User Tag List

Pagina 1 di 13 1211 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 124

Discussione: I nostri obiettivi

  1. #1
    Cittadina del Mondo
    Data Registrazione
    20 Sep 2011
    Località
    Sicilia
    Messaggi
    672
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    19

    Predefinito I nostri obiettivi

    Ciao a tutte e a tutti.


    Questo è il mio quarto messaggio che ho scritto da quando mi sono registrata in questo forum. Non ho ancora detto esplicitamente a quale corrente politica io appartenga. In verità non lo so nemmeno io. Tuttavia, nel complesso le mie idee sono di sinistra. Scrivo in questa sezione perché, tra tutti i partiti che costellano l'universo della sinistra, i miei ideali sono rappresentati più fedelmente dal Partito della Rifondazione Comunista.


    Fatta questa doverosa premessa, giungo al cuore del topic: se ciascuno di voi avesse il potere di decidere le sorti del Paese, cosa fareste per migliorare la situazione attuale? Quali decisioni prendereste, se ricopriste un incarico istituzionale a livello nazionale? Per esempio: se foste parlamentari, quali punti conterrebbe il vostro programma?


    In fremente attesa di conoscere le vostre opinioni in merito, scrivo quello che desidererei si realizzasse al più presto:


    1) Ridurre il numero dei parlamentari;
    2) Tagliare i vitalizi e gli stipendi dei parlamentari;
    3) Introdurre nuovi posti di lavoro in tutti gli àmbiti, dappertutto in Italia;
    4) Incentivare l'uso di fonti energetiche alternative;
    5) Rinnovare i metodi di ricezione del patrimonio;
    6) Aumentare i controlli fiscali (e non solo quelli);
    7) Far pagare l'ICI alla Chiesa Cattolica;
    8) Rendere opzionale l'insegnamento della religione cattolica nelle scuole;
    9) Riscrivere la legge su temi quali il testamento biologico, l'eutanasia, l'aborto e così via;
    10) Sospendere la realizzazione delle cosiddette "grandi opere";
    11) Finanziare tutte le strutture scolastiche e di ricerca, motore della conoscenza;
    12) Far rispettare la legge a tutti, senza distinzione di censo, sesso, età, credo religioso e/o politico.


    Per non annoiarvi troppo, ho deciso che chiarirò in un altro post il punto 5).
    E voi, cosa fareste di buono per l'Italia e gli italiani?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    25,553
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: I nostri obiettivi

    bisogna far ripartire l'economia e dar da lavorare ai giovani (e il lavoro dev'essere dignitoso, indi per cui si alla flessibilità NO alla precarietà!)

    questo secondo me deve essere il primo obbiettivo della sinistra


    poi beh, su molti punti son d'accordo con te
    -Ma dai, sarà la bora..
    -Ma non siamo a Trieste!

  3. #3
    Anti-liberista
    Data Registrazione
    12 Apr 2010
    Località
    Abruzzo
    Messaggi
    22,800
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: I nostri obiettivi

    Decisiva una riforma seria della legge 30 (se non una abolizione e riscrittura completa di una legge sul lavoro), riducendo la disgregazione dei contratti, senza però mettere in discussione lo Statuto dei Lavoratori, come vorrebbero certi economisti.

    E chiaramente più giustizia fiscale.
    VOTA NO AL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE
    UN NO COSTITUENTE PER LA DEMOCRAZIA CONTRO L'AUSTERITA'
    http://www.sinistraitaliana.si/ - http://www.noidiciamono.it/

  4. #4
    Cancellato
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    55,426
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    4

    Predefinito Rif: I nostri obiettivi

    Ciao.

    Io sono stato sempre un elettore di Rifondazione, poi un giorno ho realizzato che il comunismo si basa su un gigantesco equivoco, visto che il plusvalore in senso marxiano non esiste. Una volta capito ciò, non ho potuto far altro che constatare che la maggior parte delle delle misure auspicate (alcune purtroppo ottenute) dalla sinistra sono o inutili o peggio capaci di provocare effetti imprevisti che danneggiano i soggetti che si vorrebbero invece favorire con queste misure.

