User Tag List

Pagina 2 di 7 PrimaPrima 123 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 67
  1. #11
    .
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    25,988
     Likes dati
    9,992
     Like avuti
    16,898
    Mentioned
    162 Post(s)
    Tagged
    44 Thread(s)

    Predefinito Rif: Grecia 2011, il Natale senza festa


  2. #12
    Forumista
    Data Registrazione
    12 Nov 2011
    Località
    Cagliari
    Messaggi
    909
     Likes dati
    202
     Like avuti
    107
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Grecia 2011, il Natale senza festa

    Citazione Originariamente Scritto da Con la Fiom Visualizza Messaggio
    ma io dico, se volta e gira al default ci arriveranno comunque, che bisogno c'era di sottoporre la maggioranza dei greci, ossia i redditi fissi e i piccoli imprenditori, a sacrifici inenarrabili che si sono solo mangiati la ricchezza residua del Paese? a favore di chi realmente sono le ricette "obbligate" imposte dai burocrati e dai grandi economisti liberali europei?

    e quando vedo la Grecia penso all'Italia e al tunnel che abbiamo imboccato...
    ostridicolo:ostridicolo:
    L' UE liberale si certo come no repapelle:

    Leggi qua, va

    EURO, LA CRISI VIENE DA LONTANO
    DI MATTEO CORSINI

    “La crisi dell’euro viene da lontano. Essa è la conseguenza della politica monetaria troppo restrittiva che la Bce ha seguito praticamente da quando è sorta nel 1999 e dell’assenza di un centro propulsore della crescita economica in Europa.” (G. La Malfa)

    Così sostiene Giorgio La Malfa, evidentemente basandosi più su delle sensazioni personali che sui numeri. Vi risparmio il resto, ossia la richiesta di una politica più accomodante da parte della Bce, gli eurobond, gli investimenti pubblici e tutto il solito bagaglio keynesiano.

    Dato che il termine di paragone spesso utilizzato per indicare il modello a cui dovrebbe rifarsi la Bce è la Federal Reserve americana – nei confronti della quale è ormai ampiamente diffuso, non solo tra gli “austriaci”, il giudizio negativo sulla politica monetaria eccessivamente accomodante negli anni precedenti la crisi – credo sia utile testare le affermazioni di La Malfa confrontando l’andamento di alcuni indicatori dal 1999 al 2007, ossia al momento in cui ha iniziato a manifestarsi la crisi. Nello specifico, ho preso in considerazione l’andamento dei tassi ufficiali reali (calcolati come differenza tra tassi ufficiali fissati dalle banche centrali e crescita degli indici dei prezzi al consumo) e dell’aggregato monetario M2 (che, mi si passi una definizione sintetica non formalmente perfetta, è formata da contanti, conti correnti, mezzi di pagamento a vista e depositi a beve termine). Non ho usato il più ampio aggregato M3, che essenzialmente include anche pronti contro termine, obbligazioni fino a due anni e fondi monetari, perché la Fed non pubblica più M3 dal 2006.

    Ebbene: tra il 1999 e il 2007 il tasso ufficiale reale è stato mediamente pari allo 0.9 per cento negli Stati Uniti e allo 0.95 per cento nell’Eurozona. Dall’inizio del 2008 a oggi i due tassi reali medi sono diminuiti allo 0.22 e allo 0.65 per cento rispettivamente. Direi, quindi, che la differenza nei tassi reali è evidente dal 2008 in poi (d’altra parte, la Fed ha davvero fatto di tutto per inondare il mercato di liquidità), mentre nel periodo precedente non credo si possa definire la politica monetaria della Bce “troppo restrittiva”, né in termini assoluti, né in termini relativi.

    Per quanto riguarda M2, tra il 1999 e il 2007 l’aggregato è cresciuto del 6.14 per cento composto annuo negli Stati Uniti e del 7.36 per cento composto annuo nell’Eurozona. Dall’inizio del 2008 a oggi la crescita di M2 è stata pari al 6.45 per cento composto annuo negli Stati Uniti e del 3.72 per cento composto annuo nell’Eurozona. Anche in questo caso, mi pare arduo definire la politica monetaria della Bce restrittiva nel periodo compreso tra il 1999 e il 2007, sia in termini assoluti, sia in termini relativi.

    Dal 2008 in poi, la si può considerare restrittiva in termini relativi, ma sempre tenendo presente che il termine di paragone è la Fed.

