User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 22
  1. #1
    Utente cancellato
    Data Registrazione
    13 Jul 2009
    Messaggi
    5,455
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Nazione Italiana Meridionale

    1859: Il Regno di Sardegna e Piemonte travolge i ducati di Parma e Modena, la Lombardia con l'entrata delle truppe piemontesi a Milano e prossimamente deciderà di incamerare anche il Veneto sempre sotto l'Austria.
    Le truppe piemontesi sostenute da quelle francesi sconfinano con lo Stato della Chiesa il 20 luglio ed invadono la Romagna entrando a Bologna e Ravenna e conquistando facilmente poi le Marche e l'Umbria. E' siglata una seconda e simbolica "pace di Lodi" tra il governo sabaudo, quello borbonico, quello pontificio e quello toscano: tutti gli Stati italiani devono rispettare questi accordi di pace ed armonia politica per la stabilità della penisola adottando inoltre un tricolore verde, bianco e rosso con i rispettivi stemmi delle casate regnanti. Inizia l'industrializzazione e la competizione politico-economica con gli altri Stati europei.

    1860: Il Re delle Due Sicilie, Francesco II di Borbone sposato con la Regina Elisabetta di Wittelsbach il 10 aprile concedono le riforme liberali alla vista della marcia su Messina di Rosolino Pio che intende staccare la Sicilia dal regno borbonico, i suoi moti indipendentisti sono repressi ed è promulgata una Costituzione del Regno che prevede che il regno borbonico adotti il tricolore come gli altri Stati italiani con lo stemma appunto dei Borbone; elezione di un Parlamento da parte di tutti i cittadini maschi che hanno compiuto 21 anni che sappiano leggere e scrivere e slegandosi dal voto per censo; suddivisione del Regno in Campania, Abruzzi, Puglie, Calabria, Capitanata e la Sicilia è elevata a Regno e la nazione si rinomina Regno dell'Italia Meridionale e Sicilia; vengono concesse libertà di stampa ed associazione; concessione delle libertà di culto ad ebrei e protestanti; istruzione obbligatoria per tutti fino ai 10 anni; unificazione monetaria nazionale con la circolazione nel Mezzogiorno del Tornese e in Sicilia il Tarì.


    Bandiera del Regno dell'Italia Meridionale e Sicilia

    1861: Eruzione violenta del Vesuvio, la Regina Elisabetta si reca a mostrare cordoglio e sostegno umanitario alle popolazioni colpite, la monarchia borbonica guadagna grande prestigio grazie alla propria monarca germanica ritenuta una "regina borghese" idolatrata dal popolo e insofferente alle etichette di corte.

    1866: Le truppe piemontesi entrano a Venezia strappando il Veneto agli austriaci, sempre con l'aiuto di Napoleone III l'Austria è di nuovo sconfitta e deve riconoscere le conquiste territoriali sabaude che mireranno in futuro anche a prendersi parte del Friuli, l'Istria e il Trentino.

    1867: Il mazziniano Francesco Crispi il 14 agosto vede nella Regina Elisabetta o "Sissi" il vero ostacolo nell'instaurazione di una repubblica nell'Italia meridionale, opera un attentato contro di lei che però la ferisce leggermente, Crispi fugge nel Regno di Sardegna e Piemonte per non essere ucciso dalle guardie borboniche e dalla folla inferocita.

    1868: Giuseppe Garibaldi dopo aver guidato le spedizioni sabaude nel Centro Italia, intende restaurare la Repubblica Romana a distanza di vent'anni, sbarca in Lazio con un suo esercito e minaccia il Papa Pio IX e si scontra col suo esercito nei pressi di Roma. Garibaldi è catturato, processato ma riceve uno sconto della pena da parte del pontefice che lo grazia e lo espelle dallo Stato pontificio.

    1870: Nessuna guerra franco-prussiana, sopravvive il Secondo Impero Francese sempre più moderno e in fase di democratizzazione, la Prussia rimane un regno a sé rispetto al regno bavarese e alla moltitudine di Stati tedeschi ad ovest che vengono riuniti sotto i Wittelsbach a Francoforte che si allea temporaneamente col regno borbonico.

    1878: Alla conferenza di Berlino il Regno dell'Italia Meridionale e Sicilia ottiene l'Albania che viene tolta dal vassallaggio dell'Impero turco.
    Il 17 novembre l'anarchico Giovanni Passannante tenta di uccidere con un coltello Re Francesco II, ma fa cilecca, l'attentatore è condannato a morte.

