User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    Forumista
    Data Registrazione
    27 Apr 2009
    Località
    Perugia
    Messaggi
    359
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito SICUREZZA? NON MASSIFICHIAMOCI.

    Vi pubblico il nostro articolo uscito su un mensile perugino distribuito nelle edicole di Perugia. Vorrei sapere, sinceramente, il vostro pensiero senza soffermarvi sul discorso immigrazione.

    SICUREZZA? NON MASSIFICHIAMOCI.

    Il `popolino´ è sempre ben accondiscendente e silenzioso. Massificato dalla società, l'individuo si mischia nel "gregge delle pecore" invece di cercare il "branco di Lupi". Questo avviene da tempo a Perugia, in Italia e nel resto del mondo. Milioni di persone che ogni giorno fanno le stesse cose, ascoltano la stessa musica, vestono le solite marche, usano termini fuori dalla loro lingua d´origine per sentirsi alla moda e, tra una puntata del grande fratello o la nuova invenzione di `faccialibro´, ingurgitano qualcosa di pseudo commestibile comprato nei grandi circuiti multinazionali americani. Di rado si `svegliano´ e gridano allo scandalo nel momento in cui sentono parlare di aggressioni, stupri e risse con tanto di coltelli che sembrano sciabole. Benvenuti nella realtà!


    Da tempo la nostra città è in balia di bande criminali che usano come campo di battaglia le nostre strade e utilizzano i nostri quartieri come mercati per trafficare le sostanze che imbambolano i nostri giovani. Non di molto tempo fa è la notizia dell´ennesimo parapiglia in centro, in pieno giorno, scatenato da extracomunitari e che ha coinvolto inevitabilmente turisti e cittadini perugini che impauriti scappavano a destra e a manca. Quotidianamente, oltre al centro storico, sono interessati da questi "fenomeni" molti altri quartieri, periferici e non; basti pensare alle risse con tanto di omicidi in Piazza del Bacio o alla situazione disastrosa di Via della Pallotta. Zone invivibili dove dilagano inevitabili paure che portano i residenti ad andarsene, i turisti a non tornare e gli studenti a cercare altre città dove poter studiare e cercare un proprio "accesso al futuro".


    In questi giorni abbiamo assistito, insieme ad altre scene come quelle sopra descritte, alla campagna elettorale per le amministrative, dove, ancora una volta, a primeggiare, sono stati gli slogan vuoti di coloro che, mai visti prima, inneggiano alla sicurezza e al cambiamento, e dalle scontate risposte dei soliti noti che da anni amministrano la città; una "città nell´abisso" grazie a chi da sessant´anni ci governa, grazie a chi ci governerà e grazie soprattutto a chi, nel mutismo, nella rassegnazione e nel falso pietismo, fa finta di non vedere. C´è bisogno di gente che sa fare e dare, c´è bisogno di gente che, mettendo il tornaconto personale da una parte, inizi a realizzare per il bene della Comunità.


    Una Comunità che deve obbligatoriamente essere composta di Uomini veri e liberi. Il ripristino della vivibilità della nostra città passa imprescindibilmente per la riconquista degli spazi sociali basilari: piazze, strade, quartieri. Iniziare a riprenderci gli spazi dovuti, uscire nei parchi con le nostre famiglie e ripopolare il centro storico, perché questo torni ad essere "acropoli" nel senso pieno del termine. Sarebbe questo, oltre che un buon inizio, un passo necessario verso la conquista della "sicurezza organica" alla quale abbiamo diritto, oltre che un' ottima risposta a chi ci vorrebbe consumatori sordi e muti buoni solo a riempire i centri commerciali che ormai saturano e abbruttiscono il nostro territorio.


    Scendere in strada quindi, vivere la nostra città, le sue strade e le sue piazze, far rinascere i rapporti comunitari fra i suoi cittadini che, in essa, dovrebbero naturalmente svilupparsi, è punto fondamentale per riconquistarla.


    Di Fabio Polese, Associazione Culturale Tyr Perugia
    Pubblicato su Free Press Perugia
    Perugiafreepress’s Blog
    www.controventopg.splinder.com
    Bisogna camminare su una corda tesa, sopra l'abisso, nel buio, sotto c'è pieno di mostri.
    Céline

    www.fabiopolese.it

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista
    Data Registrazione
    27 Apr 2009
    Località
    Perugia
    Messaggi
    359
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: SICUREZZA? NON MASSIFICHIAMOCI.