    In conclusione, su un punto concordo con La Malfa: la crisi dell’euro viene da lontano. Ma per cause che sono all’esatto opposto di ciò che sostiene lui.

    EURO, LA CRISI VIENE DA LONTANO | Movimento Libertario
    Ultima modifica di Pino80; 21-12-11 alle 14:06

  3. #13
    Forumista
    Data Registrazione
    12 Nov 2011
    Località
    Cagliari
    Messaggi
    909
     Likes dati
    202
     Like avuti
    107
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Grecia 2011, il Natale senza festa

    Ecco UNO ,CHE E' VERAMENTE LIBERALE, cosa dice sull' UE e sull' Euro

    Questa intervista l' ho già postata mille volte ma evidentemente chi parla di UE liberale o non l' ha ancora letta o fa finta di non capire ed è in mala fede

    Lew Rockwell: L'Euro e l'Europa sono stati un errore

    D : Quanto è in pericolo l'Europa al momento?

    L. R. : Spero molto in pericolo. Intendo dire, spero che l'Europa cessi di esistere. L'Europa è stato un errore, un errore nato dalla pianificazione centrale, la stessa Unione Europea è stata un errore.
    Credo che sia molto importante chiarire quale sia il vero problema della Grecia, dell'Europa, e degli altri paesi. Non sta venendo salvata la Grecia, o meglio, non è che vorrebbero salvare la Grecia, sono le banche che vengono salvate.
    Le banche che possiedono debito Greco, un debito altamente rischioso e con enormi tassi d'interesse, si aspettano di venire salvate se la Grecia non può pagare. Quello che vogliono fare, quindi, è danneggiare i Greci e caricarli di oneri finanziari fino a spaccargli la schiena, in modo che le grandi banche possano essere ripagate.
    Ma tutto ciò è sbagliato, non vogliamo che accada questo. Se vogliamo davvero ricostruire la situazione in Europa e fare in modo che ci sia nuova prosperità in particolare in Grecia, queste banche devono fallire.
    Non devono essere sostenute. Stanno distruggendo l'euro e l'Europa, il che è un bene, ma stanno anche distruggendo la prosperità e lo standard di vita di queste persone e degli Stati Uniti e di altre persone nel mondo.
    Le banche sono fuori controllo. Non si parla mai delle banche quando si affronta l'argomento. Non ne sentiamo parlare perché è una sorta di messaggio segreto. Penso che dobbiamo focalizzare chi e cosa sia il problema.
    Ad esempio, per quanto riguarda tutta la questione del "contagio", la General Motors è uscita di scena ma ciò non ha danneggiato le altre case automobilistiche, anzi, forse hanno anche festeggiato perché hanno meno concorrenza.
    Ma le banche sono tutte connesse, sono tutte intrinsecamente in bancarotta, a causa della riserva frazionaria. Nessuna banca possiede i soldi di tutti i depositanti. Basta che pochi correntisti ritirino i propri soldi da un istituto bancario per mandarlo in fallimento, se non fosse per banche centrali. La BCE in Europa e la FED negli Stati Uniti hanno causato enormi danni generando espansioni e recessioni, depressioni, tutto per proteggere le banche.
    Viviamo in una sorta di bancocrazia. Che parliamo di Europa o America, dobbiamo eliminare le banche centrali; abbiamo bisogno di denaro sonante, abbiamo bisogno di un sistema bancario onesto, dobbiamo eliminare il sistema bancario centrale. Ed in fondo in fondo sta accadendo.
    Possono protrarre la situazione ancora un pò in Europa, ma le banche sono così fuori controllo, così indebitate, che non esiste abbastanza denaro al mondo per aggiustare queste pericolose e mostruose istituzioni. Quindi devono essere riformate, devono essere riformate in massa, e forse potrebbe anche succedere.
    Ci sarà maggiore dolore economico in arrivo. Ma siamo già inondati di dolore. Siamo in una grave recessione negli Stati Uniti, ed anche in Europa. Le cose stanno peggiorando, perché non esiste ripresa. Possiamo solo sperare in una seria riforma, un altro giro di alcool fornito dalla banca centrale non fermerà il dolore. Ci sarà dolore quando l'alcool si fermerà, ma questo sarà necessario.

    D : Ha menzionato le cattive notizie per l'Eurozona, ma c'è la paura che se non viene salvato l'euro il continente potrebbe finire in recessione. Qual'è la risposta a questa paura?

