User Tag List

Pagina 30 di 33 PrimaPrima ... 20293031 ... UltimaUltima
Risultati da 291 a 300 di 323
Like Tree4Likes

Discussione: Le delizie della società multietnica

  1. #291
    Forumista senior
    Data Registrazione
    15 Dec 2011
    Messaggi
    2,012
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Rif: Le delizie della società multietnica

    TERRORE A ROMA: CIRCONDANO COPPIETTA, RAGAZZINO PESTATO A SANGUE DA BRANCO IMMIGRATI
    Una città fuori controllo in un Paese alla mercè dell’immigrazione. E’ successo tutto in pochi minuti. Un pestaggio violento e la rapina nel parco di Villa Bonelli.
    E’ lì che nel pomeriggio di venerdì 13 aprile quattro giovani immigrati hanno accerchiato un 15 enne italiano e la sua fidanzatina di 14 anni. Erano le 160 quando il branco dis tranieri ha preso di mira i due innamorati, seduti su una panchina. Prima gli insulti, poi la violenza.
    In quattro si sono diretti verso di loro. Uno si è scagliato contro la ragazzina, tenendola per i capelli e strattonandola. Gli altri tre, invece, hanno puntato lui, accerchiandolo. La fidanzata, inerme, urlava assistendo alla scena senza poter intervenire. Da lì inizia una serie di lunghissimi minuti. Il branco stacca dal collo di Luca una collanina d’oro, il ragazzo prova a recuperarla e parte il pestaggio. Tre contro uno. Tre immigrati contro un italiano.
    Calci e pugni. Al volto e alle costole. Senza tregua. Anche quando Luca cade stremato. Uno dei componenti della giovane banda gli strappa anche il cellulare dalle mani, uno smartphone di ultime generazione. Tra le lacrime è la ragazzina a chiamare i soccorsi.
    Il ragazzino viene portato all’ospedale San Camillo di Roma. Ha riportato la frattura della mandibola, ne avrà per 30 giorni. Loro, gli aggressori, sono ragazzi tra i 17 ed i 18 anni, stranieri. Tutti, secondo le descrizioni fornite, hanno capelli corti, scuri. Uno di loro aveva una tuta rossa, gli altri abiti scuri. Pochi elementi per i Carabinieri che hanno iniziato le indagini.
    Spaventata la mamma: “Mio figlio poteva morire. Spero che questa gente venga presa dai Carabinieri che sono stati molto celeri a soccorrerlo. Abbiamo vissuto un incubo. Se qualcuno ha visto qualcosa si rivolga alle forze dell’ordine”.
    https://voxnews.info/2018/04/16/terr...nco-immigrati/

    IL SINDACO: «CLANDESTINI SONO FECCIA DELL’UMANITÀ»
    «Gli extracomunitari irregolari sono la feccia dell’umanità». Giudizio espresso durante il consiglio comunale, dal sindaco di Cerea, Verona, Marco Franzoni, da sempre legato politicamente alla destra italiana. In passato, il primo cittadino era stato militante di Alleanza nazionale, poi si era avvicinato a Fratelli d’Italia mentre attualmente non ha tessere di partito.
    Alle ultime amministrative ha trionfato come civico all’interno di una coalizione di cui facevano e fanno tuttora parte anche Lega, Fratelli d’Italia e Progetto nazionale.
    La frase è stata pronunciata dal sindaco mentre l’assemblea stava affrontando il tema della sicurezza e dell’ordine pubblico nella città del mobile. La questione era stata sollevata da un’interpellanza presentata dal consigliere d’opposizione Paolo Bruschetta.
    Nel documento, il capogruppo della civica «Coccinella» evidenziava come «negli ultimi tempi si è assistito ad episodi particolarmente gravi di microcriminalità, atti vandalici su beni pubblici e occupazioni abusive di alloggi». In particolare, Bruschetta, nel chiedere al primo cittadino che tipo di provvedimenti intende attuare per prevenire fenomeni di illegalità e criminalità, ha ricordato «lo scippo ai danni di una pensionata avvenuto a fine marzo, di giorno e in pieno centro». Oltre «ai problemi legati alla zona e all’immobile stesso della stazione ferroviaria» e «alla recente occupazione illegale di un alloggio Ater da parte di una famiglia che non è nemmeno residente a Cerea. «Rispetto ad un anno fa, quando questa amministrazione si era insediata, il livello di sicurezza percepito dai ceretani è diminuito», ha rimarcato Bruschetta.
    Franzoni ha subito replicato respingendo le considerazioni del capogruppo della «Coccinella» per poi lasciarsi andare ad un duro sfogo nei confronti dei clandestini che commettono reati. «Gli episodi descritti da Bruschetta, sono dovuti ad un aumento della presenza di extracomunitari irregolari che delinquono. Questi individui sono la feccia dell’umanità».
    «Mi riferisco», ha puntualizzato, «a quei personaggi che sono state fermati, identificati e denunciati più volte dalle nostre forze dell’ordine, extracomunitari irregolari che un minuto dopo il processo vengono rimessi in libertà dai giudici». «Per queste persone», ha aggiunto Franzoni, «non servono progetti di recupero sociale bensì maggiore repressione, più poteri e più mezzi per intervenire contro questa feccia». Durante il confronto, Franzoni ha snocciolato anche alcuni numeri per sottolineare le misure adottate a tutela della sicurezza sin dal suo insediamento. Da luglio 2017, la polizia locale ha compiuto due arresti, fotosegnalato 31 persone prive di documenti ed identificato 59 persone con documenti ma con reati a carico. «Sono state anche emesse ordinanze anti-bivacco per la difesa del decoro e contro l’accattonaggio», ha proseguito Franzoni, «ed effettuato sgomberi di edifici fatiscenti occupati da irregolari, l’ultimo proprio pochi giorni fa». Nei prossimi mesi, inoltre, sono previste novità. «Ci siamo attivati per introdurre il controllo di vicinato», ha spiegato il sindaco, «ed è prevista una riunione con la cittadinanza a metà maggio per illustrare il progetto. Intendiamo poi potenziare la videosorveglianza ed avviare i turni serali della polizia locale. Nel frattempo stiamo lavorando per siglare una collaborazione con l’associazione carabinieri in congedo».
    https://voxnews.info/2018/04/21/il-s...a-dellumanita/

    GIUDICE RESTITUISCE SOLDI DELLO SPACCIO A IMMIGRATI
    Colpo di scena durante la direttissima in tribunale a Prato contro tre ventenni marocchini trovati in uno stabile abbandonato con diversi grammi di droga. Il giudice non ha convalidato l’arresto, dando ragione alla difesa e ritenendo illegittima la perquisizione dei carabinieri. I tre, peraltro irregolari sul territorio, sono stati rilasciati. Ma andiamo con ordine. Il blitz dei carabinieri è avvenuto in uno stabile abbandonato nella zona artigianale di Candeli, a Poggio a Caiano. Qui i residenti avevano più volte segnalato alle forze dell’ordine un via vai di giovani nord-africani. Venerdì è scattato il controllo dei carabinieri di Poggio a Caiano, coadiuvati da personale della Compagnia di Prato e da Batman, il cane antidroga del Nucleo cinofili di Firenze.
    Al momento dell’accesso all’interno del fabbricato, i carabinieri hanno trovato a dormire tre ventenni, di nazionalità marocchina, tutti pregiudicati e tutti irregolari sul territorio nazionale. I giovani occupavano lo stabile con letti improvvisati e vi custodivano i propri effetti personali. I tre sono stati sorpresi dai carabinieri mentre dormivano. Nel corso della perquisizione personale e dei locali. sono stati trovati e sequestrati 850 euro in contanti, bilancini di precisione e materiale vario per il confezionamento delle dosi.
    Grazie al fiuto del cane Batman, in diversi anfratti della struttura fatiscente sono stati trovati altri 75 grammi di hashish e 26 grammi di cocaina in parte già suddivisa in dosi. I tre ventenni sono stati arrestati per detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti e denunciati per invasione di edifici ed ingresso e soggiorno illegale nel territorio nazionale.
    Ma veniamo alla seconda parte, quella del processo che si è svolto questa mattina, sabato 21, davanti al gip Daniela Migliorati. La pm Laura Canovai aveva già presentato al giudice una richiesta che mitigava la misura cautelare in carcere, cioè il divieto di dimora nella provincia di Prato per i tre marocchini. I difensori Antonio Bertei e Maria Di Rocco hanno chiesto invece contestato l’arresto, ritenendo illegittima la perquisizione, in quanto non c’erano i presupposti: la segnalazione ai carabinieri era arrivata da fonti anonime e mancava ua denuncia formalizzata. Il giudice ha dato loro ragione, rimettendo in libertà i tre ventenni.
    “Tre marocchini pregiudicati e clandestini sono stati sorpresi a spacciare in un edificio occupato abusivamente. Per me dovevano finire in galera in Marocco e non rimettere più piede in Italia. Il Tribunale di Prato invece li ha rilasciati restituendo loro persino i proventi dello spaccio che erano stati sequestrati. I tre ringraziano e torneranno così a spacciare. Troppe volte a Prato il Tribunale si è mostrato più indulgente di altri nei confronti di questi criminali: alla Camera dei Deputati presenterò un’interrogazione al Ministro della Giustizia per fare chiarezza”.
    E’ quanto denuncia il parlamentare di Fratelli d’Italia Giovanni Donzelli, commentando l’arresto avvenuto stamani all’interno di un edificio nell’area industriale “Candeli” e la decisione del giudice che non ha convalidato l’arresto.
    https://voxnews.info/2018/04/21/giud...o-a-immigrati/

    CLANDESTINO SFUGGE A ESPULSIONE GRAZIE AL COMUNE DI MILANO, POLEMICA
    «I milanesi scoprono oggi che un immigrato clandestino pregiudicato, già espulso e rientrato in Italia, eviterà una nuova espulsione grazie a un matrimonio contratto con una cittadina italiana in questi mesi. Per capire come tutto questo sia stato possibile ho già presentato un’interrogazione in Comune ed una in Parlamento». Così l’onorevole e capogruppo della Lega in Comune Alessandro Morelli interviene sul caso:
    «Stupisce – ha scritto non a caso il giudice in un passaggio della sentenza – sul piano dell’efficienza del controllo amministrativo interno come sua possibile consentire il matrimonio ad un soggetto che si trova in una evidente situazione di antigiuridicità», Una stoccata al Comune.
    «Leggendo articoli della stampa odierna – ha affermato ieri Morelli – scopriamo infatti che l’efficienza degli uffici comunali per quanto riguarda multe, verifiche e balzelli a danno dei milanesi, mentre veniamo a sapere che un pregiudicato magrebino, già espulso, ha avuto tutto il tempo di rivalicare i confini illegalmente e di evitare future espulsioni sposando una donna italiana. Un fatto che gli permetterà di accedere direttamente alla cittadinanza». L’interrogazione depositata in Comune serve dunque a «comprendere come possano verificarsi falle così gravi, che forse possono essere allargate a tutte le richieste fatte da immigrati per accedere a servizi e bonus pubblici».
    Quella in Parlamento invece punta a capire «se sono previste conseguenze dovute a una tale carente fase di controlli. Indicative su tutto sono le parole del giudice che ha stigmatizzato i controlli inefficaci su una tematica tanto sensibile».
    https://voxnews.info/2018/04/21/clan...lano-polemica/

    IL BUSINESS È TROPPO RICCO: “NON RINUNCIO AD AFFITTARE AI PROFUGHI”
    E’ troppo invitante il business dell’accoglienza dei finti profughi, per rinunciarci. Così, Gabriele Buscaini, l’affarista di questa vicenda.
    Dopo il gesto dimostrativo dei cittadini contro una delle diverse case di sua proprietà, a San Lorenzo, in provincia di Trento, ribadisce che il suo Bed and Breakfast è a disposizione per ospitare i richiedenti asilo.
    Nonostante le proteste e le manifestazioni dei suoi concittadini.
    “La Lega ha presidiato la casa, Casapound ha appeso questo striscione, ci sono state delle forti discussioni riguardo a questo quando c’è stata la serata informativa di Cinformi a San Lorenzo. Quello che mi meraviglia è che San Lorenzo è sempre stato accogliente, infatti sul suo territorio di San Lorenzo ci sono circa un centinaio di immigrati, solo che in questo caso, non so per quale motivo e sinceramente non riesco a capirlo, è venuto fuori questo bordello“.
    “Il sindaco – ci dice – non deve concedere alcuna autorizzazione. Quando i tecnici di Cinformi hanno fatto dato il via libera all’accoglienza dei richiedenti asilo nel mio B&B lo hanno messo al corrente, ma lui non era tenuto né a dare il consenso né a negarlo“.
    Alcuni non capiscono.
    Dopo che qualcuno ha tentato di dare fuoco a una casa di sua proprietà, a San Lorenzo, in provincia di Trento, ribadisce che il suo Bed and Breakfast è a disposizione per ospitare i richiedenti asilo.
    Nonostante le fiamme. E nonostante le proteste e le manifestazioni ostili di Lega e Casapound. Oggi il sindaco di San Lorenzo, i vicini di casa e gli operatori di Cinformi, il centro informativo per l’immigrazione della provincia di Trento, si sono incontrati per un sopralluogo e per cercare di allentare le tensioni.
    https://voxnews.info/2018/04/16/il-b...e-ai-profughi/

    INTEGRAZIONE AVANZA: SCABBIA IN ASILI E SCUOLE
    Scabbia all’asilo “Piazza Saffi” di Senigallia. Subito attivata la profilassi con i bambini ed il personale che saranno soggetti a controlli per scongiurare altri casi. A renderlo noto con un comunicato è stata l’Area Vasta 2.
    Sono invece quattro gli studenti di Monserrato, in Sardegna, che il PD sta ‘ripopolando’, contagiati dalla scabbia in un istituto superiore, e in tutte le classi la Assl ha fatto scattare la profilassi. Gli alunni hanno sentito un fortissimo prurito, i medici di base hanno inviato la denuncia di malattia infettiva. Nessun allarme di altre contaminazioni però secondo Giorgio Steri, dirigente del servizio di Igiene e Sanità Publica.
    Ora la stessa Assl sta indagando per capire come la scabbia sia giunta dentro l’istituto di Monserrato. Chissà come.
    https://voxnews.info/2018/04/18/inte...sili-e-scuole/

    MIGRANTE MORTO DI FAME DOPO SBARCO? INVECE È MORTO DI TUBERCOLOSI
    Ricorderete la notizia del “clandestino morto di fame” sbarcato a Pozzallo dalla famigerata ong Open Arms, che poi si rivelò essere la solita fake news ‘umanitaria’:
    Il primo a diffondere la bufala, in un tweet, fu Oscar Camps, fondatore dell’ong la cui nave è stata dissequestrata l’altro giorno da un giudice rosso di Magistratura Democratica.
    Ma oggi si apprende qualcosa di più. Si sono inventati la bufala, lui e i media di distrazione di massa, per nascondere il reale motivo della morte del clandestino.
    Reale motivo che poteva indurre preoccupazione nella popolazione: Tesfalidet Tesfom, eritreo, era infatti infetto. Aveva la Tubercolosi.
    Hanno quindi preso una verità e l’hanno rovesciata pro-domo loro. Siamo oltre le fake news.
    E ora, la nave Proactiva della Ong Open arms è libera di traghettare in Italia altri clandestini infetti. Tanto, se lo sono, non ce lo dicono. E se muoiono, si inventano che sono morti di fame.
    https://voxnews.info/2018/04/18/migr...i-tubercolosi/

    MORRISSEY: “SINDACO LONDRA NON PARLA NEMMENO INGLESE!”
    “Oggi siamo tutti definiti razzisti, quando questa parola è stata effettivamente svuotata del suo significato”. La rockstar Morrissey, ex leader della band The Smiths, ha rilasciato una nuova intervista in cui risponde alle accuse di razzismo e si scaglia contro il sindaco di Londra, il pakistano Sadiq Khan.
    “Londra è degradata”, ha detto Morrissey. “Sadiq Khan è il sindaco di Londra e non può parlare correttamente inglese! Ho visto un’intervista in cui parlava di salute mentale e ha ripetutamente detto una parola per un’altra: non poteva dire correttamente le parole “salute mentale”. Il sindaco di Londra! La civiltà è finita!”
    Parlando degli attacchi con l’acido che ormai sono in Inghilterra una vera e propria epidemia, ha continuato: “Londra è seconda solo al Bangladesh nel numero di attacchi all’acido. Tutti gli attacchi provengono da individui non bianchi e quindi questo problema non può essere affrontato onestamente dal governo britannico o dalla polizia o dalla BBC a causa del politicamente corretto.”
    “Ciò significa che l’autore dell’attacco è considerato una vittima. Viviamo nell’era delle atrocità”.
    https://voxnews.info/2018/04/17/morr...mmeno-inglese/

    SORPRESA, IMPRESE CINESI NON PAGANO LE TASSE
    I controlli Asl sulla sicurezza del lavoro nelle aziende a conduzione cinese, hanno portato a una riduzione dell’evasione fiscale. Lo ha affermato Renzi Berti, responsabile del progetto regionale Lavoro sicuro, intervenendo ieri 16 aprile al convegno su lavoro dignitoso e legalità, organizzato da sindacati e categorie economiche.
    I dati sono quelli forniti dall’Agenzia delle entrate con cui recentemente la Regione ha sottoscritto un accordo di collaborazione per abbinare l’accertamento fiscale ai controlli a tappeto degli ispettori Asl nelle aziende cinesi. Il lavoro è ancora lungo e i dati da esaminare e incrociare sono una valanga, ma confrontando due campioni di aziende, controllate e non, nel triennio 2013/2015, viene evidenziato che le prime registrano un aumento di oltre il 51% di imposte erariali pagate, mentre quelle non controllate riducono la loro compartecipazione al fisco del 2%.
    Quindi in sostanza, la presenza degli ispettori Asl in ditta sarebbe stata sufficiente a convincere gli imprenditori cinesi a mettersi in regola anche sul fronte fiscale. Non sono stati forniti dati in termini assoluti né sulla percentuale di aumento delle tasse pagate ne sulla presunta evasione, ma per Berti è comunque un segnale positivo del l’efficacia dei controlli. A proposito: “siamo alla fase 2 del progetto con controlli piu approfonditi. – afferma Berti – i dormitori sono diminuiti del 45% e se presenti, sono comunque in luoghi diversi dalla produzione. Gli impianti elettrici irregolari sono ridotti a un terzo e le notizie di reato sono calate del 60%. Sono risultati positivi ma fragili. Dobbiamo continuare lungo questa strada per raggiungere la stabilità”.
    L’unica cosa che emerge da questi dati, peraltro risaputa da tutti, è che gli ‘imprenditori’ cinesi evadono il 100% delle tasse. E sono un cancro per l’economia toscana e italiana.
    https://voxnews.info/2018/04/17/sorp...gano-le-tasse/

    SBARCATI 50MILA CLANDESTINI IN 10 MESI: 1 MILIONE DA QUANDO GOVERNA PD
    Negli ultimi dieci mesi sono stati traghettati in Italia 43.166 clandestini (50mila se includiamo i famigerati ‘corridoi umanitari’) che si aggiungono ai 147.942 scaricati nel periodo 1 luglio 2016-20 aprile 2017. Lo indicano i dati del Viminale.
    Sono dati mostruosi. Anche se il governo abusivo tenta di sbianchettarli puntando l’attenzione sul ‘calo’. Ovviamente esclusi gli sbarchi fantasma.
    https://voxnews.info/2018/04/20/sbar...do-governa-pd/



    BARCONE IMMIGRATI A MILANO, SPESI 20 MILIONI DI EURO: POPOLAZIONE IN RIVOLTA
    In un quartiere come Città Studi, dove il tessuto economico e sociale rischia di risentire seriamente del trasferimento delle facoltà scientifiche ad Arexpo, il PD sta caldeggiando la realizzazione di un Museo dell’Invasione negli spazi dell’ex Facoltà di Veterinaria, dove troverà collocamento il celeberrimo «Barcone dei clandestini», affondato in Libia nel 2015.
    Il barcone venne recuperato a costi abnormi (oltre 20 milioni di euro) a spese dei contribuenti e trasportato ad Augusta (Siracusa), nella base della Marina militare, dove è arrivato nel giugno 2016: una sorta di monumento al masochismo. E memento della stupidità del governo abusivo. In principio volevano metterlo direttamente davanti al Duomo.
    Ma sarebbe stato eccessivo anche per cuckold fanatici quali sono. Così hanno ‘ripiegato’ sul solito quartiere periferico. I residenti, ovviamente, sono contrari. E sono intervenuti ieri alla seduta del consiglio del Municipio 3, per ribadirlo alla dottoressa Cristina Cattaneo, docente di Medicina Legale del Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università degli Studi di Milano, che ha presentato il bizzarro progetto.
    Inutile specificare che l’intenzione di portare il barcone nella città di Ambrogio – solo per il trasporto il governo ha impiegato 600mila euro – ha suscitato una marea di proteste da parte dei residenti. «Perché», si chiede fingendo una ‘solidarietà’ con l’altra città ‘in lizza’, una signora tra il pubblico, «dobbiamo strappare alla popolazione di Augusta un barcone che qui sarebbe decontestualizzato, in quanto lontano da quel mare che ne ha visto la tragedia?». «La popolazione», protesta invece con chiarezza un secondo cittadino, microfono alla mano, «non sa che farsene di questo dolcetto. Dato che i cittadini di Città Studi e quelli di Augusta rigettano con forza questo progetto, perché i politici che noi abbiamo votato tentano di imporcelo a ogni costo?».
    Cattaneo ha quindi proseguito spiegando che il barcone, per decisione del governo, diventerebbe un’installazione volta a illustrare un periodo storico e a celebrare la «scienza messa al servizio dei diritti umani». Una spiegazione idiota, quella della dottoressa. Evidentemente studiare fa male.
    La struttura sarebbe attraversata da un tunnel di vetro di 20 metri dotato di touch screen, per raccontare la storia del naufragio. La pancia del barcone sarebbe un luogo silenzioso, adatto alla riflessione. Il tunnel d’uscita (10 metri) racconterebbe i procedimenti scientifici messi al servizio della causa umanitaria. Eppure, le perplessità dei residenti restano. «Questi 600mila euro», puntualizza una cittadina, «sono una bazzecola in confronto al costo totale, e vengono prelevati dalle cacce statali (quindi dalle tasse che paghiamo, ndr), alla voce “interventi urgenti e indifferibili”. Ora, dove sarebbe l’urgenza e l’indifferibilità in questa operazione? Noi stiamo chiedendo altro alla politica: se il progetto ha una così alta valenza scientifica, perché il Barcone non lo portate a Expo?».
    Protesta Gianluca Boari, della Lega: «Questo non è certo quello che ci si aspetta in materia di rilancio del quartiere, in previsione del trasferimento della Statale ad Expo. E importante far sentire la voce dei cittadini, contrari allo sperpero di denaro pubblico per la costruzione di questo monumento all’ideologia immigrazionista della sinistra”.
    https://voxnews.info/2018/04/20/barc...ne-in-rivolta/

    MELUZZI: “PAMELA È SIMBOLO SOSTITUZIONE ETNICA”
    Hanno cercato di vendercela come la morte di una tossica sbandata, finita in un brutto giro di delinquenti africani ma la verità è un’altra e assai più allarmante, per tutta l’Italia. Così Alessandro Meluzzi sulle pagine de Il Tempo, ad accompagnare la notizia che i genitori di Pamela Mastropietro hanno avuto il permesso di seppellire i poveri resti della figlia uccisa a Macerata lo scorso 30 gennaio.
    Meluzzi scrive che la fine di Pamela è la metafora di una Italia vittima dell’immigrazione che ha ormai raggiunto e permeato ogni parte del Paese, dalle città più grandi ai piccoli centri di provincia, tanto al nord quanto al centro e al sud.
    Anche nei suoi aspetti più truci, secondo lo psicologo, è in atto un “processo di sostituzione etnica” con gli stranieri che diventeranno maggioranza. Anche in campo criminale, dove la mafia nigeriana è ormai una realtà che controlla nel nostro Paese una cospicua parte del traffico di stupefacenti.
    La procura di Macerata ha dato alla fine il via alla sepoltura ai poveri resti di Pamela. Non sapremo mai quanto integri o di quante parti mancasse, ma certamente fatto a pezzetti dopo aver subito una feroce violenza che non si è ancora capito se individuale o collettiva. Comunque un’adolescente è stata abusata. Una ragazza che viveva in una comunità terapeutica per giovani con problemi psicologici e tossicodipendenti. Una ragazza che è stata fatta passare dai media come una tossica scoppiata, morta per overdose di fronte ad un ignaro pusher. È una vicenda che, come in tutti i casi di martirio, è servita a testimoniare una verità: una città come Macerata, sottoposta ad una migrazione afro-islamica incontrollata, era diventata il perfetto laboratorio di una condizione drammatica che in realtà si sta estendendo un po’ a tutta Italia. Una situazione in cui una tra le mafie internazionali più efferate, quella nigeriana, ha assunto il controllo del territorio in molti segmenti della vita associata…
    Pamela è l’Italia. Il suo è il sacrificio umano che rappresenta quello dell’intera nazione. Smembrata in nome del politicamente corretto e del culto sempre più fanatico dell’immigrazione.
    https://voxnews.info/2018/04/19/melu...uzione-etnica/

    I MANIFESTI OSCENI DI RTL 102.5 PROPAGANDANO IL METICCIATO
    Ci scrivono:
    […] segnalo un’immagine affissa nelle città dell’emittente radiofonica RTL 102.5, in cui si fa una vera e propria propaganda al meticciato selvaggio. Ovviamente ad essere pubblicizzata è la coppia interrazziale uomo nero-donna bianca, perché si sa, secondo il Pensiero Unico Dominante nichilista e progressista, l’uomo bianco è da rottamare e va sostituito da quello nero. Il messaggio che arriva al pubblico è molto pericoloso, tanto che ciò viene chiaramente indicato come “normal”, il che è inquietante.
    Deve essere chiaro: l’obiettivo ultimo di chi porta avanti li progetto immigrazione, è quello espresso negli osceni cartelloni pubblicitari di RTL 102.5
    L’élite è corrotta e vuole la destrutturazione etnica della società. Non perché amino gli africani. Ma perché il meticcio è il suddito modello. Vogliono una massa senza identità sulla quale regnare: loro rimarranno ‘puri’, come le élite sudamericane.
    Sarebbe bello se i patrioti si occupassero dei manifesti osceni di RTL 102.5
    https://voxnews.info/2018/04/20/i-ma...il-meticciato/



    BANDO CHOC: 1 MILIONE DI EURO PER MANTENERE 70 ‘PROFUGHI’
    Nel giorno in cui a Pordenone le forze dell’ordine smantellano una gang di 22 ‘profughi spacciatori’, che gestiva un traffico da 1 kg la settimana ai ragazzini, la prefettura locale ha l’ardire di pubblicare un nuovo bando, a un anno dall’affidamento alla coop Senis hospes, per la gestione della ex caserma “Monti”.
    La Prefettura ha pubblicato il nuovo bando, del valore di quasi 1 milione di euro. Per l’esattezza 830mila euro, per il periodo compreso fra il 1. giugno 2018 e il 31 maggio 2019, con eventuale possibilità di proroga per un anno: accoglienza per 70 fancazzisti, qual è la capienza attuale della ex caserma, con un aumento da 32 a 32,50 euro dell’importo calcolato quotidianamente per ciascuno degli ospiti, che porta dunque il valore dell’appalto a 830.375 euro. Previsto anche un possibile ampliamento del 50 per cento del numero degli ospiti, che aumenterebbe la somma fino a un massimo di altri 415.187.
    Il bando prevede per gli ospiti mediazione linguistica, assistenza sociale e psicologica, orientamento al territorio, corsi di lingua italiana, organizzazione del tempo libero, assistenza ai minori, cura di capelli e barba, lavanderia, servizio di trasporto e connessione wi-fi. Richiesta la massima attenzione nei menu che seguano i principi alimentari degli ospiti e le loro esigenze di salute.
    Sapete cosa significa massima attenzione nei menu che seguano i principi alimentari degli ospiti? Cibo halal per i musulmani. E quindi, niente maiale e carne di animali sgozzati vivi tra atroci sofferenze.
    https://voxnews.info/2018/04/19/band...e-70-profughi/

    SPACCIATORE NIGERIANO ASSALTA MILITARI E OTTIENE ASILO POLITICO
    “E’ letteralmente scandaloso e fuori dal mondo che sia stato dato il permesso di soggiorno per motivi umanitari al nigeriano che in questi giorni ha assalito i militari di stanza a Campo Marzo a Vicenza. Se si pensa che questo africano, nel giro di sei mesi, è stato prima arrestato e condannato per spaccio di droga (eroina e cocaina) e poi denunciato per l’aggressione ad una pattuglia di soldati italiani, si capisce purtroppo come l’Italia sia diventata la Repubblica delle Banane dove gli immigrati sono liberi di delinquere, farla franca e ricevere come premio, da parte dello Stato, un bel permesso di soggiorno! Una vera e propria follia che non succede in nessun altro paese del mondo”.
    A denunciare è l’europarlamentare vicentina della Lega, Mara Bizzotto, che ha scritto al Ministro dell’Interno “per chiedere la revoca immediata del permesso di soggiorno e l’espulsione di questo extracomunitario”.
    “Altro che asilo politico e permesso di soggiorno umanitario – continua l’eurodeputata -: questo nigeriano va cacciato dall’Italia in fretta e furia, con le buone o con le cattive. Gli immigrati presunti profughi che vengono nel nostro paese a compiere reati vanno espulsi e riportati nel loro paese d’origine, senza se e senza ma. Immaginate cosa sarebbe successo a questo nigeriano se avesse commesso tali reati in Germania, Austria, Inghilterra, Stati Uniti o Australia?”
    https://voxnews.info/2018/04/21/spac...silo-politico/

    BOLDRINI IN VISITA AI PROFUGHI SPACCIATORI DI DON BIANCALANI CHIEDE DI “SCIOGLIERE CHI SI OPPONE”
    Ieri Boldrini ha fatto visita al protettore, ovviamente inconsapevole, degli spacciatori locali: Don Biancalani, tra le contestazioni di Forza Nuova e CasaPound. La visita era annunciata:
    “Sono qui per dare sostegno e solidarietà a don Massimo Biancalani, un parroco che sta cercando di risolvere un problema complicato e che dà una risposta vera al problema migratorio e che è stato oggetto come me di aggressioni, campagne denigratorie e diffamatorie”, ha detto.
    In realtà, l’unica cosa in cui Biancalani è impegnato, ovviamente inconsapevole, è nell’ampliare la rete di spaccio locale grazie alla sua attività di ‘accoglienza’.
    Boldrini ha parlato in chiesa ringraziando don Biancalani per il suo lavoro. Il parroco ha detto: “Abbiamo bisogno di politici come Laura Boldrini, vicina a chi opera in aiuto degli ultimi, come faccio io seguendo le indicazioni di Papa Francesco”.
    Boldrini ha rivolto anche le solite parole violente verso chi si oppone alla sua bizzarra visione del mondo: «Sono quattro gatti da sciogliere definitivamente”. Così ha commentato il sit in di Forza Nuova e di Casapound, che ieri hanno manifestato a Pistoia contro i centri di accoglienza dei migranti (spacciatori) e contro la visita dell”ex presidente della Camera alla parrocchia di Vicofaro. «Non ci faremo intimidire – ha aggiunto Boldrini – e la responsabilità di tutto questo deriva dalla legge Bossi-Fini, fatta da un governo di centrodestra di cui scontiamo ancora le conseguenze, perché non si riesce ancora a gestire in maniera compiuta il piano migratorio».
    Questa ha sgovernato per cinque anni, riempiendo coi suoi amichetti l’Italia di spacciatori e prostitute spacciati per profughi, e parla.
    Casapound aveva allestito un gazebo, striscioni e bandiere mentre i militanti hanno scandito slogan contro chi arriva in Italia chiedendo al Comune di uscire dal programma di accoglienza Sprar. “Siamo qui – ha detto Lorenzo Berti, portavoce di Casapound Pistoia – per ribadire forte e chiaro le nostre proposte in temadi immigrazione, ovvero la chiusura di tutti i centri di accoglienza del nostro territorio e l’uscita del Comune dal progetto Sprar di accoglienza, per destinare tutte quelle risorse ad oggi investite sull”immigrazione a favore, invece, degli italiani in difficoltà”.
    “La cronaca di questi giorni – ha aggiunto – è sotto gli occhi di tutti, ci sono continuamente episodi di spaccio da parte di ospiti di centri di accoglienza, non solo quello gestito da don Biancalani, ma anche altri, oltre a risse e vari episodi di degrado e turbativa, che esemplificano bene come l”immigrazione sia un grave problema a livello nazionale e anche per la città di Pistoia”.
    https://voxnews.info/2018/04/22/bold...chi-si-oppone/

    Taranto, trasferiti i due preti che non lavarono i piedi agli immigrati
    Il caso scoppiato, giovedì santo, nella chiesa San Michele di Manduria
    Emanuela Carucci
    Due giorni di preavviso per lasciare Manduria, oggi. È l’epilogo, stando alle notizie di stampa, della vicenda dei due preti che la sera di giovedì santo si sono rifiutati di officiare il rito della lavanda dei piedi ad alcuni immigrati.
    Ed è scoppiato il caso con il corollario di accuse razziste. Così per colpa della “lavanda della discordia”, come è stata definita dal “Nuovo Quotidiano di Puglia” che ne ha dato notizia, i due religiosi sono stati trasferiti: uno nel convento di Saviano a Napoli e l'altro a Vicenza. Oggi il giorno della partenza. Padre Gabriele Meccariello, 76 anni di età, di cui quarantanove di sacerdozio, ironia della sorte, lascia proprio il giorno dell'anniversario di apostolato. Di Padre Leonardo Demaglie, invece, si hanno meno notizie.
    Ma una cosa è certa, anche lui ha molti anni di sacerdozio alle spalle. Questo però non è valso a nulla. Non si possono, evidentemente, avanzare diritti di anzianità in casi come questo. Secondo quanto si legge ancora sul “Quotidiano”, appena ha finito di officiare messa, padre Gabriele, ha raccolto i suoi fedeli per dare l’annuncio: "Dopo 25 anni non potrò più celebrare messe qui, né confessare" avrebbe detto. A decidere le sorti dei due preti il governo dei Servi di Maria. La notizia è arrivata come una doccia fredda, giovedì 5 aprile.
    A partire da oggi la chiesa di San Michele Arcangelo di Manduria sarà gestita momentaneamente da un delegato della diocesi di Oria (Manduria, in provincia di Taranto, dipende dalla diocesi di Oria in provincia di Brindisi) fin quando non verrà nominato un nuovo sacerdote che prenderà il posto dei due destituiti. Una storia che non mancherà di alimentare ancora strascichi polemici.
    http://www.ilgiornale.it/news/cronac...e_detect=false

    OGNI ANNO PERDIAMO 5 MILIARDI DI EURO ‘GRAZIE’ AI MIGRANTI
    Un dissanguamento continuo, ogni anno. Anche lo scorso anno, gli immigrati hanno sottratto ingenti risorse all’Italia. Non solo i costi, enormi, di accoglienza e quelli sociali, ma anche le rimesse.
    Nel 2017 il Friuli Venezia Giulia risulta la regione con la crescita percentuale più elevata delle rimesse degli immigrati (+26,6% rispetto all’anno precedente, da 81,7 a 103,4 milioni di euro). Lo rivela un’indagine Ires Fvg del ricercatore Alessandro Russo su dati di Banca d’Italia.
    In particolare nell’Isontino (+14,2%) e soprattutto in provincia di Trieste (+156,7%) si registrano gli incrementi più rilevanti, in entrambi i casi dovuti prevalentemente ai flussi monetari diretti verso il Bangladesh. Quest’ultimo è pertanto diventato il primo Paese di destinazione dei trasferimenti (con 21,2 milioni), superando nel 2017 la Romania (15 milioni), che esprime la comunità straniera più numerosa in regione. A livello locale si può anche osservare che in provincia di Udine i principali Paesi destinatari delle rimesse sono la Romania e la Georgia, in quella di Pordenone la Romania e l’India.
    Nel 2017 il valore delle rimesse verso l’estero degli immigrati in Italia ha mostrato una sostanziale stabilità rispetto al 2016 (in totale poco più di 5 miliardi), dopo cinque anni consecutivi di diminuzione (il picco si era infatti registrato nel 2011, con 7,4 miliardi). In particolare nel 2011 i flussi diretti in Cina avevano superato quota 2,5 miliardi per poi diminuire rapidamente fino ai 136 milioni rilevati nel 2017 (-95%). L’attività svolta dalla Banca d’Italia ha consentito di accertare che una parte significativa della flessione riscontrata dipende in realtà dalla migrazione di numerosi agenti di money transfer verso istituti di pagamento comunitari meno attenti al profilo dei controlli, che non hanno contribuito alla rilevazione statistica dei dati. Come evidenziato dalla Banca d’Italia la comunità cinese tende ad avvalersi scarsamente del canale bancario, prediligendo l’utilizzo del contante e il circuito dei money transfer, non solo per il trasferimento delle rimesse verso la Cina, ma anche per finalità diverse, come il regolamento di transazioni commerciali, il rimborso di prestiti o la distribuzione di profitti derivanti da attività cosiddette imprenditoriali.
    E’ una cifra che non viene mai considerata nei costi-benefici dell’immigrazione: eppure ha un impatto devastante. Sono soldi che escono ogni anno dal sistema Italia e non circolano più, impoverendoci.
    In breve, la presenza di immigrati nel mercato del lavoro invece degli italiani oggi disoccupati, è causa per la nostra economia ogni anno di un handicap di oltre mezzo punto di Pil. E’ poi ovvio che i consumi calino: sono miliardi di euro che ogni anno escono dal circuito economico e invece di essere consumati da lavoratori italiani in Italia vengono spostati all’estero da lavoratori stranieri.
    In 12 anni i flussi dal Fvg sono triplicati
    Il denaro che i lavoratori emigrati inviano ai familiari in patria costituisce un consistente flusso finanziario per i Paesi di origine e un importante fattore di sviluppo e cooperazione internazionale, con un impatto molto rilevante sulle famiglie che ne beneficiano. Si può infatti osservare che gli operatori di money transfer presentano una distribuzione capillare degli sportelli sia nel territorio italiano sia soprattutto nei Paesi d’origine dei migranti, permettendo una distribuzione del denaro ai destinatari più semplice e rapida rispetto al sistema bancario. Anche nella nostra regione tali flussi hanno registrato un notevole impulso nell’ultimo decennio, essendo triplicati tra il 2005 e il 2017 (da 34,9 a 103,4 milioni di euro). A livello nazionale, sempre nello stesso periodo, l’incremento è stato più contenuto (si è passati da 3,9 a 5,1 miliardi, pari a +30,1%).
    https://voxnews.info/2018/04/21/ogni...e-ai-migranti/

    CREMONA: 4 MILIONI DI EURO PER MANTENERE I PROFUGHI, 2 MILIONI LI PAPPA LA CARITAS
    Sono 319, al momento, i sedicenti profughi nel Cremasco per un costo annuo che supera di poco i 4 milioni di euro. Appena rinnovate le convenzioni tra cooperative che gestiscono i richiedenti asilo e la prefettura, valide sino a fine 2018.
    Da questi particolari accordi è esclusa la Carita$ diocesana che, con 110 richiedenti asilo ospitati in strutture cittadine, ma anche in diversi comuni del territorio, fa la parte del leone. Poi ci sono le cooperative e associazioni con altri 209 migranti, distribuiti in tutto il Cremasco. In quest’ultimo caso, il costo del mantenimento degli stranieri è pari a 2.669.975 euro all’anno. Tanto viene, infatti, versato alle undici coop attive nel territorio che hanno partecipato all’ultima gara d’appalto del servizio, indetta dalla prefettura di Cremona: tutte con offerte che garantivano la gestione di ogni migrante al costo, per le casse statali, di 35 euro a persona al giorno.
    https://voxnews.info/2018/04/16/crem...pa-la-caritas/



    VIA CRUCIS
    RINO CAMMILLERI
    Nelle meditazioni lette durante la Via Crucis del Venerdì Santo al Colosseo non c’era praticamente traccia dei cristiani perseguitati nel mondo.
    In compenso, un paio di riferimenti agli immigrati (e ti pareva....).
    VIACRUCIS - Antidoti


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #292
    Forumista senior
    Data Registrazione
    15 Dec 2011
    Messaggi
    2,012
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Rif: Le delizie della società multietnica

    Il Comune dà ai migranti le case del centro anziani. È polemica: "Famiglie italiane escluse"
    Ad Abbadia Lariana i migranti ospitati negli appartamenti comunali del centro anziani. Scoppia la protesta: "Così gli italiani vengono espropriati dei loro diritti"
    Giovanni Neve
    Nel piccolo Comune di Abbadia Lariana, 3.200 residenti in provincia di Lecco, è scoppiata una polemica durissima.
    Al centro della bufera è finita la Giunta guidata dalla piddì Cristina Bartesaghi dopo aver deciso di ospitare quattro immigrate in due appartamenti comunali, nel centro per anziani di piazza don Luigi Alippi. "E intanto - commenta l'assessore lombardo Riccardo De Corato - i nostri anziani vengono di fatto espropriati della possibilità di utilizzare case nei loro Comuni, dove hanno vissuto dalla nascita".
    Le quattro profughe saranno ospitate gratuitamente dal Comune. Non dovranno, quindi, pagare l'affitto. Resteranno nel centro per anziani per un tempo che ancora non è stato definito. La decisione sta già sollevando diverse polemiche nel paesino sul lago di Lecco. Come denuncia De Corato, diverse persone anziane con una situazione economica tutt'altro che florida, negli scorsi mesi avevano chiesto di poter ottenere uno degli appartamenti, realizzati nei decenni scorsi proprio con questa finalità. Ma si erano sentiti rispondere picche. "Quindi, riassumendo - commenta l'assessore regionale alla Sicurezza e all'Immigrazione - i nostri anziani vengono di fatto espropriati della possibilità di utilizzare case nei loro Comuni, dove hanno vissuto dalla nascita".
    Per Decorato, si tratta dell'ennesima dimostrazione che "con un milione e mezzo di immigrati regolari, la Lombardia non può più permettersi di ospitare richiedenti asilo". "Abbiamo già dato - conclude l'esponente di Fratelli d'Italia - e vogliamo dire basta a questa autentica invasione".
    Il Comune dà ai migranti le case del centro anziani. È polemica: "Famiglie italiane escluse"

    PROFUGHI TERRORIZZANO RESIDENTI A VERONA, POLEMICA
    Una mozione per richiedere maggiori controlli, un potenziamento dei servizi di telecontrollo ed un incremento della presenza degli operatori della sicurezza.
    Questa in sintesi la richiesta che sarà ufficialmente presentata in sede di Consiglio della II° Circoscrizione previsto per domani, 10 aprile. La mozione, presentata dal consigliere Giorgio Belardo di Battiti per Verona Domani e sottoscritta anche da Lega Nord e Verona Pulita, è relativa alla non facile situazione del centro di accoglienza di Costagrande. Un centro che, secondo i firmatari, avrebbe profonde ricadute e riflessi su buona parte del territorio che interessa il secondo parlamentino della città.
    Centinaia di profughi (o presunti tali) attraversano a qualsiasi ora del giorno e della notte le varie zone limitrofe a Costagrande – ha affermato Belardo – In particolare ad Avesa si susseguono casi di criminalità, di furti e bivacchi. Ci è stato segnalato da alcuni cittadini che non dormono più la notte perchè impauriti dai continui atti vandalici e furti nelle abitazioni ad opera di rifugiati residenti a Costagrande. Considerando che ad oggi non esiste un reale ed effettivo controllo da parte dei gestori della struttura e al fine di evitare che la già critica situazione sfugga ulteriormente di mano, presenteremo quindi questa mozione che impegna il presidente della Circoscrizione a farsi tramite presso il Sindaco e la Giunta Comunale affinché vengano attuati tutti i mezzi necessari per potenziare il controllo del territorio, per garantire un’adeguata sicurezza ai residenti. Chiediamo – conclude il consigliere di Battiti per Verona Domani – un potenziamento del sistema di telecontrollo attraverso l’installazione di apposite telecamere nei giardini pubblici di Piazza Plebiscito ad Avesa, nell’aree verdi di via Nervesa, via Passo Buole e via Cesiolo. Lo stato di estremo degrado ed insicurezza che da mesi sta interessando zone del nostro quartiere, una volta considerate un modello di tranquillità e decoro, deve terminare al più presto.
    https://voxnews.info/2018/04/10/prof...rona-polemica/

    PARIGI, LA SENNA ASSEDIATA DA ACCAMPAMENTI CLANDESTINI
    Per comprendere i motivi dei respingimenti di donne incinte alle frontiere da parte dei gendarmi francesi, si deve dare un’occhiata a come i clandestini arrivati dall’Italia hanno ridotto Parigi.
    L’accampamento di Canal Saint-Denis continua a crescere. I residenti sono disperati. Esattamente come quelli di Ventimiglia in Italia.
    “La situazione sanitaria si sta deteriorando rapidamente; le tensioni e la violenza si moltiplicano. Non possiamo continuare così!”, dicono.
    Come molti dei “residenti”, Stéphane Madelenat non nasconde la sua preoccupazione per la crescita esponenziale del campo di clandestini lungo il canale Saint-Denis.
    È letteralmente esploso dalla chiusura del centro di accoglienza della Chapelle, due settimane fa. Il campo ora conta quasi 2.000 immigrati, per lo più sudanesi, eritrei, somali, ma anche afghani o iracheni. “E continuano ad arrivare ogni giorno”, osserva impotente Stéphane Madelenat.
    Perché l’Africa deve trasferirsi in Europa a distruggere la nostra qualità della vita?
    Madelenat è un tipico radical chic: “Sono molto sensibile alla causa dei migranti. E non sono propenso a chiedere soluzioni rapide. Ma francamente, dopo 15 giorni, non ne possiamo più”.
    Quando la realtà incontra la fantasia, anche i radical chic si ricredono. Potremmo mandarne un po’ sotto l’attico newyorkese di Saviano o davanti alla villa di Boldrini. Così saranno davvero costretti a ‘tapparsi la bocca’, e non per un selfie anti Hassan-Hassad-Assad.
    https://voxnews.info/2018/04/12/pari...i-clandestini/

    SBARCANO A TRAPANI 538 CLANDESTINI: 366 SONO INFETTI
    Dicono che arrivano sani e poi si ammalano in Italia. Perché, come sapete, l’Africa è un luogo all’avanguardia privo di epidemie. Infatti, dei 538 clandestini scaricati ieri porto di Trapani dalla nave Aquarius dei famigerati Medici Senza Frontiere, 366 sono risultati affetti da scabbia. Per le altre malattie è impossibile dire, visto che servono esami più approfonditi.
    Dopo la visita a vista effettuata allo sbarco dal personale medico dell’Azienda sanitaria provinciale sono stati trasferiti, con mezzi esclusivamente a loro dedicati, al centro di smistamento di Milo. Dodici sono stati ricoverati all’ospedale Sant’Antonio Abate di Trapani.
    Intanto, poche ore fa, sono arrivati i 403 clandestini nel porto di Catania a bordo di una nave militare tedesca. Perché tutti li raccattano, ma poi tutti li scaricano in Italia. Altri 94 stamane erano giunti a Messina con il mezzo navale della Ong tedesca Sea Watch. In tutti, in 48 ore, sono stati vomitati in Italia oltre 1.400 clandestini.
    https://voxnews.info/2018/04/24/sbar...-sono-infetti/