    1880: Alle elezioni nel Regno borbonico si scontrano il Partito Liberale, di ispirazione anticlericale, e il Partito Conservatore, di ispirazione cattolica. C'è grande tensione politica in tutto il Mezzogiorno tra i due schieramenti.

    1881: Il 12 maggio il Regno dell'Italia Meridionale e Sicilia occupa la Libia e la Somalia (mentre il Regno di Sardegna e Piemonte ha ottenuto la Tunisia e l'Eritrea).
    Il socialista Andrea Costa fonda in Romagna il Partito Socialista Rivoluzionario Romagnolo che si batte per diffondere le idee socialiste massimaliste in tutta la penisola italiana contro le dinastie e contro il potere temporale dei papi.

    1889: Incidente di confine tra la Somalia borbonica e l'Etiopia di Menelik II che rifiuta di riconoscersi come vassallo dei Borboni.

    1893: Si incancrena la mafia in Sicilia con la sua collusione con la politica e diventa un grande ostacolo allo sviluppo dell'isola anche per la corruzione di latifondisti, mafiosi, membri del clero e la stessa monarchia borbonica.
    Muore Re Francesco II, gli succede Re Francesco III.

    1895 - 1896: I soldati borbonici penetrati nel regno di Menelik II sono sterminati, prima volta che in Africa gli africani riescano a respingere i colonizzatori europei. Il governo Chimirri si affretta a stipulare la pace con l'Etiopia riconoscendone la sovranità, questo evita altre avventure coloniali della nazione.

    1899: La Regina Elisabetta di Wittelsbach si trova sul Lago Maggiore, è pugnalata da Zihni Abas Kanina, un nazionalista albanese, che intende così colpire la famiglia regnante borbonica accusata di opprimere ed occupare l'Albania, l'attentatore è fucilato. Il Partito Nazionalista Albanese è purgato di molti suoi esponenti per il giro di vita ordinato dal Re Francesco III, molto più repressivo del padre.

    1902: Una modifica costituzionale trasforma l'Albania in un regno autonomo ma sempre dipendente da Napoli, il 28 novembre a Tirana Francesco III è proclamato solennemente oltre ad essere Re dell'Italia Meridionale e Re di Sicilia anche Re d'Albania.

    1909: Nasce il Partito Popolare dell'Italia Meridionale grazie al suo fondatore Luigi Sturzo per lasciarsi alle spalle i diverbi e le lacerazioni tra anticlericali e cattolici, per intensificare l'industrializzazione del regno borbonico e costruire maggiori infrastrutture.

    1912: Vittoria del Partito Popolare alle elezioni nel regno borbonico, nonostante le intimidazioni mafiose, diventa Primo Ministro Vincenzo Tangorra.

    1914 - 1918: La Prussia già alleata con l'Austria-Ungheria e la Svezia e la Turchia entrano in guerra contro il Regno Unito, l'Impero Francese, il Piemonte e la Russia.
    La guerra si conclude con milioni di morti, il Regno dell'Italia Meridionale, di Sicilia e Albania rimane neutrale. La Prussia è unita al Regno di Germania dei Wittelsbach eliminando gli Stati tedeschi rimanenti retti da principati o duchi, sopravvive il regno bavarese, molto isolazionista. L'Austria-Ungheria è smembrata, nascono la Jugoslavia, la Cecoslovacchia, l'Ungheria indipendente e l'Austria è ridotta ad un territorio assai piccolo retta da una repubblica federale, il Regno di Piemonte e Sardegna annette il Trentino, il Friuli e l'Istria fino a Fiume. Anche l'Impero turco si smembra e pochi anni dopo diventerà anch'esso una repubblica laica.
    In Russia la rivoluzione democratica abolisce la monarchia zarista e nasce la Repubblica Federativa Russa ed arriva l'età industriale.

    1919: Gabriele D'Annunzio fonda a Napoli i Fasci di Combattimento, movimento antisocialista e nazionalista. Il Primo Ministro Tangorra introduce il suffragio universale femminile, questa è una grande rivoluzione per la politica nel regno borbonico. Ma i fascisti ottengono a malapena un migliaio di voti nella sola provincia di Napoli.

