User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 25
  1. #1
    Mistica Fascista
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    116,841
    Mentioned
    480 Post(s)
    Tagged
    20 Thread(s)

    Predefinito Il Vaticano non paga l'ICI? Ecco smentite le menzogne della propaganda massonica

    Il Vaticano non paga l’ICI? Prima di condividere su facebook, piccole informazioni per esseri pensanti

    Gira su FB un messaggio da “far girare”. Tipo quelli del cancro, del tumore, o del FB a pagamento. Il trend è sempre quello: scrivere una buffonata buonista e puntare sulla stupidità della gente che condivide. E funziona sempre.
    Adesso è in voga, in momenti di crisi economica, questo qui:
    “IL VATICANO NON PAGA ICI, IRPEF, IRES, IMU, TASSE IMMOBILIARI E DOGANALI, MA NEANCHE GAS, ACQUA E FOGNE. E’ TUTTO A CARICO DEI CONTRIBUENTI ITALIANI. Possiede quasi il 30% del patrimonio immobiliare Italiano e con l’8 per mille toglie quasi 1 Miliardo di Euro all’anno all’Italia. Tassare la Chiesa e i suoi possedimenti in Italia è giusto per gli Italiani. SE CONDIVIDI COPIA E INCOLLA SULLA TUA BACHECA”.
    Intanto, non bisogna essere delle cime per capire che il “Vaticano” è uno stato a parte e ovviamente non paga l’ICI degli immobili che si trovano nel suo territorio. Ma cerchiamo di essere buoni e comprendere che l’autore del messaggio voleva scrivere “Chiesa Italiana” e non “Vaticano”. Già le prime due parole del messaggio sono sbagliate: questo può farci capire molto.
    Qui di seguito alcune informazioni, con sottostanti fonti, utili per entrare un pò dentro alle cose con la dignità di esseri pensanti e non come pecoroni “copianti”.
    Spero che qualcuno lo legga fino in fondo.
    Questione ICI
    Partiamo con il primo problema, peraltro recentemente tornato a galla dopo la decisione della Commissione europea di riaprire la procedura di infrazione nei confronti dell’Italia su questo punto.
    Una premessa, a scanso di equivoci: la CEI e il Vaticano non sono la stessa cosa (sic!).
    Con un po’ della vostra pazienza (vi assicuro che ne vale la pena) proviamo a capire come stanno le cose.