    VA IN CENTRO PROFUGHI PER DIMOSTRARE A RAZZISTI CHE SBAGLIANO: STUPRATA DA DUE MIGRANTI
    Una donna svedese è stata violentata da due richiedenti asilo afghani in un centro d’accoglienza dove si era recata per dimostrare che i profughi non sono pericolosi. La donna, che faceva parte di un gruppo Facebook contro le espulsioni dei migranti, stava cercando di dimostrare che gli xenofobi hanno torto sul fatto che gli afghani stuprano le donne.
    La vittima – delle proprie follie ideologiche – ha incontrato i due profughi – due presunti minori non accompagnati – fuori da un pub e ha deciso di accompagnarli nel centro di asilo dove risiedevano a Ljungby.
    Membro di un gruppo anti-espulsioni, la donna ha detto alla polizia: “Non ho mai avuto paura dei migranti” e “ho pensato che fosse piuttosto interessante parlare con loro”. Anche per loro, è stato molto interessante.
    Senza scendere troppo in descrizioni, una volta arrivati nel centro dove sono ospitati, i due hanno iniziato a molestarla. Poi, uno di loro, tal Anwar, l’ha violentata vaginalmente e analmente, mentre l’altro si masturbava accanto a lei. È stata un’esperienza molto dolorosa, ha detto.
    Dopo essere scappata, la donna ha chiamato la polizia. I due afghani sono stati arrestati e condannati la scorsa settimana dal tribunale distrettuale di Växjö. Ma in tipiche pene svedesi.
    Anwar ad un anno, tre mesi di carcere e 13.000 euro di risarcimento alla donna. Fardin, quello che si masturbava, è stato condannato per abuso sessuale e pagherà solo 2.300 euro di danni alla vittima.
    La donna è stata traumatizzata dall’esperienza orribile e ora ha problemi di sonno. Ma problemi ce li aveva anche prima, come tutti i fanatici dell’accoglienza. Il dramma è che raramente sono vittime delle politiche che propugnano, spesso le conseguenze le pagano gli altri. Magari gli xenofobi.
    https://voxnews.info/2018/04/24/va-i...-due-migranti/

    SPIEDINI DI TOPO NEI RISTORANTI NIGERIANI DI TORINO: SEQUESTRI
    È la comunità nigeriana la più ghiotta di nutrie e topi, ci informa la stampa locale con soddsfazione.
    Li fanno arrosto e le vendono come street food. Per loro è normale.
    Li catturano lungo le rive del Po: i tecnici provinciali con un sistema di previsione matematica ne contano, sul territorio, circa 10 mila. Nutrie. I topi nemmeno li contano, ma da quando ci sono i nigeriani diminuiscono.
    Gli agenti della polizia municipale di Torino, alcuni giorni fa ne hanno sequestrati almeno una decina: nutrie e topi arrostisti e infilzati erano pronti per essere vendute a pochi euro come street food.
    Sono stati trovati veri e propri spiedini di topi. A fugare i dubbi degli agenti in merito alle specie esatte di animali preparati allo spiedo, ci hanno pensato i veterinari.
    Quindi non c’è dubbio: dopo i cani, i nigeriani si mangiano anche i topi dopo averli fatti arrosto.
    Gli «chef» nigeriani sono stati multati per la vendita non autorizzata delle nutrie e dei topi e denunciati (penalmente) per il pessimo stato di conservazione dei cibi: «C’è un serio problema sugli alimenti venduti per strada illegalmente o mal conservati, dalla carne al pesce, ma anche latte e pane» dice il comandante Bezzon.
    https://voxnews.info/2018/04/24/spie...ino-sequestri/

    PROFUGHI: SOLO L’ITALIA ACCOGLIE NIGERIANI E PAKISTANI
    Nigeria, Pakistan e Gambia. La maggior parte dei richiedenti asilo a cui è stata garantita protezione in Italia viene da questi tre Paesi. A renderlo noto è Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione europea.
    Nel 2017 l’Italia ha garantito protezione a 35.130 fancazzisti. Tra questi, il 14%, 5.075 individui, veniva dalla Nigeria. Spacciatori e prostitute, come insegnano le cronache quotidiane.
    Il caso italiano rappresenta infatti una ridicola eccezione nel panorama europeo. In quasi tutti i Paesi infatti, sono i siriani a rappresentare il primo gruppo di persone a cui è stata assicurata protezione. Noi no, noi mettiamo in hotel i nigeriani in fuga dalla guerra in Siria.
    La percentuale di siriani sul totale dell’intera unione raggiunge il 33%, corrispondente a 175800 persone. Il secondo Paese maggiormente rappresentato è l’Afghanistan, con il 19% e il terzo l’Iraq con il 12%. Più o meno tutti Paesi con una guerra.
    I nigeriani per la Ue nel suo insieme sono solo il 2% dei richiedenti, praticamente tutti in Italia:
    Insieme ai pakistani e ai gambiani. Anche loro tutti in fuga dalla guerra in Siria.
    https://voxnews.info/2018/04/23/prof...i-e-pakistani/

    MILANO: 1.400 EURO AL MESE PER OGNI MINORE, MA SOLO SE IMMIGRATO
    Cento posti tutti per loro, “riservati” ai sedicenti minori’. Per fare in modo che abbiano tutto ciò di cui necessitano. E per evitare – come accade oggi – che siano costretti a condividere le strutture con i loro coetanei adulti che non sono riusciti a fregare le autorità.
    Il comune di Milano ha dato al via alla sperimentazione per i centri di accoglienza dedicati ai cosiddetti minori non accompagnati, profughi ‘minorenni’: ovvero presunti 17 enni à la Minala.
    Dopo la firma di un protocollo con la Prefettura, il PD aprirà una serie di centri ad hoc mettendo a disposizione cento posti extralusso.
    Gli oneri economici connessi all’attuazione del protocollo saranno a carico dei contribuenti italiani che provvederanno a corrispondere 45 euro al giorno per ogni presunto minore.
    “Milano è in prima fila nella battaglia per la difesa dei diritti dei più piccoli, da qualsiasi terra provengano. Per questo motivo – il commento dell’assessore alle Politiche Sociali, Pierfrancesco Majorino – il comune, prima di molti altri in Italia, ha avviato un’esperienza significativa finalizzata a tutelare i minori stranieri che, affrontando un lungo viaggio, arrivano nel nostro Paese, e che, proprio per questo, hanno bisogno di attenzioni particolari e di un’accoglienza che sia diversa da quella degli adulti”.
    Pensate se il governo desse ad ogni minore italiano 45 euro al giorno, ovvero circa 1.400 euro al mese. Voi genitori spendete per i vostri figli 1.400 euro al mese? Ce li avete?
    https://voxnews.info/2018/04/23/mila...-se-immigrato/

    STUDIO: 90% CLANDESTINI SBARCATI IN ITALIA È ANALFABETA E MUSULMANO
    Quasi 9000 clandestini tra gli oltre centomila che sono riusciti a raggiungere l’Italia nel 2017 provengono dalla Costa d’Avorio, Paese la cui città di Daloa è il centro del traffico dell’immigrazione illegale verso l’Europa, secondo uno studio pubblicato ad Abidjan.
    “Nel 2017, sono arrivati ​​in Italia 8.753 migranti provenienti dalla Costa d’Avorio, tra cui 1.263 donne”, secondo i dati del Centro Internazionale di Volontariato (CEVI), una ONG italiana.
    “Dal 1 gennaio al 31 dicembre 2016, 12.396 migranti ivoriani sono arrivati ​​in Italia via Libia”, ha dichiarato Meretto Tiziana, responsabile del progetto di sensibilizzazione sui pericoli dell’immigrazione clandestina.
    Secondo lo studio, il 95% dei candidati all’immigrazione è Malinké, comunemente chiamato “Dioulas”, il gruppo etnico maggioritario in Costa d’Avorio specializzato nel commercio. Evidentemente anche di uomini. Sono analfabeti al 90% e musulmani.
    https://voxnews.info/2018/04/23/stud...a-e-musulmano/

    DOUGLAS MURRAY: “HO VISTO CITTÀ IN MANO A GANG DI IMMIGRATI, I VOSTRI POLITICI HANNO FALLITO”
    Nel suo ultimo saggio, The Strange Suicide of Europe (lo strano suicidio dell’Europa) che è in testa alle classifiche dei bestseller in Inghilterra, descrive le conseguenze mortali dell’immigrazione incontrollata in un’Europa in via di disintegrazione. In occasione della pubblicazione dell’edizione francese del suo libro, Douglas Murray ci ha concesso un’intervista esclusiva al Figaro.
    Prendi un tono particolarmente veemente sulla Svezia, che viene spesso citato come esempio. Perché?
    Perché a parte la Germania, nessun paese in Europa ha accettato tanti migranti negli ultimi anni come la Svezia. E nessuno ha così tanti problemi. Non c’è niente da fare per gli svedesi. Nessuno ha una classe politica così ridicolmente timida, impacciata e intenzionalmente cieca. Ho visitato i sobborghi e ho visto i quartieri ora invasi da criminalità, bande, stupri e attacchi di granate. Quasi tutti i giornalisti sono lì per seguire la linea del partito e rigurgitare le stesse menzogne. Sembrano pensare che il loro compito sia mantenere le cattive notizie il più lontano possibile dal pubblico. Quindi, come in Germania, il pubblico deve imparare a leggere le notizie secondo un dispositivo interno di decodifica, come è stato fatto sotto il comunismo. Quindi, quando viene segnalato uno stupro, devi capire che ‘giovani’ significa ‘immigrati’. Sempre.
    Il tuo libro The Strange Suicide of Europe è stato un enorme successo mondiale. Come lo spieghi?
    Secondo me, le persone in tutto il mondo vedono le stesse cose e si preoccupano degli stessi fenomeni. Eppure le loro preoccupazioni e le loro domande più legittime vengono sistematicamente represse. Ma ogni volta che qualcuno espone (con solide prove) cosa pensa un sacco di gente, le sue parole finiscono sempre per riverberare ovunque.
    Sei rimasto sorpreso dal modo in cui i politici hanno ricevuto il tuo libro. Per inciso, non hanno esitato ad accettare le tue conclusioni.
    Da sempre, c’è la realtà e ciò che può essere politicamente esprimibile. Ho parlato con i funzionari francesi, come con molti altri in tutto il continente, ed erano loro che in privato mi hanno detto le cose più dure sull’immigrazione, l’integrazione e la sicurezza. Sanno i problemi che affrontiamo tutti. Eppure, in pubblico, dicono qualcos’altro. Perché? Perché, per affrontare la sfida che tutti affrontiamo, sarà necessario ammettere che diverse generazioni di responsabili politici in tutta Europa hanno commesso errori storici o sono stati totalmente incompetenti.
    La cosa più semplice da fare per i politici è rimandare la questione, porre fine alla discussione e perseguitare le persone perché hanno detto la verità. Ma questa non è una buona strategia a lungo termine. Lo status quo può ancora avere uno o due cicli elettorali. Ma non di più.
    https://voxnews.info/2018/04/23/doug...hanno-fallito/

    BABY GANG DI IMMIGRATI: 21 RAPINE A MANO ARMATA, A CACCIA DI RAGAZZINI ITALIANI
    “Italia sempre più multietnica”, esultano i cazzari di Repubblica. Un effetto di questo ‘arricchimento’ è il fenomeno delle baby-gang.
    L’ultima è quella delle rapine a mano armata. Otto piccoli immigrati sono stati arrestati dopo un ordine di custodia cautelare emesso dal tribunale per i Minorenni di Milano.
    Si tratta di due marocchini, due romeni, un egiziano e un “italiano” ritenuti responsabili di ben 21 rapine, anche a mano armata.
    Le rapine avvenivano principalmente ai danni di giovanissimi italiani presso fermate di autobus, stazioni ferroviarie e a bordo di treni in servizio tra le province di Monza e Brianza e Lecco.
    I punti di ritrovo della baby-gang, che agiva anche sotto la minaccia di pistola e coltello, sono stati individuati nella stazione ferroviaria di Vimercate e nei pressi di un centro commerciale del luogo.
    Urge una nuova legge sulla cittadinanza che preveda lo ius sanguinis integrale. O tutti questi diverranno ‘italiani’. Come in Francia e GB.
    https://voxnews.info/2018/04/24/baby...zini-italiani/

    L’ULTIMA DEL PD: PROFUGHI DARANNO LEZIONI DI IMMIGRAZIONE ALLE ELEMENTARI
    “Notizia di oggi è che, dalla prossima settimana nelle scuole medie ed elementari di Gualdo Tadino, i cosi detti profughi e gli operatori Arci terranno delle lezioni nelle vari classi. Oltre al solito peana sulla bellezza dell’immigrazione, questa iniziativa si configura come un vero e proprio indottrinamento politico.
    “Leggiamo infatti dall’allucinate comunicato congiunto di Arci e Sindaco i seguenti passaggi inerenti le future lezioni: “L’intento è quello di consolidarlo (il progetto) in un percorso didattico ed educativo stabile, volto a difendere i valori costituzionali di solidarietà ed eguaglianza, in contrasto alla proliferazione dei razzismi e delle xenofobie” oppure “La nostra città ancora una volta si dimostra all’avanguardia su temi che troppo spesso vengono maldestramente utilizzati per alimentare le paure dei cittadini”.
    “Insomma agli alunni verrà somministrata la retorica della sinistra e del Pd secondo cui i movimenti contrari al business dell’accoglienza, come Forza Nuova, siano da criminalizzare, e gli italiani che si oppongono all’immigrazione verranno dipinti come dei rozzi analfabeti. Ebbene tutto ciò per noi non sta ne in cielo ne in terra. Non troviamo educativa una tale propaganda, ne di esempio chi è arrivato clandestinamente in Italia e vive sulle spalle dei contribuenti. Per Forza Nuova è una presa in giro non solo nei confronti degli italiani ma anche per quegli immigrati che invece di chiedere asilo si sono mantenuti lavorando. Infine, ironicamente, ci domandiamo se i cosiddetti profughi e gli operatori Arci abbiano fatto le dodici vaccinazioni obbligatorie, come Decreto Lorenzin prevede, necessarie per venire in contatto con gli alunni”.
    E’ quanto denuncia in una nota il coordinamento di Forza Nuova Gualdo Tadino.
    https://voxnews.info/2018/04/22/lult...le-elementari/

    MORRISSEY LANCIA APPELLO AI PATRIOTI INGLESI CONTRO L’IMMIGRAZIONE
    Nuovo appello ai patrioti inglesi del frontman degli Smiths, Morrissey. Nel suo ultimo post ha invitato a sostenere e votare per il movimento populista, nazionalista e identitario For Britain Party e si è scagliato contro la BBC che spaccia fake news, i conservatori e i laburisti che si sono dimenticati dei britannici.
    Ormai le menti più sensibili, al di là di quali siano le loro posizioni politiche, hanno compreso che l’immigrazione sta devastando le nostre società. E che la cosiddetta ‘integrazione’ è una forma nuova e più pervasiva di genocidio: perché da quest’ultimo una minoranza di individui possono sopravvivere e ricominciare. Dal meticciamento, invece, non c’è possibilità di ripresa: un popolo è perduto per sempre.
    https://voxnews.info/2018/04/21/morr...limmigrazione/

    MILANO, I PALAZZI DOVE GLI IMMIGRATI SPARANO IN TESTA AGLI ITALIANI
    E’ una città nella città, il complesso Aler di via Don Primo Mazzolari con 1.250 alloggi racchiusi in una decina di scale nella terra di mezzo tra l’asfalto urbano e i campi della Barona. «Un verde che mi apre il cuore ogni volta che mi affaccio. E se non vado via è solo per questo paesaggio», sussurra Grazia Di Bitonto, tra gli inquilini storici che a fatica cercano di portare un po’ di ordine in questo luogo fatto di palazzoni grigi comunicanti, di cunicoli che corrono tra il cortile, le case e i sotterranei.
    Labirinti per i forestieri, manna per spacciatori e occupanti abusivi per i quali quelle stradine diventano comode vie di accesso o di fuga. L’ultima volta che si sono accesi i riflettori su via Mazzolari era lo scorso 26 ottobre, quando all’ingresso del civico 24 un marocchino di 34 anni aveva sparato in faccia a un suo dirimpettaio coetaneo, italiano, con un fucile a pallini, facendogli perdere un occhio.
    Poi si era dato alla fuga. E la polizia lo aveva trovato il 4 novembre in un bar di Corsico. Alla base del gesto ripetute liti. «Nono sono una novità», lamentano gli inquilini. Ora ripetono che a distanza di quasi sei mesi nulla è cambiato. E c’è chi non ha dubbi: «A volte ci sembra di essere a Scampia». Parole forti, pronunciate da più di un abitante. «Manca una vigilanza, manca un custode. E se qualcosa funziona è grazie al nostro impegno», interviene Umberto Vitagliano che in via Don Primo Mazzolari vive da 33 anni e che per dieci anni, dal 2001 al 2011, è stato consigliere di Zona 6.
    E quando i cittadini dicono che nulla è cambiato indicano un manufatto al centro del cortile: «Un tempo era un luogo di aggregazione ma una nevicata ha sfondato la tettoia, che non è stata più riparata. Sono passati decenni». Quindi il posto è diventato bersaglio di vandali e discarica. Di fronte c’è un altro spazio con una porta chiusa. Dismesso. Completano il quadro bidoni dell’immondizia all’aperto, infiltrazioni negli alloggi, vetri rotti, pavimentazioni colabrodo e luci fioche. «La sera pare di essere in un cimitero», conclude Vitagliano. E, a proposito di luci: «C’è persino chi ruba le lampadine in cantina. Sono arrivata al punto da portarmela da casa», racconta Di Bitonto. «La situazione – commenta Alessandro De Chirico, vicecapogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale – rimane invariata. Servono punti di aggregazione e politiche di socializzazione. Nello stesso tempo bisogna intervenire contro gli occupanti abusivi: sono 4.300 le occupazioni di alloggi popolari consolidate a Milano, con 12 sgomberi al mese. Giovedì in Consiglio comunale discuteremo di una mia mozione».
    Basterebbe dare mano libera alla Folgore per una giornata. Casa per casa. Maghrebino dopo maghrebino. Senza telecamere. Senza regole d’ingaggio. Ma questo è un sogno, quindi basterebbe anche un normale sgombero ed espulsione da Paese civile.
    https://voxnews.info/2018/04/22/mila...agli-italiani/

    "Porta un amico e viaggi gratis". Il marketing della tratta degli immigrati
    Fine settimana di sbarchi record: sono un quarto di quelli avvenuti da inizio 2018. Salvini avverte: "Blindare i confini"
    Sergio Rame
    "Porta un amico e tu viaggi gratis". Anche i trafficanti si adeguano alle logiche del marketing.
    Gli immigrati, che sono sbarcati in queste ore al porto di Pozzallo, hanno riferito alle forze dell'ordine la nuova "strategia commerciale" degli uomini della tratta tunisina. Intanto, al largo della Libia, c'è stato un altro naufragio. È il secondo in soli due giorni. Ieri, a cinque miglia da Sabratha sono stati, infatti, recuperati undici cadaveri.
    Quello appena trascorso è stato un fine settimana di continui sbarchi. Secondo Repubblica, sarebbero stati soccorsi almeno 1.400 immigrati clandestini nel giro di sole quarantotto ore. La maggior parte dei barconi partono dalle coste libiche, ma non mancano anche quelli che battono la tratta tunisina. Ieri, per esempio, in 79 sono giunti nel porto della cittadina del Ragusano con la nave militare portoghese "Francisco Del Almeida". Il viaggio dalla Tunisia costava 12.00 euro, ma alcuni hanno potuto usufruire dell'offerta. "Se portate un amico pagante - era l'accordo stretto con i trafficanti di uomini - potete viaggiare gratis". All'arrivo sulle coste italiane, è stato fermato anche uno scafista. Si tratta del tunisino 34anne Sofied Sadek. La squadra mobile di Ragusa ha inoltre individuato 16 tunisini che erano già stato fotosegnalati in Italia. Alcuni con diversi precedenti penali ed altri per aver già tentato di fare ingresso in Italia e respinti. Cinque quelli arrestati e saranno nuovamente espulsi con provvedimento del prefetto e accompagnamento coatto in Tunisia.
    A Trapani, invece, si sono registrati momenti di tensione quando la nave "Aquarius" della ong Sos Mediterranee è sbarcata con 537 immigrati a bordo. Uno di loro, un tunisino si 18 anni, si è buttato in acqua nelle fasi di ingresso del natante: temendo un nuovo rimpatrio - sarebbe il terzo - ha tentato disperatamente di sfuggire ai controlli, ma subito in difficoltà è stato recuperato e soccorso. Per lui e i suoi compagni di traversata la destinazione momentanea è l'hotspot di contrada Milo.
    L'improvvisa impennata degli sbarchi è stata probabilmente favorita dalle buone condizioni meteorologiche. I numeri, però, iniziano a preoccupare il Viminale. Perché le 1.400 persone salvate nel fine settimana equivalgono a circa un quarto di quante ne sono arrivate complessivamente dall'inizio del 2018. "Chiunque voglia venire al governo con la Lega deve impegnarsi a blindare i confini del nostro Paese perchè non deve entrare più nessuno - ha detto Matteo Salvini parlando al mercato di Tolmezzo (Udine) - non ne deve entrare neanche uno". "I confini - ha, poi, concluso il leader della Lega - sono quelli per i quali i nostri nonni e i nostri bisnonni hanno lasciato la vita. Torneranno a essere difesi come un paese normale deve fare: entra solo chi ha il permesso di entrare".
    "Porta un amico e viaggi gratis". Il marketing della tratta degli immigrati

    Pamela, foto choc dei nigeriani: "Torture con la lingua tagliata"
    Le foto choc sul cellulare degli indagati per la morte di Pamela Mastropietro a Macerata. E l'intercettazione: "È stato un gioco da ragazzi"
    Claudio Cartaldo
    Non solo l'intercettazione choc in carcere tra Desmond Lucky e Awelima Lucky.
    Dalle indagini a Macerata sulla tremenda morte di Pamela Mastropietro, la 18enne trovata uccisa e spezzettata in una valigia, emergono nuovi inquietanti particolari.
    La Procura, infatti, nei cellulari degli indagati avrebbe trovato delle foto choc, definite "inquietanti", che mostrano ragazzi torturati e organi di animale tagliati. A riportarlo è il Quotidiano Nazionale. Sarà per questo che, intercettati, Desmond Lucky e Awelima Lucky parlano di aver fatto "una cosa da bambini, abbiamo fatto ben di peggio".
    I due sono indagati, insieme a Innocent Oseghale, di omicidio, vilipendio e occultamento di cadavere. Avrebbero stordito, accoltellato e ucciso la povera Pamela. Cercando infine di nasconderne il cadavere. Ma non è per uccidere che si trovavano a Macerata. La cittadina marchigiana era diventato il loro supermarket della droga. Un luogo dove costruire una "attività di spaccio molto articolata e pericolosa. Il procuratore di Macerata, Giovanni Giorgio, ha detto che "Awelima e Desmond ricordano un caso in cui a una persona è stata data dell'eroina sporca e questa ragazza subito si è sentita male e ha rinfacciato a uno dei due che l' avesse ammazzata. Il ragazzo che aveva spacciato diceva di essere rimasto sorpreso per la qualità negativa della droga".
    Le fotografie trovate nel cellulare di Awelina secondo l'esperto della procura sarebbero state scattate dallo stesso indagato. "In una si nota in primo piano un giovane nero sottoposto a tortura, con la lingua tagliata, in un'altra un giovane steso a terra che viene, anche lui, torturato. In un' altra foto su un bilancino c' è una busta con palline di eroina".
    Intanto le indagini vanno avanti. La procura ha detto di cercare la verità e di non voler prestare il fianco ad una "giustizia sommaria". E così sarà. Dalla perizia del Ris, come riporta il Quotidiano Nazionale, emergerebbero "tracce di Oseghale sul corpo di Pamela e sotto le unghie della ragazza". Ed è proprio su di lui che si concentrano le principali accuse. In Italia aveva trobato un'occupazione illegale. Ma redditizia. "Da quando è venuto in Italia non ha mai svolto un' attività lavorativa, e pagava il canone in un appartamento che non è certo una catapecchia - ha sottolineato il pm -. Ha inviato sui 20.000 euro nel corso degli anni in Nigeria, l'attività di spaccio era apparentemente redditizia. Awelima e Desmond svolgevano un ruolo gregario, su loro le indagini hanno palesato due personalità non lineari e che destano preoccupazione".
    Sul caso è interveuto anche Matteo Salvini. Che nel giorno della Liberazione decide di pubblicare un articolo contenente le intercettazioni dei nigeriani in carcere e commentando così la notizia: "Personcine per bene. Ecco da chi occorre liberare l'Italia oggi! #Liberazione".
    Pamela, foto choc dei nigeriani: "Torture con la lingua tagliata"

    ORGE CON I PROFUGHI, PARROCO HARD PATTEGGIA 1 ANNO
    Andrea Contin, l’ormai ex parroco di San Lazzaro (Padova), ha patteggiato un anno (pena sospesa) e un risarcimento da 11.500 euro per lesioni personali aggravate e minacce nei confronti di una sua ex amante. Il gup Cristina Cavaggion ha accolto la proposta di patteggiamento avanzata dalla difesa sulla quale già il pm aveva dato parere favorevole.
    Il caso Contin era scoppiato nel 2016, quando una donna lo aveva denunciato accusandolo di averla picchiata. La denuncia aveva fatto emergere uno scandalo di incontri sadomaso con parrocchiane e orge con i profughi. Coinvolgendo diverse donne e anche un altro religioso (forse due) che avrebbe partecipato ai ‘festini’ in parrocchia. Quasi una ventina di depravate che frequentavano la parrocchia erano state interrogate durante gli accertamenti, durati un anno, e diverse di loro avevano ammesso rapporti sessuali con il prete e con altri uomini invitati alle orge, nell’ultimo piano della canonica.
    https://voxnews.info/2018/04/17/orge...teggia-1-anno/

    PRETE ROSSO INCASSA MILLE EURO AL GIORNO PER ACCOGLIERE IMMIGRATI
    L’accesso agli atti del consigliere di CasaPound Marsella sui finanziamenti pubblici alla Caritas di Ostia, svela imbarazzanti verità
    “Soldi dietro accoglienza e solidarietà – denuncia Marsella su Facebook – vi svelo quanto fruttava il business della Caritas di Ostia dell’ex parroco De Donno. Dal 2013 al 2017 – continua Marsella – sotto l’amministrazione di Tassone (ma anche quando governava il centrodestra) alla Caritas andavano tramite la Cooperativa Roma Solidarietà circa 30.000 euro al mese. Soldi pubblici che sono stati elargiti con determine dirigenziali senza alcun bando pubblico dall’ex presidente del X Municipio arrestato per Mafia Capitale e che sono continuati anche durante il commissariamento. Per sfamare immigrati e rom De Donno percepiva 1.000 euro al giorno senza alcun controllo e nel silenzio trasversale di tutti i partiti (anche questa è mafia).
    “Oggi che quei soldi non li prende più, l’ex parroco ora consigliere, si batte in aula al fianco di Athos De Luca e del Pd pretendendo nuovi contributi. Per fortuna con il 9% di CasaPound la musica è cambiata e nemmeno un euro può essere intascato da questi cialtroni perché noi gli occhi non li chiudiamo. Altro che integrazione, accoglienza e solidarietà: l’unico interesse della sinistra e dell’ex parroco erano i soldi pubblici. Mi è bastato un semplice accesso agli atti per smascherare questa truffa ed è grazie a voi che avete votato CasaPound che sconfiggeremo il malaffare. Ho tutta la documentazione che renderò pubblica e porterò in aula. Era di questo che avevano paura ed era questo il motivo di tutto il fango che ci hanno buttato addosso in campagna elettorale: tutelare – conclude Marsella – i loro sporchi affari”.
    https://voxnews.info/2018/04/24/pret...ere-immigrati/



    MELUZZI: “BERGOGLIO ADERISCE A PROGETTO DI SOSTITUZIONE ETNICA”
    Alessandro Meluzzi, dalle pagine del Tempo, torna ad criticare il terzomondismo di Bergoglio.
    Lo definisce «un Papa che sta riducendo la dottrina cattolica all’idea che tutta l’Africa possa entrare in Europa».
    Secondo Meluzzi, l’invito di Bergoglio alla resa dinanzi all’immigrazione è non solo umanamente suicida ma, anche, «teologicamente sbagliato».
    Per Meluzzi, Bergoglio è un «Papa comunista» dalla «doppia morale», e avverte che il suo «terzomondismo, che sembra far pensare che tutta l’Africa possa entrare in Europa, è una consapevole adesione a un disegno pre-ordinato di sostituzione etnica e radicale sovversione della struttura sociale dell’Europa una catastrofe inimmaginabile: la sommersione della cristianità da parte di altre culture come quella islamica che cancellerà in base a un utopismo degenere il cristianesimo, l’Europa e la sua civiltà».
    https://voxnews.info/2018/04/11/melu...uzione-etnica/


  3. #293
    Forumista senior
    Data Registrazione
    15 Dec 2011
    Messaggi
    2,012
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Rif: Le delizie della società multietnica

    IMMIGRATI SOSTITUISCONO ARCHEOLOGI ITALIANI: “ANNI DI STUDIO POI ASSUMONO MOHAMMED”
    I 50 cosiddetti profughi sono impegnati nello scavo a Ragusa della necropoli sotto la guida di Francesco Cardinale, archeologo della famigerata cooperativa di Chiaramonte Gulfi.
    Tutti richiedenti asilo che guadagnano 400 euro al mese.
    “Una cosa indecente!”, scrive Cristina, “Dopo anni di formazione, noi archeologi siamo costretti a trovarci altri lavori. Spesso dobbiamo lavorare gratis perché il volontariato va così di moda che la nostra professione è ridotta a questo. E adesso fare l’archeologo è un mestiere da insegnare ai migranti? Senza laurea, competenze, formazione?!”.
    Le fa eco Colette: “Voglio vedere quanto buonismo si sfodererebbe se iniziassero a utilizzare migranti diciottenni per assistervi come medici in ospedale o come avvocati in tribunale”.
    Renato la butta in politica: “che vadano in Egitto che la c’è da scavare e lascino ai disoccupati italiani la possibilità di diventare archeologi..certo che il Pd dei centri sociali vuole giocare con l’intelligenza degli italiani”.
    Duro Massimiliano: “semplicemente qualche zecca mondialista si è infiltrata nel dipartimento e ne approfitta per fare le sue stronzate ideologiche”, e ancora, “con tutti i laureati siciliani in archeologia e storia che ci sono disoccupati fate lavorare i clandestini!”.
    Per il neo assessore ai Beni Culturali della giunta regionale di centrodestra, tal Sebastiano Tusa, quella di Ragusa è un’esperienza esemplare: “Un progetto modello per la Sicilia intera”.
    https://voxnews.info/2018/05/03/immi...mono-mohammed/

    Napoli, terrore in un ospedale: migrante aggredisce 5 medici
    Il bilancio è di cinque feriti. Tra questi, al più grave, è stato diagnosticato un violento trauma cranico
    Vinicio Marchetti
    Oggi, all'ospedale Pellegrini di Napoli, si sono vissuti attimi di autentico terrore. Un migrante, infatti, ha improvvisamente aggredito cinque medici del pronto soccorso.
    Quest'ultimi, erano intenti a soccorrerlo. Successivamente, non contento, si è scagliato anche contro il desk dello storico ospedale partenopeo distruggendo completamente il computer centrale. Solo l'intervento delle forze dell'ordine ha permesso che l'uomo venisse fermato.
    Il bilancio è di cinque feriti. Tra questi, al più grave, è stato diagnosticato un violento trauma cranico. Per gli altri feriti, invece, sono state refertate prognosi guaribili in tre-cinque giorni. La vicenda non fa altro che sottolineare, ancora una volta, come la situazione sia drammatica. Una violenza inaudita che, fanno sapere dall'ospedale, negli ultimi due mesi, ha già portato a sei casi simili a quello che vi stiamo raccontando. I medici sono costretti a lavorare nel più profondo senso di paura e, da un momento all'altro, basta una scintilla perché tutto degeneri furiosamente. Non è accettabile che una struttura storica e importante come il Pellegrini diventi così spesso teatro di aggressioni da parte dei criminali della peggior specie. Sbandati che vengono accolti nel migliore dei modi dal pronto soccorso cittadino e che, improvvisamente, danno sfogo a tutta la loro aggressività mettendo a rischio l'incolumità del personale medico e dei pazienti.
    Napoli, terrore in un ospedale: migrante aggredisce 5 medici

    CIRCONDATA DA IMMIGRATI HO PROVATO PAURA
    Credo che avvertire vicinanza verso chi ci somiglia per storia e per cultura, e provare disagio o fastidio per chi potrebbe esserci ostile, sia assolutamente normale
    di Costanza Miriano
    Qualche giorno fa sono capitata in Centrale, la stazione di Milano, alle 5.30 di mattina, quando “Milano dorme ancora”. Ho attraversato il portico in mezzo a un nugolo di giovani uomini dalla pelle scura che scrutavano la gente che passava. Probabilmente non avevano cattive intenzioni, ma di certo non è piacevole essere una donna sola in quella situazione. Sì, lo ammetto, ho provato paura. Sì, lo ammetto, ho pensato al mio telefono che sporgeva dalla tasca – è vero, ho un telefono costoso, me lo hanno regalato, come praticamente tutte le cose di valore che ho. Sì, lo ammetto, ho provato fastidio, perché non eravamo un gruppo di persone che andavano a prendere il treno, situazione in cui ovviamente non avrei fatto caso al colore della pelle. La situazione era donna bianca sola che va a prendere il treno, decine di uomini neri che non hanno apparentemente niente da fare e stanno in giro con il buio. Sono razzista? Probabilmente per gli standard della Boldrini sì. So che nugoli di giovani col testosterone alle stelle, senza lavoro né prospettive esistenziali dignitose, con poco da perdere, sono pericolosi.
    DISAGIO, PAURA, FASTIDIO
    Credo che provare disagio o paura o fastidio verso un gruppo di persone che, anche perché indotte dalle circostanze, commettono in percentuale un numero più alto di crimini – è statistica – sia assolutamente sano. Credo anche che avvertire una vicinanza verso chi ci somiglia per storia e per cultura sia assolutamente normale. Credo che questa sia una delle forze che ha plasmato la storia degli uomini sulla terra, e che è stata una spinta che ha portato a costruire, difendere, far crescere, conservare. D’altra parte anche Dio per iniziare la sua storia d’amore con l’uomo ha scelto un popolo, un popolo solo, e lo ha custodito e difeso gelosamente dai nemici.
    Dicono che ci sia un’impennata di razzismo tra i giovani. Non so se sia così, della percezione dei giornali mi fido poco. Penso però che la risposta non siano le predichelle sul fatto che gli altri siano sempre e comunque una risorsa, le tirate educative a scuola ai nostri ragazzi con annesse canzoncine, la società liquida e il rinnegamento di ogni identità: non basta, perché l’appartenenza identitaria è scritta in ogni uomo, e il desiderio di una società che sia ordinata, che abbia regole sicure, che offra possibilità di crescere, di trovare un lavoro, di costruire una famiglia è semplicemente normale, e sano.
    Solo Dio, non John Lennon, può riuscire ad aprire il nostro cuore, ad allargarlo a una maternità o paternità più grandi. La ricetta della Open Society è fallimentare: tutti i soldi di Soros non ce la faranno a cambiare tutti i cuori del mondo.
    CIRCONDATA DA IMMIGRATI HO PROVATO PAURA « www.agerecontra.it

    “Segnala la presenza di agenti”
    La nuova app di Soros per i migranti
    MICHELE CRUDELINI
    Torna a far parlare di sé il multimiliardario ungherese George Soros con le sue discutibili iniziative umanitarie.
    Svestiti i panni di “squalo della finanza”, come ebbe a definirlo Bettino Craxi, Soros è ora concentrato in quelle attività che i media mainstream si ostinano a definire “filantropiche”.
    L’ambigua filantropia di Soros
    Tuttavia, come si suol dire, il lupo perde il pelo ma non il vizio ed è dunque difficile credere nell’improvvisa beatificazione di una persona che in tempi non sospetti arrivò a polverizzare i risparmi dei contribuenti inglesi senza pentirsene. E infatti spesso, come è già stato ampiamente documentato su questo portale, le innumerevoli iniziative di Gerge Soros nell’ambito cosiddetto umanitario hanno avuto in realtà dei secondi fini di natura prettamente politica.
    La rete del magnate ungherese è comunque riuscita ad allargarsi a vista d’occhio nel tempo e l’Open Society, la sua mastodontica organizzazione, riesce ad avere un peso determinante nella società civile americana, grazie a un patrimonio stimato di oltre 1 miliardo e mezzo di dollari. Soldi che vengono chirurgicamente destinati al finanziamento di diverse attività di sensibilizzazione, soprattutto negli Stati Uniti. Dalla Open Society erano infatti arrivati i soldi per finanziare la logistica di tutte le manifestazioni anti Trump, pochi giorni dopo il suo insediamento alla Casa Bianca. Sempre dalla Open Society sono arrivati i soldi per sostenere l’ong Avaaz nella sua accanita campagna, tuttora in corso, per boicottare i Mondiali in Russia e denunciare i presunti crimini di guerra di Bashar al-Assad in Siria.
    L’applicazione per aiutare gli immigrati irregolari
    Ancora una volta dalla medesima organizzazione capeggiata da Soros arrivano i soldi per finanziare un’altra discutibile iniziativa. Riporta wallstreetitalia, confermato dal quotidiano americano lmtonline, come l’organizzazione americana United We Dream abbia da poco ideato un’applicazione per smartphone dalla dubbia utilità. Si tratta infatti di un sistema di comunicazione immediata che mette in contatto diverse persone per segnalare la presenza di polizia o situazioni che possano coinvolgerla.
    L’applicazione però non è per tutti, ma è destinata ad un pubblico specifico, ovvero gli immigrati irregolari negli States. In pratica se un immigrato senza documenti viene fermato dalla polizia quest’ultimo, schiacciando un semplice tasto sul telefono, può avvertire il gruppo di persone con cui condivide l’applicazione e cancellare in un secondo momento tutti i recapiti e dati personali di questa rete di irregolari. Questa nuova app sarà così distribuita ai 400.000 membri di quest’organizzazione americana che, dal 2010, riceve finanziamenti dall’Open Society di George Soros.
    Uno dei membri di United We Dream non ha avuto problemi nel rilasciare questa dichiarazione: “Mia madre non ha documenti, quindi voglio essere certo di essere preparato e sapere cosa fare se succede qualcosa”. Stravaganti affermazioni che fanno da eco alla stravagante i storia dell’organizzazione. United We Dream nasce infatti come progetto del National Immigration Law Center, un centro di advocacy americano che ha ricevuto nel tempo sussidi direttamente dal Governo degli Stati Uniti. Con nemmeno troppo sforzo si può quindi affermare che la United We Dream, con soldi governativi, finanzia attività che sono al limite della legalità (come la app che nasconde le identità di persone senza documenti). L’ennesimo paradosso di un’attività legata a George Soros che fa scendere ulteriori ombre sulla trasparenza della sua attività.
    "Segnala la presenza di agenti" La nuova app di Soros per i migranti - Gli occhi della guerra

    TRENTO: RICHIEDENTI ASILO GRATIS SU TRENI E BUS, PAGANO CONTRIBUENTI
    In Trentino sono state emesse oltre 2.100 le tessere per richiedenti asilo o protezione internazionale, di cui circa 1.500 attualmente valide. Significa che ci sono 1.500 finti profughi che viaggiano gratis sui mezzi a spese dei contribuenti. Solo nella provincia di Treno. Esclusi quelli che lo fanno senza tessera, ovviamente.
    I dati sono stati resi noti dall’assessore Gilmozzi in risposta ad un’interrogazione (5322) di Maurizio Fugatti, Lega.
    Le tessere gratuite sono rigorosamente nominative, munite di fotografia secondo incrocio anagrafico con documenti “validati” dalla Questura.
    La durata è di 6 mesi e, sono rinnovate solo su nota scritta di Cinformi circa la prosecuzione del progetto di accoglienza.
    Per quanto riguarda le aggressioni fisiche e vocali ai capitreno Gilmozzi ha spiegato che in via generale, nelle ultime settimane si è avuta una riduzione del fenomeno rispetto alla “punta” di agosto. Festeggiamo.
    https://voxnews.info/2018/04/07/tren...-contribuenti/

    SORPRESA: PROFUGHI PREFERISCONO ESSERE MANTENUTI CHE LAVORARE
    Nei Paesi Bassi il 90% dei rifugiati è disoccupato dopo 2 anni e mezzo nel paese, preferiscono l’assistenza sociale: essere mantenuti dai contribuenti piuttosto che lavorare. E parliamo dei profughi veri, quelli a cui viene riconosciuto l’Asilo, non quelli che in Italia ospitiamo in hotel e che sono africani in fuga dalla guerra in Siria.
    Mentre l’11% dei rifugiati lavora, la maggior parte di loro no. Il gruppo è composto principalmente da siriani ed eritrei: il 75% dei rifugiati proviene da uno di questi due paesi.
    Jan van de Beek, ricercatore olandese, ha detto a De Telegraaf che molti migranti non hanno un’educazione decente. Secondo Van de Beek, posti di lavoro particolarmente scarsamente qualificati non sono attraenti per i migranti perché i benefici che ricevono senza fare nulla sono talvolta altrettanto alti dei redditi di lavori poco qualificati.
    In Italia invece integrano con lo spaccio e la prostituzione.
    https://voxnews.info/2018/05/01/sorp...-che-lavorare/

    ESPOSTO ANTI-PROFUGHI: “DIVENTATI UN RIONE AFRICANO: COMPARSE BLATTE MAI VISTE PRIMA”
    «Alcuni turisti non sono più tornati, altri ci chiedono una stanza senza vista profughi, insomma lamentele continue. Il problema degli immigrati non riguarda solo Rimini Sud. A Viserba abbiamo un vero rione africano».
    Lo denunciano in un esposto i residenti del ‘quadrilatero profughi’, quello compreso tra lungomare Dati, e le vie Piacenza, Milano, Mazzini, Napoli e Comacchio. «Siamo alla vigilia dell’estate e rispetto a un anno fa non è cambiato niente – attacca Sergio Guidi, titolare dell’hotel Aurora –.
    A Viserba ci sono tre strutture ricettive, Corallo, Maxime e Tre Sirene, che accolgono richiedenti asilo, oltre un centinaio di persone in piena zona turistica. Ho clienti della dependance che mi hanno detto che torneranno solo se spariranno i profughi. Non per razzismo, ma per evitare situazioni imbarazzanti».
    Descritte con dovizia di particolari nelle otto pagine del documento. Che parla di «forte degrado e squallore del territorio: comparsa di immondizia profusa, balconi pieni di oggetti accatastati, abiti e vettovaglie, cataste di bici buttate, rifiuti lanciati dalle finestre in strada o nelle proprietà adiacenti, abiti laceri lanciati sui tetti vicini».
    Si lamenta «un progressivo senso di insicurezza e disagio, specie delle donne residenti: a ogni ora del giorno e della notte frotte di africani rivolgono alle passanti sole apprezzamenti volgari, ammiccamenti, inviti, commenti».
    «Molte vengono importunate quando escono a stendere la biancheria nei balconi». Si parla di «bivacchi quotidiani per strada di persone nullafacenti che schiamazzano tra loro o al telefonino». Si citano, con nomi e cognomi, casi di vicini dei profughi «costretti a tenere le finestre chiuse e l’aria condizionata accesa tutto il giorno».
    Si cita la «comparsa di blatte e altri insetti striscianti mai visti». «I residenti del rione africano pagano le tasse come tutti gli altri». Parlano di danno patrimoniale: «Chi comprerebbe i nostri immobili oggi?». Chiedono «un intervento rapido delle autorità competenti entro l’estate 2018», e chiedono la chiusura immediata delle attività citate con trasferimento dei profughi in strutture «più idonee allo scopo».
    https://voxnews.info/2018/04/30/espo...i-viste-prima/

    200 AFRICANI IMPEDISCONO ARRESTO CLANDESTINO, AGENTI COSTRETTI A RITIRARSI
    Circa 200 africani hanno assediato i poliziotti che stavano arrestando un immigrato clandestino destinato all’espulsione. E’ accaduto in Germania, con la forza la polizia, nel Baden-Württemberg!
    Con tre auto di pattuglia, la polizia ha tentato di prelevare un immigrato da espellere dal centro per rifugiati di Ellwangen. Obiettivo dell’azione: espulsione di un 23enne nella Repubblica Democratica del Congo. Casa Kyenge.
    Ma non è stato possibile. Quando i funzionari hanno tentato di prelevare il congolese, infatti, gli altri immigrati hanno circondato le auto della polizia e attaccato gli agenti. Un poliziotto ha descritto la situazione come segue: “Erano così aggressivi e ci minacciavano sempre più chiaramente che siamo stati costretti a liberare l’uomo (…) e ritirarci”.
    Gli africani hanno vandalizzato le macchine della polizia. Il supporto da parte di altre forze di polizia non era possibile, perché il loro arrivo avrebbe richiesto troppo tempo.
    Più tardi, un rappresentante degli immigrati è uscito dal centro e ha consegnato alla polizia un ultimatum!
    https://voxnews.info/2018/05/02/200-...i-a-ritirarsi/

    IL REDDITO DI CITTADINANZA SE LO PAPPANO TUTTO GLI IMMIGRATI
    Per capire che cosa accadrebbe se venisse messo in pratica il Reddito di Cittadinanza concepito dal M5s, che dovrebbero invece definire di Residenza, visto che non sarebbe limitato ai cittadini italiani, basta analizzare a chi vanno, oggi, sostegni simili.
    Ad esempio, il 45% di coloro che chiedono, e ottengono, il reddito di garanzia in Trentino è straniero. E’ questo quanto emerso da un’interrogazione presentata dall’allora Consigliere provinciale, ora Onorevole, Maurizio Fugatti della Lega. Nell’interrogazione veniva chiesto quanti stranieri comunitari, extracomunitari e italiani beneficiassero di tale trattamento.
    Il reddito di garanzia, come emerge dalla risposta inoltrata nella giornata di ieri, è stato abrogato dal 2018 e sostituito dall’Assegno Unico Provinciale, al contempo il 36,91% dei richiedenti è extracomunitario, il 7,35% comunitario e il restante 55,74% è italiano.
    Significa che l’8 per cento della popolazione, lo stesso che genera il 40% dei detenuti, si becca anche il 45% dei sostegni economici.
    Le risorse dedicate all’assegno unico a partire dal 2018 sono all’incirca di 75 milioni di euro, e mettono insieme tutte le risorse ad oggi dedicate al reddito di garanzia, all’assegno regionale al nucleo familiare, all’abbattimento delle tariffe degli asili nido e tagesmutter, all’assegno integrativo invalidi. Ad esse si aggiungono le risorse derivanti dalla mancata previsione dal 2018 della detrazione fiscale sull’addizionale regionale per i figli a carico che sono interamente dedicate ai nuclei con figli a carico. Complessivamente i nuclei ed i soggetti interessati alle varie quote sono un numero significativo: circa 7.000 per il sostegno al reddito, circa 32.000 per i figli, circa 3.000 per la l’accesso ai nidi d’infanzia e i disabili coinvolti circa 7.800, fatte salve naturalmente le sovrapposizioni di soggetti beneficiari che sono numerose.
    https://voxnews.info/2018/05/01/il-r...gli-immigrati/

