User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 19
  1. #1
    Super Troll
    Data Registrazione
    13 Oct 2006
    Messaggi
    57,798
    Mentioned
    466 Post(s)
    Tagged
    6 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Red face “ERO SUL CONCORDIA, MI SONO SALVATA GRAZIE A PADRE PIO”

    “ERO SUL CONCORDIA, MI SONO SALVATA GRAZIE A PADRE PIO”




    23 gennaio 2012 - La fantastica copertina dove Francesca Rettondini spiega che lei era sul Concordia, ma si è salvata pregando Padre Pio non poteva mancare nella nostra collezione di indizi dell’avvenuta catastrofe.

    “Complottismo? No grazie” commenta così:
    Costa Concordia, Francesca Rettondini viva per miracolo grazie a Padre Pio che però si dimentica di una bimba di 5 anni e altre 30 persone a lui non devoti… Prox volta rivolgersi direttamente a Dio, [...]

    lui è onnipotente non come quel ciarlatano!

    “Ero sul Concordia, mi sono salvata grazie a Padre Pio”


    Puntualizziamo.
    1) Si sono salvate centinaia e centinaia di persone, e comunque grazie all’aiuto dei soccorritori. Sono tutti miracoli o solo alcuni?
    2) Il miracolo presuppone che qualcosa vada contro le leggi naturali per intervento divino. La Rettondini si è forse salvata volando o camminando sulle acque?
    3) È apparso Padre Pio o una sua manifestazione sul luogo?
    4) Padre Pio o chi per lui ha salvato solo chi lo ha richiesto?
    5) Già che c’era non poteva salvare per miracolo le decine di persone morte? E se per miracolo evitava del tutto l’incidente?
    6) Se avesse chiesto aiuto a Krishna, al Buddha, a Chuck Norris o alla Pimpa sarebbe stato comunque un miracolo?
    7) È intelligente gridare “al miracolo!” invece di interrogarsi sulle misure di sicurezza?
    8) Ma chi realizza questi giornali non si vergogna?


    Puntualizziamo. 1) Si sono salvate centinaia e... | Wollonz

    “In amore non essere un mendicante, sii un imperatore. Dà e resta semplicemente a vedere che cosa accade...”

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 Sep 2006
    Messaggi
    17,488
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: “ERO SUL CONCORDIA, MI SONO SALVATA GRAZIE A PADRE PIO”

    Quindi Padre Pio non ha ammazzato gli altri 30 e passa disgraziati che ci hanno rimesso la pelle.

    Davvero sadico il fratacchione.

  3. #3
    ...
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    24,158
    Mentioned
    81 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    6

    Predefinito Rif: “ERO SUL CONCORDIA, MI SONO SALVATA GRAZIE A PADRE PIO”

    "Per tutto il pensiero occidentale, ignorare il suo Medioevo significa ignorare se stesso" - Étienne Gilson


    "Se commettiamo ingiustizia, Dio ci lascerà senza musica" - Cassiodoro.

  4. #4
    Super Troll
    Data Registrazione
    13 Oct 2006
    Messaggi
    57,798
    Mentioned
    466 Post(s)
    Tagged
    6 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Rif: “ERO SUL CONCORDIA, MI SONO SALVATA GRAZIE A PADRE PIO”

    Citazione Originariamente Scritto da Cuordileone Visualizza Messaggio
    ...dunque?

    Ci spiegheresti il significato di questo link? Oppure è una delle tue solite trollate?:sofico:

    “In amore non essere un mendicante, sii un imperatore. Dà e resta semplicemente a vedere che cosa accade...”

  5. #5
    ...
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    24,158
    Mentioned
    81 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    6

    Predefinito Rif: “ERO SUL CONCORDIA, MI SONO SALVATA GRAZIE A PADRE PIO”

    Citazione Originariamente Scritto da Giordi Visualizza Messaggio
    ...dunque?
    Niente niente...
    "Per tutto il pensiero occidentale, ignorare il suo Medioevo significa ignorare se stesso" - Étienne Gilson


    "Se commettiamo ingiustizia, Dio ci lascerà senza musica" - Cassiodoro.

  6. #6
    Super Troll
    Data Registrazione
    13 Oct 2006
    Messaggi
    57,798
    Mentioned
    466 Post(s)
    Tagged
    6 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Rif: “ERO SUL CONCORDIA, MI SONO SALVATA GRAZIE A PADRE PIO”

    ..allora visto che padre Cuordy non hai il coraggio di fare l'ennesima figuraccia, proverò io a citare la parte del suo link che riguarda la preghiera ai santi:

    La preghiera "ai" santi, la preghiera "dei" santi

    Quindi si pregano i santi? No. Si può chiedere la loro intercessione, cioè: si può chiedere che anche loro preghino per noi. Che noi possiamo unire la nostra preghiera alla loro. Visto che, proprio perché santi, noi li crediamo davanti al volto del Padre, sappiamo che essi pregano incessantemente, noi chiediamo che preghino per noi. Noi non preghiamo i santi, ma rivolgendoci a loro chiediamo la loro preghiera per noi. Questa è uno degli aspetti della "comunione dei santi". Come vedete la questione è sottile e possono nascere fraitendimenti. Per questo occorre essere chiari. I santi non fanno miracoli; è Dio che opera miracoli in forza della sua bontà e grazie alla fede e alla preghiera della Chiesa celeste e terrena
    .



