User Tag List

Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 43

Discussione: I popoli Padani

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito I popoli Padani

    La nascita in politica della parola Padania.

    La prima volta che fu usata la parola “”padano”” in politica.

    Nel 1954 venne fondato in Piemonte il “ Movimento Autonomia Regionale Piemontese”” ( MARP) che ebbe successo nelle elezioni dell'anno successivo.

    Poi nel 1958 avvenne una scissione copiando esattamente cosa avvenne 29 anni dopo (1987) per l’Union Piemonteisa e la Liga Veneta contemporaneamente prima delle votazioni.

    E tutto andò a scatafascio, dimostrando che roma è sempre stata vigile e usa i medesimi sistemi., in quanto roma ha sempre saputo che l’italia è uno stato posticcio che non può durare, ed allora ha sempre operato con oculatezza.

    E oggi se la partitocrazia può continuare a mangiare a 4 palmenti è merito del lavoro fatto negli ultimi 60 anni.

    Nel 1955 ( visto il successo del MARP in Piemonte) venne fondato il MAB “” Movimento Autonomista Bergamasco”
    Il presiedente del MAB era il medico dentista Calderoli: Commendatore dell’Ordine di San Silvestro,.
    Notare come nel bergamasco vi sono sempre stati dentisti Calderoli.

    IL MAB e il MARP nell’anno successivo formarono il “”Movimento Autonomie Regionali Padane” e nella Lombardia nasceva il giornale “La Regione Lombarda””.

    Ed allora i movimenti autonomisti trentini, piemontesi e lombardi incominciarono a collaborare.

    Prima di allora era stato fondato un movimento fantasma “Partito Settentrionale del Popolo Cisalpino” sovvenzionato dalla “Associazione amici della Iugoslavia””

    Persone uscite dal PCI che volevano la formazione di zone indipendenti nel Nord e invaderle.

    Stalin non voleva che si invadesse l’italia, ma Tito pensava che se una zona si distaccava si potesse occupare.

    Come si vede la parola Padana sorge nel 1955.
    E da questo si può parlare dei popoli Padani.
    Ultima modifica di jotsecondo; 01-10-11 alle 14:19
    O si taglia o il caos

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    tra Baltico e Adige
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Località
    terra dei cachi
    Messaggi
    9,567
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: I popoli Padani

    In ogni caso i popoli padani non esistono...e se lo dice un napoletano c'è da credergli, esiste un popolo più moralmente onesto di quello?



  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    23 Dec 2009
    Messaggi
    373
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: I popoli Padani

    Citazione Originariamente Scritto da jotsecondo Visualizza Messaggio
    La nascita in politica della parola Padania.

    La prima volta che fu usata la parola “”padano”” in politica.
    ...
    Come si vede la parola Padana sorge nel 1955.
    E da questo si può parlare dei popoli Padani.
    piccola grande bella pagina di storia mancante nella coscienza padanoalpina a cagiòn del feroce accanimento italiano contro i nostri popoli e la loro libertà...

    il fatto è ke il Kapone Napoletano, coerente con la sua kultura e tradizione popolare, è prepotente ed imbroglione e poikè ha anke potere lo usa in detrazione delle nostre giuste rivendicazioni identitarie e statuali Padalpine...
    sa benissimo ke senza la servitù nostra la sua gente italiana scadrebbe al gradino sociale del progresso umano più simile ai paesi sottosviluppati ke all'europa

    afferma, il maneggione dei rimborsi spese dell'EU, ke la Padania senza il Popolo Merdionale italiano non potrebbe competere nel mondo ... e kuando mai !?... lo fa ora e lo farebbe ankòr meglio se non avessimo la zavorra mafioso_kamoirista_italiana ke ci denigra e deprima viep+...

    muoia kuest'italia infame e si facciano nuova casa le famiglie Padalpine...
    cacciamo dal nostro Territorio gli invasori italiani estortori di diritti e dignità nazionale ...


    in fede padanoalpina...

    .
    Unione Konfederale Cisalpina

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    369
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: I popoli Padani

    Citazione Originariamente Scritto da jotsecondo Visualizza Messaggio
    La nascita in politica della parola Padania.

