User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
  1. #1
    Forumista
    Data Registrazione
    24 May 2010
    Messaggi
    119
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito condivido: ribelliamoci!!

    mercoledì 7 dicembre 2011
    RIBELLIAMOCI !!!
    In quanto militante leghista sono orgogliosamente di parte, ma sono sicuro che questo comporta che le mie opinioni vengano valutate a seconda dell'orientamento politico di chi le legge. Voglio però aggiungere qualcosa a quanto ho già scritto per commentare la manovra del governaccio Monti, e mi piacerebbe che tutte le persone semplici come me (ricordo che sono un lavoratore dipendente con nessuna competenza da economista, e che non ho interessi particolari da difendere) riflettessero sulla situazione attuale e sui rischi per il nostro futuro. Al di là di ogni giudizio sull'operato del governo Berlusconi, il tutto è iniziato con un fortissimo attacco speculativo alla borsa ed ai titoli di stato italiani e di altri paesi europei. Sotto la minaccia di un imminente fallimento, si è immediatamente proposto un premier sponsorizzato dalle istituzioni finanziarie internazionali, collegate al sistema politico europeo e sostenute dai potentati che influenzano le masse con impressionanti campagne mediatiche. Il nuovo esecutivo, sempre con la stessa minaccia di un possibile disastro, vuole imporre una manovra che colpisce pesantemente la categorie più deboli, e solo un pazzo potrebbe pensare che queste misure possano risolvere i problemi del bilancio statale, e cancellare le storture che l'hanno trasformato in una voragine che da decenni inghiotte i frutti dei nostri sacrifici. Questa situazione rappresenta un precedente pericolosissimo, perchè consegna la sovranità degli stati nelle mani dei detentori di enormi capitali che li possono tenere in ostaggio, imponendo provvedimenti tesi a costruire una società funzionale ai loro interessi. Non sono in grado di proporre cifre precise, ma è facile immaginare quanto potere hanno le principali banche d'affari mondiali le quali, con un semplice ordine telematico di vendita, possono scatenare il panico tra la popolazione che poi si ritrova ad affidare le proprie speranze ai falsi uomini della provvidenza, messi nei posti chiave proprio dalle stesse banche. Noi semplici militanti di tutte le forze politiche, ma anche i semplici elettori, che ci scontriamo quasi sempre mossi da nobili ideali rischiamo di non contare più nulla, ma lo stesso rischio lo corre anche l'intera classe politica se decidesse di consegnarsi ai poteri che in qualsiasi momento possono condizionare i mercati, per mantenere la legittimazione a governare o riconquistarsela. Per questo mi convinco sempre più della necessità di ribellarsi ai tremendi sacrifici che ci vengono richiesti, soprattutto perchè tra non molto ne seguirebbero altri, ed ogni volta che qualcuno oserà tentare di contrastare i professoroni, partirà qualche telefonata agli amici della Goldman Sachs che provvederanno a mettere in pratica il monito ricattatorio.
    Politica Padana Online: RIBELLIAMOCI !!!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Anti-taliban
    Data Registrazione
    13 Oct 2009
    Messaggi
    5,058
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Rif: condivido: ribelliamoci!!

    Armatevi, e partite.

    Chi il primo?

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    27 Aug 2010
    Messaggi
    15,105
    Mentioned
    576 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Rif: condivido: ribelliamoci!!

    dopo le 300 secessioni annunciate,
    il finto parlamento padano
    le finte elezioni padane
    gli autentici soldi pagati al trota
    le autentiche mazzette prese dai colonnelli dello sciancato
    le autentiche incitazioni all'odio messe in pratica

    cosa ci riserva di nuovo la banda Brancaleone guidata da un mezzo storpio macilento?
    COME MAI, COME MAI, SEMPRE IN CULO AGLI OPERAI?
    D'ORA IN POI, D'ORA IN PO, UN PO IN CULO TOUTTA ANCHE A NOI!
    TED COLUNGA'S FAN

  4. #4
    Forumista senior
    Data Registrazione
    28 Apr 2010
    Messaggi
    2,700
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: condivido: ribelliamoci!!