    ..ma che belle parole! ...tutte smentite dalle stesse simpatiche persone che dicono di essere state miracolate da quel fenomeno di Padre Pio...

    fatti una cultura padre Cuordy: :gluglu:


    MIRACOLO 1


    Ricevuto da Padre Pio: IO mi chiamo Goffi Enzo e sono di Roma , io soffrivo di attacchi di panico come correvo mi mancava l'aria, non potevo piu; giocare a pallone, se andavo a mangiare fuori stavo male e ogni volta che stavo male era come MORIRE. Adesso da gennaio che prego padre pio e mi ha messo davanti un professore che con la cura e le preghiere sono quasi del tutto guarito. Dopo 17anni di agonia, adesso ne ho 34 e sono venuto a trovarlo, sono stato in albergo con la mia famiglia, ho visitato tutto quello che c'era da visitare, sono stato benissimo, e ancora piu di prima, ora ho anche più fede, adesso che sono tornato a roma mi faccio circa 20 km al giorno di bici, e come vado un po in affanno basta solo che penso a lui che mi passa tutto. A settembre riprendo a giocare a pallone e butto via anche le pastiche che prendevo, tanto c'è lui vicino a me, ne sono sicuro, me lo sento sempre vicino. GRAZIE SAN PADRE PIO, tuo fedele Enzo Goffi da Roma nato il 17/07/1971. GRAZIE DIO.*

    *
    MIRACOLO 2


    Ricevuto da Padre Pio:15 anni fa ero scietica non ci credevo in padre Pio,per me erano tutte invenzioni di quello che legevo sul suo conto, ma .nel 1995 per la prima volta lo sogniai,ni trovavo in ospedale ,lui si affacio e mi guardo con un zguardo molto arabiatto.10 giorni doppo sono finita sul serio in ospedale per una epatitte mortale.non mi so dare giusta interpetazione di questo sognio.nell 2000 invece mi trovavo nella mia casa in campagnia.ero fuori nel giardino a tagliare erba, mentre tagliavo erba sent un fortissimo profumo di violette,mi girai verso la casa e vidi tramite la vetrata traversare il salone una persona vestitta con un maglione marone. il quore mi andava mile al ora, spensi la tagliaerbe ecorsi in casa,mi spaventai per la mia figlia.perche noi due si viveva da sole.Entrando in casa senti il solito odore di violette,nel piantereno di casa non cera nesuno,sali di corsa le scale per cercare la mia figlia.Lei era tranquilla sul letto a studiare.mi guardo e mi chiesi,mamma perche sei cosi palida?non gli ho racontatto niente,perche avevo paura di spaventarla,per il solito motivo,perche si viveva sole.Da quel giorno fino a oggi padre Pio e con me io da lui non voglio miracoli io gli ho chiesto soltanto se vuole diventare mio Padre e padre della mia figlia. io non sono italiana e mi scuso per tutti i erori ortografici. finalmente sono felice perche anchio ho un padre . grazie padre che ti sei prezo la cura di me e della mia figlia , nel ultimo sognio che ho fatto mi hai detto:Abbi cura di te ,e della piccola. comunque padre quello che ti ho promesso mantero.

    *
    MIRACOLO 3


    Nel 1986 ho avuto il primo attacco di panico, e la mia depressione è durata 10 anni, ho pregato molto, fino a quando un giorno sono andato a S.Giovanni Rotondo ed ho pregato sulla tomba di Padre Pio. Dal giorno dopo non ho preso più le medicine ed ho iniziato a stare bene. E' stato un vero e propio calvario " 10 anni d'inferno " oggi stò bene. Un'altro miracolo ancora più bello è stato quello che mi è successo due anni fà, avevo perso il lavoro.. stavo malissimo, a 45 anni è difficilissimo ritrovarlo. Oggi prego sempre Padre Pio per aiutare tutti i padri disoccupati! Stavo a passeggio la sera con i miei due cani, due bellissimi e fedelissimi cani, era una sera di novembre 2004, umida e con una pioggerellina fine, erano le otto di sera, e mentre disperato, ritornavo a casa, stavo facendo dei bruttissimi pensieri sulla mia vita, ad un tratto il mio cane si mette a camminare con passo deciso, tirandomi, mi fà proseguire camminando vicino ad un muretto, svolta poi a sinistra e fatti altri due metri si ferma di scatto, avevo capito che c'era qualcosa di strano, conosco il mio cane, e quando faceva quel tratto le altre volte si fermava spessissimo per odorare, mentre quella volta tirò dritto e camminava deciso! Quando si fermò, il mio sguardo fu come indirizzato sul marmo del muretto, era appoggiato.. piegato a metà un calendario di Padre Pio del 2004, che conservo adesso appoggiato sul muro della mia stanza con questa dicitura : Ogni nuovo giorno è un giorno in più per Amare, un giorno in più per Sognare ed un giorno il più per Vivere, firmato Padre PIo. Dopo aver letto queste parole, Il mio cuore ed il mio spirito si risollevarono tantissimo, mi sentii molto meglio ed iniziai a piangere da solo! Nel maggio 2005 ho trovato lavoro, credo sempre grazie a Lui " proprio per Miracolo " Grazie Padre Pio.