    Fatta questa premessa, commento il tuo dodecalogo.

    1) Ridurre il numero dei parlamentari;
    Si può fare ma non ne vedo né il motivo né l'urgenza

    2) Tagliare i vitalizi e gli stipendi dei parlamentari;
    Auspicabile

    3) Introdurre nuovi posti di lavoro in tutti gli àmbiti, dappertutto in Italia;
    In che senso? Come lo "introduci" un posto di lavoro? Intendo proprio praticamente.

    4) Incentivare l'uso di fonti energetiche alternative;
    A che serve incentivare? Se un certo tipo di produzione non è conveniente, distorcendo il prezzo distorci anche gli incentivi. Guarda cosa è successo col solare in Spagna.

    5) Rinnovare i metodi di ricezione del patrimonio;
    Cosa intendi?

    6) Aumentare i controlli fiscali (e non solo quelli);
    Auspicabile, ma di difficile attuazione.

    7) Far pagare l'ICI alla Chiesa Cattolica;
    Auspicabile ma politicamente impossibile.

    8) Rendere opzionale l'insegnamento della religione cattolica nelle scuole;
    Mi sembra già lo sia...


    9) Riscrivere la legge su temi quali il testamento biologico, l'eutanasia, l'aborto e così via;

    Come la 7

    10) Sospendere la realizzazione delle cosiddette "grandi opere";
    Assolutamente necessario, esclusa la TAV che ormai è quasi finita

    11) Finanziare tutte le strutture scolastiche e di ricerca, motore della conoscenza;
    Necessario, ma non a pioggia.


    12) Far rispettare la legge a tutti, senza distinzione di censo, sesso, età, credo religioso e/o politico.
    Questo c'è già scritto in costituzione, ma concretamente poi come fai?


    Ecco, io credo che per poter attuare delle politiche bisogna avere ben chiari sia l'obiettivo sia il funzionamento del mondo, perché spesso un intervento sui "sintomi" ti provoca risultati inattesi e contrari. L'esempio più banale è il cosiddetto "equo" canone.

  5. #5
    Comunista
    Data Registrazione
    05 Oct 2009
    Località
    Pannesi, Liguria, Italy, Italy
    Messaggi
    4,636
    Mentioned
    124 Post(s)
    Tagged
    31 Thread(s)

    Predefinito Rif: I nostri obiettivi

    Citazione Originariamente Scritto da Carla Visualizza Messaggio
    Ciao a tutte e a tutti.


    Questo è il mio quarto messaggio che ho scritto da quando mi sono registrata in questo forum. Non ho ancora detto esplicitamente a quale corrente politica io appartenga. In verità non lo so nemmeno io. Tuttavia, nel complesso le mie idee sono di sinistra. Scrivo in questa sezione perché, tra tutti i partiti che costellano l'universo della sinistra, i miei ideali sono rappresentati più fedelmente dal Partito della Rifondazione Comunista.


    Fatta questa doverosa premessa, giungo al cuore del topic: se ciascuno di voi avesse il potere di decidere le sorti del Paese, cosa fareste per migliorare la situazione attuale? Quali decisioni prendereste, se ricopriste un incarico istituzionale a livello nazionale? Per esempio: se foste parlamentari, quali punti conterrebbe il vostro programma?


    In fremente attesa di conoscere le vostre opinioni in merito, scrivo quello che desidererei si realizzasse al più presto:


    1) Ridurre il numero dei parlamentari;
    2) Tagliare i vitalizi e gli stipendi dei parlamentari;
    3) Introdurre nuovi posti di lavoro in tutti gli àmbiti, dappertutto in Italia;
    4) Incentivare l'uso di fonti energetiche alternative;
    5) Rinnovare i metodi di ricezione del patrimonio;
    6) Aumentare i controlli fiscali (e non solo quelli);
    7) Far pagare l'ICI alla Chiesa Cattolica;
    8) Rendere opzionale l'insegnamento della religione cattolica nelle scuole;
    9) Riscrivere la legge su temi quali il testamento biologico, l'eutanasia, l'aborto e così via;
    10) Sospendere la realizzazione delle cosiddette "grandi opere";
    11) Finanziare tutte le strutture scolastiche e di ricerca, motore della conoscenza;
    12) Far rispettare la legge a tutti, senza distinzione di censo, sesso, età, credo religioso e/o politico.


