User Tag List

Risultati da 1 a 1 di 1
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,635
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Chiude l' Alcoa in Sardegna. Unione Europea vaffanculo

    Alcoa chiude l'impianto di Portovesme I sindacati: "L'industria sarda è morta" - Cronache dalla Sardegna - L'Unione Sarda
    Alcoa chiude l'impianto di Portovesme
    I sindacati: "L'industria sarda è morta"
    Articoli Correlati Cappellacci: pieno sostegno ai lavoratoriAlcoa, sindacati all'attacco: "Ora intervenga il Governo"Regione, Lombardo sulle sorti dell'Alcoa: "Colpo mortale alla Provincia più povera"Previsioni meteo Sardegna comune per comune
    Guarda l'Agenda Tutto su trasporti e appuntamenti
    Guida Spiagge La guida alle spiagge della Sardegna
    Il colosso dell'alluminio annuncia la riduzione delle capacità produttive o la fermata delle attività in tre stabilimenti in Europa: uno è quello di Portovesme, gli altri due sono in Spagna, a La Coruna e Aviles.

    Chiude definitivamente entro i prossimi sei mesi lo stabilimento Alcoa di Portovesme, dove si concentra la produzione di alluminio in Italia. L'annuncio choc della multinazionale statunitense è arrivato oggi: il nostro Paese, spiega l'azienda, non è competitivo sul mercato energetico e la combinazione con i costi crescenti delle materie prime e il crollo dei prezzi dell'alluminio è risultato fatale.

    Alcoa, che ha avuto per anni energia a prezzi scontati fino a quando l'Ue non ha aperto un procedimento di infrazione verso il governo italiano, ritenendo le forniture 'ribassate' un aiuto di stato mascherato, ha avviato un piano di ristrutturazione che taglia la capacità totale di produzione di alluminio primario del 12%, ovvero di 531.000 tonnellate. L'effetto a catena porterà alla chiusura entro la prima metà del 2012 del sito di Portovesme (150.000 tonnellate di produzione annua) e alla fermata parziale e temporanea di altri due stabilimenti in Spagna, a La Coruna e Aviles. A rischio complessivamente circa 1.500 dipendenti, di cui un terzo solo nell'Isola. E la stessa sorte della fabbrica del Sulcis era toccata la scorsa settimana alle fonderie in Tennessee e in Texas.

    L'AZIENDA - "Nello scenario economico odierno, è tassativo dare velocemente risposte per mantenere la competitività - argomenta Chris Ayers, vicepresidente di Alcoa Executive e presidente di Alcoa Global Primary Products - Siamo impegnati nel trovare soluzioni che minimizzino l'impatto sulle comunità locali e sui lavoratori". Secondo Ayers, non c'erano alternative alle scelte fatte. Alcoa vuole così riposizionarsi sul mercato internazionale e per farlo è pronta a lasciare l'Italia: sopravvive, ma non si sa fino a quando, la produzione di laminati a Fusina, in provincia di Venezia.

    ALLARME DEI SINDACATI - Per la Sardegna un'altra doccia fredda in un territorio, quello del Sulcis Iglesiente, che è il più povero d'Italia e dove si registra la più alta percentuale di fabbriche chiuse o in crisi. Il disimpegno di Alcoa è destinato a far sparire molte altre buste paga: lo stabilimento di Portovesme assicura occupazione ad oltre 500 operai diretti e circa 300 delle imprese d'appalto. "La ritirata di Alcoa - denuncia il segretario regionale della Cisl Giovanni Matta - segna l'inizio del funerale di quel che resta dell'industria sarda". Il sindacato è sul piede di guerra: nessuna concessione a un'azienda che vuole chiudere, dicono Cgil, Cisl e Uil e le Rsu della fabbrica, con la Cgil nazionale che chiede al Governo di convocare urgentemente i sindacati. Già domani nel primo confronto con i vertici di Alcoa nella sede di Confindustria a Cagliari faranno sentire le loro ragioni.

    LA REGIONE - Anche la Regione è in campo per scongiurare la chiusura dello stabilimento sulcitano. Il governatore Ugo Cappellacci ha già avviato contatti con il governo, perché la vertenza, chiarisce, ha valenza nazionale. E la presidente del Consiglio regionale, Claudia Lombardo, si è detta pronta a sostenere la vertenza dei lavoratori con iniziative bipartisan da parte dell'Aula. Le opposizioni incalzano. "Non riesco ad immaginare che l'Italia, a differenza dei più grandi Paesi europei, rimanga totalmente priva della produzione di alluminio primario - sottolinea il senatore del Pd Francesco Sanna - E' arrivato il momento che il governo costituisca una task force politica e tecnica che gestisca in modo non ordinario il dossier".

    Martedì 10 gennaio 2012 07.08

    PS: il grassetto è mio, per evidenziare come l' Unione Europea in nome delle sue pinniche, ignori il lavoro.
    Ultima modifica di Avanguardia; 10-01-12 alle 08:40

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 82
    Ultimo Messaggio: 14-06-12, 00:46
  2. Alcoa Taglia 2000 posti in sardegna
    Di costantino nel forum Politica Europea
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 26-11-09, 14:08
  3. Chiude l'Alcoa
    Di senhor soares nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 23-11-09, 09:44
  4. Occupato lo stabilimento dell'Alcoa in Sardegna
    Di brunik nel forum Fondoscala
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-11-09, 16:05

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226