    Michele*

    *
    MIRACOLO 4


    Mi chiamo Federica, ho 33 anni. Nell' Ottobre 2005 mi sono ammalata di una malattia che io oggi chiamo asma (tosse acuta non appena facevo un passo in piu' o appena cominciavo a parlare), nessun medico e' mai riuscito a fare una precisa diagnosi: chi diceva tracheite, chi parlava di reflusso gastroesofageo, chi di allergia. Era inutile l'assunzione di antibiotici, cortisone, antistaminici e Dio sa quante medicine ho preso, senza contare che ormai ero traumatizzata dall'alzarmi dal letto la mattina sapendo cosa mi aspettava. Non appena potevo mi stendevo nel letto al caldo dove riuscivo a trovare un po'di pace. Quel che era peggio era che nel Gennaio 2006 mi dovevo sposare. Dio solo sa in che stato d'animo mi preparavo alle nozze, mi chiedevo addirittura se mai fossi arrivata a quel giorno e mi sentivo in colpa per il mio futuro marito. Premetto che nello stesso mese in cui mi ero ammalata ero stata a S.Giovanni Rotondo con una gita organizzata dalla chiesa a cui appartengo, ma ancora non sapevo che quella tosse che avevo da li a poco avrebbe preso una piega piuttosto seria. Poche settimane dopo questa visita mi trovavo a letto (l'unico posto, ripeto, trovavo un po'di pace), ero immobile e facevo l'enigmistica, finestre chiuse e nessun altro in camera all'infuori di me. Un ondata di profumo fortissimo di fiori dolcissimo mi avvolse una prima volta. Incominciai a chiedermi da dove provenisse e comincio ad annusare a mo' di cane dappertutto, persino su me stessa, ma niente non sentivo piu' niente. Ancora una seconda volta e una terza e poi niente, ho annusato tutto cio' che era in camera ma niente, niente che possa aver emanato quel profumo dolcissimo, ammesso che nella stanza ci fosse stato un solo filo di vento. Chiamai mia madre per chiederle se mai avesse spruzzato qualcosa in corridoio che in qualche modo si poteva sentire dalla mia stanza, ma sorprendentemente lei mi rispose che era in cucina a cenare e a guardare la tv. Da allora ho cominciato a pregare tantissimo Padre Pio e sebbene abbia passato momenti bruttissimi, la mia guarigione e' stata molto lenta ma mi sono sposata e quel giorno e' stato indimenticabilmente bellissimo, non ero in salute al 100% ma ero sulla via della guarigione che si e' completata dopo pochi mesi dal mio matrimonio. Prego ancora tanto Padre Pio e la Vergine Maria tanto che (vivo a Londra) L'ultima volta che andai in Italia mi innamorai di una Foto della Vergine formato A4 che volevo incorniciare e mettere sul capezzale del letto. Tornata a Londra non trovavo piu' la foto che da li a poco sarebbe diventata il mio chiodo fisso... non la trovavo piu'e l'avevo cercata in casa dappertutto...niente! Sere fa ero a letto e mi accorsi che non avevo messo sul comodino la figurina con reliquia di Padre Pio che e' sempre con me. Mi alzai, la presi dalla borsa e la poggiai sul mio comodino. Per qualche motivo aprii il cassetto e lo richiusi. Poco dopo mi accorsi che Padre Pio non era li, disperazione! Lo cercai dappertutto compreso il cassetto...niente di niente, eppure sapevo che doveva essre intorno al comodino, doveva essere la. Non contenta ma con poche speranze sposto il comodino dal muro e... cosa trovo?... La foto della Vergine! Non l'avrei mai cercata li dietro, mai se non mi fosso messa a cercare la figurina di Padre Pio! Fatto ancora piu' interessante e' che subito dopo trovai anche la figurina... nel cassetto dove l'avevo gia' cercato prima di trovare la Madonna! Sono sicura che si e'trattato di un segno visto che da recente ho chiesto un'altra grazia sia a Padre Pio che alla Madonna e sto facendo un fioretto offerto come sacrificio a Padre Pio. Sono sicura che molto presto potro' testimoniare ancora, perche' Lui mi e' vicino... sempre!

    Federica

    *
    MIRACOLO 5



    Anch'io ho ricevuto tante grazie da Padre Pio. Intento di avermi fatto avvicinare e conoscere da vicino a Gesù e d'allora non l hò più lasciato. Mio padre ha superato l'intervento al cuore con ben 4 by-pass, e infine ha guarito mio marito da un grosso problema che lo stava portando ad una paralisi, in quell'occasione ho sentito il profumo di fiori durante la notte e ho capito che lui mi avesse concesso la grazia: Lo amo tanto e mi fà compagnia oramai da più di 10 anni.

    Giusy

    *
    MIRACOLO 6



    Mi sento strano nel raccontare il mio personale miracolo, perché credo sia una grazia da custodire nell'intimo del mio cuore. Ho deciso di raccontarlo non per me, ma per chi legge, in modo da capire e credere che Dio è vivo, attivo, presente e attraverso i suoi Santi opera la Sua misericordia senza limiti e sanza fine.*

    Nell'agosto 2006 vado nel Salento per un Festival canoro (sono un musicista) e prima di tornare a Milano mi fermo a San Giovanni Rotondo per qualche giorno di rigenerante preghiera. Arrivo molto tardi, gli hotel sono tutti chiusi ed io, molto affamato, trovo un bel pub dove poter mangiare qualcosa. Dopo mangiato conosco i gestori del pub, chiedendo loro se hanno mai avuto esperienze dirette con il santo venerabile padre. La signora del pub mi dice che da piccola lo ha conosciuto personalmente e da allora lo sogna spesso... Caso strano, dopo piacevoli discorsi, mi regala un rosario, dicendomi che quello stesso pomeriggio ha sentito il desiderio di acquistarlo, spinta da un richiamo di san pio.*
    Appena stringo il rosario nella mano destra sento un brivido, come una commozione interna.

    1° MIRACOLO

    Tornato a Milano, sento l'atipico desiderio di metterlo al collo, come fosse una mia personale collanina. Il 26 settembre 2006, camminando in una via della provincia di Milano (con il rosario al collo), precipita dal 7° piano di un palazzo una grande specchiera (quelle da camere da letto). Mi colpisce direttamente sul cranio, sfracellandosi in mille pezzi e facendomi cadere senza sensi. Rinvenuto mi accorgo di non avere un graffio, nè sulla testa, nè sul corpo. In ospedale hanno parlato di miracolo e grazia divina.
    So che il rosario di San Pio mi ha salvato da quell'imprevedibile e maledetto incidente (tutto documentato).