    La prima volta che fu usata la parola “”padano”” in politica.
    ....................
    IL MAB e il MARP nell’anno successivo formarono il “”Movimento Autonomie Regionali Padane” e nella Lombardia nasceva il giornale “La Regione Lombarda””.
    ............................
    Come si vede la parola Padana sorge nel 1955.
    E da questo si può parlare dei popoli Padani.
    Quanto al vocabolo "padano"...esso nasce prima del 55.
    Quanto al "popolo Padano" esso NON esiste e non è mai esistito.
    Esistono invece molti popoli della cintura Padano-Alpina (cioè Cisalpini) con confine fonetico gallo-celtico nella linea Senigallia-Seravezza.

    L'autonomia dei popoli "padano Alpini" fu profetizzata da Carlo Cattaneo e ripresa con la Carta di Chivasso del 1943...eccola:
    DICHIARAZIONE DEI RAPPRESENTANTI DELLE POPOLAZIONI ALPINE
    nota come
    'CARTA DI CHIVASSO'

    redatta a conclusione di un convegno clandestino tenutosi in Chivasso il 19-12-1943 e firmata dai resistenti Émile Chanoux, Ernesto Page, Gustavo Malan, Giorgio Peyronel, M. A. Rollier, Osvaldo Coisson,

    Noi popolazioni delle valli alpine

    CONSTATANDO che i venti anni di mal governo livellatore ed accentratore sintetizzati dal otto
    brutale e fanfarone di "Roma doma" hanno avuto per le nostre valli i seguenti dolorosi e significativi risultati:

    a) OPPRESSIONE POLITICA attraverso l'opera dei suoi agenti politici ed amministrativi (militi, commissari, prefetti. federali, insegnanti), piccoli despoti incuranti ed ignoranti di ogni tradizione locale di cui furono solerti distruttori;
    b) ROVINA ECONOMICA per la dilapidazione dei loro patrimoni forestali ed agricoli, per l'interdizione della emigrazione con la chiusura ermetica delle frontiere, per l'effettiva mancanza di organizzazione tecnica e finanziaria dell'agricoltura, mascherata dal
    vasto sfoggio di assistenze centrali, per la incapacità di una moderna organizzazione turistica rispettosa dei luoghi; condizioni tutte che determinarono lo spopolamento alpino;
    c) DlSTRUZIONE DELLA CULTURA LOCALE per la soppressione della lingua fondamentale locale, laddove esiste, la brutale e goffa trasformazione dei nomi e delle iscrizioni locali, la chiusura di scuole e di istituti locali autonomi, patrimonio culturale che è anche una ricchezza ai fini della emigrazione temporanea all'estero;

    AFFERMANDO

    a) che la libertà di lingua come quella di culto è condizione essenziale per la salvaguardia della personalità umana;
    b) che il federalismo è il quadro più adatto a fornire le garanzie di questo diritto individuale e collettivo e rappresenta la soluzione del problema delle piccole nazionalità e la definitiva liquidazione del fenomeno storico degli irredentismi, garantendo nel futuro assetto europeo l'avvento di una pace stabile e duratura;
    c) che un regime Federale repubblicano a base regionale e cantonale è l'unica garanzia contro un ritorno della dittatura, la quale trovò nello stato monarchico accentrato italiano lo strumento già pronto per il proprio predominio sul paese;fedeli allo spirito migliore del Risorgimento

    DICHIARIAMO quanto segue:

    AUTONOMIE POLITICHE AMMINlSTRATIVE

    1) Nel quadro generale del prossimo stato italiano che economicamente ed amministrativamente auspichiamo sia organizzato con criteri federalistici, alle valli alpine dovrà essere riconosciuto il diritto di costituirsi in comunità politico-amministrative autonome sul tipo cantonale;
    2) come tali ad esse dovrà comunque essere assicurato, quale che sia la loro entità numerica, almeno un posto nelle assemblee legislative regionali e cantonali;
    3) l'esercizio delle funzioni politiche ed amministrative locali (compresa quella giudiziaria) comunali e cantonali, dovrà essere affidato ad elementi originari del luogo o aventi ivi una residenza stabile di un determinato numero di anni che verrà fissato dalle assemblee locali;




