User Tag List

Pagina 22 di 30 PrimaPrima ... 12212223 ... UltimaUltima
Risultati da 211 a 220 di 297
Like Tree187Likes

Discussione: Alberi, storia e letteratura

  1. #211
    Moderatore
    Data Registrazione
    29 Jan 2010
    Messaggi
    5,075
    Mentioned
    16 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Alberi, storia e letteratura



    Walt Whitman (1819-1892)
    Song of the Redwood-Tree
    1
    A California song,
    A prophecy and indirection, a thought impalpable to breathe as air,
    A chorus of dryads, fading, departing, or hamadryads departing,
    A murmuring, fateful, giant voice, out of the earth and sky,
    Voice of a mighty dying tree in the redwood forest dense.
    Farewell my brethren,
    Farewell O earth and sky, farewell ye neighboring waters,
    My time has ended, my term has come.

    Along the northern coast,
    Just back from the rock-bound shore and the caves,
    In the saline air from the sea in the Mendocino country,
    With the surge for base and accompaniment low and hoarse,
    With crackling blows of axes sounding musically driven by strong arms,
    Riven deep by the sharp tongues of the axes, there in the redwood
    forest dense,
    I heard the might tree its death-chant chanting.

    The choppers heard not, the camp shanties echoed not,
    The quick-ear'd teamsters and chain and jack-screw men heard not,
    As the wood-spirits came from their haunts of a thousand years to
    join the refrain,
    But in my soul I plainly heard.

    Murmuring out of its myriad leaves,
    Down from its lofty top rising two hundred feet high,
    Out of its stalwart trunk and limbs, out of its foot-thick bark,
    That chant of the seasons and time, chant not of the past only but
    the future.

    You untold life of me,
    And all you venerable and innocent joys,
    Perennial hardy life of me with joys 'mid rain and many a summer sun,
    And the white snows and night and the wild winds;
    O the great patient rugged joys, my soul's strong joys unreck'd by man,
    (For know I bear the soul befitting me, I too have consciousness, identity,
    And all the rocks and mountains have, and all the earth,)
    Joys of the life befitting me and brothers mine,
    Our time, our term has come.

    Nor yield we mournfully majestic brothers,
    We who have grandly fill'd our time,
    With Nature's calm content, with tacit huge delight,
    We welcome what we wrought for through the past,
    And leave the field for them.

    For them predicted long,
    For a superber race, they too to grandly fill their time,
    For them we abdicate, in them ourselves ye forest kings.'
    In them these skies and airs, these mountain peaks, Shasta, Nevadas,
    These huge precipitous cliffs, this amplitude, these valleys, far Yosemite,
    To be in them absorb'd, assimilated.

    Then to a loftier strain,
    Still prouder, more ecstatic rose the chant,
    As if the heirs, the deities of the West,
    Joining with master-tongue bore part.

    Not wan from Asia's fetiches,
    Nor red from Europe's old dynastic slaughter-house,
    (Area of murder-plots of thrones, with scent left yet of wars and
    scaffolds everywhere,
    But come from Nature's long and harmless throes, peacefully builded thence,
    These virgin lands, lands of the Western shore,
    To the new culminating man, to you, the empire new,
    You promis'd long, we pledge, we dedicate.

    You occult deep volitions,
    You average spiritual manhood, purpose of all, pois'd on yourself,
    giving not taking law,
    You womanhood divine, mistress and source of all, whence life and
    love and aught that comes from life and love,
    You unseen moral essence of all the vast materials of America, age
    upon age working in death the same as life,)
    You that, sometimes known, oftener unknown, really shape and mould
    the New World, adjusting it to Time and Space,
    You hidden national will lying in your abysms, conceal'd but ever alert,
    You past and present purposes tenaciously pursued, may-be
    unconscious of yourselves,
    Unswerv'd by all the passing errors, perturbations of the surface;
    You vital, universal, deathless germs, beneath all creeds, arts,
    statutes, literatures,
    Here build your homes for good, establish here, these areas entire,
    lands of the Western shore,
    We pledge, we dedicate to you.

    For man of you, your characteristic race,
    Here may he hardy, sweet, gigantic grow, here tower proportionate to Nature,
    Here climb the vast pure spaces unconfined, uncheck'd by wall or roof,
    Here laugh with storm or sun, here joy, here patiently inure,
    Here heed himself, unfold himself, (not others' formulas heed,)
    here fill his time,
    To duly fall, to aid, unreck'd at last,
    To disappear, to serve.

    Thus on the northern coast,
    In the echo of teamsters' calls and the clinking chains, and the
    music of choppers' axes,
    The falling trunk and limbs, the crash, the muffled shriek, the groan,
    Such words combined from the redwood-tree, as of voices ecstatic,
    ancient and rustling,
    The century-lasting, unseen dryads, singing, withdrawing,
    All their recesses of forests and mountains leaving,
    From the Cascade range to the Wahsatch, or Idaho far, or Utah,
    To the deities of the modern henceforth yielding,
    The chorus and indications, the vistas of coming humanity, the
    settlements, features all,
    In the Mendocino woods I caught.

    2
    The flashing and golden pageant of California,
    The sudden and gorgeous drama, the sunny and ample lands,
    The long and varied stretch from Puget sound to Colorado south,
    Lands bathed in sweeter, rarer, healthier air, valleys and mountain cliffs,
    The fields of Nature long prepared and fallow, the silent, cyclic chemistry,
    The slow and steady ages plodding, the unoccupied surface ripening,
    the rich ores forming beneath;
    At last the New arriving, assuming, taking possession,
    A swarming and busy race settling and organizing everywhere,
    Ships coming in from the whole round world, and going out to the
    whole world,
    To India and China and Australia and the thousand island paradises
    of the Pacific,
    Populous cities, the latest inventions, the steamers on the rivers,
    the railroads, with many a thrifty farm, with machinery,
    And wool and wheat and the grape, and diggings of yellow gold.

