User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
Like Tree1Likes
  • 1 Post By Danny

Discussione: Lavoro, il ‘Welfare’ negli altri paesi Europei

  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Roma
    Messaggi
    39,362
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    5

    Predefinito Lavoro, il ‘Welfare’ negli altri paesi Europei

    In Italia è oramai arrivato il momento di mettere mano al mercato del Lavoro ed al sistema di ammortizzatori sociali ad esso collegato. Si susseguono proposte diverse, il Governo sembra orientato verso il Contratto Unico, il cui principale risvolto sarà quello di ‘precarizzare’ tutti i lavoratori.

    Quando arriva il momento di preparare una Riforma cosi importante, non sarebbe il caso di guardare cosa fanno ‘gli altri’? Diamo allora uno sguardo ai Sistemi Sociali dei principali paesi Europei:

    Danimarca: la flexsecurity

    Gli imprenditori hanno la massima libertà di licenziare potendo dare in tal senso un preavviso di soli cinque giorni. Il lavoratore licenziato, dal primo giorno di disoccupazione percepisce un assegno da parte dello Stato pari all’80-90% del suo stipendio per quattro anni.
    Come ha sottolineato Urban Ahlin, un esponente dei socialdemocratici danesi, il modello sociale adottato dal governo mira a salvare le persone piuttosto che i posti di lavoro, investendo, anziché sulle aziende che rischiano di finire fuori dal mercato, “sulla formazione dei lavoratori per orientarli verso nuovi settori”.
    Anche l’ammirato stato sociale danese presenta però delle imperfezioni. Dopo un anno di disoccupazione rifiutare una proposta di lavoro comporta la sospensione del sussidio.

    Germania: assegno di disoccupazione e bonus per affitti e riscaldamenti

    Una volta perso il posto di lavoro lo stato tedesco versa al disoccupato per 18 mesi, o per due anni a chi ne ha già compiuti 58, circa il 70 per cento dell’ultimo stipendio. Attualmente circa 3,5 milioni di disoccupati usufruiscono di questi sussidi. Superato il primo anno e mezzo, scatta per circa 6,7 milioni di persone in Germania (2 milioni delle quali bambini e ragazzi sino a 18 anni) il cosiddetto regime ‚Hartz IV’: sinora assicurava, oltre alla copertura dei costi dell’affitto e del riscaldamento, una base fissa di 359 euro a persona. Più un assegno familiare di 215 euro per ogni figlio sino ai 6 anni; ovvero, 251 euro per un bambino dai 6 ai 14 anni; o un massimo di 287 euro dai 14 ai 18 anni.

    Francia: reddito minimo garantito

    La Francia gode di «buona fama» grazie al suo articolato sistema di welfare. La prima cosa che stupisce noi italiani è il salario minimo garantito: si chiama Rsa, revenu de solidarité active (Le rSa : mode d'emploi - Social), e agevola la vita degli over 25 senza reddito o con uno stipendio basso. Un single senza figli né entrate può percepire 466 euro al mese e chi guadagna 500 euro può averne 215 di aiuti.Per chi ha lavorato almeno 122 giorni negli ultimi 18 mesi, e non ha lasciato volontariamente l’impiego, c’è il sussidio di disoccupazione: dal 70% al 50% degli ultimi stipendi, dura fino a 2 anni decrescendo col passare dei mesi, per stimolare il beneficiario a cercare un nuovo lavoro.

    Gran Bretagna: assegno di disoccupazione e contributo per l’alloggio

    Anche l’Inghilterra ha un articolato sistema di aiuti economici. Chi lavora meno di 16 ore a settimana, o non ha un lavoro ma dimostra di cercarlo attivamente, percepisce fino a un massimo di 67,5 pound a settimana e, se necessario, un contributo per l’alloggio (info su Website of the UK government : Directgov). Come in Francia, gli uffici di collocamento (jobcentre) orientano chi cerca un impiego e verificano il diritto ai sussidi, il cui importo decresce man mano che si inizia a camminare con le proprie gambe.

    Ci si affaccia al lavoro in tre modi: «tramite work experience, internship o graduate scheme». La prima è un’esperienza di una o due settimane all’interno di un’azienda, in genere non retribuita. Gli inglesi la fanno alle superiori, ma può essere utile anche ai laureati senza esperienza. L’internship è lo stage, «di solito retribuito intorno a 600 pound netti al mese» (circa 700 euro, ma ci sono anche molti stage non retribuiti, ndr). La graduate scheme invece è adottata soprattutto da società molto grandi, che cercano laureati da formare sul campo e inserire in varie mansioni.

    Spagna: assegno di disoccupazione ma abuso di stage non retribuiti

    Il Governo garantisce la disoccupazione: «Dopo un anno di contributi versati e in caso di perdita del lavoro. La somma che si riceve è per i primi 6 mesi equivalente al 70% della media dell’ultimo stipendio. Passati i primi 6 mesi la percentuale scende al 60%». Le donne in Spagna hanno diritto a 16 settimane di assenza dal lavoro per maternità. (In Italia sono 6 mesi, se non erro).