    LA LEGGE - Nel 1992 lo Stato italiano ha istituito l’ICI, l’imposta comunale sugli immobili. Nello stesso intervento normativo (decreto legislativo n. 504/1992) sono state previste delle esenzioni: “alla Chiesa cattolica”, penserete subito. Sbagliato: l’esenzione ha riguardato tutti gli immobili utilizzati da un “ente non commerciale” e destinati “esclusivamente allo svolgimento di attività assistenziali, previdenziali, sanitarie, didattiche, ricettive, culturali, ricreative e sportive”.
    Dunque, secondo la legge, perché venga applicata l’esenzione è necessario che si realizzino due requisiti:
    Il proprietario dell’immobile deve essere un “ente non commerciale”, ossia non deve distribuire gli utili e gli avanzi di gestione ed è obbligato, in caso di scioglimento, a devolvere il patrimonio residuo a fini di pubblica utilità. In pratica tutto quello che un ente non commerciale “guadagna” (con attività commerciali, con richieste di rette o importi, con la raccolta di offerte, con l’autofinanziamento dei soci, con i contributi pubblici, ecc.) deve essere utilizzato per le attività che svolge e non può essere intascato da nessuno.
    L’immobile deve essere destinato “esclusivamente” allo svolgimento di una o più tra le otto attività di rilevante valore sociale individuate dalla legge.
    Evidente ed apprezzabile la finalità delle esenzioni: lo Stato ha voluto agevolare tutti quei soggetti che svolgono attività sociale secondo criteri di “no profit”.
    LA NOVITA’ DELLA CORTE DI CASSAZIONE - Ora, mentre per più di dieci anni queste norme sono state applicate dai Comuni senza alcun problema, i soliti noti hanno iniziato dei contenziosi e nel 2004 la Corte di Cassazione, pronunciandosi su un immobile di un istituto religioso destinato a casa di cura e pensionato per studentesse, ha fornito una interpretazione non prevista dalla legge (… tutto ciò non vi ricorda qualcosa?): i giudici infatti hanno aggiunto un nuovo requisito per avere diritto all’esenzione sia necessario anche che l’attività “non venga svolta in forma di attività commerciale”.
    Quale è la novità? È chiaro che cambia tutto se si sposta l’attenzione dalla natura “commerciale” dell’ente proprietario (come richiesto dalla norma) alla natura della “attività commerciale” effettuata (come innovato dalla Corte). Per capire la singolarità della decisione si devono tenere presenti due aspetti:
    dal punto di vista tecnico, le attività sono considerate commerciali non quando producono utili, ma quando sono organizzate e rese a fronte di un corrispettivo, cioè con il pagamento di una retta o in regime di convenzione con l’ente pubblico: è evidente che alcune delle attività elencate dalla legge (si pensi a quelle sanitarie o didattiche) di fatto non possono essere che “commerciali” in questo senso;
    “commerciale” non vuol dire “con fine di lucro”: per la legge, infatti, è “commerciale” anche l’attività nella quale vengono chieste rette tanto contenute da non coprire neanche i costi: in pratica, l’esenzione perde ogni senso se interpretata così.
    In parole povere, se chiedi anche un cent sei fuori dall’esenzione! E zac, rimane fuori praticamente tutto il no-profit! Via il bambino con l’acqua sporca (a scanso di equivoci, la Chiesa rientra nella seconda voce).
    PRIMA INTERPRETAZIONE AUTENTICA - Davanti agli effetti disastrosi che una tale interpretazione avrebbe creato nel mondo del “no profit”, lo Stato italiano è intervenuto con una interpretazione autentica (art. 7 del decreto legge n. 203/2005, governo Berlusconi), ribadendo la sufficienza dei due requisiti iniziali e stabilendo che, ai fini dell’esenzione dall’ICI, non rilevava l’eventuale commercialità della modalità di svolgimento dell’attività.
    DENUNCIA ALLA COMMISSIONE EUROPEA - L’interpretazione autentica non deve essere piaciuta, poiché nello stesso anno questa disposizione è stata impugnata di fronte alla Commissione europea denunciandola come “aiuto di Stato”. In pratica, sul presupposto che gli enti non commerciali che svolgono quelle attività socialmente rilevanti sono comunque da considerare “imprese” a tutti gli effetti, si è sostenuto che l’esenzione costituirebbe una distorsione della concorrenza nei confronti dei soggetti (società e imprenditori) che svolgono le stesse attività con fine di lucro soggettivo.
    Come a dire: perché mai deve essere agevolato chi offre servizi assistenziali senza guadagnarci (eh già, perché mai …?!).
    SECONDA INTERPRETAZIONE AUTENTICA E ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE MINISTERIALE - Per escludere ogni dubbio lo Stato è intervenuto con una seconda interpretazione autentica (art. 39 del D.L. n. 223/2006, governo Prodi), con la quale è stato precisato che l’esenzione deve intendersi applicabile se l’attività è esercitata in maniera “non esclusivamente commerciale”. Il nuovo intervento appare molto equilibrato, perché precisa il senso dell’esenzione permettendo di evitare abusi.
    Peraltro, presso il Ministero dell’economia e delle finanze è stata poi istituita una commissione con il compito di individuare le modalità di esercizio delle attività che, escludendo una loro connotazione commerciale e lucrativa, consenta di identificare gli elementi della “non esclusiva commercialità”.
    CHIUSURA DEL FASCICOLO PER DUE VOLTE E RECENTE RIAPERTURA – Alla luce della seconda interpretazione autentica e della maggiore definizione dei limiti grazie alla Commissione appositamente istituita, la Commissione europea ha chiuso la procedura di infrazione con esclusione di ogni “aiuto di Stato”. Successivamente ne è stata aperta un’altra, sempre sulla stessa linea, e anche questa è stata chiusa per chiara infondatezza.
    Ad ottobre di quest’anno, però, il Commissario europeo per la concorrenza (Joaquín Almunia, spagnolo, predecessore del simpatico Zapatero al partito socialista), nonostante le due archiviazioni ha riaperto una ennesima procedura di infrazione. Staremo a vedere.
    Le riflessioni.
    Bene. Ora abbiamo gli strumenti per rispondere alle gentili domande del nostro ipotetico (ma neanche tanto) amico.
    - “L’esenzione è riservata agli enti della Chiesa cattolica”.
    In realtà abbiamo visto che la legge destina l’esenzione a tutti gli enti non commerciali, categoria nella quale rientrano certamente gli enti ecclesiastici, ma che comprende anche: associazioni, fondazioni, comitati, onlus, organizzazioni di volontariato, organizzazioni non governative, associazioni sportive dilettantistiche, circoli culturali, sindacati e partiti politici (che sono associazioni), enti religiosi di tutte le confessioni e, in generale, tutto quello che viene definito come il mondo del “non profit”. Non si dimentichi inoltre che fanno parte degli enti non commerciali anche gli enti pubblici.
    - “L’esenzione vale per tutti gli immobili della Chiesa cattolica”
    Come abbiamo evidenziato sopra, l’esenzione richiede la compresenza di due requisiti: quello soggettivo, dove rileva la natura del soggetto (essere “ente non commerciale”) e quello oggettivo, dove rileva la destinazione dell’immobile (utilizzarlo “esclusivamente” per le attività di rilevanza sociale individuate dalla legge ed in modo “non esclusivamente commerciale”). Non è vero, quindi, che tutti gli immobili di proprietà degli enti non commerciali (e, quindi, della Chiesa cattolica) sono esenti: lo sono solo se destinati alle attività sopra elencate. In tutti gli altri casi pagano regolarmente l’imposta: è il caso degli immobili destinati a librerie, ristoranti, hotel, negozi, così come delle case date in affitto.
    -“L’esenzione vale per ogni imposta”
    In realtà l’esenzione dall’ICI (che è un’imposta patrimoniale) non ha alcun effetto sul trattamento riguardante le imposte sui redditi e l’IVA, né esonera dagli adempimenti contabili e dichiarativi. Infatti gli enti non commerciali, compresi quelli della Chiesa cattolica (parrocchie, istituti religiosi, seminari, diocesi, ecc.), che svolgono anche attività fiscalmente qualificate come “commerciali” sono tenuti al rispetto dei comuni adempimenti tributari e al versamento delle imposte secondo le previsioni delle diverse disposizioni fiscali.
    - “Gli alberghi sono esenti”