    Bisogna camminare su una corda tesa, sopra l'abisso, nel buio, sotto c'è pieno di mostri.
    Céline

    www.fabiopolese.it

  3. #3
    Forumista
    Data Registrazione
    27 Apr 2009
    Località
    Perugia
    Messaggi
    359
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: SICUREZZA? NON MASSIFICHIAMOCI.

    Il blog di Free Press dove trovate tutti gli articoli: Perugiafreepress’s Blog
    Bisogna camminare su una corda tesa, sopra l'abisso, nel buio, sotto c'è pieno di mostri.
    Céline

    www.fabiopolese.it

  4. #4
    SuperMod
    Data Registrazione
    26 Mar 2005
    Località
    Gubbio
    Messaggi
    52,137
    Mentioned
    914 Post(s)
    Tagged
    28 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: SICUREZZA? NON MASSIFICHIAMOCI.

    Citazione Originariamente Scritto da TyrMask Visualizza Messaggio
    Vi pubblico il nostro articolo uscito su un mensile perugino distribuito nelle edicole di Perugia. Vorrei sapere, sinceramente, il vostro pensiero senza soffermarvi sul discorso immigrazione.

    [/B]
    Beh se vuoi il mio parere l'articolo sulla sicurezza della città (di perugia in questo caso) tira fuori una tesi che non è nuovissima (l'ho sentita proporre da molti) ma che ha comunque un senso: per avere una città sicura occorre che i suoi cittadini si riappropino delle strade e delle piazze. Il fatto però vedi è che mentre nelle piccole città umbre una vita "comunitaria" ancora esiste anche se pure li è un po' in sofferenza (vita comunitaria intesa come gente che si conosce, che frequenta le strade e le piazze e che vive come un suo spazio il proprio centro storico) a Perugia , che per le dimensioni umbre è una grande città, ormai da tempo la gente non vive piu come suoi gli spazi cittadini o quantomeno li frequenta molto meno di un tempo e questo già prima che scoppiasse la bolla della "sicurezza". D'altra parte è anche vero che la vita sociale di una città ha dinamiche sociali diverse da quelle delle cittadine .

  5. #5
    Forumista
    Data Registrazione
    27 Apr 2009
    Località
    Perugia
    Messaggi
    359
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: SICUREZZA? NON MASSIFICHIAMOCI.

    Citazione Originariamente Scritto da C@scista Visualizza Messaggio
    Beh se vuoi il mio parere l'articolo sulla sicurezza della città (di perugia in questo caso) tira fuori una tesi che non è nuovissima (l'ho sentita proporre da molti) ma che ha comunque un senso: per avere una città sicura occorre che i suoi cittadini si riappropino delle strade e delle piazze. Il fatto però vedi è che mentre nelle piccole città umbre una vita "comunitaria" ancora esiste anche se pure li è un po' in sofferenza (vita comunitaria intesa come gente che si conosce, che frequenta le strade e le piazze e che vive come un suo spazio il proprio centro storico) a Perugia , che per le dimensioni umbre è una grande città, ormai da tempo la gente non vive piu come suoi gli spazi cittadini o quantomeno li frequenta molto meno di un tempo e questo già prima che scoppiasse la bolla della "sicurezza". D'altra parte è anche vero che la vita sociale di una città ha dinamiche sociali diverse da quelle delle cittadine .
    Io sinceramente l'ho sentita proporre da pochi, anche perchè, il binomio scontato e falso che va di moda è: sicurezza = polizia.
    Tutti parlano e si scandalizzano, ma la verità è che nessuno fa nulla per riconquistare gli spazi.
    Bisogna camminare su una corda tesa, sopra l'abisso, nel buio, sotto c'è pieno di mostri.
    Céline

    www.fabiopolese.it

  6. #6
    Forumista
    Data Registrazione
    27 Apr 2009
    Località
    Perugia
    Messaggi
    359
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: SICUREZZA? NON MASSIFICHIAMOCI.

