User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    2,155
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs up "Ora Ercolano è derackettizzata"

    In manette 250 camorristi
    "Ora Ercolano è derackettizzata"


    In manette 250 camorristi "Ora Ercolano

    Il cartello stradale con l'inedita scritta sarà piazzato a giorni. Ma vale la pena camminare per il centro e farsi raccontare dalla negoziante di abbigliamento, dal panettiere, dal macellaio e da tutti gli altri come hanno fatto nell'arco di due anni a ribellarsi alla schiavitù del pizzo e a vincere la loro battagliaERCOLANO (Napoli) - Il cartello stradale lo metteranno fra qualche giorno, ai confini del comune: "Ercolano, territorio derackettizzato". Così daranno il benvenuto nella prima città del Sud dove il pizzo non si paga più.

    A pochi chilometri da Napoli, in un ammasso di case schiacciate fra il Vesuvio e il mare, la camorra che succhia sangue ha perso faccia e potere. L’hanno liberata Ercolano - quella degli splendidi scavi romani che testimoniano commerci e sollazzi dell’aristocrazia del tempo -, l’hanno ripulita dalla marmaglia e miracolosamente fatta rinascere. Non ci sono più "loro" a spadroneggiare per le sue strade, non ci sono più estorsioni e non ci sono più commercianti in preda al terrore.

    Le vetrine delle botteghe espongono manifesti di sfida ("Noi non subiamo soprusi"), i negozianti tengono la porta aperta e nessuno li tartassa più. Nell’ultimo processo che si sta celebrando in queste settimane contro le bande di taglieggiatori ci sono più testi d’accusa che imputati: 42 vittime che denunciano 41 aguzzini. E’ uno dei tanti primati di questa città al centro del Golfo, che si è ribellata ai Birra e agli Ascione, i boss che tenevano tutti in ostaggio. Gli uomini dei due clan – quasi duecentocinquanta - sono rinchiusi nelle carceri. E nelle loro roccaforti, "alla Cuparella" e "alla Moquette", vivono oramai solo donne e bambini.

    Un’Ercolano senza racket, una bella notizia in un pezzo d’Italia dove l’estorsione si tramandava di padre in figlio da almeno tre generazioni. Con il negozio ereditavano anche il pizzo, da versare ogni mese o tre volte l’anno, a una banda o all’altra e nei periodi di guerra a tutte e due: da 150 a 1.500 euro ogni trenta giorni, dal piccolo bar fino al supermercato. Una tassa per salvarsi la vita. Ma poi è cambiato tutto. Poi, in questa città che si allunga fra la Reggia di Portici e i capannoni di Torre del Greco, è scoppiata la rivolta. Per primi loro, i commercianti. E poi un sindaco, Nino Daniele, che dal 2005 al 2009 è stato al fianco dei suoi concittadini cominciando con le "passeggiate antimafia" e finendo con la concessione di una dispensa dal pagamento di Ici e Tarsu – prima volta in Italia, un altro record di Ercolano - per tutti coloro che si rifiutavano di cedere al pizzo. E ancora, un esemplare lavoro dei carabinieri e dei commissari di polizia. E infine la passione civile del siciliano Tano Grasso, simbolo dalla fine degli anni Ottanta del Sud che non si piega, il presidente della Federazione antiracket che - a Napoli e sotto Napoli - ha messo radici e portato il suo sapere in una battaglia che i negozianti hanno vinto.

    Così hanno eliminato mese dopo mese la "bussata" - quando il camorrista va a chiedere il pizzo – da una città di sessantamila abitanti che in meno di dieci anni ha contato sessanta morti ammazzati negli scontri di una camorra che è stracciona ma che è anche di massa, un settore di popolo. Spiega Tano Grasso: "Abbiamo derackettizzato Ercolano per le condizioni di fiducia che si sono create, una convergenza di fattori positivi: il sindaco giusto al momento giusto, investigatori preziosi, un pubblico ministero molto attento e poi loro: i commercianti che volevano vivere". Derackettizzare – hanno capito qui - è un po’ come derattizzare: in un paio di anni, la città è stata svuotata dai topi.

    La prima a denunciare è stata Raffaella Ottaviano, un negozio di abbigliamento sul corso principale, via IV Novembre civico 21. "Si è presentato uno e mi ha spiegato che lo mandava lo ‘zio Giannino’, un’ora dopo ero già dai carabinieri", ricorda Raffaella mentre risaliamo il corso e incontriamo tutti gli altri che hanno detto no. Il panettiere. Il pasticciere. Il macellaio. Il meccanico. Il gioielliere. Il pescivendolo. L’ottico. Il carrozziere. Il benzinaio. Via dopo via, quartiere dopo quartiere, pagavano tutti. A volte erano bambini di dieci o undici anni che venivano spediti a fare la "bussata". A volte arrivano quegli altri, con le pistole in mano.

    Come è capitato a Sofia Ciriello, un forno nella II° traversa Mercato, al numero 44. "Sono entrati in panificio due mattine di fila e non gli ho dato retta, alla terza volta mi hanno puntato contro il revolver dicendomi che dovevo andare ‘alla Cuparella’...", racconta Sofia. E’ giù, sulla strada che va verso Portici. Un porticato buio e poi, quando torna la luce, sei già dentro il regno dei Birra. Sofia si è rifiutata di pagare, qualche giorno dopo davanti al forno hanno messo la bomba. Lei ha denunciato. Nomi e cognomi. E così ha fatto anche Matteo Cutolo, dottore commercialista che, come il nonno, ha preferito fare bignè nel laboratorio di dolci di via IV Novembre 106. Dice Matteo: "Ho detto basta per sempre".