    L. R. : Il continente è già in recessione. Forse sarebbe stato meglio il Marco Tedesco che era una moneta 'fiat' meno folle e meno inflazionata rispetto alle altre.
    Il problema sono tutte le monete 'fiat', ma rispetto a questa moneta unica Europea sarebbe stato meglio che ogni paese avesse avuto la propria valuta.
    Ci sono alcune persone, ad esempio John Maynard Keynes, che vogliono una moneta unica globale: il bancor. Sarebbe ancora peggio.
    Ma noi vogliamo decentramento politico e monetario, fintanto che esiste il denaro fiat. Se invece avessimo un gold standard, l'oro sarebbe lo stesso materiale in Sri Lanka, in Lussemburgo, in Venezuela.
    E' di questo che avremmo bisogno per puntare ad una crescita reale, ad una moneta sonante, ad una moneta onesta; senza che il governo, le grandi banche e le grandi istituzioni connesse al governo ci derubino.

    D : Quindi lei pensa che l'euro debba essere abbandonato come valuta. Ora la discussione verte se cacciare la Grecia fuori dall'Eurozona. Pensa che non sia nei migliori interessi dell'Eurozona?

    L. R. : Probabilmente è nei migliori interessi della Grecia, non nell'interesse dell'Establishment Greco. Penso che sia nell'interesse della popolazione Europa, delle singole popolazioni dei paesi Europei che l'Europa esca di scena.
    Avremo che la Germania sarà più solida, il Lussemburgo sarà più solido, l'Austria sarà più solida della Grecia, Portogallo o Spagna, ma qualsiasi altro paese può diventare più solido.
    E' la centralizzazione che fornisce potere alla banca centrale, sono i suoi burocrati di Bruxelles che stanno imbastendo sempre di più un regime autoritario cercando di gestire ogni aspetto della vita in ogni paese.
    Proprio come il governo degli Stati Uniti fa qui. Non è una cosa buona avere un grande governo centrale negli Stati Uniti e non è una cosa buona avere un grande governo centrale in Europa. Abbiamo bisogno di decentralizzazione, libertà, denaro onesto, denaro sonante, un settore bancario onesto.
    Ultima modifica di Pino80; 21-12-11 alle 14:24

  4. #14
    email non funzionante
    Data Registrazione
    27 Dec 2010
    Località
    Genova, Italy, Italy
    Messaggi
    873
     Likes dati
    3
     Like avuti
    34
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Grecia 2011, il Natale senza festa

    Citazione Originariamente Scritto da Ivan Visualizza Messaggio
    copiamo il testo che è meglio

    Invece è l'ANSA. Vi riporto qualche estratto:

    Parlando con il sito online Newsit.gr, la donna ha affermato che nelle ultime settimane "sono stati registrati circa 200 casi di neonati denutriti perche' i loro genitori non sono in grado di alimentarli come si deve", mentre gli insegnanti delle scuole intorno all'istituto da lei diretto fanno la fila per prendere un piatto di cibo per i loro alunni che non hanno da mangiare. Il ministero della Pubblica Istruzione, che in un primo momento aveva definito la denuncia come "propaganda", si e' visto costretto a riconoscere la gravita' del problema.

    Come hanno detto alcuni insegnanti al quotidiano To Vima, il problema di denutrizione esiste e viene individuato piu' facilmente nelle scuole a pieno tempo: "Molti ragazzi vengono in classe senza il pranzo e dicono di averlo dimenticato a casa perche' si vergognano di dire la verita'". E non mancano nemmeno i casi di pazienti che, dopo essere guariti, non vogliono lasciare l'ospedale perche' non hanno dove andare a dormire.

    Stanno uccidendo i greci, e non solo con la fame. L'Unità, qualche settimana fa:

    I ricoveri nelle strutture private sono crollati del 30% tra il 2009 e il 2010, mente quelli negli ospedali pubblici sono aumentati del 24%. Contemporaneamente, gli ospedali pubblici hanno subito tagli per il 40% del loro budget, molti lavoratori sono stati licenziati e quindi il personale è carente. Le code per una visita o per un ricovero sono diventate lunghissime, tanto da scoraggiare i pazienti e da alimentare il sistema delle bustarelle elargite a medici e infermieri.

    Inoltre, cominciano a scarseggiare alcuni medicinali. Molte ditte farmaceutiche hanno infatti deciso di sospendere l'approvvigionamento di farmaci agli ospedali greci perché le fatture non venivano pagate da anni. Un esponente della Roche ha dichiarato sempre al Wall Street Journal che il gruppo svizzero ha interrotto la fornitura di alcuni farmaci anticancro, Novo Nordisk ha smesso di mandare insulina e Leo Pharma non spedisce più un farmaco anticoagulante e uno contro la psoriasi.