    Per non annoiarvi troppo, ho deciso che chiarirò in un altro post il punto 5).
    E voi, cosa fareste di buono per l'Italia e gli italiani?
    buoni propositi ma credo quasi impossibili tipo il 7 l'ici da far pagare alla chiesa!

  6. #6
    Cittadina del Mondo
    Data Registrazione
    20 Sep 2011
    Località
    Sicilia
    Messaggi
    672
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    19

    Predefinito Rif: I nostri obiettivi

    Rispondo in modo particolare a Feliks e, più in generale, a tutti quanti avessero voglia di conoscere più approfonditamente i miei propositi per cambiare l'Italia.


    1) Se si riduce il numero dei parlamentari si riduce anche la spesa statale per mantenere questi ultimi. Ovvio, questa azione da sola non ci risolleverà dal debito pubblico, ma è un simbolo, un'idea che, se concretizzata, darà sicuramente i suoi frutti, benché piccoli. Meglio di niente. Inoltre, anche se ad esempio venisse dimezzato il numero dei deputati, sarebbe sempre garantita la proporzione tra il numero di deputati appartenenti a una certa corrente politica e il numero di voti ricevuti. Per esempio: attualmente i deputati sono 630, di cui 219 del PdL, 206 del PD, 59 leghisti, e così via. Se dimezzassimo il numero dei deputati, le proporzioni non cambierebbero: avremmo 315 deputati complessivi, di cui 109 del Pdl (ho arrotondato Brunetta per difetto), 103 del PD, 29 leghisti e così via. Ma sapete quanto ci costa ogni anno un solo deputato? Oltre 1780 euro al giorno, per un totale di 650.000 euro all'anno (fonte: publice). Son soldini, no?


    2) Siamo d'accordo.


    3) Il lavoro non manca mai. Ci sono mille modi diversi per creare occupazione. Ti faccio un esempio piccolo piccolo: costruendo un nuovo panificio, daresti lavoro a coloro i quali vendono il pane in quel panificio, ai fornai che lavorano lì, a colui il quale trasporta la farina dal luogo in cui essa viene prodotta fino al panificio. Stimoleresti la produzione di farina e, quindi, di grano; per cui gli agricoltori, vedendo che il mercato richiede una produzione maggiore di pane, coltiveranno più grano ricavandone un profitto. Se non credi nel profitto, parliamone dopo (concentriamoci solo su questi punti, per il momento! ). Ovviamente, questo discorso del "creare occupazione" investe tutti i campi: l'arte, la moda, lo spettacolo, ecc.


    4) l'Italia nel 2007 era ancora classificata come il paese europeo maggiormente dipendente dal petrolio per la produzione di energia elettrica. Ebbene, io non credo nel petrolio come fonte di energia necessaria per produrre energia elettrica, oltre che per altri fini, a lungo termine. Intendo dire che il petrolio durerà ancora per 130 anni (fonte: bioecogeo), il che non è poco. Ma esso non è una fonte energetica pulita: i riversamenti accidentali di petrolio sono in media 2.600 all'anno (fonte: EPA); i litri di petrolio riversati ogni anno negli oceani sono in media 3267 miliardi (fonte: EPA); ogni anno vengono riversati negli oceani in media 1634 miliardi di litri di olio lubrificante (fonte: EPA); il 50% di oli presenti nei corsi d'acqua navigabili proviene da oli lubrificanti scaricati illegalmente da privati (fonte: EPA); mille litri di olio possono contaminare 4 miliardi di litri di acqua potabile (fonte: EPA). Per quanto riguarda l'energia solare, il costo iniziale di un impianto fotovoltaico viene recuperato nel giro di una decina di anni. Addirittura puoi vendere tu stesso energia elettrica all'ENEL, ricavando un profitto (). Se venissero investiti molti più soldi per la Ricerca (ricordo che lo Stato italiano investe solo il 4,6% del P.I.L. nella Ricerca), il costo iniziale diminuirebbe esponenzialmente, cosicché gli impianti fotovoltaici, dal prezzo ormai accessibile, potrebbero essere acquistati da una sempre maggiore fetta della popolazione. Non mi sembra opportuno parlare in questa sede del nucleare, le cui materie prime (in primis plutonio e uranio) si esauriranno tra meno di 50 anni. Per non parlare delle scorie, dei costi di costruzione e smantellamento delle centrali nucleari e dei rischi connessi alla salute in caso di incidenti.