    Citazione Originariamente Scritto da l'inquirente Visualizza Messaggio
    dopo le 300 secessioni annunciate,
    il finto parlamento padano
    le finte elezioni padane
    gli autentici soldi pagati al trota
    le autentiche mazzette prese dai colonnelli dello xxxxxx
    le autentiche incitazioni all'odio messe in pratica

    cosa ci riserva di nuovo la banda Brancaleone guidata da un xxxxxxxx?
    per favore togli quel mezzo, xxxxxxxxx
    chiunque sia, non ci si deve mai permettere di offendere uno che ha problemi fisici,

    io credo che un partito ridicolo come quello della lega non esiste,
    ha supportato Berlusconi in tutto e per tutto nel rovinare le classi più povere, e l'Italia,
    proprio adesso sta facendo un casino da matti in parlamento facendo finta di indignarsi per le modifiche alle pensioni a danno dei lavoratori...
    una vergogna....
    Ultima modifica di remox; 14-12-11 alle 12:46

  5. #5
    Forumista
    Data Registrazione
    24 May 2010
    Messaggi
    119
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: condivido: ribelliamoci!!

    Euro-dittatura: potere assoluto a chi ha sbagliato tutto

    Scritto il 27/11/11 • nella Categoria: idee Condividi195

    Si sentono molte teorie del complotto sul perché le cose in Grecia e in Italia sono andate come sono andate. Ciò che sappiamo è che due premier eletti democraticamente sono stati rimossi dai bulli di Bruxelles. Non erano più accettabili. Nel caso del signor Papandreou, ha osato bestemmiare in pubblico, ha utilizzato la parola “referendum”: inaccettabile, doveva andarsene. Il signor Berlusconi? Era irrecuperabile. Le cose in Grecia possono sembrare gravi, ma in Italia abbiamo il signor Monti, ex commissario europeo, uno degli architetti della zona euro: disastro! Un non-eletto, neanche membro del Parlamento quando tutta questa storia ha avuto inizio. E ha composto una vetrina di persone, nessuna delle quali eletta democraticamente. Siamo davanti ad una mostruosità. E’ tutta una coincidenza? No, si tratta di controllo.

    Gli spagnoli hanno avuto le elezioni. Ero in un dibattito alla tv inglese quando i risultati sono arrivati e ho detto: perché si sono disturbati? Perché Mario Montiavere un’elezione, visto che dopotutto, effettivamente, hanno le mani legate? E abbiamo visto sui giornali che la prima cosa che il signor Rajoy ha fatto é andare dalla Merkel per farsi dare istruzioni. E se tra qualche mese loro non saranno contenti, Rajoy sará “licenziato” e rimpiazzato da qualcun altro. Ció che sta accadendo realmente con la crisi dell’Eurozona é che la democrazia viene deliberatamente e volontariamente distrutta da persone che faranno di tutto per sostenere il loro fallimentare e fallito Euro-sogno.

    L’argomento che Berlusconi non fosse all’altezza, che un governo tecnico sia in qualche modo meglio, penso sia sbagliato da due punti di vista. Primo, il signor Monti è uno dei principali artefici, personalmente, di questo fallimento. Secondo, questo è esattamente il modo in cui inizia una dittatura. Si dichiara uno stato di emergenza, le leggi normali democratiche si sospendono e c’è qualcuno che prende il potere per il bene del Paese. Così iniziano le dittature. A mio avviso, in qualunque circostanza, non è La protesta sociale in Greciagiustificabile.

    Quello che è certo è che il signor Monti non ha un mandato popolare di nessun tipo. Quello che è altresì certo è che lui vuole assicurarsi che la Grecia, e certamente anche l’Italia, restino nell’Euro e continuino a far parte del progetto europeo. Io non riesco, per quanto mi sforzi, a capire perché gli italiani vogliano sopportarlo. E’ una mostruosità assoluta che è stata loro imposta. Ad Atene abbiamo visto la gente scendere in piazza: se fossi in Italia sarei tentato dal fare esattamente lo stesso.

