Eduard Bloch (Frauenberg an der Moldau, 1872 – New York, 1945) è stato un medico austriaco.
Esercitò la sua professione a Linz (Austria), era un ebreo e fino al 1907 fu il medico della famiglia di Adolf Hitler.
Dopo aver studiato Medicina a Praga servì nell'esercito austro-ungarico. Nel 1899 fu trasferito a Linz dove svolse la professione già dal 1901. Il primo membro della famiglia Hitler che ebbe in cura fu il padre di Adolf, Alois Hitler, nel 1903. Alois morì poco tempo dopo. Curò anche la madre nel 1907, Klara Pölzl, alla quale fu diagnosticato un cancro al seno. La donna morì il 21 dicembre 1907 dopo intense sofferenze per lenire le quali Bloch stesso le somministrava quotidianamente dei farmaci e le allungò di qualche mese la vita, Hitler lo ringrazierà infinitamente e gli disse tali parole "Di lei non mi dimenticherò mai!"
A causa della situazione economica disagiate della famiglia di Hitler, a quel tempo, Bloch si faceva pagare un onorario ridotto e a volte non prendeva soldi affatto. Diciotto anni dopo, Hitler gli riservò un ringraziamento speciale attraverso un memoriale apposito (Ich werde Ihnen ewig dankbar sein). Anche nel 1937 parlò di lui e lo chiamò un "Edeljude" (ebreo nobile).
Nel 1938 Bloch scrisse una lettera a Hitler in cui chiese aiuto e quindi fu messo sotto protezione speciale dalla Gestapo. Era l'unico ebreo a Linz con tale privilegio. Bloch rimase nella sua casa fino a che le formalità per la sua emigrazione non furono completate. Nel 1940 emigrò negli USA e visse nel Bronx, a New York, senza esercitare più la professione medica, dato che la sua laurea non era riconosciuta negli Stati Uniti.
Nel 1941 e nel 1943 fu contattato dall'ufficio dei servizi strategici (un corpo predecessore della CIA) per ottenere delle informazioni sull'infanzia di Hitler.
Bloch, inoltre, ha pubblicato le sue memorie dei rapporti con "il Fuhrer" nel settimanale Collier's Weekly. Nelle sue memorie dice che Hitler era l'uomo più triste che avesse mai visto quando è stato informato della morte imminente della madre. Ha ricordato la madre di Hitler come una donna molto pia e gentile: Sie würde sich im Grabe herumdrehen, wenn sie wüsste, was aus ihm geworden ist (si sarebbe rivoltata nella tomba se avesse saputo cosa ne sarebbe stato di lui).
Malgrado l'affetto evidente di Hitler verso Bloch, lo storico Rudolph Binion ritiene che questo rapporto sia stato un fattore contribuente all'antisemitismo di Hitler che successivamente provocò l'olocausto.
Fra le conoscenze di Bloch vi era inoltre Hedda Wagner, una autrice e sostenitrice dei diritti delle donne, che scrisse un libro dedicato a lui.



Bloch nel suo studio medico