miele da questa dura terra

  6. #6
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,717
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: TERRONI CONTRO TUNISINI A LAMPEDUSA

    Citazione Originariamente Scritto da Italiano Visualizza Messaggio
    Quando i meridionali hanno reagito a Rosarno, il processo mediatico lo hanno subito eccome: credo che la differenza con Lampedusa stia nel fatto che i ''migranti'' in Calabria o Italia del Nord vengono visti come ''oppressi'' dai sinistrati perche' impiegati in lavori manuali mentre gli autoctoni (anche se non sono datori di lavoro) vengono visti come gli ''oppressori'' e si attivano gli automatismi sulla ''lotta di classe'' e ''giustizia sociale'' presenti nel cervello bacato del giornalistume italico (ed occidentale) che e' prevalentemente di sinistra (comunista o liberal).

    fosse successa in Padania, una strage come a Rosarno, sarebbe venuto giù l'universo ... altro che balle
    Ultima modifica di sciadurel; 22-09-11 alle 14:17

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: TERRONI CONTRO TUNISINI A LAMPEDUSA

    Bisogna interrompere questa lotta tra meridionali e tunisini.
    Sono popoli fratelli , e non è giusto che i fratelli si picchino.
    O si taglia o il caos

  8. #8
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    11,808
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: TERRONI CONTRO TUNISINI A LAMPEDUSA

    Citazione Originariamente Scritto da jotsecondo Visualizza Messaggio
    Sono popoli fratelli , e non è giusto che i fratelli si picchino.
    Ma devono stabilire se un fratello minore può essere migliore del maggiore!

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: TERRONI CONTRO TUNISINI A LAMPEDUSA

    allora sono meglio i giudei o i cristiani ?
    anche qui si tratta di fratelli maggiori e fratrelli minori.

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: TERRONI CONTRO TUNISINI A LAMPEDUSA

    Citazione Originariamente Scritto da vota dc Visualizza Messaggio
    Ma devono stabilire se un fratello minore può essere migliore del maggiore!
    non esiste uno migliore e l'altro peggiore. Meridionali e tunisini sono perfettamente uguali.

    Solamente che i meridionali hanno avuto Dio che gli ha mandato i Padani a mantenerli, ma quando dividiamo si vedrà che meridionali e tunisini sono popoli gemelli omozigoti.
    O si taglia o il caos

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226