User Tag List

Risultati da 1 a 10 di 10
  1. #1
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Sicilia: lo scandalo "Formazione"

    Formazione, in Sicilia 46% addetti Italia

    Commissione inchiesta svela clientele, sprechi e irregolarita'

    http://www.ansa.it/web/notizie/rubri..._72796204.html

    (ANSA) - PALERMO, 1 FEB - Assunzioni pilotate da politici e burocrati, fondi pubblici assegnati a enti che in alcuni casi non hanno neppure una sede, assenza di controlli sull'efficacia dei corsi; una quantita' di personale enorme, ben il 46% del totale dei dipendenti attivi nel resto del Paese e tre volte superiore alla sola Regione Lombardia. E' il quadro della formazione professionale in Sicilia, secondo una commissione d'inchiesta incaricata dall'Assemblea regionale siciliana.

    01 febbraio 2012
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Sicilia: lo scandalo "Formazione"

    “Lo scandalo Formazione” tra clientele e docenti scarsi

    http://www.livesicilia.it/2012/02/01...la-formazione/

    Oltre diecimila dipendenti. Quasi novemila dei quali a tempo indeterminato. Più di 230 impegnati nel Prof attraverso un sistema di accreditamento “lacunoso” e provvisorio. Assunzioni effettuate da questi enti, ma in realtà guidate dalla burocrazia e dalla politica “sia a livello centrale che periferico”. La Formazione professionale siciliana passata ai “raggi x” nella relazione finale della commissione d’indagine istituita all’Ars, presieduta dal deputato Pd, Filippo Panarello.

    Un mondo, quello dei corsi di formazione, nel quale le somme destinate da parte della Regione sono, di anno in anno, cresciute a dismisura, fino a raggiungere la somma di 400 milioni di euro (escludendo le risorse comunitarie). E quando si parla di Formazione professionale, in realtà, si deve parlare, semmai, di “comparto”, comprendente anche gli sportelli funzionali e l’Obbligo formativo (Oif).

    E pochi giovamenti porterà, secondo la commissione, la scelta del governo di trasferire la spesa sul Fondo sociale europea. Questa decisione, infatti, se “salva” il bilancio della Regione “da un carico divenuto insostenibile, non elimina gli elementi di forte criticità tuttora presenti nel sistema, come dimostra la crisi del Cefop, uno dei maggiori enti di formazione operanti nella nostra Regione”.

    Un esempio delle distorsioni del sistema, viene raccontato da Filippo Panarello durante la conferenza stampa: “Già nel 2004-2005 si avvertiva il peso del personale sugli enti di formazione. Così, 1800 operatori furono spostati nei cosiddetti sportelli funzionali, dove vigevano sistemi di retribuzione più ‘elastici’. Ma invece di approfittarne per un dimagrimento del personale, quelle persone sono state semplicemente rimpiazzate da altre”. Senza tener conto, in molto casi, della preparazione di questi operatori: “Mentre quei 1800 erano quasi tutti laureati, – spiega Panarello – quelli assunti negli ultimi 5-6 anni, hanno per la maggior parte titoli di studio molto bassi”.

    Ma ecco alcuni numeri che “fotografano” le dimensioni del settore. I soggetti occupati in questo settore, suddivisi in 7227 operatori degli enti, 1835 negli sportelli e un migliaio nell’Oif, rappresentano addirittura il 46% dell’intero personale della Formazione in Italia. Insomma, la metà degli addetti alla Formazione italiana lavora in Sicilia.

    Il boom delle assunzioni riguarda il periodo che va dal 2000 al 2008 (circa il 60% dell’intero personale), con picchi tra il 2006 e il 2008. Assunzioni che, scrive la commissione, sono state “formalmente totale appannaggio degli enti di formazione, i quali hanno spesso applicato criteri non oggettivi, anche per la mancanza di regole chiare e vincolanti. Tra questi, solo uno su tre è provvisto di laurea (il 34%), mentre il 59% è in possesso di un diploma di scuola media superiore. E questi dipendenti, in molti casi, scrive la commissione, hanno lavorato in enti “privi di strutture adeguate, di esperienza e di professionalità, di esperienze e professionalità misurabili”.

    “Occorre – spiega uno dei componenti della commissione d’indagine Salvatore Giuffrida – una rivisitazione della legge 24/76 che sinora ha consentito al sistema della formazione di funzionare. Si devono, infatti, prevedere nuovi sistemi di accreditamento e di controllo sulla qualità del servizio erogato dagli enti, oltre ad uno snellimento della forza lavoro impegnata. Questo garantendo, comunque, l’occupazione di eventuali esuberi che sono vittime di un sistema sino ad ora mal gestito”.

    E tutto questo, probabilmente, concorre a un alta percentuale di abbandoni, attestatasi tra il 27% e il 31%. Insomma, le conclusioni della commissione sono nette: “E’ stato costruito – scrivono i commissari – un sistema fondato sulla crescita esponenziale della spesa pubblica, a prescindere dalle esigenze effettive dell’utenza della qualità del servizio erogato”.