    A PISTOIA GOVERNA LA LEGA: VIETATI I KEBAB NEL CENTRO STORICO
    A Pistoia il sindaco vieta i kebab in centro. Insieme a tutti gli altri locali che nulla hanno a che vedere con la tradizione italiana (fast-food) e che, per questo, non dovrebbero trovare ‘asilo’ in nessun centro storico. In realtà neanche in altre zone, ma sarebbe già molto così. Il provvedimento è la conseguenza del nuovo regolamento per il centro storico, approvato dal consiglio comunale del Comune toscano.
    Il documento, per la precisione, vieta attività come money transfer, internet point, sexy shop, fast food e kebab. Inoltre non è ammessa neanche l’installazione di nuove slot machine e le insegne devono essere scritte in italiano. Del resto siamo in Italia.
    L’intento del sindaco Alessandro Tomasi, è “salvaguardare le tradizioni e la specificità del centro storico”, perché i turisti che scelgono Pistoia come meta per una vacanza o una visita, non lo fanno per mangiare in un kebab o giocare alle slot machine. Sono banditi anche i minimarket, i distributori aperti 24 ore su 24 e i locali con una capienza maggiore delle 200 persone. Il provvedimento, non è retroattivo, ma riguarderà solo le nuove attività che vogliono aprire nel centro storico, alle quali verrà richiesto di presentare “un progetto compatibile negli arredi, nelle scritte con il contesto in cui apre, perché noi vogliamo salvaguardare la qualità del nostro centro storico”.
    Inoltre, saranno introdotte anche nuove norme di sicurezza, tra le quali il divieto di vendere bevande in bottiglie di vetro, durante la notte. L’intento, dichiarato dal sindaco, è quello di salvaguardare la tradizione italiana e la specificità del centro storico di Pistoia, soprattutto a seguito della nomina della città a Capitale italiana della cultura 2017.
    Per questo è necessario conservare l’architettura dei palazzi storici, perché i turisti cercano “un centro storico ben conservato e autentico e non un luogo trasformato interamente a vantaggio delle mode passeggere”.
    Ovviamente, il sindaco è della coalizione guidata dalla Lega.
    Un modo per ostacolare l’invasione in attesa di provvedimenti più drastici, possibili solo a livello nazionale, è quello di rendere vita impossibile alle attività di proprietà degli immigrati. Che non portano ricchezza, ma solo degrado.
    https://voxnews.info/2018/04/30/a-pi...entro-storico/

    MIN. DANESE IMMIGRAZIONE: “PROFUGHI CI PRENDONO IN GIRO”
    In un editoriale, Inger Støjberg, il ministro danese per l’immigrazione, afferma che un “numero significativo” di richiedenti asilo “tradisce, mente e abusa della fiducia del governo danese” per ricevere lo status di rifugiato politico. Ovvero finge di essere un profugo, come in Italia oltre il 90 per cento dei richiedenti.
    Un altro problema evidenziato da Stojberg è l’età dei cosiddetti minori tra i richiedenti asilo, molti dei quali sono uomini adulti che fingono di essere adolescenti con la complicità delle Ong e dei loro avvocati a cottimo.
    “Vediamo presunti giovani di età inferiore ai 18 anni che vengono a farsi mantenere”, ha detto, osservando che un minore non accompagnato costa più di 500.000 corone (60 mila euro, cifra simile a quella spesa in Italia) all’anno.
    “In effetti, due terzi dei rifugiati ammessi in Danimarca si sono rivelati più grandi dell’età che hanno dato quando sono arrivati”, ha aggiunto.
    Piccoli Minala non crescono.
    https://voxnews.info/2018/04/29/min-...ndono-in-giro/

    NEGOZI ASSEDIATI DA ABUSIVI: “INVASI DA MERCATINI CLANDESTINI”
    Dal giornale locale di Sanremo:
    “Buonasera direttore. Le scrivo queste poche righe per denunciare una situazione divenuta ormai insostenibile. Sabato, in pieno ponte del primo maggio, diverse strade di Sanremo invase dai venditori abusivi. Sono anni che dobbiamo convivere con questi mercatini clandestini a cielo aperto nel centro di una città turistica come Sanremo.
    “Siamo veramente disperati, noi che lavoriamo onestamente non ci sentiamo tutelati dalle istituzioni.
    I venditori si spostano solo pochi minuti quando passano gli agenti, per poi rimettersi indisturbati a vendere. Per quanto tempo dobbiamo sopportare ancora questa ingiustizia?
    Basterebbe manganellarli a dovere e rispedirli in Africa. Non abbiamo bisogno di venditori abusivi di cianfrusaglie.
    Ps. Manganellare anche chi compra. Ancora più forte.
    https://voxnews.info/2018/04/29/nego...i-clandestini/

    MELUZZI: ‘COMBATTERE INVASIONE DI NIGERIANI O CI SARANNO TANTE PAMELA’
    Il professor Alessandro Meluzzi è stato intervistato da Francesco Vergovich durante la trasmissione “Un giorno speciale”, su Radio Radio.
    Si sono aggiunte altre raccapriccianti rivelazioni, frasi frutto di conversazioni che sono state registrate dagli acquirenti, pronunciate dalle persone che sono state accusate e che adesso si trovano in carcere. Lei credo sia stato il primo a parlare di “Mafia Nigeriana”. Può riassumere la situazione?
    È triste e anche un po’ ridicolo dire che l’avevamo detto. Questa è una realtà che era facile intuire. Intanto per la pratica della Mafia Nigeriana, parliamo delle tecniche Voodoo. Il cannibalismo rituale nella cultura Voodoo che la Mafia Nigeriana pratica abitualmente non è l’eccezione ma è la regola. Anche per terrorizzare quelle povere ragazze minorenni, che sono costrette a fare le prostitute in Italia, anche nel traffico di organi, nel controllo dello spaccio al minuto, di droghe pesanti, di cui ormai la Mafia Nigeriana sta assumendo il pieno controllo in tutta Italia. Dunque tutto questo non mi stupisce affatto. E per quanto ho espresso, sono stato coperto di insulti, accusato di razzismo o di delirio. È tragico dirlo, ma fa parte di una cultura del nostro politically correct. Qui non si vuole vedere la realtà, neanche quando è davanti i nostri occhi. Questo è un feroce, terribile, traffico criminale che continua ad arrivare a flussi di 10 mila persone ogni settimana, e che per il 90% viene dalla Nigeria. Non c’è solo un problema di ordine pubblico, ma anche di sicurezza nazionale. E nessuno sembra occuparsene. Questo è ciò che più mi atterrisce.
    Se ci dice che una percentuale così alta di migranti che arrivano in Italia è composta da nigeriani, quanti di loro hanno queste abitudini disumane?
    Vi invito a fare un viaggio a Lagos o Benin City, città che io conosco. Vedrete che se vogliono rubare un orologio, non tenteranno di sfilarvelo, ma vi taglieranno direttamente il braccio con un machete. Lo stesso concetto di integrità fisica ha un significato radicalmente diverso da quello che noi abbiamo ereditato dalla nostra cultura. Noi stiamo importando la dinamite, senza sapere che forza abbia. Questo è il vero grande problema in nome di un buonismo e degli interessi, che si mescolano in modo vergognoso. Bisogna che qualcuno dica la verità. Il corpo di Pamela lo grida in maniera assolutamente inesorabile. L’hanno fatta passare per una morte di overdose, come se fosse una qualsiasi piccola tossica, per far dimenticare il problema.
    Come sono andate secondo lei le cose riguardo a Pamela?
    Ci sono anche delle indagini difensive in corso che io conosco, perché me ne ha parlato lo zio, che è anche avvocato della famiglia. C’è a Macerata una densità di criminalità altissima: controllo della prostituzione, dello spaccio, e l’abuso sessuale si mescolano continuamente. Quindi la povera ragazza è stata trascinata in quell’appartamento, è stata violentata, uccisa e il suo corpo è stato smembrato e probabilmente in parte anche cannibalizzato. E’ terribile ma non è così inconsueto in quegli ambienti.
    E allora potrebbero accadere altri crimini come quello di Pamela. E le intercettazioni in carcere dei tre parlano chiaro. Ce lo confermano. Per quale motivo, secondo lei, era stato detto anche che forse non c’entravano con l’omicidio?
    Ho celebrato la messa ortodossa di Pamela, in collegamento con lo zio e con la madre, e ho visto con grande vergogna che nessuno nella Chiesa Cattolica aveva fatto nulla a Macerata. Neppure celebrare una messa di suffragio di fronte a quel povero corpo ancora conservato in un frigorifero. Il vescovo locale aveva detto alla famiglia che quello “era un momento di silenzio”.
    È il momento di gridare allo scandalo per quello che sta accadendo in Italia. Tutti devono essere consapevoli. E nessuno sarà risparmiato se questo cancro dilagherà. A Macerata c’è una presenza clamorosa di Nigeriani. Anche per interessi economici. E’ difficile combattere questa battaglia ma è un problema drammaticamente urgente che dobbiamo risolvere.
    https://voxnews.info/2018/04/28/melu...-tante-pamela/

    SBARCANO CON FORME INFETTIVE MULTIRESISTENTI AGLI ANTIBIOTICI
    Dalla tubercolosi all’Aids, dalla scabbia alle peggiori malattie. Per fare chiarezza abbiamo intervistato la professoressa Silvia Angeletti, responsabile dell’Unità operativa di laboratorio del Campus Bio-medico di Roma.
    Professoressa i migranti portano malattie?
    “[…] abbiamo stretto una collaborazione con il centro ‘Cara’ di Castelnuovo di Porto che ci ha consentito di fare sorveglianza o microbiologica in gruppi di migranti. […] abbiamo messo sotto osservazione 48 migranti siriani che erano appena arrivati in Italia. […] in un caso abbiamo riscontrato un’infezione clinicamente manifesta da batterio multiresistente.
    Abbiamo anche svolto uno studio del genoma di questo batterio mettendolo a confronto con quello di altri batteri che abbiamo isolato sia nel nostro ospedale sia in altri paesi in cui il migrante si era spostato durante il suo viaggio. E’ emerso che l’infezione non era stata contratta né in Italia né nel paese di origine del migrante bensì in Grecia.
    Loro hanno messo sotto osservazione addirittura 48 immigrati, oltretutto siriani, e non quelli che davvero portano le malattie – gli africani – ma anche in questo universo di riferimento ristretto hanno individuato 1 immigrato con una forma multiresistente di infezione. Le forme multiresistenti sono pericolose perché non rispondono alle cure con normali antibiotici, molte non rispondono ad alcun antibiotico: quindi se si diffondono è una tragedia. E’ come tornare all’epoca pre-antibiotica.
    E 1 su 48 è un numero abnorme. Se valesse anche per gli italiani, significherebbe circa 1 milione e mezzo di infetti.
    https://voxnews.info/2018/05/03/sbar...i-antibiotici/

    ECCO COME HA CACCIATO IL PD: PRIMA DI LEI 75% CASE POPOLARI A IMMIGRATI, OGGI 82% A ITALIANI
    In soli due anni. La sindaca di Firenze prenda appunti
    Prima gli italiani nelle case popolari. Il sindaco leghista di Cascina, Susanna Ceccardi, visita a Porto Sant’Elpidio il candidato sindaco della Lega Giorgio Marcotulli. E spiega come si fa a vincere.
    “Sono stata eletta due anni fa in un comune che la sinistra aveva governato ininterrottamente per 70 anni e dove alle amministrative precedenti il sindaco che ho battuto aveva vinto con il 71% – Come ho fatto? Ho solo messo in atto ciò che la Lega fa nei territori dove governa. Ho dato priorità alla nostra gente nell’assegnare i servizi pubblici. Sulle case popolari abbiamo applicato un Decreto del Presidente della Repubblica del 2000 che impone una certificazione patrimoniale per i richiedenti. Abbiamo preteso tra i requisiti per l’assegnazione di alloggi popolari ed emergenze abitative tale certificazione, per i cittadini stranieri, da parte dei Paesi d’origine, non ci siamo accontentati di un’autocertificazione. Il risultato? Prima il 75% dell’edilizia pubblica andava agli extracomunitari, oggi l’82% va agli italiani. Detto, fatto”.
    Priorità assoluta alla sicurezza: “Non è una percezione, come la chiamano quelli di sinistra – continua Susanna Ceccardi – E’ un tema sentito e se la Lega ha ricevuto un consenso inimmaginabile è perchè ha saputo tradurre in programmi ciò che la gente chiede. A Cascina abbiamo applicato la sicurezza partecipata, con segnalazioni via whatsapp di ogni criticità. Abbiamo previsto la compartecipazione al 50% delle spese per chi viene accusato di eccesso di legittima difesa. Abbiamo dato gli spray al peperoncino alle donne che ne hanno fatto richiesta. Abbiamo chiesto e ottenuto dal Prefetto di entrare nel progeto Strade sicure, con un pattugliamento dinamico dell’Esercito nei quartieri. I reati sono calati del 25% in 4 mesi”.
    Il pugno duro che si sposa con Gandhi: “Nella nostra sede elettorale abbiamo scritto una famose frase di Gandhi: prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono, poi vinci. Auguro la stessa cosa a Marcotulli qui a Porto Sant’Elpidio. Con coraggio e perseveranza si abbattono roccaforti impensabili. Il 4 marzo nel nostro collegio ci davano 14 punti indietro alla sinistra, invece una nostra consigliera comunale è entrata in Senato battendo la ministra Fedeli. Non serve rifiutare i partiti, l’importante è ascoltare la gente. Coi partiti si vince ugualmente e si vince meglio”.
    “Grazie alla futura collega – le parole del candidato Marcotulli – Spero di essere io quello che, come ha fatto lei, espugnerà una roccaforte rossa dove chi governa sente di avere quasi il diritto divino di amministrare. Come ha fatto Susanna, anche noi daremo la priorità alla nostra gente e prenderemo spunto da chi ben governa, come il sindaco di Cascina, a partire dalle case popolari e dal presidio del territorio”.
    Mauro Lucentini elogia la Ceccardi: “Una persona che sta sul pezzo, parla di problemi reali ed è vicina alla gente. Un modello di buona amministrazione, tant’è che Civitanova ha appena adottato lo stesso tipo di regolamento di Cascina sulle case popolari. Qui a Porto Sant’Elpidio sono certo che andremo al ballottaggio. L’unico avversario è il sindaco uscente. Andremo al secondo turno, poi riscriveremo la storia. La Lega è stata compatta ed ha svolto un ruolo fondamentale per riuscire nell’unità del centrodestra”.
    Il consigliere Famiglini punta il ditto contro il famigerato Sprar, piano di colonizzazione voluto dal governo PD: “Un’accoglienza di 37 rifugiati senza un adeguato piano di sicurezza per sostenerlo. Dovremo rivedere questo progetto. Saremo in prima linea nella difesa del Made in Italy e nella lotta alla prostituzione”.
    https://voxnews.info/2018/05/05/ecco...82-a-italiani/

    ORBAN: “COSTRUIREMO UN PAESE SENZA IMMIGRATI”
    Il primo ministro ungherese ha annunciato un rafforzamento delle leggi contro l’immigrazione. Non vuole “consegnare il paese agli stranieri”, dice.
    Con un’ampia vittoria nelle elezioni legislative del mese scorso, il primo ministro Viktor Orban ha annunciato che il suo nuovo governo renderà la legge sull’immigrazione ungherese più restrittiva.
    Per il suo terzo mandato consecutivo Viktor Orban si trova con una maggioranza di due terzi in parlamento che gli permetterà di introdurre emendamenti alla Costituzione.
    “Stiamo costruendo una democrazia vecchio stile le cui radici affondano nelle tradizione europea”.
    “Difenderemo la cultura cristiana e non consegneremo il paese agli stranieri”, ha aggiunto, facendo eco ai temi della sua campagna elettorale.
    Viktor Orban aveva cercato di riformare la legge fondamentale ungherese nel 2016 attraverso la via parlamentare, ma aveva fallito perché non aveva la maggioranza qualificata necessaria.
    Il testo vietava l’insediamento di qualsiasi popolazione straniera non europea in Ungheria e l’applicazione di regole Ue che potrebbero mettere in discussione l’integrità territoriale del paese o la composizione etnica della popolazione.
    “Mi sento in dovere di attuare questo emendamento costituzionale” , ha detto Orban.
    Ha anche annunciato che intende adottare un testo sulle Ong, le organizzazioni non governative straniere, come quella del miliardario e speculatore George Soros, che accusa di interferire negli affari politici interni e promuovere l’immigrazione.
    “George Soros ha un esercito di ombre che lavorano in Ungheria. Vogliamo smascherarlo. Vogliamo dimostrare che la migrazione non è una questione di diritti umani ma una questione di sicurezza nazionale“, ha affermato.
    https://voxnews.info/2018/05/04/orba...nza-immigrati/

    LUI AFFITTA AI PROFUGHI, LEGA LO TASSA: ‘IMPOSTA SUL PROFUGO’
    «Si tratta di colpire chi sta lucrando su questo fenomeno. A cominciare dal proprietario dell’abitazione di via Italia dove arriveranno i sette cosiddetti profughi annunciati dal sindaco Poli, che per un piatto di lenticchie mette a disposizione una casa privata».
    Luciano Sinigaglia, segretario locale della Lega, si schiera contro il prossimo arrivo dei fncazzisti imposto dagli accordi tra prefettura e cooperativa Rinnovamento, che a sua volta aveva avuto la disponibilità dell’alloggio da un affarista locale. Collaborazionista.
    Invita il Comune a fare altrettanto: «Siccome a tutti gli effetti l’abitazione da casa privata viene utilizzata con una funzione identica a quella di un hotel, offrendo ristorazione e alloggio, le tasse comunali vanno adeguate in questo senso. Ci sono già diversi Comuni che hanno attuato questo provvedimento, tramite ordinanze. Risultato? Di migranti non ne hanno più ‘ricevuti’». Sinigaglia propone anche una tassa per ogni profugo, stavolta a carico della cooperativa. «Cinque euro a persona al giorno». La Lega spinese è in fase di mobilitazione per dire ‘no’ ai profughi, il cui arrivo è previsto entro maggio.
    https://voxnews.info/2018/05/01/lui-...a-sul-profugo/

    FUNERALE PAMELA, TRAINI MANDA FIORI: MAMMA PAMELA LI STRINGE A SÉ
    Un mazzo di fiori per Pamela. A mandarlo Luca Traini. Che proprio in seguito allo straziante omicidio di Pamela aveva sparato verso una folla di spacciatori africani, tra i quali il compagno di stanza di uno dei profughi arrestati.
    Traini del resto non aveva mai nascosto di aver compiuto il suo gesto perché la vicenda dell’uccisione della 18 enne l’aveva sconvolto. Ora ha deciso di mandare un mazzo di fiori come segno di partecipazione al funerale della ragazza che si svolgerà domani (5 maggio) a Roma. Una composizione caratterizzata da rose bianche e fiori dai petali rosa. Il mazzo è ornato da una fascia con scritto Traini Luca (Lupo).
    Fiori che la mamma di Pamela ha voluto portare con sé, in lacrime.
    Un centinaio di persone ha reso l’ultimo saluto alla ragazzina prima della partenza per la capitale per il funerale di domani: «Fate giustizia». Alla mamma hanno gridato: «Brava Alessandra». Lo zio Marco Valerio Verni: «Baciandoti un’ultima volta sulla fronte ho rinnovato la promessa che andrò fino in fondo».
    https://voxnews.info/2018/05/04/fune...-stringe-a-se/



    LODI, FONTANA STOPPA L’OSPEDALE ‘ISLAMICO’
    “L’Asst di Lodi non ha mai acquistato materiali di origine equina per il reparto di Chirurgia plastica. I presidi o i materiali da utilizzare per le cure offerte nelle nostre strutture ospedaliere sono e saranno sempre scelti esclusivamente sulla base della loro idoneità ed efficacia per il paziente e non per le inclinazioni culturali o religiose di quest’ultimo. Quello proposto dal primario di Chirurgia plastica dell’ospedale Maggiore di Lodi è solo un progetto che non è stato approvato dalla direzione generale dell’Asst, né lo sarà proprio per questo motivo”. Lo ha scritto in una nota l’assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera. in relazione al progettato trattamento ad hoc riservato nell’ospedale di Lodi alle pazienti di fede islamica:
    Lodi, l’ospedale: ‘Prassi pro-islam solo in un reparto’
    “Preciso, inoltre – ha continuato il titolare regionale della Sanità – come mi ha confermato il direttore di Presidio della struttura ospedaliera, che per il reparto di chirurgia plastica non è prevista alcuna riorganizzazione che preveda la presenza di solo personale femminile. Una proposta che non sarà mai possibile soddisfare anche perché la componente femminile del personale medico e infermieristico presente in organico non sarebbe neppure in grado di garantire la copertura dei turni”.
    “L’obiettivo della Regione Lombardia è quello di assicurare la migliore assistenza sanitaria a tutti i cittadini – ha concluso l’assessore – cercando di usare il massimo della sensibilità, scevra però di condizionamenti ideologici”.
    Resta da capire se la prassi proposta dal primario fosse già, come denunciato, applicata al suo reparto fuori dalle regole.
    https://voxnews.info/2018/05/05/lodi...-islamico-mai/

    ESPULSO MAROCCHINO: ADDESTRAVA BIMBI ISLAMICI A SGOZZARE COETANEI ITALIANI
    Un marocchino di 40 anni ritenuto pericoloso per la sicurezza nazionale è stato espulso su disposizione del prefetto di Foggia.
    Al quarantenne, non in regola sul territorio nazionale (clandestino in lingua corrente), è stato anche disposto il divieto di rientro in area Shengen per 10 anni.
    Per espellere un clandestino deve essere almeno un terrorista. Abbiamo un governo di *******.
    Non solo. Il marocchino, il cui nome era già emerso in indagini della Dda di Bari sul terrorismo islamico, è stato identificato presso l’aeroporto di Bologna, mentre si apprestava a lasciare il territorio nazionale: quindi si stava già espellendo da solo.
    Il 40enne era uno stretto collaboratore di Abdel Rahman, il 59enne egiziano presidente dell’associazione islamica di Foggia ‘Al Dawa’, in carcere da alcune settimane per terrorismo.
    L’immigrato è ritenuto pericoloso perché, stando agli accertamenti della Polizia barese, coordinati dalla Dda, collaborava agli incontri con bambini che Abfel Raham indottrinava al martirio e allo sgozzamento degli italiani.
    Inoltre, a completare il quadro di pericolosità del marocchino, le indagini avevano permesso di documentare i suoi collegamenti anche nel web con il terrorista ceceno Bombataliev Eli (tratto in arresto a Foggia il 5 luglio 2017 nell’ambito dell’operazione della DIGOS di Bari e Foggia denominata ‘Caucaso connection’ ed il 23 aprile di quest’anno condannato per i reati di associazione terroristica e istigazione a commettere attentati alla pena di 5 anni dal Tribunale di Bari), nonché con altri internauti affiliati all’ISIS sui cui profili Facebook erano state riscontrate svariate immagini di armi.“
    https://voxnews.info/2018/05/05/espu...italiani-foto/

    CASSAZIONE SVERGOGNA PD E MAGISTRATI ROSSI: «CLANDESTINITÀ È REATO, NO ASSOLUZIONE»
    Per una volta la Cassazione è dalla parte della Legge. E degli italiani.
    Il reato di clandestinità esiste e non conosce attenuanti che valgano l’assoluzione. Così l’ultimo grado di giudizio della legislazione italiana conferma quel reato di clandestinità – “ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato” – che il Pd voleva abrogare.
    Perché non si tratta di una «condotta occasionale», per cui non è possibile invocare la tenuità del fatto per evitare la condanna. Il reato di “immigrazione clandestina”, introdotto dal governo di Cdx nel 2009, scampato alla depenalizzazione due anni fa, non può essere aggirato – dice ora la Corte – attraverso un proscioglimento per «particolare tenuità del fatto».
    Non è possibile invocarla perché manca il requisito dell’«occasionalità della condotta», sottolinea la Prima sezione penale che in una serie di decisioni identiche ha accolto il ricorso della Procura generale di Milano contro alcune sentenze del Giudice di pace di Como che aveva prosciolto numerosi clandestini, di diversa nazionalità, privi di permesso di soggiorno nella zona di Ponte Chiasso, a Como.
    Il reato è stato oggetto di dure critiche da parte dei pubblici ministeri sinistardi e dall’ex presidente della Cassazione Giovanni Canzio, che nella sua relazione all’anno giudiziario nel 2016, quando si discuteva la depenalizzazione, poi naufragata, lo definì un reato «inutile e dannoso».
    Nei casi arrivati ora in Cassazione, il Giudice di pace di Como aveva accolto la richiesta della difesa di proscioglimento per la tenuità del fatto, dando per buono il fatto che i clandestini, incensurati, fossero in transito verso la Svizzera. Invece, per la Cassazione, il giudice ha decretato l’occasionalità della condotta «senza aver illustrato alcuna situazione di fatto che autorizzasse l’affermazione circa il mero transito degli imputati dal territorio italiano verso la Svizzera e non viceversa», né «consentisse di ritenere di contenuta durata la loro permanenza». La non punibilità per tenuità del fatto, spiega la Cassazione, è possibile quando si realizzano tre condizioni: «esiguità del danno o del pericolo», «occasionalità della condotta» e «modesto grado di colpevolezza». Nel caso dei migranti irregolari, la condotta non è «per nulla occasionale», spiega il collegio, che ha rinviato al giudice di pace.
    https://voxnews.info/2018/05/04/cass...o-assoluzione/

    SALVINI CONTRO EUROTASSA “PER MANTENERE GLI IMMIGRATI”
    Salvini contro l’ultima proposta avanzata da Bruxelles: tagliare due miliardi agli agricoltori e ai Comuni italiani “per finanziare -si legge inoltre in un post su Facebook- con 10 miliardi in più le politiche a favore dell’immigrazione”.
    “Qualcuno -sottolinea il candidato premier del centrodestra- vuole che nasca l’ennesimo governo servo di Bruxelles, io voglio guidare un governo che cominci a dire No alle Eurofollie e metta al primo posto l’interesse dell’Italia”.
    https://voxnews.info/2018/05/03/salv...gli-immigrati/

    SALVINI: “PER GENTILONI ABBIAMO BISOGNO DI IMMIGRATI? CHIAMATE UN MEDICO…”
    Il marchese Paolo Gentiloni ieri, nel suo intervento al Palazzo Ducale di Genova per un bizzarro Festival di Limes sulla questione immigrati: “Per la demografia noi abbiamo bisogno di migranti nel nostro Paese. E’ inutile far finta che non sia così, ne abbiamo bisogno a condizione che sia fatto in modo sicuro, organizzato, che non susciti problemi in Italia e senza morti nel Mediterraneo”.
    Urge un TSO. L’Italia è un paese sovrappopolato, a differenza del cervello del marchese.
    Matteo Salvini ha risposto su Twitter riprendendo un passaggio del discorso del presidente del Consiglio ha commentato: “Chiamate un medico!”.
    Matteo Salvini

    @Matteosalvinimi
    Chiamate un medico! Gentiloni: "L'Italia ora ha bisogno dell'arrivo dei migranti"
    Gentiloni: "L'Italia ora ha bisogno dell'arrivo dei migranti"
    Il premier: "Abbiamo bisogno di migranti nel Nostro paese, a condizione che il flusso sia sicuro, organizzato e non porti a morti nel Mediterraneo"
    “L’estate è tempo di sbarchi. Io voglio che nasca un governo solo se c’è il preciso impegno a rimandarli a casa loro perchè sono troppi”, ha affermato il leader leghista.
    Risponde anche il senatore Lucio Malan, insieme a Gasparri uno dei migliori di FI: “Noi di Forza Italia, pur sapendo che il momento è difficile e dunque gravoso guidare il paese, siamo pronti, insieme a tutto il centrodestra a lavorare per affrontare i problemi concreti degli italiani: lavoro, sicurezza, immigrazione, difesa degli interessi dell’Italia in Europa e nel mondo”.
    https://voxnews.info/2018/05/05/salv...ate-un-medico/

    SALVINI: GOVERNO SOLO CON IMPEGNO A CACCIARE CLANDESTINI
    “Andiamo incontro all’estate, che è tempo di sbarchi. Voglio che nasca un governo solo se c’è il preciso impegno di rimandarli a casa loro”. Lo ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, a margine di un comizio a Cinisello Balsamo.
    Se i 5 stelle non accolgono la proposta di governo a tempo, aggiunge Salvini, “allora rimane solo il voto. Di più non posso fare, non posso fare miracoli. Spero che tutti ci stiano”, escluso il Pd, “perché piuttosto che avere un governo telecomandato da Bruxelles che per due anni ci massacri, penso che ai 5 stelle convenga un governo amico degli italiani, non nemico”. Parlando con i giornalisti al termine di un comizio a sostegno del candidato sindaco di Cinisello Balsamo, nel Milanese, Salvini ha poi aggiunto: “Se il centrodestra è compatto, e se anche anche i grillini invece che insultare si siedono e hanno voglia di discutere, io penso che faremo un buon lavoro per gli italiani. Poi si torna al voto e chi prende un voto in più governa tranquillo per 5 anni”.
    https://voxnews.info/2018/05/04/salv...e-clandestini/

    RETATA IN CENTRO PROFUGHI CARITAS, TROVATI DROGA E SPACCIATORI
    I carabinieri hanno passato al setaccio la struttura gestita dalla Caritas in località Trivento.
    Nel mirino è finito Wahab Musa, appena 19 anni, di nazionalità nigeriana, ritenuto il principale responsabile dell’attività di spaccio con base nel residence.
    È lui uno dei profughi che appaiono nella foto insieme ad un altro connazionale circondato da droga, soldi e bottiglie di spumante.
    Quando i carabinieri hanno bussato alla sua stanza ha tentato di disfarsi dello stupefacente: una parte l’ha gettata dalla finestra, l’altra l’ha nascosta in uno zainetto all’interno di un armadio. Uno zaino spesso svuotato dalle vendite, poi ricaricato nei fine settimana. L’odore però non è sfuggito al fiuto dei cani antidroga che all’interno di quella stanzetta sembravano impazzire.
    Oltre venti militari insieme ai cani antidroga hanno perquisito la struttura gestita dalla Caritas. All’appello però manca ancora l’altro nigeriano che compare nella foto con il 19enne. I carabinieri l’hanno cercato dappertutto ma non l’hanno trovato.
    https://voxnews.info/2018/05/01/reta...cciatori-foto/



    BERGOGLIO ESCE DI CASA, BARRIERE PER PROTEGGERLO
    Tre aree concentriche di sicurezza, varchi, transenne, divieto di manifestazioni e al trasporto merci con furgoni. Pronto il piano di sicurezza messo a punto dalla Questura per la visita di Bergoglio di domani a Tor Vergata dove incontrerà i fedeli in occasione dei 50 anni del Cammino Neocatecumenale “Te Deum”.
    Il dispositivo di sicurezza scatterà già oggi. Prevista una zona di ‘massima sicurezza’, attiva stasera alle 19, che comprende l’area verde di piazzale Giovanni Paolo II, dove domani alle 11 si terrà un incontro tra l’attuale papa e migliaia di fedeli provenienti da tutto il mondo.
    Previsti tre varchi d’accesso. Ci saranno anche una ‘Blue Zone’, a ridosso della zona di massima sicurezza e una ‘Green Zone’ più ad ampio raggio.
    Perché i muri non vanno bene per gli altri, ma vanno bene per lui.
    https://voxnews.info/2018/05/04/berg...r-proteggerlo/


  4. #294
    Forumista senior
    Data Registrazione
    15 Dec 2011
    Messaggi
    2,012
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Rif: Le delizie della società multietnica

    PRATO, IL COMUNE COMUNICA IN CINESE: DIS-INTEGRAZIONE TARGATA PD
    Le istituzioni pratesi mostrano ancora di più la cinesizzazione della città, lo fanno comunicando in mandarino sui social. E’ infatti attivo da oggi il profilo ‘WeChat’ ufficiale del Comune di Prato, primo ente in Italia ad attivare un canale sul social network maggiormente diffuso tra i cinesi. Un altro segno di dis-integrazione.
    WeChat è un’applicazione multifunzione – in tutto simile a Whatsup – che funziona su tutti i modelli di smartphone. Verrà utilizzata per la diffusione di informazioni di pubblica utilità come servizi pubblici, iscrizioni a scuola, eventi culturali, allerta meteo e per altre notizie utili per chi vive a Prato. Perché si sa, non sono loro che devono imparare l’italiano, siamo noi che dobbiamo parlare cinese: questo è il PD, che governa a Prato. Che nei decenni ha trasformato Prato nella piattaforma italiana del falso e dell’illegalità cinese.
    WeChat è l’applicazione di messaggistica più usata in Cina (censurata a dovere dal Partito Comunista Cinese) con 980 milioni di utenti attivi. A Prato circa il 10% dei cittadini – i cinesi – utilizzano WeChat.
    Chi vota PD è un collaborazionista.
    https://voxnews.info/2018/05/09/prat...ne-targata-pd/

    «PADOVA, 20 PROFUGHI ASSUNTI AL CIMITERO AL POSTO DI DISOCCUPATI ITALIANI»
    «Siamo profondamente indignati. Ci sono italiani che hanno bisogno e vengono ignorati». Così la consigliera padovana Eleonora Mosco, CDX, protesta contro l’assunzione da parte del PD di 20 richiedenti asilo come addetti alla custodia e alla manutenzione del cimitero cittadino.
    «Questa amministrazione ha fatto tagli importanti alle politiche attive del lavoro passando da 450 mila euro a 274 mila euro – continua Mosco -. E nel rendiconto di gestione ci sono 51 mila euro che non sono stati spesi e che si perderanno, mentre avrebbero potuto essere destinati ai bandi che Bitonci aveva dedicato ai lavoratori padovani (…) questa amministrazione non garantisce uguali opportunità a tutti. Siamo di fronte ad una discriminazione sociale al contrario».
    L’assessore alle politiche cimiteriali Francesca Benciolini risponde: «i richiedenti asilo sono un progetto diverso che non prevede nessuna spesa per il Comune. È un protocollo che il Comune ha firmato con Prefettura, Confcooperative e sindacati, che si aggiunge ai lavoratori socialmente utili, ai nostri operai, agli appalti esterni e lo fanno come volontari, senza guadagnare».
    Volontari? Una cagata pazzesca. Innanzitutto vengono mantenuti e ricevono anche una paghetta. Inoltre, provi a negare, l’assessore, che ricevono i contributi e sono assicurati. E sono lavori che potevano fare disoccupati italiani.
    https://voxnews.info/2018/05/09/pado...pati-italiani/

    RAZZISMO: CLIENTI DISCRIMINATI SI ERANO INVENTATI TUTTO
    Il tribunale di Modena, su richiesta della procura, ha archiviato l’indagine nei confronti di tre organizzatori di serate, tra i 24 e i 37 anni, per due falsi episodi di discriminazione razziale denunciati da altrettanti clienti di colore (noi diremmo negri) in una discoteca di Baggiovara.
    Secondo quanto riferivano i colorati, nelle serate del 6 e 13 gennaio 2017, la discoteca aveva predisposto un’apposita fila di ingresso per gli stranieri con un prezzo maggiorato di 25 euro (senza consumazione) a fronte del costo dell’ingresso di 12, consumazione compresa. Nella denuncia dicevano di avere ricevuto una ‘spiegazione’ nel corso delle serate: “E’ la regola, in questa fila si paga 25 euro ed è riservata agli extracomunitari”. Gli organizzatori erano finiti indagati, ma una memoria difensiva, accolta dalla Procura, ha sottolineato che la fila da 25 euro non era stata creata per questioni razziali, ma per i nati dal 1998 in giù, per chi non vestiva in modo adeguato e per i ‘non graditi’ per problemi in passato.
    E come ha detto Traini, non è colpa degli organizzatori se tutti i “non graditi per problemi creati in passato” erano di colore.
    https://voxnews.info/2018/05/10/razz...ventati-tutto/

    VERONA: I GAY INCONTRERANNO I PROFUGHI ALL’UNIVERSITÀ
    Lega, Popolo della Famiglia e Forza Nuova, contro la giornata “profughi e sesso” organizzata per il prossimo 25 maggio in università a Verona dalla solita associazione finanziata da Soros, la famigerata Asgi.
    E Forza Nuova promette una mobilitazione davanti all’università proprio per il 25 maggio: “L’incontro gay-profughi è un affronto alla città di Verona e va vietato; o ci pensa qualcuno o lo impediremo noi”, ha dichiarato il coordinatore per il Nord Italia di FN Luca Castellini.
    E il nuovo coordinatore provinciale Pietro Amedeo aggiunge: “Siamo di fronte ad una vera e propria dittatura strisciante che il 25 maggio vorrebbe unire le invettive ideologiche antinaturali e antinazionali attraverso l’incontro omosex-rifugiato, con la complicità del silenzio di chi dovrebbe intervenire, se non per personale convinzione, almeno dopo le promesse elettorali fatte, tanto più quando è un istituzione come quella universitaria ad ospitare una ideologia che miete sempre più vittime, soprattutto tra i giovani e soprattutto nell’epoca adolescenziale quando si è alla ricerca di affermare la propria identità sessuale ed etnica, e dove è quindi facile essere fuorviati”.
    Gli organizzatori: “Né il Popolo della Famiglia, né la Lega o Forza Nuova riusciranno a fermare le migrazioni, e forse è ora che se ne facciano una ragione”. Ma anche no.
    https://voxnews.info/2018/05/11/vero...alluniversita/

    STUPRANO RAGAZZINA, POLIZIA SVEDESE RIFIUTA DI DIFFONDERE IDENTIKIT
    La polizia svedese cerca tre uomini che hanno violentato una ragazina minorenne mentre tornava a casa da scuola. Ma non vuole pubblicare le loro descrizioni. Non solo le foto, ma nemmeno le descrizioni.
    La minore è stata aggredita nei dintorni di un cimitero alle 3 del pomeriggio a Östervåla, una località con una popolazione di appena 1.600 abitanti nei pressi di Uppsala.
    Il rapporto dell’emittente pubblica indica che “almeno” uno degli uomini l’ha violentata, e l’investigatore della polizia Daniel Nilsson ha confermato che le autorità “hanno un quadro chiaro di ciò che è accaduto e non c’è dubbio che il crimine è avvenuto all’interno del cimitero “.
    Nilsson ha anche confermato che la polizia ha una “buona descrizione” degli aggressori, ma dice che non divulgherà questa descrizione ai media.
    Non è una novità. Il governo svedese si rifiuta di rivelare qualsiasi informazione sul numero di crimini commessi dagli immigrati.
    https://voxnews.info/2018/05/09/stup...ere-identikit/

    L’OMICIDIO “RAZZISTA” DEL SENEGALESE? SONO STATI 2 ALBANESI
    Ci sono due indagati per l’omicidio del 27enne senegalese freddato a Rimini con due colpi di pistola la notte fra il 17 e il 18 aprile che aveva scatenato i pianti degli antirazzisti in tenuta permanente di combattimento.
    Si tratta di due albanesi, Genard Dulaj, 28 anni, e Artmir Mehmetllanaj di 22, gli stessi che sono indagati anche per una vicenda di spari a vuoto nella vicina Santarcangelo, la notte del 31 marzo. È un passo avanti decisivo nell’indagine per l’omicidio della Camminata degli artisti, dove è stato ucciso con due colpi di pistola Makha Niang. La Procura ha notificato ai due gli avvisi di garanzia per accertamenti tecnici d’ufficio, ipotizzando il reato di concorso morale o materiale in omicidio.
    I due indagati sono in carcere dalla sera del 18 aprile, arrestati dai carabinieri di Rimini che stavano indagando sugli spari. La sera dell’omicidio vennero fermati dai carabinieri nella zona. Sono indagati anche per danneggiamento, ricettazione di una pistola 357 Magnum e per esplosione pericolosa.
    Regolamento tra bande. La società multietnica.
    https://voxnews.info/2018/05/08/lomi...ti-2-albanesi/

    PUGNO DURO DI TRUMP: CLANDESTINI NON POTRANNO PIÙ UTILIZZARE FIGLI COME SCUDI UMANI
    Continua la battaglia di Donald Trump contro l’immigrazione clandestina. Il presidente ha annunciato che i clandestini non potranno più usare i figli come ‘scudi umani’ per entrare negli Usa. Così, in futuro, non basterà portarsi dietro un bambino per violare impunemente confini e legge, chi verrà trovato senza documenti verrà rinchiuso in centri di detenzione.
    “Se fate entrare illegalmente un bambino sarete incriminati e il bambino sarà allontanato, come prevede la legge – ha dichiarato il ministro della Giustizia, Jeff Sessions in una conferenza stampa in Arizona – se non vi piace, allora non fate entrare i bambini“. L’obiettivo è evidente.
    Se attraversate questo confine in modo illegale allora sarete incriminati. È semplice”, ha affermato Sessions rivolgendo un monito a tutti i clandestini ma in particolare alla famigerata ‘carovana’ da mesi in marcia verso la frontiera.
    “Dallo scorso ottobre già 700 bambini sono stati separati dai genitori”, ha reso noto il dipartimento per la Sicurezza Interna sottolineando che questa misura è scattata quando gli agenti di confine non erano sicuri che gli adulti con cui i minori viaggiavano fossero effettivamente i loro genitori. I minori sono stati affidati ai servizi sociali che hanno contattato eventuali parenti residenti negli Stati Uniti o li hanno trasferiti in strutture gestite da organizzazioni private. Perché spesso, come accaduto con i Siriani in Europa, i clandestini ‘raccattano’ bambini durante il viaggio.
    https://voxnews.info/2018/05/08/pugn...e-scudi-umani/

    MASSACRATI DA IMMIGRATI: “SIAMO A RISCHIO BANLIEUE, SERVONO MISURE DRASTICHE”
    I deputati della Lega Roberto Paolo Ferrari (Lecco), Giulio Centemero (Lecco) e Massimiliano Capitanio (Monza e Brianza) hanno presentato oggi alla Camera una interrogazione a risposta scritta sull’ennesimo episodio di violenza avvenuto su un treno di linea. All’indomani del pestaggio di un poliziotto della Questura di Lecco all’altezza della stazione di Arcore, i parlamentari leghisti si rivolgono al ministro delle Infrastrutture e al ministro dell’Interno.
    “Se non si interviene drasticamente rischiamo che i nostri convogli e le nostre stazioni si trasformino in banlieue, dove molti si sentiranno liberi non solo di circolare senza biglietto ma addirittura di reagire con violenza ai controlli delle Forze dell’ordine. La Lombardia sta già facendo tanto – spiegano i deputati – ma evidentemente non può essere lasciata sola. Al di là di valutare la presenza di militari sui convogli, il Governo si impegni a trasferire ulteriori risorse per garantire ai pendolari e ai dipendenti delle ferrovie la massima sicurezza. E’ evidente che certi individui, come quelli arrestati ad Arcore, non dovrebbero nemmeno salire sui nostri treni. E per loro chiediamo provvedimenti esemplari. Esprimiamo vicinanza e solidarietà all’agente di Polizia e alla Questura di Lecco”.
    L’unico modo di evitare le banlieu è evitare che ci siano immigrati. Quindi bloccare l’immigrazione: anche e soprattutto quella regolare attraverso i famigerati ricongiungimenti familiari. Ed è urgente anche restringere la legge sulla Cittadinanza: l’ideale sarebbe il ritorno allo Ius Sanguinis integrale.
    https://voxnews.info/2018/05/09/mass...ure-drastiche/

    BOMBA FINTI PROFUGHI, MIGLIAIA SARANNO CLANDESTINI, CARITAS: “REGOLARIZZARLI TUTTI”
    In Trentino, come nel resto d’Italia, sta per scoppiare la bomba: decine di migliaia di finti profughi si vedranno dopo anni in hotel negare lo status di rifugiato. Cosa già ovvia fin da quando sono andati a prenderli in Libia, visto che la Siria non è in Africa e loro arrivano tutti da Nigeria, Senegal et similia. Ma servivano a regalare soldi alle coop del Pd e del Vaticano.
    Centinaia di richiedenti asilo ospitati in Alto Adige si vedranno rifiutare la richiesta di protezione internazionale. La stima è di circa 800 persone con diniego sulle 1.626 presenti. A quel punto saranno «invisibili»: senza documenti, fuori dai centri di accoglienza, che non li potranno più assistere. In base alla legge dovranno essere espulsi.
    In assenza di risposte, il presidente provinciale Arno Kompatscher ha chiesto di discuterne giovedì a Roma durante la seduta della Conferenza delle Regioni. Il sindaco Renzo Caramaschi ha chiesto la convocazione di un vertice al Commissariato del governo. Tutti i protagonisti parlano di una «bomba a orologeria». Divergono le soluzioni proposte. Mentre Kompatscher e Caramaschi ritengono inevitabili le procedure di rimpatrio, la Caritas, attraverso il direttore Paolo Valente, spingono per «una riforma di tutto il sistema, prevedendo forme di protezione umanitaria per chi non ha ricevuto lo status di rifugiato e ha dimostrato di essere in grado di integrarsi».
    Questi finti preti sono parassiti. Esigono carne fresca. E nonostante questi finti profughi pestino a sangue agenti sui treni, spaccino e violentino ragazzine, vogliono regolarizzarli anche se clandestini: perché questo sono e lo si sapeva dall’inizio.
    Caramaschi si schiera con Kompatscher: «È gravissimo che a livello statale non si sia ancora deciso come affrontare questa bomba a orologeria. Quando tra qualche mese ci saranno decine e decine di richiedenti asilo con domanda respinta, i Comuni non potranno affittare aerei o navi per riportarli a casa, ma saremo noi sindaci a dovere gestire la presenza di queste persone senza documenti sulla strada, a quel punto facile preda della criminalità. Bene ha fatto Kompatscher a chiedere a Roma di rimboccarsi le maniche, siamo già terribilmente in ritardo». Il tema verrà affrontato oggi in giunta comunale. Così Caramaschi: «Alcuni immigrati con diniego ci sono già e li ospitiamo nella struttura per l’emergenza freddo ai Piani. Fanno parte del gruppo di 110 persone per le quali abbiamo deciso di prorogare l’apertura fino alla fine di maggio, con i costi che ciò comporta, tra l’altro. Dopo maggio cosa dobbiamo fare? Ne parleremo in giunta e ho chiesto un vertice su questo tema in Commissariato del governo. Con la struttura chiusa queste persone andranno in altre città o staranno sotto i ponti? Non è una decisione che possiamo prendere da soli. È materia dello Stato. Per i rimpatri servirà molto tempo, ma se non iniziano nemmeno….».
    La Caritas: «Da due anni la Caritas pone il tema della gestione dei dinieghi in ogni incontro provinciale, nazionale ed europeo. Nessuna risposta. Sui numeri non sono pessimista, credo che difficilmente in Alto Adige si fermeranno 800 persone. Molti si sposteranno. Ma dove? Dove verranno assoldati dalla criminalità e dal lavoro nero. Non è pensabile che a livello statale non si affronti una simile emergenza, che per noi è anche umanitaria. Non credo che i rimpatri forzati siano la soluzione, spingiamo per la regolarizzazione mirata».
    Noi, invece, spingiamo perché voi vi leviate dai cosiddetti insieme ai vostri ospiti. Tanto si sa, come disse quell’attore: avete le chiappe chiacchierate.
    https://voxnews.info/2018/05/08/bomb...izzarli-tutti/

    LONDRA, AMNESTY CHIEDE DI CANCELLARE DATABASE CRIMINALI PERCHÉ SONO TUTTI NERI
    Siamo alla follia. Il politicamente corretto genera mostri, e mette a rischio la sicurezza.
    L’ultimo caso è tragicomico. Amnesty International ha chiesto al governo britannico “di rivedere urgentemente” la Gangs Matrix della polizia metropolitana di Londra e di avviare un’inchiesta pubblica dopo aver scoperto che gli uomini di colore costituivano il 78% delle 3.500 persone registrate nel database.
    Avete letto bene: quei fanatici di Amnesty vogliono cancellare il database dei criminali di Londra, perché sono quasi tutti neri. Siamo al completo rovesciamento del pensiero razionale: non è vera la realtà, ma ciò che si immagina.
    Secondo Amnesty, il database – essenzialmente una lista di criminali – infrange la legge sui diritti umani perché i sospetti prevalentemente neri.
    “C’è un grosso problema con la violenza del crimine di coltello in questo momento a Londra, ma la Gangs Matrix non è la risposta”, ha detto la direttrice della ONG Kate Allen, affermando che la lista è “parte di un focus inutile e razzializzato su il concetto di gang.”
    Praticamente tutti gli accoltellamenti di Londra sono commessi da gang di neri, il resto da pakistani e altre etnie ‘asiatiche’. Invece di affrontare il problema, vogliono nasconderlo sotto la sabbia. Come le teste che non hanno.
    “Il sindaco di Londra deve smantellare Matrix a meno che non riesca a farlo fuzionare in linea con gli standard internazionali sui diritti umani”, ha concluso l’Ong.
    Il che, tradotto, significa sbianchettare i criminali.
    In realtà il sindaco di Londra, il pakistano Khan, non ha poteri in questo senso. Li avesse avuto, avrebbe già smantellato tutto.
    https://voxnews.info/2018/05/12/lond...no-tutti-neri/