    1920: I Fasci di Combattimento diventano partito di Michele Bianchi, ex socialista grande amico del romagnolo anticlericale Mussolini che lotta contro i governi sabaudi.

    [continua]

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    24 Jan 2010
    Messaggi
    3,184
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Nazione Italiana Meridionale

    Scenario interessante. Suggerirei alcune variazioni:


    Citazione Originariamente Scritto da Cattivo Visualizza Messaggio
    1860: Il Re delle Due Sicilie, Francesco II di Borbone sposato con la Regina Elisabetta di Wittelsbach
    Elisabetta era già sposata, dal 1854, con Francesco Giuseppe. Lascerei Maria Sofia come regina del regno meridionale.

    [...]

    1870: Nessuna guerra franco-prussiana, sopravvive il Secondo Impero Francese sempre più moderno e in fase di democratizzazione, la Prussia rimane un regno a sé rispetto al regno bavarese e alla moltitudine di Stati tedeschi ad ovest che vengono riuniti sotto i Wittelsbach a Francoforte che si allea temporaneamente col regno borbonico.
    Credo che tu non abbia tenuto sufficientemente conto delle conseguenze guerra austro-prussiana: la Confederazione Tedesca del Nord, sotto l'egida della Prussia, credo si sarebbe trasformata nell'Impero Tedesco, simile a quello storicamente esistito, ma, magari, senza il sud della Germania. Quindi, in sostanza, una Germania divisa tra Impero Tedesco da una parte e dall'altra Baviera, Baden, Wurtemberg, ed altri stati minori, che potrebbero essere spinti ad un'alleanza sotto l'egida bavarese, in funzione anti-prussiana. In un primo tempo questa Confederazione Tedesca del Sud, potrebbe aver guardato all'Austria, ma un progressivo avvicinamento tra Vienna e Berlino, potrebbe aver spinto i tedeschi del sud verso Parigi.
    1878: Alla conferenza di Berlino il Regno dell'Italia Meridionale e Sicilia ottiene l'Albania che viene tolta dal vassallaggio dell'Impero turco.
    La rivalità tra Napoli e Istanbul si può sfruttare nel caso libico e anche nella I Guerra Mondiale.
    1881: Il 12 maggio il Regno dell'Italia Meridionale e Sicilia occupa la Libia e la Somalia (mentre il Regno di Sardegna e Piemonte ha ottenuto la Tunisia e l'Eritrea).
    Non ce lo vedo il Regno Siculo-Napoletano (nome sintetco) in Somalia. Secondo me è più interessato ai Balcani ed alla Libia. Piuttosto, l'occupazione da parte del Regno d'Italia (quello del Nord) della Tunisia, potrebbe causare attriti con la Francia (la vecchia alleata di Torino (rimarrebbe la capitale?)), con un conseguente avvicinamento del Regno d'Italia alla Germania e all'Austria (anche questo, da usare nella I Guerra Mondiale).

    1914 - 1918: La Prussia già alleata con l'Austria-Ungheria e la Svezia e la Turchia entrano in guerra contro il Regno Unito, l'Impero Francese, il Piemonte e la Russia.
    La guerra si conclude con milioni di morti, il Regno dell'Italia Meridionale, di Sicilia e Albania rimane neutrale. La Prussia è unita al Regno di Germania dei Wittelsbach eliminando gli Stati tedeschi rimanenti retti da principati o duchi, sopravvive il regno bavarese, molto isolazionista. L'Austria-Ungheria è smembrata, nascono la Jugoslavia, la Cecoslovacchia, l'Ungheria indipendente e l'Austria è ridotta ad un territorio assai piccolo retta da una repubblica federale, il Regno di Piemonte e Sardegna annette il Trentino, il Friuli e l'Istria fino a Fiume. Anche l'Impero turco si smembra e pochi anni dopo diventerà anch'esso una repubblica laica.
    In Russia la rivoluzione democratica abolisce la monarchia zarista e nasce la Repubblica Federativa Russa ed arriva l'età industriale.
    Proporrei una versione modificata: allo scoppio della Guerra, l'Impero Tedesco si allea all'Austria Ungheria. Scende in campo anche l'Impero Ottomano, che spera di rifarsi delle perdite recenti. Questo proccupa Napoli che si schiera con l'Intesa. Le truppe della monarchia siculo-napoletana si battono, nei balcani, contro gli ottomani. Il Regno d'Italia, membro della Triplice Alleanza, rimane invece neutrale, in cambio della promessa viennese della cessione del trentino e di Trieste. Gli stati della Confederazione Tedesca del Sud, minacciati da Berlino, si schierano con l'Intesa, ma i loro eserciti congiunti vengono battuti dalle truppe dell'Alleanza, e le unità supertisti sono costrette a varcare il Reno e trovare rifugio in Francia. Proseguiranno la guerra battendosi sul fronte occidentale. Senza fare tutta la storia della guerra, alla fine vince l'Intesa. L'Impero austro-ungarico si sfascia. Al Regno d'Italia vengono comunque riconosciuti Trentino e Trieste. Il Regno del Sud ottiene invece una parte della penisola anatolica, ed un ingrandimento della colonia libica, nonché alcune fette di colonie tedesche. La Confederazione Tedesca del Sud è ricostituita, è allargata all'Austria tedesca, e trasformata nella Federazione Danubiana. La rivoluzione in Turchia, che porterà alla caduta della monarchia ottomana, sfoierà in guerra aperta tra greci e turchi. La vittoria di questi renderà impossibile al Regno Siculo-Napoletano occupare la parte di Anatolia concessa al tavolo della pace. I sacrifici militari porteranno quindi un assai misero guadagno, consistente in qualche kmq di deserto del Sahara e qualche altra fettina d'Africa. Si comincia a parlare di "vittoria mutilata".