    2° MIRACOLO

    Qualche mese dopo l'incidente, mi ritrovo in piscina, uscivo con una donna impegnata con un figlio, in un clima di evidente menzogna e ambiguità di rapporti. Quella sera in acqua mi sento improvvisamente male, esco dalla piscina per ritrovarmi a vomitare nel bagno con sudore freddo sulla fronte. Quella sera inoltre perdo in modo misterioso il rosario miracolato, così divengo amareggiato, desolato e sconfortato. Il giorno seguente viene ritrovato stranamente dal compagno della donna con la quale ero uscito, nella loro macchina, cosa impossibile perché non ero mai entrato nella loro macchina. Lei, presa da imbarazzo nei confronti del suo compagno e da cattiveria nei miei, non mi restituisce il santo rosario, lo tiene per sé dicendomi che non era mio. Da quella sera non vedo più quella donna, ovviamente. Dopo 2 mesi da quell'episodio, parlando (in un pub) con alcune amiche dell'esperienza a San Giovanni Rotondo, avverto una "presenza" fugace alle mie spalle e, in modo assolutamente soprannaturale, ritrovo nella mano destra, avvolto fra le mie dita, il famoso rosario.

    CONCLUSIONE PERSONALE

    So che il rosario è un'esortazione alla preghiera e, al di là delle grazie ricevute, credo che il volere più impellente del santo padre sia quello di riavvicinarsi alla fede e alla vera preghiera, con costanza, fiducia e forza. Nessuno di noi conosce il futuro, ma solo affidandoci completamente a nostro Dio padre celeste possiamo preservarci dal male che si aggira per il mondo.

    Davide

    *
    MIRACOLO 7



    Mi chiamo Lucia, sono una ragazza di 19 anni, da piccola i miei genitori mi hanno insegnato di credere a Dio e in Padre Pio. Sono cresciuta credendo in loro e ho fede, amo Dio come me stessa, e so che nei mei momenti difficili loro mi aiutano. Ora vi racconto cosa mi è successo precisamente l'11 luglio 2005. avevo litigato con i miei genitori e urlando gli dissi; spero che Dio mi faccia morire perchè non c'é la faccio più a vivere qui con voi, detta questa frase scoppio a piangere corro in bagno, mi guardo allo specchio dove mia madre aveva una specchiera larga un metro e alta 1 metro e mezzo. Continuo a guardarmi allo specchio e all'improvviso ho un gran dolore al cuore, mi inclino dato che non riuscivo a respirare, mi sentivo quasi soffocare e dopo qualche minuto mi alzo e questo enorme specchio inizia a farsi in mille pezzi.. mi cadde adosso ed io mentre succedeva tutto questo baciavo l'anello di Padre Pio che mi fu dato in una gita a Pietralcina. Provavo dolore e non capivo niente ma all'improvviso un pezzo dello specchio mi entra nella mano sinistra tagliandomi tutti i tendini della mano: mi portarono in ospedale, sono stata ben 8 ore in sala operatoria e mia madre aveva con se la mia collana di Padre Pio benedetta. Sognai Padre Pio che rideva e mi teneva per mano dincendomi che tutto sarebbe finito e io sarei ritornata dalla mia famiglia. Continuava a sorridermi, ma improvvisamente apparve un uomo vestito di nero ed una luce che accecava i miei occhi e non riuscivo a vedere quasi niente, ma miracolosamente Padre Pio alzo'la sua mano come se respingeva quest'uomo, e urlando costui mi diceva che io molto presto sarei andata con lui, Padre Pio si alza, va verso l'uomo vestito di nero e gli dice: "tu non sai e non puoi" ... l'uomo si inginocchia e scoparve, Padre Pio si volto,' verso di me facendomi un cenno come per dire adesso vai. Io rimasi immobile la luce scomparve e dopo alcuni secondi mi svegliai dall'operazione. Credetemi è stata un esperienza indimenticabile, i dottori mi dissero che durante l'operazione all'inizio trovarono delle complicazioni, ma era andato tutto a buon fine... IO RIGRAZIO DIO, RINGAZIO PADRE PIO, PER AVERMI RIDONATO DI NUOVO LA VITA E CHIEDO PERDONO SE STAVO RINUNCIANDO ALLA VITA CHE LUI STESSO MI HA DONATO...*