    3
    But more in you than these, lands of the Western shore,
    (These but the means, the implements, the standing-ground,)
    I see in you, certain to come, the promise of thousands of years,
    till now deferr'd,
    Promis'd to be fulfill'd, our common kind, the race.

    The new society at last, proportionate to Nature,
    In man of you, more than your mountain peaks or stalwart trees imperial,
    In woman more, far more, than all your gold or vines, or even vital air.

    Fresh come, to a new world indeed, yet long prepared,
    I see the genius of the modern, child of the real and ideal,
    Clearing the ground for broad humanity, the true America, heir of
    the past so grand,
    To build a grander future.

    Song of the Redwood-Tree - Walt Whitman (1819-1892)
    Whitman's Poems In Periodicals—Song of the Redwood-Tree a machine readable transcription - The Walt Whitman Archive

    Canto della sequoia
    (traduzione - parte 1)

    1
    Un canto in California,
    una profezia, un consiglio indiretto,
    un pensiero
    impalpabile da respirar come l’aria,
    un coro di driadi che svaniscon fuggendo,
    o di fuggenti amadriadi,
    gigantesca una voce che fatidica mormora,
    dalla terra e dal cielo,
    voce d’un maestoso albero moribondo,
    nella fitta foresta di sequoie.

    Addio, miei fratelli,
    addio, terra e cielo, e voi, acque vicine,
    il mio tempo é finito, il mio termine é giunto.

    Lungo le coste del Nord,
    a breve distanza dal lido serrato da rocce e da grotte,
    nell’aria salina del mare, nel paese di Mendocino,
    con i marosi come bordone, come una cupa
    orchestrazione roca,
    con gli schianti delle asce che musicali risuonano,
    vibrate da braccia robuste,
    profondamente spaccato dalle lingue affilate delle asce,
    nella densa foresta di sequoie,
    udii l’albero poderoso intonare il suo funebre canto.

    I legnaiuoli non udirono, le capanne
    dell’accampamento non echeggiarono,
    i carrettieri dall’orecchio fine, gli uomini
    della catena e del verricello non udirono,
    quando gli spiriti del bosco millenari loro antri
    per intonare il ritornello emersero,
    ma nell’anima mia chiaramente io udii.
    Mormorato dalle miriadi delle sue foglie,
    scendeva dall’erma vetta, alta duecento piedi,
    emanava dal tronco possente e dai rami,
    dalla corteccia spessa un buon piede,
    questo canto delle stagioni e del tempo, canto
    non del solo passato, canto anche del futuro.

    Tu, vita di me, non mai detta,
    e tutte voi, venerabili gioie innocenti,
    robusta mia vita perenne, con gioie tra piogge e soli
    di molte estati,
    e la bianca neve e la notte e i venti selvaggi;
    oh! le grandi, pazienti gioie rudi, oh! le robuste
    gioie della mia anima, non provate dall’uomo,
    (sappiate, infatti, io posseggo l’anima che
    mi s’addice, anch’io posseggo una coscienza,
    una personalità,
    come l’hanno le rocce e le montagne, come l’ha
    tutta la terra,)
    gioie della vita che a me s’addice, e ai miei fratelli,
    la nostra ora, la nostra fine é venuta.

    Né moriam melanconici, maestosi fratelli,
    noi che con tanta grandezza il nostro tempo
    abbiamo compiuto,
    con il calmo consenso della Natura, con tacita
    immensa delizia,
    noi salutiamo ciò per cui operammo in passato,
    e cediam loro il campo.
    Per essi, da lungo tempo predetti,
    per più superba razza, destinata essa pure
    a compiere il tempo suo con grandezza,
    a quelli noi abdichiamo, in essi sopravviviamo,
    monarchi della foresta!
    In essi questi cieli, queste arie, questi picchi
    montani, Shasta, Nevada,
    le grandi vette precipiti, quest’ampiezza,
    queste vallate, il lontano Yosemite,
    per venir assorbiti e assimilati in essi.

    In più solenne tono,
    più superbo ed estatico s’elevò il canto,
    quasi gli eredi, le deità dell’Occidente,
    unendosi, in modo magistrale vi prendessero parte.

    Non smorte a causa degli idoli d’Asia,
    non rosse per le antiche carneficine dinastiche
    dell’Europa,
    (dominio di intrighi tramati all’ombra dei troni,
    e ovunque odore di guerre e patiboli,)
    ma dagli innocenti spasimi lunghi della Natura
    emerse, e poi in pace cresciute,
    queste vergini terre, terre della costa occidentale,
    all’uomo novello che segna il culmine, a te,
    il nuovo impero,
    a te, da tempo promesso, le offriamo in pegno,
    le consacriamo.
    Voi, o profondi e occulti voleri,
    tu, spirituale virilità media, scopo di tutto,
    equilibrata in te stessa, tu che impartisci
    e non accetti le leggi,
    tu, divina femminilità, signora e fonte di tutto,
    donde sgorgan la vita e l’amore, e tutto ciò
    che deriva dalla vita e dall’amore,
    tu, invisibile essenza morale di tutti i vasti materiali
    dell’America, (un evo dopo l’altro lavorando
    in morte parimenti che in vita,)
    tu che, noto talvolta e più spesso ignoto, veracemente
    plasmi e foggi il Nuovo Mondo, adattandolo
    al tempo e allo Spazio,
    tu, celato volere nazionale, nei tuoi abbissi nascosto,
    ma sempre all’erta,
    voi, scopi trascorsi e presenti, tenacemente perseguiti,
    forse di voi stessi inconsci,
    non mai sconvolti da passeggeri errori,
    perturbazioni superficiali;
    voi, immortali germi universi della vita, sotto ogni
    credo, arte, statuto, letteratura,
    qui edificate le vostre autentiche case, stabilitevi qui,
    in quest’area, in queste terre della costa occidentale,
    noi ve le offriamo in pegno, noi ve le consacriamo.

