User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 38
Like Tree1Likes

Discussione: Il vero cristiano è Anarcocapitalista

  1. #1
    Giusnaturalista
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    Giudicato di Cagliari
    Messaggi
    15,648
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Cool Il vero cristiano è Anarcocapitalista

    Il vero cristiano è anarco-capitalista

    Non tutti i cristiani accettano Ia compatibilità tra i valori della propria morale e quelli del capitalismo liberale. Ancora meno sono coloro che accolgono la ben più radicale tesi che qui si cerca di dimostrare, e cioè che l'anarco-capitalismo è l'unica forma di organizzazione sociale con cui il cristianesimo non si trova in conflitto.
    Per quanto la civiltà greca e romana avessero accolto concezioni filosofiche proto-liberali, concretizzatesi in istituzioni giuridiche rispettose dei diritti della persona, non si può negare che fu il cristianesimo ad introdurre, rispetto alle religioni precedenti, una fede di carattere fortemente individualistico. L' enfasi sulla salvezza individuale, l'uguaglianza di tutti gli uomini e la condanna della violenza rappresentarono altrettanti elementi a favore del riconoscimento dei diritti naturali dell'individuo in un universo in larga parte permeato da quegli opposti valori pagani, eroici e guerrieri, così rimpianti da Nietzsche.

    Sappiamo che in realtà il cristianesimo fu, a differenza della dottrina libertaria fondata sui diritti naturali, un messaggio essenzialmente apolitico, mirante ad indicare non tanto ciò che l'autorità può o non può fare, quanto una filosofia di vita cui il buon cristiano si deve uniformare nei suoi comportamenti quotidiani. È certo comunque che la morale predicata da Gesù Cristo non può accettare come legittima, in nessun caso, l'aggressione contro la persona o i beni altrui.

    Il rifiuto dell'uso della forza e il richiamo al pacifismo sono nelle parole di Cristo così radicali, che non solo viene condannato l'atto che dà inizio alla violenza, ma viene anche sconsigliato l'uso della forza come risposta ad una precedente aggressione, secondo il famoso precetto del "porgere l'altra guancia".

    Qualsiasi forma di coercizione dell'uomo sull'uomo è quindi in contrasto con l'insegnamento evangelico, e anche l'aiuto ai più bisognosi, così enfatizzato dai cristiani, soggiace a questa regola, perché mai il Messia ha auspicato forme di assistenza che, invece di sgorgare dallo spontaneo sentimento di carità delle persone, si fondassero sull'uso della forza legale o extralegale: come la ridistribuzione forzata della ricchezza o la messa in comunione obbligatoria dei beni. Per questa ragione l'esistenza delle imposte, e quindi dello Stato stesso, molto difficilmente sembra accordarsi con la novella cristiana. Le imposte infatti violano in pieno il divieto di aggressione perché si fondano sulla minaccia di usare la violenza fisica contro i contribuenti, individui pacifici e per nulla aggressivi. Nel Vangelo secondo Matteo (17,24 ss.) compare un'interessante discussione tra Gesù e Simon-Pietro sulle tasse: arrivati a Cafarnao Gesù e i suoi discepoli vengono fermati dagli esattori, che chiedono loro l'imposta speciale dovuta da tutti gli israeliti adulti come contributo per la ricostruzione del tempio. Simone chiede a Gesù se è giusto soggiacere al pagamento della tassa. Gesù risponde: "I re della terra da chi esigono i tributi e le tasse? Dai loro sudditi o dagli stranieri sottomessi?". "Dagli stranieri", risponde Simone. "Allora noi che siamo sudditi - replica Gesù - non dovremo pagare questo tributo". Successivamente però Gesù per evitare noie decide di pagare, con una specie di miracolo, estraendo una moneta dalla bocca di un pesce appena pescato. Gesù avrebbe preferito evitare di sottostare all'estorsione, e ha escogitato lo strano pagamento solo per poter continuare la propria predicazione senza incidenti. L'episodio dimostra chiaramente che per Gesù le tasse non hanno alcuna giustificazione morale, e si pagano solo perché il conquistatore ha Ia forza di imporle al vinto.