    Interessante articolo:

    Il Panottico.
    Le società occidentali dispongono oggi di strumenti di sorveglianza e di controllo che i regimi totalitari di un tempo avrebbero soltanto potuto sognare. E li usano ogni giorno un po’ di più. Questa sorveglianza viene ad aggiungersi al “politicamente corretto”, che cerca di imporre le sue norme all’opinione pubblica tramite l’impiego di parole imposte a tutti, al “pensiero unico”, che tende a sostituire al dibattito il sermone, all’invadente igienismo, che mira a regolare le abitudini in nome del Bene, alla regolamentazione delle preferenze e delle predilezioni, che va direttamente contro la libertà di espressione, ed infine alla propaganda, che oggi viene chiamata pubblicità. In questi ultimi anni, la sicurezza è diventata una preoccupazione politica essenziale. Soddisfare tale preoccupazione senza mettere in pericolo le libertà è un problema che non data da ieri. All’interno della “società del rischio”, l’insicurezza reale o presunta genera un clima di incertezza e di paura che è in grado di far nascere ogni tipo di ossessione. L’apparato di rassicurazione utilizza questo clima per mettere sotto controllo la società. Scomparsi i totalitarismi classici, fanno la loro comparsa altre logiche, più sottili, di servitù e di dominio. Esse assumono la forma di un complesso ingranaggio di proibizioni e regolamentazioni, che si legittimano attraverso onnipresenti minacce. I pretesti sono sempre eccellenti: si tratta di lottare contro la delinquenza, di vigilare sulla nostra salute, di aumentare la sicurezza, di controllare meglio l’immigrazione illegale, di proteggere i giovani, di lottare contro la “cybercriminalità” e via dicendo. L’esperienza tuttavia dimostra che i provvedimenti adottati all’inizio nei confronti di un piccolo numero di persone vengono sempre poi estese all’insieme dei cittadini. Una volta ammesso il principio, non resta che generalizzarlo. Scrive il filosofo Giorgio Agamben: “Da alcuni anni si cerca di convincerci ad accettare come dimensioni umane e normali della nostra esistenza prassi di controllo che erano sempre state considerate eccezionali e tipicamente inumane”. Il problema è che, per garantirsi la sicurezza, gli uomini sono stati in ogni epoca pronti ad abbandonare le loro libertà. La “lotta contro il terrorismo” è, da questo punto di vista, esemplare. Essa consente di instaurare su scala planetaria uno stato di eccezione permanente. Negli Stati Uniti, gli attentati del settembre 2001 hanno avuto come conseguenza diretta enormi restrizioni delle libertà pubbliche. Quel modello si sta generalizzando. A causa della sua virtuale onnipresenza, il terrorismo provoca paure particolarmente redditizie e sfruttabili. Contro il nemico invisibile, la mobilitazione non può che essere totale, dato che in una simile situazione tutti sono immancabilmente sospettabili. La lotta contro il terrorismo permette ai poteri pubblici di imporsi sulla propria società civile perlomeno tanto quanto sui propri nemici designati. Al di là della sua realtà immediata, il terrorismo può perciò essere definito come un fenomeno generatore di un terrore convertibile in un capitale politico che profitta, più che ai suoi artefici, a coloro che se ne servono come di uno spauracchio per condizionare e mettere la museruola ai loro stessi concittadini.
    Le democrazie liberali, ostili ad ogni opacità sociale, si sono date un ideale di “trasparenza” che può essere realizzato soltanto attraverso la suddivisione a scacchiera della società per tenerla sotto stretto controllo poliziesco. La società si trasforma allora in un bunker protetto da tesserini magnetici, codici di accesso, telecamere di sorveglianza. La moltiplicazione degli spazi privativi, sempre a fini di sicurezza, li sottrae al flusso sociale e finisce col far scomparire il concetto stesso di spazio comune, che è lo spazio della cittadinanza. Entra così in funzione un Panottico ben più temibile di quello previsto da Jeremy Bentham, ma la cui funzione è la stessa: vedere tutto, sentire tutto, controllare tutto. All’interno di una società di assistenza generalizzata, in cui ormai i problemi sociali hanno a che vedere soltanto con la “cellula di assistenza psicologica” e la sciocca ossessione del “dialogo” fa credere che, attraverso la discussione, tutto sia negoziabile e possa trovare una soluzione, l’imposizione della conformità – o, come la chiama Xavier Raufer, della “monocromia” – avviene nel mondo in cui, in informatica, viene operata la formattazione di un disco duro, in maniera tale da fargli accettare una sola categoria di software o di programmi. Di conseguenza, è più facile capire perché l’ideologia dominante parla più volentieri di diritti che di libertà, dal momento che l’instaurazione di un nuovo diritto si accompagna inevitabilmente a un controllo illimitato della sua applicazione.