    Questo blog si occupa di Grecia da tempo. Nel dicembre 2008, tre anni fa, sapevamo già che i greci sarebbero stati "i primi". E Pietro cominciò a seguire da vicino la Grecia nel gennaio 2010, due anni fa. Malgrado ciò, sono stupita dalla rapidità con cui la situazione si sta deteriorando. Non possiamo fare altro che assistere inorriditi alla tragedia che si consuma a poche ore di navigazione dalle nostre coste, con la sempre più ineluttabile consapevolezza che i prossimi saremo noi.
    Ultima modifica di Enri; 23-12-11 alle 22:08

  5. #15
    email non funzionante
    Data Registrazione
    27 Dec 2010
    Località
    Genova, Italy, Italy
    Messaggi
    873
     Likes dati
    3
     Like avuti
    34
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Grecia 2011, il Natale senza festa

    Dal momento che stiamo su un forum politico sarebbe bene che si aprisse un dibattito su sto pezzo, sopratutto perchè tra un anno potremmo essere noi in questa situazione

  6. #16
    anti bufale
    Data Registrazione
    12 Jan 2011
    Messaggi
    44,101
     Likes dati
    52,358
     Like avuti
    27,183
    Mentioned
    154 Post(s)
    Tagged
    13 Thread(s)

    Predefinito Rif: Grecia 2011, il Natale senza festa

    purtroppo ste misure d'austerity ci porteranno li, anche secondo me

  7. #17
    Forumista senior
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    4,643
     Likes dati
    67
     Like avuti
    144
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Grecia 2011, il Natale senza festa

    Citazione Originariamente Scritto da Enri Visualizza Messaggio
    Grecia: Industria pesante, misure disperate per sopravvivere
    Export a prezzi di costo per mantenere i flussi produttivi
    19 DICEMBRE, 13:43

    IndietroStampaInviaScrivi alla redazioneSuggerisci
    (di Furio Morroni) (ANSAmed) - ATENE, 19 DIC - L'industria pesante della Grecia - tra cui in particolare quei settori che producono acciaio, cemento, alluminio, rame e carta, è disperatamente alla ricerca di modi per arginare alcuni degli effetti negativi della crisi economica in cui si dibatte il Paese, con alcune aziende che arrivano a vendere sino al 70% della loro produzione all'estero al prezzo di costo pur di mantenere il flusso produttivo.
    Robe da pazzi.
    Se vuoi farti buono, pratica queste tre cose e tutto andrà bene: allegria, studio, pietà. (San Giovanni Bosco)

  8. #18
    .
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    25,988
     Likes dati
    9,992
     Like avuti
    16,898
    Mentioned
    162 Post(s)
    Tagged
    44 Thread(s)