    Ora c’è in duscussione il nuovo trattato Mes, il meccanismo europeo di stabilità, che renderà legali i salvataggi europei che abbiamo già avuto per gli Stati dell’Eurozona. Ritengo che questo nuovo trattato sia la peggiore evoluzione dell’Europa Unita: darà un potere arbitrario e completo a burocrati stranieri mai eletti di controllare le economie di interi paesi. E anche se faranno un gran casino, il trattato conferirà loro l’immunità totale da qualsiasi iniziativa giudiziaria, a vita. Questo trattato, il Mes, va a toccare cose che dovrebbero essere sottoposte a referendum in ogni Stato membro: gli italiani non dovrebbero prenderlo così sotto gamba. Sicuramente a un Herman Van Rompuycerto punto dovrete decidere del vostro futuro. Non potrete basarvi sempre sul fatto che il signor Monti ed altri facciano ciò che è nei vostri interessi.

    Herman Van Rompuy? Diedi una versione alternativa del suo curriculum. Non aveva nessuna legittimazione democratica. Non è stato votato da nessuno, e non esiste nessun meccanismo per rimuoverlo, né da parte dei normali votanti né da parte di nessuna nazione europea. E la cosa più importante di questo recente fiasco italiano è stato vedere questo uomo non-eletto venire da Bruxelles a Firenze a dire al popolo italiano che questo non è il momento per le elezioni, ma è il momento per le azioni. Chi, in nome di Dio, gli ha dato il diritto di dire queste cose al popolo italiano?

    Ho incontrato Angela Merkel un mese fa, e le ho fatto una domanda. Le chiesi: perché la Grecia non può essere lasciata libera di riavere la sua moneta, di svalutarla e di avere un suo proprio governo democratico? La risposta della Merkel è stata chiara: se permettiamo alla Grecia di andare via, altri paesi la seguiranno. Quindi il problema è che il progetto europeo deve essere sostenuto al prezzo di qualsiasi costo economico o democratico: Angela Merkeldeve essere tenuto coeso. E poi, quando iniziano a disperarsi, dicono che se l’Euro fallisce potrebbe esserci una guerra. Quale guerra? Chi dovrebbe invadere cosa? Dovremmo credere che la Germania tornerà a riarmarsi? E che invaderà la Francia? Non credo proprio!

    Queste sono le vecchie tecniche di intimidazione, e dovremmo ricordare che, in realtà, le guerre possono insorgere quando i popoli sono forzati artificialmente a stare insieme contro la loro volontà. Ricordate che è accaduto nei Balcani, è successo il secolo scorso, ne abbiamo visto ramificazioni negli ultimi vent’anni e l’abbiamo chiamato Jugoslavia. Ci sono molte più probabilità di rivolte, di dissensi e anche di guerre civili se andiamo avanti a imporre agli europei una forma di governo che non hanno scelto e che non vogliono.

    Se vogliamo sopravvivere in una tempesta atlantica, la soluzione non è stare su una grossa nave, che potremmo magari chiamare Titanic. Credo che la cosa più importante, se siamo in mezzo ai marosi, è avere le mani saldamente sul timone ed essere capaci di tracciare la giusta rotta, seguendo la giusta direzione, piuttosto che seguire una decisione comune presa per conto di 27 popoli diversi, con idee contrastanti, e vedere tutto quanto ridotto a un pasticcio, a un compromesso che non va bene a nessuno, diretto da burocrati nella Commissione Europea che, lo abbiamo visto in Nigel Faragequalsiasi altra area politica, hanno fallito in tutto l’arco degli ultimi vent’anni.

    Rimaniamo con le nostre proprie forme di governo, monete, lingue, culture. Saremo uniti, faremo affari, saremo amici e buoni vicini. Ma non dovremmo essere forzati insieme nella stessa unione politica. Il mio partito continuerá a portare avanti questa politica per un Regno Unito libero, indipendente e democratico, non governato da Herman Van Rompuy, Barroso o altri orribili insignificanti burocrati che adesso stanno comandando le vite di 500 milioni di persone, nei fusi orari europei.

