User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9
  1. #1
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito "Ora chi ci darà il pane?"

    La disperazione del paese. "Ora chi ci darà il pane?"

    Dentro il bunker un cavo di 400 metri per collegarsi alle telecamere del paese

    La disperazione del paese "Ora chi ci darà il pane?"- LASTAMPA.it

    Che sconforto, il giorno dopo. La «scomparsa» di Michele Zagaria dalla sua Casapesenna ha sortito l’effetto di un tragico funerale. Come se fosse morto un caro, un marito, un padre, un figlio. Anzi, un benefattore, lo zio Tom di Casapesenna, Gomorra.

    Che sconforto quella ragazza che non teme la telecamera e il microfono per gridare il dolore per la cattura dell’ultimo dei Casalesi: «E adesso chi ci farà lavorare? Chi ci darà il pane?» Alla faccia degli analisti e dei sociologi che hanno sempre sostenuto che l’economia criminale non produce ricchezza. O di quel negoziante che angosciato si chiede: «E adesso quelli che verranno, che si faranno sotto, ci imporranno il pizzo?».

    Maledetta Gomorra che sembra imbattibile, un’Araba Fenice pronta a risorgere. E del resto perché ci dovremmo meravigliare di quella ragazza addolorata se il giorno prima della cattura di Zagaria, nella retata dei 55 dell’area grigia (politici, amministratori, funzionari comunali e di banca) diversi testimoni hanno ammeso di aver dato il voto a certi candidati perché garantivano lavoro e soldi?

    Il vuoto creato dalla cattura di Michele Zagaria è come uno tsunami. «Il problema - spiega il questore di Caserta, Guido Longo, un bravissimo investigatore a cui si deve la cattura di Sandokan, Francesco Schiavone adesso sono gli orfani, gli eredi dei Casalesi. Un esercito di fedelissimi, di affiliati e di tifosi, di fiancheggiatori e simpatizzanti, di politici e imprenditori. Insomma, la base sociale dei Casalesi».

    Quanti sono gli orfani, gli eredi di Gomorra? Le stime degli investigatori, per approssimazione, parlano di almeno duemila persone. E soprattutto cosa faranno adesso?

    Il procuratore aggiunto Federico Cafiero de Raho, non ama fare azzardi numerici, però è preoccupato, fa il pompiere dell’euforia per una sconfitta definitiva di Gomorra, che lui non vede. «Sconfitti? Decapitati? Andiamoci piano. Rimane ancora sostanzialmente intatta, nonostante gli arresti e i sequestri dei beni, la struttura imprenditoriale dei Casalesi, la loro presenza nel calcestruzzo, negli appalti, nelle imprese nazionali, nelle società presenti in tutte le attività merceologiche, nelle aziende bufaline, nella movimentazione terra».

    Esce dall’apnea Cafiero De Raho. Prende fiato. E pronuncia a sillabe la sua sentenza: «Fino a quando non gli toglieremo i soldi, non prosciugheremo le loro ricchezze, i capitali, le imprese, fino a quel momento i Casalesi potranno andare avanti come se non fosse successo nulla. Riescono a digerire anche gli arresti. Insomma, il nemico è ancora forte».

    Peccato che l’euforia e la speranza della disfatta di Gomorra siano durate l’arco di una giornata. Ieri, gli uomini della Mobile di Caserta sono stati tutto il giorno in via Mascagni, nella casa della coppia Inquieto. Alessandro Tocco dirige gli uomini della Polizia nel presidio-avamposto di Casal di Principe, un «manipolo di eroi», di «forze ostili» in terra di Gomorra. E hanno scoperto, gli sbirri, che tra le tante sorprese del bunker Zagaria, c’eranodue televisori 55 pollici e un cavo di quattrocento metri che raggiungeva piazza Petrillo, per collegarsi alla rete di telecamere di Casapesenna.

    Senza parole. Questo innesto abusivo avrebbe consentito al boss di tenere sotto controllo tutto il paese. Si chiede Tocco: «Chi è quel tecnico che ha fatto l’allacciamento abusivo? E’ della ditta che ha impiantato il circuito delle telecamere a Casapesenna?».

    Del resto è sorprendente l’uso e l’abuso di telecamere piazzate in ogni strada e vicolo, a protezione delle ville e delle abitazioni di Gomorra. Racconta il dottore Tocco che dopo la cattura di Antonio Iovine, coordinati dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, gli investigatori hanno avviato una indagine sull’abusivismo edilizio e la presenza diffusa delle telecamere nei comuni del quadrilatero: Casapesenna, Casal di Principe, San Cipriano d’Aversa e Villa Literno.

    «Ci siamo fermati a censirne cento. In realtà le ville abusive sono migliaia. E quelle telecamere a protezione dei suoi abitanti sono illegali, non potrebbero riprendere e registrare i passaggi sulla pubblica strada...».