    RISCHIA LA PELLE PER BLOCCARE CLANDESTINO, MAGISTRATO LO LIBERA
    “Scrivetelo! La prossima volta perché dovrei andare ancora a rischiare la pelle?”.
    “Ero in macchina con la mia fidanzata, sono sceso per consentirle di cercare parcheggio mentre mi occupavo di una faccenda di lavoro. Ed è lì che la mia fidanzata ha assistito alla scena: c’erano tre extracomunitari e uno di loro è andato a borseggiare un medico rubandogli il tablet dallo zainetto. Allora lei ha iniziato a suonare il clacson per richiamare l’attenzione”.
    “Ho riconosciuto il ladro, mesi fa aveva tentato di entrare a casa mia ma l’avevo messo in fuga: e gli sono corso dietro...”.
    Il ladro è un clandestino tunisino, 34 anni, come tanti sarà sbarcato a Lampedusa dopo la svuotacerceri tunisina e da lì traghettato in Sicilia e poi caricato su un treno verso nord. L’immigrati ha una sfilza di precedenti per reati contro il patrimonio: “A un certo punto si è arrampicato sulla cancellata di una casa e io mi sono attaccato alle sue gambe: è lì che per liberarsi di me mi ha scalciato con violenza più volte ed è riuscito a gettarmi a terra”.
    Sono fasi concitate: l’inseguitore, un ragazzo di 31 anni, non molla. Il tunisino alla fine scivola e precipita dalla cancellata, un volo di due metri e mezzo. Intanto sopraggiunge una Volante del Commissariato di polizia di Monza. E arresta il nordafricano: già sottoposto al demenziale obbligo di firma per precedenti reati.
    “Il magistrato non ha convalidato il suo arresto, se l’è cavata con una denuncia a piede libero“. Per rapina impropria. “E quindi è ancora libero di circolare e delinquere. Tutte le volte che passiamo da piazza Cambiaghi la mia fidanzata è terrorizzata: i tanti balordi che bivaccano lì sono aggressivi, maleducati, fanno pipì davanti a tutti, ti insultano se li guardi. Non ce l’ho con i clochard, anzi tutte le sere passo di lì a portare qualcosa da mangiare a uno di loro… ma sono gli altri il problema, come quelli che hanno rubato il tablet l’altro giorno e mi hanno preso a calci”.
    Nemmeno l’hanno espulso. Stato di merda. Urge un governo populista.
    https://voxnews.info/2018/05/09/risc...ato-lo-libera/

    L’ESPERTO DI TERRORISMO GELA I BUONISTI: “CON IUS SOLI PIÙ ATTENTATI IN ITALIA”
    L’esperto di spionaggio e antiterrorismo si chiama Paolo Salvatori. Ha rilasciato un’intervista a Il Venerdì di Repubblica presentando un suo libro sul mondo delle spie. E ha svelato un aspetto che le persone normali vedranno come scontato, ma che sconvolgerà il carrozzone buonista favorevole allo ius soli per i figli degli immigrati.
    “Con lo Ius soli non si può espellere il terrorista”
    Al giornalista che gli pone la domanda delle domande: come mai finora non abbiamo subito attentati?
    Salvatori, che ha avuto un ruolo strategico nel controspionaggio italiano, risponde con candore: «La polizia risponderebbe: perché abbiamo pochi musulmani con cittadinanza italiana, quindi appena individuiamo un soggetto pericoloso possiamo espellerlo, e questo impedisce la formazione di cellule di ispirazione jihadista».
    Punto. Partita. E a casa.
    Tanto che il giornalista di Repubblica non la prende molto bene e la risposta è particolarmente indignata: «I musulmani italiani – dice l’intervistatore che in teoria dovrebbe essere neutro – e probabilmente non solo loro, non apprezzeranno questa risposta…».
    La replica di Salvatori tradisce una sorta di sudditanza culturale: «La jihad si sta de-globalizzando: c’è una jihad belga, una francese, e così via. Per questo, se dal punto vista politico lo ius soli può essere considerato un doveroso atto di civiltà, dal punto di vista tecnico si rivelerebbe un problema».
    Non c’è civiltà a farselo mettere dove non si dice.
    https://voxnews.info/2018/05/08/lesp...ati-in-italia/

    TORINO: FAMIGLIA CON 3 BIMBI DORME IN AUTO, APPENDINO DÀ CASE A IMMIGRATI
    Il licenziamento e poi lo sfratto dalla casa di Borgo Vittoria, un quartiere di Torino.
    Così, Alessandro R., 39 anni, di Torino, finisce con la famiglia a vivere in un’auto.
    «Ho sempre lavorato – racconta Alessandro al Corriere della Sera -, persino quando tirare a fine mese significava raccattare i soldi per coprire le spese (l’affitto, le bollette, il supermercato) e nient’altro». Alessandro ha lavorato come corriere, magazziniere, addetto al volantinaggio. «Dopo pochi mesi venivo rimpiazzato e la favola finiva. Poi è successo che una delle ditte che mi aveva assunto da un giorno all’altro è fallita e mi ha lasciato a casa con mesi di stipendio arretrati».
    Al suo grido di aiuto si unisce quello della compagna Alessandra, 31 anni, e quello dei loro tre bambini: 4 e 2 anni e il fratellino di 5 mesi. Una famiglia che da diversi giorni vive in condizioni precarie e senza l’ombra di certezze. «L’unica cosa che vorremmo – raccontano – è una casa. Continuiamo a spargere curriculum, ma nessuno ci considera. Le stiamo provando tutte, ma qui, sotto la pioggia, rischiamo di doverci arrendere». Le persone durante il giorno passano dalla “casa” di Alessandro e lasciano quello che possono: monetine, alimenti, parole di conforto e spinte ad andare avanti. «Ci aiutano a non arrenderci, con quella dignità che rischiamo di perdere sotto le ruote dell’auto».
    I bimbi della coppia hanno iniziato a chiedersi perché, da un giorno all’altro, abbiano perso la loro casa e siano finiti per strada. Forse (forse) stasera le suore di Torino li ospiteranno, insieme alla madre, per una notte tranquilla, ma è solo una soluzione temporanea. Il loro papà resterà in auto. Perché non è africano quindi potrebbe turbare le suore.
    «Ogni giorno guardo in faccia i miei bambini e spiego loro che stiamo attraversando un momento difficile – racconta la madre -, ma che ci rialzeremo più forti di prima».
    «Il Comune e i servizi sociali ci chiedono un reddito per assegnarci una casa, e noi non l’abbiamo. In compenso i nostri figli hanno fame. E per restituirgli la loro infanzia siamo disposti a tutto, a svolgere qualunque tipo di lavoro».
    Appendino e il vescovo Nosiglia, intanto, hanno altri impegni. Dare le case ai clandestini che occupano le palazzine olimpiche di Torino da anni.
    Insomma, abbiamo città italiane dove famiglie italiane dormono in auto, e sindaci a cinquestelle che si occupano di fancazzisti e gay.
    https://voxnews.info/2018/05/09/tori...e-a-immigrati/

    EXTRACOMUNITARI: SONO 4 MLN E LA METÀ NON LAVORA
    Gli immigrati non comunitari regolarmente soggiornanti in Italia all’1 gennaio 2017 sono 3.714.137 e provengono principalmente da Marocco, Albania e Cina: la crème.
    Poi, ovviamente, ci sono i comunitari – soprattutto i romeni – e i clandestini.
    E’ il Nord ad accoglierne la quota maggiore (62%); seguono Centro (24,2%) e Sud (13,9%). Lo evidenziano i nuovi Rapporti sulla presenza dei cittadini migranti nelle aree metropolitane, curati dalla Direzione generale dell’immigrazione e delle politiche di integrazione-Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.
    Tra le aree metropolitane, Milano e Roma sono le più colpite dalla presenza non comunitaria, con rispettivamente 441mila (pari al 12% circa del totale) e 346 mila migranti regolarmente soggiornanti (il 9,3% del totale).
    Ta gli immigrati non comunitari il tasso di occupazione è pari a 57,8%: significa che il 42,2% vive alle nostre spalle. Un dato incredibilmente alto per chi dovrebbe essere qui a ‘pagarci le pensioni’.
    https://voxnews.info/2018/05/09/extr...ta-non-lavora/

    TUNISINI APPENA SBARCATI PRENDONO A TESTATE POLIZIOTTI E MOLESTANO VOLONTARIA
    Tunisini scatenati appena sbarcati a Pozzallo da una nave militare britannica, come da accordi firmati dal PD: volontaria molestata e due poliziotti presi a testate.
    I timori e le preoccupazioni manifestate nel comunicato stampa di stamane circa lo sbarco di clandestini di nazionalità tunisina (con la bizzarra richiesta di caricarli sui treni verso nord) hanno trovato fondamento in episodi di intolleranza da parte degli stessi nei confronti di un’operatrice dell’hot spot.
    E’ intervenuto un poliziotto preso a testate dal tunisino, rendendosi necessario per lui il ricorso alle cure dei sanitari che gli hanno assegnato una prognosi di 30 giorni.
    Episodi di intolleranza anche nei confronti di alcuni operatori sanitari dell’ospedale Maggiore di Modica dove due clandestini sono stati condotti per ricevere assistenza sanitaria. Qui uno dei due ha tentato la fuga, ma è stato prontamente bloccato dagli agenti di scorta.
    Il nordafricano ha colpito con tre testate l’agente che è stato ricoverato, con un ipotesi di frattura del setto nasale e una prognosi di trenta giorni, nell’ospedale di Modica.
    Ma per quale motivo dobbiamo prenderci i clandestini tunisini e africani caricati in Libia da una nave inglese? E perché non li rimandiamo in Tunisia senza nemmeno farli sbarcare?
    Il governo populista avrà il compito di farlo. Sarà la prova del fuoco.
    https://voxnews.info/2018/05/12/tuni...no-volontaria/

    ROMA, BUS CONTINUANO A PRENDERE FUOCO: SOLDI SPESI PER ROM E PROFUGHI
    Dopo i due mezzi dell’Atac andati a fuoco nei giorni scorsi con il rogo di un bus nella centralissima via del Tritone e un altro in fiamme in periferia, oggi un principio di incendio ha colpito un bus a Piazza Venezia. Le fiamme sono state spente e non ci sono stati problemi per i passeggeri. Ieri sera invece attimi di paura a bordo di un altro autobus di linea che percorreva via dei Fori Imperiali. A causa di un’avaria al motore è scattato il sistema antincendio sul bus della linea 85 che si trovava all’altezza del Vittoriano.
    Il conducente ha fermato il mezzo e ha fatto scendere i circa 100 passeggeri a bordo, tra cui molti turisti. A transitare in quel momento una pattuglia dei carabinieri del comando piazza Venezia che si è fermata a prestare assistenza ai passeggeri e all’autista. La flotta Atac, la più vecchia d’Europa, ha una vita media delle vetture di circa 13 anni.
    Questo perché il governo ha preferito investire le risorse in hotel.
    https://voxnews.info/2018/05/10/roma...om-e-profughi/

    GALLARATE, SINDACO LEGA NEGA RAMADAN A ISLAMICI: “NON C’È PIÙ IL PD”
    Niente festa dello sgozzamento a Gallarate quest’anno
    Nuova splendida iniziativa del sindaco di Gallarate, il leghista Andrea Cassani. Dopo la cacciata dei finti profughi, a spese proprie.
    Ora restituisce ai cittadini un pezzo di città, negando ai musulmani la possibilità di occuparla durante il Ramadan, così come avveniva durante il mandato del precedente sindaco, il Pd Guenzani.
    Durante il mandato dell’ex sindaco Guenzani nello spazio di via Pacinotti veniva addirittura montato un tendone che era diventato il punto di riferimento di tutti gli islamici del basso varesotto, ma con l’avvento dell’amministrazione a guida leghista l’aria è cambiata.
    “Preghino altrove” dice il sindaco leghista Andrea Cassani consigliando di ritornare a farlo a Cardano al Campo come lo scorso anno. Ancora meglio a casa loro.
    Quest’anno il Ramadan inizierà al tramonto del 15 maggio (martedì prossimo) e terminerà il 14 giugno con la celebrazione dello Id al-fitr la cosiddetta festa della interruzione (del digiuno), detta anche la “festa piccola” (id al-saghir). E poi tutti a sgozzare animali vivi e farli morire per lento dissanguamento.
    L’amministrazione gallaratese anche quest’anno ha reso noto alla comunità islamica locale di non avere spazi pubblici da destinarsi al culto di Allah.
    Andrea Cassani pensa che la comunità islamica si sia trovata più che bene negli spazi messi a disposizione dell’amministrazione PD di Cardano al Campo che si è dimostrata accogliente e soddisfatta e pertanto pensa che la cosa possa essere tranquillamente ripetuta anche quest’anno.
    Il campo sportivo Le Biolle di Cardano al Campo potrebbe anche quest’anno ospitare tutti gli incontri islamici che lo scorso anno ebbero successo con la presenza di quasi 500 fedeli alla festa del Eid al Adha (festa dello sgozzamento) celebrata tra il 31 agosto e il 4 settembre.
    La loro presenza non aveva creato nessun problema all’amministrazione cardanese, tradizionalmente a novanta gradi, che aveva accolto la comunità islamica in passato sia nel palazzetto di via Carreggia per la Festa del Sacrificio, sia il crossdromo al Ciglione per una festa della interruzione.
    Votate PD? Vi prendete gli islamici e la festa dello sgozzamento.
    https://voxnews.info/2018/05/12/gall...-ce-piu-il-pd/

    IMMIGRATO DÀ IN SPOSA LA FIGLIA DI 10 ANNI
    Un mese fa svelò alla sua insegnante che si era tagliata i polsi perché il papà le aveva tolto lo smartphone. Per quella confessione erano intervenuti i servizi sociali che avevano allontanato la ragazza, 14 anni, dalla famiglia.
    Solo ora però la ragazzina di una famiglia dello Sri Lanka ha avuto il coraggio di raccontare le vere ragioni di quel gesto: temeva un matrimonio combinato dal padre quando lei aveva appena 10 anni.
    Ora – mentre il Tribunale dei minorenni deve stabilire se convalidare il provvedimento – la ragazza, ospitata in una struttura protetta, ha raccontato alla prof le vere ragioni che portarono il padre a sottrarle il telefonino: il genitore temeva che la figlia chattasse con qualche coetaneo e questo avrebbe compromesso l’accordo raggiunto per darla in sposa a un ragazzo dello Sri Lanka attraverso un matrimonio combinato, accordo che risalirebbe a quando la ragazzina aveva appena 10 anni.
    Non si capisce cosa ci facciano i cingalesi in Italia. Sposatevi tra voi, a casa vostra.
    https://voxnews.info/2018/05/11/immi...ia-di-10-anni/

    PROFUGHI PESTANO AVVERSARI ITALIANI DURANTE “PARTITA PER L’INTEGRAZIONE”
    Un tentativo di integrazione forzata finito con una rissa. Protagonista la squadra composta da profughi del famigerato progetto Sprar, iscritta al campionato di calcio Uisp amatori di Ravenna-Lugo. La squadra è stata ritirata dal torneo in seguito ad una rissa che, il 30 aprile scorso, ha costretto l’arbitro a sospendere la partita.
    E’ accaduto sul campo di Marina di Ravenna. La squadra dello Sprar Ravenna, alla sua prima partecipazione al campionato nell’ambito di un progetto di integrazione forzata, stava giocando nel girone eliminatorio contro l’Az Ravenna quando a pochi minuti dalla fine della gara un fallo di gioco ha innescato una violenta rissa, con uno dei rifugiati che – secondo quanto raccontato dai presenti – ha preso a calci un avversario.
    Entrambe le squadre hanno perso l’incontro a tavolino. Nei giorni successivi i referenti del progetto hanno deciso di ritirare la squadra dal campionato. Una sofferta decisione, hanno scritto in una lettera che è arrivata dopo aver preso atto che «la nostra squadra non ha dimostrato una maturità sufficiente per affrontare situazione di forte stress verificatesi in campo».
    E figuriamoci quanto sono ‘maturi’ per stare in Italia.
    La notizia ha portato il consigliere regionale della Lega Nord, Andrea Liverani, a parlare di integrazione fallita. Secondo il leghista è sbagliato “imporre percorsi di integrazione forzata nei confronti di chi ancora non ha ottenuto lo status di profugo né la protezione internazionale e questo scoppio di violenza in campo non ci stupisce”.
    https://voxnews.info/2018/05/10/prof...lintegrazione/

    PISA, FORZA ITALIA SFIDA LA LEGA E DICE SI ALLA MOSCHEA
    «Di fronte ad una istanza che viene da una parte della popolazione e riguarda la tutela di una libertà, di un diritto, un’istituzione deve discuterne, ma alla fine dare anche una risposta».
    Con queste parole, Riccardo Buscemi, consigliere comunale uscente di Forza Italia e vice coordinatore provinciale del partito, schiera il suo partito a favore della moschea a Pisa.
    Segnando un approccio più vicino a quello del sindaco PD che a quello tenuto dalla Lega.
    «Sono per la libertà di culto in questo Paese», dice Buscemi, dimenticando che nessuno impedisce ai musulmani di pregare a casa loro, come accade invece ai cristiani in Arabia Saudita,
    «Se il tema è quello di non fare la moschea a priori non può trovarmi d’accordo – dice Buscemi – sono un libertario, il mio partito si chiama Forza Italia e prima ancora Casa delle Libertà».
    Alcuni ancora non hanno capito che Islam significa, letteralmente, sottomissione. E che le moschee non sono luoghi di culto, ma caserme dell’invasione.
    «Non nego che ci sia tutto un percorso da fare nel mondo islamico anzitutto per la tutela delle donne» afferma. Ciò non toglie che la tutela di diritti e libertà costituzionalmente riconosciute possa rimanere in secondo piano: «C’è un sistema di diritti e di tutela delle minoranze che un sistema democratico deve garantire – continua -. Il problema non è se fare la moschea ma affrontare la questione urbanistica discutendone ovviamente con l’imam e la comunità islamica».
    Quindi l’imam diventa un interlocutore ufficiale per Forza Italia: incredibile.
    https://voxnews.info/2018/05/11/pisa...-alla-moschea/

    PAMELA, NIGERIANI INTERCETTATI: “L’HA TAGLIATA, HA TOLTO IL CUORE: DOVEVA FARCI IL BRODO”
    Le parole degli indagati sono state diffuse ieri nel corso della trasmissione di Raitre ‘Chi l’ha visto?’. Una nuova, agghiacciante intercettazione, sulla fine della povera Pamela Mastropietro, la diciottenne fatta a pezzi a Macerata dal profugo nigeriano Innocent Oseghale, che prima l’ha stordita e violentata. Cannibalismo e brutalità. Questo è il chiaro messaggio dell’intercettazione tra i profughi africani Desmond Lucky e Awelima Lucky, ‘ascoltati’ in carcere dove sono rinchiusi per complicità nell’omicidio di Pamela.
    Parlando di Oseghale, Desmond dice ad Awelima: “L’ha tagliata… l’ha tagliata, l’ha tagliata”, “Gli ha tolto l’intestino… è molto coraggioso”. Al che il compagno di cella risponde: “Quell’intestino forse l’ha buttato nel bagno”.
    Da qui segue una conversazione sconvolgente, fatta di consigli e suggerimenti su quale sarebbe stato il modo migliore per Oseghale per non essere scoperto. Se il loro connazionale avesse mangiato il corpo di Pamela, anche a pezzi, nel corso del tempo, avrebbe avuto l’unico problema di far sparire la testa.
    Di seguito il video pubblicato dalla trasmissione Chi l’ha Visto, con le intercettazioni tra Lucky Awelima e Desmond Lucky e la trascrizione:
    Desmond: «L’intestino è lungo. Come puoi buttarlo dentro al bagno?!».
    Awelima: «L’intestino poteva tagliarlo a pezzi».
    D.: «Tagliarlo in pezzettini?».
    A.: «Sì. Pezzi, pezzi. Così buttava a pezzetti. Così sarebbe stato più facile… Forse lui (inteso Innocent) ha già ucciso una persona così».
    D.: «Gli ha tolto tutto il cuore».
    A.: «Poteva mangiarlo. Perché non l’ha mangiato?».
    D.: «Poteva metterlo in frigo».
    A.: «Lo metteva in frigo e cominciava a mangiare i pezzi».
    D.: «Così sarebbe stato meglio per lui mangiare il corpo».
    A.: «Sarebbe stato meglio. Avrebbe avuto solo il problema per la testa, quella avrebbe dovuto buttarla. Tutto il resto invece lo metteva dentro il frigo e poi quando voleva lo cucinava.
    D.: «Faceva il brodo».
    A.: «Sì, continuava a mangiare il brodo poco a poco».
    D.: «Se lui avesse avuto un congelatore grande, avrebbe potuto metterlo lì».
    A.: «Poi lui quello che non riusciva a cucinare, lo buttava piano piano…».
    D.: «Però lui ha detto che non è stata lui a tagliarla e forse per questo stanno ancora investigando».
    A.: «Per questo stanno cercando qualcun altro».
    Quante Pamela ci sono nei freezer dei nigeriani? Anche perché, non molto lontano da quella zone, c’è l’hotel house, dove altri immigrati hanno sepolto cadaveri di bambini.
    https://voxnews.info/2018/05/10/pame...l-brodo-video/

    TRAINI SI SCUSA PER VETRINE INFRANTE DURANTE RAID E PAGA DANNO, COMMERCIANTI ACCETTANO
    “Vicenda chiusa” per le due attività commerciali di Macerata. Luca Traini ha risarcito i titolari per i danni provocati durante il suo raid vendicativo del 3 febbraio a caccia di spacciatori.
    Traini, sparando dalla sua Alfa 147, aveva ferito quello che pensava essere uno dei tanti spacciatori africani della zona, danneggiando anche la vetrina della pasticceria Monachesi e dell’adiacente negozio Notte e Dì. Di questo si è scusato.
    Ripagato il danno provocato, i titolari non si sono costituiti parte civile nel processo che si è aperto mercoledì a carico del giovane.
    https://voxnews.info/2018/05/11/trai...nti-accettano/

    IN ITALIA 1 BIMBO SU 10 È POVERO: E MANTENIAMO FIGLI IMMIGRATI
    Per Save The Children l’Italia è un paese “vietato ai minori” visto che un milione e 300 mila bambini e ragazzi, il 12,5% del totale, più di 1 su 10 vivono in povertà assoluta, secondo il dato Istat riferito al 2016; oltre la metà non legge un libro, quasi 1 su 3 non usa internet e più del 40% non fa sport. Un paese dove “i minori non riescono a emanciparsi dalle condizioni di disagio delle loro famiglie e non hanno opportunità educative e spazi per svolgere attività sportive, artistiche e culturali.
    Deve essere per questo, che Save The Children è una delle Ong più impegnate nel traffico di clandestini verso l’Italia: per migliorare la vita dei bambini italiani mettendoli in concorrenza per le poche risorse pubbliche con i giovani maschi africani.
    E una legge del governo impone ai Comuni di mantenere qualunque presunto minore straniero che arrivi in Italia senza genitori, fino alla maggiore età. Questo ha, ovviamente, dato il via ad un turismo di parassiti: scaricano i loro figli in Italia, spesso già maggiorenni o al massimo 16enni, che vengono poi sollazzati per mesi quando non per anni.
    E il caso di Udine è solo uno dei tanti. Capita ovunque, nell’Italia governata dal PD. Diteci voi se è normale che i contribuenti spendano 2.500 euro al mese per ogni piccolo fancazzista, mentre, magari, non hanno soldi per i propri figli.
    https://voxnews.info/2018/05/12/in-i...gli-immigrati/

    BRESCIA: 10 PROFUGHI SPACCIAVANO ALL’ORATORIO
    Richiedenti asilo. Mantenuti in hotel con stipendio da profughi, che loro arrotondavano, “guadagnandosi” da vivere spacciando nei parchi. Ai ragazzini. E’ quanto hanno scoperto la Polizia di Stato e la Polizia locale a Brescia che – con l’ausilio di agenti in borghese – ha arrestato nelle scorse ore dieci stranieri con l’accusa di spaccio di stupefacenti.
    L’operazione antidroga, coordinata della Procura della Repubblica di Brescia, è stata avviata nel mese di febbraio, con il supporto della Direzione Centrale per Servizi Antidroga e in collaborazione con l’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura. Le indagini si sono concentrate principalmente nel parco di via Sardegna, in prossimità dell’Oratorio Santa Maria da Silva e della Scuola Media Bettinsoli, luoghi notoriamente frequentati da giovani. Dieci, come detto, gli arresti, già convalidati dal Gip con l’inserimento in carcere per quattro e il divieto di dimora per sei.
    Tra le tecniche investigative utilizzate – oltre alle telecamere – c’è stata anche quella dell’undercover, con l’utilizzo di cosiddetti agenti provocatori che hanno acquistato la droga ritardando poi l’arresto della droga. Una svolta metodologica, che promette di portare importanti risultati anche in altre zone della città. A partire dalla Stazione.
    https://voxnews.info/2018/04/28/bres...o-alloratorio/

    DISOCCUPATO APPICCA INCENDI A 4 CHIESE: “I PARROCI AIUTANO SOLO IMMIGRATI”
    Quattro roghi in altrettante chiese che si occupano del business dell’accoglienza ad Ancona fino a quando l’hanno incastrato grazie al suo scooter, sempre presente nei luoghi degli incendi.
    A muovere l’uomo, un 57enne di Chiaravalle (An), il dissenso verso le forme di “assistenza” della Chiesa e dei parroci di Ancona e Camerano nei confronti degli immigrati a danno degli italiani.
    L’uomo, denunciato per danneggiamento e minaccia grave, viveva come un’ingiustizia l’assistenza ai migranti: il suo motto era ‘Prima gli italiani’.
    L’uomo oltre agli incendi, avvenuti lo scorso anno tra settembre e novembre, aveva anche inviato otto lettere, una delle quali lasciata sul leggìo di una chiesa di Camerano e indirizzata al parroco, particolarmente attivo nel business dell’accoglienza.
    Ma posto che, ovviamente, non si incendiano le chiese, chi è il vero criminale?
    https://voxnews.info/2018/05/07/diso...olo-immigrati/

    IMMIGRATI, VATICANO TERRORIZZATO DA GOVERNO SALVINI: “CHE NE SARÀ DEI CLANDESTINI?”
    La Cei è nervosa, e vanno capiti, per la prima volta dal dopoguerra rischiano di non avere un referente al governo. Soprattutto negli ultimi decenni hanno sempre avuto degli infiltrati anche nei governi di centrodestra a sabotare le politiche contro l’immigrazione. Basti pensare all’Udc prima e agli alfaniani poi. Ma ora, d’improvviso, saranno generali senza esercito.
    E così, il segretario della Conferenza Episcopale italiana, il noto fanatico del business dell’accoglienza, monsignor Galantino, afferma: “Certi politici ci hanno costretti a pensare il tema della mobilità umana come tema che riguarda il Mediterraneo. Chi sa queste cose sa che non è così e purtroppo a volte anche noi ci siamo impantanati su questo punto lasciando per strada qualcuno. Serve un’attenzione meno condizionata rispetto ai flussi migratori. Mi preoccupa, non poco, l’oggi soprattutto se viene percepito come un luogo dove si moltiplica l’avvertimento, l’invito ad allentare la presa per il sopraggiungere di culture politiche che fanno del rifiuto del migrante la loro bandiera“.
    E’ il grido di dolore di un uomo sconfitto.
    “Mi auguro che questo governo abbia come punto di partenza la voglia di mettere orecchio alle condizioni concrete e alle attese reali delle persone. Perchè le ideologie, le prese di posizione, i proclami pre-elettorali devono essere ridimensionati e tarati sulla realtà e sui bisogni reali”, ha concluso Galantino.
    I ‘proclami pre-elettorali’ sono quelli per i quali i cittadini hanno votato: si chiama democrazia.
    https://voxnews.info/2018/05/11/immi...i-clandestini/

  5. #295
    Forumista senior
    Data Registrazione
    15 Dec 2011
    Messaggi
    2,012
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Rif: Le delizie della società multietnica

    NEGOZIANTE COSTRETTO A CHIUDERE PER TROPPI IMMIGRATI: «CLIENTI HANNO PAURA A VENIRE»
    Costretto a chiudere ‘grazie’ all’immigrazione. Ultimi giorni di lavoro a Noventa Padovana per Rudy Boara, 56 anni, di Fiesso d’Artico, che da sei anni gestiva il negozio di biciclette Probike Project di via Oltrebrenta.
    Siamo nel lembo di terra ai confini con la provincia di Venezia dove da qualche anno la qualità della vita di residenti e commercianti ha subito una pericolosa involuzione. Perché sono arrivati ‘loro’.
    «Ho aperto sei anni fa e devo dire che nel primo quadriennio gli affari andavano anche bene e la clientela era felice di venirmi a trovare» dice Rudy Boara.
    Poi è arrivato il PD: «Davanti a me ultimamente trovi di tutto: migranti che bivaccano davanti alle mie vetrine, improvvisati meccanici che riparano le auto nei parcheggi di fronte al negozio, spaccio di droga in aumento con conseguente presenza massiccia delle forze dell’ordine e comprensibile imbarazzo della clientela. Ebbene – prosegue il commerciante – più di una persona mi ha detto che non aveva più piacere a venire qui perché non si sentiva al sicuro e non gli piaceva il contesto in cui lavoravo».
    Stanno uccidendo il nostro tessuto sociale.
    https://voxnews.info/2018/05/21/nego...aura-a-venire/

    DISOCCUPATO A PROCESSO, VOLEVA IL LAVORO DATO AI PROFUGHI
    Per questo protestò lanciando un mattone contro associazione pro-profughi
    Sono state chiuse le indagini sull’autore del lancio di mattoni contro la vetrina del Gus, l’associazione che ospitava i profughi che hanno fatto a pezzi Pamela.
    L’uomo, un disoccupato maceratese, voleva guadagnare qualcosa per mangiare spalando la neve, lavoro che invece il comune, attraverso il GUS, aveva affidato ai finti profughi. Il processo ci sarà a breve il processo.
    Intanto, per le presunte minacce al sindaco di Macerata Carancini e alla Caritas saranno al centro di due processi per direttissima, che si terranno lunedì in tribunale. Sono svelti, quando si tratta di italiani, molto meno, quando si tratta di spacciatori nigeriani.
    Gli episodi a febbraio. Un uomo della provincia di Milano è indagato per due email contro Romano Carancini: «Se il sindaco non la smette, i suoi figli faranno la fine di Pamela»: sarebbe stato questo più o meno il contenuto della mail. Non si capisce se una minaccia o un avviso su quello che può avvenire in un territorio mal governato.
    Alla Caritas invece sarebbero arrivate una serie di telefonate, più volte al giorno per una settimana: «Vi sta bene quello che vi è capitato a Macerata, così imparate ad aiutare gli sporchi negri», ripeteva l’anonimo che, dopo le indagini, è stato identificato e accusato. Si tratta di un cittadino residente nel napoletano.
    Il milanese e il campano sono accusati di minaccia aggravata da motivi di odio razziale, e questa aggravante, in base alla legge Mancino, consente una direttissima anomala, che appunto si farà lunedì.
    E’ tempo di abrogare la famigerata legge Mancino che tramuta minacce in qualcosa di più simile al terrorismo. Il che è ridicolo.
    https://voxnews.info/2018/04/06/diso...o-ai-profughi/

    PROFUGHI LAVORERANNO IN HOTEL DI JESOLO AL POSTO ITALIANI
    Se siete giovani italiani e cercate un lavoro estivo, sono cavoli vostri.
    Dovete mettervi in fila dietro a Mohammed, Abdul e Omar. Omar, ad esempio, viene dal Gambia, ed è sbarcato sulle coste siciliane un anno fa, si candida come giardiniere ma il suo sogno nel cassetto è diventare carabiniere.
    E’ uno dei protagonisti del primo ‘Career4Cas’, che si è svolto oggi nel centro di accoglienza di Jesolo.
    Evento organizzato dalla Croce Rossa Italiana che gestisce il Centro, durante il quale i richiedenti asilo (quindi nel 95% dei casi clandestini) ospiti della struttura hanno presentato i propri curricula e avere colloqui conoscitivi individuali con diversi operatori economici della zona in vista della prossima stagione estiva.
    Avete capito bene: i trafficanti umanitari della Croce Rossa cercano lavoro ai clandestini.
    https://voxnews.info/2018/04/06/prof...osto-italiani/

    FRIULI: 10 COOP IMMIGRATI SI SONO SPARTITE 7 MILIONI DI EURO
    Oltre 7 milioni di euro: è questa la cifra che 10 cooperative sociali del Fvg hanno ricevuto nel 2016 per sollazzare 900 cosiddetti profughi: in media, oltre 7.700 euro a fancazzista.
    Delle 10 coop, tre hanno ricevuto quasi 200mila euro ciascuna, 5 fra 201mila e 500mila euro ciascuna e due invece oltre mezzo milione di euro ognuna.
    I dati sono emersi dal convegno su “Accoglienza migranti in Fvg: chi, come, con quali risorse…”, organizzato ieri al Centro Balducci di Zugliano da Libera Fvg e Rete dei Numeri pari. Le coop sociali accolgono circa il 43% dei migranti (degli altri si occupano soprattutto associazioni e fondazioni) e nel 2016 hanno seguito 900 persone, in prevalenza maschi under 40 provenienti da Pakistan e Afghanistan.. Per le coop, le voci di spesa più consistenti sono gli alloggi (53,74% in media), il sostegno alla vita dei migranti (27,93% per vitto, trasporti, pocket money) e la retribuzione degli operatori (quasi tutti immigrati) che pesa per il 13,76% (un centinaio gli occupati).
    https://voxnews.info/2018/04/06/friu...lioni-di-euro/

    IMMIGRATI RISORSE: 1 SU 2 E' MANTENUTO, L’ALTRA META' GUADAGNA MENO DI 800€
    Quei simpatici cazzari à la Saviano, secondo i quali gli immigrati ci pagheranno le pensioni, dovrebbe leggere i dati che seguono
    Complessivamente, il tasso di occupazione dei soggiornanti non comunitari al 1 gennaio 2017 era del 57,8%. Significa che quasi 1 immigrato su 2 in Italia non lavora. Fa il mantenuto. Questo è messo in evidenza anche dal loro tasso di imprenditorialità in continua crescita con un +3,5% di nuove ditte individuali di cittadini non comunitari nel 2016 sul 2015: come accade per gli italiani, molti aprono partite iva in qualità di ‘dipendenti occulti’. Questo ha implicazioni sulle future pensioni.
    Nel 2016 erano 366.425 i titolari di imprese individuali nati in un paese al di fuori dell’Unione Europea, l’11,3% del totale delle ditte individuali a livello nazionale.
    Con 440.622 soggiornanti regolari, Milano è prima anche per incidenza dei soggiornanti extra UE sul totale dei residenti. Le comunità più rappresentate a livello locale provengono da Egitto (14,7%), Filippine (10,6%) e Cina (10,2%). Complessivamente sono oltre 9 mila i cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti in città per aver ricevuto asilo o un’altra forma di protezione umanitaria. In pratica, ben il 2% della popolazione di immigrati vive a Milano mantenuta dai cittadini. Non che il restante 98 per cento sia una risorsa, come vedremo a breve.
    In questo caso, l’esempio più eclatante è Catania, dove i titolari di protezione internazionale sono il 36,7% dei regolarmente soggiornanti (incidenza aumentata del 33% negli ultimi 7 anni). Seguono Reggio Calabria con il 36% e Bari con il 26,7%. Al contrario, a Bologna, Torino e Venezia la metà dei soggiornanti risiede li' per motivi familiari.
    La seconda città per presenza di cittadini non comunitari è Roma, dove soggiornano regolarmente 345.897, pari al 9,3% del totale nazionale e l’incidenza dei residenti extra UE sul totale dei residenti è del 7,2%. Le comunità più rappresentate a livello locale provengono da Filippine, Bangladesh e Cina, con incidenze rispettivamente del 12,8%, 10,9% e 6,9%. Le imprese individuali di persone extra UE sono il 19% delle attività in essere nella capitale, e su questo Roma è superata seppur di poco da Firenze, dove sono il 20% del totale. Parliamo di ‘imprenditori’ sui generis: la maggior parte sono partite iva che nascono e muoiono per truffare i contribuenti, il resto bugicattoli di bengalesi e roba simile.
    Avere un lavoro non è tuttavia sinonimo di ricchezza per la nostra società, perché non significa un’effettiva uscita da una condizione di indigenza. La maggior parte dei cittadini non UE regolarmente soggiornanti nel nostro paese guadagna infatti meno di 800 euro al mese.
    Questo ha due effetti: abbassa il salario medio degli italiani, con conseguente precarizzazione del lavoro, e rende evidente come gli immigrati non stanno nemmeno pagando per le loro pensioni future.
    https://voxnews.info/2018/05/22/immi...-meno-di-800e/

    AZIENDA ASSUME PRIMA ITALIANI, MAGISTRATO LA CONDANNA: 10 OPERAI SENZA LAVORO
    E dietro c’è un’associazione finanziata dallo speculatore apolide Soros, la famigerata Asgi
    Crisi e disoccupazione. Lavoro prima agli italiani? Non per i giudici del Tribunale di Torino, che hanno dichiarato discriminatorio il bando pubblicato da Aster nell’ottobre 2017 in cui veniva sostanzialmente esclusa la candidatura dei cittadini extracomunitari nella graduatoria per apprendisti operai addetti alla manutenzione del verde pubblico.
    La società partecipata dal Comune di Genova ora dovrà pagare le spese legali e riaprire i termini per le domande ammettendo alla selezione tutti gli stranieri in possesso di permesso di soggiorno. E cosi', 10 italiani perderanno il lavoro, non potranno mettere su famiglia perché è ‘discriminatorio’, in Italia, dare lavoro prima agli italiani. E’ come se un padre venisse perseguito perché assume prima i figli suoi dei figli degli sconosciuti.
    L’esito del processo è stato riferito oggi dalla famigerata associazione studi giuridici sull’immigrazione (Asgi) che subito dopo la pubblicazione del bando aveva inviato ad Aster una segnalazione sulla sua illegittimità.
    Tuttavia, Aster aveva coraggiosamente proseguito per la sua strada per cui l’Asgi ha presentato ricorso al Tribunale di Torino, competente per territorio, che lo ha accolto.
    I giudici hanno specificato che che le società a partecipazione pubblica non rientrano nella pubblica amministrazione e pertanto le assunzioni alle loro dipendenze non sono soggette ai limiti del testo unico sul pubblico impiego.
    “Grazie a queste persone che hanno presentato il ricorso e ai giudici che lo hanno accolto, dovremo dire a dieci aspiranti lavoratori che non li possiamo più assumere. Inoltre, Aster dovrà fare a meno di addetti che per Genova sarebbero stati preziosi perché sarebbero stati inseriti in un settore critico come quello della manutenzione del verde in città”.
    E’ il dispiaciuto commento dell’assessore ai Lavori pubblici del Comune di Genova, Paolo Fanghella (Lega), a seguito dell’ordinanza del Tribunale di Torino che nei giorni scorsi ha condannato Aster e ha riconosciuto il carattere discriminatorio del bando pubblicato lo scorso ottobre in cui veniva sostanzialmente esclusa la candidatura ai cittadini extracomunitari.
    A presentare il ricorso era stata Asgi, associazione nata per promuovere l’informazione, la ricerca e la formazione sul diritto dell”immigrazione, l’asilo, la discriminazione e la cittadinanza.
    Secondo l’assessore Fanghella si è trattato di un’azione legale strumentale. In sintesi, roba da matti: “Abbiamo utilizzato un modello di bando che il Comune aveva in uso da cinque anni, quindi anche da un’amministrazione non di centrodestra. Perché presentare ricorso proprio adesso? A chi ci ha accusato di avere fatto un ‘bando leghista’ che voleva tutelare gli italiani, ricordo che anche stranieri, purché europei, potevano partecipare. Purtroppo, stante le cose, non abbiamo assunto e non assumeremo i dieci operai, come invece avevamo concordato con i sindacati ed eravamo ben felici di fare”.
    Ora è tempo di una legge che impedisca ai magistrati sentenze oscene come questa.
    Non solo. Asgi è una associazione finanziata dallo speculatore Soros: è quindi tempo di fare come in Ungheria e mettere fuori legge le Ong che ricevono finanziamenti dall’estero, perché agiscono per destrutturare la nostra società.
    https://voxnews.info/2018/05/22/azie...-senza-lavoro/

    ORA I PROFUGHI SI LANCIANO SULLE AUTO IN TRANSITO PER FARSI RISARCIRE
    Alba Adriatica, Teramo. Giovani di colore si “lanciano” sulle auto di passaggio facendo finta di essere stati investiti e chiedendo soldi agli automobilisti.
    Il tam tam ieri è ribalzato sui social e su WhatApp. Episodi che sarebbero accaduti al semaforo tra via Roma, ad Alba Adriatica. Sulla veridicità della segnalazione, che poi è rimbalzata per tutta la giornata, allo stato attuale non ci sono conferme da parte delle autorità, relativamente a denunce o segnalazioni. In ogni caso l’allarme è diventato virale.
    https://voxnews.info/2018/05/24/ora-...rsi-risarcire/

    L’ULTIMO GIORNO DI GOVERNO IL PD PUBBLICA BANDO “PRIMA GLI IMMIGRATI”: 51 MILIONI PER ASSUMERLI NELLE COOP
    Fanno marchette fino all’ultimo giorno di governo abusivo. Soprattutto al Viminale si sparano le ultime cartucce pro-invasione. Con uffici e funzionari che continuano ad alimentare e incrementare il business dell’accoglienza, incuranti che le cose al Viminale, potrebbero presto cambiare. Anzi: proprio per questo.
    L’ultima marchetta è lo stanziamento di oltre 51 milioni di euro per dare lavoro agli immigrato o, come lo dicono loro: incentivare l’integrazione lavorativa dei migranti. Non richiedenti asilo o specificatamente rifugiati: immigrati tout court. Quindi privilegiati rispetto agli italiani. E siamo sicuri che a parti invertite non avverrà questo:
    Il bando prevede diverse iniziative. La prima si chiama Impact, ossia integrazione dei migranti con politiche e azioni coprogettate sul territorio, e interessa ben 26 milioni e 344 mila euro, il secondo è denominato Prima (gli immigrati), ossia programma per l’integrazione lavorativa dei migranti, e mette a disposizione altri 25 milioni tondi.
    Tutti soldi destinati a finanziare le più disparate associazioni, cooperative, onlus e ong prima che arrivi Salvini.
    https://voxnews.info/2018/05/23/lult...li-nelle-coop/

    YOUTUBE CENSURA LA CANZONE CHE MANDA A FANC*LO L’UE
    Ecco che il tubo più famoso del globo ha deciso di censurare “Fuck Ue”, brano dei Bronson estratto dal secondo album della band capitolina: Roma Tiger Punk, uscito nel 2015 per i tipi della Rupe Tarpea. “La visualizzazione del seguente video ‘Bronson F.ck Ue’ è stata bloccata nei siti di YouTube dei seguenti paesi..”, a seguire carrellata con praticamente tutti gli Stati europei. “Vivi tranquillo tu tra burocratiche follie, servo da sempre del tuo capitale, oppresso dal sistema tormentato di bugie, credi che indietro non si puo' tornare”, cosi' cantano i Bronson e cosi' evidentemente sembra sul serio essere. Follie, se vogliamo limitarci a pensare male ma non troppo. Visto che secondo YouTube il brano in questione ricade “nell’incitamento all’odio e alla violenza”.
    https://voxnews.info/2018/05/22/yout...clo-lue-video/



    LEGA REPLICA A JUNCKER: “NOI TUTELEREMO ITALIANI, AFRICANI SI PREPARINO A TORNARE VELOCEMENTE IN AFRICA”
    “Juncker afferma che la Commissione Ue vigilerà sui diritti degli africani in Italia qualora ci fosse un governo Lega M5S? Chi frequenta il Parlamento Europeo è abituato alle ‘parole in libertà’ di Juncker, ma ormai siamo veramente alle comiche.
    Sulla lotta all’immigrazione clandestina e sulle espulsioni degli immigrati irregolari che sono illegalmente in Italia, il nuovo Governo farà tutto cio' per cui è stato votato dagli italiani che hanno sonoramente bocciato le politiche filo immigrazioniste dei governi del Pd e della Commissione Ue guidata dallo stesso Juncker”.
    Lo dichiara il capogruppo della Lega al Parlamento Europeo Mara Bizzotto in replica alle affermazioni del Presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker. “Noi tuteleremo i diritti dei cittadini italiani che in questi anni hanno subito un’immigrazione selvaggia ed incontrollata che ha causato pesanti problemi al nostro Paese.
    Gli immigrati regolari, che lavorano e rispettano le Leggi, non hanno nulla da temere. Gli immigrati illegali e i falsi profughi, cosi' come succede in ogni altro Paese civile d’Europa, si preparino a tornare velocemente in Africa”, conclude l’europarlamentare Bizzotto.
    https://voxnews.info/2018/05/24/lega...nte-in-africa/

    CAGLIARI, TAGLIATI I FONDI AI DISABILI: 100 MILIONI VANNO AI PROFUGHI, SCOPPIA RIVOLTA
    Mattinata di tensione a Pirri, municipio di Cagliari, città che ospita centinaia di profughi in hotel. Un centinaio di persone infuriate si sono presentate nel palazzetto della Municipalità per protestare contro i tagli dei fondi ai beneficiari della legge 20, quella sui disabili psichici. Alcune assistenti sociali, intimorite dalla furia della folla, si sono barricate negli uffici. Sul posto è intervenuta la polizia municipale. Solo verso le 13 è stata ristabilita la calma.
    “Ci hanno spiegato che una persona non puo' percepire più di 500 euro complessivamente”, spiega Federica Delogu, “e cosi' mia madre che percepiva 176 euro al mese ora ne prende 46. Ma come puo' curarsi con questi spiccioli. Oltretutto siccome nei mesi scorsi ha percepito 176 euro per compensare la somma che con la nuova legge non ha percepito indebitamente deve aspettare almeno tra due mesi 46 euro. Sono andata in via Sauro e li' mi hanno detto che dobbiamo lottare per i nostri diritti. Oggi ero tentata di salire sul tetto e protestare. Quello che stanno facendo lo devono sapere tutti”.
    https://voxnews.info/2018/05/23/cagl...oppia-rivolta/

    ITALIANI SCARICANO SINDACATI: «DIFENDONO SOLO GLI IMMIGRATI»
    Sindacati sempre più lontani e inutili: questo è il giudizio degli italiani sondati da Demos per Il Gazzettino. Secondo i dati dell’Osservatorio sul Nord Est, infatti, la prima categoria tutelata dai sindacati è quella degli immigrati (una percezione condivisa dal 48% dei giovani), seguita, molto a distanza, dai pensionati (40% e 23%).
    Ad aver subito una netta diminuzione è la percezione della capacità di difesa dei lavoratori a tempo indeterminato: dal 38% rilevato nel 2012, si scende al 22%, ma sembra che i sindacati abbiano perso efficacia anche nella salvaguardia di donne (dal 26% al 20%), giovani (dal 15% al 13%) e lavoratori atipici (dal 17% al 10%).
    https://voxnews.info/2018/05/23/ital...gli-immigrati/