    AUTONOMIE CULTURALI E SCOLASTICHE


    Per la loro posizione geografica di intermediarie tra diverse culture, per il rispetto delle loro tradizioni e della loro personalità etnica, e per i vantaggi derivanti dalla conoscenza di diverse lingue, nelle valli alpine deve essere pienamente rispettata e garantita una particolare autonomia culturale linguistica consistente nel:

    1) diritto di usare la lingua locale, là dove esiste, accanto a quella italiana, in tutti gli atti pubblici e nella stampa locale;
    2) diritto all'insegnamento della lingua locale nelle scuole di ogni ordine e grado con le necessarie garanzie nei concorsi perché gli insegnanti risultino idonei a tale insegnamento. L'insegnamento in genere sarà sottoposto al controllo o alla direzione di un consiglio locale;

    AUTONOMIE ECONOMICHE

    Per facilitare lo sviluppo dell'economia montana e conseguentemente combattere lo spopolamento delle vallate alpine, sono necessari:
    1) un comprensivo sistema di tassazione delle industrie che si trovano nei cantoni alpini
    (idroelettriche, minerarie, turistiche, di trasformazione, ecc.) in modo che una parte dei loro utili torni alle vallate alpine, e ciò indipendentemente dal fatto che tali industrie siano o meno collettivizzate;
    2) un sistema di equa riduzione dei tributi, variabile da zona a zona, a seconda della ricchezza del terreno e della prevalenza di agricoltura foreste o pastorizia;
    3) una razionale e sostanziale riforma agraria comprendente:

    a) l'unificazione per il buon rendimento dell'azienda, mediante scambi e compensi di terreni e una legislazione adeguata della proprietà famigliare agraria oggi troppo frammentaria;
    b) l'assistenza tecnico-agricola esercitata da elementi residenti sul luogo ed aventi ad esempio delle mansioni di insegnamento nelle scuole locali di cui alcune potranno avere carattere agrario;
    c) il potenziamento da parte delle autorità della vita economica mediante libere cooperative di produzione e consumo;
    d) il potenziamento delle industria e dell'artigianato, affidando all'amministrazione regionale cantonale, anche in caso di organizzazione collettivistica, il controllo e l'amministrazione delle aziende aventi carattere locale;
    e) la dipendenza dall'amministrazione locale delle opere pubbliche a carattere locale e il controllo di tutti i servizi e concessioni aventi carattere pubblico.


    Questi principi, noi rappresentanti delle Valli Alpine vogliamo vedere affermati da parte del nuovo Stato italiano, così come vogliamo che siano affermati anche nei confronti di quegli italiani che sono e potrebbero venire a trovarsi sotto il dominio politico straniero.

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    369
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: I popoli Padani

    ecco perchè non esiste il "popolo padano" bensì i popoli padani o cisalpini o galloceltici
    Piccolo Atlante dei Popoli Gallo Romanzi Cisalpini
    ciao
    vb

  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    1,163
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: I popoli Padani

    Citazione Originariamente Scritto da jotsecondo Visualizza Messaggio
    La nascita in politica della parola Padania.

    La prima volta che fu usata la parola “”padano”” in politica.

    Nel 1954 venne fondato in Piemonte il “ Movimento Autonomia Regionale Piemontese”” ( MARP) che ebbe successo nelle elezioni dell'anno successivo.

    Poi nel 1958 avvenne una scissione copiando esattamente cosa avvenne 29 anni dopo (1987) per l’Union Piemonteisa e la Liga Veneta contemporaneamente prima delle votazioni.

    E tutto andò a scatafascio, dimostrando che roma è sempre stata vigile e usa i medesimi sistemi., in quanto roma ha sempre saputo che l’italia è uno stato posticcio che non può durare, ed allora ha sempre operato con oculatezza.

    E oggi se la partitocrazia può continuare a mangiare a 4 palmenti è merito del lavoro fatto negli ultimi 60 anni.