    Bunker abusivi, appartamenti abusivi, mura abusive. Sì, effettivamente occorrerebbe un esercito di pale meccaniche per abbattere la maggioranza delle case di questi paesi. Ma per farlo, forse, si dovrebbero mandare a casa amministratori locali e funzionari comunali. Qualcosa è stato fatto, il giorno prima della cattura di Zagaria, con i 55 arresti.

    Ha ragione il capo della Polizia, il prefetto Antonio Manganelli, quando si lamenta: «Nella lotta alle mafie ci sono pochi giocatori e molti spettatori». Il problema, però, è anche che molti di quegli spettatori, in realtà, tifano per la squadra sbagliata. E sempre Manganelli aggiunge che ognuno deve fare la sua parte, e dunque che spetta alla politica bonificare le istituzioni locali.

    E già. Ma se qui c’è un rapporto feudatario tra gli amministratori e gli amministrati. Succubi i primi di Gomorra, di Gomorra e degli amministratori i secondi, gli elettori. Nicola Cosentino aspetta il verdetto della Camera, per capire se per la seconda volta eviterà il carcere o se, invece, finirà in manette. «Garante politico nazionale dei Casalesi». E ora? «Gomorra - sostiene il procuratore antimafia Federico Cafiero de Raho - può anche fare a meno di Cosentino, scegliendo un altro politico in grado di rappresentarli».

    09/12/2011
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,695
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: "Ora chi ci darà il pane?"

    soliti ....

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    23 Sep 2011
    Messaggi
    113
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: "Ora chi ci darà il pane?"

    Dall'Alpi alla Sicilia

  4. #4
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    35,005
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: "Ora chi ci darà il pane?"

    Oggi su Sky mi sono sorbito un servizio sull'olio d'oliva.
    Ad un certo punto si è oparlato di olio prodotto in Sicilia e relativa intervista ad un produttore del luogo.
    Alla domanda dell'intervistatrice su dove trovare il suo olio, lui con aria schifata ha detto chiaramente di rifiutarsi di vendere in itaglia, solo USA, Bruxelles & C.
    Capita la lezione?
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  5. #5
    tra Baltico e Adige
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Località
    terra dei cachi
    Messaggi
    9,567
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: "Ora chi ci darà il pane?"

    Si tengano pure i loro prodotti e tolgano le mani dai nostri soldi.

    Dobbiamo dividerci e dimenticarci a vicenda, anzi mettere nella nuova costituzione dei nuovi paesi il divieto assoluto di ricreare entità statali in comune.



  6. #6
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    17 Dec 2004
    Messaggi
    8,993
    Mentioned
    161 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Rif: "Ora chi ci darà il pane?"

    Questi sanno mangiare solo pane grondante di sangue.

  7. #7
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    35,005
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: "Ora chi ci darà il pane?"

    Citazione Originariamente Scritto da Quayag Visualizza Messaggio
    Si tengano pure i loro prodotti e tolgano le mani dai nostri soldi.

    Dobbiamo dividerci e dimenticarci a vicenda, anzi mettere nella nuova costituzione dei nuovi paesi il divieto assoluto di ricreare entità statali in comune.
    Il guaio è che le mani ce le mettono ovunque con il beneplacito dei nostri concittadini che espongono fieri la bandiera.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  8. #8
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,097
    Mentioned
    42 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: "Ora chi ci darà il pane?"

    Citazione Originariamente Scritto da Bèrghem Visualizza Messaggio
    La disperazione del paese. "Ora chi ci darà il pane?"

    Dentro il bunker un cavo di 400 metri per collegarsi alle telecamere del paese

    La disperazione del paese "Ora chi ci darà il pane?"- LASTAMPA.it

    Che sconforto, il giorno dopo. La «scomparsa» di Michele Zagaria dalla sua Casapesenna ha sortito l’effetto di un tragico funerale. Come se fosse morto un caro, un marito, un padre, un figlio. Anzi, un benefattore, lo zio Tom di Casapesenna, Gomorra.

    Che sconforto quella ragazza che non teme la telecamera e il microfono per gridare il dolore per la cattura dell’ultimo dei Casalesi: «E adesso chi ci farà lavorare? Chi ci darà il pane?» Alla faccia degli analisti e dei sociologi che hanno sempre sostenuto che l’economia criminale non produce ricchezza. O di quel negoziante che angosciato si chiede: «E adesso quelli che verranno, che si faranno sotto, ci imporranno il pizzo?».

    Maledetta Gomorra che sembra imbattibile, un’Araba Fenice pronta a risorgere. E del resto perché ci dovremmo meravigliare di quella ragazza addolorata se il giorno prima della cattura di Zagaria, nella retata dei 55 dell’area grigia (politici, amministratori, funzionari comunali e di banca) diversi testimoni hanno ammeso di aver dato il voto a certi candidati perché garantivano lavoro e soldi?

    Il vuoto creato dalla cattura di Michele Zagaria è come uno tsunami. «Il problema - spiega il questore di Caserta, Guido Longo, un bravissimo investigatore a cui si deve la cattura di Sandokan, Francesco Schiavone adesso sono gli orfani, gli eredi dei Casalesi. Un esercito di fedelissimi, di affiliati e di tifosi, di fiancheggiatori e simpatizzanti, di politici e imprenditori. Insomma, la base sociale dei Casalesi».