    Poiché l’uomo emerso da voi, la vostra razza
    caratteristica,
    qui può crescer robusto, puro e gigantesco, qui
    torreggiare in proporzione con la Natura,
    qui assurgere ai vasti, ai limpidi spazi senza confine,
    non inceppato da muro o da tetto,
    qui ridere con le bufere e col sole, qui gioire,
    qui pazientemente temprarsi,
    qui badare a se stesso, qui dispiegarsi (senza curare
    di formule estranee,) qui compiere il suo tempo,
    per cadere a suo tempo, per aiutare, non calcolato
    infine,
    per sparire, servire.

    Così sulla costa del Nord,
    tra gli echeggianti richiami dei carrettieri
    e delle tinnanti catene e la musica delle scure
    dei legnaiuoli,
    i tronchi e i rami che si abbattono, lo schianto,
    l’urlo soffocato, il gemito,
    queste parole della sequoia, confuse, commiste,
    fruscianti, come estatiche voci di un tempo,
    invisibili driadi che valicano i secoli, cantando
    e celandosi,
    ogni recesso di foreste e montagne abbandonando,
    dalla catena della Cascata al Wasatch, o al remoto
    Idaho, o allo Utah,
    alle moderne deità cedendo oramai,
    il coro e i consigli, le visioni dell’umanità veniente,
    le colonie, ogni aspetto,
    colsi nei boschi di Mendoncino.

    (Trad. Enzo Giachino)

    Dedicato agli alberi

    http://politicainrete.it/forum/fun-p...ml#post2991156
    Ultima modifica di vanni fucci; 19-04-12 alle 10:05

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #212
    Moderatore
    Data Registrazione
    29 Jan 2010
    Messaggi
    5,075
    Mentioned
    16 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Alberi, storia e letteratura



    PARCO DI VILLA VERDI
    Giardino Storico

    L'impianto del giardino ha inizio nel 1849, quando Giuseppe Verdi compra un modesto edificio a Sant'Agata e alcuni terreni circostanti. Lo spazio verde, originariamente delimitato da alcuni pioppi nelle vicinanze dell'abitazione e da alcune querce, si ingrandisce grazie ai progressivi acquisti del Maestro.
    Fa scavare un laghetto, realizzare una grotta artificiale e un promontorio, e dà inizio alla costituzione di un'oasi verde. Attraverso una serie di opere idrauliche Verdi provvede a portare acqua sufficiente per alimentare il laghetto e per irrorare le piante, traendola dal torrente Ongina.
    Vicino all'abitazione fa scavare un pozzo, dal quale per mezzo di una macchina a vapore, può estrarre acqua a sufficienza per il fabbisogno del parco. La piccola costruzione che custodiva questa macchina è ancora esistente ed è ubicata su quello che viene chiamato "il prato della macchina", a sinistra della villa.
    Cipressi di palude nei pressi del laghetto, prati erbosi, essenze esotiche, boschi di magnolie, piante di noce, sono gli esemplari più diffusi in questo parco, dove si trovano pure le sepolture dei cani da compagnia del Maestro.
    Numerosi sono anche gli alberi da frutto: lo stesso Verdi fece piantumare alberi di melo che producono frutti ancor oggi.
    Infine un lungo viale di platani voluti dal Maestro, che collega la villa alla campagna.

    Giuseppe Verdi | Terre Verdiane | Sant'Agata

    GIARDINO D'AUTORE: Villa Sant'Agata

  3. #213
    Moderatore
    Data Registrazione
    29 Jan 2010
    Messaggi
    5,075
    Mentioned
    16 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Alberi, storia e letteratura