    La figura che la società di mercato cerca di promuovere è quella dell’eterno adolescente, in preda a una dipendenza da consumo permanente: le merce come droga. Economia pulsionale, nella quale l’energia è riconvertita in puro movimentismo, in semplice capacità di distrarsi. Questo divertimento, nel senso pascaliano del termine, si apparenta a una diversione. Distoglie dall’essenziale, contribuendo all’espropriazione dell’Io. Fare paura da un lato, divertire dall’altro, cioè condurre a distogliere dall’essenziale, impedire che si possa riflettere o dare prova di spirito critico. Fare di tutto affinché le persone producano e consumino, senza interrogarsi su qualcosa che si collochi al di là delle loro preoccupazioni e dei loro desideri immediati, senza mai impegnarsi in un progetto collettivo che possa renderli più autonomi. La società, resa docile in questo modo, diventa quel “gregge di animali timidi e industriosi” di cui parlava Tocqueville. È l’ideale dell’allevamento di volatili in batteria.
    Il fatto più significativo è la correlazione osservabile fra la perdita di autorità e l’obsolescenza politica dello Stato nazionale e il rafforzamento del suo apparato repressivo. Nel momento stesso in cui si disimpegna progressivamente dall’ambito economico e sociale, lo Stato legifera e controlla sempre più i suoi cittadini. Il vantaggio, per lui, consiste nel fatto che, in materia di sicurezza, non è tenuto ad un obbligo di conseguimento di risultati. O per dirla ancora meglio: il suo interesse sta nel non ottenerne troppi, perché è così che può giustificare la pretesa di rendere permanenti le sue politiche di controllo e di sorveglianza: “Non si rinnova la fiducia ad un governo che predica il tutto-per-la-sicurezza perché è riuscito a ridurre l’insicurezza. Gli si rinnova la fiducia perché l’insicurezza persiste”, ha scritto Percy Kemp. Il vero scopo non è dunque tanto sopprimere l’insicurezza, che è pane benedetto per coloro che ne approfittano, bensì mantenerla, così da rendere possibile l’applicazione di una sorveglianza sempre più generalizzata.
    Si tratta, in fin dei conti, di creare un caos latente che, senza oltrepassare una certa soglia, sia sufficiente ad inibire ogni velleità di reazione collettiva. La stessa tattica la si osservava ieri contro le “classi pericolose”, con l’obiettivo inconfessato di eliminare i devianti, i sostenitori di un punto di vista discordante. Oggi sono gli stessi popoli che, agli occhi della Forma-Capitale e delle oligarchie regnanti, sono diventati nel loro insieme la “classe pericolosa”. Sono i popoli i soggetti che vanno addomesticati. Per impedire loro di elaborare progetti collettivi di emancipazione e di autonomia, basta far loro paura. A questo serve il Panottico. Diceva Péguy: “Quando non è il martirio fisico, sono le anime che non riescono più a respirare”.

    Articolo di Alain de Benoist, tratto da: www.ariannaeditrice.it
    Bisogna camminare su una corda tesa, sopra l'abisso, nel buio, sotto c'è pieno di mostri.
    Céline

    www.fabiopolese.it

 

 

Discussioni Simili

  1. SICUREZZA? NON MASSIFICHIAMOCI.
    Di TyrMask nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 20-06-09, 13:38
  2. SICUREZZA? NON MASSIFICHIAMOCI.
    Di TyrMask nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 20-06-09, 05:22
  3. SICUREZZA? NON MASSIFICHIAMOCI.
    Di TyrMask nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-06-09, 05:11
  4. Sicurezza: Bocchino, opposizione voti pacchetto sicurezza con noi
    Di tenerino (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 18-05-08, 23:47
  5. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 31-07-07, 22:12

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226