User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Roma caput mundi
    Data Registrazione
    17 Dec 2010
    Messaggi
    2,243
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Economia banco-finanziaria: prosecuzione della guerra con altri mezzi

    Economia banco-finanziaria: prosecuzione della guerra con altri mezzi



    di Pierluigi Fagan

    - 16/01/2012

    Fonte: megachip



    L’atteso declassamento di Francia e di mezza Eurozona da parte della solerte Standard & Poor’s, mostra le manovre che l’esercito anglo sassone compie sul terreno. Le agenzie di rating indicano alla muta speculativa quale gregge attaccare per rifornirsi di cibo. Al di là della proliferazione di brillanti e profonde spiegazioni su debiti sovrani, capitalismo impazzito, proposte di nuove teorie monetarie, è un fatto che esattamente un anno fa, con debiti identici, eravamo tutti presi da altre questioni e ignari si viveva senza cognizione di spread, triple A e Processi del lunedì sulle monete sovrane, default.

    Cosa è successo? Perché prima no e dopo sì?

    Innanzitutto va considerato un fatto. La speculazione si nutre di differenze. Non è importante se la differenza è un in su o un in giù, l’importante è che in un periodo di tempo (meglio se breve) si crei una differenza, sulla differenza si entra a x e si esce a y, la differenza è profitto. Con le vendite allo scoperto, il meccanismo funziona addirittura a ritroso nel tempo, è un eterno ritorno al futuro.

    La speculazione, ovvero l’attività di nutrimento con le differenze, si nutre di profitti cioè di differenze. Normalmente dovrebbe cercarsele in natura, dovrebbe cercare qualche successo o qualche promessa di crescita o di crolli e di carogne. Il problema arriva quando in natura si producono minori differenze di quanto la muta non abbisogni per il suo sostentamento. In quel caso, le differenze si creano. Ma dove e come?

    La muta anglosassone pensa all’oggi ma anche al domani. Non solo deve creare o provocare differenze di cui nutrirsi ma nel farlo, deve seguire anche una logica di medio lungo periodo, garantirsi un futuro in un mondo improvvisamente difficile.

    La speculazione ha una logica? Qui bisogna evitare di pensare a concistori di incappucciati che si riuniscono in grotte sotterranee tramando contro i destini del mondo.

    Basta una solida cointeressenza, una comune immagine di mondo e forse anche una rete di contatti a cena o al circolo del golf.

    La speculazione è un di cui di un sistema, un sistema fatto di “istituzioni”: leggi, giornali e televisioni, professori universitari, geostrateghi, think tank, politica, lobbies, di un’immagine di mondo che diventa “consensus”.

    Questo sistema è dato dalla diarchia statunitense–britannica che, da tempo, ha dismesso ogni prevalente od esclusivo interesse nella tradizionale macchina di produzione e scambio[1] sulla quale si basava l’economia di mercato tradizionale (à la Smith, Ricardo, Marx per intenderci), per specializzarsi in quella banco finanziaria.

    E’ una precisa scelta di quello che Ricardo chiamava “vantaggio comparativo”, ciò che una nazione sa far meglio, ciò in cui eccelle. La diarchia statunitense–britannica, si è installata al centro del sistema banco finanziario, assumendolo come proprio vantaggio comparativo ed estendendo il dominio di questo sistema a tutto il mondo, liberamente e senza più alcun vincolo.

    Così facendo ci si mette al riparo dal ciclone permanente che la globalizzazione[2], ovvero l’interconnessione sistemica di tutte le macchine di produzione e scambio nazionali, crea per semplice dinamica dei flussi.

    Un ciclone erratico, che si sposta con grande rapidità sul pianeta, alle ricerca delle sue migliori condizioni di possibilità di nutrimento, Cina, ma oggi Vietnam, domani Africa, chissà forse ripassando per l’Australia, ma ritornando poi in Turchia.

    È noto che il posto più tranquillo in cui acquartierarsi in caso di ciclone è il suo occhio, il suo centro, lì dove tutto è calmo sebbene intorno tutto ruoti furiosamente. Lì si pone la banco finanza con intenti speculativi. Tutta la ricchezza risucchiata dal ciclone, s’imbuta lì[3].

    Si è creato il ciclone e ci si è messi al riparo del suo centro, non per difendersi dalla sua furia, ma per servirsene, per nutrirsene.

    Ciò venne fatto con una sequenza ai più ormai nota, che origina dall’invenzione del denaro auto valorizzato, la decisione di Richard Nixon del 1971.

    La concentrazione banco finanziaria (le banche in Gran Bretagna: la City[4] e nel sistema off shore che è dato da quasi tutte ex colonie britanniche, la finanza negli USA: Wall Street), la liberazione da ogni vincolo giuridico, l’effettiva immediata globalizzazione perfetta delle transazioni, la liberazione monetaria operata da Nixon, un sistema incrociato di società di rating – fondi d’investimento – fondi pensione che profetizza ciò che poi compirà, un sistema paradigmatico (Fmi – Washington consensus[5] – università, pubblicazioni, pubblici pronunciamenti di guru di giornata) che spinge a privatizzare, quotare in borsa, dipendere dai mercati cioè dal sistema, forma l’ossatura strutturale del posto al sole che gli anglosassoni vorrebbero riservarsi nel nuovo difficile mondo multipolare.

    Sarà multipolare politicamente o militarmente o economicamente, ma non lo potrà mai essere banco finanziariamente, quella posizione è già occupata e nei fatti, è inespugnabile.