    Il centòn dei Piasci



    Se potesse parlare. Se solo potesse parlare, ne avrebbe di cose da raccontare, quel grande castagno secolare che, per la sua mole e la singolare inclinazione di 45 gradi, attira lo sguardo di chi, salendo dalla Maroggia verso Monastero, passa per la contrada Piasci. In sei secoli di vita, di quante vicende è stato testimone, se non protagonista! Bisognerebbe dargli la parola. Ma non ci permetteremmo mai di parlare per lui. Al più, parlare di lui, questo sì, è possibile.
    Un castagno secolare, dunque, uno degli alberi monumentali di Valtellina, denominato, localmente, centòn. Già fin dal primo secolo di vita, nel Quattrocento, la sua storia si intreccia con quel santo, San Benigno de’ Medici, soprannominato, per l’armonia dell’aspetto, San Bello, che è una sorta di gloria locale, perché in questi luoghi dimorò e predicò per molti anni, fino alla morte, il 12 febbraio 1472. San Benigno, dunque, una grande tempra di predicatore. E anche di camminatore. Durante i suoi spostamenti da Monastero alla Maroggia, nei caldi pomeriggi estivi, sostava volentieri alle cantine dei Piasci, dove poteva gustare un vino eccellente, dal sapore “dulce et firmum”, cioè dolce e corposo.
    Il nostro castagno stava lì, a pochi passi, invitante, con le sue fronde invitanti, già grandi e generose, a proteggere con una frescura ristoratrice chi sostava alla sua ombra. E fra i viandanti che si riposavano a questa ombra benedetta ci fu anche lui, il futuro santo. Un debole vento si alzava, di tanto in tanto, come un sussurro. Ed era come se fra il grande predicatore ed il possente castagno intercorresse un dialogo di cui nessun altro poteva essere a parte. Cosa si dicevano? Il santo esprimeva, forse, la sua gratitudine, per quella creatura di Dio così preziosa. Ed il castagno ringraziava, e forse non si limitava a questo, ma avanzava una qualche sua segreta richiesta. Forse. Quel che è certo è che nel 1472 il predicatore Benigno lasciò, centenario, la scena terrena, ma il centòn, che centòn ancora non era, rimase, a guardia delle cantine nel quale era conservato un vino così pregiato.
    Quel che accadde nei decenni successivi ci può aiutare ad intuire cosa si fossero detti Benigno ed il castagno. Accaddero cose davvero singolari. Il castagno cresceva, la sua mole era davvero ragguardevole, e sembrava scoppiare di salute. Una pianta che pareva una sinfonia, un inno alla vita. Ma i contadini, più che a lui, prestavano attenzione alle loro cantine, perché fatti misteriosi si ripetevano, senza che nessuno sapesse scoprirne la causa. Sì, perché quel vino tanto prezioso che vi era conservato nelle botti antiche calava, durante l’inverno e la primavera. In qualche caso le botti, in tarda primavera, erano letteralmente prosciugate. Questo gettava nella costernazione i contadini, che non si capacitavano per il furto del vino.
    Ma a nulla valsero ronde, appostamenti, turni di sorveglianza: del misterioso ladro neppure l’ombra. E non c’erano neppure segni di forzatura sulle porte sprangate delle cantine. Che diavoleria era mai quella? Nessuno sapeva darne una spiegazione. Poi qualcuno, più attento, cominciò a notare altri fatti singolari. Nelle giornate ventose di marzo, sostando all’ombra del grande castagno, si aveva la netta impressione che cantasse. Era come se il vento, giocando con le sue fronte, ne cavasse melodie ilari e gioconde. Immaginiamo un dialogo fra due contadini, appoggiati al suo tronco possente. “Di’, ma non ti sembra che questo castagno stia cantando?” “Che dici, quando mai si è sentito di un castagno che canta?” “Ah, non so, ma questo pare proprio che canti”. “Non è lui, sciocco, è il vento”. “Ma che vento e vento, la voce del vento la conosco bene, è sempre stata quella. Ma, ascolta: quella che si sente non è la sua voce. È una voce che canta, è il castagno che canta.” "Questa, poi! Di alberi alti se ne vedono, ma alberi alticci, questa poi... non la bevo". "Non devi bere, devi ascoltare: apri le orecchie, è la voce dell'albero quella che si sente". “Beh, si vede che la vita gli va bene. Sarà allegro. E ne ha ben motivo: per vivere non ha bisogno di spaccarsi la schiena tutti i giorni”.
    Già, un castagno allegro: una bella novità. La storia del castagno allegro fece il giro del paese. E qualcuno cominciò a fare due più due. Quand’è che la gente canta? Quand’è che si sente su di giri? Non accade forse quando si è messa in corpo qualche bicchiere di buon vino? Vuoi vedere…vuoi vedere…
    E vollero vederci chiaro fino in fondo, i contadini. Fino al fondo delle botti: le prosciugarono e lo esaminarono con attenzione. Quel che scoprirono li lasciò esterrefatti. Il fondo di quelle botti che erano lì da secoli non era del tutto impermeabile, come sarebbe parso ad un primo sguardo frettoloso: il vino poteva colare. Rimossero, allora, con gran fatica alcune delle botti, e sotto scoprirono il colpevole dei furti. Con le sue radici lunghe e ramificate, il castagno, quatto quatto, era arrivato fino a lì, e succhiava, poco a poco, tutto il vino che filtrava dal fondo delle botti. Succhia oggi, succhia domani, non c’era da meravigliarsi se in qualche botte, all’inizio dell’estate, non rimanesse neanche una goccia del buon vino torchiato in autunno. E non c’era da meravigliarsi se quel castagno avesse da tempo l’aria della pianta più allegra di questa terra, ed intonasse qualche gioconda melodia, mentre intorno a lui i contadini, furibondi, volevano sbattezzarsi, come si suol dire, per il fatto di non riuscire a mettere le mani sul ladro di vino.
    Com’era potuto succedere? Beh, forse il buon santo, per ricambiare la cortesia della frescura, avrà voluto che la pianta potesse anch’essa, da creatura qual era del buon Dio, godere dell’eccellente nettare dell’uva della Maroggia, come ne godeva lui stesso, ritemprando corpo e spirito. E, si sa, i santi sono santi perché fanno i miracoli.
    Questo pensarono i contadini, ma pensarono anche che il castagno aveva alzato un po’ troppo non diremo il gomito, ma le fronde. Per cui tennero consulto e decisero per una via di mezzo: era giusto che a quel grande albero, così caro al santo, fosse concesso, per onorare la sua memoria, di attingere all’eccellente vino della Maroggia, ma con misura e parsimonia. Detto fatto: le botti furono risistemate in maniera tale che nessuna risultasse più prosciugata sul finire della primavera. E quel tanto di vino che risultava mancante, lo si considerava un’offerta al santo patrono di Monastero. Da allora tutti furono contenti: anche il castagno, sì, nonostante molti giurassero che, dopo la soluzione del mistero, non lo si era più udito intonare canzoni tanto ilari e gioconde quanto lo erano state quelle del passato. Qualche arietta spensierata, al più.
    Passarono i secoli. Le ariette si diradarono. Il tronco, piegato dal peso dei secoli, cominciò a piegarsi. Le fronte ad ammalarsi. Il centòn divenne l’albero più amato dai bambini nell’intera Valtellina. Sì, perché con quell’inclinazione a 45 gradi era uno spasso risalire il tronco per poi lasciarsi scivolare giù. Lui lasciava fare, borbottando un po’. Così è la vita, un intreccio di mattini e sere, di albe e tramonti. Gli davano un po’ fastidio quel vociare petulante dei ragazzi, quell’andirivieni intorno e sul suo tronco. Ma gli faceva anche piacere osservare quelle giovani vite spensierate, e così generazione dopo generazione.
    Come finisce questa storia? Non finisce. Il centòn è ancora lì, anche se i bambini oggi hanno giochi troppo tecnologici per passare il tempo salendo e scendendo dal suo vecchio tronco. Qual è il suo stato d’animo? Lo dipinge nel modo migliore una poesiola, davvero graziosa, di Silvio Mufatti (1981), che riportiamo integralmente: “Centòn, / uecc com’e ‘l cucù, / piegàa dai agn, / mett uia ‘n mument i tö pensée de stracc, / e cuntüum su uergutt de la tua primavera luntana, / quan che ta serat fort e cien de uita / e cui rais te sügauat i but / de cüi por disgrazia de cuntadin. / Cüntun sü de San Bignin, / quand che ‘l sa fermaua a la tua umbria / a sculà ‘n ciapel de uin. / Car ul me scciatt, / go ciü la forsa gna da bef la camamela / fam compagnia sa ta ö, / ma lagum pusà.”
    Serve la traduzione? Diamola, ad ogni buon conto: “Centòn, / vecchio come il cucù, / piegato dagli anni, / metti via un momento i tuoi pensieri da stanco / e raccontami qualcosa della tua primavera lontana, / quando eri forte e pieno di vita / e con le radici asciugavi le botti / di quei poveri disgraziati di contadini. / Raccontami di San Benigno, / quando si fermava alla tua ombra / a scolarsi una ciotola di vino. / Caro il mio ragazzo, / non ho più la forza neppure di bere una camomilla, / fammi compagnia, se vuoi, / ma lasciami riposare”.


