User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Governo e lega salvate dalla opposizione.

    Maggioranza salvata 5.098 volte dalle assenze in Parlamento | Rassegna stampa | Radicali italiani
    Maggioranza salvata 5.098 volte dalle assenze in Parlamento Articolo di Antonello Caporale
    Facile farsi eleggere in Parlamento, difficile andarci tutte le mattine. Se piove e se c'è il sole, se è estate o inverno, se si è felici e anche depressi. Dopo l'elezione c'è il periodo di buio, una cornice down che annienta le forze soprattutto in chi dal voto è stato sconfitto e produce la meraviglia di una maggioranza che governa "grazie" all'opposizione, poggia la propria fiducia sulla stanchezza e in fin dei conti sulla sfiducia altrui. Per 5.098 volte la maggioranza ha salvato i suoi commi e i suoi articoli in ragione delle defezioni dei propri competitori. Il 35 per cento del totale dei provvedimenti approvati in questa legislatura scaturisce da questa funzione al contrario. Dal 2008 una legge su tre è giunta sulla Gazzetta Ufficiale grazie alle assenze di chi (a parole) si era impegnato ad opporsi alla a sua promulgazione.
    Le statistiche sono guidate unicamente dai numeri e questi numeri, che Openpolis, l'associazione che monitora i comportamenti funzionali e puramente meccanici della classe politica, confermano e in qualche modo aiutano a spiegare il dato assoluto: l'opposizione troppo spesso, più del prevedibile verrebbe da dire, ha salvato il governo con le proprie assenze. Certo, sviluppati sul versante oppossto, gli stessi numeri porterebbero a dire che la maggioranza, fortissima, è risultata fragilissima nel voto parlamentare. Ma questa debolezza, qui il punto, non ha determinatole conseguenze attese. E c'è un perché che i ricercatori (su www. openpolis. it ogni ulteriore ragguaglio statistico) ritrovano nel fatto che l'attività parlamentare «si riduce ad essere una sorta di incombenza ben remunerata, da gestire come si può tra le altre». La crisi della politica risiede appunto nella scarsa passione che i suoi protagonisti al più alto livello manifestano. Impegno che viene sottovalutato o assommato ad altri. Pesa e tanto l'abitudine, oramai consolidata a dispetto di ogni proclama e dichiarazione, ai doppi e tripli incarichi che segnano il cursus honorum di una parte cospicua degli eletti. Sono ventidue i parlamentari che fanno anche i ministri (sottraendo così ogni presenza alle sedute d'aula), e trentuno che sono sottosegretari, e due che vestono anche la fascia tricolore di sindaci e dodici che si sono assicurati anche la poltrona di presidente di Provincia, undici quella di consigliere provinciale e quattro che sono anche assessori comunali. La doppia poltrona fino a qualche anno fa era vietatissima, almeno nelle fila del centrosinistra. Il tempo passa e le buone tradizioni si dimenticano. Con gli anni la deregulation e la fuga in massa dalle proprie responsabilità.
    Chi fa il parlamentare dovrebbe fare il parlamentare. Invece no. Più spesso fa i propri affari in solitudine. Sono in 134 a svolgere con regolarità la professione di avvocato (questi numeri producono sconforto e in parte spiegano l'indole ai continui micro assalti ai codici). Altri 116 parlamentari erano imprenditori e continuano ad esserlo. A Roma si va quando si può, se la fabbrica lo permette.
    I danni sono cospicui. E se il segretario del Pd Pierluigi Bersani volesse scorrere la lista dei colleghi che hanno mancato al proprio dovere non ritroverebbe - per giusta causa- solo il proprio nome in cima, ma quello di chi altro non avrebbe da fare, in teoria, che presenziare al voto. Nomi di prima fascia (D'Alema, Fioroni, Franceschini, Livia Turco, Veltroni), raccolti intorno a una lunga lista di peones che hanno pochi impegni e però incredibilmente hanno performances mediocri. Senza questa stanchezza così acuta la Finanziaria del 2009, approvata con 99 voti di scarto, sarebbe stata bocciata sotto i colpi dei 100 deputati dell'opposizione invece assenti. E la legge che consegnò l'Alitalia alla cordata dei "patrioti" ce la fece per 23 voti di scarto (ventiquattro gli assenti). Non brilla neanche il partito di Di Pietro e persino i radicali (spicca purtroppo l'andamento lento di Emma Bonino) hanno qualcosa da farsi perdonare. Brunetta deve ringraziare il centrosinistra se la sua riforma è potuta divenire legge. E chi aveva soldi all'estero li ha scudati perché qualcuno di troppo nell'opposizione ha girato i tacchi e fischiettando è salito in auto ed è corso via da Roma
    O si taglia o il caos

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Governo e lega salvate dalla opposizione.

    Salvare il governo è la parola d'ordine. Un grande lavoro si sta svolgendo a roma per salvare il tutto.
    Primo vi è l'ordine è che le colpe non sono del sistema, ma tali colpe si riducono ad una di un capro espiatorio, questo per i suoi affari personali non può andare via e così si è sicuri che tutto continua come prima.

    In tal modo la opposizione non deve citare cosa vuol fare, perché ha già, per i suoi comizi di piazza e di televisione l'argomento dell'uomo colpevole.

    Inoltre questo Presidente del Consiglio, pagando di tasca sua riesce a tenere la lega al governo mettendo insieme una maggioranza. Una lega che sotto il 44 esimo parallelo dice e fa una cosa , e sopra tale parallelo fa all'incontrario.

    Un po' come l'acqua negli scarichi che sopra l'equatore gira in un modo e sotto gira in un altro modo.

    Però sempre acqua di scarico è.

    Così la opposizione con santa pazienza fa in modo che vi sia sempre la maggioranza.
    Bisogna aiutare anche il Presidente in modo che non debba spendere una fortuna nell'acquisto di parlamentari

    L' opposizione per essere sempre minoranza fa un lavoro da certosino. Però vi è la contropartita, la lega resiste al governo, i suoi militanti diventano fiduciosi, e tutti, grazie all'anello al naso di popoli padani, hanno la possibilità di avere tanta materia prima ( denari) e lo spazio per rubare.

    Chissà cosa sarebbe successo in italia se non ci fosse stata le lega. Poteva accadere che molti politici dovessero lavorare, oppure non potendo fare a meno di seguire l'impulso nel rubare, continuassero nel loro hobby e sarebbero in cattive situazione.

    Quando un parlamentare dell'opposizione non è presente in aula, compie una grande opera, perché non bisogna dimenticare i 26 milioni i meridionali che devono continuare a vivere come gli europei.
    Ultima modifica di jotsecondo; 07-10-11 alle 20:14
    O si taglia o il caos

 

 

Discussioni Simili

  1. La fiducia al governo PD dalla Lega: piddini e leghisti trattano
    Di Sebastiano nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 174
    Ultimo Messaggio: 22-03-13, 21:06
  2. Lega: prima unica forza di governo riformista, ora unica opposizione.
    Di cato censor nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 94
    Ultimo Messaggio: 31-10-06, 18:53
  3. salvate il governo provvisorio
    Di chiara fois nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 03-04-06, 01:08
  4. Che cosa salvate di questo governo?
    Di Paracelso nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 43
    Ultimo Messaggio: 25-03-05, 06:47
  5. Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 15-01-04, 01:47

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226