    Mercoledì 1 febbraio 2012
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

  3. #3
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,050
    Mentioned
    41 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Sicilia: lo scandalo "Formazione"

    Terroni di merda.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  4. #4
    Estinto
    Data Registrazione
    28 Mar 2010
    Località
    Eurasia
    Messaggi
    9,390
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Sicilia: lo scandalo "Formazione"

    Laggiu' qualsiasi scusa è buona per rubare.
    Ultima modifica di Italiano; 01-02-12 alle 15:15
    Bisogna adattarsi al presente, anche se ci pare meglio il passato.

  5. #5
    Smoderatore
    Data Registrazione
    29 Jan 2009
    Località
    Giornalia
    Messaggi
    51,257
    Mentioned
    781 Post(s)
    Tagged
    19 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: Sicilia: lo scandalo "Formazione"

    madonna mia che schifo... paga le tasse evasore!

  6. #6
    Moderatore
    Data Registrazione
    06 Aug 2010
    Messaggi
    16,914
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Sicilia: lo scandalo "Formazione"

    Non fateli incazzare

    Con l’addio della Sicilia sarebbe invece ben altra musica. Perché Lombardo l’avrà anche sparata, ma i suoi calcoli se li deve essere fatti per bene. Pochi lo sanno, ma la Sicilia ha in mano le chiavi dell’auto italiana. Lì si raffina il 40 per cento della benzina e del gasolio utilizzati nel continente. Non solo: Lombardo è in grado di spegnere luce gas e riscaldamento in buona parte di Italia. Un po’ perché lui produce energia in sovrabbondanza e il 12% lo gira alle altre Regioni. Ma soprattutto perché in Sicilia transitano il più grande metanodotto marino italiano che trasporta 25 miliardi di metri cubi di gas e passa di lì pure il gasdotto libico che attualmente è chiuso per guerra. Se uscendo dalle pastoie legali e burocratiche che finora li hanno fermati, venissero realizzati i due rigassificatori previsti a Porto Empedocle e a Priolo, quasi la metà del metano consumato in Italia verrebbe dalla Sicilia. Insomma, prima di chiudere i ponti con una Regione così, l’Italia dovrebbe pensarci su due volte. Lombardo ieri ha spiegato che se facesse la secessione, riscuoterebbe lui in loco quelle accise sui prodotti energetici che attualmente finoscono nelle casse del Tesoro italiano. È vero. E si tratta di 10 miliardi di euro all’anno. Una somma che compenserebbe ampiamente quel che la Sicilia verrebbe a perdere staccandosi dal resto di Italia.
    :hihi:
    Hai visto mai che retrocedete ai Celtici.....
    Ultima modifica di largodipalazzo; 01-02-12 alle 16:25

  7. #7
    tra Baltico e Adige
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Località
    terra dei cachi
    Messaggi
    9,567
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Sicilia: lo scandalo "Formazione"

    Citazione Originariamente Scritto da largodipalazzo Visualizza Messaggio
    Non fateli incazzare

    Con l’addio della Sicilia sarebbe invece ben altra musica. Perché Lombardo l’avrà anche sparata, ma i suoi calcoli se li deve essere fatti per bene. Pochi lo sanno, ma la Sicilia ha in mano le chiavi dell’auto italiana. Lì si raffina il 40 per cento della benzina e del gasolio utilizzati nel continente. Non solo: Lombardo è in grado di spegnere luce gas e riscaldamento in buona parte di Italia. Un po’ perché lui produce energia in sovrabbondanza e il 12% lo gira alle altre Regioni. Ma soprattutto perché in Sicilia transitano il più grande metanodotto marino italiano che trasporta 25 miliardi di metri cubi di gas e passa di lì pure il gasdotto libico che attualmente è chiuso per guerra. Se uscendo dalle pastoie legali e burocratiche che finora li hanno fermati, venissero realizzati i due rigassificatori previsti a Porto Empedocle e a Priolo, quasi la metà del metano consumato in Italia verrebbe dalla Sicilia. Insomma, prima di chiudere i ponti con una Regione così, l’Italia dovrebbe pensarci su due volte. Lombardo ieri ha spiegato che se facesse la secessione, riscuoterebbe lui in loco quelle accise sui prodotti energetici che attualmente finoscono nelle casse del Tesoro italiano. È vero. E si tratta di 10 miliardi di euro all’anno. Una somma che compenserebbe ampiamente quel che la Sicilia verrebbe a perdere staccandosi dal resto di Italia.
    :hihi:
    Hai visto mai che retrocedete ai Celtici.....
    Ma si facciamoci ricattare allora, io sono pronto a firmare per una secessione della sicilia, anzi di tutto il sud roma compresa.