    (Nigel Farage, “Così nascono le dittature”: estratti dell’intervista realizzata da Claudio Messora per il blog “Byoblu”, tradotta da Alessio Mariottini e ripresa da “Megachip”. Già esponente della destra britannica, Farage si smarcò dal partito conservatore dopo il Trattato di Maastricht. Leader del partito Ukip, è oggi europarlamentare e co-presidente, col leghista Francesco Speroni, del gruppo “Europa della libertà e della democrazia”).
    Euro-dittatura: potere assoluto a chi ha sbagliato tutto | LIBRE

  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    14 Oct 2011
    Messaggi
    3,755
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: condivido: ribelliamoci!!

    Non so più come dire che qui in Italia la problematica non è Wall Street/Main street. La problematica è governo di incompetenti e ladri oppure no. Se abbiamo un paese inefficiente, corrotto e "vecchio", dove la partitocrazia occupa e ruba tutto da anni e dove diverse regioni sono controllate dalla crimanilità, spesso in accordo con la politica, non è colpa di Wall Street e della Goldman Sachs.

    E' troppo difficile?

  7. #7
    Forumista senior
    Data Registrazione
    28 Apr 2010
    Messaggi
    2,700
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: condivido: ribelliamoci!!

    Citazione Originariamente Scritto da roundmidnight Visualizza Messaggio
    Non so più come dire che qui in Italia la problematica non è Wall Street/Main street. La problematica è governo di incompetenti e ladri oppure no. Se abbiamo un paese inefficiente, corrotto e "vecchio", dove la partitocrazia occupa e ruba tutto da anni e dove diverse regioni sono controllate dalla crimanilità, spesso in accordo con la politica, non è colpa di Wall Street e della Goldman Sachs.

    E' troppo difficile?
    l'hanno capito tutti, ma....

  8. #8
    Forumista
    Data Registrazione
    24 May 2010
    Messaggi
    119
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: condivido: ribelliamoci!!

    Barnard: sarà un strage, riusciranno dove Hitler fallì

    Scritto il 12/12/11 • nella Categoria: idee Condividi332

    L’Europa collassa, salta l’Eurozona, crollano tutte le nostre economie tranne una: quella tedesca. Scenario che riporterà il Vecchio Continente alla situazione precedente il 1999, ma a condizioni da sogno per la Germania. Che, con un euro a due velocità o anche col suo ritorno al marco, sarà vista dai mercati come l’unica scialuppa di salvezza su cui dirottare capitali, mentre noi rimarremo a secco, agonizzanti. In più, i veri manovratori della Merkel, e cioè le mega-industrie dell’export “neomercantile” della Germania, si troveranno con decine di milioni di lavoratori europei a due passi da casa, disposti a sgobbare per loro a ritmi da lager e con stipendi da Cina. E l’impero germanico dell’export si presenterà al mondo dei grandi mercati del domani (Brasile, Cina, India, Est asiatico) con prodotti a prezzi competitivi. Ironia della storia: trionfale dominio teutonico, proprio là dove Hitler fallì.

    Parole di Paolo Barnard, all’indomani del cruciale vertice europeo dell’8 dicembre che, con l’unione fiscale, sancisce probabilmente la revoca Hitlerdefinitiva delle sovranità nazionali: più che un summit, «una farsa». Firmano la regia Mario Draghi e la Germania, alle prese col «suo terzo tentativo di distruggere l’Europa»: dopo due guerre mondiali, l’arma vincente è ora l’economia, con l’aiuto della Bce e dei trattati-capestro. «Là dove i nazisti fallirono, i tedeschi democratici sono riusciti», scrive Barnard, che imputa alla Germania il “virus” dell’egemonia. Suggestioni storiche? A volontà: «Come nel 1939, l’Inghilterra si tira fuori, per poi combattere più tardi». E, nella gravità di quanto sta accadendo, «è da registrare la giurassica stupidità di Sarkozy, che non ha capito che la Merkel si sta portando la Francia a braccetto come un cagnolino solo per affondarla».