    Lucia

    *
    MIRACOLO 8



    Marzo 2003 il mio grande amore muore in un incidente stradale…. Da quel momento inizia l’annullamento di me stessa, della mia anima e forse della mia infinita fede nel Signore; rinnegavo la mia vita, mi piangevo addosso… la depressione e lo sconforto ebbero la meglio. Da li cominciai a essere disturbata da entità sconosciute e cattive che mi svegliavano durante la notte, mi terrorizzavano e mi sfiancavano perché dovevo risvegliarmi durante la notte, calmarmi, pregare tantissimo e in più pensavo al mio amore. Di conseguenza piangevo fino a farmi male e la mattina eh.. chi ci andava a scuola. Ero entrata nel tunnel della non vita, una condizione in cui vivi tanto perché respiri, avevo perso me stessa completamente, ero morta e non riuscivo a rinascere. Per riprendermi uscivo sempre e non mi fermavo mai, mi mettevo con ragazzi che gli assomigliavano, cercavo le vie di uscita sbagliate tanto che sono crollata in un altro tunnel quello della dispersione dell’anima, non sapevo più che strada prendere, cosa fare, sbagliavo a rapportarmi con gli altri, con me stessa, non sentivo più Dio e questo mi faceva inghiottire ancora di più dalla depressione finche sono diventata dura, fredda, senz’anima semplicemente perché non volevo più piangere, non volevo più soffrire, non volevo più esistere. Capii che non ero più io, che mi stavo allontanando dal mio splendente e onnipotente signore e mi addormentai senza pregare e senza sperare poiché ero troppo rassegnata, stanca, spiritualmente in coma perenne, in pratica la mia fede in Dio si stava spegnendo e logorando sotto le lacrime. Quella notte sognai Padre Pio che mi consigliò di andare in chiesa e il giorno dopo ci sono andata e mentre stavo li provavo nel cuore un battito divino. Un paio di notti dopo Padre Pio arrivò nuovamente nei miei sogni e mi indicò l’albero del bene e del male, così cominciai a leggere la Bibbia tutte le sere. Un paio di giorni dopo in un "porta gioie" che non aprivo mai trovai un ciondolo di Padre Pio, non l’avevo mai visto prima, e lo indossai finche un giorno lo persi e non lo trovai più, non so come e dove.. so solo che una notte sognai che avevo il ciondolo al collo completamente illuminato e vicino, e Padre Pio che mi parlava ma non ricordo cosa mi diceva.. ricordo solo che da allora è ricominciata la mia ascesa spirituale, recuperai me stessa, i miei valori, la mia forza e la mia infinita fede.

    GRAZIE PADRE PIO GRAZIE PER AVER ASCOLTATO UN PIANTO SILENZIOSO E SOMMERSO DENTRO UN’ANIMA PERDUTA TRA LE CAREZZE INFIME DELL’ARRENDEVOLEZZA.

    Anonima

    *
    MIRACOLO 9



    Non ero una devota di PADRE PIO sono andata da lui un giorno e volevo solo vedere la sua tomba, la sua camera e i posti in cui lui aveva vissuto. Così velocemente filmai e scappai.. pensa non comprai niente, non volli nemmeno mangiare lì a San Giovanni Rotondo ma mi pentii per non aver nemmeno comprato una preghiera o aver pagato una messa. Ero malata di ansia con tutti i suoi disturbi e fobie e stavo male ogni volta che uscivo fuori casa. Poi ero sola con le mie paure immagginarie nessuno mi capiva e mi aiutava seriamente e i farmaci servivano solo x non farmi peggiorare. Una notte dopo almeno 6 mesi dalla visita al santuario sogno Padre Pio su una poltrona che viene portato in processione, io dico alla gente che lo sorreggeva che adesso lo voglio portarlo sulle mie spalle. Così lo porto per un bel tratto, mi affaticavo tanto perchè la terra era pure infangata ma sollevavo le ginocchia dal fango e proseguivo in processione. Lui mi parla col suo dialetto e mi regala un anello dicendo: tieni questo anello portalo fino a quando tu ne avrai bisogno e mi dice tu non badare al male perchè il male e il bene stanno sempre assieme. Tu lascialo perdere e guarda sempre il bene, ora và a casa. Mi sveglio e ricordo il sogno e anche quell'anello, era il mio primo anello di fidanzamento messo tra l'oro da risistemare perchè mancava una pietra. Io poi quello zircone mancante non l'ho più messo ma bensì feci mettere una medaglia di Padre Pio. Quell'anello ha fatto piccoli miracoli, ha aiutato me e tante persone in questi ultimi 10 anni. 2 anni fà si spezzo e io capì che era un segno, quindi non l'ho più messo al dito, tanto tutti i miei disturbi stavano passando e riuscivo a viaggiare tranquillamente, lo tenevo solo per rassicurarmi di tutto quanto. Oggi ho perso questo anello, mi doveva servire per portalo in ospedale perchè mio marito verrà operato, ma io non ho più paura porgerò la mia mano al mio petto. Li c'è il mio cuore e la mia fede in Dio e in lui il mio papà Padre Pio e tutto andrà bene. Vi abbraccio tutti, siamo una grande famiglia. Pace e bene con tutto il mio cuore.

    Enza Bruno

    *
    MIRACOLO 10



    Chi vi scrive è la mamma di un bambino graziato per mezzo dell'intercessione del Beato Padre Pio. Mio figlio si chiama Lorenzo e da quando è nato ho pregato tantissimo, rivolgendomi a Padre Pio. Nacque il "25/05/2001", il giorno dell'anniversario della nascita di Padre Pio. Purtroppo la situazione era molto critica perchè era un prematuro di 25^ settimane di gestazione, praticamente un aborto spontaneo. "Era nelle mani del Signore", questo dissero i medici, quando circa a metè "luglio 01", come solito fare, al rientro dall'ultima poppata, con mio marito ci stavamo dirigendo a casa in macchina e all'improvviso ho sentito un profumo intensissimo di rose, che sentivo solo io, "ma era impossibile che mio marito non lo sentisse", perchè era troppo intenso. Allora provai ad abbassare il finestrino, ma non proveniva dall'esterno, era intorno a me, avvolgendomi. Dopo circa una settimana ho raccontato ciò che mi era accaduto e la risposta è stata questa: - Padre Pio quando dona la grazia lo fa in questo modo. Infatti il risultato si è visto, il bambino ha iniziato subito a dare segni di recupero e il 14/09/2001, per la nostra immensa felicità, venne dimesso dall'ospedale, con la premessa dei medici: -" Ricordatevi sempre che ancora non si sa se è riuscito". Con queste parole volevano farci capire che non era ancora finito il calvario, perchè non si sapeva se il bambino aveva avuto dei danni celebrali etc. Invece "Grazie a Dio" il bambino gode di una perfetta salute. Oggi ha sei anni e mezzo e frequenta la 1^ elementare, ha una sorellina di 21 mesi che vuole molto bene. Un giorno porteremo Lorenzo a pregare nella tomba di Padre Pio per ringraziarlo di tutto quello che ha fatto. GRAZIE GRAZIE GRAZIE Loredana (la mamma).