    ASSOLTO ITALIANO CHE PICCHIA IMMIGRATO PER DIFENDERE DONNA: MAGISTRATI SENTONO ARIA DI RUSPA
    E’ stato assolto dall’accusa di lesioni personali l’ex rugbista Emanuele Borile, difeso dall’avvocato Francesco Zarbo. L’uomo si trovava a processo per una vicenda risalente al 2013.
    La donna, sentita come teste durante un’udienza, aveva riferito che il marocchino si era presentato alla porta e, una volta entrato in casa, l’aveva aggredita, e che l’ex rugbista era intervenuto solo per difenderla. La donna ha spiegato anche che, in conseguenza della sua colluttazione con il nordafricano, si era ferita alla mano ed era ricorsa alle cure del pronto soccorso.
    Ascoltato anche un poliziotto che intervenne sul posto in seguito della segnalazione di una lite, arrivata alla sala operativa della questura. L’agente aveva riferito di aver trovato a terra, in una via vicina alla chiesa della frazione, il nordafricano sanguinante e alterato, soccorso poi da un’ambulanza.
    Ieri la decisione del giudice del Tribunale di Rovigo, che ha assolto l’ex rugbista, sposando la linea di difesa dell’avvocato Zarbo che aveva chiesto l’assoluzione piena, e per il quale il marocchino non era mai stato picchiato con una mazza da baseball, come invece aveva riferito. Il 54enne, quindi, avrebbe agito solo per legittima difesa nei confronti della sua amica.
    Forse sentono aria di ruspa…
    https://voxnews.info/2018/05/23/asso...aria-di-ruspa/

    PRIMO GIORNO DI LEGA IN FRIULI, CAMBIA TUTTO: “STOP ACCOGLIENZA MIGRANTI”
    Cambia tutto in Friuli Venezia Giulia, il neo governatore Fedriga va subito all’attacco. L’obiettivo: rovesciare la politica del Pd sull’accoglienza dei fancazzisti durante il governo di Debora Serracchiani.
    L’annuncio di Fedriga al termine della prima riunione del nuovo esecutivo regionale a Trieste: “Informeremo il governo che siamo contrari a questo modo di accogliere, a una politica migratoria che riteniamo dannosa per la nostra popolazione. Prenderemo con i tempi necessari tutti i provvedimenti anche per modificare le competenze che si era presa in capo l’amministrazione in termini di investimenti di carattere economico e finanziario”.
    L’accoglienza diffusa, dunque, non è “condivisa” dalla nuova amministrazione. Che ha tutta l’intenzione di andare in un’altra direzione rispetto al passato: espulsioni di massa. La decisione sull’accoglienza dei migranti è stata oggetto di una generalità di Giunta che il governatore ha voluto a inserire come “passaggio fondamentale”. E cosi' già dalla riunione all’ordine del giorno ci saranno delibere delle varie Direzioni “per dare subito un indirizzo politico a questa amministrazione regionale”.
    https://voxnews.info/2018/05/24/prim...enza-migranti/

    SINDACO LEGA INVIA ESERCITO PER SFRATTARE IMMIGRATI: CASA A ITALIANI
    Prosegue la politica “prima gli italiani” del sindaco di Cascina, la leghista Ceccardi. Nel comune toscano, poi preso a modello da altri comuni leghisti, sei straniero con una casa all’estero non hai diritto ad avere la casa popolare in Italia. Un modo intelligente di aggirare le oscene e eversive sentenze dei parrucconi della Consulta, secondo i quali privilegiare gli italiani in Italia è ‘razzismo’.
    E' per questo che ieri il Comune di Cascina ha disposto lo sgombero di una casa popolare occupata da un marocchino che non aveva più i requisiti. Comunica il sindaco: “Grazie alla nostra polizia municipale che aiutata dall’esercito, ha proceduto allo sgombero e al cambio della serratura. Quella casa adesso verrà assegnata a una famiglia italiana che ne ha diritto.
    #Primagliitaliani con la Lega si puo'!”.
    https://voxnews.info/2018/05/25/sind...taliani-video/

    QUESTI GIUDICI ODIANO GLI ITALIANI E GUADAGNANO MEZZO MILIONE DI EURO
    In meno di ventiquattro ore, quattordici (una poltrona è vacante) giudici (qualcuno, non di sinistra, avrà votato contro) della Corte Costituzionale hanno di fatto affossato due leggi di due regioni governate dalla Lega. Due leggi che cercavano di riequilibrare la situazione che vede gli italiani discriminati in casa propria, garantendo in modi diversi a loro la primazia su case popolari e asili nido. Si tratta di due gravissime prevaricazioni della volontà popolare. Alle quali, del resto, i parrucconi della Consulta sono abituati.
    Visto che sono praticamente tutti di nomina politica, e che molti di loro sono stati nominati da presidenti della repubblica di centrosinistra, abbiamo l’incredibile situazione di una corte che è a maggioranza di sinistra in un paese dove la sinistra è sotto il 20 per cento. Basta vedere la presenza di uno come Amato, un residuato bellico del peggior PSI.
    E’ intollerabile che 15 individui possano decidere della validità di leggi votate da eletti per volontà dei cittadini italiani: è una lesione della sovranità. E’ una ferita per la democrazia. E’ una negazione della democrazia.
    L’incostituzionalità di una legge, dovrebbe essere un fattore meramente ‘legale’ e non politico. Ma se una corte decide a maggioranza e non all’unanimità, è chiaro che non c’è una chiara incostituzionalità ma, piuttosto, la decisione di affossare una legge perché contrasta con le idee della maggioranza dei giudici.
    E allora questa è Oligarchia. Il voto di alcuni vale milioni di volte più del voto della maggioranza degli italiani.
    Se il governo populista vuole governare, deve intervenire direttamente sulla Costituzione (appoggiandosi anche al resto del centrodestra) e varando alcuni articoli: uno che iscrive a lettere d’oro nella legge fondamentale ‘prima gli italiani’, e l’altro che impone che la Consulta possa decidere dell’incostituzionalità di una legge solo all’unanimità.
    La Corte Costituzionale è, in sostanza, l’ultima ridotta del PD. Un bunker, dorato, dove resiste il potere dell’oligarchia sinistarda contro la volontà del popolo. Un cancro che si annida nel cuore della nostra democrazia. E’ tempo di liberarci da questo potere eversivo.
    La retribuzione annua netta che percepisce un giudice della Corte Costituzionale è pari a 427.416,99 euro mentre il Presidente – per il suo lavoro in più(?) – percepisce 512.900,44 euro compresa l’indennità di rappresentanza.
    Per dare un ordine di grandezza: un giudice della corte costituzionale percepisce in un giorno, quanto un operaio percepisce in un mese, ovvero circa 1.400 euro: chi dei due partecipa di più alla creazione di ricchezza del paese?
    Stipendi vergognosi per individui che non fanno praticamente nulla per il paese, se non vomitare sentenze dannose e di parte.
    Ma non basta, al termine del loro “servizio”, che dura qualche anno, percepiscono una pensione e un’indennità di buonuscita che varia in relazione ai percorsi professionali di ciascun Giudice costituzionale e quindi alle differenti posizioni maturate nel corso della carriera.
    I veri privilegi non sono in parlamento – anche se ce ne sono – sono nelle magistrature e nelle varie oligarchie burocratiche.
    Ah, se per caso ve lo foste chiesto, si', hanno anche l’auto blu. Infatti un’autovettura è assegnata a tutti i Giudici in virtù di un regolamento interno – si fanno i regolamenti “interni” per assegnarsi privilegi – ed in considerazione – scrive un portavoce della Consulta – della particolare posizione rivestita dagli ex membri della Corte, che continuano a far parte di commissioni, gruppi di lavoro, delegazioni per incontri istituzionali in Italia e all’estero. Ma quale posizione, quale “lavoro”…
    https://voxnews.info/2018/05/25/ques...lione-di-euro/

    TRENI LOMBARDI PRESI D’ASSALTO DA ‘LORO’: OGNI GIORNO RESPINTI IN 220
    Sono 7, a quanto emerge dalla relazione di ieri in aula dell’assessore regionale alla Sicurezza Riccardo De Corato, le tratte ferroviarie da bollino rosso in Lombardia. La più pericolosa è la S9 Saronno-Seregno-Milano-Albairate, poi S8 Milano-Carnate-Lecco, dove una decina di giorni fa un poliziotto è stato massacrato da un gruppo di profughi nigeriani, e la S7 Lecco-MoltenoMonza-Milano, ostaggio delle baby gang di migranti. A ruota le linee Mortara-Milano, Voghera-Pavia Milano, Domodossola-Arona-Milano, Milano-Carnate-Bergamo.
    Settimana scorsa, per cercare di far tornare la situazione entro i livelli di guardia, gli assessori De Corato e Terzi (Infrastrutture) hanno messo sul tavolo del prefetto di Lecco, Liliana Baccari, il progetto dei «Patti locali di sicurezza urbana»: più controlli e uomini in divisa nelle stazioni più calde. Per ora, a svolgere il ruolo di deterrente ci sono 90 guardie giurate (60 a bordo e 30 a terra). A cui potrebbero aggiungersene altre 20.
    Ogni mese sono 6.600 le persone che vengono fatte scendere dai convogli perché colte senza biglietto o per qualsiasi altra causa. Non si abbassano invece i numeri dei senzatetto che trasformano i sedili in dormitori: i convogli 10823, 10825 e 10829, che da Lecco raggiungono Milano Porta Garibaldi al mattino, registrano le situazioni più critiche.
    In soccorso dei passeggeri e del personale di viaggio, arriva anche la tecnologia. A partire dal Focal Point Security, il sistema che permette di individuare i treni e le stazioni dove minacce, atti vandalici e aggressioni sono all’ordine del giorno. Senza dimenticare la videosorveglianza nelle carrozze e le bodycam, ovvero quelle microtelecamere che controllori e capitreno fisseranno sulle divise per riprendere eventuali episodi violenti. Sulle linee Milano-Chiasso, Milano-Lecco e Milano-Mortara, nelle ore serali funziona il sistema di “Chiusura carrozze” per quanto riguarda le vetture di coda.
    Un progetto che mira a con centrare i posti occupati e ad assicurare un maggiore presidio: entro fine mese partirà anche sulla pericolosissima Saronno-Albairate. Non solo. Perché l’assessorato alle Infrastrutture di Regione Lombardia, aggiunge De Corato, metterà sul piatto 8 milioni di euro per consentire a tutte le forze dell’ordine di viaggiare gratis. In modo da aumentare la sicurezza dei pendolari.
    «L’utilizzo dei militari sui treni è una delle opzioni che riteniamo di mettere in campo, ma dal Ministero non sono arrivate risposte. Vedremo come il nuovo esecutivo e il nuovo ministro dell’Interno risponderanno», ha sottolineato ieri De Corato.
    «Non possiamo permetterci controllori che hanno paura di chiedere il biglietto per non rischiare di essere aggrediti, cosi' come viaggiatori vittime di continue rapine e aggressioni. Sono sicura che Regione Lombardia, pur non avendo una diretta competenza sul tema, saprà gestire questa situazione», ha commentato Viviana Beccalossi, consigliere regionale del Gruppo Misto ed ex assessore al Territorio.
    https://voxnews.info/2018/05/24/tren...spinti-in-220/

    IL RITORNO DI BELLO FIGO: «MAI LAVORATO, NON FA PER ME»
    Intervistato da Le Iene ‘spiega’: «prego Dio di procurarmi tanti soldi, tanto successo e tante fighe. Tra Trump e Berlusconi preferisco l’ultimo perchè ha più soldi»
    «Sono arrivato in Italia quando avevo 12 anni – racconta -. Mi guardavo intorno e dicevo: qua è figo. Ho studiato per fare il meccanico, poi ho smesso. Non ho mai lavorato in vita mia: se la vita e il caso non me l’ha mai fatto fare vuol dire che non fa per me».
    Bello FiGO rappresenta la tipica cultura degli africani che immigrano in Europa. Non sono poveri, sono personaggi dal basso tasso culturale che vengono abbagliati dalla ricchezza immaginaria che vedono in tv e che poi ostentano una volta diventati spacciatori o magnaccia.
    https://voxnews.info/2018/05/24/il-r...-per-me-video/

    La trap rende ancora più lerci i treni regionali
    Cercare un antidoto musicale, qualcosa di assolutamente bianco, terso, raffinato, con lunghe parti strumentali, meglio se chitarristiche, in Steven Wilson
    Sul lercio regionale solo-seconda-classe che mi tocca prendere perché la Freccia è soppressa qualcuno in fondo al vagone diffonde ad alto volume un verboso rap o trap, non saprei dire se arabeggiante o indianeggiante: comunque fa sembrare ancora più unto il sedile.
    Cerco un antidoto musicale, qualcosa di assolutamente bianco, terso, raffinato, con lunghe parti strumentali, meglio se chitarristiche, e mi sovviene Steven Wilson. Ascolto “Song of unborn” che a sua volta mi fa risalire alla memoria “Many too many” dei Genesis, di quando l’Europa era ancora assolutamente Europa.
    Leggo che Wilson suonerà a Verona il 25 giugno, nel Teatro Romano per giunta. So che su quelle romanticissime gradinate tra la collina e il fiume siederanno miei simili, miei fratelli, l’unico tipo di persone che vorrei incontrare sui treni e ovunque. Lo spirito dell’antica Europa, se non il tecnico luci, proietti lo scettro di Carlo Magno sul cielo sopra Verona.
    https://www.ilfoglio.it/preghiera/20...ionali-196723/

    PARROCO VUOLE SBOLOGNARE SPACCIATORE ALBANESE AI PARROCCHIANI: “ACCOGLIETELO AI DOMICILIARI”
    ”Caro parrocchiano ti invito ad ospitare un carcerato albanese di 42 anni ai domiciliari. Lo farei io stesso ma sono combattuto perchè da pochi mesi ho allontanato dalla canonica un marocchino che non si stava comportando bene. Sinceramente, mi verrebbe la voglia di passare per le case di Rustega dove vive un uomo solo e fare il postino e chiedergli di “fidarsi” e accogliere cristianamente un carcerato che deve scontare il residuo di 2 anni al Due Palazzi a Padova per spaccio di droga”.
    Così, Don Marco Scattolon, parroco a Rustega di Camposampiero, già protagonista nel caso del ‘marocchino’, nella sua settimanale cartolina inviata alle famiglie, cerca di sbolognare un delinquente albanese di 42 anni, detenuto per motivi di droga, desideroso di venir ospitato in canonica per scontare ai domiciliari i restanti due anni di detenzione.
    https://voxnews.info/2018/04/17/parr...i-domiciliari/

    PALERMO: 2000 FAMIGLIE SENZA CASA, PARROCO INGORDO PREFERISCE OSPITARE 8 AFRICANI
    Le ultime rilevazioni statistiche sulla qualità della vita a Palermo confermano che la città si colloca agli ultimi posti delle classifiche nazionali. In un periodo segnato dalla crisi economica, i problemi sociali ed economici che interessano le persone e le famiglie palermitane hanno conosciuto un incremento esponenziale. Valga per tutti il dato delle problematiche dei senza casa, persone che non hanno isicamente alcun tetto ove dimorare, che a Palermo sono passati dal dato di un centinaio (circa 5 anni fa) agli attuali 500 casi.
    Le famiglie in graduatoria per l’emergenza abitativa sono ormai quasi 2000. Per risolvere questo problema ecco che arriva l’iniziativa della chiesa di Santa Chiara. Camere multiple e una cucina in comune. Cosi' sono stati accolti 8 migranti che rimarranno a Palermo per inserirsi nella realtà cittadina, ospiti di alcuni locali della chiesa di Santa Chiara.
    https://voxnews.info/2018/05/22/pale...fricani-video/

    ROMA, PARROCI IN RIVOLTA CONTRO BERGOGLIO: 90% RIFIUTANO PROFUGHI
    Bergoglio ha invitato i sacerdoti di Roma ad aderire al business dell’immigrazione, ma fortunatamente, solo un prete su dieci ha risposto in maniera positiva.
    Per la precisione, ‘solo’ 38 parrocchie romane su 332 hanno dato la loro disponibilità. Molti sacerdoti, quindi, non si sarebbero mossi. Altri avrebbero tentato, ma si sarebbero scontrati con la contrarietà dei fedeli e dei residenti. In tutto sarebbero ‘solo’ 121 gli immigrati ospitati nelle parrocchie.
    https://voxnews.info/2018/05/16/roma...tano-profughi/

  6. #296
    Forumista senior
    Data Registrazione
    15 Dec 2011
    Messaggi
    2,012
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Rif: Le delizie della società multietnica

    SENEGALESE GESTISCE CENTRO MIGRANTI A SPESE DEGLI ITALIANI
    La realtà è più tragicomica della fantasia.
    Ha 31 anni, si chiama Insa Moussa Ba Sané ed è senegalese, il nuovo responsabile per la Croce Rossa del famigerato centro di accoglienza per clandestini del Parco Roja di Ventimiglia. Ha preso il posto di Gabriella Salvioni e il passaggio di consegne c’è stato nei giorni scorsi.
    Ormai si gestiscono anche i centri. Ma li paghiamo sempre noi. E’ tempo di chiuderli. A Ventimiglia, il centro della Cri è una calamita di degrado e criminali. Il nuovo ministro degli Interni chiuda queste oscenità, questi centri del collaborazionismo.
    https://voxnews.info/2018/05/31/sene...egli-italiani/

    MEDICI SENZA FRONTIERE RACCATTANO ALTRI 158 CLANDESTINI IN LIBIA
    La nave Aquarius dell’organizzazione non governativa Medici senza frontiera ha prelevato oggi 158 clandestini. I migranti, tutti a bordo di un singolo gommone “ora sono tutti in salvo”. Il numero di clandestini sbarcati in Italia nei primi cinque mesi del 2018 è stato di 13.430. I dati indicano un aumento degli arrivi negli ultimi giorni, in particolare dal 25 al 29 maggio, con un picco di 1.211 sbarcati il 28 maggio.
    Secondo le nazionalità dichiarate al momento dello sbarco, menzionate in una tabella del ministero aggiornata al 30 aprile, in Italia sono sbarcati soprattutto cittadini tunisini (2.934), eritrei (2.211), nigeriani (916), ivoriani (792), sudanesi (737), maliani (605), pachistani (478), guineani (485), algerini (425) e iracheni (412). Tutti, ovviamente, in fuga dalla guerra in Siria.
    https://voxnews.info/2018/05/31/medi...tini-in-libia/

    OSA RIFIUTARE AVANCES AFRICANO, RAGAZZINA ITALIANA PRESA A PUGNI PER STRADA
    In pieno giorno, poco dopo le 16 di sabato pomeriggio, nella frequentatissima piazza San Jacopino, sotto gli occhi di passanti e commercianti. Una ragazzina di soli 17 anni è stata colpita con un pugno in faccia così violento da scaraventarla a terra. La 17enne vive in zona, è stata portata in ospedale e se la caverà con qualche giorno di prognosi.
    Ma il terrore è stato tanto: «Ma mia figlia ora ha paura, è sotto choc. Non vuole nemmeno portare il cane fuori» ha raccontato la madre.
    La 17enne era col fidanzato, un coetaneo fiorentino. Noncurante della presenza del ragazzo, è stata avvicinata da un egiziano che si è lasciato andare ad una serie di volgari avances diventate sempre più insistenti. Ma alla richiesta di finirla, l’immigrato si è avvicinato al ragazzo per colpirlo ma ha finito col centrare la 17enne che era nel mezzo. Un colpo secco, tra la faccia e il collo, che l’ha spinta a terra.
    «E’ sotto choc ancora» racconta Francesca Lorenzi, presidente del comitato San Jacopino, un’amica di famiglia. «E’ assurdo che accadano queste cose – dice –, è assurdo che una donna non possa sentirsi libera di girare con una gonna e una maglietta. Noi non ne possiamo più, polizia e carabinieri sono presenti, i controlli sono anche aumentati. Corrono quando noi li chiamiamo. Ma siamo invasi da stranieri di ogni nazionalità e ora con il ramadan in corso sono sempre di più e anche più nervosi». Francesca, più volte ci ha messo la faccia per denunciare i problemi del suo rione. «Ma basta abbassare l’attenzione un attimo – prosegue – per ritrovarsi senza portafogli, derubati in casa o sul posto di lavoro. E spesso, sono molto aggressivi. Chiediamo di fare un censimento, vogliamo sapere chi sono, da dove vengono e se hanno il permesso per stare in Italia».
    Come osate non darla in piazza al primo migrante che ve la chiede, non sapete che è razzismo?
    https://voxnews.info/2018/05/29/osa-...ni-per-strada/

    MATTARELLA INIZIA GIÀ A PARLARE DI “ACCOGLIENZA”
    “La costante e leale collaborazione fra tutte le componenti istituzionali e sociali chiamate a confrontarsi con il fenomeno delle migrazioni consente di affrontare l’individuazione di soluzioni in grado di garantire legalità, accoglienza e integrazione”. E’ un passaggio del delirante messaggio che il presidente abusivo della Repubblica Sergio Mattarella ha inviato a quei parassiti istituzionali che vanno sotto il nome di prefetti in occasione delle iniziative promosse per la festa del 2 giugno.
    Già comincia a scassare. Ricordiamo a Salvini che le diarchie non hanno mai funzionato nella storia.
    https://voxnews.info/2018/06/01/matt...i-accoglienza/

    PARIGI, RADICAL CHIC CONTRO ARRIVO IMMIGRATI: “NOSTRO QUARTIERE NON È POSTO ADATTO”
    Ora i radical chic parigini sono pentiti. Non credevano che i ‘migranti’ fossero così molesti.
    Gli abitanti di una lussuosa area parigina sono in rivolta ​​dopo che le autorità hanno sistemato circa 170 immigrati nella zona.
    All’inizio di questa settimana, centinaia di loro sono stati sgomberati dai loro accampamenti di fortuna lungo i canali della capitale francese, e alcuni di loro sono stati trasferiti in un rifugio di nuova costruzione nel parco di Bois de Boulogne.
    L’area verde si trova lungo il bordo occidentale del ricco 16° arrondissement di Parigi, che ospita la casa dell’ex presidente Nicolas Sarkozy, lo stadio del PSG e quello di tennis del Roland Garros dove attualmente è in corso il French Open.
    La mossa è stata una sorpresa per la gente del posto, che ha detto che ora ha problemi di sicurezza. “Penso che le persone qui non siano molto contente che siano qui”, ha detto uno dei residenti.
    Ma non solo i quartieri ricchi. Anche i sobborghi abitati dalla classe media. Il ministero dell’Interno francese, Gérard Collomb, ha riferito che i clandestini verranno ospitati in strutture temporanee in attesa che i loro documenti e il loro status venga esaminato. Sono circa 18 le palestre che per un periodo indefinito ospiteranno i migranti nella regione Ile-de-France.
    Ieri, per esempio, circa un centinaio di richiedenti asilo ha fatto il loro ingresso in due palestre di due piccoli comuni a sud di Parigi. “Perché lo Stato ha scelto Morsang-sur-Orge, ci sono città molto più ricche”, afferma un abitante del posto durante una riunione sull’argomento. E ancora: “Perché in questa palestra quando i nostri bambini vanno a scuola proprio qui accanto?”.
    L’Africa è disabitata ed enorme, e devono venire qui, nelle nostre città densamente abitate.
    https://voxnews.info/2018/06/02/pari...-adatto-video/

    «CINQUANTAMILA MARITTIMI ITALIANI SOSTITUITI DA IMMIGRATI»: IN CAMBIO DI SOLDI A CGIL-CISL-UIL
    Ecco perché i sindacati sono per l’immigrazione: ci guadagnano
    Cinquantamila marittimi italiani senza imbarco. A cui si aggiungono 30 marittimi che ogni 2 giorni cercano un lavoro da Torre del Greco, Castellammare (Napoli), Molfetta e Bari, Trapani. In zone d’Italia dove il lavoro non c’è.
    L’armatore Vincenzo Onorato, presidente di Moby Lines e Mascalzone Latino, attacca i suoi colleghi che sfruttano immigrati e tradiscono la loro terra: “Mi vergogno a farne parte, salvo solo poche eccezioni”. Gli altri armatori, secondo quanto fa sapere, “imbarcano solo marittimi extracomunitari, lasciando a terra gli italiani”. Eppure “per dare lavoro agli italiani c’e’ la defiscalizzazione totale”.
    Esiste una legge, la numero 30 del 1998, stando alla quale, infatti e’ prevista questa misura. Nonostante questo, gli armatori puntano sui marittimi extracomunitari perche’ “costano meno”. Come la legge sia stata aggirata, e’ lo stesso Onorato a spiegarlo: “Attraverso un accordo con la triplice sindacale che definire vergognoso e’ poco. Siamo al colmo dell’ipocrisia”.
    LEGGETE: https://voxnews.info/2018/05/27/sind...gli-immigrati/
    Stando al verbale di accordo del febbraio 2003, che Onorato fornisce come ‘prova’ di quanto ha spiegato, la Confitarma concede un versamento di 190 euro per marittimo imbarcato comunitario ed extracomunitario proprio ai sindacati. “E’ una battaglia a difesa dell’occupazione degli italiani – dice Onorato – Nonostante la legge, proprio attraverso degli accordi sindacali, negli anni, gli armatori hanno aggirato l’ostacolo, assumendo extracomunitari che sono sottopagati”.
    Onorato fa sapere di detenere un “primato negativo”: sulle sue navi ci sono “5mila marittimi italiani”. “Se volessi diventare primo armatore in Italia – aggiunge – dovrei mandarli tutti via e prendere extracomunitari. Ma non ci sto, sono armatore di quarta generazione, con me lavorano oggi, figli di marittimi che lavoravano con mio padre, mio nonno. Non li mando a casa”. E quando i suoi consulenti gli fanno notare che si potrebbe risparmiare, Onorato risponde loro: “Non mi interessa”.
    Dal punto di vista politico, l’armatore, presidente della Moby spa, dice di aver trovato “apertura” da Cinque Stelle, Fratelli d’Italia e Lega. “Il Pd ci ha fatto una legge – racconta Onorato – il senatore del Pd Roberto Cociancich ha scritto un testo che e’ rimasto fermo due anni”. L’emendamento al ddl 2228, legge europea 2015, limita i benefici fiscali del Registro internazionale alle sole navi che imbarcano equipaggi italiani o comunitari. Ad oggi, pero’, tale legge non ha ancora avuto l’ok definitivo.
    “Ci ha messo un anno per essere trasmessa dal Ministero dei Trasporti a quello dell’Economia – sottolinea Onorato – quando sembra che fosse tutto ok, e’ stata trasmessa in Europa e intanto stiamo aspettando da 3 anni”. La legge in questione ha ricevuto la bocciatura di Confitarma, ma per Onorato “c’era da aspettarselo”. “Gli armatori hanno ribattuto che avrebbe messo bandiere estere alle loro navi – conclude – dimenticano che se cambi bandiera, ma mantieni in Italia la tua organizzazione, devono pagare le tasse che non vogliono pagare. L’unica soluzione che hanno per evitare le tasse e’ imbarcare italiani”.
    https://voxnews.info/2018/05/28/cinq...cgil-cisl-uil/

    NIGERIANI CACCIANO BAMBINI ITALIANI DA CAMPETTO: “ORA È NOSTRO”
    Un gruppo di immigrati nigeriani ha tentato di cacciare dal campetto da calcetto della chiesetta di viale Paganini aluni bambini del quartiere che giocavano in quel momento nella struttura sportiva. “Adesso giochiamo noi” hanno urlato con arroganza i migranti e giù insulti e pallonate rivolte ai ragazzini italiani. Sul luogo erano presenti alcuni genitori dei minori che hanno immediatamente preso le difese dei figli. Sul posto è dovuta intervenire anche una volante dela Polizia per placare gli animi e la prepotenza degli stranieri.
    Un paio di giorni fa, nel quartiere Q4-Nuova Latina, un gruppo di richiedenti asilo nigeriani ha conteso il terreno di gioco parrocchiale a suon di insulti e pallonate contro un gruppo di ragazzini locali.
    L’episodio si è registrato in uno dei primi pomeriggi assolati della settimana scorsa nel campetto di viale Nicolò Paganini nei pressi della chiesetta dedicata a “Maria Madre della Chiesa”.
    Un gruppo di ragazzini giocavano col pallone, controllati a vista da alcune madri che passeggiavano con i cani lì intorno, quando si sono presentati una decina di giovani africani. Anche loro avevano un pallone, ma non potevano giocare perché il campo era occupato.
    Uno si è fatto avanti e, con tono sprezzante, ha ordinato ai ragazzini italiani di lasciare loro il campetto perché dovevano giocare.
    A quel punto è intervenuta un madre in difesa del figlio e dei suoi amici. Ne è scaturita un’accesa discussione, degenerata velocemente, al punto che uno dei genitori ha deciso di prendere il telefono e chiedere l’intervento della polizia.
    https://voxnews.info/2018/05/28/nige...-ora-e-nostro/

    LECCO: ALTRO BANDO DA 26 MILIONI DI EURO PER OSPITARE I PROFUGHI IN HOTEL
    Nuovo bando per l’accoglienza diffusa per la provincia di Lecco: 26 milioni di euro.
    Dato che oggi vanno tanto di moda gli # beh noi, su questo tema, stiamo con Dante De capitani. Ma guardiamoci dentro meglio nel bando commissionato dalla Prefettura alla stazione unica appaltante. Dunque lo stanziamento annuo, arrotondiamo per comodità, è di 26 milioni di euro per assicurare vitto, alloggio e qualche spicciolo a 1.200 migranti in attesa di conoscere quale status sarà loro assegnato. Ventisei milioni diviso 1.200 danno un costo annuo pro capite di 21.600 euro. E 21.600 euro diviso 365 giorni fanno 59 euro al giorno a testa per migrante da corrispondere alle cooperative che si aggiudicheranno l’appalto. Già qualcuno ci spiegherà perché viene poi indicato l’importo pro capite a base d’asta di 35 euro giorno pro capite. Ci sarà senz’altro una spiegazione ma da 35 a 59 euro la differenza ci sembra notevole.
    Tuttavia il problema non sta nell’aritmetica ma nella sostanza della questione. Un dipendente di un’impresa privata, diciamo con trent’anni di età e sei di anzianità ha percepito mediamente nel 2017 poco più di 19mila euro lavorando otto ore al giorno. Per 160 ore di lavoro al mese, costui può disporre di circa 70 euro al giorno con i quali pagarsi tutto: le spese di viaggio per andare al lavoro, il cibo, l’affitto o il mutuo, i medicinali, la scuola dei figli e così via.
    Di fronte a una provincia che si prepara a spendere 26 milioni per i cosiddetti profughi che cosa può pensare questo giovane? Che lavorare non serve a nulla se non a sopravvivere perché se anche non ha famigliari a carico se li trova a sua insaputa. E che forse vale la pena perdersi nel mare degli ammortizzatori tanto ci sarà sempre qualcuno che straparlando di sociale gli assicurerà vitto e alloggio. Quanto al resto, qualche lavoretto in nero e tutto quadra. (Ovviamente il nostro non è un suggerimento, ma la presa d’atto di un ragionamento per certi versi fondato).
    Pazzesco! Il salasso continua nella nostra provincia. Se da un lato qui i Consiglieri provinciali si dimettono, perché con coscienza per la mancanza di fondi, dovuta alla scellerata scelta della riforma del Rio, non riescono a pianificare la manutenzione delle strade e delle scuole ed i Sindaci non sanno più quale acrobazia inventarsi per portare avanti l’ordinaria amministrazione, dall’altro troviamo 26 milioni di euro, per mantenere i presunti profughi per un anno ancora.
    E così silenziosamente svendiamo il nostro territorio con le nostre tradizioni e la nostra cultura.
    Perché è noto, che i milioni di euro elargiti con i bandi per l’accoglienza diffusa, stanno servendo e sono serviti, per accogliere migliaia di persone, che non hanno alcun diritto di restare nei nostri comuni, ad oziare e senza alcuna dignità umana. E se poi pensiamo, che pochi di loro fuggono dalla guerra, chi stiamo ingrassando?
    Ed ecco la sconcertante e scottante risposta: questi soldi pubblici sono bruciati, per alimentare gli affari di fameliche cooperative e di privati disposti a tutto pur di guadagnare.
    Lecco e la sua provincia hanno già dato a sufficienza: come Lega chiediamo di fermare questa invasione, che porta solo insicurezza, degrado, malavita e toglie risorse importanti per i nostri cittadini!
    https://voxnews.info/2018/05/31/lecc...ughi-in-hotel/

    SCANDALOSO: ASSASSINO PAMELA VIENE PAGATO DAI CONTRIBUENTI
    Ieri la Lega, nel corso di una visita nel carcere di Marino del Tronto, ad Ascoli, aveva criticato il fatto che il 29enne nigeriano in carcere lavorasse: «Se è vero la cosa deve immediatamente interrompersi» avevano detto.
    Ed è vero. Conferma il suo avvocato: «Sì, Oseghale in carcere lavora – dice l’avvocato Matraxia –. Si tratta di pochissime ore e riceve un compenso ogni due mesi. Sono poche decine di euro. Non è un regalo che gli fanno ma è previsto dall’ordinamento penitenziario. Tengo a precisare che non è vero che è stato ammesso al gratuito patrocinio». Beh, con tutti i soldi che ha fatto spacciando droga, può usare quelli per pagarti: caro avvocato, vieni pagato con i soldi sporchi di sangue di tanti ragazzi.
    Mentre si svolgeva l’udienza davanti al tribunale, intanto, gli amici di Pamela hanno steso alcuni striscioni. Lo zio di Pamela ha detto di sperare che «le indagini stiano riempiendo quei buchi neri che in un caso complesso come questo ci possono stare. Siamo qui con mia sorella e gli amici di Pamela perché ci auguriamo che la giustizia vada fino in fondo, a 360 gradi, cercando di far luce non solo sul tragico e barbaro omicidio perpetrato su una ragazzina di 18 anni, ma anche sui fatti che lo hanno preceduto. Tra cui allontanamento dalla comunità».
    https://voxnews.info/2018/05/30/scan...-contribuenti/

    FRIULI, È SVOLTA TOTALE CON FEDRIGA: VIA DISCRIMINAZIONI CONTRO ITALIANI
    E’ una vera e propria svolta il cambio della guardia tra Serracchiani e Fedriga alla guida della Regione Friuli.
    Ieri vi abbiamo dato notizia della cancellazione del programma di indottrinamento Gender nelle scuole, oggi il programma ‘Prima gli Italiani’.
    Nel piano di Massimiliano Fedriga, la prospettiva è quella di un sistema sociale che, in Fvg, verrà tarato sul concetto di “prima gli italiani”, sfruttando il concetto di residenti a lungo termine all’interno dei confini regionali. Sempre che la Consulta poi non intervenga a gamba tesa.
    Del resto lo aveva promesso in campagna elettorale, e martedì 29 maggio, quando ha illustrato all’Aula la sintesi del suo programma di governo, si è mantenuto sulla linea tracciata negli scorsi mesi.
    Welfare e case popolari – In tema di servizi sociali, edilizia agevolata e pure di sostegno al reddito per Fedriga «va premiato chi ha costruito e fatto crescere, con fatica, la nostra regione».
    Cioè vanno agevolati nell’accesso ai diversi strumenti quei cittadini «che vivono da più tempo in Fvg» con la stella polare leghista che resta sempre quella «dei 10 anni di residenza». Questo perché è vietato privilegiare gli italiani in Italia e, quindi, si devono inventare modi di aggirare questo assurdo divieto.
    Certo, l’obiettivo non è facile. Un tetto simile è già stata cassato dalla Corte costituzionale all’epoca di Renzo Tondo e una manciata di giorni or sono (ma in quel caso si discuteva di asili nido) la Consulta è intervenuta bocciando la legge di Luca Zaia che, in estrema sintesi, favoriva gli italiani.
    «Troveremo una soluzione che escluda la possibilità di un’impugnativa da parte del Governo – ha detto il presidente, ma se al governo c’è Salvini..allora il problema nemmeno si pone –. Penso, ad esempio, a un sistema fortemente premiale legato agli anni di residenza in Fvg che garantisca, al momento della definizione delle graduatorie, un ampio vantaggio ai cittadini friulani. Una politica valida anche per la misura di sostegno al reddito che, inoltre, andrà modificata per concentrare maggiori risorse sulle politiche attive del lavoro».
    Immigrazione e sicurezza – Comunicata al governo abusivo l’intenzione di porre fine al sistema di accoglienza diffusa «bocciato senza appello da una larghissima fetta della cittadinanza» scegliendo un sistema di centri chiusi per l’immediata espulsione con una parallela richiesta di controllo dei confini, Fedriga, parte dal concetto secondo cui «chi entra illegalmente nel nostro Paese commette un reato» e quindi deve essere espulso. I centri devono essere luoghi di transito verso l’espulsione, non case vacanza.
    Quanto alla sicurezza, il presidente chiederà «un maggiore dispiegamento di forze dell’ordine» con una parallela valorizzazione «della polizia locale attraverso il ripristino e il potenziamento degli standard minimi di servizio funzionali alla copertura di almeno tre turni, modulati sulle 24 ore, per i corpi che dispongano di più di 100 operatori, per 365 giorni all’anno». Personale che dovrà girare armato, anche di notte, mentre è prevista anche l’implementazione del sistema di telecamere favorendo i controlli sul territorio.
    Insomma, una svolta a 360 gradi rispetto alla giunta Serracchiani che privilegiava gli immigrati e discriminava gli italiani.
    https://voxnews.info/2018/05/31/friu...ntro-italiani/

    SAVONA: TASSE PIÙ ALTE PER CHI AFFITTA CASA AI COSIDDETTI PROFUGHI
    Tassare il business immigrazione. Il Comune di Savona apripista in Liguria (dopo il caso del piccolo Comune di Pontinvrea).
    Grazie a una mozione presentata dal capogruppo leghista Matteo Venturino, votata dal centrodestra compatto, in città sarà aumentata la Tari per chi affitta alloggi privati alle varie onlu$ e coop.
    Insomma: Tari più cara per chi fa soldi affittando gli appartamenti come “case vacanze” per l’accoglienza dei migranti.
    I consiglieri di opposizione hanno votato contro il provvedimento anti degrado, che è già stata attuato con successo in molti altri Comuni lombardi e veneti, dove da tempo gli appartamenti affittati da onlus e coop che gestiscono il business migranti vengono legittimamente tassati come attività extra alberghiere (bed and brekfast, affittacamere, case vacanze) e non come residenze private.
    Il Comune di Savona ha già avviato un censimento delle abitazioni e al più presto verrà attuata la modifica del Regolamento comunale della Tari.
    https://voxnews.info/2018/06/02/savo...etti-profughi/

    LA BUFALA DI REPUBBLICA SULLE “CENE D’ORO DI SALVINI E LE PEN”: TUTTO FALSO
    Articolo bufala del giornale di fake news Repubblica contro Salvini. Ormai non sanno più che pesci prendere. E non serve un’inchiesta per scoprire che il titolo è falso, basta leggere l’articolo che si smentisce da solo!
    Il titolo:
    Europarlamento, i conti d’oro di Salvini e Le Pen: 13.500 euro per la cena di Natale
    Segue poi un articolo pieno di sciocchezze e in fondo allo stesso:
    L’ufficio di presidenza di Strasburgo ha chiesto ulteriori chiarimenti, prima di poter eventualmente pretendere il rimborso delle somme. Il gruppo della Lega non risulterebbe in ogni caso coinvolto dalla responsabilità dirette delle spese, specifica in una nota il segretario del gruppo Enl, Philip Claeys. Secondo il partito, “nessun eletto della Lega, né alcun componente dello staff, sono coinvolti e citati nelle contestazioni relative ai budget del Parlamento Europeo“.
    Una fake news. Come possa, un giornale semiserio come Repubblica pubblicare un articolo che smentisce se stesso tra il titolo e quello che c’è scritto e rimanere in edicola è misterioso.
    Ma Repubblica può continuare ad avere una pagina facebook. Nonostante pubblichi, da anni, false notizie per scopi politici evidenti.
    Se pensate di fermare così l’onda populista, avete fatto male i conti. Giornalisti servi.
    https://voxnews.info/2018/05/30/la-b...n-tutto-falso/


    SINDACO PD ELIMINA AUTO DA CENTRO PER NON TURBARE ISLAMICI, LORO: “NON BASTA”
    Primo venerdì del mese di giugno e, contemporaneamente, primo venerdì senza le automobili parcheggiate. Vietate, perché i musulmani devono stendere i loro tappetini:
    L’intento dell’amministrazione comunale è quello di proseguire per sempre con questa piccola “rivoluzione” del traffico.
    Ma loro, i musulmani, non si accontentano. Non lo faranno mai, finché cederemo davanti alle loro richieste. Ed esigono una grande moschea: “Una moschea, se ne parla da venticinque anni ma senza risolvere niente. Nessuno ci ascolta”, afferma l’Imam della comunità musulmana cagliaritana, Triki Mehrez.
    Mehrez è netto nel ricordare che “siamo tutti cittadini che lavorano e pagano le tasse (ahaha!), proprio come gli italiani. Va bene anche una moschea non come quelle vere”, spiega l’Imam. Per esempio, è sufficiente “un garage di 400 metri, con metà affitto pagato al Comune, così non occupiamo più la strada per pregare. Chiedo al sindaco di darci un posto”.
    https://voxnews.info/2018/06/01/sind...oro-non-basta/

    AFRICANO MOSTRA GENITALI AI BAMBINI AL SUPERMERCATO
    Il solito immigrato di colore (negro in termini tecnici) si aggira tra gli scaffali di un supermarket con i pantaloni abbassati.
    Sorpresi e meravigliati alcuni clienti hanno subito chiamato le forze dell’ordine. Altri hanno girato il video denuncia. Sconvolte alcune anziane si sono allontanate spaventate.
    Alla scena purtroppo hanno assistito anche dei bambini. Il fancazzista poi è uscito e si è diretto verso la piazza principale di Atripalda dove è stato catturato dalle forze dell’ordine. E’ stato poi sottoposto a T.S.O.
    Un’altra risorsa che ci pagherà le pensioni.
    https://voxnews.info/2018/06/01/afri...mercato-video/

    PULIZIA ETNICA, RECORD DI ‘NUOVI ITALIANI’ NEL 2017: 1 MILIONE
    E’ in atto un genocidio con altri mezzi. Ci sono infatti diversi modi di eliminare un popolo: con lo sterminio, il meticciamento o l’immigrazione di massa. Scartato il primo metodo, i globalisti stanno applicando in Europa e in Italia gli altri due. Soprattutto il terzo, perché il popolo italiano resiste al secondo: merito di una cultura millenaria che ha nella famiglia il centro primario di una resistenza che potremmo definire etnica.
    Nel 2017 il numero di acquisizioni di cittadinanza italiana ha toccato un nuovo record. L’anno scorso i nuovi cittadini hanno toccato quota 224mila e un terzo di loro ha meno di 15 anni. Il dato, rielaborato dalla Fondazione Ismu sulla base dei rilevamenti Istat, è stato reso noto in occasione della festa della Repubblica del 2 giugno, per sottolineare che la multiculturalità è ormai una realtà anche nel nostro Paese.
    Si è passati dai 65mila del 2012 ai 101mila del 2013, ai 130mila del 2014, per arrivare ai 178mila nel 2015 e ai 202mila nel 2016. In totale, negli ultimi sei anni, i nuovi cittadini sono stati 900mila (cifra che sale a 1,1 milioni se consideriamo l’ultimo decennio).
    Sono numeri da emergenza nazionale. Il governo populista arriva al momento giusto. Urge una riforma in senso restrittivo delle legge sulla Cittadinanza: se è impossibile tornare allo ius sanguinis in questa legislatura, è comunque fattibile inserire alcuni paletti che riducano di oltre la metà le acquisizioni di cittadinanza. Ad esempio basterebbe un test di lingua per renderla proibitiva alla maggior parte.
    Perché attenzione: non è vero che la “multiculturalità è inevitabile”, dipende tutto da noi. Oggi abbiamo, per la prima volta in decenni, la possibilità di riprenderci il Paese. E tornare indietro. A quando si stava meglio.
    https://voxnews.info/2018/05/31/puli...017-1-milione/

    BRANCO DI IMMIGRATI PESTA RAGAZZINO ITALIANO, LO LASCIANO IN UNA POZZA DI SANGUE
    E’ emergenza immigrazione in Emilia. Dove l’ininterrotto governo Pci-Pds-Ds-PD nell’arco dei decenni ha condotto ad una situazione – poi esportata nel resto d’Italia – dove gli immigrati si sentono padroni.
    Così, dopo il caso della ragazzina italiana pestata da un branco di coetanee immigrate, il tutto derubricato ad atto di bullismo, ecco un ragazzo italiano.
    Circondato, spintonato e alla fine buttato a terra e lasciato sul selciato della piazza in una pozza di sangue. Così è andata l’aggressione di sabato scorso, verso mezzogiorno, in piazza San Quirino a Correggio, ripresa dalla numerose telecamere di videosorveglianza installate dal Comune. La vittima è un ragazzo di 18 anni, correggese, Alessio Sardiello, che assieme a sua madre, non appena uscito dall’ospedale – intorno alle 15.30 – dove è stata medicato per una profonda ferita alla testa, ha sporto denuncia ai carabinieri.
    «Credo – racconta – che i ragazzi che mi hanno attaccato siano già stati individuati e che siano finiti nei guai. Io ho già il mio avvocato e aspetto la convocazione davanti al giudice». I ‘ragazzi’ che ‘nei guai’, sono un gruppo di giovanissimi indiani – una quindicina – pare non residenti a Correggio ma che frequentano le scuole superiori nella cittadina.
    «Sabato stavo andando al parco in bici – racconta Alessio –. Ho imboccato il sottopassaggio dove c’è la pista ciclabile per fare prima e mi sono trovato davanti i ragazzi indiani che occupavano tutto lo spazio. Non riuscivo a passare; ho chiesto che si spostassero e sono cominciati i problemi».
    Prese in giro, strafottenza e – secondo Alessio – un ragazzo indiano che, addirittura, si avvicina alla bici e piazza due o tre manate dietro la nuca dell’italiano. «Mi sono sentito umiliato e avevo tanta rabbia in corpo – prosegue il diciottenne – ma sono rimasto calmo perché ho pensato che dentro il tunnel potevamo farmi molto male senza essere visti da nessuno. Sono ripartito dicendo loro “se volete fare i furbi ci vediamo alle 13 in stazione quando escono da scuola i miei amici».
    «Sono arrivato in piazza San Quirino – prosegue Alessio – ero teso come una corda di violino e dovevo fumare una sigaretta. Sono rimasto fermo pochi minuti e li ho visti arrivare». Non è scappato, Alessio, ma li ha affrontati: «Uno di loro – ricorda – il più arrabbiato, mi ha dato tre schiaffi. Ho buttato la bici da una parte e ho cercato di tirargli un pugno, ma l’ho mancato. Intanto altri tre mi sono venuti addosso e mi hanno scaraventato a terra, e nella caduta mi sono ferito alla testa. Sono scappati – conclude Alessio – perché hanno visto il sangue che usciva».
    https://voxnews.info/2018/05/29/bran...zza-di-sangue/

