User Tag List

Risultati da 1 a 1 di 1
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,322
    Mentioned
    20 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Fiat estendo il contratto di Pomigliano a tutti i suoi stabilimenti

    Fiat dà disdetta a tutti gli accordi sindacali «Modello Pomigliano» esteso a tutto il gruppo - Corriere della Sera
    IL LINGOTTO E IL CONTRATTO
    Fiat dà disdetta a tutti gli accordi sindacali
    «Modello Pomigliano» esteso a tutto il gruppo
    Da gennaio negli stabilimenti italiani non saranno più valide le prassi collettive. La Cgil e il Pd: «Il governo convochi Marchionne»
    IL LINGOTTO E IL CONTRATTO

    Fiat dà disdetta a tutti gli accordi sindacali
    «Modello Pomigliano» esteso a tutto il gruppo

    Da gennaio negli stabilimenti italiani non saranno più valide le prassi collettive. La Cgil e il Pd: «Il governo convochi Marchionne»

    Sergio Marchionne, amministratore delegato di Fiat e Chrysler (Reuters) MILANO - Strappo definitivo di Sergio Marchionne sul contratto nazionale. Fiat ha annunciato la disdetta di tutti gli accordi sindacali e «delle prassi collettive in atto» in tutti gli stabilimenti italiani dal primo gennaio 2012. In una lettera inviata ai sindacati i vertici del Lingotto si sono detti disponibili «a promuovere incontri finalizzati a realizzare accordi uguali e migliorativi» rispetto a quelli in vigore fin qui. L'annuncio formalizza l'estensione del cosiddetto modello Pomigliano del contratto aziendale del Lingotto (già adottato anche a Mirafiori) al resto dei lavoratori italiani dell'auto.
    La disdetta dei contratti viaggia in contemporanea con l' uscita di Fiat dai sindacati imprenditoriali, Confindustria e Federmeccanica, anch'essa prevista per il primo gennaio 2012.

    CGIL E PD: MONTI CONVOCHI MARCHIONNE - La Cgil ha parlato di scelta «destabilizzante» e si è rivolta al nuovo esecutivo: «Il governo chieda il piano a Marchionne». Per il segretario della Fiom, Maurizio Landini, «estendere l'accordo di Pomigliano a tutti i 72.000 lavoratori del gruppo Fiat non vuol dire solo estendere un brutto accordo ma modificare la natura stessa della organizzazione sindacale: si passa infatti a una fase di sindacato aziendale e corporativo».
    E secondo il responsabile Economia del Pd, Stefano Fassina, «la scelta di Fiat di disdire in modo unilaterale tutti gli accordi contrattuali in tutte le aziende del gruppo è grave e preoccupante e contraddice ancora una volta gli sforzi compiuti dalle parti sociali per raggiungere accordi, così come avvento il 28 giugno. È auspicabile che il governo convochi quanto prima l'azienda e i sindacati per riaprire un confronto costruttivo».

    LA LETTERA - In una lettera scritta ai sindacati l'azienda rassicura sulla disponibilità a valutare «le conseguenze del recesso» e «alla eventuale predisposizione di nuove intese collettive». «Entro il 31 dicembre - ha commenta Roberto Di Maulo, segretario generale del sindacato autonomo Fismic - bisogna realizzare il contratto auto. Era già un impegno, ora è urgente e pressante».

    GIU' IN BORSA - In un mercato già sotto pressione, i titoli Fiat sono precipitati dopo l'annuncio insieme a quelli della capogruppo Exor, entrambi precipitati del 7%.

    IL SI' DI BONANNI E ANGELETTI - Con le esclusioni di Fiom- Cgil e Ugl, le altre grandi sigle sindacali avevano già anticipato lo scorso ottobre il via libera al contratto unico aziendale. Al termine di una riunione del 25 ottobre con l'amministratore delegato Sergio Marchionne, Cisl, Uil, Fim, Uilm e Fismic, avevano firmato una nota congiunta «sulla necessità di avviare un confronto negoziale finalizzato a realizzare un unico contratto nazionale per tutti i lavoratori del gruppo Fiat». All'incontro avevano preso parte i leader della Cisl e Uil Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti. Marchionne, da parte sua, aveva «ribadito l' impegno a proseguire gli investimenti negli stabilimenti italiani, confermando la piena validità del progetto industriale Fabbrica Italia».

    LA POSIZIONE DELL'UGL - La posizione dell'Ugl è riassunta nelle parole del segretario nazionale Metalmeccanici, Antonio D'Anolfo: «Già da tempo chiediamo a Fiat un incontro per fare il punto su quanto accadrà a partire dal primo gennaio 2012, con l'uscita dell'azienda da Confindustria. È necessario arrivare a quella data con un sistema concertato e condiviso di tutele per i lavoratori».

    Paola Pica
    21 novembre 2011 | 20:29
    Ultima modifica di Avanguardia; 22-11-11 alle 01:34

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

 

 

Discussioni Simili

  1. Fiat, anche alla ex-Bertone il contratto di Pomigliano d'Arco
    Di SteCompagno nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 45
    Ultimo Messaggio: 16-04-11, 10:51
  2. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 03-02-10, 12:17
  3. Fiat, stop di 2 settimane in tutti gli stabilimenti auto
    Di Sandinista nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 27-01-10, 00:53
  4. Stabilimenti Fiat
    Di AldoVincent nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 20-05-09, 11:28
  5. La FIAT apre stabilimenti in Iran
    Di otto grunf (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 08-07-08, 12:55

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226