  8. #8
    Estinto
    Data Registrazione
    28 Mar 2010
    Località
    Eurasia
    Messaggi
    9,390
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Sicilia: lo scandalo "Formazione"

    Citazione Originariamente Scritto da largodipalazzo Visualizza Messaggio
    Non fateli incazzare

    Con l’addio della Sicilia sarebbe invece ben altra musica. Perché Lombardo l’avrà anche sparata, ma i suoi calcoli se li deve essere fatti per bene. Pochi lo sanno, ma la Sicilia ha in mano le chiavi dell’auto italiana. Lì si raffina il 40 per cento della benzina e del gasolio utilizzati nel continente. Non solo: Lombardo è in grado di spegnere luce gas e riscaldamento in buona parte di Italia. Un po’ perché lui produce energia in sovrabbondanza e il 12% lo gira alle altre Regioni. Ma soprattutto perché in Sicilia transitano il più grande metanodotto marino italiano che trasporta 25 miliardi di metri cubi di gas e passa di lì pure il gasdotto libico che attualmente è chiuso per guerra. Se uscendo dalle pastoie legali e burocratiche che finora li hanno fermati, venissero realizzati i due rigassificatori previsti a Porto Empedocle e a Priolo, quasi la metà del metano consumato in Italia verrebbe dalla Sicilia. Insomma, prima di chiudere i ponti con una Regione così, l’Italia dovrebbe pensarci su due volte. Lombardo ieri ha spiegato che se facesse la secessione, riscuoterebbe lui in loco quelle accise sui prodotti energetici che attualmente finoscono nelle casse del Tesoro italiano. È vero. E si tratta di 10 miliardi di euro all’anno. Una somma che compenserebbe ampiamente quel che la Sicilia verrebbe a perdere staccandosi dal resto di Italia.
    :hihi:
    Hai visto mai che retrocedete ai Celtici.....
    La Sicilia ha un residuo fiscale negativo superiore ai 20 miliardi: ovvero all'anno la Sicilia costa piu' di 20 miliardi allo stato italiano che le tasse riscosse in Sicilia, accise incluse, deve restituirle tutte per statuto regionale ed in piu' deve dargli altri 20 e piu' miliardi.

    Se la Sicilia secede lo stato italiano risparmia una mezza manovra montiana all'anno: se secedesse tutto il sud sarebbe il paradiso per il resto del paese con un risparmio di quasi 50 miliardi annui attualmente rubati a Lombardia, Veneto, Piemonte, Emilia Romagna, Lazio.
    Bisogna adattarsi al presente, anche se ci pare meglio il passato.

  9. #9
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,695
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Sicilia: lo scandalo "Formazione"

    Citazione Originariamente Scritto da largodipalazzo Visualizza Messaggio
    Non fateli incazzare

    Con l’addio della Sicilia sarebbe invece ben altra musica. Perché Lombardo l’avrà anche sparata, ma i suoi calcoli se li deve essere fatti per bene. Pochi lo sanno, ma la Sicilia ha in mano le chiavi dell’auto italiana. Lì si raffina il 40 per cento della benzina e del gasolio utilizzati nel continente. Non solo: Lombardo è in grado di spegnere luce gas e riscaldamento in buona parte di Italia. Un po’ perché lui produce energia in sovrabbondanza e il 12% lo gira alle altre Regioni. Ma soprattutto perché in Sicilia transitano il più grande metanodotto marino italiano che trasporta 25 miliardi di metri cubi di gas e passa di lì pure il gasdotto libico che attualmente è chiuso per guerra. Se uscendo dalle pastoie legali e burocratiche che finora li hanno fermati, venissero realizzati i due rigassificatori previsti a Porto Empedocle e a Priolo, quasi la metà del metano consumato in Italia verrebbe dalla Sicilia. Insomma, prima di chiudere i ponti con una Regione così, l’Italia dovrebbe pensarci su due volte. Lombardo ieri ha spiegato che se facesse la secessione, riscuoterebbe lui in loco quelle accise sui prodotti energetici che attualmente finoscono nelle casse del Tesoro italiano. È vero. E si tratta di 10 miliardi di euro all’anno. Una somma che compenserebbe ampiamente quel che la Sicilia verrebbe a perdere staccandosi dal resto di Italia.
    :hihi:
    Hai visto mai che retrocedete ai Celtici.....


    meglio retrocedere ai Celti che diventare completamente arabi come voi ...

    p.s. se potessimo tenere gli oltre 70 miliardi di Euro che inviamo al sud tutti gli anni avremmo anche i soldi per comprarci tutte le risorse necessarie ... oppure far andare le auto a barbera :gluglu: :gluglu: :gluglu:

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Sicilia: lo scandalo "Formazione"

    Se si fa un taglio alla linea gotica, la Padania risparmia, calcolando tutto, circa 200 miliardi di euro all'anno.

    Però le cifre non escono fuori tutte, sono talmente grandi che devono comunque indicare una cifra dello sfruttamento del centro-sud sulla Padania.
    E ' la grandezza della realtà che fa paura alla paritocrazia, che cerca di sminuire il vero valore del salasso.
    O si taglia o il caos

 

 

Discussioni Simili

  1. Sicilia: lo scandalo "Formazione"
    Di Bèrghem nel forum Lega
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 02-02-12, 15:44
  2. "Scandalo alla Cisl, auto di lusso con i soldi della formazione"
    Di pellizza1802 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 30-06-08, 09:00
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-07-06, 14:59
  4. Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 12-05-02, 20:44

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226