    Attenzione, questa è insidiosa. Per dimostrare come l’esenzione prevista dalla norma sia iniqua, danneggi la concorrenza e non risponda all’interesse comune, viene citato il caso dell’albergo che, in quanto gestito da enti religiosi, sarebbe ingiustamente esente, a differenza dell’analogo albergo posseduto e gestito da una società.
    Peccato, però, che l’attività alberghiera non rientra tra le otto attività di rilevanza sociale individuate dalla norma di esenzione. Perciò gli alberghi, anche se di enti ecclesiastici, non sono esenti e devono pagare l’imposta. Ad essere esenti sono, piuttosto, gli immobili destinati alle attività “ricettive”, che è ben altra cosa. Si tratta di immobili nei quali si svolgono attività di “ricettività complementare o secondaria”. In pratica, le norme nazionali e regionali distinguono fra ricettività sociale e turistico-sociale:
    La prima comprende soluzioni abitative che rispondono a bisogni di carattere sociale, come per esempio pensionati per studenti fuori sede oppure luoghi di accoglienza per i parenti di malati ricoverati in strutture sanitarie distanti dalla propria residenza.
    La seconda risponde a bisogni diversi da quelli a cui sono destinate le strutture alberghiere: si tratta di case per ferie, colonie e strutture simili.
    Entrambe sono regolate, a livello di autorizzazioni amministrative, da norme che ne limitano l’accesso a determinate categorie di persone e che, spesso, richiedono la discontinuità nell’apertura. Se si verifica che qualche albergo (non importa se a una o a cinque stelle) si “traveste” da casa per ferie, questo non vuol dire che sia ingiusta l’esenzione, ma che qualcuno ne sta usufruendo senza averne diritto. Per questi casi i comuni dispongono dello strumento dell’accertamento, che consente loro di recuperare l’imposta evasa.
    - “Basta una cappellina per ottenere l’esenzione”
    Questa è più simpatica che ridicola. È del tutto falso che una piccola cappella posta all’interno di un hotel di proprietà di religiosi renda l’intero immobile esente dall’ICI, in base al fatto che così si salvaguarderebbe la clausola dell’attività di natura “non esclusivamente commerciale”. È vero esattamente l’opposto: dal momento che la norma subordina l’esenzione alla condizione che l’intero immobile sia destinato a una delle attività elencate e considerato che – come abbiamo visto sopra – l’attività alberghiera non è tra queste, in tal caso l’intero immobile dovrebbe essere assoggettato all’imposta, persino la cappellina che, autonomamente considerata, avrebbe invece diritto all’esenzione.
    - “Ma io conosco personalmente casi in cui quello che dici non viene applicato”.
    Chi sbaglia, fosse anche membro della Chiesa cattolica, è tenuto a pagare, come qualsiasi altro cittadino che infrange la legge. Ciò non significa, tuttavia, che la legge sia per ciò solo sbagliata, non vi pare?
    - “Persino l’Europa ci sta sanzionando”
    L’europa ha aperto due procedure di infrazione e in entrambi i casi ha deciso per l’archiviazione. Una terza procedura è stata aperta ora da un soggetto dichiaratamente ostile alla Chiesa cattolica e la procedura è allo stato iniziale.
    Ad ogni modo, l’Europa ha espresso dubbi sempre e solo con riferimento alla presenza o meno di “aiuti di Stato”, ossia su presunti meccanismi distorsivi della concorrenza. Questione (peraltro già smentita due volte) che con i rapporti tra Stato e Chiesa nulla c’entra.
    Riassumendo: il problema dell’esenzione dell’ICI alla Chiesa cattolica non è altro che un pretesto per attaccare quest’ultima ed è portato avanti con un accecamento pari solo all’odio per chi da due millenni proclama incessantemente Gesù Cristo al mondo intero. Basti pensare che, se venisse davvero meno l’esenzione per questi immobili perché ritenuta “aiuto di Stato”, si aprirebbe la strada all’abolizione di tutte le agevolazioni previste per gli enti non lucrativi, a partire dal trattamento riservato alle Onlus.
    Ma questo non ditelo alle Onlus, loro sono meno misericordiose della Chiesa cattolica!
    da “Quello che non vi dicono. Chiesa e denaro”
    (Marco Ciamei, 26.11.2010)