    Saluti.

    Midìl
    Ultima modifica di Midìl; 04-02-12 alle 15:52

  3. #3
    Super Troll
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    53,076
    Mentioned
    1022 Post(s)
    Tagged
    42 Thread(s)

    Predefinito Re: Nazione Italiana Meridionale

    una fantastoria curiosa e interessante, chissà se Francesco II sarebe riuscito a impedire l'emigrazione di massa dei meridionali in America, anche l'America oggi avrebbe una storia diversa

    Tra Sissi e Maria Sofia non c'è molta differenza: erano sorelle, solo che Sissi era piu' pazza e ipocondriaca della sorella quindi meglio Maria Sofia

    ma alla fine i due regni, si uniscono?
    Ultima modifica di FrancoAntonio; 04-02-12 alle 15:54

  4. #4
    Utente cancellato
    Data Registrazione
    13 Jul 2009
    Messaggi
    5,455
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Nazione Italiana Meridionale

    1924: Il 28 agosto una spedizione militare borbonica, cha ha il compito di definire la linea di confine tra Grecia e Albania, viene massacrata da soldati greci: è il cosiddetto eccidio di Giannina. Michele Bianchi invia un ultimatum alla Grecia per chiedere riparazioni e, in seguito al rifiuto del governo greco, ordina alla marina borbonica di occupare l'isola di Corfù. Con questa azione, il primo ministro dell'Italia Meridionale mostra i muscoli ed ottiene, grazie alle pressioni prussiane, le riparazioni richieste in cambio dell'abbandono dell'isola occupata.
    Il 6 aprile, in un clima di pesanti intimidazioni da parte delle squadracce fasciste, si tengono in Italia Meridionale e Sicilia nuove elezioni volute da Michele Bianchi. Il cosiddetto "Listone", che comprende i Fascisti, esponenti popolari e liberali espulsi dai loro partiti e varie personalità della Destra meridionale e siciliana. Il "Listone" ottiene oltre il 65 % dei voti. La stampa denuncia i brogli, le violenze e le illegalità commesse dai fascisti, ed il 30 maggio il deputato socialista Amadeo Bordiga con un duro discorso alla Camera chiede energicamente di annullare il risultato delle elezioni. Subito dopo Bordiga dichiara ai suoi compagni di partito: "Ora potete anche prenotarmi il funerale." Il 10 giugno infatti Bordiga viene rapito e assassinato poco fuori Napoli da una truppa di squadristi fascisti guidata da Roberto Farinacci. L'evento provoca grande scalpore in tutta la nazione Meridionale, e i deputati d'opposizione decidono l'abbandono del parlamento per protesta nei confronti del delitto politico. Indicato come mandante dall'opposizione ma anche da alcuni suoi alleati, Michele Bianchi si sente chiedere da più esponenti del suo stesso partito di rassegnare le dimissioni, ma con un'abile campagna di stampa egli riesce a ritorcere le accuse contro i propri stessi accusatori, anche perchè un deputato fascista viene ucciso sulla Circumvesuviana da un giovane che dichiara di voler vendicare Bordiga.