    FIGC: “BALOTELLI CAPITANO PER EDUCARE ITALIANI”
    “Sarà una scelta del ct, Roberto Mancini. Potrebbe essere un’idea, però è giusto che sia una scelta dell’allenatore perché comunque deve avere una simbologia anche tecnica non solo sociale”.
    Il direttore generale della Figc, tal Michele Uva, anche lui abusivo come il governo politico, commenta l’ipotesi di un Mario Balotelli capitano azzurro, intervenendo a ‘Tutti convocati’ su Radio 24.
    Gettano la maschera. In quel “anche tecnica”, c’è tutto il significato di una scelta che è solo propagandistica.
    Infatti: “Potremmo avere forse per la prima volta due atleti di colore con la fascia di capitano dell’Italia (Nazionale maggiore e Nazionale femminile ndr) – sottolinea ancora Uva -. Per me è talmente normale che quasi non ho parole su questo argomento perché dico… che cosa vi dico, poi purtroppo i balordi esistono. Il calcio è anche un attrattore dei mali del Paese però probabilmente abbiamo anche la responsabilità di far sentire queste cose come fattori normali di un Paese normale”.
    No, non è normale avere un capitano dell’Italia che non è italiano. E i balordi non sono coloro che dicono la verità, semmai chi la nega per mere motivazioni politiche. Balordo è chi usa lo sport per guadagni personali e costruire piscine a spese dei contribuenti come il suo capo.
    https://voxnews.info/2018/05/30/figc...care-italiani/

    RIACE, IL COMUNE RIPOPOLATO COI PROFUGHI VA IN DEFAULT
    I migranti sono talmente una risorsa, che la cittadina che ha fatto del ripopolamento con gli immigrati un modus vivendi sta andando in default: fallendo per debiti. Che, ovviamente, dovranno ripianare i contribuenti italiani.
    La cittadina si chiama Riace, il suo sindaco è ovviamente del PD ed è conosciuto come ‘il mago di Riace’, perché avrebbe fatto sparire un milione di euro.
    Chiuso per default. È questo il rischio che sta correndo Riace, il paesino ripopolato grazie al business dell’accoglienza dei sedicenti profughi e per questo divenuto un modello per i media di distrazione di massa. Un modello che andava avanti solo con i soldi dei contribuenti, ovviamente.
    Il suo storico sindaco, Mimmo Lucano – inserito da Fortune fra i 50 uomini più influenti al mondo e dai magistrati nel registro degli indagati – non sa più dove trovare i soldi. Da tempo, la prefettura ha sospeso i trasferimenti dei fondi destinati ai progetti di accoglienza e l’intero paese, una sorta di monocoltura dell’immigrazione che basava tutta la propria economia sul parassitismo dell’accoglienza, rischia di essere obbligato a gettare la spugna.
    Seguite la logica di chi vede in Riace un ‘modello’: i contribuenti italiani devono pagare gli africani per vivere a Riace. Questo, loro, lo definiscono ‘risorsa’ e ‘rinascita’.
    Per questo attorno a Riace e al suo sindaco, arrivato ormai al suo terzo ed ultimo mandato consecutivo (il perché lo capite da soli), si è stretta l’intera rete dei Comuni parassitari (Recosol). Per due giorni i parassiti dell’accoglienza hanno invaso Riace per una discussione collettiva su come continuare a sfruttare i contribuenti italiani. Ed è stato, in un certo senso, un altro business: l’amministrazione aveva messo a disposizione case e ostelli, ma non sono bastati, in tanti hanno dovuto cercare alloggio nei vicini paesini della costa. Perché in tanti, troppi, mangiano con l’accoglienza.
    https://voxnews.info/2018/05/27/riac...va-in-default/

    VIA IL TRICOLORE, IMMIGRATI ISSANO BANDIERA MAROCCO SUL MUNICIPIO
    Tre immigrati marocchini hanno sostituito la bandiera italiana con quello del Marocco dal pennone comunale di Portogruaro, città in provincia di Venezia. Là dove sventola il Tricolore in è stata dunque esposta la bandiera del Marocco, paese dei tre immigrati. Che hanno filmato la scena in cui li si vede cantare e pregare in arabo.
    Il gesto dei tre immigrati non è però passato inosservato agli avventori del bar vicino che hanno poi avvisato le forze dell’ordine. Gli autori dell’azione sono stati dunque identificati: si tratta di tre marocchini di età compresa tra i 18 e i 21 anni, di cui uno è studente e gli altri due disoccupati. Pare che i loro cellulari siano stati sequestrati dai carabinieri, i quali stanno vagliando ipotesi di reato e hanno informato la Procura di Pordenone.
    Un chiaro gesto dimostrativo: vogliono essere padroni a casa nostra. E un piccolo segno di cosa potrebbe accade in futuro: è indubitabile che l’integrazione si mera illusione tra popolazioni antitetiche, quindi stiamo crescendo un cancro in seno. Pregate che non siano mai abbastanza numerosi come stanno per essere i turchi in Germania, o assisteremo a qualcosa di più definitivo dei soliti crimini degli immigrati.
    https://voxnews.info/2018/05/30/immi...inni-islamici/

    SCONTRI ETNICI A CAGLIARI: ITALIANI CONTRO IMMIGRATI
    Un sabato sera di scontri etnici, quello che si è vissuto in pieno centro città. Da una parte i giovani del paese e dall’altro branchi di extracomunitari: dai colpi alle bottiglie di vetro fino a degli inseguimenti con l’automobile.
    I carabinieri delle stazioni di Cagliari e Sarroch, intervenuti in seguito a diverse chiamate ricevute dai cittadini, dovranno cercare di definire esattamente cosa è successo e cercare, anche grazie ad alcune telecamere di sicurezza, di dare un volto ai “partecipanti” alla maxi rissa.
    https://voxnews.info/2018/05/27/scon...tro-immigrati/

    AEREO PORTA IN ITALIA 50 AFRICANI: PER LORO GIÀ PRONTE CASE E LAVORO
    Sono giunti ‘grazie’ ai Corridoi umanitari, progetto pilota (!!!) promosso dalla Comunità di Sant’Egidio in complicità con il governo italiano che prevede di portare via aerea in Italia alcune migliaia di afroislamici.
    Gli immigrati verranno accolti in case e parrocchie secondo il modello dell’accoglienza diffusa. I senzacasa italiani si arrangino, per loro non ci sono corridoi, semmai auto.
    Arrivano dal Corno d’Africa i 50 immigrati sbarcati questa mattina, a Fiumicino. Somali, sud sudanesi ed eritrei, erano rifugiati in Etiopia a bordo di un aereo decollato da Addis Abeba.
    Saranno accolti in diverse regioni italiane (tra cui Lazio, Puglia, Liguria, Emilia Romagna e Sicilia). Tutto ciò grazie ad un progetto totalmente finanziato con l’8×1000 alla Chiesa.
    Non ci risulta ci siano guerre in Etiopia. Con quanto si spende per mantenerli in Italia, potevano esserne mantenuti lì dieci volte di più, in attesa di tornare a casa. Oltretutto, dei paesi citati solo in Somalia ci sono disordini. Ma l’obiettivo è un altro: la sostituzione etnica. Quindi devono assolutamente venire in Europa.
    https://voxnews.info/2018/05/30/aere...case-e-lavoro/

    FEDELI BOCCIANO BERGOGLIO: RECORD DI CONTRARI A IMMIGRAZIONE E ISLAM
    Un sondaggio di PewReasearch in Europa, mostra come i cristiani siano la componente più ostile all’immigrazione. Ad esempio, in Italia, mentre il 75% della popolazione identifica la cittadinanza con lo ius sanguinis, questo dato sale all’81% in chi si identifica come cristiano e va alla messa.
    Mentre la maggioranza degli italiani vuole ridurre i livelli di immigrazione, questo numero sale al 63% in chi va in chiesa.
    Lo stesso è vero nel caso di chi identifica l’islam come incompatibile con la nostra civiltà.
    Questo pone un problema a Bergoglio e ai vescovi: la loro ‘clientela’ non condivide le politiche di resa al nemico. Il che spiega, in parte, come mai diminuisca il numero di persone che va a messa.
    https://voxnews.info/2018/05/31/fede...zione-e-islam/


  7. #297
    Forumista senior
    Data Registrazione
    15 Dec 2011
    Messaggi
    2,012
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Rif: Le delizie della società multietnica

    Genova, accoltella poliziotto, altro agente spara e uccide l'aggressore
    Drammatico epilogo di un proposito suicida ad opera di un 20enne di origine ecuadoregna
    Luca Romano
    Drammatico epilogo di un proposito suicida ad opera di un 20enne di origine ecuadoregna: il giovane ha aggredito e ferito gravemente con un coltello uno degli agenti della polizia intervenuti, l'altro agente della pattuglia è intervenuto in soccorso del collega e anche di se stesso diventato altro potenziale bersaglio, ha estratto l'arma di ordinanza ed ha sparato, uccidendo l'aggressore.
    È accaduto a Genova, in un'abitazione in via Borzoli, dove a richiedere l'intervento della polizia era stata nel tardo pomeriggio la madre del giovane, riferendo che questi aveva intenti suicidi. Quando sono arrivati sul posto, gli agenti della sezione volanti della questura genovese sono stati avvertiti dalla donna che il figlio era a letto nella propria camera, coperto da un lenzuolo ma armato di un grosso coltello e diceva che con quell'arma si sarebbe tolto la vita. Gli agenti hanno provato la via della mediazione, del dialogo, ma il giovane non cedeva. A quel punto - stando ad una prima ricostruzione - i poliziotti hanno richiesto via radio che sul posto venisse fatto arrivare un medico per il successivo trasferimento del 20enne in ospedale.
    E proprio in quei frangenti il giovane di origine sudamericana si è alzato di scatto dal letto, si è scagliato contro l'agente che era a portata di mano e l'ha colpito ripetutamente con il coltello. L'altro agente è intervenuto in soccorso del collega, oltre che ovviamente proteggere se stesso, ed ha estratto la pistola e fatto fuoco, per l'aggressore la morte è stata praticamente istantanea. Sul posto sono arrivati altri agenti ed anche personale del 118 che ha prestato i primi soccorsi all'agente colpito, tamponando la perdita di sangue, e quindi trasferendolo in codice rosso al San Martino di Genova, dove adesso è sottoposto a intervento chirurgico. Nell'abitazione sono in corso i rilievi degli investigatori coordinati dal magistrato di turno della Procura di Genova.
    Genova, accoltella poliziotto, altro agente spara e uccide l'aggressore

    Moschee integraliste Quei legami sospetti tra Italia e Turchia
    Nel mirino i finanziamenti di Diyanet e i collegamenti coi Fratelli musulmani
    Alberto Giannoni
    Milano Islam politico e Turchia ormai sono un tutt'uno. «Nel panorama dell'integralismo, i turchi sono quelli con i soldi» spiega Lorenzo Vidino, studioso e direttore di un progetto sull'estremismo alla George Washington University.
    L'Austria ha deciso di espellere decine di imam legati dell'Atib, l'unione turco islamica legata alla Diyanet, la Direzione turca per gli affari religiosi. Vienna chiude anche sette moschee. E molti plaudono. «La questione non è se aprire o meno ma chi gestisce, chi mette i soldi, chi forma gli imam» spiega Marco Lombardi, docente alla Cattolica. Vienna chiude, Milano dà il via libera. E molti lo sottolineano, notando proprio come uno dei minareti da sanare sia quello di via Maderna, in mano a Milli Gorus, sigla islamica turca inserita nella «black list» governativa tedesca. Il Municipio 4 è apertamente contrario al piano comunale. «Le moschee non sono solo luogo di culto, sono luogo politico» dice il presidente Paolo Bassi, mentre i colleghi di altre due Zone annunciano parere negativo.
    Intervenendo su lavori (non autorizzati) in via Maderna, due mesi fa un consigliere regionale leghista, Max Bastoni, ha denunciato collegamenti inquietanti. «È emerso - ha detto - che la società che aveva ottenuto i permessi è la Europaische Moscheebau und Unterstutzungs Gemenschaft». Bastoni indica la società come una «azienda tedesca il cui socio di maggioranza è Ibrahim Al Zayat, presidente della Islamische Gemeinschaft in Deutschland, Igd, una delle maggiori organizzazioni islamiche della Germania, pienamente controllata dai Fratelli Musulmani». Quello di Al Zayat è un nome di peso. Lui ha sposato la nipote di Necmettin Erbakan, primo ministro turco negli anni Settanta e fondatore di Milli Gorus. La sorella - «coincidenza» notata da Vidino - gestisce molte organizzazioni legate alla Fratellanza in Austria ed è una fiera oppositrice del governo conservatore di Sebastian Kurtz. L'Atib è finita nel mirino in Austria. In Germania si parla della potentissima Ditib, che conta 800mila adepti e 900 moschee (anche in grandi città). Numeri enormi, legati a fenomeni migratori ingentissimi. In Italia il Ditib, identico logo, compare a Imperia, Modena, Como. E ancora a Milano, in via Toffetti. «Ditib Italia» si legge proprio nel campanello al civico 27, sotto un'insegna che reca la scritta: «Unione turca islamica degli affari religiosi d'Italia».
    «Vienna si è data lo strumento di una legge - osserva Vidino - in Italia non c'è la stessa attenzione, anche se i finanziamenti arrivano. Dalla Turchia e dal Qatar, come ha ammesso lo stesso presidente dell'Ucoii». Quando si parla di islam politico siamo nel campo della «ideologia», non c'è alcuna contestazione in atto, ma la descrizione di un mondo con caratteristiche costanti. E costanti punti critici, come il ruolo della donna, la libertà religiosa, i diritti degli omosessuali, i sentimenti «antisionisti» per non dire antisemiti. «L'islam politico - avverte Vidino - in un certo senso è ancora più insidioso, intanto è incompatibile con una reale integrazione e crea il terreno in cui attecchiscono altri fenomeni».
    I grandi progetti fioriscono. Dietro al grande «villaggio dell'Islam» che sorgerà a Sassuolo, per esempio, sta lo studio tecnico Alia Himmat. «Per coincidenza è figlia di Ghaleb Himmat» osserva Vidino, evocando un finanziere siriano associato alla Fratellanza musulmana. Lavori importanti sono stati eseguiti a Brescia. I principi del Qatar hanno visitato Piacenza. E direttore del centro islamico di Piacenza è Yassine Baradai, già responsabile comunicazione di «Islamic relief» e poi dirigente del Caim, il coordinamento dei centri islamici oggi presieduto da Osman Duran, il leader di via Maderna a Milano. Baradai è anche il fondatore di «Halalandia», piattaforma di e-commerce che vende abbigliamento ai musulmani: hijab e tappetini per la preghiera. E libri «fondamentali». «Oggi la Turchia - si legge nel Chi siamo - è considerata uno dei centri dell'Islamic fashion style».
    Moschee integraliste Quei legami sospetti tra Italia e Turchia

    In Friuli la pacchia è già finita: Fedriga ferma il business sui migranti, stop ai finanziamenti per l’accoglienza
    La pacchia per affaristi, imprenditori falliti e cooperative rosse e bianche, in Friuli Venezia Giulia è già finita. Il nuovo governatore leghista, Massimiliano Fedriga, ferma il business sulla pelle dei clandestini: stop ai finanziamenti pubblici per l’accoglienza.
    Svolta in Friuli. L’obiettivo è chiaro, politicamente studiato a tavolino e si muove indifferente a lamentele, critiche e attacchi: la Lega vuole smontare, pezzo per pezzo, il business dei richiedenti asilo organizzato dal centrosinistra negli ultimi cinque anni. Come per gli sbarchi: ci vorrà un po’ di tempo.
    La lettera a Roma, inviata a una manciata di giorni dall’insediamento della nuova giunta, con cui si annunciava al Viminale la volontà di cancellare l’accoglienza diffusa per ritornare – come peraltro indicato dal neo ministro dell’Interno Matteo Salvini – a un sistema tarato sui Cie è stata la prima mossa.
    L’intenzione di cancellare i piani immigrazione, e di limitarne la disponibilità economica già in assestamento di Bilancio per la parte non vincolata, ha rappresentato, poi, il secondo tassello di un “piano” complessivo contro la mafia dell’immigrazione.
    Il ritorno ai Cie (che sono centri di espulsione dai quali non si esce) e il taglio dei fondi per i lavori socialmente utili (che non sono gratuiti come millantava il PD) – senza dimenticare il desiderio di rivedere i criteri di accesso dei profughi al sistema sanitario – rappresentano le architravi di un progetto su cui, a breve, potrebbe innestarsi un terzo paletto che porti, come annunciato giovedì in Aula dal capogruppo leghista Mauro Bordin, a una serie di misure tali da implicare il «divieto di concessione di contributi pubblici a chi ha già ottenuto denaro per l’accoglienza».
    «Applichiamo semplicemente il buon senso e combattiamo una possibile, ed evidente, concorrenza sleale – spiega Bordin –. Se una persona possiede un albergo in una località turistica normalmente lo apre soltanto durante la stagione affrontando, quindi, il più classico dei rischi d’impresa perché se arrivano i turisti guadagna, altrimenti va in difficoltà.
    Quando qualcuno, invece, decide di ospitare decine di migranti nei periodi “morti” si avvantaggia rispetto ai suoi competitors. Non soltanto perché incassa tutto l’anno, considerato come poi i turisti sostituiscano i migranti, ma anche perchè può utilizzare una parte della somma ottenuta per migliorare la propria struttura. E a quel punto consentirgli anche di accedere ai bandi regionali per noi diventa sbagliato».
    «Nell’attuale periodo storico le risorse pubbliche sono inferiori rispetto al passato – conclude il capogruppo –. Pertanto, a maggior ragione, il loro utilizzo deve avvenire attraverso criteri che considerino le finalità di interesse generale che si intendono perseguire ma, allo stesso tempo, criteri di rotazione che consentano una maggiore fruizione.
    Il vincolo lombardo potrebbe trovare, in Fvg, un’applicazione generale ed essere utilizzato in termini di esclusione oppure, più blandamente, di priorità o di maggior punteggio. Una normativa simile consentirebbe di garantire un’equa ripartizione delle risorse avvantaggiando prioritariamente coloro che non hanno già beneficiato recentemente di finanziamenti pubblici.
    In Friuli la pacchia è già finita: Fedriga ferma il business sui migranti, stop ai finanziamenti per l'accoglienza - Riscatto Nazionale

    Il sindaco vuole multe per chi accoglie immigrati, polemica nel vercellese
    Di Anna Pedri
    Un comune in provincia di Vercelli, mesi fa, ha dato il via libera a una delibera che prevede multe per chi “affitta immobili a cooperative o associazioni per l’accoglienza di profughi”. Immediate le polemiche, e infine la reazione del Difensore civico regionale, che chiede l’annullamento di tale delibera. Il sindaco, Michela Rosetta, non ci pensa proprio e afferma: “Se proprio vuole, il Difensore civico può inviare la sua lettera al nuovo Ministro dell’Interno, vediamo poi quale sarà la risposta”. A San Germano, tra l’altro, domenica si voterà per le amministrative e il sindaco è in lizza per rinnovare il suo mandato. Se ne infischia delle accuse di razzismo che le sono piovute addosso dopo che lo scorso mese di agosto aveva deliberato fino a 5mila euro di sanzioni per i privati che avessero affittato immobili a immigrati, a cooperative sociali o associazioni che lavorano per l’accoglienza, senza prima avvertire il Comune stesso.
    La richiesta del Difensore civico regionale arriva dopo mesi di polemiche, ma la delibera in questione era già stata approvata dal prefetto e anche l’ex ministro dell’Interno Marco Minniti non si era espresso in materia, affermando che della cosa avrebbe dovuto occuparsi la magistratura. Il sindaco di San Germano tira dritto per la sua strada, e afferma: “Rimango convinta di quella delibera, il mio compito è difendere il territorio ed è quello che ho fatto. Io tutelo i miei cittadini e non mi interessano i soldi che il Comune potrebbe ricevere dal Governo in cambio di un centro di accoglienza sul territorio”.
    Quando venne approvata la delibera, il primo cittadino spiegò di ritenere “intollerabile che Prefetture, privati, organizzazioni (religiose e non), cooperative ed enti in genere facciano business con il sistema dell’accoglienza fregandosene dell’amministrazione comunale che, suo malgrado, si troverà costretta a gestire enormi problemi quando la grande maggioranza dei richiedenti asilo si scoprirà non avere diritto allo status di profugo, continuando a pesare sulle comunità locali”. Sta di fatto che da quando è entrata in vigore la delibera nessuno ha trasgredito, e a San Germano di profughi o presunti tali non ce ne sono.
    https://www.ilprimatonazionale.it/cr...cellese-86869/

    TRAINI SEMPRE PIU' POPOLARE, INVOCATO DURANTE TRASMISSIONE RAI
    Che Traini a Macerata goda della solidarietà e dell’ammirazione di una fetta, ampia, della cittadinanza, lo ha dimostrato anche un servizio di Cartabianca di Rai3.
    Mentre la giornalista intervista un immigrato in corso Cairoli, un’auto passa e dal finestrino qualcuno urla: “Traini, Traini”.
    E’ l’ennesimo caso di appoggio aperto al ‘giustiziere di Macerata’.
    Il che evidenzia dove sia arrivata l’esasperazione della popolazione.
    Un uomo sulla sessantina confessa: «Il gesto di Traini l’avremmo voluto fare tutti, molti inter nos l’hanno pensato».
    Decidete: o Salvini potrà fare quello che ha promesso, o avrete mille Traini per le strade.
    https://voxnews.info/2018/06/02/trai...one-rai-video/

    “Giustizia per Pamela”. L’iniziativa di CasaPound nelle città italiane
    Sono oltre cento le città italiane che nella notte sono state tappezzate con lo striscione “Giustizia per Pamela”. A organizzare il blitz i militanti di CasaPound Italia, che hanno voluto lanciare un chiaro messaggio di solidarietà alla famiglia di Pamela Mastropietro, la diciottenne romana uccisa in un rituale macabro a Macerata, il cuo corpo è stato smembrato e ritrovato in due valigie sul ciglio di una strada di campagna.
    A muovere i militanti di CPI sono state le recenti vicende processuali, definite “sconcertati”. Il tribunale del Riesame ha infatti escluso il reato di violenza sessuale a carico del nigeriano Innocent Oseghale, e fatto cadere il capo d’accusa per di omicidio, occultamento e vilipendio del cadavere per i suoi due complici connazionali. “Anche se non c’è stata ancora alcuna sentenza e il procedimento è ai suoi primi passi – commenta Cpi – tutto lascia pensare che sia in corso un tentativo di attenuare il quadro e ricondurre la morte di Pamela a una sorta di delitto passionale”.
    “Sentir parlare di ‘clima amicale’ o di ‘rapporto consensuale’ fra la diciottenne sotto effetto di eroina e il suo carnefice ci sembra aberrante. Per non parlare del silenzio mediatico da parte dei buonisti sempre pronti a condannare la violenza sulle donne, tranne quando a perpetrarla sono gli immigrati”prosegue la nota di CasaPound Italia. Si ricorderà infatti, che nessuna delle femministe sempre pronte a difendere le donne dalla violenza ha partecipato ai funerali della giovane, e nessuna parola di sdegno si è udita dalla capostipite delle paladine della solidarietà femminile, l’ex presidente della Camera Laura Boldrini.
    Per CasaPound, inoltre, “c’è un problema di sensibilità nei confronti della famiglia di Pamela, costretta ad apprendere dai giornali gli sviluppi della vicenda, senza alcun riguardo verso la memoria della ragazza uccisa. È intollerabile che la dignità di una famiglia italiana che ha subito una tale tragedia possa essere calpestata mediaticamente e, forse, anche giudiziariamente, solo perché la sorte degli italiani lascia indifferenti coloro che formano l’opinione pubblica in questo Paese”.
    https://www.ilprimatonazionale.it/ap...taliane-87014/

    Orban benedice Salvini e Austria: "In Ue ora ci sono uomini duri"
    Il premier ungherese parla di Italia e Austria. Il pensiero va a Lega e M5S: continua l'asse che vuole "cambiare l'Europa"
    Giuseppe De Lorenzo
    L'asse sembra ormai assodato. Matteo Salvini e Viktor Orban, da quando il leghista è diventato ministro dell'Interno, si mandano segnali di apprezzamento reciproco.
    Un'alleanza che potrebbe portare l'Italia al fianco dei Paesi di Visegrad e che già - in occasione della discussione sulla riforma di Dublino - ha messo in difficoltà gli altri partner dell'Ue.
    Il primo ad allacciare rapporti era stato Salvini. Da Frosinone il ministro aveva parlato dell'Ungheria come di un paese con cui l'Italia potrà cambiare l'Europa. Entrambi, in fondo, sono dichiaratamente euroscettici. E sia Orban che il leghista si sono trovati sulla stessa barricata contro la libera circolazione delle Ong dei migranti nel Mediterraneo o in Est Europa. Con loro, ed è una Triplice Allenaza davvero inedita in Ue, si è schierato ora anche Sebastian Kurz, forse il più moderato tra i tre leader ma che in Austria è Cancelliere grazie ai voti dell'Fpo. Partito amico di Lega e Orban.
    Ecco allora che proprio in occasione dell'incontro dei ministri dell'Interno europei di qualche giorno fa in Lussemburgo, Ungheria, Austria e Italia si sono trovati sulla stessa nave. "L'Italia è un alleato forte", ha detto il ministro di Kurz a margine dell'incontro che ha fatto naufragare la riforma di Dublino sulle domande di asilo dei migranti. E oggi Orban torna alla carica, rinsaldando un legame di cui gli altri Paesi Ue difficilmente non potranno tenere conto. "Le cose procedono secondo i miei gusti - ha detto oggi il premier ungherese - nella politica europea sono apparsi protagonisti duri. Sarà chiaro che siamo ragazzi ben educati rispetto ai nuovi leader che ora aprono la bocca e dicono cose che sorprendono anche gli ungheresi. È ciò che vedo in Austria e in Italia".
    Orban sa bene che in Italia il boom elettorale della Lega è dovuto alla volontà dei cittadini "di fermare l'immigrazione". Ed è su questa corda che le tre nazioni intendono suonare all'unisono. È vero: ieri l'Austria ha proposto di creare campi di accoglienza in stati "extra-Ue" che l'Ungheria non vede di buon occhio. Un punto di contrasto, forse, che però potrà essere superato facilmente. Orban vorrebbe "luoghi di accoglienza in Africa" tanto da ricordare che Visegrad "ha già offerto molti milioni di euro (35, ndr) al governo italiano perché possa avviare il suo progetto di trasportare gli immigrati fuori dal suo territorio".
    Le convergenze programmatiche arriveranno. Per ora a contare sono i legami che verranno a formarsi. E Orban, Salvini e Kurz (o lFpo) sembrano già sulla buona strada. Non è un caso se Italia e Visegrad hanno fatto crollare la riforma di Dublino da due punti di vista differenti (se non opposti): l'importante, oggi, è sare segnali all'Ue di un cambio di registro.
    Orban benedice Salvini e Austria: "In Ue ora ci sono uomini duri"

    IL RADICAL CHIC CHE SCONVOLGE I RADICAL CHIC: “IMMIGRATI RUBANO IL LAVORO”
    E lui lo sa bene. Perché è uno di loro. Ma, a differenza loro, con un cervello ancora funzionante. Cosi' Federico Rampini ha capito quello che qualunque massaia ha capito da anni: l’immigrazione è un danno.
    E lo ha spiegato, tra un urlo disperato di Zucconi e l’altro, nel corso dell’ultima puntata di Piazza Pulita su La7. Con un j’accuse duro e spietato.
    “Sulla globalizzazione la sinistra si è ormai appiattita sul pensiero unico neoliberista e non ha visto che stavano nascendo degli squilibri e delle storture inaccettabili”.
    “La sinistra radical chic vive nei quartieri dove si sta benissimo dove c’è ordine, sicurezza e l’immigrato è l’autista del taxi, il netturbino, il cameriere del ristorante. I ceti più poveri invece ci vivono a fianco, hanno l’immigrato clandestino come concorrente sul lavoro, perché anche questa è una cosa che si tende a sottovalutare: non è vero che gli immigrati vengono solo a fare i lavori che noi non vogliamo più fare, l’immigrazione viene usata per schiacciare i salari e sono tutte cose che la sinistra ha smesso di dire”.
    “Se la sinistra continua a usare lo spread come criterio supremo, purtroppo dà ragione a chi dipinge la sinistra come establishment. E si appiattisce sul vincolo esterno e cioè il governo deve fare cio' che chiede Bruxelles o Berlino, butta via un patrimonio di critica dell’austerità germanica che è un patrimonio della sinistra”.
    Tutte cose che le persone normali hanno compreso da tempo. Ma tutte cose che i radical chic – ormai l’unica classe che vota in massa il PD – non ha mai capito. Perché vive, letteralmente, in un altro mondo.
    https://voxnews.info/2018/06/02/il-r...ano-il-lavoro/

    GENTILINI: «STOP INVASIONE DI NERI O FINISCE CIVILTA'»
    L’ex sceriffo di Treviso, Giancarlo Gentilini, a margine di un comizio della campagna elettorale del candidato sindaco Mario Conte a Treviso, ha ribadito i punti del programma della Lega per i prossimi 5 anni se Conte dovesse vincere le elezioni del 10 giugno e l’eventuale ballottaggio del 24 giugno.
    «La sicurezza finanziaria delle famiglie innanzitutto – ha detto Gentilini – perché nascano bambini. Non voglio invasioni nere o la nostra civiltà finirà.
    https://voxnews.info/2018/06/02/gent...nisce-civilta/

    BUSINESS ACCOGLIENZA, SALVINI: “TAGLIO I 35 EURO ALLE COOP”
    Continua la battaglia di Matteo Salvini contro l’accoglienza indiscriminata dei fancazzisti africani e pakistani in fuga dalla guerra in Siria.
    E da ministro dell’Interno vuole rendere il business non redditizio come oggi, tagliando i finanziamenti che lo Stato assicura alle cooperative per l’ospitalità dei cosiddetti richiedenti asilo.
    Ogni anno gli italiani versano 5 miliardi di tasse per i finti profughi traghettati da Ong e navi straniere sulle coste italiane.
    Ieri da Fiumicino, il neo inquilino del Viminale ha spiegato che l’obiettivo è dividere tra clandestini e i pochi “veri rifugiati”. C
    “Faremo un esperimento – ha spiegato il leghista – alle cooperative invece di dare 35 euro al giorno, gliene daremo un po' di meno, e vedremo che ci sarà un bel po' di generosità in meno, perché c’è molte gente che accoglie per guadagnare, non perché glielo dice il buon Dio…”.
    Ma sono azioni che possono diminuire ma non eliminare il traffico. Serve stilare, ogni mese, Paesi sicuri i cui cittadini non possono chiedere Asilo: praticamente tutti, tranne quelli in guerra.
    https://voxnews.info/2018/06/05/busi...uro-alle-coop/

    NON LASCIANO MOLESTARE LE AMICHE, PESTATI DA IMMIGRATI A FIRENZE
    Incredibile episodio a Firenze. La notte scorsa sono finiti in ospedale due ragazzi italiani, ‘rei’ di avere impedito ad alcuni immigrati di molestare le loro amiche sul Ponte alle Grazie. Vittime due fiorentini, di 25 e 29 anni, che erano intervenuti dopo che gli immigrati dell’Est Europa avevano cominciato a infastidire le coetanee con cui stavano passeggiando. Ne è nata una colluttazione dopo la quale sono dovuti ricorrere alle cure del 118 per essere rimasti feriti al labbro e al sopracciglio. I due sono stati accompagnati in codice giallo all’ospedale di Santa Maria Nuova. Sull’episodio indaga la polizia.
    Un altro anno di PD e scattava lo ius primae noctis.
    https://voxnews.info/2018/06/06/non-...ati-a-firenze/

    CAMERUNENSE VIVE 2 ANNI IN HOTEL A SPESE NOSTRE PERCHE' C’E' LA GUERRA IN SIRIA
    SARNO (SALERNO), 8 GIU – Sarebbe stato colpito alla schiena con una mazza da baseball mentre tornava a casa in bici, probabilmente da due ventenni che dopo il gesto avrebbero anche esultato. A denunciare alla Polizia un’aggressione a sfondo razziale è stato un ragazzo 27enne del Camerun, da due anni residente a Sarno (Salerno), dove ha conseguito un permesso di soggiorno per motivi umanitari: il giovane ha giocato nella squadra di calcio Intercampania, in Prima categoria. Gildas Landry Mvomo Dang ha raccontato agli agenti del commissariato di Sarno che – secondo quanto riferito dal legale, Hilarry Sedu – stava tornando in bici presso l’hotel in cui vive, ospite di un progetto Sprar. Ha sentito un’auto, si è girato e ha notato un “braccio magro” che spuntava dal finestrino protendersi e una mano che teneva una mazza da baseball. Il 27enne ha poi sentito un forte colpo alla schiena ed è rovinato sull’asfalto; “mentre mi colpivano – ha aggiunto – ho sentito solo un urlo tipo festeggiamenti sportivi o di entusiasmo”.
    Dove “ha conseguito”, ma quale scuola di giornalismo fanno i leccaculari dell’Ansa? Hai una laurea? No, ho un permesso di soggiorno umanitario.
    Ma, a parte il leccaculismo dei nostri media di distrazione di massa, e del fatto che i sedicenti profughi sentono le voci e vedono ‘bracci magri’, si apprende che un camerunense di 27 anni vive da 2 anni in hotel a spese dei contribuenti. Questo perché, come sapete, c’era la guerra in Siria.
    https://voxnews.info/2018/06/08/came...erra-in-siria/

    FIGLI DI IMMIGRATI VANDALIZZANO SCUOLA, SECONDA VOLTA IN 2 ANNI: LIBERI
    Probabilmente non ricorderete il caso dei figli di immigrati che lo scorso anno schiantarono un bus contro la scuola di Carpi, visto che i media fecero di tutto per nascondere quanto avvenuto.
    Bene, i giovani virgulti hanno vandalizzato un’altra scuola. I giovani vandali hanno rubato 23 computer dall’istituto scolastico Sacro Cuore, nella notte fra martedi' e mercoledi' scorsi. La scuola, infatti, aveva denunciato una scorribanda criminale che aveva portato a diversi danneggiamenti dei locali, ma soprattutto alla sparizione di ben 23 computer da diverse aule dell’istituto. Il caso è stato preso in mano dai Carabinieri di Carpi, che grazie soprattutto ai filmati della videosorveglianza interna alla scuola sono riusciti in tempi record a identificare i criminali.
    Intorno alle ore 4 due ragazzi sono entrati nell’area cortilivia della scuola, poi hanno sfondato una porta per avere accesso alla struttura. Una volta saliti al secondo piano si sono concessi una “pausa”, fumando e mangiando qualche snack, prima di esplorare gli ambienti. Trovata la chiave dell’aula professori hanno rubato i primi sei pc, sfondando l’armadio in cui erano custoditi. Una volta raggiunta l’aula di informatica, poi, hanno sfondato la porta e si sono impossessati di altri 17 dispositivi.
    Alle 5.20 un terzo giovane, chiamato telefonicamente, ha raggiunto l’istituto e ha aiuta i complici a trasportare tutto il bottino fino al parco di via Spinelli, dove la banda si è separata. I Carabinieri perdono le tracce di uno dei tre, ma riescono a ricostruire le mosse degli altri due, che si allontanano con 11 dei 23 computer: 5 vengono nascosti tra la vegetazione lungo la Tangenziale Bruno Losi, mentre i restanti 8 vengono venduti ad un ricettatore, un ragazzo di origine argentina residente in città, che li acquista per 150 euro.
    A questo punto la coppia di malviventi torna a recuperare i restanti 10 computer e li sposta in via Lugli, dove pero' vengono sorpresi da un automobilista di passaggio. Questi – non certo un cittadino esemplare – invece che dare l’allarme alle forze dell’ordine, approfitta della fuga dei giovani e si impossessa a sua volta dei pc, facendo perdere le proprie tracce.
    Come detto, sono state le telecamere a fornire un supporto decisivo alle indagini dell’Arma: la particolare andatura ciondolante di uno dei protagonisti ha ricordato ai Carabinieri quella di una recente conoscenza, vale a dire di uno dei ragazzi che rubarono gli autobus Seta un anno fa, lanciandosi poi contro l’Istituto Meucci. Raggiunto a casa dai militari, il ragazzo è stato trovato in compagnia di un coetaneo, poi identificato come il complice immortalato dalla videosorveglianza. Grazie ai tabulati telefonici, infine, si è risaliti all’identità del terzo “uomo”, che è proprio il leader del gruppo di vandali, il quale era per altro evaso dalla comunità minorile di Imola in cui avrebbe dovuto scontare la pena per quanto commesso nell’aprile 2017.
    I tre, due di origine tunisina e un senegalese, oggi tutti maggiorenni, sono stati denunciati a piede libero per furto aggravato, mentre il maggiore è stato anche arrestato proprio per essersi allontanato da Imola. Denuncia per ricettazione anche per il 24enne argentino che ha acquistato i pc. I Carabinieri sono ancora al lavoro per rintracciare e restituire all’Istituto Sacro Cuore i 10 dispositivi che ancora mancano all’appello.
    https://voxnews.info/2018/06/07/figl...2-anni-liberi/

    STUPRATA E STRANGOLATA A 14 ANNI: ARRESTATO PROFUGO IRACHENO
    E' stato arrestato in Iraq, dove era fuggito, il principale sospettato per l’omicidio della 14enne Susanna, stuprata e poi uccisa in Germania. Lo ha annunciato il ministro dell’Interno tedesco, Horst Seehofer. Si tratta di Ali Bashar, 20 anni, iracheno la cui richiesta di asilo era stata respinta. E' stato arrestato “questa notte verso le 2 dalle forze di sicurezza curde nel nord dell’Iraq su richiesta della polizia federale tedesca”, ha riferito Seehofer.
    La 14enne, Susanna Maria Feldman, sarebbe stata violentata e poi strangolata a morte. Il caso ha scosso la Germania, sollevando un dibattito con interrogativi sulle politiche migratorie nel Paese.
    Il giovane era arrivato in Germania a ottobre del 2015. L’adolescente, ebrea, è stata uccisa a Wiesbaden fra il 22 e il 23 maggio. Il suo corpo è stato trovato mercoledi' grazie alle indicazioni di un rifugiato 13enne che assicurava che Ali Bashar gli aveva confidato di avere commesso il crimine. Ali Bashar, insieme ai genitori e ai cinque fratelli e sorelle, aveva poi lasciato la Germania il 2 giugno, quando ancora non era sospettato per l’omicidio, e si era recato a Erbil, nel nord dell’Iraq. La Germania collabora nella regione con i peshmerga, i combattenti curdi. Né Seehofer né le autorità curde hanno fornito dettagli precisi sulle circostanze dell’arresto. Precedentemente un portavoce del ministero degli Esteri tedesco aveva spiegato che Berlino e Baghdad non hanno un accordo di estradizione, il che potrebbe rendere difficile il rientro del 20enne in Germania.
    Ali Bashar era già noto alla polizia per diversi episodi di delinquenza e il suo nome compariva in un caso di stupro di una 11enne che abitava nello stesso centro per richiedenti asilo. Il partito di estrema destra Alternativa per la Germania (AfD) ha colto l’occasione per denunciare la politica di accoglienza dei rifugiati voluta dalla cancelliera Angela Merkel. A Bashar era stato negato l’asilo, ma aveva il diritto di rimanere in Germania in attesa che la giustizia esaminasse il suo ricorso.
    https://voxnews.info/2018/06/08/stup...fugo-iracheno/

    L'arcivescovo di Torino sui rom: "Ci deve guidare l'accoglienza"
    Mentre la Cei attende le prime mosse di Salvini, viene ribadito il primato dell'accoglienza. Tanto per i migranti quanto per le situazioni di degrado sociale che interessano le periferie italiane
    Giuseppe Aloisi
    Il dibattito sull'accoglienza continua ad animare la Chiesa cattolica. L'arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia, si è espresso sui diritti dei rom.
    La "stretta" sui migranti di cui dovrebbe essere artefice il ministero dell'Interno targato Matteo Salvini sembrerebbe preoccupare l'episcopato italiano. Più di qualche ecclesiastico ha già preso posizione sul tema.
    Un cardinale, l'arcivescovo di Agrigento Montenegro, ha dichiarato che la soluzione non può consistere nel "mettere fuori" i migranti. Una soluzione va trovata, ma se è "mettiamoli fuori" diventa problematico".
    Nel frattempo Nosiglia ha parlato della tutela dei diritti dei rom. Come riportato da Il Messaggero, l'arcivescovo di Torino è intervenuto scrivendo sul giornale della diocesi che presiede: "Il punto di partenza - ha esordito il prelato - non deve essere di condanna, come una popolazione da rifiutare e da allontanare, senza averli ascoltati e senza averne riconosciuto anche i diritti propri di ogni persona". E ancora: "I comportamenti di alcuni di loro possono essere anche disapprovati, ma sempre con rispetto al principio fondamentale che la nostra civiltà ci indica in simili casi: la via dell’accoglienza".
    L'arcivescovo di Torino sui rom: "Ci deve guidare l'accoglienza"

    VESCOVI A DIFESA DEL BUSINESS: “NON SOFFIARE SUL FUOCO DELLA RABBIA”
    Il Card.Bassetti, nella “Veglia di preghiera per l’Italia”, afferma:
    “Tanti rifugiati e profughi cercano una Patria con un volto materno”. C’è una “umanità italiana” che non dobbiamo “lasciar stravolgere da odi o razzismi” ma “incrementare”.
    Si vede che non conosce i propri fedeli. Capita quando vivi in torri d’avorio. L’Italia non è una puttana che aspetta l’ultimo immigrato che sbarca a gambe larghe, né un sodomita a novanta gradi sulla spiaggia, come troppi dei suoi colleghi.
    Non abbiamo ancora sentito nessun ministro populista parlare di taglio dell’8 per mille – un inizio sarebbe impedire la truffa del consenso tacito – e questo ci sorprende: la bestia va affamata. O ci resterà aggrappata ai coglioni per sempre.
    Solo un dimagrimento finanziario restituirà alla società italiana una Chiesa veramente cristiana e non la grassa Ong che è diventata.
    https://voxnews.info/2018/06/07/vesc...-della-rabbia/

  8. #298
    Forumista senior
    Data Registrazione
    15 Dec 2011
    Messaggi
    2,012
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Rif: Le delizie della società multietnica

    Fighetti che non convivono con gli immigrati su….! Fa bene la Lega”
    L’intesa M5S-Lega? “Destinata a durare perché non c’è l’opposizione”. se ne dice certo, dalle colonne di Libero, il direttore Vittorio Feltri, che ne approfitta per tirare una bomba al semiscomparso Partito Democratico. “La Lega negli ultimi trent’anni ha imparato a districarsi alla grande, rivelando una abilità notevole nell’interpretare le esigenze popolari. Il suo linguaggio non è forbito, tuttavia va sempre a segno, nel cuore dei cittadini. Viceversa la sinistra (PD e similari) ha offuscato la propria identità. Non si dedica ai lavoratori, che gli fanno quasi schifo, e si è appiattita sulle cosiddette élite”, ha scritto.
    E ancora: “La Sinistra raccatta voti nelle zone alte di Milano e Roma, per esemplificare, dove risiedono i fighetti progressisti, quelli che non convivono con gli immigrati sudici, e proprio per questo predicano l’accoglienza e tifano in favore dello ius soli, bischerate. Cosicché il PD, da forza operaia si è trasformato in una specie di circolo della caccia o del golf. I proletari lo guardano con sospetto e non gli concedono il suffragio…”.
    Furia di Vittorio Feltri: "Il PD? Fighetti che non convivono con gli immigrati su?.! Fa bene la Lega" - Riscatto Nazionale

    CLANDESTINO LE RUBA LA BICI: RAGAZZA LO INSEGUE E LUI LA STUPRA
    Ruba la bicicletta a una donna in un parco cittadino,lei lo insegue e lui la violenta.
    E’ accaduto giovedì ad Arezzo ma è emerso solo alcuni giorni dopo in virtù del fermo di un giovane bastardo marocchino senza permesso di soggiorno: un clandestino.
    Secondo quanto emerso la donna è una 30enne.
    La donna è stata inviata in ospedale e sottoposta alle cure del codice rosa che hanno confermato segni obiettivi di violenza.Lei stessa ha fornito elementi per l’individuziazione dell’immigrato.
    https://voxnews.info/2018/06/11/clan...lui-la-stupra/

    CLANDESTINO STUPRA DISABILE PER METTERLA INCINTA E AVERE PERMESSO SOGGIORNO
    Karim, 30 anni, è stato condannato a quattro anni di prigione per aver violentato una ragazza con disabilità mentale per tre giorni. Era già stato espulso dal territorio belga. Ciò non gli ha impedito di rapire a Liegi una ragazza handicappata di 19 anni, ma la cui età mentale è stimata da esperti di 7 o 8 anni e violentarla.
    L’uomo l’ha violentata allo scopo di farla rimanere incinta per regolarizzare la sua permanenza. Un po’ come ha fatto Oseghale con la sua ‘compagna’.
    La ragazza ha spiegato che l’ha maltrattata e l’ha costretta a fare sesso. Facendole male, fino al punto di sanguinare. L’ha anche drogata.
    https://voxnews.info/2018/06/13/clan...sso-soggiorno/

    CAMPOBASSO: I PROFUGHI FANNO LA SPESA GRATIS
    C’è voluto un presidio di Forza Nuova, ieri, 10 giugno, per sensibilizzare la cittadinanza in merito alla situazione “ormai insostenibile” per le attività commerciali di Colle delle Api e in prossimità del centro di accoglienza situato all’interno del comprensorio commerciale del Multiplex Maestoso. Sono centinaia i migranti ospitati nella struttura e la totalità dei commercianti è perfettamente consapevole che all’interno del centro si verifichino sovente fenomeni di spaccio e prostituzione.
    “I commercianti dislocati nell’area sono esasperati dall’arroganza di alcuni degli immigrati che spesso pretendono di non pagare facendo leva sulla situazione di indigenza, a volte anche spaventando i clienti”, sostengono i militanti di FN. “Abbiamo deciso di recarci sul luogo e di presidiare l’area”. Alcuni dei militanti, entrati all’interno per monitorare lo stato di degrado, hanno alzato la voce lasciando intendere che certi episodi di arroganza ai danni degli esercenti non sono tollerati.
    “Per l’ennesima volta, a uno Stato assente e una politica le cui istituzioni avallano l’invasione dei finti profughi in nome del business dell’accoglienza, subentra Forza Nuova che, da sola, combatte ogni giorno per tutelare gli italiani”.
    https://voxnews.info/2018/06/13/camp...-spesa-gratis/

    OSA CHIEDERE AL MIGRANTE DI TOGLIERE MERCE DALL’INGRESSO: NEGOZIANTE MASSACRATO
    Ha invitato un venditore ambulante abusivo, ovviamente straniero, a rimuovere la merce esposta proprio davanti all’ingresso della sua farmacia.
    Non l’avesse mai fatto.
    In pochi minuti è stato aggredito e colpito più volte alla testa ora si trova in ospedale, ricoverato in osservazione.
    La vittima è il dipendente di una farmacia di Napoli, nel quartiere Vasto, dove da mesi gli immigrati la fanno da padroni, pestando militari e poliziotti. E farmacisti.
    L’uomo, 55 anni, questa mattina si è recato al lavoro ed ha trovato l’uscio della porta della farmacia ostruito dalle merce che un cittadino straniero aveva esposto. Ha invitato l’ambulante a rimuovere la merce ma è stato picchiato. E’ stato colpito ripetutamente alla testa anche con il tacco di una scarpa, riportando profonde ferite.
    Lo straniero si è poi allontanato.
    Salvini: le città vanno bonificate dai clandestini. Urgono retate con camion militari che prelevano immigrati dalle strade e li conducono nell’aeroporto militare più vicino, dove C-130 li attendono per riportarli a casa loro. Se i loro Paesi non li rivogliono, allora stop finanziamenti e revoca dei permessi di soggiorno ai loro immigrati regolari. E visto che lanciarli dagli aerei sarebbe poco elegante, metterli in campi di sosta in Libia, come suggerito da Austria e Danimarca.
    https://voxnews.info/2018/06/14/osa-...te-massacrato/