    Loredana (la mamma)

    *
    MIRACOLO 11



    Giovedì scorso sono stata operata al dente del giudizio, nulla di esagerato, ma ho avuto un incidente ed un infortunio che mi hanno prodotto alcuni fastidi tra cui vertigini continue di cui soffro ormai da 12 anni e due ernie cervicali, sono intollerante a dosi un po' più alte di certi farmaci, e sono diventata anche un po' troppo ansiosa. Vorrei tanto stare bene in salute e soprattutto non avere più vertigini... L'infermiera del reparto di Torrette di Ancona mi ha spedita a fare colazione, informandomi che in tarda mattinata avrei avuto l'intervento e mi ha intimato di tornare entro pochi minuti per la cartella etc. Ho incontrato un frate che usciva dalla cappella dell'ospedale ed ho scambiato con lui qualche frase. Entrata in chiesa, c'era una grande icona di padre Pio.. poi mi sono diretta verso una foto di Papa Karol appesa, in modo di dare l'impressione di averlo vicino di persona... è stato così emozionante che ho pianto... mi sono sentita rassicurata. In camera c'era una signora con la figlia che aveva avuto un intervento e ci siamo messe a parlare prima dei nostri problemi di salute, poi a scherzare. Sul tavolo c'era un cartoncino piuttosto grande con l'immagine di Padre Pio col velo, due foto più piccole e... nella metà inferiore del cartoncino c'era l'immagine del Santo nella cassa di vetro. Ma io non l'ho visto, pur guardando il poster sul tavolo. Era durante la Messa e l'ostensione, ma io non lo sapevo. Quando sono scesa in sala operatoria, ho notato che era mezzogiorno ed ho pensato a quando papa Karol diceva l'Angelus ed ho chiesto a lui di pregare per me e anche a Padre Pio. Quando sono rientrata in camera a piedi senza aver grossi capogiri, e mi sono messa a mangiare, ho notato quel cartone e l'immagine del frate nella cassa di vetro, mi sono impressionata un po': perchè non l'avevo notato prima? forse perchè stressata? Non mi hanno messo punti, nonostante l'intervento sia stato lungo, non ho avuto dolori nonostante l'anestesia fosse stata minima, ho camminato dritta e baldanzosa, io che ho difficoltà ultimamente e non ho avuto vertigini per alcune ore! Mio marito, che ha sempre da fare mi ha fatto compagnia per la giornata e mi ha portata in giro per un centro commerciale. Sono tornata nella cappella e c'erano libere da accendere soltanto alcune candele sotto l'icona di Padre Pio. Poi sono andata da papa Karol: "Padre Pio dicono che credesse in te. Tu credevi in lui. Grazie per avermi aiutata entrambi":* Lode e gloria a Gesù, a Padre Pio, a papa Karol, a san Riccardo.
    Ho voluto raccontarvelo, non so perchè, ma che strane coincidenze, quel giorno!

    Emanuela Pia Rita

    *
    MIRACOLO 12



    Vorrei raccontare anch'io un miracolo ricevuto da San Pio. La particolarità di questo miracolo consiste nel fatto che non abbia sortito effetti materiali ma bensì effetti spirituali, è stato un miracolo di conversione della mia anima.* Quand'ero piccolo sono sempre stato educato ad adorare Dio e i Santi andando in chiesa come tutti. Mi avevano inculcato le idee religiose attraverso il catechismo e la religione ma crescendo, la fede verso Dio e verso i Santi cominciava a diminuire fino a sparire del tutto per buona parte della mia vita. Pur rimanendo sempre devoto a San Pio, dentro di me non c'era più spazio per la fede o più semplicemente era offuscata dalla rabbia e dal dolore che si provano prestando la totale attenzione a tutte le brutture del mondo e a tutte le cose materiali che ci circondano. Per caso, un giorno, mi trovavo da solo e stavo facendo delle ricerche su internet avevo anche la televisione accesa e tra una pausa e l'altra, staccando gli occhi dal pc, ascoltavo qualche notizia buttata qua e là da un telegiornale. Ripresi così a lavorare al computer quando all'improvviso, dentro di me sentìi come una luce illuminare il mio cuore. Il senso di materialità, di odio, di disprezzo e di rabbia, cominciò a svanire e dentro di me sentìi come una gioia interiore, come se qualcuno mi avesse aperto gli occhi verso un nuovo modo di vedere le cose. Nello stesso istante, mentre provavo quelle sensazioni di pace dentro al mio cuore, il tg che stavo ascoltando diede la notizia della riesumazione del corpo di San Pio che venne così esposto a tutti i fedeli. Da quell'avvenimento, con mia immensa gioia capìi che fu proprio il nostro grande San Pio ad illuminarmi il cuore, offuscando quelle tenebre e quel torpore che avevano sovrastato i miei sentimenti di fede. Ora sono in pace con me stesso e ho scoperto che bisogna guardare ben oltre le cose materiali e che tutto ciò che succede al mondo è causa di un preciso disegno divino che non sta a noi giudicare. Inoltre sempre durante questo periodo ero in forte depressione per una crisi sentimentale e quindi dentro di me portavo proprio l'angoscia e il dolore. Ecco quindi che dopo questa illuminazione, chiesi a San Pio di aiutarmi a sopportare questo dolore che provavo dentro a causa dell'allontanamento della persona amata, e anche qui San Pio, dimostrandosi amorevole come sempre fece svanire dentro di me quell'angoscia che pesava sul mio cuore. Attualmente, quindi, pur avendo questa situazione sentimentale triste, dentro di me non provo nè più angoscia, nè più tristezza e nè rabbia. E' un sentimento che non si può spiegare se non lo si prova ma è una luce nuova che splende dentro di me e che mi aiuta a sopportare il dolore che ho dentro ma nello stesso tempo questa bellissima luce, mi ha aiutato di nuovo ad avvicinarmi alla fede. Grazie quindi a San Pio, ma anche al signore e a tutti i Santi che porto dentro al mio cuore, le mie giornate oggi sono piene di vita e tutti le sere, quando vado a letto ringrazio il Signore e Padre Pio per questa bellissima conversione.*