    Nel 1955 ( visto il successo del MARP in Piemonte) venne fondato il MAB “” Movimento Autonomista Bergamasco”
    Il presiedente del MAB era il medico dentista Calderoli: Commendatore dell’Ordine di San Silvestro,.
    Notare come nel bergamasco vi sono sempre stati dentisti Calderoli.

    IL MAB e il MARP nell’anno successivo formarono il “”Movimento Autonomie Regionali Padane” e nella Lombardia nasceva il giornale “La Regione Lombarda””.
    Interessante.
    Conosci qualche libro che parli di questa prima fase in dettaglio?

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: I popoli Padani

    Citazione Originariamente Scritto da Rotgaudo Visualizza Messaggio
    Interessante.
    Conosci qualche libro che parli di questa prima fase in dettaglio?
    questi dati sono stati ricavati dal periodico quadrimestale "Storia Ribelle" scritto da Roberto Gremmo.

    E' apparso nel numero 19 pubblicato nel primo quadrimestre 2006.

    Per il trucco del 1987 è invece storia recente, a conoscenza di tutti.

    Per il fantasma Partito settentrionale del popolo cisalpino, ci sono ancora persone vaganti al Nord che si potrebbero considerare come discendenti materiali. Ma è meglio soprassedere.
    Ultima modifica di jotsecondo; 01-10-11 alle 20:25
    O si taglia o il caos

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: I popoli Padani

    I popoli che abitavano nella valle del Po sono sempre stati individuati come popoli Cisalpini. Fino ad oltre 100 anni or sono erano le Alpi che indicavano il territorio.

    Le popolazioni che vivevano sui versanti fino alla pianura si confrontavano tra di loro e dal territorio ricavavano il punto di riferimento della loro cultura.

    Le montagne, secondo la mentalità centralista, dividono i territori mentre invece uniscono i popoli. .

    Nella valle del Po, a quei tempi, nessuno minimamente pensava di confrontarsi o ritenersi in sinergia con i popoli che abitavano nella penisola di terra che è attaccata al continente europeo sotto gli Appennini.

    Li era ( ed è) un altro mondo.

    Per sapere l’opinione che i popoli alpini avevano per i popoli meridionali della penisola bisogna leggere il libro “Venga a Napoli signor Conte”” di Mario Costa Cardol dove è trascritta una lettera inviata a Cavour dal Marchese di Villamarina in cui è fatto un ritratto del Sud indicando come questo fosse terra africana.

    Ossia dopo roma era Africa
    I nostri avi avevano compreso la situazione, ma poi le scuole, la sapiente propaganda, il buonismo, il concetto massonico e cattolico della fratellanza, finirono per convincere che culturalmente i popoli che i Palladisti avevano unito erano tutti uguali e fratelli.

    Adesso dopo 150 anni si incomincia a capire senza ombra di dubbio quello che già si sapeva.
    Siamo popoli di cultura differente ed inconciliabile.

    Negli anni dopo il 1950 si incominciò a pensare che qualcosa non funzionava. E i popoli al Nord degli Appennini incominciarono a capire e voler rimediare all’errore fatto dai palladisti.

    Nasce il concetto di Padania per la terra che fa da alveo al fiume Po.

    Si poteva chiamarla anche Cisalpina come era secoli or sono
    In questa terra vi sono popoli differenti, anche nella lingua, ma la cultura alpina li unisce.

    Infatti essendo tutte popolazioni schiave dello stesso stato palladista era logico che avessero i medesimi ideali di libertà.
    Ultima modifica di jotsecondo; 01-10-11 alle 20:54
    O si taglia o il caos

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    369
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: I popoli Padani

    Citazione Originariamente Scritto da jotsecondo Visualizza Messaggio
    I popoli che abitavano nella valle del Po sono sempre stati individuati come popoli Cisalpini. Fino ad oltre 100 anni or sono erano le Alpi che indicavano il territorio.

    Le popolazioni che vivevano sui versanti fino alla pianura si confrontavano tra di loro e dal territorio ricavavano il punto di riferimento della loro cultura.

    Le montagne, secondo la mentalità centralista, dividono i territori mentre invece uniscono i popoli. .