    1925: Il 3 gennaio 1925 Michele Bianchi tiene alla Camera dei Deputati un famoso discorso in cui sfida chiunque a trascinarlo davanti ad una corte speciale per giudicarlo, se davvero lo si ritiene responsabile dell'omicidio di Bordiga, e proclama di volersi assumere ogni responsabilità storica, politica e morale del clima nel quale il delitto politico si è verificato. Subito vengono chiusi giornali d'opposizione e viene istituita la censura sulla stampa. Il filosofo siciliano Giovanni Gentile il Manifesto degli Intellettuali Fascisti, un chiaro tentativo di fondare l'ideologia fascista su basi filosofico-culturali che fin qui non possedeva, ma anche di giustificare gli atteggiamenti illiberali e violenti del partito fascista. Come tutta risposta il filosofo liberale Benedetto Croce pubblica il Manifesto degli Intellettuali Antifascisti, che riceve consensi da tutta Europa.
    Il 24 gennaio viene assassinato a Bologna Luigi Federzoni, segretario del Partito Nazionalista Sabaudo, costola locale del Partito Fascista di Michele Bianchi. Gli assassini, due militanti socialisti, sono arrestati e condannati a vent'anni, ma il Primo Ministro di Piemonte e Sardegna Giovanni Giolitti scioglie il Partito Nazionalista e lo dichiara fuorilegge.

    1926: Il Duce Michele Bianchi istituisce le Leggi Fascistissime, che prevedono il confino o il carcere per gli oppositori politici, la fine formale del regime parlamentare e l'instaurazione di un regime autoritario, la pena di morte è inasprita sebbene socialisti e liberali volessero abolirla.

    1929: Il 24 marzo si tengono in Italia Meridionale le elezioni volute da Michele Bianchi per il rinnovo della Camera dei Deputati, ma in realtà per legittimare il proprio potere assoluto. Gli elettori sono chiamati a votare "sì" o "no" per approvare un "listone" di deputati deciso dal Gran Consiglio del Fascismo; la consultazione si tiene in un clima intimidatorio, ed inoltre la scheda con il "sì" è tricolore, e quella con il "no" semplicemente bianca, rendendo così facilmente riconoscibile il voto espresso, che non è affatto segreto. I voti favorevoli al "listone" sono pari al 98,4 %, e così le elezioni-farsa, pesantemente contestate dagli antifascisti in esilio, si risolvono in un plebiscito a favore di Bianchi.

    Adolf Hitler, imbianchino austriaco e poi tentato pittore bocciato all'Accademia delle Belle Arti di Vienna, tenta di organizzare un partito nazionalista dei lavoratori austriaci nel 1923 volendo ricostituire l'Impero austriaco in grado di poter rivaleggiare in Europa unificando le popolazioni germaniche, ma i vincitori finanziano la lotta contro questo partito, e gli stessi connazionali ripudiano il passato Impero asburgico, e il partito di Hitler riceve sempre pochi voti, ma nel 1927 il Partito Nazionalsocialista Imperiale Austriaco viene posto fuorilegge e Hitler incarcerato, qui si renderà conto dei suoi errori, di quanto marcio ci sia nell'ideologia che ha professato per le sue frustrazioni, sfortune ed infelicità. In questo anno esce di prigione, diventa molto famoso in tutta Europa come uno dei primi disegnatori di fumetti, sposa una ragazza ebrea viennese e scrive romanzi pulp. I soggetti che predilige sono a sfondo horror, ed i personaggi da lui creati sono tenebrosi vendicatori che si aggirano di notte per le buie strade di una città immaginaria, Ariania (una sorta di Sin City ante litteram), facendo giustizia sommaria dei cattivi e dei prepotenti. Con Hitler il fumetto si trasforma in fenomeno di costume, sostituendo le vecchie storie a vignette con didascalie in rima, ed egli, trovando sfogo alla propria paranoia in quel mondo immaginario, e fa soldi a palate.