    Quanti sono gli orfani, gli eredi di Gomorra? Le stime degli investigatori, per approssimazione, parlano di almeno duemila persone. E soprattutto cosa faranno adesso?

    Il procuratore aggiunto Federico Cafiero de Raho, non ama fare azzardi numerici, però è preoccupato, fa il pompiere dell’euforia per una sconfitta definitiva di Gomorra, che lui non vede. «Sconfitti? Decapitati? Andiamoci piano. Rimane ancora sostanzialmente intatta, nonostante gli arresti e i sequestri dei beni, la struttura imprenditoriale dei Casalesi, la loro presenza nel calcestruzzo, negli appalti, nelle imprese nazionali, nelle società presenti in tutte le attività merceologiche, nelle aziende bufaline, nella movimentazione terra».

    Esce dall’apnea Cafiero De Raho. Prende fiato. E pronuncia a sillabe la sua sentenza: «Fino a quando non gli toglieremo i soldi, non prosciugheremo le loro ricchezze, i capitali, le imprese, fino a quel momento i Casalesi potranno andare avanti come se non fosse successo nulla. Riescono a digerire anche gli arresti. Insomma, il nemico è ancora forte».

    Peccato che l’euforia e la speranza della disfatta di Gomorra siano durate l’arco di una giornata. Ieri, gli uomini della Mobile di Caserta sono stati tutto il giorno in via Mascagni, nella casa della coppia Inquieto. Alessandro Tocco dirige gli uomini della Polizia nel presidio-avamposto di Casal di Principe, un «manipolo di eroi», di «forze ostili» in terra di Gomorra. E hanno scoperto, gli sbirri, che tra le tante sorprese del bunker Zagaria, c’eranodue televisori 55 pollici e un cavo di quattrocento metri che raggiungeva piazza Petrillo, per collegarsi alla rete di telecamere di Casapesenna.

    Senza parole. Questo innesto abusivo avrebbe consentito al boss di tenere sotto controllo tutto il paese. Si chiede Tocco: «Chi è quel tecnico che ha fatto l’allacciamento abusivo? E’ della ditta che ha impiantato il circuito delle telecamere a Casapesenna?».

    Del resto è sorprendente l’uso e l’abuso di telecamere piazzate in ogni strada e vicolo, a protezione delle ville e delle abitazioni di Gomorra. Racconta il dottore Tocco che dopo la cattura di Antonio Iovine, coordinati dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, gli investigatori hanno avviato una indagine sull’abusivismo edilizio e la presenza diffusa delle telecamere nei comuni del quadrilatero: Casapesenna, Casal di Principe, San Cipriano d’Aversa e Villa Literno.

    «Ci siamo fermati a censirne cento. In realtà le ville abusive sono migliaia. E quelle telecamere a protezione dei suoi abitanti sono illegali, non potrebbero riprendere e registrare i passaggi sulla pubblica strada...».

    Bunker abusivi, appartamenti abusivi, mura abusive. Sì, effettivamente occorrerebbe un esercito di pale meccaniche per abbattere la maggioranza delle case di questi paesi. Ma per farlo, forse, si dovrebbero mandare a casa amministratori locali e funzionari comunali. Qualcosa è stato fatto, il giorno prima della cattura di Zagaria, con i 55 arresti.

    Ha ragione il capo della Polizia, il prefetto Antonio Manganelli, quando si lamenta: «Nella lotta alle mafie ci sono pochi giocatori e molti spettatori». Il problema, però, è anche che molti di quegli spettatori, in realtà, tifano per la squadra sbagliata. E sempre Manganelli aggiunge che ognuno deve fare la sua parte, e dunque che spetta alla politica bonificare le istituzioni locali.

    E già. Ma se qui c’è un rapporto feudatario tra gli amministratori e gli amministrati. Succubi i primi di Gomorra, di Gomorra e degli amministratori i secondi, gli elettori. Nicola Cosentino aspetta il verdetto della Camera, per capire se per la seconda volta eviterà il carcere o se, invece, finirà in manette. «Garante politico nazionale dei Casalesi». E ora? «Gomorra - sostiene il procuratore antimafia Federico Cafiero de Raho - può anche fare a meno di Cosentino, scegliendo un altro politico in grado di rappresentarli».

    09/12/2011
    Bruciateli tutti, subumani assassini.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  9. #9
    Venetia
    Data Registrazione
    06 Sep 2011
    Località
    Venetia
    Messaggi
    4,068
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: "Ora chi ci darà il pane?"

    Maledetti.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 25-01-13, 23:25
  2. Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 29-05-12, 16:47
  3. Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 04-09-08, 13:42
  4. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 18-08-06, 10:12
  5. Clemente "The Worm" Mastella darà l'appoggio esterno?
    Di John Galt nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 16-05-06, 10:46

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226