    20 CLANDESTINI ARRIVANO CON LUSSUOSO YACHT: 7MILA EURO A TESTA
    Venti migranti sono sbarcati ieri in località «Le Castella» di Isola di Capo Rizzuto, da un lussuoso yacht di circa 20 metri denominato «Blue Horizon – Maiora».
    I clandestini sono stati rintracciati per le vie cittadine da personale dell’Ufficio di Gabinetto, dell’Ufficio immigrazione, della Squadra mobile della Questura di Crotone e dai militari dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di finanza. Successivamente sono stati soccorsi da personale del 118 e della Misericordia e poi nell’hub regionale gestito dalla ‘ndrangheta, il famigerato Cara di S.Anna di Isola di Capo Rizzuto. Del gruppo fanno parte 17 iracheni, un siriano e due iraniani.
    In Iraq la guerra è finita anni fa. In Iran non c’è mai stata.
    I viaggi con questi mezzi possono costare fino a 7 mila euro a persona. Nessuno fugge dalla guerra con 7 mila euro in contanti a testa per pagare lo scafista: anche perché ne devi avere molti di più per il resto. E in quei posti si tratta ceteris paribus dell’equivalente di 50 mila euro.
    https://voxnews.info/2018/06/14/20-c...-euro-a-testa/

    “CHIEDERE IL BIGLIETTO È RAZZISMO”: IMMIGRATO BLOCCA BUS
    Questa la bizzarra tesi di un 22enne del Gambia residente a Forlì, che è stato denunciato a piede libero dagli agenti della Volante della Questura di Corso Garibaldi con l’accusa di “interruzione di pubblico servizio” e “minaccia a incaricato di pubblico servizio”.
    L’episodio si è verificato a bordo di un autobus della linea di collegamento con Ravenna. L’intervento della Volante è stato richiesto dal conducente del bus, al quale l’immigrato impediva di ripartire.
    https://voxnews.info/2018/06/14/chie...to-blocca-bus/

    IL REDDITO DI CITTADINANZA SE LO PAPPANO TUTTO GLI IMMIGRATI
    Per capire che cosa accadrebbe se venisse messo in pratica il Reddito di Cittadinanza concepito dal M5s, che dovrebbero invece definire di Residenza, visto che non sarebbe limitato ai cittadini italiani, basta analizzare a chi vanno, oggi, sostegni simili.
    Ad esempio, il 45% di coloro che chiedono, e ottengono, il reddito di garanzia in Trentino è straniero. E’ questo quanto emerso da un’interrogazione presentata dall’allora Consigliere provinciale, ora Onorevole, Maurizio Fugatti della Lega. Nell’interrogazione veniva chiesto quanti stranieri comunitari, extracomunitari e italiani beneficiassero di tale trattamento.
    Il reddito di garanzia, come emerge dalla risposta inoltrata nella giornata di ieri, è stato abrogato dal 2018 e sostituito dall’Assegno Unico Provinciale, al contempo il 36,91% dei richiedenti è extracomunitario, il 7,35% comunitario e il restante 55,74% è italiano.
    Significa che l’8 per cento della popolazione, lo stesso che genera il 40% dei detenuti, si becca anche il 45% dei sostegni economici.
    Le risorse dedicate all’assegno unico a partire dal 2018 sono all’incirca di 75 milioni di euro, e mettono insieme tutte le risorse ad oggi dedicate al reddito di garanzia, all’assegno regionale al nucleo familiare, all’abbattimento delle tariffe degli asili nido e tagesmutter, all’assegno integrativo invalidi. Ad esse si aggiungono le risorse derivanti dalla mancata previsione dal 2018 della detrazione fiscale sull’addizionale regionale per i figli a carico che sono interamente dedicate ai nuclei con figli a carico. Complessivamente i nuclei ed i soggetti interessati alle varie quote sono un numero significativo: circa 7.000 per il sostegno al reddito, circa 32.000 per i figli, circa 3.000 per la l’accesso ai nidi d’infanzia e i disabili coinvolti circa 7.800, fatte salve naturalmente le sovrapposizioni di soggetti beneficiari che sono numerose.
    https://voxnews.info/2018/05/01/il-r...gli-immigrati/

    PAGHIAMO LA PENSIONE A 100MILA IMMIGRATI CHE NON HANNO MAI LAVORATO
    I radical chic à la Saviano ci insegnano che gli immigrati ci pagano le pensioni. Non è ovviamente così.
    Ad esempio, ci sono 82mila immigrati che riscuotono la pensiona senza avere mai lavorato in Italia nemmeno un’ora.
    Gli immigrati titolari di una pensione di tipo “sociale” sono 100mila, in crescita dai 74.429 dell’anno 2014. La maggior parte di loro sono titolari di pensioni assistenziali: 65mila circa.
    Le pensioni di tipo assistenziale sono svincolate da qualsiasi rapporto assicurativo o previdenziale, nel senso gli immigrati che le ricevono non hanno versato contributi: in pratica paghiamo loro la pensione solo perché si sono trasferiti qui e hanno più di 65 anni.
    Questo tipo di pensione è stato creato per dare una pensione a italiani over 65 anni che non avevano una pensione ‘normale’. Il PD ha approvato una legge che estende questo diritto agli immigrati. Ergo, è nato un ‘turismo degli anziani’ che da ogni parte del mondo si trasferiscono qui per ricevere la pensione sociale o, in molti casi, essendo genitori di immigrati fingono di farlo prendendo la residenza a casa dei figli. E noi paghiamo.
    L’assegno medio è di 8 mila euro circa. Moltiplicato per 81 mila pensionati siamo a circa 640 milioni di euro l’anno. Quindi, versiamo 640 milioni di euro a pensionati immigrati che non hanno mai lavorato in Italia o che non hanno mai versato contributi. Vi siete mai chiesti, infatti, cosa accadrà quando i venditori senegalesi andranno in pensione? Credete abbiano versato i contributi? No, ci troveremo milioni di attuai inutili ‘lavoratori’ da mantenere in vecchiaia.
    https://voxnews.info/2018/06/14/pagh...-mai-lavorato/

    BAMBINI DIFENDONO IL LORO SCIVOLO DA FIGLIO AFRICANI – VIDEO
    Un filmato dimostra che il fanatismo dell’accoglienza non è connaturato all’essere umano ma, piuttosto, l’effetto di sovrastrutture sociali che indeboliscono l’individuo ‘civile’ e l’ordine naturale delle cose.
    Nel video, che arriva da Bilbao, vediamo alcuni bambini locali che difendono i loro giochi dalle pretese di un piccolo africano: i bambini mantengono la purezza perduta dagli adulti, che sono condizionati dalla propaganda.
    Se ci fossero i bambini, sulle navi militari, non sbarcherebbero clandestini in Europa.
    L’uomo allo stato di natura difende cio' che è suo. E’ l’uomo sociale, incivilito e quindi addomesticato che rovescia i valori naturali creando una gerarchia etica che ha nel masochismo il proprio ordine anti-naturale.
    https://voxnews.info/2018/06/07/bamb...fricani-video/

    Orbán: "Ungheria pronta ad aiutare Italia a espellere migranti, ma no ripartire quote in Ue". Poi elogia Salvini e Bannon
    di ANDREA TARQUINI
    BUDAPEST - "Io capisco che gli italiani abbiano detto con il libero voto di volersi liberare dall'ondata di migranti. Se il nuovo governo italiano vuole, l'Ungheria guidata da me che sono stato il precursore della fermezza in nome dell'Europa, è pronta a fornire a Roma il suo aiuto e la sua esperienza. Non certo per ripartire i migranti tra vari paesi membri dell'Unione europea. No, siamo pronti ad aiutare gli amici italiani a espellere i migranti". Lo ha detto il popolare e carismatico premier sovranista ungherese, Viktor Orbán, in un'intervista diffusa dalla radio pubblica magiara di cui qui riferiamo alcuni passi salienti.
    “Capisco che vogliano liberarsi di loro, di quella gente che avrebbero fatto meglio a non far entrare. Capisco quanto sia difficile per loro realizzare l'obiettivo, ma non c'è ragione di farlo rovinando l'Ungheria”, ha affermato Orbán ribadendo il no a quote di ripartizione di migranti tra paesi membri della Ue come l'Ungheria. Ha continuato: “Posso suggerire al nuovo premier italiano di espellerli, e se prenderá tale decisione sappia che può contare sull'amica Ungheria che è capacissima con la sua esperienza di offrire assistenza logistica e consigli agli amici italiani”.
    Sempre secondo Orbán, "è bene che Steve Bannon abbia detto che io e Salvini stiamo reinterpretando la democrazia europea…certo, non dimentichiamo che l'Italia è un grande paese di 60 milioni di abitanti e noi siamo appena 10 milioni, ma siamo un paese, benché piccolo, fiero e coraggioso e deciso a difendere la propria identità la propria sicurezza e la propria cultura”.
    Nella lunga intervista Orbán ha poi elogiato gli innegabili successi dell'economia ungherese sotto il suo governo, tra solida crescita disoccupazione bassa e conti sovrani riportati in ordine dopo gli anni disastrosi (precedenti il 2010) del governo socialista.
    Orbán: "Ungheria pronta ad aiutare Italia a espellere migranti, ma no ripartire quote in Ue" - Repubblica.it

    L'assist del Belgio a Salvini: ​"Apriamo centri profughi in Africa"
    Dopo la chiusura dei porti italiani ai migranti, il sostegno del Belgio a Salvini: "Serve un campo profughi in Africa"
    Claudio Cartaldo
    La decisione di Matteo Salvini di chiudere i porti italiani allo sbarco dei migranti sta provocando la rezione delle altre Cancellerie europee.
    Se per ora l'Unione Europea sta mantenendo un inaccettabile silenzio sui dinieghi di Malta a farsi carico dei profughi della Aquarius, dal Belgio e dall'Ungheria arrivano segnali di sostegno al governo Conte.
    "Se l'Italia continua a dire: 'Non lo facciamo. Basta così'. E neanche Malta lo vuole fare. Sì, ci dovrà essere una soluzione con un campo per i profughi in Nord Africa", ha detto il segretario di Stato all'Asilo belga, Theo Francken. Non è la prima volta che il Belgio si schiera con il ministro dell'Interno. Già nei giorni scorsi aveva sostenuto la necessità per l'Italia di respingere gli immigrati. "Bisogna iniziare a respingere i barconi che navigano nel Mar Mediterraneo", aveva detto Francken, invitando Salvini a "smettere di accettare delle imbarcazioni (di migranti) in Sicilia e in Italia" per "cessare di incitare al traffico e di lasciare arricchirsi le mafie".
    Che si stia creando un asse di Paesi contrari all'accoglienza indiscriminata è ormai cosa nota. Viktor Orban non nasconde di appoggiare la linea dura di Salvini, pur ricordando all'Italia che non accetterà misure di redistribuzione degli immigrati. Dallo stesso lato della barricata ci sono ovviamente gli altri Paesi del gruppo di Visegrad, da tempo allergici ad ospitare i profughi accolti in Grecia e Belgio. Non è un caso se nei giorni scorsi è saltata la proprosta di riforma della disciplina di Dublino, affossata dal neo-governo giallo-verde e dalla opposizione di Visegrad, Italia e Austria.
    Ecco, la terza alleata dell'Italia è proprio Vienna. Sebastian Kurz nei giorni scorsi ha presentato il progetto ideato dal suo governo di aprire un campo profughi in un Paese europeo, ma extra Ue. Non ci sono ancora dettagli sul piano. Ma questo, insieme all'invito del Belgio a gestire i prfughi direttamente in Africa, è un segnale chiaro atutta l'Europa: sul fenomeno migratorio qualcosa dovrà cambiare.
    L'assist del Belgio a Salvini: ?"Apriamo centri profughi in Africa"

    Ora la Boldrini lo ammette: "In Italia 600mila irregolari". Ma se la prende con Salvini
    Franco Grilli
    "In Italia ci sono 600mila immigrati irregolari, che Salvini non riuscirà a espellere come promesso in campagna elettorale".
    Laura Boldrini pensa di fare gol contro il nuovo ministro dell’Interno, ma non si rende conto di calciare nelle propria porta, dando inavvertitamente ragione alle tesi del leader della Lega in materia di politiche dell’immigrazione. Si contraddice e si serve, paradossalmente, un assist per un autogol.
    L’ex presidente della Camera dei deputati e portavoce per ben quindici anni dell’Alto Commissariato per i Rifugiati ha fornito lei stessa i dati per criticare la linea dura di Salvini contro gli sbarchi, a partire dal caso internazionale della nave Aquarius.
    I numeri danno ragione a Salvini
    L’involontaria gaffe della Boldrini viene riportata da Dagospia, in un approfondito articolo di fact checking sui numeri e sulle pià disparate pinioni in materia di clandestini in Italia, Paese europeo che più di tutti sta soffrendo la più grossa ondata migratoria dalla Seconda Guerra Mondiale a questa parte.
    La paladina dei rifugiati, ammettendo che nel Belpaese c’è la bellezza di 600mila clandestini, sostiene – matematica alla mano – che gli irregolari sono pari all’1% della popolazione italiana. Tanti, tantissimi. Basti pensare che, per esempio, come ricorda Dago, in Francia i clandestini sono stimati tra i 200 e i 400mila, su una popolazione di circa 67 milioni.
    Infine, un ultimo dato numerico da tener ben a mente: i rifugiati veri e propri, si calcola, rappresentano appena il 10% del totale degli immigrati che sbarcano ogni anno sulle nostre coste.
    Ora la Boldrini lo ammette: "In Italia 600mila irregolari". Ma se la prende con Salvini

    Migranti, l'80% degli italiani appoggia la linea di Salvini e del governo
    L'80% degli italiani, quindi la stragrande maggioranza della popolazione, si schiera con il ministro dell'Interno Matteo Salvini e con il governo Lega-M5S sulla questione delicatissima dell'immigrazione dopo il caso della nave Aquarius. E' quanto emerge da una metanalisi realizzata in esclusiva per Affaritaliani.it dal sondaggista Alessandro Amadori. Metanalisi basata sui sondaggi dell'istituto Eumetra e dell'Istituto di Affari Internazionali.
    "I dati sono molto chiari. Il 30% degli italiani ha una posizione molto dura e vorrebbe che tutti gli immigrati venissero respinti", spiega il sondaggista. "Il 50%, invece, vorrebbe che fossero accettati soltanto in parte e soprattutto dopo una valutazione decisamente più mirata e attenta di quella attuale. Soltanto il 20% degli italiani dichiara di voler accogliere tutti i migranti".
    In base a questi dati, secondo la metanalisi di Amadori, "una larga maggioranza dei cittadini, circa l'80% appoggia le posizioni dell'esecutivo e in particolare del ministro dell'Interno.
    Migranti, l'80% degli italiani appoggia la linea di Salvini e del governo - Affaritaliani.it

    "L'operazione Mare Nostrum sponsorizzata da papa Francesco"
    L'operazione di salvataggio in mare dei migranti che cercavano di attraversare il Canale di Sicilia dalle coste libiche al territorio italiano, secondo le rivelazioni di Marco Tosatti, "avrebbe avuto uno sponsor eccezionale: Papa Francesco"
    Matteo Orlando
    Mare Nostrum, l'operazione di salvataggio in mare dei migranti che cercavano di attraversare il Canale di Sicilia dalle coste libiche al territorio italiano, attuata dal 18 ottobre 2013 al 31 ottobre 2014, avrebbe avuto uno sponsor eccezionale: Papa Francesco.
    Secondo quanto scrive il vaticanista Marco Tosatti sul suo blog, l’operazione gestita dalle forze della Marina Militare e dell'Aeronautica Militare italiane, che segnò l’inizio della straordinaria ondata di migrazione dalle coste africane, e in particolare dalla Libia destabilizzata dall’aggressione anglo-franco-americana, sarebbe dovuta ad una telefonata che il Pontefice regnante (allora da soli sei mesi sulla cattedra di San Pietro) fece "all’allora presidente del Consiglio Enrico Letta per sollecitare un intervento dell’Italia. Mentre si è saputo di una telefonata successiva, quando il governo Letta era in difficoltà, del colloquio del 2013 non si era venuti a conoscenza".
    Sicuro della solidità della sua fonte ("fonti di alto livello del Ministero degli Interni", tra i quali "un alto funzionario del dicastero, oggi in pensione") il giornalista ha scritto sul suo blog che "l’Italia decise unilateralmente di varare l’Operazione Mare Nostrum allo scopo di raccogliere in mare quanti più migranti possibile, portarli sul territorio nazionale, far fare a tutti la domanda di asilo e trattarli, anziché come clandestini, come richiedenti asilo e, di fatto, come veri e propri profughi. La questione, oltre a comportare la violazione del diritto interno, internazionale e consuetudinario [...] funse da moltiplicatore delle partenze dall’Africa, delle quali è tuttora un palese incentivo, e si tradusse in una collusione di fatto con i trafficanti di esseri umani, che da allora si arricchiscono ancor più, con cifre stimate superiori al traffico di stupefacenti".
    "C’era il Governo Letta in cattive acque. Arrivò una telefonata dal Papa", ha confidato un alto funzionario dello Stato a Tosatti, rievocando l’origine di Mare Nostrum. "Perché, secondo lei, appena ho potuto sono andato via?".
    Le fonti del Ministero dell’Interno citate dal giornalista genovese fanno notare che anche il programma di Triton, a dispetto delle indicazioni iniziali, si è poi rivelato una forma di aiuto al traffico di esseri umani, più che un mezzo di contrasto alla tratta e di aiuto dei migranti.
    "Se la notizia è vera", ha concluso Tosatti, "si tratta di una pressione straordinaria, e se vogliamo di un’interferenza eccezionale da parte della Santa Sede nei confronti dello Stato. E le cui conseguenze come sappiamo stanno continuando ancora adesso. Mentre continua, anche se adesso sostenuta anche da interessi corposi, la predicazione pro-migrazioni sempre e ovunque del Pontefice".
    "L'operazione Mare Nostrum sponsorizzata da papa Francesco"

    I vescovi contro il governo in nome dei diritti dei migranti
    Il presidente della Cei chiede di non alimentare "odi e razzismi" contro i migranti.
    Claudio Cartaldo
    Nei giorni scorsi il presidente della Conferenza episcopale italiana era alla "veglia di preghiera per l’Italia" organizzata dalla comunità di Sant’Egidio. Ed è stato un tripudio di frasi in favore degli immigrati. "Tanti rifugiati e profughi cercano una patria con un volto materno - ha detto l'arcivescovo di Perugia - In guerra si capisce il valore di una patria in pace". Ecco perché secondo Bassetti "non possiamo mancare alle nostre responsabilità, che hanno reso il nostro Paese conosciuto e simpatico nel mondo intero". Insomma: l'Italia, anche col governo Conte, con Salvini all'Interno e la Lega al potere, per la Cei deve continuare sulla strada tracciata dal Pd e compagni, ovvero quella "umanità italiana che non dobbiamo perdere o lasciar stravolgere da odi o razzismi, ma incrementare e trasmettere ai nostri figli".
    Ormai c'è poco da stupirsi. Sono vivi nei ricordi gli scontri tra Nunzio Galantino e Matteo Salvini sugli sbarchi dei migranti. La posizione dei vescovi è chiara ormai da tempo e segue le direttive indicate da papa Francesco di apertura totale ai migranti.
    Il fatto è che finché al governo c'era Gentiloni, nessuno avrebbe mai immagino solo l'ipotesi che il ministerto dell'Interno - per dire - potesse tagliare i costi dell'accoglienza ai richiedenti asilo, come annunciato da Salvini. La Chiesa, nelle sue mille declinazioni, gestisce direttamente o indirettamente moltissimi centri profughi. Perdere i fondi sarebbe un costo enorme. Tanto più che, come rivelato dal Giornale, la maggior parte delle risorse utilizzate dalla Chiesa per l'accoglienza non arrivano da fondi propri. Ma sono soldi elargiti proprio dal ministero dell'Interno.
    I vescovi contro il governo in nome dei diritti dei migranti

    BERGOGLIO: “MIGRANTI NON SONO NUMERI”, INFATTI IN VATICANO SONO ZERO
    “Nella questione della migrazione non sono in gioco solo numeri, bensì persone, con la loro storia, la loro cultura, i loro sentimenti e le loro aspirazioni. Queste persone, che sono nostri fratelli e sorelle, hanno bisogno di una protezione continua, indipendentemente dal loro status migratorio. I loro diritti fondamentali e la loro dignità devono essere protetti e difesi”.
    Saranno fratelli tuoi, anche se in Vaticano non ne prendi, evidentemente sono ‘adozioni a distanza’. L’idea della ‘protezione continua’ di giovani fancazzisti africani in fuga dalla guerra in Siria è diventata più comica che ridicola. Come il personaggio Bergoglio: ormai una macchietta.
    https://voxnews.info/2018/06/14/berg...ano-sono-zero/


  9. #299
    Forumista senior
    Data Registrazione
    15 Dec 2011
    Messaggi
    2,012
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Rif: Le delizie della società multietnica

    DETENUTO NIGERIANO MORDE AGENTE, UN ALTRO VERSA OLIO BOLLENTE
    Un detenuto nigeriano, scontento del trasferimento a Verona, si è scagliato contro gli agenti della polizia penitenziaria. Ormai è un fatto quotidiano. Calci, pugni e morsi al collo.
    Sono tre gli agenti rimasti feriti.
    Secondo la denuncia del Sappe – il sindacato autonomo di polizia penitenziaria – lo straniero ha ferito in tutto tre agenti procurando ad un poliziotto la sospetta frattura del polso: “Così facendo ha ottenuto quel che voleva – spiega il segretario nazionale Fabrizio Bonino – ossia non partire per Verona e rimanere a Perugia. Ora, infatti, è ristretto nella sezione isolamento. E’ assurdo essere ostaggio di criminali e delinquenti incalliti, senza alcun rispetto di regole, ordine e sicurezza”.
    Sempre secondo il sindacato “gli agenti di Polizia Penitenziaria devono andare al lavoro con la garanzia di non essere insultati, offesi o peggio,aggrediti da una parte di popolazione detenuta che non ha alcun ritegno”.
    Ad esprimere solidarietà agli agenti feriti anche il parlamentare umbro di Fratelli d’Italia Emanuele Prisco: “In carcere convivono i buoni e i cattivi ma molte volte non si capisce lo Stato da quale parte sta. Chi delinque, infatti, ha troppe garanzie mentre gli agenti che sono lì per lavorare e servire il Paese ne hanno sempre troppo poche”.
    E ancora: “I detenuti stranieri devono scontare pene nei loro Paesi in seguito alla sottoscrizione di accordi internazionali. Alla mancanza di personale e alle condizioni di disagio dei poliziotti – spiega Prisco – si aggiungono, purtroppo sempre più frequenti, aggressioni da parte di reclusi violenti. E’ intollerabile che gli agenti penitenziari, che svolgono un ruolo difficile e molto complesso, corrano continuamente rischi per la loro incolumità. La sicurezza degli agenti dovrebbe essere una delle prerogative essenziali in ambienti delicati quanto esposti come le carceri. Episodi come quest’ultimo di Perugia, dove un poliziotto è stato morso al collo da un recluso che si è opposto con violenza al trasferimento in un altro istituto di pena, non devono più accadere”.
    Un altro poliziotto penitenziario di 47 anni è rimasto invece ustionato da olio bollente che un altro detenuto gli ha lanciato contro durante il giro di controllo nel carcere di Sulmona (L’Aquila). E’ accaduto questa mattina nella sezione speciale dove si trovano i detenuti più pericolosi. A difendere il collega sono intervenuti altri due poliziotti penitenziari, anche loro rimasti feriti, ma in maniera più lieve, e medicati al pronto soccorso. L’agente aggredito è stato operato nel reparto Chirurgia dell’ospedale cittadino.
    https://voxnews.info/2018/06/20/dete...olio-bollente/

    RIVOLTA DEI PROFUGHI: ESIGONO I SOLDI SULLE CARTE PREPAGATE
    A Castelmassimo di Veroli, nella Ciociaria, presso il centro di accoglienza profughi gestito dalla Coop “Integra Onlus”, una trentina di immigrati ha protestato violentemente per il mancato accredito dei soldi sulle carte prepagate da parte della Prefettura.
    Ricorderete che, in zona, un loro collega prese a sprangate un carabiniere per lo stesso motivo.
    A guidare il gruppo dei contestatori è stato il coordinatore della stessa Coop. Sul posto i carabinieri e il personale della Digos. I profughi hanno annunciato che giovedì si recheranno sotto la Prefettura per un’ulteriore manifestazione: esigono l’accredito.
    https://voxnews.info/2018/06/20/rivo...rte-prepagate/

    STUDENTI PORTATI A SERVIRE I PROFUGHI PER IMPARARE A SOTTOMETTERSI
    Con gli studenti per imparare servendo
    Distribuire pasti alla parrocchia delle Gianchette di Ventimiglia e al Campo Roja della Croce Rossa, che ospitano i clandestini afroislamici che bighellonano nella città martire dell’immigrazione.
    Sono alcune delle folli attività che le Facoltà di Psicologia e Scienze della Formazione dell’Università Cattolica hanno proposto agli studenti di Brescia (progetto “Ventimiglia all’ora”).
    In pratica insegnano il masochismo. Una sorta di esperienza che farebbe faville in qualche locale equivoco di scambisti.
    In tre gruppi si sono trasferiti dalle aule all’esperienza sul campo, dalla teoria alla pratica del masochismo. Ospitati alle Gianchette, simbolo della sottomissione agli immigrati in transito verso la Francia, hanno collaborato con la Carita$ Intemelia.
    Racconta Valeria della Valle: «Accoglievamo le persone giunte per la colazione, poi preparavamo il pasto. Al pomeriggio ci trasferivamo al campo della Croce Rossa, dove insegnavamo italiano, assemblavamo kit di prima necessità, organizzavamo una ludoteca e delle feste».
    Addestrano i futuri sudditi.
    Alla sera il gruppo si ritrovava per rielaborare l’esperienza, e chissà che eccitazione di gruppo, insieme alle docenti Livia Cadei, Monica Amadini e Carla Astori.
    Cadei, che insegna Pedagogia Interculturale, spiega: «Le giornate trascorse a Ventimiglia si inseriscono nel Service Learning, una proposta formativa con cui vogliamo innovare la didattica accademica. Il binomio di parole ne spiega il significato: service, il volontariato e le azioni solidali verso la comunità; learning, l’apprendimento di competenze professionali, sociali e didattiche». In questo modo, dice, i ragazzi sperimentano, continuando ad apprendere, ciò che hanno studiato sui testi, dallo shock culturale ai drammi nei percorsi migratori.
    Poi vi meravigliate se dalle università escono emeriti imbecilli. Allora ci teniamo la Fedeli.
    https://voxnews.info/2018/06/20/stud...sottomettersi/

    E’ ARRIVATO SALVINI: MILITARI ASSEDIANO QUARTIERE MULTIETNICO, PORTATI VIA 30 CLANDESTINI
    Trenta i clandestini rintracciati dai militari dell’Arma intervenuti in forza nei tre complessi condominiali «Anna» di Zingonia.
    In prevalenza si tratta di marocchini, ma sono stati individuati anche nigeriani e transessuali brasiliani, tutti quanti clandestini sul territorio nazionale e molti di loro anche con alle spalle già altri precedenti di polizia e penali. La crème.
    Circa un chilo e mezzo lo stupefacente recuperato: hashish, marijuana, cocaina ed eroina. Diffuso poi il degrado rilevato negli appartamenti perquisiti, come anche gli allacci abusivi.
    Il blitz, inaspettato, in piena notte, con circa 150 Carabinieri della compagnia di Treviglio che hanno cinto d’assedio la struttura poi setacciata palmo a palmo.
    Si tratta quindi di una delle più estese attività di Polizia Giudiziaria degli ultimi anni per il controllo del territorio non solo della Bergamasca ma di tutta la Lombardia. Un intero quartiere, di fatto, è stato quindi controllato e perquisito «a tappeto» dai Carabinieri per la ricerca di droga ed armi.
    https://voxnews.info/2018/06/20/e-ar...0-clandestini/

    MUSULMANA RIFIUTA BUS GUIDATO DA UOMO, ITALIANI DEVONO PAGARLE BUS PRIVATO CON AUTISTA DONNA
    Il fatto è stato prima denunciato dai genitori di ragazzi disabili che improvvisamente non hanno più visto la ragazza musulmana salire sul pullman ma frequentare regolarmente le lezioni a scuola, poi fatto oggetto di un’interrogazione provinciale alla giunta.
    Vicenda scandalosa. Sperpero pubblico per assecondare il fanatismo di un manipolo di sessuofobi.
    La Provincia autonoma di Trento, PD, ha messo e disposizione una donna autista e un bus privato a disposizione di una singola ragazza musulmana, perché secondo i genitori la figlia non può viaggiare, per motivi “religiosi”, sul pullman guidato da un autista uomo e insieme ad altri ragazzi e ragazze: infedeli.
    In Trentino esiste un consorzio, il CTA – Consorzio Trentino Autonoleggiatori, a cui è stato assegnato dalla PAT il servizio scolastico ed in particolare quello per gli utenti con disabilità.
    Nel corso dell’anno una delle ditte associate al CTA – D’amico viaggi – sembra abbia dovuto assumere una persona in più, pagata dai contribuenti trentini, ad esclusiva disposizione dell’islamica.
    https://voxnews.info/2018/06/23/musu...autista-donna/

    ARRESTATO IL ‘RE DEI PROFUGHI’, GRAZIE AL PD INCASSAVA 50MILA EURO AL MESE
    Lo chiamavano “Il Re dei profughi”. Perché lui, iscritto al partito di Alfano, coi profughi di soldi ne faceva tanti. Oltre 50mila euro al mese.
    Paolo Di Donato, l’affarista sannita arrestato ieri nel corso dell’operazione ‘Maleventum’ relativa al business dell’accoglienza.
    Per gli uomini della Digos, che indagano su di lui dal 2015, Di Donato è il dominus incontrastato del “Consorzio Maleventum”, società della quale è ex amministratore e consulente. La società gestiva 12 centri di accoglienza che ospitavano oltre 700 migranti. Numeri importanti raccolti anche nel libro “Profugopoli” del giornalista Mario Giordano.
    In una conversazione, raccolta dagli investigatori, Di Donato ammette di “guadagnare 40-50mila euro al mese”. Frutto, secondo la Questura, di una gestione poco limpida dei centri di accoglienza e che si è avvalsa dalla copertura istituzionale fornita dal funzionario della Prefettura, Felice Panzone.
    Ma il problema, con il business dell’accoglienza, non sono quelli che fanno cose illegali, sono anche e soprattutto tutti gli altri: perché è stato il governo precedente a rendere legale ciò che non sarebbe tale in un Paese normale. Ovvero la spese di miliardi di euro per mantenere finti profughi, in modo da foraggiare partiti e società del Vaticano.
    Paolo Di Donato è ora agli arresti domiciliari per truffa ai danni dello Stato, falso, corruzione e tanto altro.
    Il meccanismo era ben oliato: con la possibile complicità di funzionari pubblici, il «re dei rifugiati» truffava lo Stato percependo contributi per «rifugiati» che figuravano come ospiti delle sue strutture, ma che se ne erano invece già andati via da tempo. Se calcoliamo che l’imprenditore beneventano disponeva di 13 centri per circa 800 immigrati, non è difficile comprendere come l’indotto abbia raggiunto in pochi anni il milione d’euro. Ma non c’è solo Di Donato tra gli accusati: per ora, infatti, ci sono 5 arrestati e 36 indagati. Tra le persone finite ai domiciliari ci sono anche il funzionario Felice Pansone della Prefettura di Benevento e un carabiniere. Entrambi sono accusati di «truffa ai danni dello Stato per il conseguimento di erogazioni pubbliche», frode in pubbliche forniture, corruzione e rivelazione di segreti d’ufficio.
    Chiudere le Prefetture. Tagliare tutti i finanziamenti al mostro dell’accoglienza.
    https://voxnews.info/2018/06/22/arre...-al-mese-foto/

    OSPITANO NIGERIANO, LUI STUPRA FIGLIA DI 11 ANNI: SCONTO DI PENA
    Ricorderete la vicenda della bambina messa incinta dal suo stupratore nigeriano a Torino, che alcuni cazzari di sinistra definirono, come sempre quando non sanno che pesci pigliare, una ‘bufala’. E invece è ed era tutto vero.
    Aveva violentato una bambina di 11 anni, che in seguito è rimasta incinta. Oggi in tribunale a Torino il nigeriano è stato condannato a 7 anni di reclusione. Un po’ pochini, non vi sembra?
    La procura ne aveva chiesti 10. Il fatto risale al novembre del 2017.
    Il pedofilo, ospitato dai genitori, doveva badare alla piccola e ai suoi fratelli, mentre i genitori erano fuori casa per lavoro.
    Pochi giorni prima la piccola disse di avere la pancia gonfia. Dopo la visita in ospedale la “scoperta” shock.
    Questo il commento dell’avvocato difensore Manuel Perga: “La pena è più bassa di quella richiesta dal pubblico ministero. Quando saranno depositate studieremo le motivazioni e poi faremo ricorso in appello”.
    Faranno anche ricorso. Ha messo incinta una bambina, cazzo. E questi fanno anche ricorso.
    https://voxnews.info/2018/06/21/ospi...conto-di-pena/


    TERRORE: MAROCCHINO IMPUGNA SCIMITARRA E TENTA DI DECAPITARE POLIZIOTTO
    GIUGNO 21, 2018 VOX LASCIA UN COMMENTO
    Ci sono voluti quattordici agenti per bloccare il marocchino di 41 anni. Sono stati attimi di terrore a Lainate, quando ha tentato di decapitare un poliziotto.
    Solo l’intervento di altri colleghi della polizia stradale di Busto Arsizio ha scongiurato quella che poteva essere una tragedia.
    Il marocchino regolare è residente a Motta Visconti. Attorno alle 2 di notte ha tentato di decapitare un agente, sfasciato due auto della stradale e seminato il panico lungo l’autostrada A8.
    Una volta fermato dalla stradale, l’immigrato, con precedenti per guida in stato d’ebbrezza, ha rifiutato di sottoporsi all’alcoltest.
    Subito sono scattati il sequestro dell’auto e la cancellazione di 20 punti dalla patente.
    Ma il marocchino non ha retto alla vista della sua supercar agganciata al carro attrezzi: ha aperto il portabagagli, e dopo aver impugnato la scimitarra si è lanciato contro i poliziotti.
    I primi a cadere sotto i suoi fendenti sono stati i lampeggianti blu e i fanali dell’auto della stradale.
    Poi è poi avventato contro una seconda vettura della polizia mandando in frantumi il parabrezza e tentando di decapitare un agente con un colpo di scimitarra.
    Il poliziotto ha evitato il fendente per un soffio ma è stato ferito a una mano.
    Prima di essere arrestato il marocchino ha picchiato un secondo agente e ha tentato la fuga scappando tra le auto costringendo la stradale a chiudere il tratto di autostrada per circa 30 minuti, ora dovrà rispondere tra l’altro di tentato omicidio.
    https://voxnews.info/2018/06/21/terr...re-poliziotto/

    SONDAGGIO: 82% ITALIANI È CONTRO IMMIGRATI, 32% VORREBBE AFFONDARE BARCONI
    L’opinione pubblica italiana è fortemente all’immigrazione. Solo un 18% di esaltati considera infatti positivo l’impatto dell’immigrazione sul Paese.
    E se la stragrande maggioranza è per i respingimenti, come dimostrano i sondaggi degli ultimi giorni, addirittura il 32% degli italiani è convinto che il governo dovrebbe respingere le imbarcazioni dei clandestini anche se questo dovesse comportare l’affondamento.
    Il Paese è sano. Ha capito che non siamo in presenza di profughi, ma di invasori. E da che mondo è mondo, gli invasori si combattono. Se arrivano via mare, si affondano.
    E’ uno dei dati che emerge dalla ricerca Ipsos presentata a Palazzo Marino, sede del Comune di Milano, nel corso del convegno promosso da Amref ‘Voci di confine: la migrazione è una storia da raccontare. Per davvero’. La rilevazione è stata fatta nell’autunno del 2017, con 2 mila interviste di un campione rappresentativo della popolazione italiana.
    Oggi i numeri sarebbero ancora più elevati.
    https://voxnews.info/2018/06/21/sond...ndare-barconi/

    CGIL CONTRO RACCOLTA CIBO A FAVORE POVERI ITALIANI: “DOVETE DARLO A IMMIGRATI”
    La Cgil contro la raccolta alimentare per i poveri italiani organizzata da CasaPound Italia a Vigevano.
    Il sindacato ha denunciato l’iniziativa “che sa di vera e propria provocazione”. La risposta: “L’unico vero sindacato degli italiani è e rimane CasaPound. Imparate da noi come si aiutano gli italiani”.
    La sezione locale di CasaPound sta preparando, davanti a un supermercato del comune lombardo, una raccolta di generi alimentari in favore degli italiani in difficoltà per sabato 23 giugno.
    La Cgil: “CasaPound, organizzazione fascista, è di per sé associazione che andrebbe sciolta, in quanto professa valori contrari al dettato costituzionale. In questo caso l’associazione si appropria di un’iniziativa di altri: il Banco Alimentare, infatti, è un’esperienza importante di sostegno e solidarietà verso i cittadini e famiglie in difficoltà, di ogni genere e colore. Assumere questi valori traducendoli in un messaggio xenofobo è inaccettabile: punta solo a seminare odio, divisione e paura”.
    Il Banco Alimentare raccoglie alimenti da italiani per darli a zingari e immigrati. E’ giusto che ci sia un’alternativa nazionale: sceglieranno gli italiani. Ed è questo che preoccupa il sindacato degli immigrati.
    La risposta: “CasaPound Italia organizza una raccolta alimentare a Vigevano e la Cgil – a corto di argomentazioni oltre che di consensi, espressione di un mondo di sinistra abituato a speculare sulla disperazione facendo cassa con sedicenti onlus e cooperative – non trova di meglio che strepitare contro un’iniziativa, radicata su tutto il territorio nazionale da lungo tempo, per aiutare concretamente le famiglie italiane in difficoltà. Una posizione come quella espressa dai sindacalisti che sventolano la bandiera rossa, non merita che parole di biasimo”.
    “Forse il sindacato della Camusso, o quello che ne rimane, era troppo distratto e non certo dalle lotte sociali dei lavoratori italiani per non accorgersi che non si tratta della prima raccolta alimentare a Vigevano e che altre sono già state effettuate e verranno replicate a breve anche a Pavia e a Voghera. Segnaliamo ai signori sindacalisti, che oltre a non aver probabilmente lavorato un giorno in vita loro, non devono avere grossa dimestichezza neppure con i libri di scuola, il testo della costituzione italiana o semplicemente con i quotidiani in edicola, che CasaPound Italia oltre a non andare contro ad alcun dettato costituzionale, si è addirittura presentata – dopo aver raccolto sufficienti firme di cittadini italiani – in tutte i collegi d’Italia alle ultime elezioni politiche”.
    “Se ne facciano una ragione – conclude il responsabile pavese di CasaPound Italia – per noi le famiglie italiane vengono prima di tutto e di tutti e il nostro supporto non verrà mai meno alle fasce sociali più fragili. Con pieno rispetto per la meritevole azione del Banco Alimentare, informiamo inoltre la CGIL che – diversamente da quanto fanno loro coi lavoratori cui rinnovano automaticamente la tessera senza chiederne conferma – non è costume di CasaPound Italia vivere da parassita alle spalle altrui. La nostra iniziativa è autonoma e distinta dal Banco Alimentare, e ci vede da anni impegnati con frequenza in tutte le piazze d’Italia a favore delle famiglie bisognose. Invitiamo i dirigenti della CGIL a venire a donare al nostro banchetto perché prendano lezione da noi su cosa voglia dire aiutare concretamente gli italiani, senza obiettivi di cassa”.
    https://voxnews.info/2018/06/22/cgil...o-a-immigrati/

    BOOM DETENUTI STRANIERI: CI COSTANO 1 MILIARDO DI EURO L’ANNO
    “Un terzo della popolazione carceraria in Italia è composto da detenuti stranieri” questo l’allarme lanciato da Andrea Delmastro, deputato di Fratelli d’Italia, sottolineando che la cifra di detenuti stranieri si attesta intorno alle 20mila unità e che alla collettività questi costano più di 2 milioni e mezzo di euro al giorno, pari a 137 euro a testa. Quasi 1 miliardo di euro l’anno. Una cifra mostruosa.
    “Sono numeri spaventosi che consigliano di rivedere completamente la normativa e soprattutto di attivare accordi bilaterali con i Paesi di provenienza perché i detenuti stranieri scontino nelle loro galere le sentenze penali italiane” continua Delmastro, capogruppo di Fratelli d’Italia in Commissione Affari Esteri.
    “Fratelli d’Italia lavorerà in Commissione per chiedere che vengano stretti accordi bilaterali in tal senso con tutti i paesi extracomunitari“.
    Sarà però necessario anche subordinare la sottoscrizione di ogni accordo bilaterale, qualunque sia il contenuto, alla presenza della clausola del “delinquente a casa sua”, come la chiama Delmastro, in modo da superare quantomeno il problema economico legato al mantenimento dei detenuti.
    “L’Italia – conclude l’onorevole – non può più permettersi questa spesa, tanto più se si considera che siamo oggetto di sanzioni per il sovraffollamento carcerario. In questo campo chiediamo al Governo Conte netta discontinuità: per la sinistra il problema del sovraffollamento carcerario si risolveva con provvedimenti svuota carceri, per noi rispedendo a casa chi delinque“.
    Basterebbe imporlo agli Stati di provenienza, pena stop agli aiuti. Ma la UE di sicuro si opporrà parlando di ‘diritti umani’, secondo loro, il delinquente ha il diritto a scontare la pena dove preferisce.
    https://voxnews.info/2018/06/22/boom...di-euro-lanno/

    BIMBI COSTRETTI A IMPARARE VERSI CORANO A SCUOLA, PUNITI I “RIBELLI”
    In una scuola austriaca i bambini locali – cattolici – sono stati costretti ad imparare canzoni islamiche, puniti coloro che si ribellavano.
    Sarebbe accaduto per circa due mesi, in occasione della preparazione e dello svolgimento del Ramadan, mese sacro per l’Islam. Genitori sconvolti dopo avere appreso la notizia e polemica furiosa in tutto il Paese.
    Secondo un’inchiesta non si tratterebbe di un fatto isolato, lo stesso si starebbe verificando in altri istituti.
    I bambini cattolici di una scuola elementare di Linz, Austria, sarebbero stati costretti a imparare canzoni islamiche a memoria, pena una severa punizione.
    A testimoniare la pratica sono i genitori delle piccole vittime, inorriditi dal regime di terrore instaurato all’interno dell’istituto: “Stavamo tornando a casa quando improvvisamente nostro figlio ha iniziato a cantare ‘Allah, Allah’”, ha detto una madre alla stampa austriaca.
    Il programma di ferrea ‘formazione’ all’Islam sarebbe durato almeno due mesi, sino alla conclusione del Ramadan, e ai piccoli di fede cristiana sarebbe stato imposto il Corano a fronte di una sicura punizione per un eventuale rifiuto di obbedire alle prescrizioni dell’insegnante.
    Per avvicinare i minori al culto di Allah sarebbe stato introdotto un docente ad hoc.
    Un insegnante di Vienna avrebbe lanciato un preciso allarme su quanto starebbe accadendo in altre realtà scolastiche del Paese: “Molte scuole stanno diventando sempre più fuori controllo”.
    Ha poi aggiunto che la legge della Sharia starebbe prendendo il sopravvento tra gli allievi di fede islamica, e che questo si starebbe ripercuotendo sui compagni di classe di religione cattolica.
    Il governo populista avrebbe già pensato di adottare provvedimenti per arginare la sempre più marcata ingerenza dell’Islam nella cultura austriaca.
    https://voxnews.info/2018/06/22/bimb...iti-i-ribelli/

    SCANDALO MEDICI SENZA FRONTIERE: SESSO CON RAGAZZINE AFRICANE IN CAMBIO DI MEDICINE
    Gli operatori umanitari di Medici Senza Frontiere (MSF) hanno fatto all’osceno baratto ‘medicine in cambio di sesso’ durante le loro missioni in Africa.
    “C’era questo vecchio collega, che ha installato una donna nella base (dell’ONG). Era chiaro che era lì per soddisfare le sue voglie sessuali, ma la chiamava la sua ragazza. Ha passato notte dopo notte con lui”, ha detto uno degli ex dipendenti, che ha lavorato con pazienti affetti da AIDS in Africa centrale e che ha vuotato il sacco. “Aveva circa cinquanta anni e lei era una ragazzina. Ed era così sfacciato, così sfacciato – e così diffuso”, ha aggiunto a condizione di anonimato.
    Un altro testimone ha detto di aver visto un membro esperto del team del Kenya portare ragazze negli uffici di MSF. “Le ragazze erano molto molto giovani”, ha detto, aggiungendo che era “implicito” che erano lì per fare sesso.
    Alcuni operatori umanitari “più anziani” hanno approfittato della loro posizione, ha continuato. “C’era sicuramente un abuso di potere. Erano lì da molto tempo, approfittando della loro aura come operatore umanitario occidentale. Forse la direzione non era a conoscenza, ma era chiaro che alcuni degli uomini che si comportavano come predatori erano considerati troppo importanti per cadere”.
    Ora non devono nemmeno andarseli a cercare in Africa.
    https://voxnews.info/2018/06/22/scan...o-di-medicine/

    I ‘DISPERATI’ DI AQUARIUS HANNO PAGATO 3MILA EURO A TESTA
    Il reporter del giornale francese Figaro rivela che i clandestini dell’Aquarius – quei disperati africani in fuga dalla guerra in Siria – hanno pagato 3mila euro a testa per essere traghettati in Italia. Hanno poi vinto una crociera in Spagna.
    Se facciamo il conto si tratta di oltre 1,5 milioni di euro per tutto il carico. Sarebbe interessante – è solo una domanda – sapere se e quanto di questa cifra è andata ai volontari dell’Aquarius o se, come i loro colleghi di Msf in Africa, si sono fatti pagare in natura.
    https://voxnews.info/2018/06/23/i-di...-euro-a-testa/

    BREAKING NEWS, CRIMINI IMMIGRATI, TOSCANA
    DEVASTATORE PISA NON PUÒ ESSERE ARRESTATO PERCHÉ HA INGRAVIDATO UN’ITALIANA
    Sono stati individuati due dei responsabili delle devastazioni andate in scena a Pisa alcune notti fa. Sono anche i colpevoli del pestaggio ai danni del titolare del locale che si era trovato al centro degli scontri tra bande rivali di spacciatori.
    Si tratta di due tunisini, per uno dei quali, trentenne, già da tempo sottoposto all’obbligo di firma, per reati connessi agli stupefacenti, e irregolare sul territorio è già stata avviata la procedura di espulsione.
    Per noi, gli spacciatori vanno giustiziati sul posto. Per i magistrati rossi va bene l’obbligo di firma.
    Le volanti lo hanno raggiunto dopo le chiamate dei residenti che lo avevano rivisto in zona: è stato trasferito in caserma dove è rimasto per tutta la notte ed è stato denunciato per lesioni. Ora è in viaggio verso il Cie di Potenza.
    Il secondo nordafricano è stato individuato grazie a un’attività investigativa congiunta di polizia e carabinieri attraverso l’analisi delle immagini registrate dalla videosorveglianza urbana. È stato semplicemente denunciato perché, essendo sposato con un’italiana attualmente incinta, è in attesa della cittadinanza…
    Troia.
    Il problema delle coppie miste non è nel numero, risibile, ma negli effetti collaterali.
    Domanda: vogliamo rivedere la legge sulla Cittadinanza o no? Possibile che basti sposare una zoccola qualsiasi per diventare ‘italiano’?
    https://voxnews.info/2018/06/23/deva...to-unitaliana/