    [Continua]

  5. #5
    Utente cancellato
    Data Registrazione
    13 Jul 2009
    Messaggi
    5,455
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Nazione Italiana Meridionale

    1933: Carlo Rosselli, convinto antifascista, offre ospitalità ad oppositori di Michele Bianchi in fuga dal regime fascista dell'Italia Meridionale, tra cui Gaetano Salvemini e Francesco Saverio Nitti. Ciò provoca l'irritazione del Duce, che protesta ufficialmente con Pio XI. Il Papa, che nel suo animo detesta il dittatore campano, ufficialmente deplora la politica di Rosselli, ma sottobanco la approva e sostiene il Partito Popolare in esilio.
    Nel frattempo il Regno dell'Italia Meridionale è oppresso dalla censura, dalle leggi marziali e dalla repressione di manifestazioni operaie a causa della Grande Depressione. I rapporti tra Michele Bianchi e gli Stati Uniti sono ottimi, specie perché prima del regime fascista milioni di emigranti erano andati in America, ora più che mai anche per via del regime totalitario.

    1934: Il 5 dicembre avviene l'incidente di Ual Ual: a causa del fatto che i confini tra Etiopia e Somalia borbonica non sono stati tracciati con precisione, 1500 soldati abissini aggrediscono una postazione militare borbonica di confine, uccidendo 80 militari su 200: i rapporti tra Italia Meridionale ed Abissinia, da tempo non facili, si fanno tesissimi. Il fatto è che il Negus Hailè Selassiè vuole aprirsi uno sbocco al mare ai danni dell'Eritrea e della Somalia, mentre il Duce Michele Bianchi vuole usare una guerra imperialista per distrarre l'opinione pubblica dalla crisi economica interna e per creare nuovi posti di lavoro nelle colonie, il governo del Regno di Sardegna e Piemonte vorrebbe trattare diplomaticamente con gli abissini, ma Torino e Napoli arrivano ai ferri corti.

    1935 - 1936: Il 2 ottobre 100.000 soldati borbonici varcano il confine tra la Somalia e l'Etiopia ed occupano Axum, la capitale religiosa del paese, poi bombardano la popolazione di Addis Abeba con gas chimici entrandovici facilmente per vendicare i morti del 1896, l'Etiopia diventa una colonia di Napoli, il negus fugge in Kenya protetto dagli inglesi, il Re Francesco III di Borbone di Italia Meridionale, Sicilia e Albania diventa Imperatore d'Etiopia o Africa Orientale Borbonica (Abissinia+Somalia).
    Il Duce Michele Bianchi comincia a stringere rapporti amichevoli e di intesa con Josif Stalin, un esponente georgiano della Chiesa ortodossa russa, che è entrato in politica e intende vendicare la sconfitta della Russia nella Prima guerra mondiale ed invadere l'Europa orientale e costituire un nuovo ordine imperiale e religioso perseguitando ebrei e musulmani; ed è stato eletto Presidente della Repubblica Federativa Russa nel 1934.

  6. #6
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    27 Aug 2010
    Messaggi
    15,123
    Mentioned
    577 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Re: Nazione Italiana Meridionale

    se 100 mila "duosiciliani" vanno a invadere l'Africa non oso immaginare quanto spendessero in armamenti (per mantenere un esercito che nella realtà valeva meno di niente)
    La regina Sofia era certo di facili costumi, ma con quel marito imbecille che aveva (Lasagna, come lo chiamava il padre) che forse non ha mai scopato neppure a pagamento faceva bene a riempirlo di corna.
    Certo, non era rozza come quella troia di Elena di Montenegro , ma Sofia aaveva una di buono che manteneva gente che contestava i saboia e avrebbe pagato Bresci per eliminare quel merdone di Umberto I.
    Per il resto per fortuna che ando' come ando', che il regno delle Due Sicilie e' sparito assieme ai borboni!

  7. #7
    Super Troll
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    53,076
    Mentioned
    1022 Post(s)
    Tagged
    42 Thread(s)

    Predefinito Re: Nazione Italiana Meridionale

    Michele Bianchi duce? Era un personaggio tisico e malaticcio, non so se avrebbe avuto l'energia per reggere delle responsabilità al vertice del governo, infatti mori' all'inizio del 1930, fece appena in tempo a essere nominato ministro nel settembre 1929 e a fare un giro trionfale nella sua Calabria prima di socombere alla grave malattia che lo minava
    Ultima modifica di FrancoAntonio; 05-02-12 alle 14:22

  8. #8
    Super Troll
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    53,076
    Mentioned
    1022 Post(s)
    Tagged
    42 Thread(s)