    Il crollo dell’Europa «voluto scientemente dalla Germania», secondo Barnard «getterà la Francia nel baratro assieme a noi “untermenschen” del sud». Per i francesi, una nemesi crudele ma «ben meritata», perché «furono loro che ricattarono la Germania dicendole “o ci fai fare la Bce e l’unione monetaria come vogliamo noi, oppure ti scordi i prestiti per l’unificazione con la Germania dell’Est. Berlino accettò, ma i tedeschi sono micidiali e ora Parigi la pagherà cara». Barnard non ha dubbi: nel suo sito, spiega «come la Germania ci fa a pezzi», grazie all’isterismo sul deficit di bilancio degli Stati, «che deriva interamente dal fatto che un deficit contratto con l’euro non-sovrano è veramente un peso insostenibile per lo Stato: basterebbe eliminare l’euro e tornare a monete sovrane, e i deficit cesserebbero di essere un problema: ma l’euro è mantenuto solo per costringerci a Angela Merkelimpoverirci e divenire servi della Germania e dei mercati».

    Nemico pubblico numero uno, Bruxelles: impone i suoi diktat, in realtà “suggeriti” uno dopo l’altro dal super-potere delle lobby finanziarie internazionali. L’obbligo del Semestre Europeo, cioè il vaglio dell’Unione sulle leggi finanziarie di ogni Stato, in base alle rigide direttive imposte da tecnocrati non-eletti? Non è un’invenzione di Bruxelles, ma una precisa richiesta avanzata nel 2002 dalla lobby Ert, “European Roundtable of Industrialists”. La lobby dispone, i politici eseguono. La sovranità dei governi eletti? Letteralmente cancellata. E le sanzioni pecuniare per gli Stati “disobbedienti”? Anche quelle, dettate dal super-potere: precisamente, dalla lobby finanziaria “Business Europe”, nel 2010. Ovvero: «I desiderata di pochi speculatori miliardari che condizioneranno le vite e la sopravvivenza di milioni di famiglie e aziende europee».

    Capolavoro degli euro-maggiordomi, il Patto Euro-Plus, «che contiene le misure neoliberiste anti-lavoratori, le misure di allungamento dell’età pensionabile, i tagli agli stipendi pubblici e ai servizi essenziali e l’obbligo di trasposizione del divieto di spesa a deficit nelle Costituzioni nazionali». Un’invenzione dei tecnocrati di Bruxelles? No: anche l’Euro-Plus è «il risultato di una serie di richieste specifiche sempre di “Business Europe”, datate dal giugno 2010 al 4 marzo 2011». La Commissione Europea, semplicemente, obbedisce: a nostra insaputa, e sopra le nostre teste. Bilanci statali d’ora in poi «in pareggio o in avanzo», e per chi sgarra oltre il 3% c’è la Corte Europea di Giustizia, che non è stata eletta da nessun europeo ma European Roundtable of Industrialists«secondo il Trattato di Lisbona ha già supremazia sulle nostre Costituzioni, di fatto esautorate».

    Ma attenzione: quel fatidico “pareggio di bilancio” che Draghi e la Merkel pretendono, l’Italia in realtà l’ha già raggiunto: il nostro paese, da anni, «ha un surplus di bilancio». Ovvero: già ora, e non da ieri, «lo Stato ci sta tassando più di quanto spende per noi», di fatto impoverendoci, come raccontano le desolate cifre dell’Istat e della Caritas. Ai cittadini «viene raccontato, da Monti e da tutti i media, che abbiamo un deficit di bilancio cronico»? Falso, dice Barnard: «Siamo da anni in attivo». Il guaio sono gli interessi storici sul debito, non più sovrano ma dipendente dall’euro: e ora l’attivo di bilancio aumenterà a dismisura, perché Monti «dovrà tassarci molto, ma molto di più di quanto lo Stato già ci tassi oggi», inclusa l’ultima manovra “lacrime e sangue”: «Un buffetto sulla guancia, in confronto a quello che dovrà arrivare: sarà una strage».