    Ricordiamoci di queste parole, salendo, da Ere (sulla provinciale Valeriana, fra Ardenno e San Pietro di Berbenno) verso Maroggia e Monastero: fermiamoci a far compagnia a questo grande rappresentante della vita nella nostra valle, ma facciamolo in silenzio. Oggi non quasi ha più rami, non ha quasi più fronde che ci permettano di sentire la sua voce. Ma la sentiremo lo stesso. Una voce fioca. Una voce antica.

    Storia del castagno secolare dei Piasci, fra Maroggia e Monastero, detto centòn

  4. #214
    Moderatore
    Data Registrazione
    29 Jan 2010
    Messaggi
    5,075
    Mentioned
    16 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Alberi, storia e letteratura

    Il tiglio di Morat


    Uno degli alberi più conosciuti della Svizzera, per la storia cui è legato, è il tiglio di Morat. Contrariamente al a quanto si può pensare, non si trova però nella cittadina di Morat, ma a 17 Km di distanza, nella città di Friburgo. Il tiglio commemora la battaglia di Morat del 1476, in cui le truppe guidate dai bernesi distrussero l'armata di Carlo il Temerario, duca di Borgogna. Narra la leggenda che un messaggero strappò il ramo di un albero che si trovava sul campo di battaglia e, brandendolo in segno di vittoria, corse con la buona notizia fino a Friburgo, per poi accasciarsi al suolo ormai esanime; e il ramo mise radici proprio nel punto in cui cadde il giovane.
    Sfortunatamente la storia è piuttosto inverosimile poiché sembrerebbe che l'albero in questione sia - o era - addirittura più antico della battaglia. In ogni caso il tiglio fece una fine ingloriosa: nel 1983, un automobilista ubriaco ci si schiantò contro. Continua comunque a sopravvivere grazie a una talea fatta con i resti dell'albero originale che è stata piantata in una zona più tranquilla. Per quanto riguarda l'eroico messaggero, egli viene ricordato ogni anno nella prima domenica di ottobre, quando circa 8'000 sportive e sportivi ripercorrono i sui passi nella corsa Morat-Friburgo.




    Il tiglio di Linn


    Un altro albero con una storia alle spalle è il tiglio di Linn, nei pressi di Brugg nel Canton Argovia. Secondo la leggenda l'albero cresce sulla fossa dove furono sepolte le vittime della peste. La leggenda vuole che l'intera popolazione di Linn fosse stata sterminata dal contagio, risparmiano un solo sopravvissuto. Poichè anche il carrettiere che aveva il compito di portare i cadaveri ad un distante cimitero era morto, il sopravvissuto dovette trovare un modo per liberarsi dei corpi e li gettò perciò in una fossa comune sotto l'albero.
    La storia si riferisce con tutta probabilità alla peggiore epidemia mai registrata nella zona, la peste del 1660 che uccise più di due terzi della popolazione. Per quanto riguarda il tiglio, è sicuro che esistesse già all'epoca della peste: la sua età viene stimata tra i 600 e gli 800 anni. Oggi ha raggiunto dimensioni imponenti ed un diametro di 3,4 metri.
    L'albero è sopravvissuto a numerosi tentativi di eliminazione: in più occasioni sono stati accesi fuochi nel suo tronco cavo, prontamente estinti; l'ultimo tentativo di qualche malintenzionato risale al 1990, quando è stato scoperto un principio di avvelenamento.


    Alberi e leggende - Svizzera - Informazioni
    Ada De Santis likes this.