    Spagna, attivista socialdemocratica di “Refugee Welcome” stuprata e uccisa da un marocchino islamico
    È stato ritrovato il corpo di Sophia Lösche, l’attivista tedesca pro-migranti di “Refugee Welcome” (come confermano i media tedeschi), nonchè vicepresidente del partito socialdemocratico tedesco in Baviera, stuprata e uccisa in Spagna. Il suo carnefice e un camionista marocchino islamico. Sophie è rimasta vittima della sua stessa ideologia, quella delle porte aperte, del multiculturalismo, della mescolanza di razze e dell’integrazione (impossibile) degli islamici in Europa.
    SPAGNA. È stata ritrovata morta in una stazione di servizio ad Asparrena, nei Paesi Baschi, la vicepresidente del Partito Socialdemocratico tedesco (SPD) in Baviera Sophie Loesche, di 28 anni.
    Ormai otto giorni fa era stata denunciata la sua scomparsa dai familiari; immediate le ricerche da parte della Polizia tedesca, che aveva emanato un mandato di ricerca internazionale per ritrovarla al più presto. Di oggi, purtroppo, la notizia del rinvenimento del cadavere, sul quale sarebbero stati evidenti, fin da subito, dei segni di violenza.
    La Guardia Civil spagnola avrebbe arrestato il maggior indiziato del delitto, sul quale pendeva un mandato di arresto europeo (MAE), riuscendo ad intercettarlo nella città di Jaen, nella regione dell’Andalusia: si tratterebbe di un camionista marocchino di 41 anni,ritenuto responsabile dello stupro e dell’uccisione della ventottenne, che si stava dirigendo col proprio camion verso l’Africa.
    Spagna, attivista socialdemocratica di "Refugee Welcome" stuprata e uccisa da un marocchino islamico - Riscatto Nazionale

    Migranti, lʼUngheria inserirà in Costituzione il divieto di accoglienza
    Niente ospitalità per gli "economici illegali". La mossa del premier Orban arriva per contrastare lʼintroduzione di quote obbligatorie nellʼUe dopo che Fico aveva auspicato multe per Budapest
    Il governo ungherese di Viktor Orban inserirà nella Costituzione il divieto di accoglienza dei migranti economici illegali. La modifica è stata votata in commissione parlamentare, e sarà approvata in aula mercoledì dalla maggioranza governativa composta dal partito conservatore di Orban. Con questa mossa, il premier ungherese cerca un ulteriore argomento per contrastare l'introduzione di quote obbligatorie di accoglienza nell'Ue.
    Il presidente della Camera Roberto Fico aveva in precedenza espresso le sue forti perplessità sul comportamento dell'Ungheria, che continua a rifiutare le quote Ue di migranti, dichiarando che il presidente Orban, dal momento che non rispetta una disposizione dell'Unione, dovrebbe essere multato.
    Nella riforma costituzionale che sarà votata in Ungheria ci sono anche limiti al diritto di manifestare e al divieto di dimora in luoghi pubblici per senzatetto. Se il pacchetto riceverà l'ok in Parlamento inoltre, saranno istituiti tribunali speciali per giudicare gli atti amministrativi dello Stato. Infine nella Costituzione sarà inserito l'obbligo di "difendere la cultura cristiana".
    Migranti, l'Ungheria inserirà in Costituzione il divieto di accoglienza - Tgcom24

    Migranti, “non sono poveri in fuga dalla guerra. Lo dimostrano i numeri"
    "Sono poveri in fuga dalla guerra? I numeri dimostrano il contrario”. Parla Anna Bono, esperta di storia e istituzioni dell'Africa all'Università di Torino
    “Solo il 5% di chi viene in Italia è veramente un profugo. Non sono gli "ultimi degli ultimi" visto che pagano migliaia di dollari per il viaggio e i documenti falsi”. Lo spiega Anna Bono, già docente di storia e istituzioni dell'Africa all'Università di Torino, che smonta alcune delle più diffuse fake news sull’immigrazione. Una voce che emerge in pressoché totale solitudine in ambito accademico. Anna Bono è anche autrice del libro “Migranti?! Migranti?! Migranti?!” (Ed. Segno), che punta a far luce sul più grande problema del terzo millennio.
    “Profughi? Quasi nessuno - spiega in una intervista sul quotidiano La verità -. Il Ministero dell'Interno aggiorna mese per mese i dati dei richiedenti asilo. Tutti quelli che arrivano fanno domanda perché è l'unico espediente per non essere respinti subito. Di tutta quella massa di domande nel 2015 ne sono andate a buon fine 3.500 circa, nel 2016 meno di 5.000, l'anno scorso poco più di 6.000. Percentuali tra il 5 e l’8%. Tutti gli altri sono migranti economici”. E ancora: “Non sono gli "ultimi degli ultimi". Trattandosi di viaggi clandestini il 90% si affida a organizzazioni criminali e quindi chi si imbarca deve essere in grado di raccogliere migliaia di dollari per garantirsi i servizi dei contrabbandieri. Non tutti possono permettersi quelle cifre, quindi non sono necessariamente così poveri”.
    Bisogna aiutare di più i governi africani? “Ma li si aiuta già tanto, c'è una sorta di piano Marshall ogni anno. L'Africa è il continente più assistito sia in termini di aiuti umanitari che di cooperazione allo sviluppo. Ma il problema è che una parte di significativa di quel denaro non va a buon fine, tra corruzione dei governi e tribalismo che si alimentano reciprocamente”. Serve allora un cambio di paradigma. “Lo sviluppo l'Africa non lo può importare. Deve sempre di più produrlo da se stessa”. Meno denaro, allora, e "più buon governo. I mezzi li avrebbero”.
    Altra fake news: i governi africani già si attivano per limitare le partenze. “In parte è vero il contrario - spiega ancora Anna Bono a La Verità -. Spesso i governi sono i primi responsabili delle partenze specie se, come abbiamo detto, non si tratta di disperati o di persone che vengono da villaggi remoti, ma di gente che ha qualche mezzo. Il grosso della responsabilità poi sta proprio nello scoraggiamento indotto da clientelismo e corruzione, che inducono molti a vedere la partenza come l'ultima speranza”. Infine, la paura del terrorismo: “Da almeno due anni le reti terroristiche si sono inserite nel contrabbando di persone, da cui traggono risorse essenzialmente per acquistare armi. L'esistenza di queste rotte migratorie può facilitare lo spostamento prima verso l'Africa e poi verso l’Europa anche di terroristi. I militanti dello Stato islamico sconfitto in Siria e Iraq dove finiscono?"
    Migranti, ?non sono poveri in fuga dalla guerra. Lo dimostrano i numeri" - Affaritaliani.it

    BAMBINI ‘RAZZISTI’ GIA' A 15 MESI
    “Sempre un dio porta il simile verso il simile”. E’ una delle più grandi intuizioni di Platone, e la scienza ancora una volta lo conferma.
    Un nuovo studio rivela che anche i più piccoli mostrano preferenze razziali al momento di scegliere i loro compagni di gioco. Negando alle basi la fandonia ideologica che queste preferenze emergerebbero solo con l’educazione.
    Esse tengono conto anche di quanto piuttosto gli altri si comportano.
    Nello studio, i ricercatori hanno testato la reazione di bambini bianchi di appena 15 mesi di età.
    Due adulti bianchi dividono i giocattoli tra i bambini, uno lo fa in modo eguale, l’altro in maniera diseguale.
    In questo test, il settanta per cento dei bambini ha scelto di giocare con il ricercatore che ha distribuito i giocattoli in modo eguale.
    Ma in un secondo test, quando un ricercatore ha favorito un bambino bianco rispetto ad uno di un’altra razza, intelligentemente, la scelta dei bambini bianchi si è spostata verso il ricercatore che li privilegiava.
    Questo significa che la coscienza razziale dell’individuo è innata, e che un bambino di 15 mesi è già cosciente della propria identità biologica. Lo studio appare sulla rivista Frontiers in Psychology.
    Non finisce qui. Lo stesso studio ha rilevato che questo comportamento non è solo ‘egoistico’ – quello preferisce quelli come me, quindi con lui ho più possibilità – perché i bambini sono anche più propensi ad aiutare coloro che condividono la stessa razza, dimostrando che, lungi dall’essere un ‘comportamento errato’, il cosiddetto ‘razzismo’ – che poi è solo la platonica preferenza del simile – è il vero ‘comportamento naturale’. E’ conosciuto in psicologia evolutiva come bias di gruppo, le persone preferiscono quelli con le stesse loro caratteristiche.
    Il professor Jessica Sommerville, ha dichiarato: ‘Al momento, circa la metà degli assistenti di ricerca nel mio laboratorio sono asiatici e l’altra metà bianchi, e la maggior parte dei bambini nei nostri esperimenti sono bianchi.
    ‘Sappiamo che già dall’asilo i bambini mostrano questo bias razziale, ma è sorprendente vedere questi tratti già cosi' precocemente.’
    A dimostrazione di come sia forte la coscienza di appartenere allo stesso ‘gruppo’, lo studio ha rivelato che quando si trattava di scegliere un compagno di giochi, i bambini sembravano più tolleranti davanti alle ingiustizie subite, quando il destinatario dei benefici apparteneva al loro stesso gruppo razziale bianco. Il che, ha un senso evolutivo: se non posso essere io il favorito, è geneticamente vincente che lo sia chi è il più possibile geneticamente simile a me.
    Secondo Jessica Sommerville della University of Washington: ‘Se i bambini si preoccupassero solo dell’equità, allora avrebbero sempre scelto il distributore giusto di giocattoli, ma stiamo invece vedendo che sono interessati di più alle conseguenze per i membri del proprio gruppo.’
    I malati sono quelli di Mare Nostrum, sono loro ad essere ‘contronatura’. In una forma di masochismo etnico che ha radici profonde in un disturbo autolesionista.
    https://voxnews.info/2014/04/17/bamb...gia-a-15-mesi/

    CARITAS RIFIUTA AIUTO A DONNA ITALIANA: “PENSANO SOLO AI MIGRANTI”
    Una cittadina aquilana in gravi difficoltà economiche, a cui sta per essere tagliata addirittura la fornitura di acqua potabile., si è vista rifiutare l’aiuto.
    Questa la vicenda di A.V., che dopo aver bussato inutilmente alle porte di Caritas ed uffici comunali, si è rivolta a CasaPound Italia per segnalare la propria situazione.
    “Purtroppo ci troviamo davanti all’ennesima vicenda di un italiano in difficoltà” afferma in una nota Claudia Pagliariccio, responsabile provinciale di CasaPound Italia.
    “A.V. è una cittadina aquilana, che a causa di un grave rovescio economico si trova nell’impossibilità oggettiva di pagare le bollette per un bene essenziale come l’acqua potabile. Da qui – prosegue l’esponente di CP – la minaccia di chiusura della fornitura da parte dell’ente erogatore. A.V. con discrezione si è rivolta alla Caritas per ottenere un aiuto, ma si è trovata davanti il rifiuto da parte degli operatori. Non ce ne stupiamo: gli italiani in difficoltà non sono beneficiari dei lauti fondi pubblici stanziati per l’accoglienza degli immigrati, e non suscitano la compassione delle anime belle pronte ad attivarsi a favore di ogni presunto profugo che sbarchi sulle nostre coste, ma cieche alla sofferenza del proprio concittadino”.
    “È alle istituzioni pubbliche – conclude Pagliariccio – e in particolare al Comune dell’Aquila che lanciamo quindi il nostro appello: l’avviso per richiedere il contributo di sostegno al reddito, annunciato nel mese di marzo, non è stato ancora pubblicato, con grave pregiudizio per tanti nostri concittadini in difficoltà. Ci attiveremo perché A.V. possa essere ricevuta dall’Assessore alle Politiche Sociali per arrivare ad una soluzione”.
    https://voxnews.info/2018/06/20/cari...o-ai-migranti/

    Aquarius, Bergoglio: "Accogliere tutti i migranti senza distinzioni. Abbattere tutti i muri"
    Iniziasse dal Vaticano.....
    Non considerare i migranti numeri ma persone, i cui diritti e dignità devono essere sempre tutelati e difesi, abbattendo il muro di una “complicità comoda e muta”.
    Papa Francesco lo ribadisce in un messaggio inviato ai partecipanti al “II Colloquio Santa Sede-Messico sulla migrazione internazionale”, promosso dalla Segreteria per i Rapporti con gli Stati della Segreteria di Stato e dall’Ambasciata del Messico presso la Santa Sede, con la collaborazione della Pontificia Accademia delle Scienze e della Sezione migranti e rifugiati del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale.
    “Nella questione della migrazione non sono in gioco solo numeri, bensì persone, con la loro storia, la loro cultura, i loro sentimenti e le loro aspirazioni – dice Francesco – Queste persone, che sono nostri fratelli e sorelle, hanno bisogno di una protezione continua, indipendentemente dal loro status migratorio. I loro diritti fondamentali e la loro dignità devono essere protetti e difesi”. E ancora: “Tutti costoro sperano che abbiamo il coraggio di abbattere il muro di quella complicità comoda e muta che aggrava la loro situazione di abbandono e che poniamo su di loro la nostra attenzione, la nostra compassione e la nostra dedizione”.
    Bergoglio peggio di Soros continua a propagandare la sostituzione etnica del popolo europeo: “Accogliere tutti i migranti senza distinzioni. Abbattere tutti i muri”. Ma come sempre predica bene e razzola male. Lo Stato con più muri contro gli immigrati e senzatetto è proprio il Vaticano, il pontefice iniziasse ad abbattere i suoi di muri.
    Aquarius, Bergoglio: "Accogliere tutti i migranti senza distinzioni. Abbattere tutti i muri. Iniziasse dal Vaticano - Riscatto Nazionale

  10. #300
    Forumista senior
    Data Registrazione
    15 Dec 2011
    Messaggi
    2,012
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Rif: Le delizie della società multietnica

    SCONTRI ETNICI IN CARCERE AOSTA: 30 DETENUTI STRANIERI SI AFFRONTANO
    Da un lato detenuti sudamericani e dall’altro detenuti maghrebini: nella casa circondariale di Brissogne ieri, 25 giugno, è esplosa una maxi rissa che come denuncia l’Osapp, l’Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria, ha coinvolto 35 immigrati che si sono fronteggiati colpendosi con caffettiere, sbarre di ferro divelte dalle brande, sgabelli, manici di scopa ed altro.
    Bilancio finale: rissa sedata, ma contusioni ed ecchimosi di varia gravità e per un detenuto la rottura di un dito.
    “In quel momento erano in servizio solo 4 unità della Polizia Penitenziaria, comunque prontamente intervenute per sedare gli scontri e comunque fortunatamente rimaste illese” ha dichiarato Leo Beneduci, segretario generale del sindacato.
    Versione più edulcorata quella messa in campo dalla casa circondariale per bocca del suo direttore Giorgio Leggieri, che dirige anche l’istituto di pena di Saluzzo: “Questi episodi, in realtà in cui è in forte aumento la popolazione straniera appartenente a etnie diverse, possono accadere, l’importante è evitare che degenerino. La colluttazione ieri ha interessato 7 persone detenute, ma è stata ben gestita dal personale e si è risolta nel giro di un’ora con conseguenze minime sul piano sanitario”.
    Il segretario generale dell’OSAPP nella nota stampa inviata alle redazioni denuncia: “La situazione nel carcere di Aosta è incandescente aggravata dalla notevole carenza di organico e dalla pluriennale e colpevole assenza di un Direttore titolare”. Leo Beneduci, in particolare, punta il dito contro il Provveditore Regionale e il Direttore generale del Personale colpevoli, secondo lui, di “non aver posto in essere alcuna forma di utile correttivo” il primo e di essere “autore di una impressionante riduzione degli organici di Polizia Penitenziaria su base meramente numerica” il secondo.
    Il carcere è un microcosmo della società. Mischiare individui di provenienza diversa è, sempre, una cattiva idea.
    https://voxnews.info/2018/06/26/scon...si-affrontano/

    PD ALLE COMICHE: “CARABINIERI SI FANNO PICCHIARE DA SPACCIATORI PER FAVORIRE SALVINI”
    L’ultima del PD è davvero troppo esilarante. Il sindaco uscente di Pisa, responsabile dello sfascio, commenta in modo delirante la seconda ‘rissa’ (in realtà sono scontri tra gang etniche rivali di spacciatori) che ha messo a ferro e fuoco la città nel giro di pochi giorni.
    “E’ incredibile. E’ un caso che per la sequenza sa di montatura elettorale. Roba mai vista prima (in realtà pochi giorni prima ndr…). Vogliamo sapere di chi sono le responsabilità di ciò che è accaduto in una zona del centro storico che io avevo già segnalato per controlli più rigorosi in Prefettura, in sede di Comitato”. Così, in un bizzarro comunicato, il sindaco uscente di Pisa Marco Filippeschi commenta la notizia di un’altra rissa tra spacciatori stranieri nel centro storico avvenuta venerdì sera, a poche centinaia di metri dal luogo dove Matteo Salvini teneva un comizio elettorale e dove sono rimasti contusi alcuni carabinieri contusi.
    Quindi, secondo lui, Salvini avrebbe organizzato – con la complicità dei Carabinieri e dei medici che li hanno refertati – una sorta di falsa sommossa di spacciatori africani.
    https://voxnews.info/2018/06/24/pd-a...orire-salvini/

    PROFUGHI: “CIBO GETTATO A PACCHI NEI BIDONI DEL CENTRO DI ACCOGLIENZA”
    La denuncia del vicepresidente del Municipio 2 Marzio Nava (CDX), dopole ripetute segnalazioni dei residenti: interi pacchi di generi alimentati gettati nei cassonetti.
    Del resto lo stesso accade in molte aree esterne a centri di accoglienza di tutta Italia.
    La struttura è quella di via Agordat, ed è gestita da Fondazione Progetto Arca, l’organizzazione del Comune di Milano che si occupa di fancazzisti.
    La struttura era una residenza per anziane gestita da suore poi, visto che i fancazzisti rendono più della droga, è stata trasformata in un centro di accoglienza per richiedenti asilo. Schizzinosi, a quanto pare.
    «Al parco Martesana – dice – ci sono molti problemi di convivenza soprattutto il fine settimana quando viene invaso da cittadini sudamericani, che molto spesso, incuranti del rispetto del regolamento comunale del verde e del vivere civile contribuiscono al degrado del parco, con fuochi accesi in libertà e con la circolazione di fiumi di alcol».
    Inoltre: «Secondo decine di testimonianze si concederebbero in pieno giorno, non solo a conoscenti, sembra configurarsi un rapporto di prostituzione». Il vicepresidente della Zona parla poi del «costante e dilagante spaccio di droga nell’area antistante a via Zanardini».
    «A tutto questo – attacca – si aggiunge, come è avvenuto lunedì, che siano stati gettati al macero interi vassoi e pacchi di alimentari (carne, latticini e altro) – ritrovati nei cassonetti davanti. Tutto ciò costituisce un grave affronto al decoro e al buon senso visto che gettare il cibo non può essere considerato un gesto di rispetto nei confronti della collettività».
    «È chiaro – aggiunge – che qualcuno si debba interrogare se questo modello di solidarietà sia rispettoso di tutti e soddisfi efficacemente il bisogno senza instaurare disparità e conflitti tra persone che francamente si potrebbero evitare e di cui ne potremmo fare a meno».
    «L’accoglienza concepita in questo modo – prosegue Nava – non porta da nessuna parte se non ad esacerbare gli animi ed alimentare ingiustificati sentimenti di intolleranza. Ciò che abbiamo visto è un oltraggio al bisogno, alla buona e autentica solidarietà, al buon gusto e al rispetto di tutti e qualcuno dovrebbe spiegarci come si possa concepire e tollerare ancora tutto questo in una città dal cor in man come Milano. Tutto ciò lascia sbigottiti e mette a dura prova la pazienza già oggi a livello di guardia».
    https://voxnews.info/2018/06/27/prof...i-accoglienza/

    SVEZIA: MIGRANTI DISTRUGGONO 70 FERMATE BUS IN 1 NOTTE
    In una sola notte immigrati di prima e seconda generazione hanno distrutto 185 pensiline in 70 diverse fermate di autobus nella città di Göteborg e nel vicino comune di Mölndal.
    Gli attacchi si sono verificati nel fine settimana.
    Il fenomeno è ormai sempre meno raro in Svezia, dove gli incendi di bus e auto sono a livelli di banlieus francesi.
    La motivazione di questa vera e propria guerriglia etnica è il desiderio di rivalsa verso gli autoctoni.
    https://voxnews.info/2018/06/30/svez...us-in-1-notte/

    SPACCA LE OSSA A 86ENNE, IMMIGRATO AI DOMICILIARI
    Massacra di botte un anziano. I Carabinieri della Stazione di Modica hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari a carico del romeno di 27 anni, Cristea Gheorghe Vasilica, per lesioni personali aggravate.
    La vicenda ha dell’incredibile, come è incredibile che un individuo del genere vada solo ai domiciliari.
    Il 14 giugno al mercato settimanale di Modica, un uomo di 86 anni era stato derubato del proprio portafogli da due donne dell’est europeo. Probabilmente due zingare.
    L’anziano aveva sporto denuncia affermando che sarebbe stato in grado di riconoscere le due donne. Dopo alcune ore, passeggiando per le vie di Modica bassa, nei pressi della propria abitazione, ha individuato le due donne, pregandole di riconsegnargli almeno i documenti senza restituire il denaro: nulla da fare, le due si erano date alla fuga.
    Poi un connazionale delle ladre si e’ scagliato con brutalità contro l’ottantenne provocandogli fratture multiple e una prognosi di oltre 40 giorni. I militari dell’Arma hanno scoperto la residenza dell’aggressore che viveva con le due ladre, e successivamente (anche grazie alla collaborazione della vittima) hanno riconosciuto l’autore del pestaggio. L’immigrato e’ stato incredibilmente posto ai domiciliari.
    https://voxnews.info/2018/06/29/spac...i-domiciliari/

    RAGGI RESPINGE LA RUSPA: “5MILA EURO AI ROM CHE APRONO IMPRESA”
    Laura Baldassarre, assessore ai Servizi Sociali di Roma rifiuta la ruspa di Salvini e propone, invece, di dare 5mila euro ai rom perché aprano attività imprenditoriali.
    “Non serve l’approccio assistenzialista, non serve la ruspa” di Salvini. Perché per lei, regalare 5mila euro agli zingari non è assistenzialismo. Ha ragione: è razzismo verso gli italiani.
    “Tra la ruspa del ministro Matteo Salvini e il mantenimento dello status quo, che sembra spinto da un certo mondo dell’ associazionismo compreso quello cattolico, esiste una terza via sulla questione rom”, dice la Baldassarre.
    “Ecco perché stiamo attivando tutti gli strumenti possibili, compreso un contributo da 5mila euro per chi apre un’ attività. Si tratta di accompagnamento al lavoro attraverso i centri di orientamento, una misura che abbiamo approvato un anno fa e che intendiamo potenziare”.
    https://voxnews.info/2018/06/28/ragg...prono-impresa/

    VENETO: 5 MILIONI DI EURO PER CURARE I PROFUGHI, 6MILA RADIOGRAFIE
    Per la sola prevenzione sanitaria ai migranti che via via sono stati inviati in Veneto, la Regione (contribuenti) ha speso 3 milioni 844 mila euro, stima per difetto che non può tenere conto di altri costi non quantificabili con precisione, come la verifica igienico-sanitaria delle strutture d’accoglienza, le attività dei Distretti Sanitari per il rilascio delle tessere sanitarie, le valutazioni sanitarie per il rimpatrio e il ricollocamento, le attività sanitarie non direttamente correlabili con gli interventi di prevenzione come, per esempio, gli antibiotici e gli antiparassitari.
    Valutando sommariamente queste altre voci, il calcolo totale supera i 5 milioni di euro. Il dato è stato reso noto dalla Regione del Veneto.
    Registrando la presenza di 11.360 ‘profughi’ censiti e ospitati nelle strutture di accoglienza che hanno ricevuto assistenza sanitaria. Impossibile quantificare eventuali costi sostenuti per le persone che si sono eclissate prima di essere censite e visitate che, nel 2017, erano 21.172 su 34.262 arrivati.
    “Questi numeri – fa notare il Presidente della Regione Luca Zaia – sono una risposta inappellabile a chi si ostina a sostenere che l’immigrazione in Italia non è un problema. Ai già noti costi generali si assommano questi sanitari, e non è un fatto secondario. In Veneto curiamo tutti, a prescindere dal colore della pelle, dal credo religioso, dalle scelte sentimentali, senza escludere nessuno. Non abbiamo mai avuto nulla da eccepire sulla necessità di assistere chi fugge da persecuzioni, malattie, morte e sofferenze di ogni tipo – tiene a precisare il Governatore – ma un conto è aiutare i sofferenti, e un altro è occuparsi della salute di tutto il mondo senza un minimo di discernimento”.
    “Perdipiù – aggiunge Zaia – in una congiuntura che vede 500mila veneti che faticano a sbarcare il lunario e 5 milioni di residenti in Italia, compresa una quota di immigrati regolari, in condizioni di povertà certificata ieri dall’Istat. Tutto ciò premesso, e ricordato che il sistema di accoglienza del Veneto è riconosciuto virtuoso a livello nazionale alla faccia di chi continua a volerci falsamente dipingere come inospitali e razzisti – conclude Zaia – va detto chiaro e tondo che questo modello di arrivi indiscriminati non va bene, perché innesca problemi rilevanti di vario genere, con difficoltà di integrazione sociale, di reperimento del lavoro e, non ultima, di assistenza sanitaria e relativi costi”.
    Per dare un’idea precisa della situazione, la Prevenzione regionale ha effettuato una comparazione tra la spesa per i migranti e il budget annuale di due distretti dell’Ulss 3 Serenissima: un anno di spesa per la prevenzione rivolta agli 11.360 stranieri è costato 1 milione 281 mila euro, 181 mila euro in più dell’intero budget annuale del Servizio d’Igiene e Sanità Pubblica di Chioggia, pari a 1 milione 100 mila euro, con 66 mila assistiti. Per assistere 300 mila persone, il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica di Venezia (ex Ulss 12) ha un budget annuale totale di 4 milioni 500 mila euro.
    https://voxnews.info/2018/06/29/vene...a-radiografie/

    ESTREMISTA ISLAMICO È SPOSATO CON ITALIANA, SALVINI LO ESPELLE LO STESSO
    Un tunisino di 29 anni, sposato con una cittadina italiana e residente a Verona, è stato espulso per motivi di ordine e sicurezza pubblica perché ritenuto vicino ad ambienti dell’estremismo islamico. Il matrimonio non ha fermato Salvini.
    L’immigrato, con diversi precedenti penali, era stato arrestato per lesioni e resistenza a pubblico ufficiale dopo aver aggredito due volontari dell’Associazione nazionale carabinieri durante un servizio d’ordine di una manifestazione sportiva, urlando “Allah akbar”.
    Un tempo chi si faceva sbattere dal nemico faceva una brutta fine, ora ci siamo inciviliti.
    https://voxnews.info/2018/06/30/estr...lle-lo-stesso/

    IMMIGRATO NUDO VIOLENTA RAGAZZA SU SPIAGGIA C.SMERALDA: “YOU LIKE BANANA!”
    Ha raggiunto una ragazza che passeggiava in spiaggia con il suo cane, si è denudato completamente e ha cercato di afferrarla per un braccio: lei è riuscita a scappare.
    Mentre fuggiva, lui le urlava contro: “You like banana, You like banana!”.
    Anche la ragazza ha gridato per tentare di attirare l’attenzione di qualche turista nelle vicinanze, e una volta in salvo si è presentata nella caserma dei carabinieri, a Porto Rotondo, e ha denunciato la tentata violenza di cui era appena stata vittima.
    Un giovane fancazzista di nazionalità marocchina, di 19 anni, incensurato, è stato arrestato e trattenuto nelle camere di sicurezza del reparto territoriale dei carabinieri di Olbia, dove resterà sino al processo di convalida del suo fermo per violenza sessuale.
    https://voxnews.info/2018/07/01/immi...u-like-banana/

    PRETE ATTACCA SALVINI DURANTE MESSA, FEDELI SE NE VANNO!
    Durante la messa delle 8.30 di questa mattina, celebrata nella chiesa di Santa Maria Bambina Addolorata, don Federico Pompei ha attaccato Salvini.
    A presidiare la porta della chiesa mentre entravano i fedeli per assistere alla messa c’era la solita zingara che esigeva la carità. Gesù l’avrebbe cacciata, perché parlava di aiutare i bisognosi, non di mantenere gli scrocconi: quelli li cacciava dal Tempio.
    Don Federico durante l’omelia ha però ha spiegato che oltre alla carità per la donna rom era necessario fare di più, come portarla a casa propria, darle da mangiare e da dormire.
    Secondo il parroco quella era vera carità e non l’euro che si consegna nel piattello.
    I fedeli hanno cominciato a guardarsi perplessi: ma era solo l’inizio.
    Fuori controllo, in un crescendo delirante, Don Federico ha poi dichiarato che il ministro dell’Interno Matteo Salvini stava lavorando male e che avrebbe dovuto lasciar approdare le ONG nei porti italiani e accogliere tutti, e per sempre e indistintamente, i clandestini in arrivo da Africa e Asia con i barconi.
    A questo punto, buona parte dei fedeli si sono alzati e hanno abbandonato la chiesa durante la messa.
    «Una vergogna che un parroco faccia politica in una chiesa durante la santa Messa – spiega una turista di Trento che ha abbandonato la chiesa insieme al marito – bastava che dicesse che bisogna aiutare il prossimo e basta, cosa centra fare il nome di Salvini?, stendiamo poi un velo pietoso sulla carità per la rom presente all’entrata della chiesa. Siamo andati via subito dopo le sue allucinanti parole e non entreremo mai più in quella chiesa»
    Gli fa eco subito un’altra donna che per protesta dopo le parole di don Federico non si è più confessata, non ha fatto la comunione «e non ho nemmeno fatto la carità alla chiesa come faccio sempre – interviene la donna di Trento piuttosto inferocita – ma il parroco si rende conto che ci sono degli anziani che hanno pagato le tasse tutta la vita e che sono costretti a cercare il cibo nelle immondizie, una vergogna e non dico altro».
    «Siamo tutti uguali dice la chiesa – incalza un uomo sulla settantina – ma non così, prima vengono gli altri e poi gli italiani, io non ho mai votato Lega ma alle prossime elezioni lo farò volentieri perché è davvero ora di pensare agli italiani, adesso basta ne abbiamo piene le scatole»
    «Prima degli italiani vengono gli spacciatori, i criminali, i clandestini, i rom, quelli che rubano dentro le nostre case ecc ecc, questo è il vero razzismo, ma verso di noi e non verso i migranti, è ora di finirla con questa storia. Negli ultimi 5 anni la situazione è degenerata a tal punto che non sei nemmeno più padrone in casa tua», accusa un’altra donna.
    «Porti chiusi e blocchi navali, abbiamo paura che fra 10 o 15 anni questi clandestini ci prendano la casa e magari anche altro, ma confidiamo in Salvini che risolverà piano piano il problema».
    O Salvini, o mille Traini. E’ inevitabile.
    E la chiesa che si svuota, è il simbolo di una Chiesa che sta allontanando i fedeli in nome di una indistinta e demenziale svendita della nostra identità.
    https://voxnews.info/2018/07/01/pret...i-se-ne-vanno/

    AGGRESSIONE CHOC A PISA: IMMIGRATI SPACCANO LA TESTA A STUDENTE
    La festa di laurea finisce nel sangue a Pisa. In due, al termine della serata, si staccano dalla comitiva e camminano fermandosi vicino al cancello della scuola Sant’Anna. Ed è lì che il loro destino si incrocia con quello di tre immigrati nordafricani
    Stando ad una prima ricostruzione, gli stranieri iniziano a spintonare gli universitari. Il primo studente cade a terra e lì rimane, pietrificato dalla paura. Il secondo si accascia, ma trova la forze di reagire. In tutta risposta gli aggressori si accaniscono su di lui prendendolo a calci. Calci che lo raggiungono su tutto il corpo e soprattutto alla testa.
    Le grida di dolore attirano gli amici che lanciano l’allarme alle forze dell’ordine e al 118, mentre gli extracomunitari svaniscono nel buio dietro alla piazza. Quando i soccorritori arrivano sul posto trovano il 21enne in stato confusionale con le mani sul capo per tamponare il sangue che esce copioso dalla ferita: trauma cranico commotivo.
    Ci vorrà molto lavoro per sistemare la città dopo decenni di governo piddino.
    https://voxnews.info/2018/07/01/aggr...ta-a-studente/

    E’ ARRIVATO SALVINI: MILITARI ASSEDIANO QUARTIERE MULTIETNICO, PORTATI VIA 30 CLANDESTINI
    Trenta i clandestini rintracciati dai militari dell’Arma intervenuti in forza nei tre complessi condominiali «Anna» di Zingonia.
    In prevalenza si tratta di marocchini, ma sono stati individuati anche nigeriani e transessuali brasiliani, tutti quanti clandestini sul territorio nazionale e molti di loro anche con alle spalle già altri precedenti di polizia e penali. La crème.
    Circa un chilo e mezzo lo stupefacente recuperato: hashish, marijuana, cocaina ed eroina. Diffuso poi il degrado rilevato negli appartamenti perquisiti, come anche gli allacci abusivi.
    Il blitz, inaspettato, in piena notte, con circa 150 Carabinieri della compagnia di Treviglio che hanno cinto d’assedio la struttura poi setacciata palmo a palmo.
    Si tratta quindi di una delle più estese attività di Polizia Giudiziaria degli ultimi anni per il controllo del territorio non solo della Bergamasca ma di tutta la Lombardia. Un intero quartiere, di fatto, è stato quindi controllato e perquisito «a tappeto» dai Carabinieri per la ricerca di droga ed armi.
    https://voxnews.info/2018/06/20/e-ar...0-clandestini/

    Gli stranieri sono meno di noi
    Ma commettono più reati
    Anche in Europa il tasso di criminalità degli immigrati è molto superiore a quello dei nativi. In Italia è peggio
    Riccardo Pelliccetti
    Tenetevi forte. «Il tasso di criminalità degli immigrati stranieri in quasi tutti i Paesi dell'Europa occidentale è più alto di quello della popolazione nativa».
    In poche parole, i migranti delinquono di più. Molti italiani avevano già questo percezione, ma non era mai stata messa nero su bianco e suffragata dai dati. Infatti, è stato da poco pubblicato uno studio dalla Fondazione Hume, quella che ha tra i fondatori il sociologo e docente Luca Ricolfi, che illustra proprio questa realtà. Premettiamo che non si tratta di un centro studi di area leghista, ma totalmente indipendente e di area liberal. L'analisi approfondita, titolata Crimine e Immigrazione in Italia, è stata realizzata dal sociologo della Sapienza Luigi Maria Solivetti, il quale ha raccolto una montagna di dati e confrontato diversi studi già effettuati nel mondo occidentale. Per motivi di spazio, ne illustreremo solo i punti salienti focalizzando l'attenzione sul nostro Paese. L'Italia, secondo lo studio, rappresenta un caso critico in Europa. Fino al 1993 la popolazione immigrata era lo 0,4%, ma dagli anni Novanta ha avuto una tumultuosa crescita dei flussi tanto da arrivare, nel 2017, a una popolazione immigrata straniera pari al 10,2% del totale (circa 6,05 milioni). «Questo rapido e incontrollato incremento di flusso immigratorio scrive il professor Solivetti - avveniva nonostante l'alto tasso di disoccupazione (circa 10% della forza lavoro 1995-2015), l'elevato livello d'ineguaglianza economica, la rigidità del mercato del lavoro e il basso livello della libertà economica: tutti aspetti sfavorevoli all'integrazione e al benessere economico degli immigrati». In pratica, sostiene il sociologo, le principali teorie criminologiche suggeriscono alti tassi di delinquenza nella popolazione straniera immigrata. Sì, avete capito bene. In una società dove ci sono difficoltà a integrarsi, gli immigrati spesso tendono a compiere crimini anche perché hanno meno possibilità di «raggiungere il successo o il benessere» lecitamente. Ma andiamo a guardare i dati, che sono a dir poco sorprendenti e che provengono dall'Istat, istituto che a sua volta li ha raccolti da due fonti: gli archivi delle Procure (con numeri relativi a procedimenti contro individui e alle condanne definitive) e i dati raccolti dal Ministero dell'Interno che provengono dalle forze dell'ordine (cioè tutti i delitti denunciati). Ebbene, in tutti le tipologie di delitti commessi in Italia la percentuale di immigrati imputati è sempre più alta, in proporzione alla popolazione, rispetto ai nativi (che i termini assoluti compiono più reati ma sono anche dieci volte più numerosi). Vediamo l'omicidio volontario: dal 2006 al 2015 gli immigrati imputati sono cresciuti del 22% mentre i nativi sono diminuiti del 17%. E le lesioni volontarie: negli ultimi 30 anni sono saliti da 400 a circa 11mila gli immigrati imputati. Poi la violenza sessuale: è cresciuta dai 2 ai quasi 10 casi ogni 100mila abitanti in 30 anni e il «contributo» degli immigrati stranieri è notevole. Nel triennio 1995-97, la prima impennata, con 1713 nativi imputati che arrivano a 1949 bel 2013-15, ma il boom è degli imputati immigrati che sono passati da 317 a 1050. Le tendenze sono rispecchiate per tutti i reati illustrati nello studio: sfruttamento della prostituzione, rapina, estorsione, traffico di droga, violenza a pubblico ufficiale eccetera. Insomma, un quadro tutt'altro che lusinghiero. E non c'è spazio per discriminazioni né da parte dei giudici né delle forze dell'ordine, come sostiene lo studio di Solivetti, perché le statistiche non possono essere messe in discussione e, inoltre, perché una vittima che denuncia un delitto lo fa e basta, non ponendosi il problema della provenienza del criminale. In conclusione, afferma lo studio, questa situazione è stata determinata dai flussi migratori tumultuosi e incontrollati in un contesto sociale, come si diceva prima, caratterizzato da diseguaglianza economica e disoccupazione.
    Gli stranieri sono meno di noi Ma commettono più reati

    Ti somministrano sei volte al dì la Pappa del cuore, con la faccia di Bergoglio, di Mattarella, addirittura di Macron
    Arrivano ogni giorno in centinaia, aspettano d’imbarcarsi in migliaia, aspirano a venire qui in milioni, e forse, alla lunga miliardi. Perché se non ci sono frontiere, se ciascuno è libero di andare a vivere dove vuole e dove sta meglio, è normale che i miliardi di poveri, affamati, profughi d’Africa, d’Asia e dell’infinito Sud del mondo, vogliano vivere nei paesi benestanti. Ma il piccolo potrà mai contenere il grande? Ma il minimo che vive al massimo potrà mai caricarsi del massimo che vive al minimo? Se dividi la ricchezza, spartisci solo povertà. Perché un conto è dividerla per due come fece san Martino col suo mantello spartito con un mendicante; un altro è dividerlo in cento. Con un fazzoletto a testa non ripari nessuno dal freddo.
    Trovo irresponsabile, barbaro e delinquenziale, stabilire il principio dell’accoglienza come fondamento etico dell’Italia, dell’Europa, dell’Occidente. Piuttosto è il loro affondamento. E invece accendi la tv e ti somministrano sei volte al dì la Pappa del cuore, con la faccia di Bergoglio, di Mattarella, addirittura di Macron (il più cinico), più la solita mucillagine della sinistra spappolata. Trasformando l’impulso nobile e quasi spontaneo di aiutare chi sta male in sistema universale e legge d’accoglienza, si criminalizza chi vede con realismo il dramma dell’invasione, della sostituzione e dell’alienazione. Non è solo questione, pur rispettabile, di paura.
    La tv, i media, le sinistre sparse, ti pongono solo casi personali, ti fanno vedere un bambino, una faccia, una mano tesa e ti dicono: e tu non vuoi dargli una mano? Ma certo che vuoi aiutarlo, ti guarda con quegli occhi, è una persona, non vedi che ha bisogno? Il problema è che dà un’immagine singola, da un impulso emotivo, da una faccia e una mano tesa, non puoi passare a una massa infinita di persone e a un’apertura incondizionata ai flussi. Così si sfascia una civiltà, si riduce un paese in un campo profughi, una nazione in un corridoio umanitario, si rende invivibile ed estranea una città ai suoi abitanti…
    Ogni spazio pubblico, ogni mezzo pubblico, ogni presidio sanitario è invaso da loro, sono in vistosa maggioranza, anche se nei numeri assoluti sono ancora una minoranza. E l’italiano, quando non è al lavoro, è a casa, in auto, si barrica nella vita privata, ultimo rifugio per salvaguardare la propria vita nel proprio habitat.
    Si può giudicare una bestia senza cuore chi solleva questo dramma, chi vede negli occhi della gente il disagio di sentirsi estranei a casa propria, lo spaesamento, l’angoscia, la perdita di identità, chi facilmente prevede l’impossibilità di caricarsi dell’onere di milioni di senzatetto, senzavitto, senzalavoro, senzassistenza, senzadonna, e via dicendo? Quanti conflitti sociali in vista, quante guerre tra etnie, quanti quartieri monopolizzati, quanta manovalanza di disperati per la criminalità, quanti potenziali scontenti e frustrati che passeranno al terrorismo e all’odio per chi li accolse…
    Ma come si dovrebbe reagire? Per esempio frenando e scoraggiando i flussi, mostrandosi indisponibili ad accoglierli, inviando precisi messaggi. Stoppando ogni soccorso che non sia governativo. Fermandoli a casa loro, stipulando accordi e piani di aiuti mirati in loco. Filtrando gli ingressi, adottando numeri programmati, suddivisi con altri paesi. Accogliendo solo chi accetta le regole basilari: rispetta le nostre leggi, i nostri valori e si rende identificabile e reperibile; indossa braccialetti elettronici per farsi controllare in quanto arrivati senza permesso di soggiorno e soggiornanti senza mezzi di sussistenza né conoscenza della lingua (se non si accetta questa limitazione dei diritti, che si torni a godere della libertà e dei diritti nei paesi d’origine); si accorda loro un semestre per cercare lavoro, istituendo centri di sostegno, smistamento e formazione; dopodiché se non c’è lavoro si procede al rimpatrio. Un paese non può permettersi torme di vaganti, branchi di disoccupati a suo carico o a disposizione della malavita organizzata.
    Per tutto questo ci vuole un paese unito, organizzato, capace di strategia e di vedere lontano e accordarsi con altri paesi. Viceversa, chi vuol aprire all’accoglienza incondizionata, non si trinceri dietro la faccia di un bambino o la mano di un immigrato (che però nessuno adotta a casa sua, sia il cittadino umanitario che un papa o un presidente, non solo francese) ma abbia il coraggio di abbracciare per intero il proposito e le sue conseguenze: facciamola finita con l’Italia e gli italiani, con l’Europa e gli europei, facciamola finita con la nostra civiltà.
    Vista la crescita spaventosa della popolazione mondiale, e la nostra decrescita, continuate pure a procreare e a venire qui a volontà, è vostro desiderio, dunque è vostro diritto, fino a che il mondo scoppierà.
    Chiesa e post concilio: Ti somministrano sei volte al dì la Pappa del cuore, con la faccia di Bergoglio, di Mattarella, addirittura di Macron

    Immigrazione, trionfo per Salvini: con il governo populista gli sbarchi sono crollati da 73.193 a 16.551
    giugno 27, 2018 Politica Commenti disabilitati su Immigrazione, trionfo per Salvini: con il governo populista gli sbarchi sono crollati da 73.193 a 16.551
    Lotta all’immigrazione clandestina, trionfo per il ministro degli Interni di Matteo Salvini. Gli sbarchi sono crollati da 73.193 a 16.511 rispetto allo stesso periodo (gennaio-giugno) del 2017, quando al governo c’erano gli scafisti di Stato del PD.
    Il tema dell’immigrazione è diventato centrale e il caso della Lifeline sta infiammando il dibattito anche in Europa. “Un merito di Matteo Salvini è aver urlato che il re è nudo”, commenta ad Agorà, su Raitre, Goffredo Buccini del Corriere della Sera. “La sua strategia è azzardata ma ha messo in crisi un meccanismo che si reggeva soltanto su di noi. Per anni l’Europa si è lavata la coscienza con un grande hotspot che siamo noi”.
    Ma ora le cose stanno cambiando. I dati sugli immigrati sbarcati in Italia nel periodo primo gennaio-26 giugno parlano chiaro e dicono che la strategia di Salvini sta portando i suoi frutti: i migranti arrivati sulle nostre coste quest’anno sono stati 16.551. Un dato più che significativo: la contrazione, infatti, riguarda i mesi critici per gli sbarchi, tarda primavera e inizio estate, ovvero il periodo in cui Salvini è planato agli Interni. Per intendersi, nel 2017, nello stesso periodo, quando ministro dell’Interno era Marco Minniti, sono stati ben 73.193 gli sbarchi. Nel 2016 con Angelino Alfano al Viminale si sono registrati 64.133 arrivi.
    Immigrazione, trionfo per Salvini: con il governo populista gli sbarchi sono crollati da 73.193 a 16.551 - Riscatto Nazionale

    CAPO VESCOVI: “SÌ AI PROFUGHI, MA NON A CASA MIA”
    “Non li prendo a casa mia perché sarei un incosciente presuntuoso a pensare che il problema di ciascuna di queste persone lo possa risolvere io, in casa mia”.
    Questo la claudicante scusa di monsignor Nunzio Galantino, segretario generale della Conferenza episcopale italiana, e noto sponsor dell’accoglienza. Ma non a casa sua: perché non è ‘presuntuoso’.
    Sia il cardinal Ravasi che l’attuale Papa Bergoglio, su Twitter erano stati attaccati senza pietà – giustamente – da utenti che chiedevano:”Perché non li accogliete a casa vostra?”.
    La risposta di Galantino dice tutto.
    Comunque, come sempre, buonisti col culo degli altri.
    https://voxnews.info/2018/06/25/capo...on-a-casa-mia/

    BERGOGLIO: “EUROPA DEVE ESSERE RIEMPITA CON AFRICANI”
    In una intervista esclusiva con Reuters, l’ultimo sovrano assoluto, Bergoglio, parla di immigrazione (novità!) affermando che i populisti “stanno creando una psicosi” e che società che invecchiano, come quella europea, rischiano invece “un inverno demografico grande” e hanno dunque bisogno degli immigrati.
    Invoca la sostituzione etnica. Sono discorsi che fa per indebolire la resistenza all’invasione. Non è un Papa, è un pupazzo della Sinarchia.
    Senza immigrazione, ha aggiunto, l’Europa “diverrà vuota”. E sarebbe un dramma per un continente sovrappopolato, dove la densità abitativa è diverse volte superiore a quella dell’Africa. Molto meglio importare africani, vuoi mettere come si starebbe meglio, trasformando le città europee in slum africani, come già sta avvenendo? Perché non incomincia lui con il Vaticano?
    Sulla vicenda Aquarius: “Credo che non si debba respingere la gente che arriva, si devono ricevere, aiutare e sistemare, accompagnare e poi vedere dove metterli, ma in tutta l’Europa”. Non, in Africa. Ovviamente, parlando di Europa lui esclude, come sempre, il Vaticano.
    Durante la Giornata mondiale dedicata ai rifugiati, il Pontefice poi ha lanciato il suo appello su Twitter: “Incontriamo Gesù nel povero, nello scartato, nel rifugiato. Non lasciamo che la paura ci impedisca di accogliere il prossimo bisognoso! #WithRefugees”. Ancora una volta spernacchiato dai followers. Ormai non se lo fila nessuno tranne i media di distrazione di massa.
    L’Italia ha una densità abitativa di oltre 200 abitanti per km2, una delle più alte al mondo. Perché dovremmo riempirci di africani che, oltretutto, non sono certo novelli Leonardo da Vinci?
    https://voxnews.info/2018/06/20/berg...-con-africani/

 

 
Pagina 30 di 33 PrimaPrima ... 20293031 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 25-03-08, 11:25
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 08-05-06, 01:32
  3. I mali della società multietnica
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 18-10-05, 22:11
  4. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 03-10-05, 13:16
  5. I contraccolpi della società multietnica
    Di Ichthys nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 19-12-02, 21:07

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225