    Francesco

    *
    MIRACOLO 13



    Mi chiamo giovanni, ho 26 anni e sono sposato da 2. Ho una moglie e due figlie stupende, vorrei raccontare quello che mi e successo. Io sono un pescatore e faccio questo lavoro dal 2004.. lavoro con un motopeschereccio e il 6 novembre 2004 ci accade qualcosa di assurdo. Eravamo a 4 miglia dalle castella [calabria ] ad un certo punto mentre salpavamo le reti la barca si capovolge e restiamo in 4 persone intraqppolati, ma riusciamo ad uscire tutti e 4 e ci siamo trovati in mezzo al mare senza niente. Dopo 2 ore e 30 prego Padre Pio e gli dico: "Padre Pio ti prego non mi fare morire cosi giovane, non dare questo dispiacere a mia moglie, ti pregho, salvami e ti prometto che verro a trovarti quando avro la possibilita". Ad un tratto arriva una barca e ci ha portato in salvo e cosi da quel momento sto pregando sempre Padre Pio che mi dia la forza di andare avanti e continuare il mio lavoro che amo tanto e questo credo che per me sia stato un miracolo.

    Giovanni

    *
    MIRACOLO 14



    *Ciao mi chiamo Cesare e anche io sono stato miracolato da Padre Pio assieme a Giovanni Paolo II. La prima grazia: Soffrivo di un brutto Varicocele di 3 grado, ero già stato operato, ma dopo un pò di mesi il Varicocele era ritornato, anche nell’altro testicolo. Ho cominciato tutti i giorni a pregare Padre Pio e Giovanni Paolo II. Alla fine tutto è scomparso, non ho più dolore da nessuno dei testicoli. Ora aspetto la seconda grazia: Soffro di Emorroidi, sto pregando ogni giorno Padre Pio e Giovanni Paolo II, sono sicuro che ascolteranno le mie preghiere. Presto andrò a ringraziare Padre Pio, ancora non sono andato a San Giovanni Rotondo. Grazie Signore di averci mandato Padre Pio e Giovanni Paolo II.

    Anonimo

    *
    MIRACOLO 15



    Sono una mamma di tre bambine favolose. La nostra vita normale un giorno cambiò immproVvisamente la nostra seconda genita e di colpo si ammalò gravemente di leucemia, non vi dico il dolore. I medici ci dissero che doveva fare il trapianto. UNA cara signora di età avanzata conoscendo da tempo la nostra famiglia e devota di PADRE pio mi regalò delle bende benedette del Santo Padre, e mi disse di farle avere alla mia bambina. ANDAI il giorno seguente in ospedale e misi le bende dentro le federe del cuscino, per tutto il tempo pregai PADRE PIO. LA Bimba reagiva molto bene alle cure. DOPO qualche tempo i medici ci dissero che per loro non serviva più il trapianto e che per loro era praticamente guarita. La gioia fu immensa e la nostra piccola ora sta bene ed è un fiore, non deve prendere nessun medicinale, deve solo eseguire dei controlli. MI sono avvicinata alla fede più che mai, io e mio marito ringraziamo Padre Pio e fra poco verremo di persona a ringraziarlo. DOBBIAMO avere fede e non avere mai paura perché il SIGNORE CI AIUTA.

    Jessica

    *
    MIRACOLO 16



    Sono imma ed ho 32 anni. Saranno più di 5 anni che Padre Pio mi è accanto e mai mi ha lasciata delusa o sola! Ne ho ricevute tantissime di piccole e grandi grazie da lui. A partire dalla protezione assidua e dall'avvertirmi sempre prima quando mi sta per accadere qualcosa che possa sconvolgere la mia tranquillità. Non sono mai riuscita a vederlo nei miei sogni, ma si fa presente con me con immagini sue, o per TV. In quel momento quando lo vedo dico sempre "Ok sta per accadermi qualcosa ma tutto finirà nel verso giusto". Ha salvato mia figlia già dal primo mese di gravidanza sino al parto, ebbi un taglio cesareo e durante l'operazione la piccola subì un taglio col bisturi al cranio lato sx, per sua grazia il taglio risultò innocuo. Tutt'oggi la protegge ancora, per devozione ho chiamato mia figlia Martina Francesca. Il mio secondo figlio beh anch'egli è stato graziato verso il settimo mese in ecografia la ginecologa si accorse che mio figlio non cresceva più, e che se non avesse reagito o non fosse cambiato nulla dopo un'intensa cura, avrei dovuto partorire, rischiando di tenerlo in incubatrice fino a che i suoi polmoni avessero avuto la forza di ossigenarlo da solo. Mio figlio è nato dopo 1 mese da quell'evento e se anche sottopeso non ha avuto bisogno dell'incubatrice perchè era molto forte. In data 17 marzo 2008 mio fratello ha subito un incidente con la moto molto grave, rottura delle ossa, delle mani e sospetta rottura bacino, quando ne vennì a conoscenza avevo da poco chiuso la pagina internet del convento di San Giovanni Rotondo e non so perchè ma avvertivo un gradevole profumo, non essendo pratica di odori di fiori, mi sembrava quella di un detersivo per gli abiti, annusavo quello che indossavo ma non proveniva da lì, istantaneamente riaprii il sito ed inviai una preghiera a Padre Pio nella quale gli chiedevo di salvare almeno il bacino. Mio Fratello anche se dovrà subire un probabile intervento alle mani poichè le fratture sono scomposte, ha il bacino salvo. Sarà di certo Padre Pio se potrà ad aiutare mio fratello nell'evitare quest'ultima operazione ma sono felice che la più grande grazia gliela fatta! LA VITA. Vista la modalità dell'incidente e visto che non porta quasi mai il casco.. quel giorno lo portava. Affidatevi a Padre Pio con cuore puro. Anche se non più in vita io mi ritengo una sua figlia spirituale, non faccio quasi mai nulla senza chiedere a lui di intercedere per me presso Dio. Per me Padre Pio è come se fosse lo sgabello che mi aiuta a raccogliere il frutto (DIO) che essendo troppo in alto da sola non riuscirei a raggiungerlo.
    Pregate con fiducia a lui.. e lui non vi deluderà