    Di tutti i pensatori, il grande scrittore Lev Tolstoj è stato quello che con maggior vigore ha messo in luce l'essenza radicalmente antistatalista insita nella dottrina cristiana: "la dottrina della rassegnazione, del perdono e dell'amore", scriveva nella sua opera Ii Regno di Dio è in voi, non può conciliarsi con lo Stato, col suo dispotismo, con la sua violenza, con la sua giustizia crudele e con le sue guerre". Anzi, "la promessa di soggezione a qualsivoglia governo è la negazione assoluta del cristianesimo perché promettere anticipatamente di essere sottomessi alle leggi emanate dagli uomini, significa tradire il cristianesimo, il quale non riconosce, per tutte le occasioni della vita, che la sola legge divina dell'amore".

    "L'ordinamento sociale fondato sull'autorità - continua Tolstoj - non può essere giustificato: il cristianesimo, nel suo vero significato, distrugge lo Stato. Esso fu compreso fin dal principio ed è perciò che Gesù fu crocefisso". La sua dottrina, "riconoscendo tutti gli uomini figli di Dio, scorgendo in tutti un medesimo principio divino" non può consentire "il dominio dell'uomo sull'uomo, e neppure la sottomissione dell'uomo all'uomo", e abolisce così "tutte le leggi dei dominatori attuate mediante la violenza". Per Tolstoj quindi "la Sorgente del male è nello Stato", e "il governo è sempre, nella sua essenza, una forza che viola la giustizia".

    Infatti "dominare vuol dire violentare, violentare vuol dire fare ciò che non vuole colui sul quale è commessa la violenza". Anche quando il potere governativo fa sparire le violenze interne, "introduce nella vita degli uomini delle violenze nuove, sempre più grandi, in ragione della sua durata e della sua forza".

    La suprema violenza contro l'uomo è rappresentata dalla guerra, sempre provocata dai governi, e dal suo prologo: il servizio militare, "l'ultimo grado della violenza necessaria al mantenimento dell'organizzazione sociale; è il limite estremo che possa raggiungere la sottomissione dei sudditi". Con accenti che oggi potremmo definire rothbardiani, Tolstoj afferma poi che la principale, se non unica, causa della mancanza di libertà deriva dalla "superstizione dello Stato". La gente cioè ha sempre creduto che senza Stato vi sarebbe la fine della società: "Tutto ciò ha continuato così per centinaia e migliaia di anni ed i governi si sono sempre sforzati e si sforzano di mantenere i popoli in questo errore". I valori cristiani, al contrario, "distruggono internamente tutti i princìpi sui quali riposa lo Stato", che risulta impotente di fronte a chi rifiuta "il giuramento, le imposte, la partecipazione alla giustizia, il servizio militare": tutte funzioni che implicano l'esercizio della violenza, alle quali non si deve prender parte perché "il cristiano non disputa con nessuno, non attacca nessuno, non adopera violenze con nessuno" "Il potere - scrive Tolstoj nel suo saggio Agli uomini politici del 1903 - che sia nelle mani di Luigi XIV o di un comitato di salute pubblica, d'un direttorio o di un console, di un Napoleone o di un Luigi XVIII, d'un sultano, d'un presidente, di un imperatore della Cina o di un primo ministro, ovunque vi sia un potere di alcuni uomini su altri non vi potrà essere libertà, ma soltanto oppressione di questi ad opera di quelli. E perciò il potere deve essere distrutto".

    Questo vale anche per il potere democratico, dato che "neppure il dominio della maggioranza sulla minoranza non può in alcun modo garantire un'amministrazione equa perché non esiste alcuna ragione per credere che la maggioranza possa essere più sensata della minoranza". Parole che ogni moderno libertario condividerebbe. In conclusione, tutti sono pronti a riconoscere che i princìpi della morale cristiana fanno parte integrante del patrimonio della civiltà occidentale, ma pochi sono coloro che si accorgono che questi valori sono in irriducibile contrasto con le istituzioni statali entro le quali l'uomo occidentale vive negli ultimi secoli.