    FONTI (se avete tempo, sono interessanti, dell’una e dell’altra voce):
    Esenzioni ICI
    http://www.avvenireonline.it/Special...o/20071108.htm
    Sconti alla Chiesa sull'Ici la Ue ora processa l'Italia - esteri - Repubblica.it
    Ici, Chiesa, laicità dello Stato/Un'esenzione della quale si interessa la Commissione europea
    L’UE indagherà sull’esenzione dell’ICI per la Chiesa | Il Post
    http://www.chiesacattolica.it/cci_ne...sCont-2009.pdf
    http://it.wikipedia.org/wiki/Joaqu%C3%ADn_Almunia
    http://www.bologna.chiesacattolica.i...2010_11_07.pdf
    Nota pubblicata da Sergio Guttilla

    FONTE: Il Vaticano non paga l’ICI? Prima di condividere su facebook, piccole informazioni per esseri pensanti | Qelsi
    Credere - Pregare - Obbedire - Vincere

    "Maledetto l'uomo che confida nell'uomo" (Ger 17, 5).

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Apologia cattolica
    Data Registrazione
    23 Aug 2010
    Località
    Latina
    Messaggi
    31,953
    Mentioned
    118 Post(s)
    Tagged
    42 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il Vaticano non paga l'ICI? Ecco smentite le menzogne della propaganda massonica

    su Pir questo argomento è finito male, speriamo almeno nella realtà
    (Gv 3, 20-21)
    Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio

  3. #3
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    venezia
    Messaggi
    6,270
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Rif: Il Vaticano non paga l'ICI? Ecco smentite le menzogne della propaganda massonica

    si, ma spesso si fanno passare attività commerciali per luoghi ecclesiali.....

  4. #4
    Forumista senior
    Data Registrazione
    13 Apr 2011
    Località
    Savona, Italy
    Messaggi
    1,532
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il Vaticano non paga l'ICI? Ecco smentite le menzogne della propaganda massonica

    Citazione Originariamente Scritto da benfy Visualizza Messaggio
    si, ma spesso si fanno passare attività commerciali per luoghi ecclesiali.....
    Quella è evasione fiscale e va punita come tale (o reato assimilabile)!
    Dire che "la Chiesa non paga l'ICI" perché ci sono casi di evasione è come dire "gli italiani non pagano le tasse": ci sono italiani che evadono (troppi) e italiani che le pagano (e pagano tanto perché troppi evadono, ma vabbè...).
    La legge - e le successive interpretazioni - sono molto chiare: se un immobile non è interamente dedicato ad attività esenti, paga regolarmente le imposte.

  5. #5
    de-elmettizzato.
    Data Registrazione
    29 Jul 2009
    Località
    Piave
    Messaggi
    50,280
    Mentioned
    227 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    9

    Predefinito Rif: Il Vaticano non paga l'ICI? Ecco smentite le menzogne della propaganda massonica

    Citazione Originariamente Scritto da Feyerabend Visualizza Messaggio
    Quella è evasione fiscale e va punita come tale (o reato assimilabile)!
    Dire che "la Chiesa non paga l'ICI" perché ci sono casi di evasione è come dire "gli italiani non pagano le tasse": ci sono italiani che evadono (troppi) e italiani che le pagano (e pagano tanto perché troppi evadono, ma vabbè...).
    La legge - e le successive interpretazioni - sono molto chiare: se un immobile non è interamente dedicato ad attività esenti, paga regolarmente le imposte.
    E che ogni tanto farebbe piacere anche avere una qualche prova del fatto che un immobile ad uso esclusivamente commerciale proprietà di questa o quella Diocesi, non paghi l'ICI.
    A meno che non si parli del giornaletto della parrocchia in vendita in molte chiese. O del Convento X che chiede 10 euro al saltuario pellegrino per mangiare e dormire una notte
    Sennò stiamo blaterando di aria fritta.
    Preferisco di no.

  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    13 Apr 2011
    Località
    Savona, Italy
    Messaggi
    1,532
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il Vaticano non paga l'ICI? Ecco smentite le menzogne della propaganda massonica

    Nel bailamme dell'evasione fiscale, non dubito che ci siano anche dei casi ecclesiastici.
    Vero è che la stragrande maggioranza dei beni "non immuni" versa regolarmente le imposte, come ogni altro immobile.

  7. #7
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    venezia
    Messaggi
    6,270
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Rif: Il Vaticano non paga l'ICI? Ecco smentite le menzogne della propaganda massonica

    Citazione Originariamente Scritto da Feyerabend Visualizza Messaggio
    Quella è evasione fiscale e va punita come tale (o reato assimilabile)!
    Dire che "la Chiesa non paga l'ICI" perché ci sono casi di evasione è come dire "gli italiani non pagano le tasse": ci sono italiani che evadono (troppi) e italiani che le pagano (e pagano tanto perché troppi evadono, ma vabbè...).
    La legge - e le successive interpretazioni - sono molto chiare: se un immobile non è interamente dedicato ad attività esenti, paga regolarmente le imposte.

    la cosa non è proprio così ci sono situazioni più border line lo dico anche per conoscenza diretta, però non li denuncerà nessuno farsi le ferie in località di grido per due euro fa comodo a tutti(chiesa cattolico e usufruitori pure io che sono protestante, ma che ho un amico sacerdote salesiano ben introdotto in certi ambienti....)