    Nella valle del Po, a quei tempi, nessuno minimamente pensava di confrontarsi o ritenersi in sinergia con i popoli che abitavano nella penisola di terra che è attaccata al continente europeo sotto gli Appennini.

    Li era ( ed è) un altro mondo.

    Per sapere l’opinione che i popoli alpini avevano per i popoli meridionali della penisola bisogna leggere il libro “Venga a Napoli signor Conte”” di Mario Costa Cardol dove è trascritta una lettera inviata a Cavour dal Marchese di Villamarina in cui è fatto un ritratto del Sud indicando come questo fosse terra africana.

    Ossia dopo roma era Africa
    I nostri avi avevano compreso la situazione, ma poi le scuole, la sapiente propaganda, il buonismo, il concetto massonico e cattolico della fratellanza, finirono per convincere che culturalmente i popoli che i Palladisti avevano unito erano tutti uguali e fratelli.

    Adesso dopo 150 anni si incomincia a capire senza ombra di dubbio quello che già si sapeva.
    Siamo popoli di cultura differente ed inconciliabile.

    Negli anni dopo il 1950 si incominciò a pensare che qualcosa non funzionava. E i popoli al Nord degli Appennini incominciarono a capire e voler rimediare all’errore fatto dai palladisti.

    Nasce il concetto di Padania per la terra che fa da alveo al fiume Po.

    Si poteva chiamarla anche Cisalpina come era secoli or sono
    In questa terra vi sono popoli differenti, anche nella lingua, ma la cultura alpina li unisce.

    Infatti essendo tutte popolazioni schiave dello stesso stato palladista era logico che avessero i medesimi ideali di libertà.
    concordo al 100%
    ora la situazione è chiarissimamente illustrata.

    unendo le tue e le mie considerazioni se ne deduce che:

    1) ab illo tempore si sa benissimo che esiste una (Italia) Cisalpina Continentale, una (Italia) Cispadana Continentale, una Italia neo greca e neolatina a sud della linea spartiacque fonetica Senigallia-Seravezza.
    2) quando Npoleone denominò la Cisalpinia e la Cispadania NON le battezzò con il prefisso Italia, ma semplicemente Repubblica Cisalpina e Repubblica Cispadana
    3) fin dalla antichità greca le colonie peninsulari vennero battezzate Vituliane (poi Vitaliane, poi Italiane)....il nome Italia (terra dei vitelli = Vituli!!!) fu da sempre attribuito al territorio PENINSULARE e NON continentale...tanto è vero che prima dell'Unità d'Italia vi erano territori continentali denominati Piemonte, Lombardo Veneto, Ducati estensi ecc....non mai associati al vocabolo Italia
    4) l'indicazione geografica Italia fu adottata da Vittorio Emanuele II che era ben consapevole che non esistesse un unico popolo italiano, tanto da dichiarare "l'Italia è fatta (laddove prima l'Italia NON c'era mai stata!!!!), facciamo gli Italiani (laddove i popoli del neonato e neobattezzato Regno d'Italia non solo non erano un unico popolo, ma addirittura erano distanti fra loro come Polo Nord e Polo Sud)
    5) persino i Romani NON estesero MAI il nome di Italia a Nord dell'Appennino!!!!

    prfemesso quanto sopra
    possiamo dire che anche per la Padania accade la stessa cosa, perchè:
    1) la Padania come Patria di qualcuno o qualcosa NON è mai esistita nella storia millenaria del territorio
    2) La Pdania potrebbe esistere come patria di un popolo padano se:
    a) esistesse un unico popolo padano (che non c'è)
    b) esistessero linee di confine ben demarcate e definite
    c) se non esistendo tali linee (confini) quantomeno un gruppo o movimento politico le avesse definite ex novo e le rivendicasse....
    MA...
    la Lega Nord che rivendica la Pdania, non ha NEPPURE NEL PROPRIO STATUTO mai indicato alcuna linea di confine per il territorio che a parole ed a fantasia rivendica...
    ergo...
    la Lega Nord per prima (controllarne lo statuto!!!!!) non sa di che cosa parla e del perchè ne parla....

    tutta altra cosa erano i movimenti autonomisti che rivendicavano i loro propri territori (MARP , Liga Veneta, Melon ecc.)