    5) Ecco cosa intendo per "rinnovamento dei metodi di ricezione del patrimonio (da parte dello Stato). Io credo che maggiori sono le informazioni che lo Stato possiede sul cittadino, più le tasse potranno essere su misura per quest'ultimo. Lo Stato plasmerà la tassazione attorno al cittadino, grazie ai dati da quest'ultimo forniti, come: abbisogno energetico giornaliero (cosa, quando, dove e quanto egli mangia), sport (quali, dove, quando, da e per quanto tempo essi vengono praticati), passatempi (vedi sport), uscite (per dove, se solo o in compagnia di un numero di persone da inserire in un determinato campo, con quali mezzi, per quanto tempo, se è previsto il pernottamento e, se sì, dove, per quanti giorni, in che struttura e di quale categoria), lavoro (come ci va, quanto tempo impiega per andarci, quanto tempo lavora), e così via.


    Ovviamente, tutte le informazioni che il cittadino dà allo Stato verranno inviate per via telematica e salvate su appositi supporti elettronici; esse sono modificabili in qualsiasi momento dal cittadino, il quale godrà di una copertura che gli fornisce adeguata privacy.


    Devono essere presi in considerazione tutti i dati utili del cittadino, in modo tale che lo Stato non privi il cittadino dei soldi necessari affinché quest'ultimo possa vivere una vita dignitosa. Un cittadino può anche dichiarare di guadagnare 120.000 euro ogni anno (ovvero, 10.000 euro al mese), possedere uno yacht di 20 metri, una Ferrari, una villa di 10.000 metri quadrati, terreni a bizzeffe, può mangiare caviale a colazione, e così via. Tutto questo il cittadino lo può fare, purché lo Stato indaghi sulla trasparenza delle attività lavorative di quel cittadino. Quest'ultimo non deve evadere, deve rispettare lo Statuto dei Lavoratori e, complessivamente, la sua attività lavorativa va sempre controllata. Se è tutto okay, lo Stato, al momento della tassazione, deve pretendere che il cittadino paghi una somma di denaro direttamente proporzionale al suo tenore di vita.


    In altre parole, il cittadino deve fornire dati sul suo tenore di vita. Tutte le informazioni che il cittadino dà allo Stato (cosa mangia, ogni quanto esce, in che categoria di albergo pernotta, ecc.) vengono salvati su supporti elettronici. La privacy è garantita: ad ogni dato immesso corrisponde un valore che, integrato con i valori provenienti dagli altri dati, tratteggia perfettamente a quale categoria quel cittadino appartenga (riccone di 1° grado, di 2° grado, di 3° grado; ricco di 1° grado, di 2° grado, di 3° grado; e così via, fino alla categoria del poveraccio di 3° grado). Ovviamente, le categorie alle quali appartengono i cittadini, verranno chiamate con nomi diversi da quelli che ho usato io.


    Facciamo un esempio: se il cittadino esce solitamente per tre o più volte alla settimana, al dato che egli inserisce in quel campo («3 o più») viene attribuito il valore massimo (per esempio 10); se il cittadino pernotta in un albergo a cinque stelle, al dato che egli inserisce in quel campo («5 stelle») viene attribuito il valore massimo (per esempio 10); se il cittadino mangia regolarmente caviale o altri cibi pregiati, al dato che egli inserisce in quel campo («caviale, aragosta, tartufo bianco...» e altri cibi pregiati) viene attribuito il valore massimo (per esempio 10). Alla fine, quando il cittadino ha compilato tutti i campi richiesti, il sistema informatico calcolerà i dati del cittadino. Da questo calcolo uscirà un valore; questo valore esprime quanto denaro può ricavare lo Stato tassando il cittadino, senza tuttavia penalizzare il cittadino per la sua condotta di vita!