    L'anarchico cristiano Tolstoj ha il merito di aver messo in luce la contraddizione tra coercizione statale, in tutte le sue forme, e precetti evangelici. Se accettiamo l'idea che l'inizio dell'uso della violenza è immorale, e che dunque l'assioma libertario di non aggressione coincide, nel suo significato ultimo, con l'insegnamento di Cristo, allora esiste un solo ordinamento sociale coerente con i principi enunciati: l'anarco-capitalismo.

    Guglielmo Piombini



    lib3
    Ultima modifica di John Orr; 30-12-11 alle 09:54
    Southern Comfort likes this.
    Tu ne cede malis, sed contra audentior ito, quam tua te Fortuna sinet.


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista
    Data Registrazione
    17 Nov 2010
    Messaggi
    659
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il vero cristiano è Anarcocapitalista

    Citazione Originariamente Scritto da JohnPollock Visualizza Messaggio
    Il vero cristiano è anarco-capitalista

    l'anarco-capitalismo è l'unica forma di organizzazione sociale con cui il cristianesimo non si trova in conflitto.

    lib3
    Questo è ciò che Gesù ha espresso sull'accumulazione della ricchezza come "motore" della società che sta alla base del capitalismo

    "Perciò io vi dico: non preoccupatevi per la vostra vita, di quello che mangerete o berrete, né per il vostro corpo, di quello che indosserete; la vita non vale forse più del cibo e il corpo più del vestito? Guardate gli uccelli del cielo: non séminano e non mietono, né raccolgono nei granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre. Non valete forse più di loro? E chi di voi, per quanto si preoccupi, può allungare anche di poco la propria vita? E per il vestito, perché vi preoccupate? Osservate come crescono i gigli del campo: non faticano e non filano. Eppure io vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro. Ora, se Dio veste così l'erba del campo, che oggi c'è e domani si getta nel forno, non farà molto di più per voi, gente di poca fede? Non preoccupatevi dunque dicendo: «Che cosa mangeremo? Che cosa berremo? Che cosa indosseremo?». Di tutte queste cose vanno in cerca i pagani. Il Padre vostro celeste, infatti, sa che ne avete bisogno. Cercate invece, anzitutto, il regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose vi saranno date in aggiunta. Non preoccupatevi dunque del domani, perché il domani si preoccuperà di se stesso. A ciascun giorno basta la sua pena" (Matteo 6;25-34)

    "Non vi affannate ad accumulare tesori sulla terra, dove tingola e ruggine consumano, dove ladri scassinano e portano via. Accumulatevi tesori in cielo, dove tingola e ruggine non consumano nè ladri scassinano e portano via" (Matteo 6;19)


    “Non vi procurate oro argento o pecunia per le vostre tasche, non una borsa per il viaggio, né due tuniche, né calzature e neppure un bastone; poiché l’operaio ha diritto al suo sostentamento”

    “Va, vendi quello che hai e dallo ai poveri, e avrai un tesoro in cielo: poi vieni e seguimi” (Mt 19;21); “Quanto difficilmente coloro che hanno ricchezze entreranno nel Regno di Dio! […] è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, piuttosto che un ricco entri nel regno di Dio.
    [Noi] poveri, mentre arricchiamo molti; gente che non ha nulla, mentre possediamo tutto! (2co 6;10)

    Avendo però di che nutrirci e il necessario per coprirci, accontentiamoci di queste cose. Coloro infatti che vogliono diventar ricchi, incappano nella tentazione, nel laccio di Satana e in molteplici desideri insensati e nocivi, i quali sommergono gli uomini nella rovina e nella perdizione, perché la radice di tutti i mal è l’amore al danaro, per il cui sfrenato desiderio alcuni si sono sviati dalla fede e da se stessi si sono martoriati con molti dolori (1Tm 6;8-10)