    l'attuale guazzabuglio che produce inganno per gli elettori autonomisti Cisalpini è ovviamente voluto ad hoc per produrre più guadagni che bun governo od indipendentismo...
    ciao
    vb

  10. #10
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,695
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: I popoli Padani

    Citazione Originariamente Scritto da montecristo2006 Visualizza Messaggio
    concordo al 100%
    ora la situazione è chiarissimamente illustrata.

    unendo le tue e le mie considerazioni se ne deduce che:

    1) ab illo tempore si sa benissimo che esiste una (Italia) Cisalpina Continentale, una (Italia) Cispadana Continentale, una Italia neo greca e neolatina a sud della linea spartiacque fonetica Senigallia-Seravezza.
    2) quando Npoleone denominò la Cisalpinia e la Cispadania NON le battezzò con il prefisso Italia, ma semplicemente Repubblica Cisalpina e Repubblica Cispadana
    3) fin dalla antichità greca le colonie peninsulari vennero battezzate Vituliane (poi Vitaliane, poi Italiane)....il nome Italia (terra dei vitelli = Vituli!!!) fu da sempre attribuito al territorio PENINSULARE e NON continentale...tanto è vero che prima dell'Unità d'Italia vi erano territori continentali denominati Piemonte, Lombardo Veneto, Ducati estensi ecc....non mai associati al vocabolo Italia
    4) l'indicazione geografica Italia fu adottata da Vittorio Emanuele II che era ben consapevole che non esistesse un unico popolo italiano, tanto da dichiarare "l'Italia è fatta (laddove prima l'Italia NON c'era mai stata!!!!), facciamo gli Italiani (laddove i popoli del neonato e neobattezzato Regno d'Italia non solo non erano un unico popolo, ma addirittura erano distanti fra loro come Polo Nord e Polo Sud)
    5) persino i Romani NON estesero MAI il nome di Italia a Nord dell'Appennino!!!!

    prfemesso quanto sopra
    possiamo dire che anche per la Padania accade la stessa cosa, perchè:
    1) la Padania come Patria di qualcuno o qualcosa NON è mai esistita nella storia millenaria del territorio
    2) La Pdania potrebbe esistere come patria di un popolo padano se:
    a) esistesse un unico popolo padano (che non c'è)
    b) esistessero linee di confine ben demarcate e definite
    c) se non esistendo tali linee (confini) quantomeno un gruppo o movimento politico le avesse definite ex novo e le rivendicasse....
    MA...
    la Lega Nord che rivendica la Pdania, non ha NEPPURE NEL PROPRIO STATUTO mai indicato alcuna linea di confine per il territorio che a parole ed a fantasia rivendica...
    ergo...
    la Lega Nord per prima (controllarne lo statuto!!!!!) non sa di che cosa parla e del perchè ne parla....

    tutta altra cosa erano i movimenti autonomisti che rivendicavano i loro propri territori (MARP , Liga Veneta, Melon ecc.)

    l'attuale guazzabuglio che produce inganno per gli elettori autonomisti Cisalpini è ovviamente voluto ad hoc per produrre più guadagni che bun governo od indipendentismo...
    ciao
    vb

    va bene tutto, storicamente è anche vero ... ma la Padania non potrebbe essere una Confederazione degli Stati Preunitari (molto presenti nonostante 150 anni di colonialismo romano) come voleva Carlo Cattaneo & C. ?

 

 
Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. L'Idv non e' un'alternativa per i popoli Padani.
    Di rafrad6164 nel forum Padania!
    Risposte: 53
    Ultimo Messaggio: 12-01-09, 12:49
  2. Festa dei Popoli Padani.
    Di Juv nel forum Padania!
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-09-08, 09:59
  3. L'Atlante dei Popoli Padani
    Di Padanik (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 34
    Ultimo Messaggio: 29-08-08, 14:03
  4. Padani vs Popoli d'Europa
    Di sir_Shafford nel forum Padania!
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 06-07-07, 06:32
  5. Cartina dei popoli padani
    Di RUS nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 16-01-07, 23:46

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226