  8. #8
    de-elmettizzato.
    Data Registrazione
    29 Jul 2009
    Località
    Piave
    Messaggi
    50,280
    Mentioned
    227 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    9

    Predefinito Rif: Il Vaticano non paga l'ICI? Ecco smentite le menzogne della propaganda massonica

    Citazione Originariamente Scritto da benfy Visualizza Messaggio
    la cosa non è proprio così ci sono situazioni più border line lo dico anche per conoscenza diretta, però non li denuncerà nessuno farsi le ferie in località di grido per due euro fa comodo a tutti(chiesa cattolico e usufruitori pure io che sono protestante, ma che ho un amico sacerdote salesiano ben introdotto in certi ambienti....)
    Scusa , ma se hai conoscenza diretta parlacene fai esempi, illustraci, mostraci qualche dato (ti è stato richiesto più sopra), se sei un buon cittadino vai dalla Finanza, manda un SMS a Travaglio, incatenati ai portoni, ma soprattutto...
    Portaci qualche prova.

    Sennò stiamo parlando di acqua fresca.

    E ad esempio, se un bene è utilizzato per attività prettamente culturali (come può essere , come mera elencazione, ciò che è legato a musica e arte) tu sai bene che è da statuto esente dall'ICI non in quanto immobile appartenente ad un ente di culto, ma perchè adibito a fini culturali?
    No perchè se vai ad un concerto di Bach ospitato dal convento pinco palla e spendi due euro, invece di prenderti con la Chiesa, domandati perchè per vederti il gruppo pornopunk al circolo arci ne spendi 20 e il gestore esce col BMW.

    Poi essere antiCattolici , perlopiù luterani e farsi ospitare dai salesiani è veramente da poveri. Personale opinione, ma giusto per farti rilevare una certa incongruenza nel vivere.
    Preferisco di no.

  9. #9
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    venezia
    Messaggi
    6,270
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Rif: Il Vaticano non paga l'ICI? Ecco smentite le menzogne della propaganda massonica

    Non vedo perche' essere valdese mi deve impedire di avere come amico un prete salesiano. La struttura e praticamente un albergo su una zona che normalmente costerebbe il quadruplo soggiornare. Il delatore non rientra tra le mie attivita'

  10. #10
    de-elmettizzato.
    Data Registrazione
    29 Jul 2009
    Località
    Piave
    Messaggi
    50,280
    Mentioned
    227 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    9

    Predefinito Rif: Il Vaticano non paga l'ICI? Ecco smentite le menzogne della propaganda massonica

    Citazione Originariamente Scritto da benfy Visualizza Messaggio
    Non vedo perche' essere valdese mi deve impedire di avere come amico un prete salesiano.
    E ma scroccare all'immonda et eretica chiesa di roma comandata dall'anticristo chiamato papa non è scendere a patti con essa e con le sue oscure trame?
    Dov'è finita la purezza valdese?

    Il delatore non rientra tra le mie attivita'
    In pratica hai soggiornato in una casa per esercizi spirituali che saltuariamente offre anche alloggio a terzi. Ho usufruito di servizi simili in pellegrinaggi religiosi.
    Non fai il delatore perchè non c'è nulla su cui far delazione ma sputare sull'ospitalità e su chi ti ospita è da pezzenti.
    Preferisco di no.

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Smentite le menzogne della stampaccia
    Di Nazionalistaeuropeo nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-03-11, 23:49
  2. Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 30-05-09, 08:35
  3. Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 24-09-08, 21:11
  4. Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 30-12-07, 00:26
  5. Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 29-03-05, 21:41

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226