    Imma

    *

    Menphis75.com - MIRACOLI PADRE PIO: GRAZIE RICEVUTE - STORIE VERE - PRODIGI

    ostridicolo:
    ... e mi fermo qui.... meglio non esagerare

    “In amore non essere un mendicante, sii un imperatore. Dà e resta semplicemente a vedere che cosa accade...”

  7. #7
    repubblicano perciò di Sx
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Località
    dove il dubbio è impossibile la certezza è sempre eguale
    Messaggi
    12,170
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: “ERO SUL CONCORDIA, MI SONO SALVATA GRAZIE A PADRE PIO”

    ma non esiste un santo protettore dai naufragi? E san Cristoforo non sarebbe stato comunque più adatto? Che tempi, anche i santi sentono aria di liberalizzazioni ed ogni uno interviene dove gli gira. Questo padre pio non è un po' invadente? fosse stato almeno un naufragio sula sponda pugliese. Mah, si vede che santi non soo più queeli di una volya.
    "E' decretato che ogni uomo il quale s'accosta alla setta dei moderati debba smarrire a un tratto senso morale e dignità di coscienza?" G. Mazzini

    http://www.novefebbraio.it/

  8. #8
    Forumista storico
    Data Registrazione
    13 Oct 2010
    Località
    cagliari
    Messaggi
    46,413
    Mentioned
    23 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Rif: “ERO SUL CONCORDIA, MI SONO SALVATA GRAZIE A PADRE PIO”

    visto il giornale che pubblica la notizia si capisce quale è il targhet dei lettori... :sofico:
    e quali sono i lettori che possono prestar fede a simili notizie...
    se l'europa non cambia sistema conviene andarsene...altrimenti ci ridurrà come e peggio della grecia.

  9. #9
    Moderatore
    Data Registrazione
    06 Aug 2010
    Messaggi
    16,915
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: “ERO SUL CONCORDIA, MI SONO SALVATA GRAZIE A PADRE PIO”

    Non è importante ciò che è, ma ciò che si pensa possa essere............se cosi non fosse non funzionerebbero nemmeno i farmaci (finti farmaci) placebo.....e il placebo è importante guarisce da molti mali, potenza della nostra mente .
    Detto ciò sono pienamente convinto dell esistenza di Babbo Natale e della Befana :giagia: Come sono convinto che chi mi cancella i posta su "cattolici" non è Cuordileone ma San Gennaro.......lo accetto a patto che San Gennaro faccia vincere la Coppa dei campioni al Napoli

  10. #10
    Better to reign in Hell
    Data Registrazione
    02 Sep 2009
    Località
    Biella
    Messaggi
    10,708
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: “ERO SUL CONCORDIA, MI SONO SALVATA GRAZIE A PADRE PIO”

    Cmq il miracolo migliore resta il numero 14


    *Ciao mi chiamo Cesare e anche io sono stato miracolato da Padre Pio assieme a Giovanni Paolo II. La prima grazia: Soffrivo di un brutto Varicocele di 3 grado, ero già stato operato, ma dopo un pò di mesi il Varicocele era ritornato, anche nell’altro testicolo. Ho cominciato tutti i giorni a pregare Padre Pio e Giovanni Paolo II. Alla fine tutto è scomparso, non ho più dolore da nessuno dei testicoli. Ora aspetto la seconda grazia: Soffro di Emorroidi, sto pregando ogni giorno Padre Pio e Giovanni Paolo II, sono sicuro che ascolteranno le mie preghiere. Presto andrò a ringraziare Padre Pio, ancora non sono andato a San Giovanni Rotondo. Grazie Signore di averci mandato Padre Pio e Giovanni Paolo II.
    SARAI PAGATO ANCHE SENZA DOVERE FINGERE DI CONTARE TOMBINI

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Correlati:

Discussioni Simili

  1. Le autorità sono come il comandante della Costa Concordia
    Di Rasputin nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 18-01-12, 14:31
  2. perchè sono padre
    Di kenaup nel forum Fondoscala
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 19-11-08, 00:49
  3. perchè sono padre
    Di kenaup nel forum Cattolici
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-11-08, 14:41
  4. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 03-06-08, 12:01
  5. Grazie,santo Padre!
    Di Cipriano (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 08-04-05, 15:54

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Single Sign On provided by vBSSO

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225