    Quindi non lo sarà neanche per gli altri aspetti, essendo quella della generazione del denaro e della sua produzione di differenza, il senso ormai adottato da tutto il pianeta per il contratto sociale su cui si fondano le comunità umane.

    Credo si debba considerare con più attenzione la doppia natura di questo sistema perché se da una parte è esso è consustanziale al modo capitalista che non ha “apparentemente” nazione, dall’altra esso ha indirizzi precisi che portano a New York e Londra che per quanto pubblicizzate come capitali del mondo, al momento sono ancora solo città di sovrani stati.

    Stati sovrani che, come stabilito da Hobbes ma più precisamente ratificato da Locke, hanno un contratto sociale interno (la comunità in affari) e la regola del bellum omnium contra omnes al loro esterno, cioè nelle relazioni internazionali. Altro che doux commerce come pensava l’ingenuo Montesquieu. L’economia banco finanziaria, parafrasando Von Clausewitz, è la guerra condotta con altri mezzi.

    Un anno fa, dopo essersi procurata ingenti perdite per aver pasteggiato a bolle in sistematica successione negli ultimi almeno 12 anni, la banco finanza anglosassone, affamata e rabbiosa ha cominciato la Campagna d’Europa che procurerà la frattura d’Occidente o la devastazione dell’Europa.

    In tempi difficili, anche le parentele diventano un peso.

    Ora con i downgrade di S&P, la sta proseguendo. A noi decidere se sfruttare la frattura creando una Nuova Europa distante dai parenti – serpenti anglosassoni o subire la devastazione, rimanendo dentro la Vecchia Europa disunita da una moneta o di nuovo esplicitamente frazionata nella sua fantasiosa e rissosa composizione di staterelli quattrocenteschi.

    Abbiamo un problema di civiltà, cultura, società, con riflessi storici piuttosto grandi. Di solito le transizioni complesse, le abbiamo affrontate con una bella guerra, l’ultima è già in pieno svolgimento.



    NOTE



    --------------------------------------------------------------------------------

    [1] Il numero in edicola di Internazionale riporta un interessante articolo di Ed Vulliamy (Guardian, Observer) sull’abbandono dell’economia tradizionale e la nuova centralità della banco finanza che ha smagliato il tessuto sociale inglese a partire da Margareth Thatcher, ma a proseguire via Tony Blair con David Cameron.

    [2] Globalizzazione spinta dagli stessi attori che si procurano così la loro migliori condizioni di possibilità nella nuova veste di centro delle speculazioni sulle differenze.

    [3] Una sorta di accumulazione per espropriazione secondo la brillante definizione di David Harvey (si veda ad esempio D.Harvey, L’enigma del capitale, Feltrinelli, Milano 2010.

    [4] La Gran Bretagna ha la maggior massa bancaria in rapporto al PIl, quasi il 500%. L’Italia, per dire, ha più o meno il 150%. Gli Stati Uniti ancora meno, ma in compenso le sue aziende gli danno la più alta capitalizzazione in borsa del mondo.

    [5] http://it.wikipedia.org/wiki/Washington_consensus.





    Economia banco-finanziaria: prosecuzione della guerra con altri mezzi, Pierluigi Fagan
    "Non discutere mai con un idiota: ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza" (firma valida per tutte le stagioni)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    22,330
    Mentioned
    107 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Economia banco-finanziaria: prosecuzione della guerra con altri mezzi

    Prima l'Europa si stacca dall'inghilterra ed i suoi veleni e meglio :giagia: , compresa la cultura di stampo massonico che la pervade con i risultati sotto gli occhi di tutti iango: , senza tanti problemi non si porrebbero.
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    07 Aug 2011
    Messaggi
    2,216
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Economia banco-finanziaria: prosecuzione della guerra con altri mezzi

    Citazione Originariamente Scritto da Freezer Visualizza Messaggio
    Prima l'Europa si stacca dall'inghilterra ed i suoi veleni e meglio :giagia: , compresa la cultura di stampo massonico che la pervade con i risultati sotto gli occhi di tutti iango: , senza tanti problemi non si porrebbero.
    In effetti è dalla perfida Albione che la massoneria si è diffusa su tutto il continente favorendo con l'illuminismo una certa filosofia e poi tutto il resto (rivoluzione francese, diritti dell'uomo, principi dell'89, socialismo, marxismo).

    Purtroppo oggi l'Italia è in mano ai massoni

  4. #4
    Roma caput mundi
    Data Registrazione
    17 Dec 2010
    Messaggi
    2,243
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Economia banco-finanziaria: prosecuzione della guerra con altri mezzi

    L'Inghilterra è stato e resta il primo nemico dell'unità dei popoli europei.

    Ieri come oggi è la perfida Albione.
    "Non discutere mai con un idiota: ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza" (firma valida per tutte le stagioni)

 

 

Discussioni Simili

  1. Altri militari e mezzi in Afghanistan
    Di Imperium nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 15-06-09, 21:59
  2. I media: la prosecuzione della guerra con altri mezzi
    Di Il Pretoriano nel forum Destra Radicale
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 22-01-09, 14:21
  3. L'economia della catastrofe e l'economia di guerra - L. Garofalo
    Di Outis nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-11-07, 16:14
  4. sito sui mezzi corazzati della seconda guerra mondiale
    Di ulfenor nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 24-06-06, 23:07
  5. L'economia della guerra infinita
    Di araknerosso nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 26-04-05, 14:44

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226