    Il macellaio è qualche metro più su, in via IV Novembre numero 129. Si chiama Salvatore Zinno, Fra una "bussata" e l’altra a Salvatore per le "spese di camorra" scucivano quasi duemila euro al mese: "Dovevo assumere le inservienti che dicevano loro, dovevo prendere il prosciutto a un prezzo più caro ma rivenderlo a prezzo di mercato, dovevo abbonarmi per forza al girone di ritorno della squadra di calcio locale, dovevo pagare il carico e scarico dei polli: non ne potevo più". Salvatore comprava anche il pane per i suoi clienti da tre panifici diversi. Il primo era quello che gli imponevano i Birra, il secondo quello che volevano gli Ascione, il terzo quello che gli faceva regolari fatture. Era costretto a prendere 50 chili di pane al giorno e buttarne ogni sera 20 o 30 chili. Una mattina Salvatore si è svegliato e ha denunciato su Facebook tutti i ricatti. Ogni tanto dalla sua bottega passa qualche scagnozzo e grida al macellaio: "Salvatò, ma che ti hanno fatto quei poveretti che hai denunciato?". Salvatore è arrabbiato e non torna più indietro. Anche se può accadere che ogni tanto qualcuno esce dal carcere per qualche mese. Ma poi lo ributtano subito dentro. A Ercolano stanno facendo piazza pulita.

    Se n’è accorto il console tedesco di Napoli, Christiano Much, che ha fatto stampare una mappa della città con i negozi che non pagano il pizzo. I tedeschi che passano dal consolato la ritirano e poi un tour operator tedesco – la Studiosus – organizza visite guidate fra rovine romane e conquiste contemporanee. Oggi, la "Cuparella" non conta più niente.
    23 novembre 2011

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    2,155
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: "Ora Ercolano è derackettizzata"

    VIDEO

    Dopo la rabbia, il coraggio
    "Noi, un modello da seguire"

    Video - Dopo la rabbia, il coraggio "Noi, un modello da seguire" - Inchieste - la Repubblica

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    5,725
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: "Ora Ercolano è derackettizzata"

    Tanto tra qualche mese i camorristi usciranno di galera per qualche vizio di forma o per deccorenza dei termini; poi torneranno a farla pagare con gli interessi ai negozianti.
    Non c'è speranza.
    A Guide to Understanding Statistics:
    Remember: human beings average one testicle each!

  4. #4
    Forumista senior
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    2,155
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: "Ora Ercolano è derackettizzata"

    I Negozi "Deracketizzati" sono sempre di più. La Cultura anti-camorra si sta diffondendo. La strada è lunga ma è quella buona.

    La lista dei negozi che non pagano il pizzo di Addio Pizzo:

    Campania, pizzo free 326 negozi "derackettizzati" - Inchieste - la Repubblica

  5. #5
    fiamma verde
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    6,833
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: "Ora Ercolano è derackettizzata"

    Benvenuti nella prima città d'Italia dove il pizzo non si paga più.

    qui da me non si e' mai pagato

  6. #6
    Giusnaturalista
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    Giudicato di Cagliari
    Messaggi
    15,648
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: "Ora Ercolano è derackettizzata"

    Citazione Originariamente Scritto da trilex Visualizza Messaggio
    qui da me non si e' mai pagato
    Dove?

    Anche quà a Cagliari non si paga. Ma si cominciano a vedere le prime brutte faccende. Ho paura che la malavita organizzata dedita al racket, comunque la si voglia chiamare, possa cominciare a prendere piede anche quà. Anche perchè così avremo la doppia imposizione del pizzo, quella legale e quella illegale.

    Comunque son felice per Ercolano e lo sarò ancora di più quando il comune oltre che deracketizzato sarà defiscalizzato e destatalizzato.
    Tu ne cede malis, sed contra audentior ito, quam tua te Fortuna sinet.


  7. #7
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Siena - Toscana
    Messaggi
    6,882
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: "Ora Ercolano è derackettizzata"

    Tra poco pagano più pizzo a Milano e Reggio Emilia, che a Napoli...
    Speriamo sia la volta buona e speriamo che i cittadini ed i commercianti inizino a denunciare qualunque intimidazione o richiesta.
    ---------------------------------------
    Non morirò fiorentino...
    ---------------------------------------

  8. #8
    In hoc papero vinces
    Data Registrazione
    07 Apr 2009
    Messaggi
    52,895
    Mentioned
    480 Post(s)
    Tagged
    26 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    9

    Predefinito Rif: "Ora Ercolano è derackettizzata"

    Bene. Derattizziamo anche le altre ora
    Far ragionare un idiota non è impossibile, è inutile

 

 

Discussioni Simili

  1. "Ora Ercolano è derackettizzata"
    Di Napoli Capitale nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 24-11-11, 17:49
  2. "Ercolano è derackettizzata"
    Di Napoli Capitale nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 24-11-11, 15:17
  3. Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 15-12-09, 12:28
  4. Risposte: 44
    Ultimo Messaggio: 31-01-09, 16:33
  5. Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 18-07-04, 10:52

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226