    Barnard è drammaticamente esplicito: «Se finora ci è piovuto in casa, Monti sfonderà le dighe e in casa ci arriverà uno tsunami. E tutto questo, solo perché oggi con l’euro non sovrano che lo Stato non può emettere ma solo prendere in prestito dall’esterno, per pagare quegli interessi sul debito pubblico il Tesoro è costretto a venire a batter cassa da noi». L’Eurozona cerca disperatamente soldi per salvare dalla bancarotta gli Stati più in crisi: costretti a non poter più emettere moneta, devono ricorrere a prestatori privati. «Ma questi investitori non si fidano a finanziare gli Stati dell’euro, specialmente quelli meno forti, precisamente perché un investitore presta a uno Stato badando a una sola cosa: che quello Stato possa pagare puntuale le Merkel e Draghiscadenze del debito». E dato che nessuno Stato dell’Eurozona può emettere euro liberamente, «gli investitori hanno paura di non essere più puntualmente rimborsati: e allora, per prestarci euro, ci chiedono tassi d’interesse altissimi, insostenibili».

    Certo, ci sarebbe la Bce, che «può e deve salvare gli Stati come noi dal disastro del collasso economico e dell’impoverimento di milioni di famiglie», ma la Banca Centrale Europa «non lo fa», e così «i mercati continueranno a infierire». E’ un piano ben orchestrato, sostiene Barnard: «Draghi sta facendo mosse di una oculatezza diabolica, perché lavora in tandem con la Germania che cerca ostinatamente il collasso dell’Europa e sfrutta il panico dei mercati, che alla fine causeranno precisamente quel collasso». Il movente tedesco è esplicito: la Germania avrà enormi vantaggi economici dal crollo dell’attuale sistema europeo, che oggi barcolla tra “summit-farsa” e pannicelli caldi come il fondo salva-Stati, a cui crede solo «la parte stupida della Ue». Manovre sanguinose per i cittadini ma insufficienti per i mercati, che «continueranno a sfiduciarci e a mandarci verso il fallimento», come sanno benissimo la Merkel e Draghi, ovvero «la Paolo Barnardparte consapevole della Ue».

    E dunque: resa incondizionata all’ineluttabile? No: «C’è una mina che può essere inserita nei cingoli del Panzer tedesco – scrive Barnard – e che lo farebbe saltare in pezzi, sfasciando orribilmente la progressione criminale delle politiche dei golpisti sopraccitati». Si chiama Mmt, Modern Money Theory: è l’impianto di economia che prescrive il ritorno dell’Italia alla sua sovranità monetaria, la decisione del futuro governo di spendere la nuova Lira sovrana a deficit (più soldi per i cittadini che tasse prelevate dai cittadini) per creare piena occupazione e pieno Stato sociale: istruzione, alloggi, lavoro e infrastrutture. Quello che potrebbe sembrare un sogno, non è nient’altro che la realtà dell’Argentina di oggi: «La Mmt ha permesso all’Argentina fallita di inserire quella mina nei cingoli di una macchina da guerra ben più micidiale della Germania, gli Stati Uniti del “Washington Consensus” neoliberista: e gli americani sono saltati».
    Barnard: sarà un strage, riusciranno dove Hitler fallì | LIBRE

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 14-05-11, 14:06
  2. Ribelliamoci all'Europa per evitare un'invasione
    Di 100% Antikomunista nel forum Padania!
    Risposte: 47
    Ultimo Messaggio: 13-04-11, 14:44
  3. Ribelliamoci all'Europa per evitare...
    Di mustang2 nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-04-11, 15:18
  4. Giro di vite su Internet per decreto. Ribelliamoci!
    Di Tremendo nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 06-10-06, 23:13
  5. Ribelliamoci compagni..contro i nostri dirigenti!
    Di Zefram_Cochrane nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 13-12-03, 14:41

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226