    Dio non ha forse scelto i poveri agli occhi del mondo perché fossero ricchi nella fede ed eredi del regno che egli promise a quelli che lo amano? (Gc 1;5) Orsù dunque voi ricchi pienagete e lamentatevi per le sciagure che si abbatteranno su di voi. La vostra ricchezza è putrida e i vostri indumenti sono divenuti preda delle tarme, il vostro oro e argento si sono arrugginiti […] siete vissuti nel lusso sulla terra, vi siete dati ai piaceri: vi siete ingrassati per il giorno del macello! (Gc 5;1-6)

    Questo è ciò che Dio Padre fece scrivere agli uomini circa i discepoli di Cristo, i suoi vicari originari, considerati così "santi" che anche il semplice fatto che Cristo li abbia scelti tutti uomini impedisce alle donne di dire messa. Ecco come Dio volle che si organizzassero economicamente i discepoli e come Dio volle che la notizia giungesse sino a noi:

    La moltitudine di coloro che avevano abbracciato la fede aveva un cuore e un anima sola. Non v’era nessuno che ritenesse cosa propria alcunché di ciò che possedeva, ma tutto era fra loro comune. […] Non c’era infatti tra loro alcun bisognoso, poiché quanti possedevano campi o case, li vendevano, e portavano il ricavato delle vendite mettendolo ai piedi degli apostoli. Veniva poi distribuito a ciascuno secondo che ne aveva bisogno” (At 4,14);

    Invece un uomo di nome Anania […] d’accordo con la moglie, trattenne per se una parte del prezzo e andò a deporre l’altra parte ai piedi degli apostoli […] “non hai mentito agli uomini, ma a Dio!” All’udire queste parole Anania cadde a terra morto. […] Or circa tre ore dopo si presentò anche sua moglie: “Ecco alla porta i passi di coloro che hanno sepolto tuo marito, porteranno via anche te”. Ella gli cadde improvvisamente ai piedi, morta (At 5,1-10)

  3. #3
    Nichilismo Cristiano
    Data Registrazione
    02 Apr 2004
    Località
    Parma
    Messaggi
    34,523
    Mentioned
    346 Post(s)
    Tagged
    28 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Rif: Il vero cristiano è Anarcocapitalista

    Il vero cristiano è quel che vuole essere.

  4. #4
    STATI UNITI D'EUROPA!
    Data Registrazione
    02 Feb 2011
    Località
    Stati Uniti d'Europa
    Messaggi
    21,396
    Mentioned
    14 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il vero cristiano è Anarcocapitalista

    il vero cristiano è cattolico e dunque non sostiene cose diverse dalla dottrina della Chiesa Cattolica.
    PROPOSTE POLITICHE
    ► STATI UNITI D'EUROPA, SUBITO! Tutti gli Stati a Ovest della Russia!
    ♫ Top 25 Vocal Trance Spring 2015 l Amazing Vocal Trance Mix ♫

  5. #5
    Forumista
    Data Registrazione
    17 Nov 2010
    Messaggi
    659
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il vero cristiano è Anarcocapitalista

    Citazione Originariamente Scritto da AURELIO AUGUSTO Visualizza Messaggio
    il vero cristiano è cattolico

  6. #6
    Giusnaturalista
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    Giudicato di Cagliari
    Messaggi
    15,648
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il vero cristiano è Anarcocapitalista

    Citazione Originariamente Scritto da AURELIO AUGUSTO Visualizza Messaggio
    il vero cristiano è cattolico e dunque non sostiene cose diverse dalla dottrina della Chiesa Cattolica.
    Il vero cristiano è giuridicamente per il principio di non aggressione. Moralmente non ritiene che l'offeso debba farsi giustizia da solo. Certo.
    Ma sicuramente non ritiene lo stato un entità valida per impartire giustizia e interferenza negli animi degli individui. Il vero Cristiano, Cattolico o Protestante che sia, non deve sentirsi parte dello stato. Ne dovrebbe votare per ritagliare e concedere spazi di potere sui propri simili ai propri simili. Solo Dio ha diritto di imporci qualcosa con la forza. Sopratutto in casa nostra.
    Ultima modifica di John Orr; 31-12-11 alle 19:53
    Tu ne cede malis, sed contra audentior ito, quam tua te Fortuna sinet.