  5. #215
    Moderatore
    Data Registrazione
    29 Jan 2010
    Messaggi
    5,075
    Mentioned
    16 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Alberi, storia e letteratura

    Un albero sacro a Hefei



    In Cina l’ecologia come la si intende in Occidente non ha finora avuto molto seguito: la ricerca di mediazione tra le esigenze di trasformazione e conservazione del mondo si rivolge spesso alla tradizione antica, portatrice di una sensibilità più autentica nei confronti della natura. Un articolo apparso su Hefei News racconta della complessa relazione tra un albero e un piccolo villaggio.
    L’albero più antico di Hefei è una Sophora Japonica, e si trova nel piccolo villaggio di Chewang, nella contea di Changfeng: il giornalista Yin Ru ha ricevuto una segnalazione da parte di un lettore del giornale, che lo informava della presenza di quest’albero, che nel suo piccolo villaggio è venerato come un nume tutelare.
    La Sophora si trova ai lati di una strada di cemento, protetta da un recinto di ferro. Su un ramo è appesa una targa con scritto: “Antica Sophora di 1600 anni”. La persona che ha informato il giornalista, il signor Yang, ha spiegato che la data indicata sulla targa deriva da un’antica leggenda: sarebbe stato un monaco di un vicino tempio che avrebbe piantato l’albero 1600 anni fa. Tuttavia lo scorso settembre, una ricerca sull’età delle piante storiche della la città di Hefei stimava che l’albero di Chewang risalisse all’epoca del regno di Yongle (1402 – 1424), circa 610 anni fa.
    L’albero è alto poco più di 5 metri, il diametro del tronco principale è di un metro, e per abbracciarlo insieme non bastano tre persone. A circa due metri di altezza il tronco si divide in sei rami principali, che in inverno sono quasi privi di foglie. La zona di biforcazione è stata coperta con una placca di ferro per proteggerlo dalle piogge, dal momento che il tronco è cavo e già marcio fino a terra.
    Sono molte le leggende che parlano dell’albero, e una delle più famose è una storia d’amore. Al tempo dell’imperatore Daoguang, nei dintorni del comune di Yijing viveva un giovane chiamato Cao Yongfu: questi era risultato il primo negli esami imperiali a Pechino, ma a causa dell’età non aveva ricevuto l’ambito titolo di funzionario. Questo rifiuto gli causò uno scoramento tale che lo fece morire sulla via del ritorno al suo villaggio; nel frattempo la giovane Chen, a lui promessa sposa, saputo della storia del fidanzato, si era lasciata morire di fame. La vicenda aveva commosso gli abitanti del villaggio, che seppellirono insieme i due ragazzi ai piedi della Sophora, dove erano soliti incontrarsi. Quando l’imperatore fu informato dell’accaduto, pentito per il trattamento che aveva riservato al giovane, decretò che tutti gli ufficiali e funzionari che si fossero trovati a passare davanti all’albero dovessero celebrare una cerimonia di commemorazione.
    Questa leggenda ha reso celebre l’albero, ma gli omaggi e le celebrazioni, che continuano da molti secoli, hanno rovinato il tronco, che è ormai circondato da cumuli di cenere di incenso votivo; inoltre le radici sono tutte annerite, e persino la ringhiera di protezione è corrosa e rovinata.
    Come raccontano gli abitanti di Chewang, l’albero è venerato come una divinità che protegge il villaggio, e in occasione di eventi importanti come matrimoni, nascite, inaugurazioni di case, gli abitanti di tutta la contea vi si recano in pellegrinaggio davanti a bruciare incenso e a offrire doni. Molte persone fanno dei voti ed esprimono dei desideri: se il desiderio si avvera, un nastro rosso sarà appeso ai rami. Le persone che vanno ad esprimere desideri aumentano sempre di più, in particolare nel periodo della Festa di Primavera, così che c’è sempre incenso che brucia.
    In considerazione della sua antichità, l’albero beneficia della protezione da parte delle autorità di Hefei.


    Un albero sacro a Hefei - Interprete cinese - Cinaliano blog
    Ada De Santis likes this.

  6. #216
    Me ne frego
    Data Registrazione
    06 Nov 2009
    Messaggi
    121,882
    Mentioned
    480 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    11

    Predefinito Re: Alberi, storia e letteratura

    Stupenda!! IL CANTO DELLA SEQUOIA, non l'avevo letta. Grazie Vanni per questo forum.E' un angolo meraviglioso.
    Ultima modifica di Ada De Santis; 02-05-12 alle 08:46
    _Non rinnegare e non restaurare__


    Difendi la nazione come nei tempi passati, in modo moderno:" fotti lo Stato antifascista! "(Giò)
    L'invidia ha due bocche; con una sputa miele , con l'altra sputa veleno e fiele

  7. #217
    Moderatore
    Data Registrazione
    29 Jan 2010
    Messaggi
    5,075
    Mentioned
    16 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Alberi, storia e letteratura

    Rainer Maria Rilke



    da "Sonetti a Orfeo"

    I.1
    E si levò un albero. O elevazione pura.
    Orfeo canta. O albero che nell'orecchio sale!
    Ogni cosa taceva - ma era in quel silenzio
    un incominciar nuovo, cenno, tramutamento.

    Di silenzio animali dal chiaro bosco aperto
    balzarono, da tane e fratte; e non
    era astuzia o paura - si capiva - a tenerli
    così raccolti in sé: ascoltavano solo.

    Rugghi urli bramiti in fondo al cuore
    impicciolivano. E dove una baita
    trovavi a malapena, per accogliere,

    un rifugio al più buio struggimento -
    e a far da ingresso, pali che vacillano -
    tu creasti nel loro udito un tempio.

    II.25

    Già odi - ascolta - il lavorare primo
    dei rastrelli - daccapo il ritmo d'uomo
    nella forza raccolta della terra
    che attende primavera. Inassaggiato

    appare il tempo che arriva: per tante
    volte già venne e sembra ora venire
    nuovo. Da sempre era la tua speranza,
    mai l'afferrasti. Ecco, t'afferra adesso.

    Sin nella quercia che provò l'inverno
    splende futuro il bruno delle foglie
    nel vespro. I venti si scambiano segni.

    Neri gli arbusti. Ma più denso il nero,
    lungo il fiume, il letame che sta a mucchi.
    E ogni ora che va, si fa più giovane.