    È questo il concetto che voglio farvi capire: maggiore è il numero di dati che lo Stato (ovvero, i sistemi informatici) ha a disposizione, maggiore è il grado di precisione nel tassare il cittadino. Nel tassarlo, lo Stato non lo priverà di certo delle sue abitudini (come mangiare caviale a colazione), però ricava del denaro in proporzione alla ricchezza del cittadino.


    Dal punto di vista informatico la creazione di un simile sistema non è affatto difficile. Basta preparare un sito apposito in cui ogni cittadino possa avere un proprio account, al quale potrà accedere e modificare i propri dati in qualsiasi momento. Nessuno vedrebbe i dati immessi dal cittadino, perché i calcoli avvengono elettronicamente. A ogni informazione data dal cittadino viene attribuito un valore. Il risultato complessivo derivante dal calcolo dei singoli dati dà la misura di quanto il cittadino debba pagare allo Stato. Ogni tot mesi, il cittadino va a controllare se deve pagare qualcosa, ai sensi di un certa legge elaborata in un certo anno.


    Qual è la sfida più difficile da superare? Che ogni cittadino dichiari il giusto. Vedete, se un cittadino è pulito e onesto, se non nasconde nulla allo Stato, allora egli non avrà niente da temere, perché lo Stato si farà pagare da lui in proporzione ai dati da lui immessi. Tali dati - come ho detto prima - non penalizzeranno il cittadino, non lo priveranno di nulla. Chi fa il furbetto deve tremare, perché ogni Stato deve farsi pagare per i suoi servizi che esso offre alla collettività. Per questo, la parolina magica, ancora una volta, è una sola: controlli.


    6) Siamo d'accordo.


    7) Spiegami perché debba essere impossibile che la Chiesa Cattolica paghi l'ICI. Essa è un soggetto giuridico con pari diritti e pari doveri tali e quali a quelli di tutti i cittadini possessori di beni immobiliari.


    8) E' vero, l'insegnamento della religione nelle scuole è una opzione sulla carta; ma la realtà, purtroppo, si presenta in modo ben diverso. C'è una mancanza di insegnanti preposti all'insegnamento di attività alternative; ma, come ho già scritto prima, la vera ingiustizia deriva dal fatto che la religione - che dovrebbe essere una materia opzionale - fa credito.


    9) Perché dovrebbe essere impossibile riscrivere le leggi sull'aborto, sull'eutanasia, sulla fecondazione assistita, e compagnia bella? Questi temi non hanno nulla a che vedere con la politica, bensì con la Chiesa che, prepotentemente, ci impone il suo modo di vedere le cose. Non siamo liberi nemmeno di crepare come vogliamo.


    10) Siamo d'accordo. Però mi dispiace per il completamento della TAV. Ci sono altri modi per trasportare le merci. Qualcuno ha guadagnato molto bene dietro a questo affare.


    11) Hai ragione: non a pioggia, bensì a valanga. L'80% delle strutture scolastiche non è nemmeno a norma di legge!


    12) Come si fa a far rispettare le leggi? Controlli, controlli, controlli... e ancora controlli. Anche questa sarebbe una buona opportunità per creare nuovi posti di lavoro.
    Ultima modifica di Carla; 23-09-11 alle 22:08 Motivo: Modifica delle fonti

  7. #7
    Visitors Addicted
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Località
    We are everywhere
    Messaggi
    30,280
    Mentioned
    56 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Rif: I nostri obiettivi

    Ciao, benvenuta.

    I punti che hai proposto per quanto interessanti, fanno comunque parte di tutte quelle iniziative sovrastrutturali che non agiscono direttamente sull'impostazione economico/sociale del nostro paese.

    Questo è un problema e un equivoco che è alla base del pensiero di tanti onesti elettori di sinistra i quali si fermano spesso al futile tralasciando l'utile..rifondazione non è stata esente da certi problemi.