    Quanto ai giovanissimi, c’è un abuso di stage (practicas) che durano tra 3 mesi ed un anno e non possono prevedere più di 40 ore di lavoro settimanali; spesso non sono retribuiti. «Vengono fatti per lo più contratti a tempo determinato e di formazione, anche se non mancano casi di inserimento a tempo indeterminato. Il determinato deve durare al massimo 6 mesi, rinnovabile per massimo 12 mesi consecutivi

    Norvegia: sussidio di 1150 euro mensili, Università ad 80 euro annui per tutti

    Lo stipendio per un giovane che entra nel mercato del lavoro è l’equivalente di 45mila euro lordi (36% di tasse) e i contratti sono quasi tutti a tempo indeterminato.
    In Norvegia gli stage esistono, sono normalmente curriculari e vengono retribuiti 170 corone lorde all’ora (22 euro).Trattandosi di uno stato assistenziale ognuno è legato a un codice fiscale e a fine anno è lo stesso Stato a preparare le dichiarazioni dei redditi dei cittadini.
    Anche la Nav (NAV), struttura sociale, opera in tal senso: «Sono organizzatissimi: ti iscrivi e loro ti aiutano a inserirti nel mondo del lavoro, a scrivere il cv e, se non trovi impiego, ti danno un sussidio di circa 1.150 euro al mese. Il il sistema sociale non fa beneficienza: se hai la possibilità di inserirti nel mondo del lavoro non ti dà il sussidio». Nei confronti delle madri, in particolare delle ragazze madri, si ha un occhio di riguardo: «Danno sussidi di disoccupazione, pagano gli studi, l’affitto: fanno in modo che la scelta di tenere il bambino non sia dettata da motivi economici».
    E non dimentichiamoci che l’università costa 80 euro all’anno e che lo stato garantisce agli studenti prestiti a tassi inesistenti. (Prezzi alti però: «per un monolocale di 30 metri a Oslo ci vogliono circa 1.500 euro al mese e 8mila euro a metro quadro per comprare casa»)
    Come avrete potuto leggere, TUTTI i sistemi di welfare dei principali paesi europei, compreso quello spagnolo, risultano migliori del nostro. I sussidi di disoccupazione esistono per tutti e non solo per i dipendenti delle grandi aziende, come accade da noi con la cassa integrazione, negata ai lavoratori delle piccole imprese ed agli autonomi.

    Ogni paese ha le proprie peculiarità, è vero. Credo però che si potrebbe davvero cambiare il nostro Welfare, anche abolendo l’articolo 18, anche modificando lo Statuto dei lavoratori, anche arrivando ad una/due tipologie di contratto, senza ideologie o dogmi.

    La priorità ultima, il fine principale sarebbe però quello di ‘salvare le persone piuttosto che i posti di lavoro ‘, salvarne la dignità, dando ad ogni disoccupato un reddito minimo, ad ogni lavoratore licenziato un sussidio, utilizzando i centri per impiego al fine di reintrodurre i lavoratori nel sistema produttivo.

    La crescita, caro Presidente Monti, non passa solo attraverso la decurtazione dei diritti dei lavoratori, vuoi con l’abolizione del ’18, vuoi con il Contratto Unico a due fasi. La crescita passa anche attraverso gli investimenti SUI lavoratori.

    Non si cresce dando facilità di licenziamento alle imprese, si cresce rendendo piu facile trovare lavoro alle persone!


    Fonte principale: http : / / www. walkonjob.it /articoli/902-articoli/790-welfare-salari-minimi-garantiti-e-sussidi-alle-ragazze-madri-sono-alcune-misure-adottate-in-europa

    Dossier: Lavoro, il ‘Welfare’ negli altri paesi Europei
    Francpolitik likes this.
    Se hai un po di tempo da perdere fai un salto qui:
    www.candidonews.wordpress.com
    Un blog in cui parlare di Politica, Informazione, Televisione, Cinema e tanto altro...

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Pavia
    Messaggi
    29,004
    Mentioned
    20 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Rif: Lavoro, il ‘Welfare’ negli altri paesi Europei

    Hai considerato che in Spagna sono state modificate molto le norme?
    Non mi pare ci sia più il sussidio. E del resto per testimonianza diretta mi è stato detto che c'era un abuso incredibile da aprte di giovani che perso il lavoro si prendevano il sussisio senza cercare il lavoro finchè non erano obbligati.
    Idem in Germania non hai detto ch edopo pochissimo tempo si deve accettare il lavoro proposto, anche se è di poco inferiore come stipendio, o si perde il sussidio.
    In Francia quel reddito minimo di 500€ viene dato a prescindere dall'impegno a cercare e accettare lavoro? Ti rendi conto di quanti 26enni da noi si prenderebbero la mancetta di 500€ mensili standosene a casa mantenuti dai contribuenti oltre che dalla famiglia senza fare nulla?

    Io sono per il modello danese, con però oneri minori per le aziende che non possono permettersi ora l'80-90% di sussidio, e un preavviso però superiore ai 5 giorni chiaramente.
    Against all odds

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 26-05-10, 21:55
  2. economia italia tiene meglio di tutti gli altri paesi europei
    Di domics2006 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 121
    Ultimo Messaggio: 13-01-09, 23:32
  3. litalia ed altri paesi europei non rispettano risoluzione onu
    Di sinistra_polliana nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 16-02-08, 00:26
  4. Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 03-11-05, 23:39
  5. Exit Poll Altri Paesi Europei
    Di cristiano72 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 13-06-04, 18:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226