    FABULA ORPHICA

    I sonetti a Orfeo di Rainer Maria Rilke
    Ada De Santis likes this.

  8. #218
    Moderatore
    Data Registrazione
    29 Jan 2010
    Messaggi
    5,075
    Mentioned
    16 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Alberi, storia e letteratura



    Il susino

    Nel cortile c'e un susino.
    Quant'è piccolo, non crederesti.
    Gli hanno messo intorno una grata
    perché la gente non lo pesti.

    Se potesse, crescerebbe:
    diventar grande gli piacerebbe.
    Ma non servono parole:
    quel che gli manca è il sole.

    Che è un susino, appena lo credi
    perché susine non ne fa.
    Eppure è un susino e lo vedi
    dalla foglia che ha.




  9. #219
    Moderatore
    Data Registrazione
    29 Jan 2010
    Messaggi
    5,075
    Mentioned
    16 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Alberi, storia e letteratura



    Tratto da: Robert Graves, La Dea bianca, Adelphi, 1992

    La battaglia degli alberi

    Cad Goddeu

    Le cime del faggio
    hanno germogliato tardi,
    si sono mutate e rinnovate
    dal loro stato avvizzito.

    Quando prospera il faggio
    anche se incantesimi e litanie
    aggrovigliano le cime delle querce,
    c’è speranza per gli alberi.

    Ho spogliato la felce,
    spio attraverso tutti i segreti,
    il vecchio Math ap Mathonwy
    non ne sapeva più di me.

    Giacchè di nove tipi di facoltà
    Dio mi ha fatto dono:
    io sono il frutto dei frutti raccolti
    da nove specie di alberi:

    prugna, mela cotogna, mirtillo, mora,
    lampone, pera,
    ciliegia selvatica e bianca
    insieme alla sorba partecipano di me.

    Dalla mia sede a Fefynedd,
    forte città,
    ho guardato gli alberi e le creature verdi
    affrettarsi.

    Rifuggendo dalla gioia
    di buon grado si disponevano
    sotto forma delle lettere principali
    dell’alfabeto.

    I viandanti si stupivano,
    i guerrieri erano sgomenti,
    al rinnovarsi di scontri
    come quelli sostenuti da Gwydion;

    sotto la radice della lingua
    una lotta spaventosa,
    e un’altra che infuria
    dietro, nella testa.

    Gli ontani in prima linea
    principiarono lo scontro.
    Il salice e il sorbo selvatico
    furono tardi a schierarsi.

    L’agrifoglio verde scuro
    oppose risoluta resistenza;
    è armato di molte punte di lancia
    che feriscono le mani.

    Dei passi dell’agile quercia
    risuonarono cielo e terra.
    “Robusto Guardaportone”
    è il suo nome in tutte le lingue.

    Grande fu la ginestra spinosa in battaglia
    e l’edera in fiore;
    il nocciolo fu arbitro
    in questo momento incantato.

    Rozzo e selvaggio fu l’abete,
    il frassino crudele;
    non si volge di lato per lo spazio di un piede,
    punta diritto al cuore.

    La betulla, seppur nobilissima,
    non si armò che in ritardo,
    segno non di codardia
    ma di alto rango.

    L’erica offriva consolazione
    alla gente sfinita dalla fatica,
    i pioppi durevoli
    molto s’infransero.

    Alcuni di essi furono scagliati via
    sul campo di battaglia
    a causa dei vuoti scavati tra loro
    dalla potenza del nemico.

    Valenti capi furono il prugnolo
    con il suo frutto cattivo,
    e il biancospino non amato
    che indossa al stessa veste.

    Il giunco che agile incalza,
    la ginestra con la sua covata,
    e il ginestrone che si comporta male
    finchè è domato.

    Il tasso che elargisce la dote
    ristette imbronciato al margine della battaglia,
    insieme al sambuco lento a bruciare
    tra i fuochi che ardono,

    Molto furente la vite
    che ha gli olmi per accoliti;
    con vigore la lodo
    ai reggenti dei regni.

    e il benedetto melo selvatico
    che ride orgoglioso
    dal “Gorchan” di Maelderw,
    accanto alla roccia.

    Indugiano al riparo
    il ligustro e il caprifoglio
    senza esperienza di guerra,
    e il pino cortese.

    Ma io, seppur ignorato
    perchè non ero grande,
    ho combattuto, o alberi, tra le vostre schiere,
    sul campo di Goddeu Brig.



    La battaglia degli alberi affonda le sue radici in un antico mito gallese, nel quale si racconta della lotta tra il re Arawn ed i figli del re Don (Amathaon e Gwydion); il fine della battaglia è quello di scoprire il nome segreto della divinità venerata dal popolo nemico. La Cad Goddeau è anche una lunga poesia, o meglio un gruppo di poesie mescolate insieme, contenuta nel “Romanzo di Taliesin”; tale opera faceva parte di quel bagaglio di antichi racconti che ogni poeta o menestrello doveva ben conoscere. Lo scontro descritto da Gwion non è una battaglia frivola, e neppure una battaglia vera combattuta fisicamente, bensì uno scontro svoltosi sul terreno intellettuale e combattuto nella lingua dei dotti. La tradizione celtica attribuiva ai Druidi, i sacerdoti, il potere magico di trasformare gli alberi in guerrieri e di mandarli a combattere. In definitiva la Cad Goddeau può essere letta come il racconto dell’espulsione di una classe sacerdotale dell’età del Bronzo dalla sua necropoli per opera di un’alleanza tra una tribù agricola da tempo insediata in Britannia e una tribù di invasori.
    La dea bianca. Grammatica storica del mito poetico - Graves Robert - Libro - IBS - Adelphi - Collezione Il ramo d'oro
    Ultima modifica di vanni fucci; 10-05-12 alle 23:33

  10. #220
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    arrivederci e grazie
    Messaggi
    5,835
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Alberi, storia e letteratura

    Citazione Originariamente Scritto da vanni fucci Visualizza Messaggio


    Tratto da: Robert Graves, La Dea bianca, Adelphi, 1992

    La battaglia degli alberi

    Cad Goddeu

    Le cime del faggio
    hanno germogliato tardi,
    si sono mutate e rinnovate
    dal loro stato avvizzito.