  8. #8
    Cittadina del Mondo
    Data Registrazione
    20 Sep 2011
    Località
    Sicilia
    Messaggi
    672
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    19

    Predefinito Rif: I nostri obiettivi

    Ciao WalterA e grazie del benvenuto.


    So bene che questi problemi si trovano sulla superficie della piattaforma del capitalismo. Non desidero continuare la conversazione chiedendoci quale altro sistema economico sia il migliore per l'Italia, perché usciremmo dai binari principali sui quali si muove la discussione.

  9. #9
    Sessantottino radicalchic
    Data Registrazione
    06 Jul 2011
    Località
    Dove si soffre ferocemente l'ulcera politica
    Messaggi
    7,338
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: I nostri obiettivi

    Citazione Originariamente Scritto da Carla Visualizza Messaggio
    Ciao a tutte e a tutti.


    Questo è il mio quarto messaggio che ho scritto da quando mi sono registrata in questo forum. Non ho ancora detto esplicitamente a quale corrente politica io appartenga. In verità non lo so nemmeno io. Tuttavia, nel complesso le mie idee sono di sinistra. Scrivo in questa sezione perché, tra tutti i partiti che costellano l'universo della sinistra, i miei ideali sono rappresentati più fedelmente dal Partito della Rifondazione Comunista.


    Fatta questa doverosa premessa, giungo al cuore del topic: se ciascuno di voi avesse il potere di decidere le sorti del Paese, cosa fareste per migliorare la situazione attuale? Quali decisioni prendereste, se ricopriste un incarico istituzionale a livello nazionale? Per esempio: se foste parlamentari, quali punti conterrebbe il vostro programma?


    In fremente attesa di conoscere le vostre opinioni in merito, scrivo quello che desidererei si realizzasse al più presto:


    1) Ridurre il numero dei parlamentari;
    2) Tagliare i vitalizi e gli stipendi dei parlamentari;
    3) Introdurre nuovi posti di lavoro in tutti gli àmbiti, dappertutto in Italia;
    4) Incentivare l'uso di fonti energetiche alternative;
    5) Rinnovare i metodi di ricezione del patrimonio;
    6) Aumentare i controlli fiscali (e non solo quelli);
    7) Far pagare l'ICI alla Chiesa Cattolica;
    8) Rendere opzionale l'insegnamento della religione cattolica nelle scuole;
    9) Riscrivere la legge su temi quali il testamento biologico, l'eutanasia, l'aborto e così via;
    10) Sospendere la realizzazione delle cosiddette "grandi opere";
    11) Finanziare tutte le strutture scolastiche e di ricerca, motore della conoscenza;
    12) Far rispettare la legge a tutti, senza distinzione di censo, sesso, età, credo religioso e/o politico.


    Per non annoiarvi troppo, ho deciso che chiarirò in un altro post il punto 5).
    E voi, cosa fareste di buono per l'Italia e gli italiani?
    Sono tutti punti che condivido pienamente. Riguardo il 9), si tratta di revisione in senso progressista e laico di quelle leggi, immagino.

    Aggiungerei questi http://forum.politicainrete.net/sini...-sinistra.html e la riduzione drastica di tutte le spese militari.
    "Io non intendo sostenere una moralità basata sull'evoluzione: dico come le cose si sono evolute e non come noi esseri umani dovremmo comportarci.", Richard Dawkins

  10. #10
    Visitors Addicted
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Località
    We are everywhere
    Messaggi
    30,280
    Mentioned
    56 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Rif: I nostri obiettivi

    Posto qui un articolo che potrebbe far riflettere...a me è piaciuto molto specie per come è stato scritto....

    In difesa di Silvio Berlusconi (e tutta la sua banda di ruffiani predatori e tagliagole) | through europe

 

 
Pagina 1 di 13 1211 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 17-04-10, 18:40
  2. Risposte: 232
    Ultimo Messaggio: 29-11-07, 17:28
  3. Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 26-04-06, 16:44
  4. Sinistra:3 Condizioni per realizzare i Nostri Obiettivi
    Di Danny nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 27-12-05, 18:26
  5. La nostra identità - i nostri obiettivi....
    Di ennerre nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-12-02, 12:25

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226