    Predefinito Re: Nazione Italiana Meridionale

    Citazione Originariamente Scritto da l'inquirente Visualizza Messaggio
    se 100 mila "duosiciliani" vanno a invadere l'Africa non oso immaginare quanto spendessero in armamenti (per mantenere un esercito che nella realtà valeva meno di niente)
    La regina Sofia era certo di facili costumi, ma con quel marito imbecille che aveva (Lasagna, come lo chiamava il padre) che forse non ha mai scopato neppure a pagamento faceva bene a riempirlo di corna.
    Certo, non era rozza come quella troia di Elena di Montenegro , ma Sofia aaveva una di buono che manteneva gente che contestava i saboia e avrebbe pagato Bresci per eliminare quel merdone di Umberto I.
    Per il resto per fortuna che ando' come ando', che il regno delle Due Sicilie e' sparito assieme ai borboni!
    ma come ti permetti di parlare cosi'? Re Francesco II aveva perso la madre alla nascita aveva un problema al prepurzio, una fimosi che piu' tardi venne operata, inoltre aveva fin da giovane un forte diabete che all'epoca si curava male e che lo porto' alla morte ancora giovane e che forse spiega l'impotenza
    Poi sul fatto che Elena di Savoia era di facili costumi chi te lo ha detto radiomerda?
    ma ce la fai a cercare di essere un minimo obbiettivo e a giustificare certi comportamenti?

    Qualche attenuante
    Ultima modifica di FrancoAntonio; 05-02-12 alle 14:27

  9. #9
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    27 Aug 2010
    Messaggi
    15,123
    Mentioned
    577 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Re: Nazione Italiana Meridionale

    Citazione Originariamente Scritto da Candido Visualizza Messaggio
    ma come ti permetti di parlare cosi'? Re Francesco II aveva perso la madre alla nascita aveva un problema al prepurzio, una fimosi che piu' tardi venne operata, inoltre aveva fin da giovane un forte diabete che all'epoca si curava male e che lo porto' alla morte ancora giovane e che forse spiega l'impotenza
    Poi sul fatto che Elena di Savoia era di facili costumi chi te lo ha detto radiomerda?
    ma ce la fai a cercare di essere un minimo obbiettivo e a giustificare certi comportamenti?

    Qualche attenuante

    Poverino, pensa che i suoi sudditi per mantenere lui e la sua dinastia (e poi i nuovi parassiti venuti dal Piemonte) stavano nella miseria , nella fame e nella totale ignoranza. a quei tempi era frequente che la madre morisse di parto, immagino il dramma dei poveracci che la moglie partoriva e lasciava nella fame 3.4 o piu figli. Di buono hanno solo aiutato a eliminare Umberto I, un essere immondo che pure i vermi si saranno rifiutati di mangiarlo! Che Elena cornificasse era comprensibile e giustificabile (con quello sgorbio di marito, che al massimo poteva cavalcare i pony), di storie ne girarono parecchie e ti consiglio di leggerti le "Spie del Fascismo" (credo di Canali) dove scoprirari tante cosine sui tuoi padroni compresi interi capitoli sul culattone di Cascais (tra l'altro negli anni 60 lo operarono pure al culo. Tumore o candida?)

  10. #10
    Estinto
    Data Registrazione
    28 Mar 2010
    Località
    Eurasia
    Messaggi
    9,390
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Nazione Italiana Meridionale

    Adolf Hitler non e' diventato nazionalista austriaco nella nostra linea temporale e non vedo perche' dovrebbe diventarlo in questa: l'Austria post-asburgica era troppo piccola e debole per le sue ambizioni imperiali.
    Bisogna adattarsi al presente, anche se ci pare meglio il passato.

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Nazione, Socialismo nazionale, Fascismo nella cultura meridionale
    Di Johann von Leers nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 27-02-11, 17:55
  2. La Nazione Meridionale
    Di legio_taurinensis nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 39
    Ultimo Messaggio: 08-11-07, 19:29
  3. Come vi immaginate la Nazione Meridionale, domani?
    Di legio_taurinensis nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 08-11-07, 10:31
  4. Repubblica Italiana ? ... e Sardegna Nazione
    Di tziu_mebi nel forum Repubblicani
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 24-10-07, 19:04
  5. Ausonia, Enotria, Magna Grecia...La Nazione Meridionale.
    Di legio_taurinensis nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 24-04-04, 15:39

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226