    Quando prospera il faggio
    anche se incantesimi e litanie
    aggrovigliano le cime delle querce,
    c’è speranza per gli alberi.

    Ho spogliato la felce,
    spio attraverso tutti i segreti,
    il vecchio Math ap Mathonwy
    non ne sapeva più di me.

    Giacchè di nove tipi di facoltà
    Dio mi ha fatto dono:
    io sono il frutto dei frutti raccolti
    da nove specie di alberi:

    prugna, mela cotogna, mirtillo, mora,
    lampone, pera,
    ciliegia selvatica e bianca
    insieme alla sorba partecipano di me.

    Dalla mia sede a Fefynedd,
    forte città,
    ho guardato gli alberi e le creature verdi
    affrettarsi.

    Rifuggendo dalla gioia
    di buon grado si disponevano
    sotto forma delle lettere principali
    dell’alfabeto.

    I viandanti si stupivano,
    i guerrieri erano sgomenti,
    al rinnovarsi di scontri
    come quelli sostenuti da Gwydion;

    sotto la radice della lingua
    una lotta spaventosa,
    e un’altra che infuria
    dietro, nella testa.

    Gli ontani in prima linea
    principiarono lo scontro.
    Il salice e il sorbo selvatico
    furono tardi a schierarsi.

    L’agrifoglio verde scuro
    oppose risoluta resistenza;
    è armato di molte punte di lancia
    che feriscono le mani.

    Dei passi dell’agile quercia
    risuonarono cielo e terra.
    “Robusto Guardaportone”
    è il suo nome in tutte le lingue.

    Grande fu la ginestra spinosa in battaglia
    e l’edera in fiore;
    il nocciolo fu arbitro
    in questo momento incantato.

    Rozzo e selvaggio fu l’abete,
    il frassino crudele;
    non si volge di lato per lo spazio di un piede,
    punta diritto al cuore.

    La betulla, seppur nobilissima,
    non si armò che in ritardo,
    segno non di codardia
    ma di alto rango.

    L’erica offriva consolazione
    alla gente sfinita dalla fatica,
    i pioppi durevoli
    molto s’infransero.

    Alcuni di essi furono scagliati via
    sul campo di battaglia
    a causa dei vuoti scavati tra loro
    dalla potenza del nemico.

    Valenti capi furono il prugnolo
    con il suo frutto cattivo,
    e il biancospino non amato
    che indossa al stessa veste.

    Il giunco che agile incalza,
    la ginestra con la sua covata,
    e il ginestrone che si comporta male
    finchè è domato.

    Il tasso che elargisce la dote
    ristette imbronciato al margine della battaglia,
    insieme al sambuco lento a bruciare
    tra i fuochi che ardono,

    Molto furente la vite
    che ha gli olmi per accoliti;
    con vigore la lodo
    ai reggenti dei regni.

    e il benedetto melo selvatico
    che ride orgoglioso
    dal “Gorchan” di Maelderw,
    accanto alla roccia.

    Indugiano al riparo
    il ligustro e il caprifoglio
    senza esperienza di guerra,
    e il pino cortese.

    Ma io, seppur ignorato
    perchè non ero grande,
    ho combattuto, o alberi, tra le vostre schiere,
    sul campo di Goddeu Brig.



    La battaglia degli alberi affonda le sue radici in un antico mito gallese, nel quale si racconta della lotta tra il re Arawn ed i figli del re Don (Amathaon e Gwydion); il fine della battaglia è quello di scoprire il nome segreto della divinità venerata dal popolo nemico. La Cad Goddeau è anche una lunga poesia, o meglio un gruppo di poesie mescolate insieme, contenuta nel “Romanzo di Taliesin”; tale opera faceva parte di quel bagaglio di antichi racconti che ogni poeta o menestrello doveva ben conoscere. Lo scontro descritto da Gwion non è una battaglia frivola, e neppure una battaglia vera combattuta fisicamente, bensì uno scontro svoltosi sul terreno intellettuale e combattuto nella lingua dei dotti. La tradizione celtica attribuiva ai Druidi, i sacerdoti, il potere magico di trasformare gli alberi in guerrieri e di mandarli a combattere. In definitiva la Cad Goddeau può essere letta come il racconto dell’espulsione di una classe sacerdotale dell’età del Bronzo dalla sua necropoli per opera di un’alleanza tra una tribù agricola da tempo insediata in Britannia e una tribù di invasori.
    La dea bianca. Grammatica storica del mito poetico - Graves Robert - Libro - IBS - Adelphi - Collezione Il ramo d'oro
    un libro molto bello!
    vanni fucci likes this.
    ci si rivede, forse.

 

 
Pagina 22 di 30 PrimaPrima ... 12212223 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. thread unico sulla lingua sarda...storia, letteratura...
    Di Perdu nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 01-10-08, 22:31
  2. Tre alberi
    Di Colombo da Priverno nel forum Cattolici
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 28-12-06, 16:23
  3. Musica, Letteratura, Storia
    Di Danny nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 06-02-06, 21:10
  4. Gli alberi malati
    Di pensiero nel forum Energia, Ecologia e Ambiente
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-03-05, 16:39
  5. Alberi
    Di Davide (POL) nel forum ZooPOL
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 03-08-03, 11:39

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226