  7. #7
    Presidente uscente di POL
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Località
    Genova, Italy
    Messaggi
    27,432
    Mentioned
    54 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il vero cristiano è Anarcocapitalista

    C'è tanta confusione fra i cristiani vedo....non sanno nemmeno quale sia il messaggio del loro "leader" fondatore...eppure si sentono forti dal dire chi è il "vero cristiano"....

    Io dico che se gesù tornasse sulla terra oggi avrebbe i conati di vomito vedendo cosa è diventata la "sua" religione....anarcocapitalisti in primis...

  8. #8
    Giusnaturalista
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    Giudicato di Cagliari
    Messaggi
    15,648
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il vero cristiano è Anarcocapitalista

    Citazione Originariamente Scritto da Perseo Visualizza Messaggio
    Il vero cristiano è quel che vuole essere.
    Il vero Cristiano crea un dialogo diretto con il Signore. Non deve ascoltare le parole e le leggi dei politici, ma trovare ispirazione nelle parole del Figlio di Dio e nelle istituzioni ecclesiastiche. Che non emanano leggi e sentenze. Ma regole morali che i fedeli devono seguire se vogliono essere considerati fedeli.
    Tu ne cede malis, sed contra audentior ito, quam tua te Fortuna sinet.


  9. #9
    Giusnaturalista
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    Giudicato di Cagliari
    Messaggi
    15,648
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il vero cristiano è Anarcocapitalista

    Citazione Originariamente Scritto da Seyen Visualizza Messaggio
    C'è tanta confusione fra i cristiani vedo....non sanno nemmeno quale sia il messaggio del loro "leader" fondatore...eppure si sentono forti dal dire chi è il "vero cristiano"....

    Io dico che se gesù tornasse sulla terra oggi avrebbe i conati di vomito vedendo cosa è diventata la "sua" religione....anarcocapitalisti in primis...
    Perchè non ti levi dalle scatole, comunista? Possibile che vi debba incontrare perfino dentro una chiesa??? Si Gesù avrebbe ribrezzo degli *******comunisti e della loro smania di esercitare il potere nei confronti dei propri simili.


    edit della moderazione
    Ultima modifica di Cuordy; 01-01-12 alle 17:30
    Tu ne cede malis, sed contra audentior ito, quam tua te Fortuna sinet.


  10. #10
    Presidente uscente di POL
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Località
    Genova, Italy
    Messaggi
    27,432
    Mentioned
    54 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il vero cristiano è Anarcocapitalista

    Citazione Originariamente Scritto da JohnPollock Visualizza Messaggio
    Perchè non ti levi dalle palle, comunista? Possibile che vi debba incontrare perfino dentro una chiesa??? Si Gesù avrebbe ribrezzo degli imbecilli comunisti e della loro smania di esercitare il potere nei confronti dei propri simili.
    Io comunista? Ah bhe...questa è bella.

    Cmq buon anno anche a te anarcocoso iaociao:

 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Cristiano Ronaldo Uomo Vero
    Di deepak nel forum Politica Estera
    Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 28-04-13, 22:52
  2. un vero padano può essere cristiano?
    Di dedelind nel forum Padania!
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 01-09-09, 08:20
  3. Il vero cristiano è anarco-capitalista?
    Di oggettivista nel forum Tradizionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-04-08, 11:20
  4. Un vero cristiano fa il padrino
    Di Oli nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 02-06-07, 22:21
  5. Il vero cristiano è anarco-capitalista
    Di Silvioleo nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 28-12-04, 12:06

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226