Grazie al Movimento 5 Stelle, l'ennessima dimostrazione che nei fatti PDL e PD (meno elle) sono entrambi difensori della Casta.

Ecco cosa è accaduto ed il video che lo dimostra:

http://www.youtube.com/watch?v=KEL2gtxPR8I

Lunedì il Consiglio Comunale di Torino ha respinto la proposta del Movimento 5 Stelle di legare il pagamento del gettone di presenza dei consiglieri comunali all'effettiva partecipazione ad almeno il 70% della durata della seduta, per evitare il fenomeno dei consiglieri che vengono, firmano e vanno via.

PD, SEL, IDV, Moderati, Terzo Polo e PDL (eccetto il consigliere Liardo) hanno votato contro la nostra proposta, adducendo alte motivazioni di ogni genere, lamentandosi dell'antipolitica e di una presunta offesa alla propria dignità, e rivendicando il diritto di fare il consigliere comunale per hobby, in modi e tempi a piacere. Eppure la legge prevede per i consiglieri comunali non uno stipendio, ma un gettone di presenza: a che titolo si può pretenderne il pagamento se non si è presenti? Ognuno può fare politica come crede, ma se non partecipa con costanza alle riunioni non deve prendere il gettone di presenza: ci pare, semplicemente, ovvio.

Come abbiamo detto in aula, questo sarebbe stato un piccolo ma importante segnale di moralità e rispetto per la cittadinanza e per i tempi duri che essa deve affrontare. La sordità dei partiti di destra e di sinistra a questa semplice richiesta è davvero inspiegabile: poi non si lamentino se le istituzioni sono delegittimate.

Il gruppo consiliare comunale del Movimento 5 Stelle Torino
Chiara Appendino, Vittorio Bertola




La perla comunque ce la regala Lo Russo (PD): "è scientificamente dimostrato che chi è assente produce di più..."


Ora lo propongo al mio Capo...