    Predefinito Rif: Grecia 2011, il Natale senza festa

    ATENE, 19 DIC - In Grecia, a pochi giorni dal Natale e in piena recessione, si ha l'impressione che dovunque prevalga un'atmosfera di rabbia e di tristezza che ai greci di una certa eta' riporta alla memoria scene della Seconda Guerra mondiale e dell'occupazione tedesca del Paese: poverta', lotta quotidiana per la sopravvivenza, disperazione. Le famiglie greche, secondo i dati della Confederazione Nazionale del Commercio ellenico, vivono in una situazione che appena qualche mese fa sembrava impensabile. Nove greci su 10 hanno abolito le spese per il vestiario e per le calzature, otto su 10 le spese per i divertimenti e un cittadino su quattro dichiara che gli non bastano i soldi per l'acquisto di generi di prima necessita'. Soltanto un greco su quattro cerca di risparmiare per paura della situazione economica incerta. Mentre sempre un cittadino su quattro vive al di sotto della soglia di poverta', uno al limite della stessa soglia e due su quattro fanno ricorso ai loro risparmi per vivere. In ogni caso, secondo la Confederazione, cio' significa che sul mercato manca la liquidita' che puo' condure alla sparizione della piccola e media imprenditoria. Piu' di 400.000 nuclei familiari, secondo l'Istituto nazionale di statistica Elstat, sono rimasti senza alcun reddito perche' nessuno dei componenti lavora piu', mentre oltre 60.000 famiglie hanno fatto ricorso al tribunale chiedendo la regolamentazione dei loro debiti perche' sostengono di non essere piu' in grado di pagarli nemmeno a rate. Il numero degli indigenti che usufruiscono delle mense comuni allestite dalla Chiesa ortodossa greca e' aumentato ultimamente di 20.000 unita', come ha rivelato Maria Iliopoulou, direttrice del brefotrofio di Atene. Parlando con il sito online Newsit.gr, la donna ha affermato che nelle ultime settimane "sono stati registrati circa 200 casi di neonati denutriti perche' i loro genitori non sono in grado di alimentarli come si deve", mentre gli insegnanti delle scuole intorno all'istituto da lei diretto fanno la fila per prendere un piatto di cibo per i loro alunni che non hanno da mangiare. Anche i maestri delle scuole elementari del Comune di Atene, sostiene Iliopoulou, ''ci chiedono i pasti per i loro scolari che non hanno da mangiare, mentre in molte scuole la situazione e' ancor piu' drammatica perche' alcuni bambini sono svenuti in classe in quanto denutriti. L'Associazione insegnanti di Scuole elementari di Atene, circa la situazione in cui versano molti alunni delle scuole della capitale a causa della difficile situazione economica dei genitori, ha denunciato il caso di un padre che si e' tolto la vita perche' non era piu' in grado di far crescere i suoi tre figli. Il ministero della Pubblica Istruzione, che in un primo momento aveva definito la denuncia come "propaganda", si e' visto costretto a riconoscere la gravita' del problema. E cosi' ha deciso di distribuire agli alunni delle famiglie meno abbienti buoni pasto con cui al mattino possono acquistare la colazione dal refettorio delle scuole.

    Come hanno detto alcuni insegnanti al quotidiano To Vima, il problema di denutrizione esiste e viene individuato piu' facilmente nelle scuole a pieno tempo: "Molti ragazzi vengono in classe senza il pranzo e dicono di averlo dimenticato a casa perche' si vergognano di dire la verita'". E non mancano nemmeno i casi di pazienti che, dopo essere guariti, non vogliono lasciare l'ospedale perche' non hanno dove andare a dormire.


    (ANSAmed).

  9. #19
    Forumista senior
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    4,643
     Likes dati
    67
     Like avuti
    144
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Grecia 2011, il Natale senza festa

    Citazione Originariamente Scritto da Enri Visualizza Messaggio
    Dal momento che stiamo su un forum politico sarebbe bene che si aprisse un dibattito su sto pezzo, sopratutto perchè tra un anno potremmo essere noi in questa situazione
    Infatti è giusto parlarne. Anzi bisognerebbe sputare in faccia ai direttori dei TG e dei quotidiani che stanno sistematicamente oscurando le notizie che arrivano dalla Grecia. Ellenici che ormai sono entrati di diritto nel Terzo Mondo.
    Se vuoi farti buono, pratica queste tre cose e tutto andrà bene: allegria, studio, pietà. (San Giovanni Bosco)

  10. #20
    email non funzionante
    Data Registrazione
    27 Dec 2010
    Località
    Genova, Italy, Italy
    Messaggi
    873
     Likes dati
    3
     Like avuti
    34
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Grecia 2011, il Natale senza festa

    Citazione Originariamente Scritto da Imperium Visualizza Messaggio
    Infatti è giusto parlarne. Anzi bisognerebbe sputare in faccia ai direttori dei TG e dei quotidiani che stanno sistematicamente oscurando le notizie che arrivano dalla Grecia. Ellenici che ormai sono entrati di diritto nel Terzo Mondo.
    Ovviamente quoto... Però vista l'indifferenza generale pensavo che forse era davvero più importante mina che porta in giro il cane :sofico:

 

 
Pagina 2 di 7 PrimaPrima 123 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Santo Natale 2011 e altre feste di fine anno
    Di TEBELARUS nel forum Cattolici
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 26-12-11, 14:13
  2. 2 Giugno 2011 ... Festa della Repubblica
    Di orpheus nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 38
    Ultimo Messaggio: 02-06-11, 19:50
  3. Risposte: 142
    Ultimo Messaggio: 17-12-10, 16:24
  4. Bondi Annuncia, 17/03/2011 Sara' Festa Nazionale
    Di brunik nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 05-05-10, 14:27
  5. Il primo natale senza Babbo Natale..
    Di blob21 nel forum Fondoscala
    Risposte: 131
    Ultimo Messaggio: 08-12-08, 02:54

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •