User Tag List

Visualizza Risultati Sondaggio: Siete favorevoli alla nascita dell'Unione Europea?

Partecipanti
8. Non puoi votare in questo sondaggio
  • 3 37.50%
  • No

    5 62.50%
Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    26,812
    Mentioned
    31 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Referendum istituzionale, 31 dicembre 1985

    http://forum.politicainrete.net/fant...-1981-a-6.html

    Il governo Berlinguer ha ormai lanciato una vera campagna propagandistica della maggioranza, dopo aver occupato di fatto la televisione, consistente, come spiegato nel thread precedente, nel porre all'opinione l'equivalenza tra opposizioni politiche e mafie e terrorismo politico di ogni segno, equivalenza in effetti in qualche caso non del tutto infondata. Dopo qualche incertezza, dovuta alla prudenza del ministro Napolitano, la linea dura (quella dei cossuttiani del PCI e dell'Unione Laica anglofila e filofrancese) prevale e un contingente italiano è spedito in Afghanistan. E ovviamente, Italia, Gran Bretagna (e Francia, che già era un pezzo fuori) escono dalla NATO. L'Italia espelle i militari americani, che si concentrano in modo inquietante a Malta e in Spagna, La situazione afghana è a questo punto incredibile per densità di contingenti militari, da una parte quelli dell'URSS, della Francia, della Gran Bretagna, della DDR e dell'Italia, dall'altra quelli cinesi, americani, spagnoli, tedeschi dell'ovest. Tuttavia, ad eccezione dei cinesi, che si fanno ben pochi scrupoli, ci sono solo scaramucce occasionali. Si sente il terrore di quello che può accadere se le forze in campo mettessero in campo tutte le proprie forze. Muore intanto in Spagna, nel 1882, il colonnello Francisco Franco, che, data la posizione pacifista di Juan Carlos, non lascia la Spagna a lui ma ad un consiglio di militari scelti. Questo consiglio, debole nella popolazione, attua subito un piano di riforme in senso democratico, laico e innovatore, ma incarcera Juan Carlos, che peraltro si opponeva dentro di sé ad alcune di quelle riforme. Tuttavia, il popolo, compresi i comunisti, si ribella, schierandosi a fianco del principe ma è represso per la verità non barbaramente dai militari. La Francia di Mitterrand, agitando motivi umanitari, bombarda "intelligentemente" Madrid per scovare i militari, ma finisce solo per uccidere un civile. Hanno così buon gioco i militari a servirsi del conseguente esplodere del sentimento antifrancese, è solo una minoranza ora a stare con Juan Carlos, ormai visto come pupazzo dei francesi. Per difendere questa minoranza, la Francia invade la Spagna, col sostegno acritico di URSS, Gran Bretagna e Italia. Impaurito dalla situazione, e dovendo fronteggiare un forte movimento di protesta giovanile pacifista in patria, il presidente americano Carter cerca di mediare, dichiarandosi pronto a ritirare il contingente militare con qualche formale atto d'amicizia del governo afghano. Ma la Repubblica Popolare Cinese, delusa dalla timidezza di quell'America che l'aveva convinta a scendere in campo, non accetta. Con l'aiuto cinese i mujaheddin prendono così il controllo del Sud stabilendo un regime islamista formalmente democratico "dei contadini" filocinese alternativo a Kabul, con buoni rapporti con gli USA ed antisovietico. Parallelamente, la guerra sanguinosissima tra Iraq e Iran continua in modo sempre più preoccupante, con sempre più forti aiuti sovietici all'Iraq e americani all'Iran. Francia, Gran Bretagna, Italia e paesi del Patto di Varsavia, in un'alleanza ormai strettissima, impongono un embargo alla Repubblica Federale Tedesca, rea di aver riconosciuto, insieme all'America, l'Afghanistan del Sud come Afghanistan legittimo. Nel Sudtirolo è la rivolta e un gruppo collaterale all'SVP rivendica un attentato fallito a Roma. L'iperattiva e napoleonica Francia di Mitterrand manda i militari anche in Sudtirolo, reprimendo con successo in territorio italiano, le rivolte altoatesine filotedesche, con metodi ben discutibili. La Germania Federale allora schiera allora possente il suo esercito al confine francese, inglobando senza sangue due paesi dell'Alsazia. La maggior parte della Spagna intanto si riunisce contro gli invasori francesi e riesce a portare la guerra in Francia, col sostegno fortissimo degli americani, che non volevano perdere l'unico alleato rimasto in Europa oltre alla Germania. A questo punto la Francia è accerchiata, dai tedeschi e dagli spagnoli, mentre Juan Carlos riesce a fuggire a Roma. 1884, in America Carter ha una popolarità prossima allo 0, per via della pessima figura in Afghanistan, e accusato da tutti di essere una mammoletta incoerente, malgrado il suo sostegno possente all'Iran e alla Spagna. Il repubblicano George H. W. Bush, con un programma di politica estera ben più aggressivo, è lo scontato vincitore delle elezioni, con i democratici divisi tra i pacifisti contrari al nuovo sistema di alleanze internazionali di Ted Kennedy e Gary Hart e l'establishment legato al presidente Carter. Bush triplica il numero di militari a Malta e in Spagna. E' del tutto evidente che anche l'Italia è in pericolo. Il sindaco di Pantelleria consegna l'isola agli americani, che anche lì stabiliscono una base militare. Bush, su pressioni del governo di unità nazionale tedesco, dice che chi fa embargo alla Germania è una "dannata canaglia da castigare". Il funerale di Berlinguer morto molti mesi prima, viene posticipato e reso una spettacolare e oceanica manifestazione per ribadire la politica delle alleanze italiana, mostrare solidarietà alla Francia e proclamare lo stato d'assedio "morale" del paese, il nuovo premier Napolitano, il nuovo ministro degli Esteri Natta, Cossutta, Scalfari, La Malfa, Formigoni e De Mita scendono in piazza. Ma la Francia e l'Italia adesso rischiano grosso. Mitterrand chiede a Napolitano una fusione tra pari, quantomeno sotto forma confederativa, tra Francia e Italia, in una "Unione Europea" per fronteggiare più forti i grandi pericoli. La mossa è appoggiata anche da inglesi e sovietici. Napolitano, pur avendo giudicato troppo spregiudicata la politica mitterrandiana, accetta, spinto dai pasdaran filoalleati dell'ala cossuttiana del PCI e dell'Unione Laica. Ma per una tale mossa, approvata solo dalla maggioranza assoluta del Parlamento e non dai due terzi, come chiarificato dalla Consulta, è necessario tenere, alla vigilia delle elezioni politiche (si dice, perché nel caso di una bocciatura del referendum, la maggioranza con una legge elettorale ipermaggioritaria vorrebbe assicurarsi i due terzi in Parlamento con una vittoria alle successive elezioni) un referendum istituzionale. Il clima nel quale si va a questo referendum è al massimo della tensione. Le televisioni fanno chiaramente capire che la fusione con la Francia è l'unico modo per fronteggiare una possibile invasione americana o tedesca. La maggioranza è compatta a sostegno, le opposizioni tranne qualche eccezione, malgrado ci sia la convinzione che effettivamente potrebbe essere una scelta obbligata, vi si oppongono.
    Perché l'unico tipo di rapporto che riusciva a concepire era di tipo feudale. Non aveva la minima idea di cosa fosse il cameratismo al quale anelava l'anima. (E. M. Forster)



    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Super Troll
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    cancellato
    Messaggi
    50,315
    Mentioned
    1012 Post(s)
    Tagged
    40 Thread(s)

    Predefinito Rif: Referendum istituzionale, 31 dicembre 1985

    NO, che se ne vadano a quel paese
    non piu' interessato a questo forum

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    26,812
    Mentioned
    31 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Rif: Referendum istituzionale, 31 dicembre 1985

    Per chiarire, il Presidente Pertini, popolarissimo, ha mantenuto una linea di assoluto non-interventismo nella politica italiana, ma pare sia favorevole al referendum, polemico con la posizione del proprio partito, il PSI, che metterebbe, a detta di voci dal Quirinale, l'interesse politico prima di quello della patria. Tuttavia sono solo voci.
    Anche la maggioranza, pur subendo una forte e violenta opposizione, gode di buoni consensi, anche se non ai livelli di Pertini ed ha avuto una scossa positiva con la morte e i funerali di Berlinguer. Non c'è da dimenticare il controllo sui media. In ogni caso, è apprezzata e notata la sobrietà e l'austerità, in un tempo di sostanziale benessere economico. Berlinguer è rimasto un simbolo di moralità. Non sono state attuate grandi riforme. Sul piano internazionale l'Italia è una potenza solida.
    Perché l'unico tipo di rapporto che riusciva a concepire era di tipo feudale. Non aveva la minima idea di cosa fosse il cameratismo al quale anelava l'anima. (E. M. Forster)



  4. #4
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    26,812
    Mentioned
    31 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Rif: Referendum istituzionale, 31 dicembre 1985

    Ulteriore chiarimento: non c'è al momento una vera guerra, nemmeno in Francia. C'è solo l'esercito spagnolo nelle cittadini francesi dei Pirenei e la Germania ha inglobato due paesi dell'Alsazia e ha schierato l'esercito ai confini. Ma è chiaro che adesso è la Francia ad avere paura, e in misura un po' minore l'Italia.
    Perché l'unico tipo di rapporto che riusciva a concepire era di tipo feudale. Non aveva la minima idea di cosa fosse il cameratismo al quale anelava l'anima. (E. M. Forster)



  5. #5
    Maria Di Donna Presidente
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    Santa Teresa di Gallura
    Messaggi
    6,365
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Referendum istituzionale, 31 dicembre 1985

    confermo la linea neutralista: nessuna fusione con la Francia e tante scuse a tedeschi e sudtirolesi. E stop alle divisioni in Europa. A proposito, in tutto ciò, i grandi alleati sovietici dove sono?

  6. #6
    Anti-liberista
    Data Registrazione
    12 Apr 2010
    Località
    Abruzzo
    Messaggi
    22,800
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Referendum istituzionale, 31 dicembre 1985

    Bellissimo seguito.

    Voto assolutamente si! Con i compagni francesi e sovietici verso la Rivoluzione europea!
    VOTA NO AL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE
    UN NO COSTITUENTE PER LA DEMOCRAZIA CONTRO L'AUSTERITA'
    http://www.sinistraitaliana.si/ - http://www.noidiciamono.it/

 

 

Discussioni Simili

  1. 1946 - Referendum istituzionale
    Di Dodo88 nel forum FantaTermometro
    Risposte: 144
    Ultimo Messaggio: 19-05-08, 02:31
  2. 2 giugno 1946: il referendum istituzionale.
    Di Tango do Hermano nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 76
    Ultimo Messaggio: 27-12-07, 13:13
  3. 15 dicembre 1973 e 27 dicembre 1985
    Di Airbus nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 19-12-07, 13:57
  4. 1946 - Referendum istituzionale TOTALE
    Di Venom nel forum FantaTermometro
    Risposte: 31
    Ultimo Messaggio: 01-10-07, 20:37
  5. 31 - Referendum istituzionale del 2 giugno 1946
    Di Jenainsubrica nel forum Monarchia
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 13-03-05, 02:02

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226